Articoli filtrati per data: Lunedì, 04 Giugno 2018

Pescara. Questa mattina a Penne, nella sala consiliare del Comune, in un incontro organizzato dal liceo Mario dei Fiori-Luca da Penne, studenti e docenti dell’istituto hanno presentato il progetto SMARTPONN: un’applicazione in grado di ricostruire la Penne dei Rioni del 1600. Un progetto che la dirigente Eleonora Dell’Oso e il docente coordinatore e ideatore, Graziano Fabrizi, hanno deciso di donare alle istituzioni locali per promuovere il territorio e il turismo. La APP potrebbe diventare a breve uno strumento di promozione turistica della cittadina in quanto si tratta di un servizio utile, libero e accessibile a tutti. All’incontro ha partecipato, tra gli altri, il presidente Antonio Di Marco, entusiasta dell’idea.
“Il progetto culturale – afferma Di Marco – è stato pensato innanzitutto per i turisti, ma sarà utile anche i cittadini tutti della provincia, che potranno utilizzare la mappa interattiva con i punti di interesse storico disseminati in città. Il progetto è stato interamente realizzato dai ragazzi della III A del liceo scientifico, coordinati dal Prof. Graziano Fabrizi. A loro e alla dirigente scolastica Eleonora Dell'oso vanno le mie congratulazione per aver saputo valorizzare le risorse interne in un progetto che ha un’applicazione concreta di grande impatto sul territorio.
Oltre che parlare di SMARTPONN, nell'incontro avuto nella sala consiliare del Comune è stato ricordato il premio nazionale "Angeli custodi della legalità": l'esempio del coraggio, il valore della memoria", indetto dal MIUR con la Fondazione Falcone e la Polizia di Stato, vinto dalla IV A del liceo scientifico. Il Premio, aggiudicato al Liceo di Penne come scuola vincitrice tra tutte le scuole di secondo grado italiane, è stato consegnato ad una delegazione della classe pennese nell'aula bunker di Palermo lo scorso 23 maggio, per mano della ministra Fedeli e del Presidente della camera Roberto Fico. Il progetto è relativo ad un'applicazione che permette, attraverso una scansione multimediale, di conoscere le storie delle vittime cadute in servizio. Fiori che possono essere colti e diffusi in qualsiasi luogo in cui si esponga il QR Code attraverso il quale si accede ad una pagina internet dedicata alle persone morte nell'esercizio del dovere, fondamentalmente a tutti gli uomini e le donne vittime della mafia.
“Una menzione particolare merita il prof. Graziano Fabrizi – conclude Di Marco - un giovane insegnante di storia dell'arte che porta avanti questi progetti sulla legalità con l’apporto della tecnologia. Un professore che riesce a coinvolgere i suoi allievi, riesce a motivarli e ad entusiasmarli, con risultati straordinari. Una comunità scolastica davvero eccezionale, come del resto lo sono tante altre istituzioni scolastiche della nostra provincia”.

Pubblicato in Cultura e eventi

Pescara. “Fino ad oggi i risultati delle analisi svolte dalla Asl non hanno ancora chiarito esaustivamente da cosa dipenda cosa è accaduto e quindi il servizio mensa resta sospeso.

Se siamo incerti sulle cause, siamo invece certi di quello che accadrà se verrà accertato che c’è stata omissione da parte della società che gestisce il servizio mensa nelle scuole del Comune di Pescara, o da parte di qualsiasi altro soggetto, che non potrà più lavorare nel nostro Comune.

E non lo dico perché sono molto adirato in questi giorni per quello che è successo, ma perché è un atto dovuto per quei bambini e per le loro famiglie, a cui sono vicino e assicuro ogni tipo di sostegno e giusto atto consequenziale.

Ringrazio la Asl per come si è subito attivata per curare i nostri bambini, dal direttore generale, ai primari, ai medici e a tutto il personale dei reparti interessati.

Dal primo minuto abbiamo richiesto l’intervento dei Nas e stiamo assicurando la massima disponibilità e collaborazione ad Asl e Procura, che stanno compiendo le verifiche.

A breve conosceremo le cause di questa triste situazione e non esiteremo un attivo ad agire di conseguenza e molto duramente”. Lo afferma in una nota il sindaco di Pescara, Marco Alessandrini.

Pubblicato in Cronaca

Vasto. Domenica 10 giugno alle ore 19:45 nella chiesa di Santa Maria Maggiore vi sarà la proiezione del recente Docufilm: “Il Volto Ritrovato di Gesù. Viaggio nei luoghi, nella storia, nelle leggende legate al Volto santo di Manoppello”.
Saranno presenti in chiesa il giornalista Rai Fabrizio Franceschelli insieme alla moglie la regista Anna Cavasinni,curatori del lavoro.
La proiezione del DVD sulla importante reliquia è aperta a tutti e offrirà, oltre che le indagini scientifiche e storiche, anche le ragioni che la fanno considerare una delle reliquie più importanti della cristianità. Non per nulla tra i suoi visitatori si annovera anchePapa Benedetto XVI che andò a Manoppello il Santuario il 1° settembre 2006 e i tanti fedeli del mondoOrtodosso che Evangelico che sono attratti dal forte richiamo cristologico del misterioso telo di bisso.

Pubblicato in Cultura e eventi

Pescara. Una fiaccolata corteo in ricordo di Ludovica e Marina Angrilli tragicamente scomparse lo scorso 20 maggio si svolgerà mercoledì 6 giugno alle ore 19.
A organizzare l'iniziativa è l'associazione Genitori Leonardo (di cui è presidente Lara Cacciagrano), che ha sede in via Colle Marino all'interno del liceo Scientifico L.Da Vinci di Pescara (scuola dove Marina Angrilli lavorava come insegnante), con l'adesione di A.ge Associazione Italiana genitori, Noi per la Famiglia, Rotary Club Pescara Ovest G. D’Annunzio, Fidapa Bpw Italy sezione Pescara, Pescara Club Donne Biancazzurre.
L'evento ha ricevuto anche il patrocinio delle commissioni Pari Opportunità della Regione Abruzzo, della Provincia e del Comune di Pescara.
Il ritrovo del corteo è allo ore 19 davanti alla sede del liceo da dove partirà la fiaccolata di manifestazione civile che ha lo scopo di commemorare il ricordo della tragedia del 20 maggio scorso dove hanno la perso la vita la piccola Ludovica e la sua mamma Marina.
Saranno presenti anche Fabiola Bacci, mamma di Jennifer Sterlecchini, e Barbara Orsini, amica di Monia Di Domenico, vittima di femminicidio.
Previsti anche gli interventi in piazza Salotto, dove terminerà la fiaccolata/corteo, di:
Marinella Sclocco, assessore Regione Abruzzo Pari Opportunità e Istruzione;
Oscar Buonamano, vice presidente giornalisti Abruzzo;
Annarita Frullini, medico psicoterapeuta Partecipazione Etica;
i presidenti delle associazioni che hanno promosso la manifestazione.

Pubblicato in Cronaca
Lunedì, 04 Giugno 2018 00:00

Chieti, Nikita Fitenko al Teatro Marrucino

Chieti. Il penultimo concerto della stagione concertistica della Art Ensemble, mercoledì 6 giugno alle 19 nel foyer del Marrucino, vedrà protagonista NIKITA FITENKO, pianista nato a San Pietroburgo, diventato presto noto fuori dai confini nazionali, amico e collega del Giuliano Mazzoccante che lo ha invitato per arricchire la sua programmazione.

Interessante il programma, pensato per piano solo, che vedrà alternarsi musiche di Grieg, Debussy, Tchaikovsky, Rachmaninov, Prokofiev. Biglietto 7€ - Posto unico, disponibile anche online su https://www.ciaotickets.com/evento/festival-del-pianoforte-nikita-fitenko
Per info: 0871/330470. Questo appuntamento è reso possibile grazie alla partecipazione del notaio Giovanni De Matteis che ha risposto alla chiamata “Adotta un concerto”.

Riconosciuto uno dei maggiori interpreti della musica russa per pianoforte, Fitenko tiene regolarmente concerti, corsi di perfezionamento e masterclass. È inoltre professore associato di pianoforte presso la Catholic University of America di Washington. Nella stessa città co-dirige l’International Piano Festival. Ha all’attivo anche numerose incisioni discografiche tra le quali tre serie di CD di opere pianistiche di autori russi contemporanei (Altarus Records). La discografia include la registrazione di un concerto per pianoforte di Scriabin, realizzata con la Russian Philharmonic Orchestra di Mosca.

Il concerto di arrivederci è invece fissato per domenica 1 luglio con un altro musicista russo, che torna a Chieti a grande richiesta: Alexander Kobrin. Alle 18 nella sala principale dello storico teatro, che quest’anno arriva al bicentenario dalla sua inaugurazione.

Pubblicato in Cultura e eventi

Pescara. Il PD pescarese, con l’arrivo della bella stagione ricorre, ancora una volta, alla solita vecchia non-soluzione, ossia trasformare la “Strada Parco” in “Strada Parcheggio”.

«E' assurdo che l'incapacità del Partito Democratico di pianificare soluzioni per i parcheggi estivi ai bagnanti, venga spacciata ancora una volta come un'emergenza o meglio una necessità e, come al solito, a farne le spese saranno tutti quei cittadini che utilizzano la Strada Parco per muoversi a piedi o in bicicletta e che rendono quella parte di corridoio verde una vera e propria piazza lineare cittadina» commenta la consigliera comunale M5S Erika Alessandrini. «Ai Consiglieri PD che hanno sonoramente respinto ogni possibile alternativa chiediamo di rivedere con attenzione cosa era scritto nel programma con cui si sono candidati a guidare la città e sono stati eletti in Consiglio comunale: spiegassero alla città perché chi doveva governare sviluppando l’efficienza dei mezzi di trasporto pubblico e favorendo mezzi ecologici, continua invece per il terzo anno consecutivo a permettere di lasciare l’auto privata parcheggiata sull’unica arteria pedonale della città, un assoluto paradosso».

La Strada Parco dovrebbe essere uno spazio pubblico pedonale inviolabile per la sua unicità come “asse green” di spostamento. Lo stesso piano regolatore nel definire il "corridoio verde", di cui la strada parco fa parte, prevede che la circolazione automobilistica sia ammessa solo per veicoli di emergenza e/o soccorso e per mezzi pubblici non inquinanti, non come parcheggio stagionale dei bagnanti.

«Già negli anni scorsi io e la collega Erika Alessandrini in Consiglio Comunale avevamo avanzato la proposta di un piano della mobilità estiva» commenta la capogruppo M5S Enrica Sabatini «con valide alternative, ma la proposta fu bocciata proprio dalla stessa maggioranza che oggi, incapace di trovare soluzioni alternative, cancella gli spazi pedonali per favorire l'uso delle macchine con cui circolare in città»

«A quanto pare per il PD la mobilità sostenibile e l'incentivo all'uso della bici è argomento da sbandierare ai quattro venti solo quando è necessario prendere voti in campagna elettorale» concludono le consigliere comunali M5S Erika Alessandrini ed Enrica Sabatini «e non si può far altro che constatare che mentre il resto delle città italiane evolve e sviluppa strategie sostenibili ed alternative alle auto private, il PD continua a trattenere Pescara ancora ferma al passato, come fossimo ancora al 2014».

Pubblicato in Politica

Chieti. Una targa messa in bella mostra all’interno del locale per ricordare a tutti i clienti che nel bar scelto, per un caffè o un gustoso aperitivo, non ci sono videopoker o macchinette per il gioco d’azzardo. Il Gran Caffè Cigno di piazzale Marconi è “libero” dal gioco d’azzardo come recita la targa consegnata questa mattina all’attuale gestore, Marzia Calcagna, nell’ambito del progetto regionale “Slotmob” che ha visto protagonisti, in un’esperienza di alternanza scuola/lavoro, gli studenti dell’istituto Gonzaga di Chieti presieduto da Sandra Angeloni. Presente Marisa Tiberio, presidente provinciale di Confcommercio Chieti, che plaude al risultato prestigioso conseguito dal suo associato Gran Caffè Cigno. “Confcommercio, proprio in questi giorni, sta avviando un ambizioso progetto contro il trsite fenomeno della ludopatia che, purtroppo, trova campo fertile tra gli imprenditori alle prese con problemi economici e di sovraindebitamento personale oltre che delle imprese di cui sono i legali rappresentanti. Il gioco d’azzardo, con l’inganno del guadagno facile, sta risucchiando molti imprenditori nel vortice della ludopatia ed è nostra ferma intenzione aiutare la categoria.” Ma esistono anche esempi virtuosi come il Gran Caffè Cigno premiato stamane. “Siamo davvero orgogliosi del fatto che una nostra associata abbia saputo mettere in evidenza la responsabilità sociale di un’impresa non solo dal punto di vista di una corretta gestione economica ma anche dal punto di vista sociale in senso stretto regalando- riprende Tiberio- un messaggio positivo all’intera categoria e, di conseguenza, alla collettività. Siamo di fronte ad un patrimionio immateriale di inestimabile valore che va difeso e promosso con attività di questo tipo. Rinnoviamo, per questo, il nostro plauso al gestore del Gran Caffè Cigno.”

Pubblicato in Cronaca

Chieti. Si è rinnovata a Chieti la magia e la tensione di “Una notte d’ottobre” rappresentazione messa in scena dalla Onlus Voci di dentro in collaborazione con la Casa circondariale di Pescara e con il patrocinio del Comune di Chieti, della Fondazione Chieti - Abruzzo e Molise e del Teatro Marrucino.
La sera del 2 giugno in un teatro riempito da un pubblico attento ed emozionato – tra i tanti anche Corrado Giustiniani, presidente del Tevignano Film Festivalgiunto apposta da Roma per assistere alla pièce – oltre venti interpreti (tra soci dell’associazione e detenuti del carcere di Pescara) hanno fatto rivivere la follia del Terzo Reich, di quegli anni bui che hanno trasformato gli uomini in vittime e carnefici, tutti incapaci di tenere testa al delirio collettivo che poi ha portato all’Olocausto. Per la terza volta in due mesi, lo spettacolo ispirato a “Quando si spengono le luci - Storie dal Terzo Reich”, di Erika Mann, liberamente adattato da Carla Viola e Alberto Anello, regia di Alberto Anello, ha richiamato tutti a riflettere perché l’uomo torni a vedere l’altro come se stesso, come amico e non come nemico, come persona e non come mezzo.
Un’ora e 15 minuti di spettacolo emozionante e struggente grazie anche alle luci di Graziano Martella, alla ottima recitazione, alle musiche tratte dal film “Il favoloso mondo di Amélie”. Silenzio assoluto in sala durante tutto l’atto unico, nessun applauso, solo quello finale forte e liberatorio che è scoppiato in platea al termine della corsa degli interpreti verso la libertà, corsa col conteggio fino al numero otto simbolo dell’infinito, simbolo della doppia porta dalla quale l’uomo rinasce dopo gli errori (come appunto le persone che finiscono nel circuito della giustizia). Otto come l’ottava lettera dell’alfabeto ebraico che significa terra, rifugio, appunto salvezza.

Pubblicato in Cultura e eventi

Pescara. Due gocce di sangue tra i pianeti dello spazio con la scritta “Dona il futuro” e tante gocce rosse e blu a simboleggiare i colori dell'Avis Provinciale Pescara.
Questo il contenuto dei 2 murales terminati sabato scorso a Collecorvino (in via Borgo settentrionale e a ridosso dell’area del campo sportivo in San Rocco) da un gruppo di writers locale di cui fanno parte Alessandro, Matteo e Ottavio grazie al contributo della ditta Dimarcolor di Montesilvano che ha agevolato la messa a disposizione del materiale.
Grande soddisfazione da parte del presidente dell'Avis Provinciale Pescara, Camillo Bosica, per una giornata che, oltre a vedere il completamento delle due opere pittoriche, ha visto anche la donazione del sangue da parte di una quindicina di persone grazie alla presenza in piazza dell'autoemoteca.
L'iniziativa, denominata “Lo dico con un murales”, ha lo scopo di sensibilizzare con forme nuove alla donazione del sangue, elemento chiave nel salvare vite umane. Il progetto vedrà la presenza di opere pittoriche di Urban Art in tutti Comuni della Provincia di Pescara in cui Avis è presente con le proprie strutture comunali di base.
I prossimi passaggi vedranno nuove opere già preventivate nel comune di Montebello di Bertona mentre sono già state perfezionate intese con i Comuni di Tocco da Casauria e Popoli.
«Occorre modulare il nostro messaggio con forme diverse e allargare lo spazio della comunicazione verso ambiti differenti perché la convegnistica, i social, la comunicazione scritta sono tutte forme valide», dichiara il presidente provinciale Avis Pescara Camillo Bosica, «ma il fascino che hanno le nuove forme di comunicazione pittorica come la Urban Art ci ha spinti a guardare oltre; il tutto è stato reso possibile dalla disponibilità dei nuovi guerrieri metropolitani che armati di scale, pennelli e spray hanno messo a nostra disposizione il loro talento e la loro inventiva creando un mix di forme e colori che ribadiscono, qualora ce ne fosse ancora bisogno, quanto sia importante e prezioso donare sangue. A questi ragazzi un ringraziamento speciale anche dall’Avis Comunale di Collecorvino che ha ospitato il battesimo del progetto».
Nel corso della giornata è stata presente anche una rappresentanza dell'Avis Provinciale di Chieti che vorrebbe replicare il progetto dopo aver visto la bontà dello stesso.

Pubblicato in Cultura e eventi

San Giovanni Teatino. La poesia "Cinque mesi fa" di Asia Di Teodoro (classe 2^F) ha vinto il primo premio del Concorso di Poesia "Poetando - Città di San Giovanni Teatino" 2^ edizione, riservato agli alunni dell'Istituto comprensivo G. Galilei ed organizzato in collaborazione con l'Amministrazione comunale. A consegnarle il riconoscimento sono stati il Vicesindaco Giorgio Di Clemente e l'assessore all'istruzione Simona Cinosi e la dirigente scolastica Mirella Orlandi.
Al 2° posto si è classificata la poesia "Dentro di me" di Flavio Cianci (2^E) ed al 3° posto la poesia la poesia "Ciò che penso e non dico" di Giosuè Grazia (1^G).
La commissione valutatrice del concorso, composta da Carmelita Della Penna, Paolo Diodato Pierluigi Di Clemente, Mariangela Sanese, Riccardo Varveri e presieduta dall'assessore Simona Cinosi, ha inoltre stabilito 4 menzioni speciali per "Io penso certe volte, ma non dico.." di Shasa Gigante (1^D), "Un bosco incantato" di Marianna Ascani (1^D), "Maschere" di Rebecca Conti (1^E) e "La mia margherita colorata" di Nausica Nuzia Finocchio (1^F).
"La poesia è un valore di bellezza, umanità e sensibilità, - dichiara il Sindaco Luciano Marinucci - è un mondo interiore che viene alla luce attraverso la delicatezza delle parole: tutto ciò è stato colto in pieno dai nostri piccoli concittadini, che ci rendono davvero onore con le loro espressioni poetiche. In tal senso è stato importante il lavoro dietro le quinte dell'assessore, della scuola e di tutti coloro che da due anni permettono la realizzazione di questa bella manifestazione: a loro il mio sentito ringraziamento".
La cerimonia di premiazione si è svolta questa mattina, lunedì 4 giugno 2018, nel piazzale antistante al scuola media dove i giovani autori hanno provato l'emozione e la gratificazione di declamare i proprio versi davanti ad un attento pubblico di compagni di scuola, genitori e insegnanti. La cerimonia è stata inoltre impreziosita dall'intervento di Riccardo Varveri, cha ha letto "La pioggia nel pineto" di Gabriele D'Annunzio, ha parlato ai più giovani del suo legame con il territorio e, soprattutto, ha cercato di trasmettere la sua passione per la letteratura e la poesia.
"Il premio di poesia Poetando - ricorda l'assessore all'istruzione Simona Cinosi - ha lo scopo di creare occasione in cui esprimersi, attraverso la lettura e la composizione di poesie. Il concorso, quest'anno alla seconda edizione, è nato per celebrare la Giornata Mondiale della Poesia, non solo il 21 marzo. Abbiamo voluto coinvolgere i più giovani, stimolandoli con dei premi e loro sono stati tutti straordinari, scrivendo poesie che dimostrano grande capacità di riflessione. Hanno ricercato, tutti, espressioni, parole e versi per esprimere emozioni vissute o immaginate e comunque percepite con soprendente sensibilità".
93 sono state le poesie in concorso in questa edizione, scritte dagli alunni di 9 classi (1B, 1C, 1D, 1E, 1F, 1G, 2C, 2E e 2F). "Il mio mondo segreto: ciò che penso e non dico" era il tema proposto dalla commissione che ha valutato gli elaborati secondo 5 criteri: ritmo e musicalità, forma (competenza linguistica e correttezza forale), contenuto, originalità e comunicazione (capacità di trasmettere emozioni.

Pubblicato in Cultura e eventi
Pagina 1 di 4

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione