Articoli filtrati per data: Domenica, 02 Settembre 2018

Pescara. Si conclude con la vittoria di Molfetta e Vasto la 24ª edizione della Regata dei Gonfaloni. I 22 equipaggi sono in città da ieri e si affrontano sul fiume per la gara che gli ha visti impegnati lungo un miglio per gli equipaggi maschili e mezzo miglio per gli equipaggi femminili. Molfetta si è aggiudicata il podio per le squadre femminili, mentre per quelle maschili la vittoria è andata a Vasto. Nelle foto le immagini della premiazione con l’assessore alle Attività produttive e Turismo grandi eventi Giacomo Cuzzi, con il presidente della Commissione Turismo del Comune Riccardo Padovano.
Classifica equipaggi femminili: Molfetta, Giovinazzo, Vasto, Taranto, Termoli uno, Termoli2, Ortona per le squadre femminili
Classifica equipaggi maschili: Vasto, Giovinazzo, Molfetta Lni, Termoli1, Martinsicuro, Termoli 2, Ortona, Passignano, Molfetta, Pescara. Domani i tratti salienti della gara, scandita dalla cronaca dalla giornalista Mila Cantagallo, potranno essere rivissuti nella trasmissione televisiva che andrà in onda alle ore 21:00 su Rete 8.

Pubblicato in Sport
Domenica, 02 Settembre 2018 00:00

Pescara, Cuzzi su lavori e staticità scuole

Pescara. “Saranno ultimati in tempo per la riapertura dell’anno scolastico i lavori di manutenzione straordinaria avviati durante l’estate. In settimana si definiranno i 110.000 euro di interventi alla media Virgilio, dove si lavora già da settimane per risolvere situazioni di fruibilità e sicurezza. Questi interventi fanno parte di un pacchetto che ha visto sette scuole prioritariamente interessate, perché il numero di studenti e le criticità riscontrate richiedevano priorità: alla Virgilio abbiamo risanato il muro controterra della palestra, provveduto alla sua impermeabilizzazione dall'interno con intonaco osmotico; lavori di impermeabilizzazione anche sul terrazzo che subiva infiltrazioni da anni; nel progetto anche l’adeguamento antincendio della scuola con la realizzazione di compartimentazioni antincendio e l’installazione di tende tagliafuoco nei pressi delle scale di emergenza. Così anche alla primaria Renzetti, nel Comprensivo 10, interventi per circa 20.000 euro con l’adeguamento degli spazi per attuare un innovativo progetto, “A scuola senza zaino”. Nella scuola è da tempo iniziato un lavoro di informazione e preparazione anche didattica ad opera della dirigente Stefania Petracca sul metodo riconosciuto dal MIUR, che prevede anche una rivisitazione degli spazi comuni, oltre a un modo di apprendere collettivo, sviluppando quattro dimensioni: il valore pedagogico dell’ambiente come soggetto che partecipa al progetto educativo; la vivibilità, il senso estetico, il comfort ; la sicurezza, il benessere, la salute; l'ecologia e il rispetto dell'ambiente. Gli spazi saranno pronti per la ripresa di settembre e contribuiranno a rendere Pescara innovativa anche per la didattica.

Abbiamo già completato i lavori alla media Tinozzi, nonché a Colle Pineta, dove si sta definendo anche lì l’impermeabilizzazione, poi alla Cerulli, alla Don Milani di via Sacco, alla scuola elementare Di Resta di via Anelli.

Un’attenzione che ci vede operativi sin dell’insediamento, quella sulla manutenzione e messa in sicurezza delle scuole con diversi appalti di lavori straordinari che riguardano decine di scuole cittadine: già attuati nella scuola media G. Pascoli di via Roma per 500.000 euro di progetto; nella Palestra annessa alla scuola di via Rubicone per 1.000.000 di euro dove sono state create anche nuove aule e tutto verrà inaugurata il 24 settembre; nell' asilo nido la Mimosa di via Croce per 270.000 euro; nell' asilo nido la Conchiglia di via Vespucci per 270.000 di progetto e in corso di attuazione nella scuola di San Silvestro Colle per 800.000; a questi si sono aggiunte manutenzioni in 20 scuole per 400.000 euro; altri 200.000 euro per la dotazione di paraspigoli e para termosifoni in vari plessi e altri 350.000 per la realizzazione del Polo dell’Infanzia 0-6 anni a Zanni, di cui abbiamo già il progetto esecutivo e contiamo di far partire i lavori all’inizio del 2019 per realizzare lì una struttura di eccellenza per la prima infanzia.

Questi interventi certificano la nostra sensibilità e attenzione piena sull’edilizia scolastica e la sicurezza e insieme a tutto il blocco delle attività, ci colloca fra i Comuni che hanno pensato alla prevenzione e agli interventi, senza perdere tempo, utilizzando tutte le risorse disponibili e possibili a intervenire sulle scuole nel modo più ampio. E’ un impegno che ci investe in modo importante e su cui abbiamo puntato sin dal primo momento e pur affrontando le difficoltà e i problemi di un Ente che ha un percorso di riequilibrio economico da portare avanti, che ha reperito delle risorse e promosso azioni sul fronte sicurezza e manutenzione, che mai erano state avviate prima.

Veniamo agli studi di vulnerabilità sismica, siamo stati noi a volerli, a trovare le risorse e ad appaltarli: 300 mila approvati nelle scorse settimane che si aggiungono ai 400 mila euro precedenti e altri 300 entro fine anno e, in totale, in un anno e mezzo abbiamo messo 1 milione di euro e finanziato gli studi su tutti i plessi, un lavoro mai svolto prima.

Il problema degli adeguamenti sismici, sollevato in modo allarmistico a una settimana dalla riapertura, riguarda tutti gli edifici pubblici e su questo possiamo affermare che Pescara sta facendo un grande lavoro e si trova meglio di tantissime città Italiane e Abruzzesi, specialmente per quanto concerne il patrimonio scolastico.

Premesso che le domande di finanziamento sono state effettuate appunto per trovare fonti per coprire un importo pari a 6,5 milioni di lavori per edifici su cui l'Amministrazione comunale ha già eseguito le verifiche sullo stato di vulnerabilità sismica e dove sono necessari interventi per adeguare le strutture dal punto di vista sismico. Su questo occorre ribadire, anche se scontato, che dal punto di vista sismico qualunque edificio costruito a Pescara prima del 2003, cioè prima che il territorio comunale venisse classificato quale sismico, risulti non adeguato dal punto di vista sismico. Le verifiche di vulnerabilità hanno evidenziato problemi alle azioni sismiche, ma non a quelle statiche per le quali gli edifici risultano IDONEI STATICAMENTE. Circa i certificati di prevenzione incendi, la scuola di via Salaria Vecchia e la scuola media Antonelli sono in possesso del certificato di prevenzione incendi CPI. Inoltre occorre ricordare che di recente è uscita la Proroga che riguarda tutto il territorio nazionale al 31.12.2018 per l'esecuzione dei lavori antincendio alle scuole, quindi la legge già prevede che esistono scuole sprovviste di CPI alle quali però impone di doversi adeguare entro il 31.12 2018. E ricordiamo sempre che il CPI serve per ottenere l'agibilità quindi questo è un problema di tutte le scuole di tutta Italia. Riepilogando per tutte le 4 scuole esiste l'idoneità statica ma non quella sismica . Per l'Antonelli di via Virgilio e la Rodari di via Salaria Vecchia esistono i CPI e sono stati fatti gli affidamenti ai professionisti per l' ottenimento dei certificati di agibilità. Per la scuola Don Milani di via sacco e per la scuola Michetti di via del Circuito è stato affidato all' ing Caiano il progetto di adeguamento antincendio e faremo del tutto per ottenere i relativi CPI entro il 31.12.2018 data della scadenza della proroga per tali certificati. Evidentemente, se sulle scuole in questione non abbiamo avuto accesso ai finanziamenti ministeriali elargiti dalla Regione per cui abbiamo immediatamente risposto al bando, esistono situazioni più critiche delle nostre, per cui rivolgiamo anche noi come Foschi un appello al Prefetto affinché si faccia parte attiva con il Ministero per far finanziare la graduatoria in cui le scuole sono inserite.

Foschi invece potrebbe rendersi ancor più utile, sollecitando il suo partito, oggi la Lega che governa il Paese, nonché il vice-premier Salvini per far finanziare gli interventi in questione. Invece ad oggi dal Governo possiamo registrare soltanto e purtroppo i fondi tolti per le periferie, equivalenti a 18 milioni di euro per la nostra Città. Ci chiediamo come mai l'ex consigliere Foschi che oggi lancia allarmi non abbia fatto nulla quando era presidente della Commissione Lavori pubblici, eppure ha avuto ben cinque anni di tempo, quello in cui ha governato la città con il sindaco Mascia, ed invece si ricorda solo adesso della necessità degli adeguamenti sismici. Stia sereno, perché ci abbiamo pensato noi, abbiamo lavorato sulla sicurezza degli Edifici Scolastici sin dal primo giorno di Consiliatura con investimenti importanti, andando a recuperare anni di sconcertante buio sulla materia in questione”. Lo ha affermato in una nota l’assessore all’Istruzione ed Edilizia Scolastica del Comune di Pescara, Giacomo Cuzzi.

Pubblicato in Cronaca

Pescara. All'Adriatico-Cornacchia il Pescara piega 2-1 il Livorno grazie a due rigori trasformati da Cocco. Nel primo tempo Giannetti fallisce un penalty, poi ad inizio ripresa due tiri dagli undici metri di Cocco decidono l’incontro. Porcino accorcia, il Livorno colpisce il palo con Kozak ma finisce con la vittoria dei padroni di casa.

Tabellino
Pescara: Kastrati, Campagnaro, Del Grosso, Gravillon, Mancuso (86' Perrotta), Memushaj, Balzano, Brugman, Cocco, Antonucci (71' Capone), Melegoni (79' Kanoutè). A disp: Fiorillo, Scognamiglio, Monachello, Machin, Capone, Fornasier, Elizalde, Crecco, De Sole, Ciofani. All. Pillon
Livorno: Mazzoni, Di Gennaro, Dainelli, Gonnelli (77' Raicevic), Fazzi, Valiani, Luci, Rocca (56' Diamanti), Porcino, Kozak, Giannetti (44' Murilo). A disp: Romboli, Zima, Bruno, Iapichino, Soumaoro, Maiorino, Frick, Santini, Albertazzi. All. Lucarelli
Arbitro: Maggioni di Lecco
Rete: 47' Cocco (r), 60' Cocco (r), 67' Porcino

Pubblicato in Sport
Domenica, 02 Settembre 2018 00:00

Eccellenza, Sambuceto - Renato Curi Angolana 1-0

Sambuceto. Il Sambuceto conquista l’intera posta in palio “di rigore” a pochi istanti dal gong contro l’Angolana all’esordio nel campionato di Eccellenza 2018-19. La squadra di Citta Sant’Angelo torna a casa a mani vuote nonostante una seconda frazione di buon livello.
I ragazzi di mister Del Zotti partono forte e nel primo tempo impongono il loro gioco “estroso” conquistando campo a scapito dei nerazzurri. La prima occasione del match capita al quarto giro di lancette con Criscolo che conclude a rete ma trova la pronta respinta di Abate in angolo. Gli ospiti rispondono con Bizzarri che dal limite manda la sfera di poco alta sulla traversa al 16esimo. Dieci minuti doppio Selvallegra si esibisce in una percussione centrale e tira poi da posizione defilata, ma trova nuovamente sulla sua strada il numero uno nerazzurro. A 5 minuti dal riposo Di Eleuterio si trova a tu per tu con De Deo, ma la sua “spaccata” al volo non riesce a centrare lo specchio. Termina così una prima frazione contraddistinta dal bel gioco proposto dai padroni di casa con fraseggi e triangoli stretti tra le maglie della difesa ospite, ma senza reti. Nella ripresa scende in campo la pioggia e a risentirne più di tutti è il gioco. Il Sambuceto rallenta l’azione veemente mostrata nei primi 45 minuti, e l’Angolana cerca di farsi viva dalle parti della retroguardia ospite con più insistenza. All’80esimo Buffetti scambia con Bizzarri in area a poi conclude: De Deo però si supera e con un grande intervento respinge la sfera. La partita si avvia così verso un punteggio a occhiali mentre alla Cittadella dello Sport fa capolino l’arcobaleno. I viola però non ci stanno e sull’ultima azione disponibile riescono a rompere l’equilibrio del match. Nel quarto minuto di recupero Criscolo si invola in area ospite e dribbla Abate, il quale lo stende un attimo prima della conclusione a rete, e il direttore di gara, Cavacini di Lanciano, indica il dischetto. Dagli undici metri si presenta capitan Beniamino, che spedisce la palla in fondo al sacco e manda in visibilio il pubblico presente prima del triplice fischio che sancisce la vittoria del Sambuceto all’esordio casalingo alla Cittadella dello Sport.
Qui di seguito il tabellino dell’incontro:

SAMBUCETO CALCIO – RC ANGOLANA 1-0

SAMBUCETO CALCIO: De Deo, Spinello, Rosati, D’Angelo (5’ st Gentile), D’Amico (46’ st Cialini), Selvallegra, Camperchioli (18’ st Menichino), Beniamino, Lalli, Nardone, Criscolo.
A disposizione: Stivaletta, De Marinis, Polletta, Perrotta.
Allenatore: Francesco Del Zotti.

RC ANGOLANA: Abate, Basciano, Maloku, Ballanti, Di Pietrantonio, Giammarino, Ruggeri (23’ st Zippilli), Buffetti, Bizzarri, Di Eleuterio (47’ st Zampacorta), D’Alonzo
A disposizione: Di Pasquale, Montefalcone, Casati, Lambi, D’Antonio, Di Silverio, Bianco.
Allenatore: Domenico D’Eugenio

Arbitro: Matteo Cavacini (Lanciano)

Reti: 50’ st rig. Beniamino

Ammoniti: Lalli, D’Amico e Camporesi (S), D’Alonzo e Bizzarri (A)

Pubblicato in Sport
Domenica, 02 Settembre 2018 00:00

Chieti show all’esordio: 5 a 0 al Martinsicuro

Chieti. Il Chieti F.C. inizia con il piede giusto il proprio campionato: 5 a 0 contro il Martinsicuro al “Guido Angelini” per i neroverdi. Debutto migliore non poteva esserci per Leccese e compagni che mettono in mostra tutto il potenziale che possiedono per recitare un ruolo da protagonisti nel campionato di Eccellenza.

Le reti sono firmate da tutto il reparto offensivo, vera arma in più di una squadra che si è espressa su ottimi livelli. Apre Miccichè e chiude Marfisi, nel mezzo doppietta di Francis Delgado sempre pericoloso palla al piede, e c’è gloria anche per “El Tractor” Leccese che timbra il cartellino su calcio di rigore.

Umberto Marino nell’undici iniziale schiera in campo l’under Di Marco al posto di Marfisi, mentre tra i pali c’è Alonzi. In attacco spazio al tridente Miccichè, Leccese e Delgado a completare il 4-3-3. Di Fabio schiera l’ultimo arrivato Sorgi con l’esperto Lazzarini a far da chioccia ad una squadra giovane, rivoluzionata nel mercato estivo. Giornata soleggiata ma ventilata al “Guido Angelini” con 700 spettatori sugli spalti. I neroverdi fin dalle prime battute di gioco prendono in mano le redini del gioco.

Al 5’ primo squillo dei neroverdi con Francis Delgado che prova il sinistro da fuoria area: Recchiuti si distende e respinge. Ancora teatini in costante proiezione offensiva con l’under Di Marco che al 12’ prova il tiro da posizione centrale ben servito da Farindolini: ancora Recchiuti decisivo a chiudere lo specchio della porta. Rifiata l’undici del Presidente Filippo Di Giovanni e il Martinsicuro si mette in mostra con Lazzarini: Alonzi è bravo a deviare in corner l’incursione dell’esperto attaccante ospite. Il Chieti riprende a macinare gioco e va in gol al 22’ con Miccichè; ma il guardalinee Chiavaroli ferma il gioco con Delgado che nel frattempo aveva bruciato in velocità la retroguardia vibratiana. Al 27’ si apre la goleada dei neroverde: Miccichè dal vertice sinistro scarica in rete alle spalle di Recchiuti e giù i primi applausi per il bel gesto tecnico dello sgusciante esterno d’attacco. Il Chieti continua ad avere sempre il pallino del gioco in mano fino al termine dei primi 45’ minuti ma non crea altre occasioni degne di nota.

Nella ripresa mister Di Fabio lancia subito nella mischia Albertini e Dolegowsky per Lattanzi e Massarroni. Il Chieti riparte da dove aveva lasciato e raddoppia su calcio di rigore con il Capitano “El Tractor” Leccese; dopo che Di Marco era andato giù all’interno dell’area di rigore vibratiana. Al 56’ difesa ancora impreparata del Martinsicuro: il neo entrato Dolegowsky atterra in area di rigore Miccichè. L’arbitro assegna ancora una volta il penalty. Sul dischetto va Francis Delgado triplicando le marcature con un delizioso cucchiaio. Martinsicuro in balia di un Chieti mai sazio, lontano parente di quello uscito sconfitto sette giorni fa dal Miglianico in Coppa, e continua a dare spettacolo con giocate di ottima fattura. Miccichè prima di abbandonare il campo per Marfisi al 77’ ci prova su punizione a fare bis: Recchiuti di no e devia in corner. All’85’ ultimo sussulto ospite con Marinelli, Alonzi è bravo a chiudere lo specchio della porta; dopodichè gran finale neroverde con altre due marcature: prima Delgado su lancio preciso di Pacella tutto solo deposita in rete, e poi proprio al 90’ Marfisi riceve palla dallo scatenato esterno spagnolo e realizza la cinquina finale. Applausi e cori per i ragazzi di Umberto Marino che escono dal terreno di gioco in festa. Domenica prossima trasferta contro il Pontevomano sul sintetico di Castelnuovo al Vomano.

 

IL TABELLINO
CHIETI F.C. – MARTINSICURO 5 – 0 (1-0)
CHIETI F.C.: Alonzi,Calvarese,Di Lallo,Di Ciccio,Di Marco,Marwan(89’st Matano),Farindolini,Pacella,Delgado,Miccichè(78’st Marfisi),Leccese(86’st Cellucci) A disposizione:Marra,Salvatore,Ricci,Malandra,Centofanti,Di Nisio Allenatore: Umberto Marino
MARTINSICURO: Recchiuti,Calvaresi(57’st Ciutti),Ferretti,Marini,Sorgi,Ferrari,Pizzi(82’st Di Serafino),Lattanzi(45’st Albertini),Lazzarini,Marinelli,Massarroni(45’st Dolegowsky) A disposizione: Cannella,Di Quirico,Biagetti,Franco,Recanati Allenatore: Guido Di Fabio
Arbitro: Leone di Avezzano (Chiavaroli – Falcone)
Ammoniti: Ferretti(M),Sorgi(M),Marini(M),Ferrari(M)
Note: recupero 1’pt – 1’st
Spettatori: 700

Pubblicato in Sport

Francavilla al Mare. Al Valle Anzuca il Real Giulianova ha la meglio sul Francavilla ai calci di rigore con gli ospiti che si impongono 5-7 dopo i tiri dal dischetto e che i 90 minuti regolamentari si erano chiusi sul punteggio di 2-2.
Prima frazione con leggera prevalenza del Francavilla che va al riposo in vantaggio per 2-1 con seconda marcatura francavillese contestata dagli avversari. Nella ripresa diverse interruzioni ma con il passare dei minuti la squadra di Stallone è cresciuta ed ha trovato il pari nel finale. Si è andati direttamente ai rigori dove ha avuto la meglio la compagine ospite, decisivo l’errore di Paravati che si è fatto parare il penalty da Shiba.
Francavilla privo di Cruz e Cafero. Invece Real Giulianova al gran completo.


La cronaca
Al 14’ sugli sviluppi di un corner Milizia conclude da buona posizione, Ferrante devia in angolo. Ma al 21’ è il Giulianova a passare in vantaggio: traversone di Balducci dalla sinistra che trova la testa di Tozzi Borsoi sul quale respinge Spataro, ma da pochi passi Di Paolo è pronto a raccogliere la ribattuta e a insaccare. Il Francavilla non si abbatte e al 24’ trova il pari con De Costanzo che centra il palo, sul rimpallo Banegas ribadisce in rete. Al 29’ sugli sviluppi di un angolo Spataro sventa su un pericoloso colpo di testa di Balducci. Al 27’ il Francavilla ribalta il risultato con Samuel Di Renzo che lancia Banegas sulla cui conclusione Shiba non riesce a salvare. Vibranti proteste degli ospiti secondo i quali la sfera non avrebbe superato la linea di porta: ammoniti Tozzi Borsoi e Di Paolo, espulso il tecnico Stallone. Al 46’ sugli sviluppi di un corner Samuel Di Renzo dalla distanza manda alto. Poco dopo Di Paolo in acrobazia manda sul fondo.
Nella ripresa al 3’ Tozzi Bozzi riprova con un pallonetto dalla distanza e manda di poco sopra la traversa. Al 12’ una punizione rasoterra battuta da Del Grosso è ribattuta a terra da Spataro. Al 28’ Giulianova pericoloso con un cross dalla destra del subentrato Fabrizi per la testa di Fuschi che manda di un soffio a lato. Al 34’ traversone preciso di Del Grosso per la testa di Tozzi Borsoi che manda di un nulla sul fondo. Al 39’ svarione difensivo dei padroni di casa, ne approfitta Pierabella che in scivolata lambisce il palo. È il preludio al pareggio del Real Giulianova che arriva al 43’ con una punizione dal limite da posizione centrale di Frulla che batte Spataro.


La sequenza dei rigori
Real Giulianova    Francavilla
Tozzi Borsoi gol    Mele gol
Frulla gol             Bedin gol
Fuschi gol            Cicerello gol
Barlafante gol       Paravati parato
Palladini gol          -

 

I commenti dei due tecnici
Paolo Rachini (allenatore Francavilla): “Nella ripresa forse siamo calati un po’ mentalmente e fisicamente e non siamo riusciti a fare quello che abbiamo fatto nel primo tempo. Comunquepenso che nei primi 45 minuti la mia squadra abbia espresso un ottimo calcio, abbiamo sofferto su qualche situazione di palla inattiva. Nel secondo tempo invece abbiamo fatto fatica sia a costruire che dietro, quindi dobbiamo ripartire dagli errori fatti, lavorare durante la settimana, mancano ancora due settimane all’inizio del campionato e ci faremo trovare pronti. A breve affronteremo un’amichevole, affronteremo un girone impegnativo con delle squadre importanti, quindi dobbiamo prepararci bene. Partite facili non ce ne sono, sono tutte ben organizzate. Con il campionato a 20 squadre le partite sono tante e bisogna avere una rosa lunga e competitiva perché poi ci sono delle partite infrasettimanali, quindi bisogna avere una rosa di 22-23 giocatori, credo che noi quando recupereremo alcuni elementi potremmo fare bene. Abbiamo giocatori importanti come Cruz e Palumbo che non sono al meglio e sto pensando a recuperarli”.
Domenico Stallone (allenatore Real Giulianova): “Diciamo che il primo tempo era condizionato da errori arbitrali, in particolare del guardalinee, che ha assegnato un gol in fuorigioco al Francavilla ed un altro con la palla che si era fermata sulla linea su parata di Shiba, poi c’è stato un rigore su Di Paolo che non è stato segnalato dopo un quarto d’ora di gioco. Però nonostante questo la squadra ha avuto la forza non solo fisica rispetto alla settimana scorsa dove c’è stata una crescita, ma soprattutto calcistica. Con tre palle gol limpide abbiamo legittimato il risultato che è arrivato ai rigori, però abbiamo cambiato anche assetto tattico in partita, sono entrati anche dei ragazzi giovani, abbiamo giocato nel finale con due 2000 e un 2001 in campo, quindi complimenti a tutti coloro che oggi hanno dimostrato che cosa vuol dire giocare in questo Giulianova, una squadra tosta e solida che non molla mai e che è stata un esempio per tutti. Noi speriamo che ci possa essere ancora la terza partita di coppa perché rispetto alla settimana scorsa siamo stati in crescita, la terza partita ci permetterebbe di avere qualcosa in più, oggi rispetto al Francavilla secondo me nella seconda parte della partita eravamo più in palla fisicamente oltre al discorso calcistico, quindi speriamo di fare anche la terza in modo tale da arrivare al campionato nella condizione giusta avendo fatto una preparazione molto lunga e forte e quindi queste partite ci stanno dando il completamento della preparazione fatta”.

 


Tabellino
Francavilla: Spataro, Bedin, Mele, Milizia, Banegas (17’ st Paravati), Sanchez (21’ st Cicerello), Maiolo (23’ st Palumbo), A. Di Renzo, Bosco, S. Di Renzo, De Costanzo (37’ st Bellanca) A disposizione: Spacca, Talucci, Sanseverino, Sabatino, Nazari Allenatore: Rachini
Real Giulianova: Shiba, Del Grosso, Monaco (32’ st Barlafante), Fuschi, Ferrante, De Fabritiis, Di Paolo (17’ st Frulla), Balducci (32’ st Paladini), Tozzi Borsoi, Forò (32’ st Pierabella), Fazzini (17’ st Fabrizi) A disposizione: Parente, Ricchioni, Africani, Crisci Allenatore: Stallone
Arbitro: Matera (sezione di Matera)
Assistenti: Pizzi (sezione di Termoli) e Martinelli (sezione di Potenza)
Marcatori: 14’ pt Di Paolo, 24’ pt e 27’ pt Banegas, 43’ st Frulla
Ammoniti: Mele, Bedin, Spataro (F) Tozzi Borsoi, Di Paolo, De Fabritiis (RG)
Espulsi: Stallone (allenatore Real Giulianova)
Note: recupero 4’ pt 5’ st, angoli 5-6 per il Real Giulianova

Pubblicato in Sport

Giulianova. L'Unibasket Pescara ha battezzato il suo precampionato al Palacastrum di Giulianova, dove ieri, primo settembre, ha disputato un'amichevole contro i padroni di casa del Giulianova Basket 85, squadra che affronta lo stesso girone della compagine pescarese. Sul parquet si è vista tanta intensità e parecchia cattiveria agonistica e così il test, con il passare dei minuti, si è trasformato in una gara vera più che in una partita amichevole, soprattutto per merito dei padroni di casa che hanno reagito al primo tempo di marca ospite.

Ne è risultata una sfida divertente e godibile, in cui sono emerse le caratteristiche delle due squadre, nonostante ogni compagine abbia iniziato da pochissimo la lunga preparazione al campionato. Quattro tempini con azzeramento del punteggio alla fine di ogni quarto. Pescara ha comandato le operazioni nei primi due quarti (vincendoli 18-15 e 23-17), poi nel terzo è arrivata la reazione perentoria dei padroni di casa, che hanno comandato le operazioni e chiuso 24-13. Nell'ultimo quarto l'Unibasket rientra in partita e si riporta in vantaggio prima della bomba di Innocenzo Ferraro che sigla il 21-21. La matematica dunque dice Giulianova- Pescara 77-75 e complimenti ai locali per la reazione del terzo periodo. Assente Micevic, precauzionalmente tenuto a riposo per un piccolo risentimento al piede.

Il primo quintetto della storia dell'Unibasket Pescara vede in campo Caverni, Leonzio, Potì, Serafini e Capitanelli. Giulianova schiera i suoi quattro senior (Cardellini, Ricci, Ferraro e Azzaro) con l'under ex Palestrina Gobbato. Leonzio e Azzaro sono i protagonisti dei primi attacchi delle rispettive squadre (5-5). La tripla di Cardellini porta avanti i locali, mentre coach Rajola è già attentissimo a ogni dettaglio e chiama subito il primo time out stagionale. Gli esterni pescaresi sono bravi a tagliare la difesa ospite per poi liberare i tiratori e così due triple spettacolari di Potì spaccano il tempino e portano avanti l'Unibasket. Entra Carpanzano e fa vedere di essere bravo anche spalle a canestro, firmando il 15-18 che chiude il primo parziale.

Lo stesso Carpanzano, assieme a Del Sole e D'Eustachio, è nel quintetto che inizia il secondo quarto. Proprio da loro arriva una spinta fondamentale, con D'Eustachio a mettere a segno una tripla e poi un appoggio al vetro in contropiede (4-5). Ancora il tiro da tre punti caratterizza la fuga dei pescaresi, con Carpanzano protagonista e poi con Potì sugli scudi, che sempre dal perimetro chiude il tempino (17-23). Anche in questi frangenti si sono visti ottimi spunti, con il quintetto pescarese capace di reggere la maggiore fisicità dei padroni di casa anche nei momenti in cui, con le varie rotazioni viste in campo, la differenza di tonnellaggio era evidente. Bravo Leonardo Del Sole, classe 2000, capace di tenere il passo dei fisicatissimi lunghi ospiti e chiudere anche un bel gioco da tre punti. Pescara dimostra sin dalla prima uscita che tutti gli esterni possono essere pericolosi sia attaccando il ferro che tirando dai sei metri e settantacinque.

Giulianova reagisce allo svantaggio e torna sul parquet molto carica. La maggiore attenzione e la carica agonistica dei giuliesi portano Pescara a perdere parecchi palloni di troppo e ritrovarsi sotto addirittura 20-4, con Ricci e compagni abili a trasformare tiri liberi in serie e partire in contropiede. Coach Rajola non accetta un black out del genere, nemmeno il primo settembre, nemmeno con le gambe appesantite dai carichi di lavoro e nemmeno se l'aggressività sportiva degli ospiti si avvicina più a una gara di playoff che di preparazione. L'Unibasket esce bene dal secondo time out chiamato e, con Serafini e Potì protagonisti, inverte il trend e si rifà sotto, prima che due bei canestri di Cardellini riportino in gara i giuliesi, abili a chiudere 24-13.

Quando manca l'ossigeno, si può sbagliare qualche scelta e si può tenere un po' troppo il pallone, andando a sbagliare qualche lettura. Se per gestire al meglio la sfida serve una lucidità che, attualmente, forse i ragazzi non possono avere, a trentasette giorni dall'esordio in campionato, di certo alle due squadre non manca la voglia. Senza i lunghi titolari (con Micevic, come detto, a riposo, e Capitanelli fermo ai box perchè... si è distrutta una scarpa!) Pescara tiene botta e trascinata da Leonzio e Serafini si riporta avanti. Giulianova si affida alla garra dei giovani Gobbato e De Ros che, anche con qualche contatto sopra le righe, fanno vedere di avere tanta verve. La tripla di Ferraro, poi, chiude i giochi a favore dei padroni di casa (21-21; 77-75). Un buon test tra due squadre che si affronteranno nuovamente nel pre-campionato e poi durante la stagione regolare.

Questa l'analisi di coach Stefano Rajola: "Una buona partita, in cui abbiamo giocato un ottimo primo tempo. Ci siamo addormentati un pochino durante il terzo quarto, in cui loro hanno aumentato il ritmo e l'intensità. Ci sono voluti due time out e abbiamo ricominciato a giocare anche noi. Naturalmente ci sono tante cose da migliorare, visto che abbiamo iniziato a lavorare sugli aspetti del gioco soltanto da cinque giorni. Ho delle sensazioni molto positive, lavoriamo per costruire una squadra e siamo all'inizio dei tanti mesi di lavoro che occorrono per farlo. Abbiamo iniziato questo cammino con un buon test".

Pubblicato in Sport

Tutto è cominciato una decina di anni fa con una tv locale che copriva tutta la Puglia raccontando in video il territorio attraverso servizi inseriti in un Tg che andava in onda tutti i giorni in fascia serale.
Giovanna, inoltre, è stata la presentatrice di un programma televisivo che andava in onda il sabato in
Subito dopo arriva l’esperienza in ‘voce’ con una radio locale: esperienza intensa e formativa con un team di professionisti ad alto livello.
Dopo qualche anno tra Tv e radio arriva l’esperienza come inviata del format pomeridiano di Telenorba ‘Buon Pomeriggio': Giovanna gira la Puglia con il coordinamento in studio di Michele Cucuzza, raccontando storie tra le più diverse, a volte drammatiche, altre davvero curiose.
Giovanna preferisce definirsi, riferendosi a quel periodo: ‘una presentatrice prestata al giornalismo’.
Il suo volto buca lo schermo tanto da aprirsi per lei anche la porta del cinema con la proposta di entrare a far parte del cast tra i protagonisti principali della sit-com ‘Il Commissario Spiedone’ di Matteo Pedone, che andrà in onda su reti nazionali e web a partire dal prossimo inverno. Lavora con alcuni dei grandi nomi del cinema tra cui Maurizio Mattioli, Francesco Benigno, Gerardo Placido, Alvaro Vitali.
La tv di attualità resta il suo punto di riferimento.
“Sto valutando tanti progetti e proposte. Il nostro è un settore particolare: passi giornate intere a valutare quale sia la migliore, la più conveniente e ti ritrovi poi a lavorare per una realtà televisiva o radiofonica che non avevi mai considerato prima. Quindi nulla è prevedibile”
“Sono soddisfatta perché ho la possibilità di fare uno dei lavori più belli del mondo”
Giovanna è sempre alle prese con La conduzione di serate, incontri, dibattiti, sempre sospesa tra la voglia di raccontare il territorio con il suo bagaglio di storie del vissuto quotidiano e l’interpretazione di personaggi che meglio la identificano davanti a una telecamera o a una macchina da presa.
Come mai la tua scelta di entrare con la THE MAC LIVE MANAGEMENT?
Qualche mese fa sono stata contattata da Antonio Moccia che mi ha proposto di far parte della sua agenzia. Persona seria, determinata e piena di garbo, un professionista. Ecco perché ho deciso di entrare a far parte della “The Mac Live management”.

Pubblicato in Cultura e eventi

Chieti. Una buona Tombesi dà seguito alle indicazioni positive già emerse mercoledì scorso a Rieti e fa sua la seconda amichevole di questo precampionato. Al PalaSantaFilomena di Chieti, i gialloverdi si sono misurati contro un’altra formazione di serie A, il neopromosso Colormax Sikkens Civitella, pur potendo contare su ranghi estremamente ridotti. Senza Piovesan, Burato, Di Matteo e Lara, c’è stato infatti ancora più spazio per i giovani, oltre a un minutaggio più elevato del previsto per i “senatori”. Tra questi ultimi, già in grande forma Rafael Adami, autore della doppietta che, tra primo e secondo tempo, ha rimesso in parità la partita. Dopo il nuovo vantaggio del Civitella (che ha punito una distrazione difensiva degli Ortonesi), la Tombesi ha di nuovo impattato il punteggio con Zanella (secondo gol in altrettante amichevoli), trovando poi la rete della vittoria con Silveira (bravo a sfruttare una grande giocata di Pizzo). Al termine di una gara giocata a ritmi sensibilmente più bassi rispetto a quelli visti contro il Real Rieti, ma anche per lunghi tratti con toni accesi e un nervosismo non da amichevole, mister Ricci ha comunque i suoi motivi per essere soddisfatto:

“Sapevo che c’era il rischio di non partire bene, perché potevamo ancora essere soddisfatti della buona partita giocata contro un grande avversario a Rieti. Ed infatti, nei primi dieci minuti siamo andati male e ci siamo trovati sotto 2-0. La reazione che abbiamo avuto è stata certamente la cosa migliore di questa sera, e in generale la seconda metà del primo tempo è stata partita vera. Nel secondo tempo i ritmi si sono abbassati, cosa che ci ha avvantaggiati riuscendo a coprire le nostre difficoltà dettate dalle tante assenze e da una condizione fisica necessariamente non ottimale. Alla fine abbiamo anche vinto, ma le cose migliori si sono viste in quella seconda metà del primo tempo, e da quelle dovremo ripartire”.

Pubblicato in Sport

Fuerteventura. Verrà inaugurata lunedì 10 settembre alle ore 18, presso il Centro de Arte Canario- Casa Manè a Fuerteventura, la mostra “Kalos 2018 I colori dell’anima”, a cura di Massimo Pasqualone e con la direzione artistica di Mariagrazia Genova. All’inaugurazione interverranno il console onorario Josè Carlos De Blasio, Massimo Pasqualone e Mariagrazia Genova.

L’iniziativa, organizzata dall’associazione culturale abruzzese Irdidestinazionearte, presieduta dallo stesso Pasqualone, ha il patrocinio del Museo Guidi di Forte dei Marmi e del Governatorato delle Canarie.

“Si tratta- come evidenziano Pasqualone e Genova- di uno straordinario progetto culturale, realizzato grazie alla sinergia di diverse istituzioni culturali e reso possibile dall’intervento in primis del Console Onorario Josè Carlos De Blasio, che porta a Fuerteventura una settantina di artisti da tutta Europa, in primis Italia”.

Il Centro de arte Canario - Casa Manè, interessante centro che funge da spazio espositivo e laboratorio artistico, si trova in La Oliva a pochi passi dalla Casa dei Colonnelli. All'interno si trovano le opere di artisti locali come ceramisti, pittori, scultori e fotografi.

“Sono davvero contento - sottolinea il Console – di aver avvalorato con il patrocinio questa interessante mostra e ringrazio l’ associazione Irdidestinazionearte per avere scelto le Isole Canarie come sede per il suo evento internazionale. Saro’ presente all’inaugurazione con la Prof.ssa Mariagrazia Genova direttore artistico dell’evento”.

La mostra resterà aperta fino al 6 ottobre e si avvale di un prezioso catalogo curato dal critico d’arte Massimo Pasqualone.

Questi gli artisti in mostra: Guliana Fusari, Adriana Chiarenza, Monia Ghirardini, Paolo Porreca, Mario Buongrazio, Concetta Iaccarino, Pasquale Cordì, Vincenzo Corsi, Francesco Subrani, Maria Grazia Moro, Carla Di Benedetto, Arcangelo Allegritti, Amilcare Di Paolo, Rossella Caldarale, Rosella Cardella, Canziana Virtù, Maria Facchini, Maria Basile, Assunta Campanella, Licia Croce, Domenico Bellipanni, Carla De Cesaris, Roberta Di Matteo Loredana Di Pietro, Carla Di Tecco, Isabelle Ferrini, Barbara Palestini, Chiara Pompei, Marco Pompei, Sonia Tiberi, Concetta Daidone, Manolita D’Antino, Giuseppe Amoroso De Respinis, Mimmo Emanuele, Carmine Galiè, Rita Ioannacci, Danuta Anna Kida, Korradi, Lillo Magro, Lucia Pelagi, Rosaria Piccione, Annamaria Pirri, Luciano Forlivesi, Maria Strieborna, Maria Stella Polce, Romina Scipione, Nan Yar, Mariapia De Meo, Mario Di Paolo, Carlo Gentili, Emidio Mozzoni, Natalia Cataldi, Italo Pulcini, Luigi Pierantozzi, Giulietta Straccia, Giorgina Violoni, Matilde Menicozzi, Rita Di Marcantonio, Cecilia Dionisi, Paolo Piunti, Davide Iacovella, Mariangela Del Vecchio, Liberata Mizzoni, Nik Metani, Angela Barratta, Anna Miccoli, Giovanna Maffei, Erika Ledonne.

Pubblicato in Cultura e eventi
Pagina 1 di 2

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Notizie Recenti

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione