Articoli filtrati per data: Venerdì, 11 Maggio 2018

Pescara. Nel giro di poco tempo ci sarà una guardia giurata armata a presidiare gli uffici dei Servizi Sociali del Comune di Pescara negli orari di apertura al pubblico per questioni di sicurezza.

Questa quanto emerso mercoledì scorso al termine della riunione congiunta, convocata su richiesta del consigliere comunale Massimiliano Pignoli, delle Commissioni Politiche Sociali e Ordine Pubblico, presiedute rispettivamente da Antonio Natarelli e Piernicola Teodoro.

È stato dato mandato a Natarelli di scrivere una lettera al dirigente delle Politiche Sociali, Marco Molisani, che è anche responsabile della guardiania del Comune, per allargare il contratto in essere con l'agenzia di sicurezza privata per far dislocare una guardia giurata armata ai Servizi Sociali negli orari di apertura al pubblico ovvero dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle 12 e il martedì e il giovedì anche dalle 15 alle 17.

«Questa decisione», spiega Pignoli, «scaturisce dai momenti di tensione tra le persone disperate e gli operatori del Servizio Sociale, con le prime che spesso sono andate in escandescenze di fronte al minimo rifiuto nelle ultime settimane mettendo a rischio l'incolumità dei dipendenti pubblici».

Pubblicato in Politica

Sambuceto. Eddy Farias vola dal Manchester City: non si tratta di una bomba di mercato, ma quanto appena fatto dall’allenatore del Sambuceto Calcio. Fresco di conferma ufficiale sulla panchina viola anche per la prossima stagione in Eccellenza, l’allenatore è infatti volato oltremanica per quella che egli stesso ha definito come una “vacanza-studio” alla corte di Pep Guardiola e della Manchester sponda City.
Grazie all’amicizia che lo lega a Manel Estiarte, icona della pallanuoto in attività, e poi diventato storico assistente di Guardiola (con il quale collabora attualmente al City), mister Farias ha avuto l’opportunità sia di assistere a due incontri di campionato casalinghi dei “citizens” (contro Huddersfield e Brighton), che di presenziare direttamente alla preparazione della squadra campione d’Inghilterra durante gli allenamenti. «Avevo programmato questa visita a ottobre scorso con l’amico Estiarte, al quale avevo anche preannunciato che il suo City avrebbe vinto “a mani basse” la Premier League quest’anno, così come effettivamente poi è avvenuto. Oltre a vedere gli ultimi due incontri disputati dalla squadra, ho avuto l’opportunità di fare visita alla “cittadella” del City durante gli allenamenti, e ho potuto ammirare l’organizzazione nei minimi dettagli». E su ciò che ha potuto notare alla corte di Guardiola ed Estiarte, mister Farias non ha dubbi: «Ho avuto il piacere di vedere dal vivo quella che rappresenta allo stesso tempo una filosofia all’estrema professionalità unita alla grande semplicità, e devo dire che la realtà dei fatti al City è realmente come me la aspettavo prima di arrivare». Entusiasta il giudizio dell’allenatore del Sambuceto anche sulle persone che ha incontrato, e in particolare Estiarte (sportivo storicamente legato all’Abruzzo e a Pescara) e, ovviamente, il “padre” del tiki-taka, Guardiola: «Guardiola ed Estiarte, come tutti i grandi campioni di sport, sono dotati di grande personalità. E nonostante avessero tutte le carte in regola per elevarsi su un piedistallo, si sono invece mostrati super disponibili e soprattutto aperti al dialogo e prodighi di consigli. Non posso dire altro che grazie sia a Pep che a Estiarte perché danno i consigli giusti per arrivare al massimo». Ma cosa resterà in mister Farias di questi giorni vissuti a Manchester? «È stata un’esperienza indimenticabile anche per capire tutto ciò che ruota intorno a questa realtà. Potrei dire che per me si è trattato di un “aggiornamento professionale”». L’ultima battuta di mister Eddy Farias è dedicata al “fantamercato”: «Mercoledì a Manchester contro il Brighton ho visto l’emozionante addio al City di Yaya Touré. E dato che ero lì, posso dire che (mettendosi a ridere, ndr) sto facendo di tutto per portarlo a Sambuceto».

Pubblicato in Sport

Chieti. Il Ministero dello Sviluppo Economico emette oggi 11 maggio un francobollo ordinario, appartenente alla serie tematica “il Patrimonio artistico e culturale italiano” dedicato al Teatro Marrucino in Chieti, nel bicentenario dell’inaugurazione.

Il francobollo è stampato dall’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato S.p.A., in rotocalcografia, su carta bianca, patinata neutra, autoadesiva, non fluorescente. Bozzetto a cura del Centro Filatelico della Direzione Officina Carte Valori e Produzioni Tradizionali dell’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato S.p.A. La vignetta raffigura le balconate e il palcoscenico del Teatro Marrucino, con il sontuoso sipario raffigurante l’opera del pittore napoletano Giovanni Ponticelli “Il trionfo sui Dalmati Partini di Asinio Pollione”.

Completano il francobollo la leggenda “BICENTENARIO INAUGURAZIONE TEATRO MARRUCINO CHIETI”, la scritta “ITALIA” e il valore “€ 0,95”. L’ufficio postale di Chieti Centro utilizzerà eccezionalmente, il giorno successivo all’emissione, l’annullo primo giorno in quanto chiuso per festività patronali. L’annullo primo giorno di emissione è disponibile presso il Teatro Marrucino. Il francobollo ed i prodotti filatelici correlati, cartoline, tessere e bollettino illustrativo, possono essere acquistati presso gli Uffici Postali con sportello filatelico, gli “Spazio Filatelia” di Firenze, Genova, Milano, Napoli, Roma, Roma 1, Torino, Trieste, Venezia, Verona e sul sito poste.it. Per l’occasione è stato realizzato anche un folder in formato A4 a due ante contenente il francobollo, una cartolina e la busta primo giorno di emissione al costo di 12€.

Pubblicato in Cultura e eventi

Roseto degli Abruzzi. A seguito delle segnalazioni dei cittadini, CasaPound Italia interviene in merito alle anomalie e i problemi connessi ai lavori per la nuova pista ciclabile, con pavimentazione montata al contrario e barriere architettoniche che impediscono a mamme con la carrozzina e alle persone diversamente abili di accedere ad alcuni chalet.

“Quanto sta accadendo nei lavori di costruzione della nuova pista ciclabile di Roseto è del tutto inaccettabile – afferma Roberto Monardi, responsabile provinciale di Teramo per CasaPound Italia- ​ ​pavimentazione montata al contrario, con la parte antiscivolo che poggia a terra, e barriere architettoniche che impediscono alle mamme con la carrozzina e alle persone diversamente abili di accedere ad alcuni chalet. E non è tutto: pare che agli operai sia stato fatto notare l’errore e che tuttavia, non avendo sufficiente tempo a disposizione, abbiano continuato a montare nel verso sbagliato. Tutto ciò risulta ancora più ingiustificabile alla luce del fatto che i lavori avrebbero dovuto permettere alla zona in questione di cambiare totalmente faccia, con grandi vantaggi per le attività commerciali e per la viabilità in generale”.

“Non intendiamo sopportare queste situazioni, - conclude ​Monardi​ - non possiamo permettere che passino inosservate o, peggio, sottovalutate visti i grandi disagi che creano a scapito dei grandi vantaggi inizialmente previsti. È per questo che come CasaPound continueremo a essere presenti con i nostri gazebo sul lungomare per raccogliere le istanze e le varie proposte dei cittadini di Roseto, al fine di porre fine a questi scempi.”

Pubblicato in Politica
Venerdì, 11 Maggio 2018 00:00

Pescara, Gianni Oliva al Mediamuseum

Pescara. Lunedì 14 maggio alle ore 17,30 presso il Mediamuseum di Piazza Alessandrini a Pescara sarà presentato il libro di Gianni Oliva D’Annunzio, Tra le più moderne vicende, edito da Bruno Mondadori (2018).

Sono previsti interventi di

MARIO CIMINI

ANDREA LOMBARDINILO

LUCIANA PASQUINI

Sarà presente l’autore.

Introdurrà Dante Marianacci, presidente del Centro Nazionale di Studi Dannunziani.

Nella ricorrenza degli 80 anni dalla morte di D’Annunzio si ripropone il tema sempre più pressante della sua attualità, del suo rapporto con la modernità. Il libro di Gianni Oliva entra nel cuore del problema e conferma l’idea di un intellettuale profondamente in sintonia con la contemporaneità, di cui raccoglie e utilizza tutti gli stimoli possibili. D’Annunzio dunque fu l’interprete autentico del proprio tempo, nell’entusiasmo per la tecnologia (per l’automobile e l’aereo), per i mezzi di comunicazione più immediati (il giornalismo, le interviste), per la grande editoria e la distribuzione del libro, per il linguaggio dello sport. Tutto questo in nome di una società che non dimentica la dimensione della bellezza, la visione estetica dell’esperienza.

Ingresso libero

Pubblicato in Cultura e eventi

Montesilvano. "Questa mattina campeggia sulla pagina Facebook del Comune di Montesilvano https://www.facebook.com/ComuneMontesilvano/ una bella foto con la delegazione dei cittadini della città tedesca di Lahnstein in visita alla nostra città, c’è anche il sindaco Francesco Maragno. La didascalia riporta 'È un legame sempre più stretto tra Montesilvano e Lahnstein, la città tedesca sulle sponde della Moselle. Una delegazione è in visita in città' ”.

Si legge così in una nota di Corrado Di Sante di Rifondazione Comunista, che aggiunge: "Peccato che la città di Lahnstein si trovi alla confluenza del fiume Lahn con il fiume Reno. La Mosella (francese Moselle, tedesco Mosel, lussemburghese Musel) è da un’altra parte. È la solita sciatteria di questa amministrazione comunale. Il rispetto per gli ospiti, meriterebbe maggior attenzione soprattutto nella comunicazione, a maggior ragione se istituzionale. Ennesima brutta figura e non è la prima volta. Complimenti vivissimi! Per chi volesse conoscere la città di Lahnstein, qui un video promozionale dell’ufficio turismo della cittadina tedesca in lingua Italiana. https://youtu.be/A5QNOT40ZZA. È consigliata la visione al sindaco e ai consiglieri comunali. Sulle pagine del sito del comune di Montesilvano dove possiamo trovare un video promozionale tradotto per i potenziali turisti? Sul sito www.comune.montesilvano.pe.it non c’è neppure una pagina, un link dedicato alle informazioni turistiche, in compenso abbiamo la bandiera verde e l’abbiamo regalata anche ai 136 comuni premiati!".

Pubblicato in Politica

Chieti. L’Ordine degli infermieri e l’Ordine dei medici della provincia di Chieti non hanno intenzione di lasciare solo alcun collega. Infermieri e medici non sono e non devono diventare bersagli sui quali riversare rabbia e frustrazione causate da inefficienze del sistema. Gli operatori sanitari, in particolare gli infermieri e i medici, sono professionisti alleati dei cittadini e devono essere messi nelle condizioni di poter lavorare in sicurezza e tranquillità.

Sono sempre più frequenti e sempre più preoccupanti gli episodi di violenza ai danni dei professionisti sanitari, l’ultimo quello verificatosi ieri nel Pronto soccorso dell’Ospedale “SS. Annunziata” di Chieti che ha visto coinvolti due Infermieri. Il presidente dell’Ordine degli Infermieri della provincia di Chieti, Giancarlo Cicolini, esprime la massima solidarietà alle colleghe vittime di questa aggressione e sollecita interventi di prevenzione degli episodi di violenza a danno degli operatori sanitari. “Le istituzioni competenti identifichino i fattori di rischio per la sicurezza del personale – chiede Cicolini - e pongano in essere le strategie organizzative, strutturali e tecnologiche più opportune. E’ ben noto - afferma Cicolini - che in ambito sanitario e sociosanitario le aggressioni fisiche hanno raggiunto rispettivamente il 48% e il 27% degli operatori, in modo particolare nei servizi di emergenza-urgenza e nelle strutture psichiatriche, ma non vanno trascurati gli insulti e le minacce che, in maniera trasversale, raggiungono tra l'82% e il 64% degli operatori. È un tema che deve diventare di assoluta priorità di tutte le organizzazioni perché a pagare disservizi e condizioni inadeguate per un'assistenza degna di questo nome non siano i professionisti di prima linea”.

Il presidente dell’Ordine dei medici della provincia di Chieti, Ezio Casale, sollecita la Asl ad attivare in tempi rapidi interventi strutturali per il Pronto soccorso del “SS. Annunziata”, in modo da “migliorare le condizioni di sicurezza e di lavoro degli operatori e garantire un’accoglienza dignitosa ed efficiente per i pazienti. Serve un posto fisso di Polizia attivo 24 ore su 24 – afferma Casale – e, in ogni caso, un servizio di vigilanza costante all’interno del Pronto soccorso. Va rafforzata la dotazione di personale, soprattutto nei momenti di maggiore afflusso. L’area per il triage va adeguata, dedicando un apposito locale che garantisca il rispetto della privacy delle persone”.

“Già dal novembre 2007 - ricorda Casale - il Ministero della Salute ha inviato a tutte le Regioni la Raccomandazione n. 8 che sollecitava interventi di prevenzione degli atti di violenza a danno degli operatori sanitari. Nulla o quasi, però, sembra sia stato fatto in tutti questi anni nella nostra regione, né presso i presidi ospedalieri dei Pronto soccorso né presso le sedi di guardia medica. Oltre a denunciare quest’inerzia delle istituzioni sanitarie nella messa in sicurezza delle strutture e del personale che vi opera, che stride molto invece con l’efficienza dimostrata quando si tratta di imporre sanzioni, come nel recente caso che vede coinvolti i medici di continuità assistenziale, le riterremo moralmente responsabili di ogni ulteriore atto di violenza che malauguratamente dovesse verificarsi nei confronti del personale sanitario.”

Le federazioni nazionali degli Ordini degli infermieri e dei medici da alcuni anni stanno monitorando il fenomeno al tavolo dell’Osservatorio per la sicurezza e la prevenzione della violenza sugli operatori sanitari, istituito presso il Ministero della Salute: si evidenziano ancora, in alcuni casi, la totale assenza di segnalazione, mentre alcune realtà sanitarie si caratterizzano per un’attenzione mirata solo verso specifici eventi sentinella (ad esempio suicidio, cadute, atti di violenza a danno di operatore).

La prevenzione degli episodi di violenza a danno degli operatori sanitari richiede che l’organizzazione sanitaria identifichi i fattori di rischio per la sicurezza del personale e ponga in essere le strategie organizzative, strutturali e tecnologiche più opportune, diffonda una politica di tolleranza zero verso atti di violenza nei servizi sanitari, incoraggi il personale a segnalare prontamente gli episodi subiti e a suggerire le misure per ridurre o eliminare i rischi e faciliti il coordinamento con le Forze dell’ordine o altri soggetti che possano fornire un valido supporto per identificare le strategie atte a eliminare o ad attenuare la violenza nei servizi sanitari.

Pubblicato in Cronaca

Teramo. Maggio sarà un mese fitto di appuntamenti per chi non vorrà perdere i concerti di fine anno scolastico degli alunni del Liceo Musicale “M. Delfico” di Teramo.

I ragazzi si esibiranno sia come solisti che in piccole formazioni da camera in un repertorio che comprenderà brani di autori tra i più significativi dei diversi periodi storici.

Non perdete l’occasione di passare una gradevole serata incoraggiando e sostenendo coloro che sognano di diventare i musicisti professionisti di domani e che ogni giorno, grazie anche ai nostri valenti professori, si impegnano perché il sogno si realizzi.

Tutti i concerti avranno inzio alle ore 17.45 nell’Aula Magna del Liceo “M. Delfico”:

Lunedì 14 maggio alunni di Flauto e Violino (Professori L. Libbi e M. Di Gennaro)
Martedì 15 maggio alunni di Canto (Professori C. Casillo e E. Di Giovannantonio)
Mercoledì 16 maggio alunni di Chitarra Pianoforte e Organo (Professori F. Fortunato, E.Palladini e R. La Chioma)
Martedi 22 maggio alunni di Sassofono, Percussioni e Tromba (Professori G. Caporale, G. Di Iorio e G. Mascitti)
Mercoledì 23 maggio alunni di Pianoforte, Oboe e Violoncello (Professori F. Giallonardo,Di Ilio e T. De Flavis)
Giovedì 24 maggio alunni di Chitarra e Pianoforte (Professori D. Giancristofaro e A. Barone)
Venerdì 25 Maggio alunni di Pianoforte e Violino (Professori A. Barone e I. Tella)

Pubblicato in Cultura e eventi

L'Aquila. Il Direttore di ACS Abruzzo Circuito Spettacolo Eleonora Coccagna ha partecipato ieri mattina alla conferenza stampa di presentazione della seconda edizione del Focus dedicato ai giovani coreografi del Mediterraneo e Medio Oriente atto a favorire la conoscenza e lo scambio di pratiche performative tra gli artisti stranieri e le realtà del territorio italiano legate al mondo della danza.

Presentato ufficialmente a Roma, presso il Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Dipartimento dello spettacolo dal vivo che, insieme ai locali Istituti Italiani di Cultura dei Paesi coinvolti, ne riconosce l’alto valore artistico, il progetto nasce dalla condivisione di intenti di alcune tra le più significative strutture italiane dedite alla danza contemporanea tra le quali ACS Abruzzo Circuito Spettacolo, e ospiterà fino a settembre performance e workshop in ben quattordici festival italiani compreso Corpografie programmato da ACS a settembre 2018 a Pescara con la direzione artistica della coreografa Anouscka Brodacz.

Presenti in conferenza stampa Donatella Ferrante e Alessandro Pontremoli per il MiBACT e il delegato dell’Ambasciata di Francia.

Focus Young Mediterranean And Middle East Choreographers - che per l’edizione 2018 accorperà tre nuove compagini -amplia così la propria dimensione geografica e la propria azione di mobilità artistica e dialogo interculturale invitando, da Torino a Catania, passando per Pescara artisti provenienti da contesti complessi quali la Siria e l’Iran, oltre a Marocco, Tunisia, Libano, Egitto e Italia.

Pubblicato in Cultura e eventi

Milano. Il Centro Diagnostico Italiano seguirà per il secondo anno la carovana del 101° Giro d’Italia con il "Giro della salute": dall’8 al 27 maggio un camper del CDI, adibito a poliambulatorio, offrirà la possibilità di eseguire gratuitamente il test salivare a risposta rapida per la diagnosi dell’epatite C (HCV) e la misurazione su sangue capillare dell’emoglobina glicata per lo screening del diabete, e della coagulazione per la diagnosi dei disturbi dell’emostasi.

 

Di seguito l’indicazione del luogo e degli orari in cui sarà accessibile al pubblico il camper del Centro Diagnostico Italiano:

 

Martedì 15 maggio: Penne (PE), circonvallazione Aldo Moro, 81 - dalle ore 7.40 alle 11.30 (partenza)

Secondo i dati dell’Associazione EpaC sono almeno 300.000 in Italia i pazienti portatori cronici del virus dell’epatite C, a questi si deve aggiungere il “sommerso” ovvero la quota di malattia non diagnosticata per assenza di sintomatologia clinica evidente o di diagnosi comprovata. Sono invece il 5,3% dell’intera popolazione, ovvero oltre 3 milioni e 200mila, le persone ad essere affette da diabete.[1]

 

La rinnovata partnership con il Giro d’Italia porterà il poliambulatorio mobile del Centro Diagnostico Italiano a realizzare il “Giro della salute”: attraversando piccoli e grandi centri in tutta Italia, CDI seguirà 18 tappe in 11 regioni - Sicilia, Calabria, Campania, Abruzzo, Umbria, Emilia Romagna, Friuli, Trentino Alto Adige, Lombardia, Piemonte e Lazio – dando il suo contributo alla sfida lanciata dal Ministero della Salute per l’eradicazione dell’epatite C. Alcuni dati dimostrano infatti l’importanza della prevenzione e di una diagnosi precoce di questa patologia che, in virtù del “sommerso”, ovvero i casi non diagnosticati, è spesso difficile tenere sotto controllo.

 

Fulvio Ferrara, direttore del servizio integrato di medicina di laboratorio e anatomia patologica del Centro Diagnostico Italiano, dichiara: “Grazie alla collaborazione con il Giro d’Italia, il Centro Diagnostico Italiano continua il suo impegno per mettere al centro la prevenzione. Il 'Giro della salute' è una campagna di prevenzione e sensibilizzazione ‘on the road’ iniziata da tempo e che proseguirà in ulteriori occasioni nel corso dell’anno e che ci spinge ad avvicinarci alla popolazione per offrire un contributo significativo e concreto in un’ottica di strategia preventiva di tutela della salute. Nel 2017 abbiamo eseguito il test per l’emoglobina glicata su un totale di 445 soggetti di cui 235 di sesso maschile e 210 di sesso femminile. Di questi oltre il 14% aveva valori superiori alla norma, con uno sbilanciamento per il genere maschile (88%). Non solo, in quasi il 35% dei soggetti sono stati riscontrati valori di glicata compresi tra 5.5 e 5.8% molto vicini alla soglia critica del 6%, un dato importante per far capire alla popolazione quanto l’adozione di stili di vita salutari come la pratica sportiva possa essere il viatico per non superare quella soglia critica che potrebbe portare a incorrere in problemi più grandi. Questa è quindi una delle ragioni che, data l’esperienza dello scorso anno, ci ha convinto ad estendere per tutte le tappe in cui saremo presenti anche il test dell’emoglobina glicata”.

 

Lo scorso anno, in occasione della 100esima edizione del Giro d’Italia, il camper del “Giro della Salute” ha percorso circa 2.500 km e seguito 14 tappe della manifestazione, ha attraversato 9 regioni (Sardegna, Sicilia, Calabria, Puglia, Umbria, Toscana, Emilia Romagna, Lombardia, Veneto) effettuando oltre 1.500 test per diagnosi rapida dell’epatite C, del diabete e della coagulazione del sangue.

 

Il Centro Diagnostico Italiano è fornitore ufficiale del Giro d’Italia 2018 e il suo logo comparirà sulle divise del personale sanitario e sulle auto mediche che supporteranno i ciclisti durante la manifestazione.

 

Il diabete e l’epatite in Abruzzo

Secondo i dati Istat in Abruzzo i diabetici sono quasi 77.000: il 5,8% della popolazione.

Per quanto riguarda l’epatite C non esiste un registro ufficiale regionale per l’Abruzzo ma una pubblicazione di EpaC Onlus stima che in tutta Italia vi siano 300.000 persone infettate dal virus.

 

Test sulla saliva per la diagnosi dell’epatite C

Questo esame consiste in un semplice prelievo salivare che permette di individuare il virus dell’epatite C, chiamato HCV. Richiede un digiuno assoluto di almeno trenta minuti e offre una risposta in soli venti minuti; in caso di positività, i partecipanti all’iniziativa saranno indirizzati presso le strutture sanitarie competenti del territorio. Le cause principali della diffusione del virus dell’epatite C, oltre ai rapporti sessuali non protetti, sono le infezioni contratte per inadeguata sterilizzazione e per carenza d’igiene: piercing, tatuaggi, trattamenti estetici o un semplice intervento dal dentista in condizioni di rischio si possono trasformare in possibili occasioni di contagio. Dai 130 ai 210 milioni d’individui nel mondo presentano un’infezione cronica da virus dell’Epatite C tuttavia non è possibile definire un numero preciso; anche l’Organizzazione Mondiale della Sanità è in grado di fornire solo stime di prevalenza dell’infezione. I dati relativi all’Europa occidentale indicano che circa lo 0,4-3% della popolazione a rischio è portatrice di infezione da HCV non diagnosticata.

 

 

Misurazione dell’emoglobina glicata nel sangue

È un test importante per il monitoraggio dello zucchero nel sangue attraverso un prelievo capillare (puntura sul dito): quando vi si accumula troppo glucosio, infatti, le proteine e in particolare l’emoglobina tendono a modificarsi legandosi a una molecola di zucchero.

Il test per l’emoglobina glicata è utilizzato per la diagnosi e il monitoraggio del diabete. L’emoglobina glicata è infatti espressione della glicemia media nel lungo periodo, non di un singolo momento, non è pertanto soggetta a variazioni acute (come l'alimentazione del giorno precedente o lo stress da esame) e non necessita quindi di un preventivo digiuno di almeno otto ore. Prima del prelievo di sangue, dunque, il paziente rimane libero di mangiare e bere secondo le proprie abitudini.

 

Test sulla coagulazione

Si tratta di un test su sangue capillare che permette di analizzare il meccanismo della coagulazione e la presenza di disturbi dell’emostasi: il processo che l’organismo utilizza per la formazione di coaguli di sangue utili a fermare il sanguinamento. Il test del tempo di tromboplastina parziale (PTT) congiuntamente al test del tempo di protrombina (PT) determinano che tutte le componenti del processo emostatico funzionino correttamente e siano presenti in quantità sufficiente per la normale formazione del coagulo.

 

 

Centro Diagnostico Italiano (CDI)

Il Centro Diagnostico Italiano è una struttura sanitaria a servizio completo orientata alla prevenzione, diagnosi e cura in regime ambulatoriale, di day hospital e day surgery nata a Milano nel 1975.

È presente sul territorio lombardo attraverso un network di 23 strutture, collocate a Milano, Corsico, Rho, Legnano, Cernusco sul Naviglio, Corteolona, Pavia e Varese. E’ certificata ISO9000 e dal 2006 la sede principale di via Saint Bon di Milano è accreditata dalla Joint Commission International.

CDI è accreditato con il SSN per le aree di laboratorio, imaging, medicina nucleare, radioterapia e visite specialistiche ambulatoriali. Dispone di un’area privata e di un’area a servizio delle aziende.

Pubblicato in Sport
Pagina 1 di 2

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione