Articoli filtrati per data: Ottobre 2018

Chieti. Stefano D'Orazio presenterà il suo nuovo libro "Non mi sposerò mai!" al The Hostel di Chieti Scalo (Viale Unità d’Italia, 551) sabato 3 novembre.

Sarà una lunga serata che comincerà dalle 19:30 con la presentazione del libro per poi proseguire con la cena e firmacopie.

La presentazione del libro "Non mi sposerò mai!" sarà seguita dal concerto degli Opera Seconda, Tribute Band dei Pooh selezionata da Red Canzian per il Pooh Tribute Band Project, che chiuderà il tour 2018 salutando il proprio pubblico e coronando un tour ricco di soddisfazioni che ha toccato diverse località del centro sud Italia. Sarà solo un arrivederci in vista del tour 2019 durante il quale la band festeggerà i primi dieci anni di attività con uno spettacolo completamente rinnovato nella scenografia e nel repertorio.
Modererà l’incontro il giornalista Piero Vittoria.
L’evento è organizzato da The Hostel & Opera Seconda in collaborazione con Music Force, Città della Musica e Principi Strumenti Musicali.

Il libro di Stefano D’Orazio Non mi sposerò mai! ovvero Come organizzare il matrimonio perfetto senza avere alcuna voglia di sposarsi, edito da Baldini+Castoldi, uscito lo scorso 20 settembre, continua ad avere un grande successo e va in ristampa per la Terza Edizione, un testo esilarante in cui Stefano racconta come ha affrontato tutti i preparativi per arrivare al fatidico giorno del sì.

Dopo il grande successo della sua autobiografia Confesso che ho stonato. Una vita da Pooh D’Orazio torna su un nuovo episodio della sua vita, quello che nessuno si sarebbe mai aspettato: il suo matrimonio. A un anno esatto dal “grande evento”, ha deciso di raccontare questa sua esperienza a tutti gli scapoli incalliti e ai dubbiosi che, in un momento di cedimento, hanno infine capitolato.

Con la brillantezza e l’autoironia che contraddistinguono la sua scrittura, il libro inizia dal momento della proposta di matrimonio, attraverso un racconto in cui si gioca a dare consigli su come affrontare qualsiasi tipo di criticità durante l’organizzazione partendo dalla propria diretta esperienza personale.

Dal matrimonio in mondovisione dei reali d’Inghilterra, alle partecipazioni della figlia della portinaia, dalla lista di nozze dell’elettrauto, ai pollici alzati su Facebook dei cognati della collega d’ufficio in luna di miele alle Maldive, ogni occasione macchiata di bianco è buona per tornare all’attacco: «Ma li hai visti quanto sono belli? Ma guarda che bel vestito, io impazzirei! E alla fine anche loro si sono sposati … Secondo me hanno fatto la cosa giusta, non tanto per loro quanto per il bambino … Certo che i matrimoni sono sempre emozionanti … Magari una cosa ristretta a pochi amici … Tanto per far sapere che tra noi c’è qualcosa di importante … Ma a te non piacerebbe?»
Aridaje!
Questo fuoco incrociato tra «commento disinteressato» e «chi ha orecchie per intendere intenda» ha preceduto diversi «buonanotte» nei miei anni di convivenza con Tiziana, colei che sarebbe diventata mia moglie. E, anche se a metà di questi romantici pipponi fingevo di addormentarmi, non nego che goccia dopo goccia mi si è scavato dentro un qualche dubbio: ma che diritto ho di non rendere felice fino in fondo la mia compagna, dal momento che la sua felicità, a quanto pare, passa attraverso le fedi nuziali?

Insomma, con questo andazzo sono riuscito ad arrancare per anni, fino alla data fatidica di una notte di inizio estate, quella in cui ho abdicato ai miei convincimenti (…)
In quello che può essere letto anche come un "antimanuale" di wedding planning, D’Orazio risponde, con il suo inconfondibile stile, alle domande più frequenti:

Come gestire gli invitati che si detestano perché per tutta la vita si sono dati battaglia nelle hit parade?
Come scegliere il fotografo giusto evitando i paparazzi?
Come fare in modo che i tacchi 12 delle invitate non affondino nel prato di una cerimonia all’aperto?
Come permettere a una famosa presentatrice di arrivare in tempo per fare da testimone allo sposo, quando dovrebbe essere contemporaneamente in diretta tv?

Qualsiasi dubbio o incertezza in queste pagine troverà una risposta, perché l’autore ha provato tutto su se stesso uscendone miracolosamente illeso e ora vuole condividerlo con i suoi affezionati lettori.

«Non mi sposerò mai! Me lo sono ripetuto per tutta la vita, sin da quando ero ragazzino. Ogni volta che si sfiorava l’argomento matrimonio, o che qualcuno nella mia cerchia di conoscenti minacciava di sposarsi, o che mi sentivo rivolgere domande del tipo “Ma non hai mai pensato di mettere la testa a posto?”, il mio mantra era puntualmente lo stesso: “Non mi sposerò MAI”.» E a questo mantra Stefano D’Orazio si è tenuto stretto con tutte le forze, mentre attorno a lui amici e compagni cadevano vittima uno dopo l’altro del «sacro vincolo» (e gli altri Pooh si sposavano due o tre volte ciascuno). Ma nella vita di ogni uomo, si sa, c’è una donna destinata a fargli perdere completamente la testa e a rivoltargli l’esistenza come un calzino. E così, dopo soli dieci anni di convivenza, in una notte sconsiderata di inizio estate ‒ e in diretta televisiva dall’Arena di Verona, Stefano è arrivato a formulare la fatidica proposta alla sua amata Tiziana. E vissero felici e contenti?
No, questo è solo l’inizio della nostra storia. Perché al giorno d’oggi mettere in piedi un matrimonio è più impegnativo che preparava un tour di cinquanta concerti negli stadi.
I futuri sposi vengono risucchiati in un girone dantesco popolato da Wedding Planner e Flower Stylist, Manager dal sangue blu e Hostess svampite. Da questa esperienza Stefano è uscito più saggio, più sfinito e soprattutto più sposato: essendo sopravvissuto per raccontarcela, condivide con i fan che lo seguono da sempre e con gli sventurati che hanno in mente di sposarsi tutti i trucchi e i segreti per organizzare il «giorno più bello» senza avere una crisi di nervi e senza desiderare di uccidersi a vicenda. Un anti-manuale ironico, irriverente e sincero come il suo autore, ma in fondo anche una storia d’amore: perché pure sotto la scorza del più duro dei batteristi batte un cuore.

Stefano D’Orazio, (Roma, 1948) batterista, cantante, autore, editore e manager dei Pooh. Con la band scrive oltre 40 anni di storia della musica italiana e raggiunge con i suoi tre straordinari compagni di viaggio successi e record difficilmente eguagliabili: 15 dischi d’oro, 46 dischi di platino, 23 milioni di album venduti, 350 canzoni incise e 3500 concerti. Nel 2009 esce dal gruppo e intraprende una nuova carriera solista di autore e produttore di Musical che lo porta a grandi successi nazionali e internazionali. Nel 2016 festeggia con i Pooh i 50 anni di attività con una “reunion” ed è di nuovo Sold-Out: 50 concerti per oltre 400.000 spettatori e un triplo Cd live numero uno nelle classifiche di vendita. Dopo il successo della sua autobiografia: “Confesso che ho stonato” nel 2017 “inopinatamente” si sposa e da quell’evento nasce questa sua nuova esperienza editoriale: l’esilarante “Non mi sposerò mai”.

Programma dell’evento del 3 novembre al The Hostel:
-19:30 inizio presentazione libro “Non mi sposerò mai!”
-21:00 inizio cena + foto e firma copie
-23:00 inizio concerto degli Opera Seconda

Prezzi:
30 € fronte palco
28 € altri settori del locale

Per info e prenotazioni: 3662378411

Pubblicato in Cultura e eventi

Francavilla al Mare. Ieri sera, a Francavilla, si è svolto il quarto incontro del Segretario del Pd Abruzzo Renzo Di Sabatino con i segretari di circolo abruzzesi. In particolare, dopo aver incontrato gli esponenti dei circoli di Pescara il 15 ottobre scorso nella sala Berlinguer, essersi recato ad Avezzano, il 20 ottobre, per confrontarsi con gli iscritti della Provincia dell’Aquila, e aver dialogato con i presidenti delle sezioni teramane lo scorso 23 ottobre, ieri sera Di Sabatino ha avuto l’occasione di ascoltare le istanze e le proposte che arrivano dal territorio del Sangro Aventino e del Chietino-Ortonese.

“Ripartire dai circoli per progettare il futuro e riavvicinare i territori al nostro partito è l’obiettivo che mi sono prefissato appena nominato Segretario regionale – spiega Di Sabatino -. Perciò, come prima cosa, ho fortemente voluto incontrare i segretari e gli iscritti ai circoli delle province abruzzesi. Insieme abbiamo analizzato le problematiche che attanagliano i nostri Comuni, stilato le priorità di intervento e ribadito la necessità di ripartire dal basso, assicurando un maggior coinvolgimento ai cittadini e ampliand il processo democratico.

Incontri costruttivi e proficui – continua Di Sabatino – che rappresentano un’ottima base su cui poggiare le fondamenta della prossima conferenza programmatica, che si svolgerà il 24 novembre all’Aurum di Pescara. Dopo l’esperienza di Atessa, abbiamo deciso di replicare l’evento, che stavolta, però, durerà solo un giorno. Ma anche stavolta, però, non mancherà il coinvolgimento e la partecipazione di esponenti della cultura abruzzese, imprenditori, associazioni, sindacati, per una giornata tutta dedicata al dibattito e al confronto con i cittadini. Un’occasione di incontro e dibattito, dunque, durante la quale, siamo certi, ci sarà modo per scrivere insieme e rilanciare un progetto politico alternativo al sovranismo e al populismo dell’attuale governo”.

Pubblicato in Politica

Chieti. Il 1° novembre i Come ci Pare, Tris/buto a Fabi Silvestri e Gazzè, tornano live a Chieti Scalo nello scenario unico dello Stammtisch Tavern (inizio ore 22.00).

I Come ci Pare presentano così il loro concerto:

"Siamo molto felici di tornare a suonare in un locale come lo Stammtisch che consideriamo uno dei migliori live club abruzzesi, nonché quasi una seconda casa.
Sappiamo che tantissimi estimatori di Silvestri, Gazzè e Fabi della zona volevano di nuovo vederci suonare e siamo sicuri di aver scelto la location più adatta per questo nostro ritorno.
Le aspettative sono ancora una volta molto alte, ma questo ci dà tanta carica per fare del nostro meglio. Siamo liberi ed incoscienti quindi possiamo fare serenamente … Come Ci Pare!".

I Come ci Pare nascono a fine 2017 dall'idea di Simone Flammini di tributare quelli che considera i migliori cantautori italiani della nostra generazione, Daniele Silvestri, Max Gazzè e Niccolò Fabi. Raduna attorno a sé quattro amici di lunga data, anch'essi fan dei tre cantautori, e si chiudono in sala prove per qualche mese con l'intento di costruire uno show in cui si alternino senza sosta momenti elettrici ed acustici, scegliendo i migliori arrangiamenti live dei brani più famosi dei tre, senza dimenticare alcune chicche per i fan più sfegatati, e curando particolarmente gli arrangiamenti vocali con cinque voci soliste.
Il 16 febbraio 2018 esordiscono ufficialmente con un live al Soulkitchen di Sulmona che ottiene un ottimo riscontro da parte del pubblico.
Tornano ora dal vivo dopo il successo dei loro concerti in giro nei migliori locali della zona per una serata che di preannuncia speciale allo Stammtisch Tavern.

La line-up dei Come ci Pare comprende:
Simone "Flammen" Flammini: Voce e Chitarra
"Leja": Voce e Chitarra
"Pollicino": Voce e Basso
"Il Bomber": Voce e Tastiere
"Charlie": Voce e Batteria


“Come ci Pare in concerto allo Stammtisch Tavern (Viale Unità d’Italia, 645 Chieti Scalo)
1° novembre 2018
Info e prenotazioni: 0871. 577171 – 342.0704408 (anche whatsapp)

Pubblicato in Cultura e eventi

Castelvecchio Subequo. Grande commozione ha suscitato, fra parenti e numerosi amici, la scomparsa improvvisa a 73 anni, di Enrico Acconcia, a seguito di una caduta accidentale - nel suo rustico di Francavilla - risultata fatale. I funerali di sono svolti nel suo paese nativo a Castelvecchio Subequo, martedì 30 ottobre, sebbene fosse residente a Pescara. Dipendente in pensione dell'Università D'Annunzio, era molto legato alla Valle Subequana, dove curava diversi interessi e iniziative culturali, sin da giovane età. Poteva essere considerato un'istituzione, grazie al suo carisma; un animatore culturale della comunità locale, dalle attività teatrali, corali, musicali, artistiche, al presepe vivente ed al Museo delle memorie della Valle Subequana, ubicato in un'antica palazzina del centro storico, resa inagibile dal sisma del 2009.
Lascia la moglie Anna e tre figli, Francesco, ufficiale degli Alpini coniugato con prole, Fabrizio e Maria Gabriella, il fratello Daniele e la sorella Mirella. Diceva spesso che quel frutteto con casetta a Francavilla con vista mare era il suo angolo di Paradiso, ma il destino beffardo proprio lì gli ha causato la sua fine.
La cerimonia religiosa è stata animata dal coro alpino "Peppino Romano" di Pescara, nel quale Enrico, negli ultimi anni cantava. Dopo il saluto del sindaco Pietro Salutari, che ha ricordato le grandi doti umane, la sicurezza che gli dava nell'organizzare i vari eventi pubblici ed il grande vuoto che ha lasciato, per l'ultimo saluto, a voci riunite, tutti insieme con i componenti dei vari cori di Castelvecchio Subequo, si è cantato il brano "Signore Delle Cime" di De Marzi. Il grande artista veneto, ricordiamo, proprio a Castelvecchio, nell'edizione 2017, ha ricevuto il Premio nazionale "Padre Mario", alla carriera dei direttori di coro.

 

Pubblicato in Cronaca
Mercoledì, 31 Ottobre 2018 00:00

Team Ma. G. di Pescara conquista allori nel Kart

Pescara. Il karting è una specialità dello sport motoristico; si corre con piccoli veicoli a quattro ruote, costantemente in contatto con il suolo, delle quali due si assicurano la direzione e due la propulsione, e con un motore a combustione interna. Nelle gare che si svolgono in Italia sono ammessi tutti i piloti senza alcuna limitazione, divisi in base alla cilindrata del mezzo e alla loro età.

50cc Puffo, 50cc Easy, 50cc Top Comer

Anni: 5-8

60cc Baby, 60cc S.Baby

Anni: 8-10

60cc Mini, 60cc S.Mini

Anni: 9-13

100cc Unica

Anni: >13

125cc TAG X30

Anni: >13

125cc TAG

Anni: >13

125cc S.TAG

Anni: >14

125cc Over 35

Anni: >35

125cc Top Driver

Anni: >14

125cc Rookie

Anni: >14

125cc Patenti Speciali

Anni: >14

Recentemente si è concluso il campionato UPN ENDAS U.M.A.(Umbria, Marche, Molise e Abruzzo) articolato in 8 tappe : pista dell'Adriatico di Cappelle sul Tavo PE, La Maddalena di Magliano de' Marsi AQ, Paradiso di Santa Maria del Molise IS, pista La Mola di Rieti, pista Cogiskart di Corridonia MC, pista Cavalletto di Ocre AQ, pista Holykart di Badia Sulmona AQ. Tra numerosi team partecipanti, si è distinto il Ma. G. Red Racing Team di Pescara, che ha portato a casa vittorie importanti.

A testimoniarlo sono anche le classifiche individuali che lo vedono protagonisti in base al punteggio:

Lorenzo D'AMICO

2° CLASSIFICATO 50 TOP COMER

 

THE FLASH Mattia BUCCI

1° CLASSIFICATO 60 S.MINI

 

Simone PANICO

1° CLASSIFICATO 125 S.TAG

 

Stefano CALISTA

1° CLASSIFICATO 125 TAG

 

Daniele MARINUCCI

2° CLASSIFICATO 125 TAG

 

Lorenzo PARENTE

3° CLASSIFICATO 125 TAG

 

Fabrizio TROISI

2° CLASSIFICATO 125 ROOKIE

 

Fabio MARINUCCI

3° CLASSIFICATO 125 ROOKIE

 

Federico FIDANZA

4° CLASSIFICATO 125 ROOKIE

 

Daniele BUONPENSIERE

2° CLASSIFICATO 125 TOP DRIVER

 

CALIMERO 21 Pierluigi TROISI

6° CLASSIFICATO 125 TOP DRIVER

 

Il team ha conquistato grandi successi anche nella Queen Cup Race 2018, manifestazione ENDAS Karting valevole per il titolo italiano svoltasi a Corridonia, con la classifica seguente:

THE FLASH Mattia BUCCI 2° CLASSIFICATO 60 S.MINI

 

Stefano CALISTA 1° CLASSIFICATO 125 TAG

 

Daniele MARINUCCI 2° CLASSIFICATO 125 TAG

 

Lorenzo PARENTE 3° CLASSIFICATO 125 TAG

 

Fabrizio TROISI 1° CLASSIFICATO 125 ROOKIE

 

Maurizio Buonpensiere, detto "il puffo", componente di spicco il team supportato direttamente dalla casa madre di telai BirelArt, a proposito, svela il segreto di questo successo senza trascurare di parlare dei programmi per il prossimo campionato.

- Com'è nato il nome Ma. G. Red?

"Il nome nasce dalla grande amicizia tra me e Graziano ( Tiberi ndc) che prosegue da oltre 20 anni. <<Ma>> sta per Maurizio, <<G>> per Graziano e <<Red>> per il colore dei nostri fantastici mezzi."

- Un campionato indubbiamente avvincente ma, qual è stata la gara preferita?

"La sfida più divertente ed emozionante è stata proprio l'ultima che si è tenuta alla pista Holykart di Badia Sulmona perché i piloti hanno dato più che potevano e hanno tirato fuori il loro carattere, dato che era l'ultima tappa del campionato e le classifiche erano già ben definite."

- Dopo la vittoria di un pilota che emozione prevale?

"Prima di tutto l'adrenalina ti invade dalla testa ai piedi, facendoti venire la pelle d'oca. In quel momento abbiamo solo voglia di urlare e festeggiare i nostri piloti."

- Quanto è importante la disciplina in questo sport?

"La disciplina è la cosa fondamentale, prima di tutto il resto. Essa prima va insegnata e i piloti devono a ogni costo impararla. Vedere questi bambini e ragazzi avere la disciplina del karting nel sangue, che la recepiscono dai genitori, dai meccanici e dagli altri piloti del Team, rende orgoglioso ognuno di noi. La cosa strabiliante è vederli crescere e maturare giorno per giorno."

- Per il prossimo campionato cambierà qualcosa?

"Dipende dal campionato e dalle categorie che si affronteranno. Se qualche pilota cambierà categoria, lo aiuteremo a imparare il più in fretta possibile, altrimenti cercheremo di riconfermare il buon lavoro di quest'anno, ma con qualche accorgimento."

-Quali sono le tre parole che descrivono meglio il Ma.G.Red Racing Team?

"Siamo Tutti Forti, oppure, Immagine, Performance e Bellezza del nostro operato Ringrazio, per questo, tutto lo staff Ma.G.Red, i piloti, i meccanici, Andrea Giacobbi, membro rilevante della BirelArt e Antonio Faieta per il supporto motoristico”.

Pubblicato in Sport

Pescara. "La Regione Abruzzo con due delibere, la DGR.543/2018 e la 657/2018, ha inopinatamente aperto al pascolo vastissime aree coperte da boschi, compresi molti Siti di Interesse Comunitario, dove da decenni questa pratica era in generale vietata per ovvie ragioni ambientali e anche forestali ed agronomiche.
Solo esplicite autorizzazioni preventive, con pianificazione e attente valutazioni di dettaglio, potevano consentire l'accesso agli animali domestici, come previsto dall'Art.42 della Legge forestale regionale 3/2014.
Infatti il contesto ambientale è completamente diverso rispetto alle praterie e cavalli, capre, pecore e vacche possono incidere gravemente sia sull'erosione del suolo, in genere scoperto, del bosco attraverso il calpestio sia sulla flora del sottobosco, spesso composta da specie rarissime (basterà ricordare l'orchidea Scarpetta di Venere simbolo delle faggete del Parco Nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise).
La SOA il 27 settembre scorso ha fatto richiesta di accesso agli atti all'Assessorato Agricoltura ma ad oggi, scaduti i 30 giorni di legge, non è pervenuta alcuna risposta. Pertanto l'associazione ha diffidato la Regione a procedere immediatamente, altrimenti dovrà presentare un esposto in Procura.
Quali sono le ragioni di questa scelta fatta senza Valutazione di Incidenza e senza considerare in alcun modo il potenziale danno alla biodiversità della regione?
C'entrano per caso i fondi europei, come sono stati spesi e i controlli AGEA sui pascoli assegnati negli anni scorsi?". Si legge così in una nota della Stazione Ornitologica Abruzzese ONLUS.

Pubblicato in Politica
Mercoledì, 31 Ottobre 2018 00:00

Tango, nuovo stage di Pablo Veron a Pescara

Pescara. Nuovo stage della leggenda del tango, Pablo Veron, che torna a Pescara per un evento a cura di Avalon progetto tango. Unica data in Abruzzo, il 24 e 25 novembre prossimi, per due giorni di tango argentino per tutti i livelli. Sede dello stage, gli spazi del magazine Vario in via Puccini a Pescara. 



Parte fondamentale della storia del tango, ballerino di raro talento e sensibilità artistica, ha portato nel mondo l’essenza del tango argentino creando uno stile unico e inconfondibile fra passione, carisma, precisione e limpida tecnica, frutto della congiunzione tra tradizione e innovazione del tango. Per studiare con lui non solo i passi ma le dinamiche energetiche che danno vita al ballo e che resteranno patrimonio personale nel tempo.



La proposta didattica. Lo stage prevede due classi, A e B, aperte a tutti i livelli, poiché tematiche e non distinte in base agli anni di pratica, e una masterclass riservata a professionisti e esperti. Per la classe: “Intenzione e direzione. Allineamento corpo-mente nei movimenti del tango”, sabato 24 novembre dalle 17 alle 20. Per la classe B: “Linee e spirali nel tango. Dialogo tra energia femminile e maschile”, domenica 25 novembre dalle 15 alle 18. La masterclass riservata a professionisti ed esperti, si svolge sabato dalle 15,15 alle 16,45. Per info e prenotazioni: Silvia Torrieri, tel. 3497328773.

Pubblicato in Cultura e eventi

Chieti. A confermare la grande territorialità dell’Europa Ovini Chieti, un altro importante partner della zona teatina si unisce al progetto portato avanti dal presidente Gabriele Marchesani: l’agenzia Generali Italia di Chieti Scalo, gestita da Stefano De Camillis e Riccardo Paciocco. I due agenti generali sono i leader di una squadra composta da 22 persone tra dipendenti di Agenzia e collaboratori commerciali, per offrire un servizio efficiente e sempre più vicino alle esigenze della clientela.

La grande famiglia degli sponsor dell’Europa Ovini Cheti diventa così ancora più legata al proprio territorio, come sottolinea il presidente Gabriele Marchesani: “Ringrazio Stefano De Camillis e Riccardo Paciocco per la grande fiducia, ma soprattutto sono felice del fatto che tante aziende del territorio abbiano deciso di dare il proprio contributo per la crescita della nostra realtà. Sapere che la città è vicina alla squadra aiuterà sicuramente i nostri ragazzi a ben figurare”.

Pubblicato in Sport

Pescara. Garantire la continuità dei processi di ricostruzione della città dell'Aquila e di tutti i comuni del Cratere sismico abruzzese del 2009 deve essere una prerogativa di qualsiasi governo si trovi alla conduzione del Paese”.

Lo sostiene Fabrizio Di Stefano, stamane a L’Aquila.

“Sono ancora molti - ha affermato Di Stefano - i disagi sociali, logistici ed economici che vivono i cittadini colpiti da questa grande catastrofe e uno stallo nei processi ricostruttivi, che verrebbe a crearsi se il governo non sciogliesse immediatamente i nodi legati all’avvicendamento dei vertici apicali politici e gestionali delle strutture tecniche di missione, andrebbe ad aggravare in modo esponenziale questi problemi”.

“È necessario nominare, puntando al merito, sia il responsabile USRA per il cratere della città dell’Aquila, che USRC per i comuni del cratere sismico- questo il pressante invito di Fabrizio Di Stefano - e identificare immediatamente una figura politica che seguirà questi territori. E’ arrivato il momento di fare uno scatto di responsabilità, lo si chiede a questo governo appellandoci a una attenzione maggiore verso tutti i territori colpiti dal sisma 2009 e che vedono davanti a sé ancora molti anni di ricostruzione da affrontare”.

Pubblicato in Politica

Milano. Turkish Airlines dà il benvenuto alla nuova era dell’aviazione turca con l’apertura dell’Istanbul New Airport. Il più grande hub al mondo sarà la “casa” della compagnia aerea di bandiera della Turchia e posizionerà Istanbul quale centro globale per aviazione e turismo. Grazie alla sua strategica ubicazione tra oriente e occidente, questo innovativo aeroporto offre grande potenziale a Turkish Airlines e all’industria globale dell’aviazione in quanto sarà in grado di accogliere 200 milioni di passeggeri all’anno a lavori completati.

In occasione del 95° anniversario dalla proclamazione della Repubblica di Turchia, il 29 ottobre, durante la cerimonia di apertura presieduta dal Presidente della Repubblica di Turchia Recep Tayyip Erdoğan, è stato svelato il nome del tanto atteso aeroporto: “Istanbul Airport”. Ai passeggeri dei primi voli Turkish Airlines operati in occasione della celebrazione sono stati consegnati dei biglietti aerei commemorativi. L’apertura del nuovo hub, insieme al dinamismo e all’energia di Turkish Airlines, condurrà il vettore verso una nuova era. Dal 29 ottobre, data ufficiale di apertura, Turkish Airlines opererà dal nuovo aeroporto un numero limato di rotte domestiche e internazionali, mantenendo inalterata tutta l’attuale programmazione dei voli dall’aeroporto di Istanbul Atatürk. Fino al 30 dicembre saranno effettuati dall’Istanbul New Airport nuovi voli aggiuntivi per Ankara, Antalya, Smirne, Azerbaijan (Baku) ed Ercan. In base all’attuale planning, il 31 dicembre saranno trasferite dall’aeroporto Atatürk tutte le operazioni, e a partire da quella data, tutti i voli saranno operati dall’Istanbul New Airport.

In qualità di compagnia aerea che vola verso più Paesi rispetto a ogni altro vettore, Turkish Airlines sarà in grado di aumentare la capacità di estensione del proprio network e le opportunità di nuove rotte e orari, grazie a una maggiore disponibilità di slot, consentendo la crescita del traffico passeggeri e cargo. I passeggeri potranno beneficiare di un’esperienza di viaggio completamente ridefinita in questo terminal “creato da zero”, superbamente strutturato, e dotato delle ultime tecnologie e innovazioni.

Il mega-progetto prevede quattro fasi, delle quali l’ultima sarà completata nel 2028. Complessivamente occuperà un’area di 76.5km2 e disporrà di sei piste, quattro terminal e 233 aree parcheggio per gli aeromobili. Il nuovo aeroporto movimenterà fino a 200 milioni di passeggeri all’anno con oltre 500 desk per il check-in e 225.000 dipendenti. Al completamento della fase finale, l’hub, il più ampio a livello internazionale, metterà a disposizione anche spazi per uffici, residenze, hotel, un centro medico, edifici per arte e cultura, un centro commerciale, outlet di lusso, un centro congressuale EXPO e strutture per incontri e formazione.

Alla cerimonia di apertura, M. İlker Aycı, Chairman of the Board and the Executive Committee of Turkish Airlines ha commentato: “Con il trasferimento verso il nuovo Istanbul Airport, Turkish Airlines inizia oggi un nuovo entusiasmante capitolo. Il nuovo hub della nostra compagnia aerea di bandiera ricopre un ruolo importante nella strategia di crescita futura di Turkish Airlines e offrirà un’esperienza continua ai nostri passeggeri sia internazionali sia nazionali.”

Pubblicato in Cronaca
Pagina 1 di 91

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Notizie Recenti

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione