Articoli filtrati per data: Sabato, 05 Maggio 2018

Pescara. “Cinque incontri con diversi autori per scoprire il loro mondo e stimolare il piacere della lettura nei ragazzi. Prenderà il via martedì prossimo, 8 maggio, la prima edizione del ‘Maggio degli Autori’ promossa dall’Istituto Alberghiero Ipssar ‘De Cecco’ e che impegnerà cinque diversi luoghi della città, per aprire la scuola al territorio. Obiettivo dell’iniziativa è non solo quello di incentivare la creatività, la fantasia dei nostri studenti, ma anche quello di approfondire e ampliare i loro orizzonti, al fine di fornire loro gli strumenti più adeguati per affrontare i cambiamenti paradigmatici della nostra società, ovvero aiutarli a potenziare le sempre più elevate competenze richieste dalle professioni della ristorazione, della ricezione alberghiera e del turismo”. Lo ha detto la dirigente dell’Istituto Alberghiero Ipssar ‘De Cecco’ di Pescara, Alessandra Di Pietro, ufficializzando i cinque appuntamenti con il ‘Maggio degli Autori’, dall’8 al 15 maggio prossimi.
“Per stimolare il piacere della lettura nei nostri ragazzi occorre prima di tutto che vengano in contatto con i libri, meglio se si tratta di un contatto guidato, e, in tal senso, assistere alla presentazione di un libro e incontrare gli scrittori è l’esperienza ottimale – ha spiegato la dirigente Di Pietro -. Ma innanzitutto occorre promuovere la lettura per la sua grande capacità di evocare emozioni, di mantenere le persone in contatto con gli altri, di farci comprendere meglio la realtà, di stimolare la mente, la memoria, la fantasia. Il libro è un mondo vasto, non solo è uno strumento di arricchimento personale ma può anche diventare una professione, per questo abbiamo voluto organizzare incontri non solo con gli autori ma anche con illustratori, editor, esperti di comunicazione, traduttori, editori. L'incontro con l'autore, pensato come momento significativo di un percorso di educazione alla lettura, è sicuramente il mezzo più efficace per avvicinare i ragazzi ai libri e farli loro apprezzare e la possibilità di interloquire con la persona che ha effettivamente pensato e scritto le storie contenute, è un'esperienza difficilmente sostituibile con altre iniziative di promozione alla lettura. L’incontro con lo scrittore genera attesa, aspettative, affettività verso i libri e le storie. Il nostro obiettivo finale è il potenziamento della preparazione culturale degli studenti per consentire loro di acquisire una formazione qualitativamente d’eccellenza che determini il loro miglior inserimento nel mondo del lavoro. La creatività, che solo la lettura può sollecitare, è fondamentale per aiutare i nostri ragazzi ad affrontare anche i momenti di crisi, i periodi professionalmente difficili, donando loro quella duttilità, quella poliedricità e quella capacità di adattamento essenziale per fronteggiare i cambiamenti sociali”.
Il primo appuntamento in calendario si svolgerà martedì 8 maggio, alle 9.30, al Mediamuseum, per l’incontro con due scrittori, Tino Di Ciccio, autore di ‘Avrei dovuto amare di più’, e Simone Di Plinio, autore de ‘La mia MelaMarcia’. “Per l’occasione – ha ripreso la dirigente Di Pietro – avremo anche la prima edizione del Premio letterario ‘Calici d’Autore’, punto d’arrivo dei laboratori di lettura promossi nel corso dell’anno dalla docente Laura Intilangelo, e i laboratori di scrittura creativa del professor Roberto Melchiorre. E infatti avremo anche la premiazione degli elaborati degli studenti dell’Istituto Alberghiero, esaminati da una giuria presieduta dal Direttore artistico Massimo Pamio, con la presenza di Elisabetta Filograsso”. Mercoledì 9 maggio secondo appuntamento, alle 17.30, all’Aurum, per l’incontro con Gino Primavera e Nunzio Di Paolo, autori di ‘Bevo la foglia’, iniziativa promossa con l’Equilibrium Academy, e saranno presenti Manuela Corneli, Consigliere nazionale dell’Associazione Nazionale Sommelier, Roberto Casaccia, biologo e nutrizionista, Antonio Tavano, direttore della Casa Editrice Carsa, evento che si concluderà con il Flair Bartending Masterclass con Andrea Messina. Giovedì 10 maggio terzo appuntamento, nei Laboratori dell’Ipssar in via Tirino, per la presentazione del volume ‘Estratti di frutta e verdura perle 4 stagioni’ con Ilaria Marini, Responsabile di un’Associazione agroalimentare bio e sostenibile, e Maria Pina Rosato, referente del progetto Bioalimentiamoci. Nell’occasione ci sarà la presentazione di un Biomenù preparato dagli studenti delle classi terze, indirizzo enogastronomia. Venerdì 11 maggio, quarto appuntamento, con l’incontro, nell’Aula Magna di via dei Sabini, con il docente e autore Roberto Melchiorre per la presentazione del libro ‘Il ragazzo di Capaci’, alla presenza di Ilaria Filograsso, docente dell’Università ‘d’Annunzio’. Ultimo appuntamento martedì 15 maggio, nella Sala dei Marmi della Provincia di Pescara, per l’incontro con l’autore Luca Romani e il romanzo ‘Il tempo degli ultimi Corsari’, con il Presidente della Provincia di Pescara Antonio Di Marco, Arianna Di Tommaso, Segretaria regionale Caffè Letterari d’Italia e d’Europa, e dell’editore Leo Nodari.

Pubblicato in Cultura e eventi

Pescara. Quale sarà il futuro di Pescara e del suo commercio? A giudicare dalle iniziative della classe politica di destra e di sinistra, la città si appresta a divenire lo spettro di se stessa, con i negozi che, sempre più numerosi, abbassano le saracinesche per chiudere definitivamente o trasformarsi in garage, spazi divenuti ormai più preziosi delle vetrine commerciali che, invece, per anni hanno caratterizzato l’economia e la fisionomia della nostra città.

Ma c’è un caso che sta facendo scuola, in negativo. Un caso politico, imprenditoriale, normativo che martedì “sosterrà l’esame di maturità”, quando in Consiglio comunale si dovrà votare il progetto per la realizzazione di un supermercato in via Bologna, in deroga alle norme edilizie e sul commercio.

<Purtroppo sembra che per questa iniziativa privata> commenta la consigliera M5s Erika Alessandrini <le norme che valgono per tutti gli altri verranno disapplicate, alla faccia di quanto continua ad essere scritto nelle aule di giustizia e cioè che “la legge è uguale per tutti”. Purtroppo a Pescara, grazie a chi governa questa città e a chi preferisce astenersi dai giudizi, rischia di essere ridotta ad una pessima presa in giro>.

Così con una variante al piano regolatore prima, e una richiesta di deroga poi, un’area che doveva essere originariamente un parcheggio pubblico al servizio del centro cittadino, un decennio fa, con l’accoglimento di un’osservazione divenne un parcheggio privato, e ora, sempre grazie al voto dei politici che dovrebbero rappresentare la voce dei loro cittadini, rischia di diventare un centro commerciale.

< Un’iniziativa commerciale di oltre 1.200 mq> prosegue la consigliera M5s Alessandrini <che rischia di far collassare definitivamente la rete del commercio di vicinato locale, che dovrebbe rappresentare, per essere votata positivamente, un pubblico interesse. Mi chiedo cosa potrebbe esserci di “pubblicamente interessante” per la nostra città nell’apertura di supermercato che finirà solo per fagocitare le attività di tanti altri piccoli imprenditori che la crisi sta già mettendo a dura prova. Il centrodestra ed il centrosinistra voteranno in aula per assegnare il colpo di grazia.

La deroga alle norme comunali e regionali, che dovrebbero essere sporadici casi isolati per incentivare la riqualificazione urbana, nella città di Pescara stanno diventando all’ordine del giorno ed il caso del centro commerciale di via Bologna rappresenta una delle peggiori speculazioni che si siano mai compiute nella nostra città, e tanto, troppo, ricordano il tristemente noto caso della Pescaraporto, con i tre palazzoni sul mare.>

Va sottolineato che nella commissione consiliare “Gestione del territorio” che ha espresso il parere per la delibera sul centro commerciale di via Bologna, che martedì verrà discussa in consiglio comunale, solo il Movimento 5 Stelle ha votato contro: il centrosinistra si è detto favorevole in modo compatto ed il centrodestra ha scelto di non votare.

< Martedì il M5s sarà dalla parte di chi difende il rispetto della legge e gli interessi dei Pescaresi> concludono insieme le consigliere del M5s Erika Alessandrini ed Enrica Sabatini. <Faremo la nostra battaglia senza sconti a nessuno e speriamo che questo possa servire a far cambiare idea ai partiti di destra e sinistra, perché mai si difendano gli interessi privati di qualcuno, ma solo gli interessi pubblici di un’intera città.>

Pubblicato in Politica

Pescara. Nella mattinata di oggi il sindaco Marco Alessandrini con i presidenti delle Commissioni Consiliari Turismo e Ambiente Riccardo Padovano e Fabrizio Perfetto, ha effettuato un sopralluogo insieme alla stampa al largo del porto canale, a bordo della Nonno Remo alla guida dell’armatore Claudio Lattanzio, per parlare dell’avvio della stagione balneare e illustrare alcuni degli interventi compiuti con la filiera istituzionale Regione Abruzzo-Comune-Provveditorato alle Opere Pubbliche e Autorità Marittima, al fine di risolvere le criticità sul fiume e sul mare cittadino.

“Quest’anno la stagione si apre con un divieto di meno – dice il sindaco Marco Alessandrini – questo non è frutto di miracoli o di fortuna, ma nasce da un lavoro sul fiume e sull’impianto depurativo della città che dura da oltre tre anni, che non ha precedenti e che continuerà ancora. Fosso Vallelunga non è più classificato come tratto dalle acque scarse, lo sono ancora via Galilei e via Balilla dove vige un divieto temporaneo di balneazione, che contiamo di rimuovere presto, perché cominceranno a sentirsi gli effetti dell’azione svolta sulla diga foranea, un taglio che è ancora in corso ma che è diventato più che visibile anche da terra e che noi oggi abbiamo visto da vicino navigando lungo la costa.

Questo breve viaggio lo abbiamo voluto perché rispetto all’inerzia di un passato decennale, la filiera istituzionale ha davvero messo in campo risorse e progetti per migliorare e risolvere la situazione, con benefici effetti sulla balneabilità delle nostre acque. Sono cominciati infatti mesi fa anche i lavori sul depuratore, che verrà ampliato per eliminare anche il problema degli sfiori che si verifica con ogni pioggia, se le precipitazioni sono abbondanti: si tratta di un problema che affligge Pescara da sempre, con cui hanno convissuto quindi anche le passate amministrazioni, ma che noi stiamo affrontando, perché non accada più.

Ci sono 12,5 milioni di euro che sono solo parte di un intervento più ampio della Regione, volto ad adeguare la portata dell’impianto alle esigenze di una città di mare turistica e di riferimento per tutto il territorio. A questi noi abbiamo accostato l’azione sulla rete delle acque bianche, per risolvere il problema degli allagamenti, ed è sempre altissima l’attenzione sugli scarichi a fiume, la maggior parte è stata chiusa con il Dk15 la rete che li ha fatti confluire al depuratore, tanti altri sono stati individuati e chiusi grazie al monitoraggio del Settore Ambiente del Comune e la Polizia Municipale, anche quest’azione continua, grazie all’impegno dell’esecutivo.

Abbiamo fatto un sopralluogo anche sul cantiere Aca, per rendere evidenti gli interventi in corso che sono concepiti per agire in modo positivo su quello che è un problema che quanti oggi agitano allarmi e fantasmi circa la balneazione, non hanno mai affrontato ieri, quando avrebbero potuto. La stagione sta per entrare nel vivo, noi stiamo lavorando perché sia migliore dell’anno scorso, abbiamo attivato tutto l’attivabile perché accada e il trend è positivo. La costa di Pescara è lunga 10 km, la criticità risulta un fenomeno temporaneo solo in una piccolissima parte della sua estensione e siamo concentrati anche su quella per dare alla città un litorale tutto balneabile al più presto e, soprattutto, per il futuro, per rendere il mare un punto di forza della città, della sua economia e del suo territorio”.

“Sono certo che l’intervento sulla diga foranea farà sentire i suoi benefici effetti – aggiunge Riccardo Padovano, presidente della Commissione Turismo – com’è accaduto su tutti gli altri lavori avviati per la balneabilità. I dati sul turismo danno riscontro positivo a questo impegno, perché su tutto il territorio abbruzzese Pescara è la più attrattiva ed è l’unica a crescere passando dalle 195.000 presenze del 2015 alle 245.000 del 2017. Un trend in crescita, nel 2016 erano 220.000, su cui agiscono anche gli eventi e che con la balneabilità che è tornata ad essere più salda siamo convinti che quest’anno supereremo le 300.000 presenze. I balneatori hanno mantenuto i prezzi invariati e gli operatori hanno capito che l’investimenti sono necessari per recuperare un posto al sole del turismo nazionale”.

“Abbiamo ereditato un passato disastroso dal punto di vista ambientale – aggiunge Fabrizio Perfetto, presidente della Commissione Ambiente - ma grazie alla sinergia tra Comune e Regione si sta facendo tantissimo per migliorare la situazione e quello che stiamo facendo sono fatti visibili a tutti: la diga foranea è stata finalmente aperta e i cantieri per l’ampliamento del depuratore sono in atto. Mai nessuna Amministrazione aveva preso così di petto questo problema, forse mai nessuno ha voluto investire risorse importanti per opere necessarie che non garantiscono consenso politico immediato, ma noi rappresentiamo il cambiamento e ci interessa agire per il bene comune: il mare è la priorità per la nostra città, per la sua economia, per il turismo e per il lavoro, per gli armatori e la pesca. La Commissione Ambiente rimarrà vigile e propositiva, nei prossimi giorni, unitamente al presidente della Commissione Turismo faremo Padovano, un sopralluogo sul Molo per seguire da vicino i lavori di attuazione del Piano regolatore Portuale”.

Pubblicato in Politica

San Giovanni Teatino. La delegazione dell'Unità territoriale di San Giovanni Teatino ha consegnato al Sindaco Luciano Marinucci la Bandiera della Croce Rossa Italiana. Nel pomeriggio di ieri le tre volontarie, Angela Esposito, Valentina Chiacchiaretta e Lorella Miani, sono state ricevute a Palazzo di Città dal Primo cittadino e si sono intrattenute per illustrare l'iniziativa e descrivere l'attività della Croce Rossa, orami da più di 10 anni, sul territorio comunale.
"La croce rossa italiana, grazie ai suoi volontari instancabili - ha dichiarato il Sindaco Marinucci - svolge un’attività sociale che è esemplare e insostituibile: tutta la cittadinanza le è grata e deve supportarla in ogni modo possibile”
Il Comune di San Giovanni Teatino nell'ambito degli eventi in programma con la celebrazione, in tutto il mondo, dell'8 maggio "Giornata Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa", ha aderito all'iniziativa di esporre la bandiera della Croce Rossa fuori dal palazzo comunale per un'intera settimana, dal 6 al 13 maggio 2018.
L'obiettivo delle celebrazioni di questa giornata, delle tante manifestazioni in piazza e iniziative nelle scuole, è quello di avvicinare la cittadinanza la movimento della Croce Rossa e far conoscere quali sono i compiti svolti dai volontari.
"Gli eventi della Giornata Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa - hanno ricordato le tre volontarie al Sindaco Marinucci - rappresentano l'opportunità per conoscere per conoscere a fondo le attività e contorni di una missione che, per i volontari CRI, rimane sempre la stessa: essere presenti ovunque e per chiunque".

Pubblicato in Cronaca

Pescara. Femminilità, seduzione, ironia, intelligenza e un look ultra sexy in perfetto stile pin up, sono gli ingredienti di Miss Burlesque Italiail nuovo talent show di Zelig TV(243 del DTT) condotto da Katia Follesa conMatteo Miglio in onda da giovedì 19 aprilealle ore 22.30. Un viaggio esclusivo, in undici puntate, nel mondo del Burlesque attraverso 6 città italiane: Treviso, Bologna, Napoli, Roma, Milanoe Pescara. Le candidate, le aspiranti miss si sfideranno a colpi di coreografie, musiche e costumi per raggiungere le tre serate finali a Milano, davanti a una giuria qualificata formata da Milena Bisacco, burlesque coach delle più grandi artiste italiane, insegnante e professionista di burlesque e arte scenica , Stefano Regina, image maker e start up manager presso Vivienne Westwood, e da un rappresentante per ognuna delle città dove si svolgerà il contest.

 

Fin dalle origini il Burlesqueè sempre stato uno scherzo molto articolato. Dalle opere medievali di Geoffry Chaucerai teatri di New Orleans, dai circhi agli spettacoli di cabaret, dalla Francia all’America, dal vaudeville alle forme giunoniche di oggi e al sorriso sarcastico di Dita von Teese: minimo comun denominatore la parola burlesque. Una cosa che nasce come burla non può finire se non con una risata. Su Zelig TV si vedrà la versione sexy e un po’ retrò del burlesque, quella nata negli anni ’90 con un revival vintage che ha recuperato le sofisticate e carnevalesche atmosfere di fine ottocentoin un’ironia tutta moderna.

 

Dai migliori locali italiani, quelli dove ancora si respira il gusto del teatro cabarettistico, al grande pubblico televisivo, Miss Burlesque Italiasarà l’occasione per entrare in un universo più femminile che mai, fatto di corpetti, giarrettiere, piume, boa, musica, movimenti audaci e voglia di prendersi in giro, seducendo. Uno spettacolo glamourdi sole donne, dove il corpo in mostra non sarà l’unico protagonista e dove la sessualità rivelerà il suo lato più divertente.

 

Le interessate a partecipare ai casting onlinepossono candidarsi effettuando la registrazione sulla piattaforma http://zelig243.tv/burlesque,

Miss Burlesque Italiaè prodotto da Bananas Media Companye Comunicarti.

Pubblicato in Cultura e eventi

Lanciano. “A volte pensiamo che anche uno schiaffo sia un gesto d’amore, perché lui ci ama e, quindi, ha il diritto di darci uno schiaffo. Magari, poverino, è andato su tutte le furie perché mi ama troppo. Ma chi ama troppo non alza mai le mani per dare schiaffi, bensì per una carezza ”: lo ha detto Carla Caiazzo, la donna di Pozzuoli (Napoli) nota per essere stata data alle fiamme dal suo ex all’ottavo mese di gravidanza, durante l’inaugurazione del nuovo sportello “Senza Violenza”, aperto questa mattina nell’Ospedale di Lanciano grazie alla collaborazione tra il Rotary Club di Lanciano, la Asl Lanciano Vasto Chieti e l’associazione di promozione sociale “Donn.è”. Un luogo di ascolto e accoglienza, pubblico e gratuito, per le donne e i minori vittime di violenza, in tutte le sue forme.

Nella massima riservatezza e anonimato le donne troveranno ascolto, aiuto, informazioni e sostegno per uscire da situazioni di violenza fisica, psicologica, economica, sessuale, di molestie o stalking. Ai minori sarà offerta anche assistenza mirata per contrastare i fenomeni del bullismo e del cyberbullismo.

Lo sportello sarà aperto il martedì dalle ore 16.30 alle 18.30 e il giovedì dalle 9.00 alle 12.00 nella stanza 10 al primo piano della palazzina 16, nell’area della Cittadella del volontariato. Il primo contatto può avvenire anche telefonicamente allo 0872.706517 o via Facebook (cercando la pagina di DONN-è) o via E-mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

A inaugurare il nuovo servizio, insieme a Carla Caiazzo, c’erano l’assessore regionale alla Programmazione sanitaria, Silvio Paolucci, il direttore generale della Asl, Pasquale Flacco, la presidente del Rotary Club Lanciano, Licia Caprara, e il governatore del Distretto 2090 Rotary Abruzzo Marche Molise Umbria, Valerio Borzacchini, nonché Felicia Zulli per il Centro antiviolenza Dafne di Lanciano, Francesca Di Muzio per l’associazione Donn.è e l’assessore alle Pari opportunità del Comune di Lanciano, Dora Bendotti.

Pur non volendo commentare direttamente la vicenda del proiettile ricevuto ieri in una busta a lui indirizzata “da uno squinternato”, come egli stesso lo ha definito, l’assessore ha voluto dare una lettura “al contrario” dell’episodio: “Chiunque rivesta un ruolo di responsabilità - ha detto Paolucci - ha il dovere di utilizzare un linguaggio più appropriato, per sostantivi e per aggettivi. Non perché da lì traggono ovviamente pazzia alcuni imbecilli, ma perché invece da un linguaggio più appropriato può emergere un senso di responsabilità ulteriore che può fare argine a certi comportamenti”.

Pubblicato in Cronaca
Sabato, 05 Maggio 2018 00:00

M5S Chieti: "Il bluff degli asili nido"

Chieti. Il MoVimento 5 Stelle accusa l'amministrazione Di Primio di voler far quadrare i conti del Comune mediante operazioni di facciata che non solo non risolveranno i problemi esistenti ma ne creeranno di nuovi.

Il Capogruppo del MoVimento 5 Stelle Ottavio Argenio si dice “convinto che l'idea di affidare ai privati la gestione dei nidi comunali non andrà in porto.

Mancano pochi mesi a settembre, quando i nidi dovrebbero ricominciare ad accogliere i bambini e con i tempi biblici con i quali sono abituati a lavorare gli uffici comunali, ho seri e fondati dubbi che si riescano a predisporre tutti gli atti necessari ad affidare all'esterno la gestione, soprattutto se, come dovrebbe essere, si seguono i dettami normativi del D. Lgs. 50/2016”.

“Anche in questo caso, come in moltissimi altri purtroppo – continua Argenio – questo Sindaco e la sua Giunta hanno dato prova che le loro uniche capacità e caratteristiche distintive sono approssimazione ed improvvisazione, le uniche responsabili del tracollo economico-sociale della nostra città”.

Secondo Ottavio Argenio e Manuela D'Arcangelo, questa manovra che definiscono “disperata” servirà solo a far quadrare formalmente i conti del Comune in sede di approvazione del previsionale ma non a risolvere i problemi strutturali di cui è ancora affetto il bilancio “prova ne sia – dicono – che anche il Collegio dei Revisori dei Conti nel fornire il previsto parere sul Documento di Programmazione, ha espresso non poche perplessità sulla reale capacità di risanare e riequilibrare la cassa”.

“C'è il rischio serio e concreto quindi – secondo i due portavoce del MoVimento – che la cancellazione di un servizio pubblico essenziale come quello degli asili nido, si riveli del tutto inutile agli scopi per i quali è stato ideato e voluto da questa Giunta.

Intanto c'è una certezza: almeno un centinaio di famiglie di Chieti, da qui a settembre dovranno darsi da fare per comprendere come fronteggiare l'esigenza di affidare i figli piccolissimi visto che questa amministrazione si è preoccupata solo della riduzione della spesa ma non ha fatto nulla per tentare di alleviare il disagio provocato ai suoi cittadini”.

“Se fossi il Sindaco o uno dei Consiglieri di maggioranza che hanno approvato il DUP in Commissione – conclude Ottavio Argenio - non riuscirei a guardarmi allo specchio per la vergogna”.

Pubblicato in Politica

Milano. Al Teatro Manzoni di Milano andrà in scena una serata in due tempi dedicata ad alcuni tra i migliori cori della diocesi di Milano, scelti tra quelli di più alto livello musicale e conosciuti anche al di fuori dell’Italia.

Lo spettacolo ha uno scopo benefico ed è stata organizzatoda Cura e Riabilitazione Onlus, a cui sarà devoluto l’incassodella serata.

L’evento è nato dalla passione e dall’entusiasmo del Prof. Marzio Bonferroni, scrittore e docente universitario, attivo soprattutto nell'ambito della comunicazione e degli studi di marketing, che sarà Direttore Artistico della serata.

Consulente Artistico sarà il M° Vincenzo Simmarano, Direttore del Coro Canti Corum.

“Corando”vedrà in scena sette cori delladiocesi di Milano, chiamati a proporre un repertorio scelto di brani liturgici che usciranno, per una volta, dai luoghi abituali, per essere inseriti in un teatro prestigioso, così da far conoscere al pubblico teatrale il patrimonio musicale e culturale della nostra storia religiosa.

L’idea di portarein un ambito “laico” e autorevole l’arte e la spiritualità di questi cori che per lo più si esibiscono in cattedrali e chiese, con musiche di grandi compositori, è stata appoggiata dal Direttore Generale del Teatro Manzoni, Alessandro Arnone.

La serata sarà presentata dalla giornalista Silvia Arosio, fondatrice del portale silviaarosio.com e press office.



Biglietti e info

Il costo del biglietto è di 14 euro(+ 1 € di prevendita)

Dove acquistare i biglietti:
 Online su www.teatromanzoni.it
Link completo: http://www.teatromanzoni.it/manzoni/it/spettacoli/corando-cori-della-diocesi-di-milano-sulla-scena
 Presso la biglietteria del Teatro Manzoni
Via Manzoni 42, Milano - Tel. 02 7636901
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Pubblicato in Cultura e eventi

Atessa. “Il riconoscimento del San Camillo de Lellis di Atessa come ospedale di area disagiata è in una fase istruttoria avanzata e lo dimostrano gli atti regionali e ministeriali”. Risponde così, in maniera secca e decisa, il sindaco di Atessa, Giulio Borrelli, alle polemiche, ritenute sterili e dannose, innescate in questi giorni da più parti, soprattutto da esponenti politici di centrodestra, a seguito di articoli di alcuni organi di stampa.

La giunta regionale, prima con delibera 642 del novembre 2017 e poi con delibera numero 15 del 17 gennaio 2018, dopo vari incontri preparatori, ha dato l'ok al potenziamento e alla riqualificazione dell'ospedale sangrino, stoppandone la trasformazione in presidio sanitario di assistenza (Pta). La giunta regionale, dichiarando di voler cambiare i propri atti programmatori, nell'ambito del riordino della rete ospedaliera, che non è stato ancora concluso, ha dato il via libera al riconoscimento di Atessa come presidio di area disagiata. Gli atti sono poi stati inviati a Roma per essere sottoposti al Tavolo di monitoraggio nazionale, composto dai ministeri della Salute, dell'Economia, e da rappresentanti della conferenza Stato-Regioni.

Tutto è confermato da un documento del 2 marzo scorso, inviato alla Regione e a firma del direttore generale del ministero della Salute, Andrea Urbani, con il quale il sindaco Borrelli ha parlato più volte. Nel documento si evidenzia che “la proposta di potenziamento quali-quantitativo del presidio ospedaliero “San Camillo de Lellis”, elaborata dal Tavolo tecnico di cui alla Delibera di Giunta regionale 642/2017, è in fase istruttoria da parte degli uffici competenti e a breve potrà essere sottoposta a valutazione da parte del Tavolo per il monitoraggio del Decreto ministeriale 70/2015”. Nello stesso documento viene chiesto di specificare la “dotazione di posti letto, il dimensionamento delle discipline sulla base dei bacini di utenza e l'articolazione della rete ospedaliera e dell'emergenza urgenza”. E dalla Regione, lo scorso 9 aprile, sono state preparate tutte le integrazioni richieste dal ministero della Salute, con un documento a firma di Alfonso Mascitelli, presidente dell'Agenzia sanitaria regionale.

“Questi i fatti – dice Borrelli -. Le procedure vanno avanti, con i tempi che la burocrazia in Italia richiede. Confidiamo in una prossima e definitiva riorganizzazione di tutta la rete ospedaliera abruzzese, che dovrebbe comprendere anche altre realtà. La nostra battaglia prosegue. Se i nostri cortesi avversari si fossero informati meglio, e non avessero preso lucciole per lanterne, avrebbero potuto risparmiarsi l'ennesima filippica contro l'amministrazione comunale che, con coerenza e serietà, sta facendo tutto il possibile per chiudere positivamente l'istruttoria in corso sull'ospedale di Atessa. Evidentemente a loro non interessa il risultato, come dimostrano i comportamenti avuti durante la passata amministrazione di centrodestra, quando l'ospedale veniva progressivamente smantellato. Preferiscono dar fiato a una volgare propaganda per piazzare un loro candidato alle prossime elezioni regionali, sotto le insegne di Forza Italia e della Lega".

Pubblicato in Politica

Montesilvano. «Per il secondo anno consecutivo Montesilvano ospiterà la Finale Nazionale del Trofeo Scacchi Scuola, un appuntamento di importantissimo rilievo che raggiunge numeri da record». Ad annunciarlo è il sindaco Francesco Maragno. «Ancora una volta Montesilvano, grazie al Pala Dean Martin, alla corposa ricettività alberghiera e alla sua posizione strategica si è confermata città ideale per ospitare eventi di portata nazionale. Anche quest’anno abbiamo l’onore di essere stati scelti dall’Accademia Internazionale di Scacchi quale punto di riferimento per questa affascinante disciplina sportiva».

Da giovedì 10 a domenica 13 maggio il Pala Dean Martin aprirà le sue porte a 374 squadre provenienti da tutte le regioni italiane per un totale di oltre 1800 scacchisti, numeri che battono il record della precedente edizione dell’unica manifestazione sportiva legata al mondo della scuola che raggiunge risultati simili in termini di partecipazione.

Il presidente dell’Accademia Internazionale di Scacchi, Roberto Mogranzini, ha dichiarato: «Il successo di questa manifestazione è dovuto alla collaborazione tra realtà diverse tra loro, le strutture ricettive, l'Amministrazione comunale, il mondo della scuola e la Federazione Scacchistica Italiana sono vere e proprie sinergie in contatto. Riportare a Montesilvano l'evento che nel 2017 segnò il record nazionale e battere il risultato impressionante dell'edizione scorsa sono obiettivi importanti in un'ottica di promozione del turismo legato agli scacchi. Possiamo certamente definire che Montesilvano è la capitale degli scacchi in Italia».

«Con 1616 studenti provenienti da tutta Italia - ricorda il consigliere Adriano Tocco - che si sono sfidati contemporaneamente nella scorsa edizione, il Trofeo che si è disputato qui a Montesilvano è entrato nel Guinness mondiale, nell’ambito dei tornei scolastici. Un risultato prestigioso che ci ha riempito di orgoglio. Ospitando anche questa edizione il legame con il mondo degli scacchi si rinsalda ulteriormente. Oltre al torneo, abbiamo altre importanti novità che caratterizzeranno anche visivamente l’intreccio di Montesilvano con la realtà scacchistica. Novità che interesseranno l’area strategica del turismo cittadino».

«Ospitare questa tipologia di manifestazioni - aggiunge l’assessore Ernesto De Vincentiis - è un ottimo strumento per destagionalizzare l’offerta turistica della nostra città. Montesilvano ha una vocazione turistica che deve essere valorizzata in ogni sua sfaccettatura. Voglio fare un grande in bocca al lupo a tutti i ragazzi partecipanti. Siamo particolarmente contenti - conclude l’assessore - che l’Accademia Internazionale di Scacchi ha espresso l’intenzione di presentare la candidatura affinché Montesilvano ospiti nel 2020 il mondiale under 12 di scacchi».

Pubblicato in Cultura e eventi
Pagina 1 di 5

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione