Francavilla al Mare. Tutto esaurito all’Auditorium-Teatro Sirena di Francavilla al mare per il “Premio Culturale MuMi” kermesse di cultura e solidarietà presieduta dal compositore e regista Davide Cavuti.
Applauditissima la performance dell’attore Fortunato Cerlino (il don Pietro Savastano nella fiction di Sky “Gomorra) che ha firmato e fatto selfie con i numerosi fan intervenuti.
La serata, condotta dalla giornalista Mila Cantagallo, ha avuto un prologo musicale a cura del trio Maurizio Paludi, alla chitarra, Berardo Lannutti alla tromba e Francesco D’Alessandro al basso dell’Accademia Musicalmente di Francavilla diretta da Davide Candeloro.
Successivamente la video-sigla ha segnato l’inizio dell’edizione numero quindici interamente dedicata alla “Fondazione Ada Manes – for children onlus” a cui è stato consegnato il riconoscimento come “Ente impegnato nella solidarietà”: la “Ada Manes Foundation for Children Onlus” , la cui mission è di facilitare le terapie chirurgiche dei bambini di ogni luogo e provenienza sociale, opera nei “Paesi a Risorse Limitate” dove lavora partecipando a numerose missioni di Chirurgia Pediatrica: dal 2016 al 2018 per cinque volte in Haiti (di 21 gg l’una), per la formazione in chirurgia pediatrica di due giovani chirurghi generali. Tale formazione avviene nell’ambito del progetto della Fondazione Francesca Rava-NPH Italia Onlus di attivazione di un reparto di Chirurgia Pediatrica, presso l’Hopital Saint Damien di Port au Prince–Haiti , unico ospedale pediatrico dei Caraibi.
“Non bisogna eludere l’obbligo morale di occuparsi dei più deboli nella cultura dell’amore e del rispetto che ha bisogno però di concretizzarsi nell’agire di ciascuno di noi” ha dichiarato il presidente Davide Cavuti all’inizio della serata.
Il riconoscimento è andato anche alla dottoressa Maria Grazia Andriani presidente della Fondazione e attiva in prima persona nei vari progetti internazionali. Il riconoscimento è stato consegnato dal vice-sindaco di Francavilla Francesca Buttari. Un video dei vincitori delle passate edizioni, il maestro Giorgio Albertazzi e il comico Gabriele Cirilli, ha ricordato l’importanza di questo premio di levatura nazionale; a seguire l’esibizione di Piero Mazzocchetti con il brano “Parlami d’amore Mariù”, canzone interpretata per la prima volta nel 1932 da Vittorio De Sica nel film “Gli uomini, che mascalzoni..”. Successivamente sul palco è salito il presidente del Premio MuMi, Davide Cavuti, che ha ringraziato il numeroso pubblico intervenuto a Teatro (questa volta nella veste di direttore del Teatro Sirena) e presentato brevemente la stagione teatrale 2018-2019 che vedrà protagonisti grandi interpreti quali gli attori Edoardo Leo, Luca Argentero, Antonello Fassari, Sergio Sgrilli e per la musica il maestro Uto Ughi, Scott Henderson, Fabrizio Bosso, Roberto Gatto, Daniele Sepe e molti altri ancora.
In platea erano presenti i rappresentati di numerose associazioni di solidarietà (“Fidas - Donatori sangue”, “Orizzonte”, “Kiwanis”, “AAS per la solidarietà” e molte altre) per una rassegna che da anni è vicina alle persone che soffrono e alle associazioni che operano nel sociale. Il Premio, denominato il “tronchetto della solidarietà”, è stato realizzato dall’Associazione Orizzonte presieduta da Michela Mattoscio, presente in sala con alcuni ragazzi dell’associazione. In prima fila anche il manager sportivo Dino Zampacorta e l’ex calciatore del Pescara Gianluca Colonnello, sempre vicini alle manifestazioni di solidarietà e sport.
Il momento clou della serata è stato quello della consegna del premio, da parte del vice-presidente del Consiglio Regionale d’Abruzzo Lucrezio Paolini, a Fortunato Cerlino, per la sezione ”Miglior attore dell’anno” l’attore napoletano Cerlino ha incantato il pubblico con la lettura di alcuni passi dal suo ultimo libro “Se vuoi vivere felice” edito da Einaudi.
A conclusione del pomeriggio di cultura e solidarietà, Piero Mazzocchetti ha regalato emozioni con l’interpretazione del “ Nessun Dorma”, applauditissimo da tutto il pubblico presente e che ha preceduto la consegna di un assegno, da parte di un benefattore che è voluto rimanere nell’anonimato, all’Associazione Orizzonte. L’appuntamento è per la sedicesima edizione del Premio che si preannuncia ricca di sorprese e di emozioni.

Francavilla al Mare. Voucher destinati a chi assiste un familiare disabile, e per la sua missione di cura non può svolgere altra occupazione. Si tratta del progetto Care Family, vinto dagli ambiti sociali di Francavilla (Capofila),  Guardiagrele e Chieti, a valere sul Fondo Sociale. Ad esporne i dettagli in conferenza stampa sono state il Vicesindaco del Comune di Francavilla, Francesca Buttari, anche assessore alle Politiche Sociali,  ed Inka Zulli, assessore al Sociale del Comune di Guardiagrele. L'intervento, che copre un finanziamento totale di 320mila euro, prevede un sussidio a favore di chi si occupa di un familiare disabile h24, e che per questo non riesce a svolgere altra prestazione lavorativa. Il beneficio è concesso sotto forma di voucher, che potrà essere utilizzato per acquisire servizi quali l'assistenza domiciliare, sollievo, supporto psicologico e così via. "Collateralmente", spiega il Vicesindaco Buttari, "gli stessi beneficiari avranno la possibilità di frequentare un corso di formazione per assistenti familiari, avendo così modo di acquisire anche una competenza certificata e spendibile sul mercato del lavoro. Questo è un elemento molto importante, che supera nel tempo e nel valore il beneficio concesso col voucher perché è un'opportunità che permette di acquisire una professionalità". Nelle prossime settimane verrà predisposto un avviso, sulla base del quale verrà stilata una graduatoria che ammetterà al sussidio 55 Caregiver, che potranno ottenere buoni fino a 300 euro mensili in base ai requisiti posseduti. Nel corso della conferenza stampa è stata sottoscritta l' Associazione Temporanea di Scopo fra i partner: ECAD 9 (con Ente Capofila Francavilla); ECAD 13 ( con capofila Guardiagrele); ECAD 8 (con capofila Chieti), e i due soggetti privati  Ente di  Formazione Azzurra (Chieti) e Associazione AMA (San Giovanni Teatino), rispettivamente rappresentati da Loris Di Fabio (Azzurra), Elena Anna Fiore e Nicola Santarelli (Ama) in allegato, nella foto di gruppo con Buttari e Zulli.

Francavilla al Mare. É Diana Victoria Rossi l’astro nascente dell’equitazione abruzzese. Ieri, la promettente amazzone di Francavilla al Mare, di soli 11 anni, nei Campionati Regionali di Dressage Abruzzo di stanza, gli scorsi 13 e 14 ottobre, a San Giovanni Teatino ( Ch), nell’impianto dell’ASD CIRCOLO IPPICO ALL'IPPODROMO, si é aggiudicata, in sella a Tamerlan, il I posto nella prima prova valevole per il Trofeo esordienti Pony. Una prestazione che, però, non ha bissato nella gara del giorno successivo, quella del 14 ottobre, che l’ha vista, comunque, guadagnarsi un gradino del podio. Prestazioni importanti che le hanno regalato la soddisfazione di conquistare un’onorevolissima medaglia d’argento. Anni e genio sportivo giocano, tuttavia, a favore della talentuosa amazzone abruzzese che, presto, farà vedere tutto il suo valore.

Francavilla al Mare. Il cartellone 2018/2019 del Palazzo Sirena, diretto dal maestro Davide Cavuti, propone un calendario di appuntamenti ricco e variegato e suddiviso in quattro sezioni: “Spettacoli teatrali”, “Musica”, “Cinema” e “Progetti speciali” con una particolare attenzione verso i giovani.
L’inaugurazione è affidata ad uno degli attori più richiesti del cinema italiano: Edoardo Leo porterà in scena lo spettacolo “Ti racconto una storia” con le musiche di Jonis Bascir aprendo la stagione teatrale del Palazzo Sirena venerdì 24 novembre. Per la sezione “Spettacoli teatrali” ci sarà, inoltre, la partecipazione di Luca Argentero con lo spettacolo “E' questa la vita che sognavo da bambino?” (15 febbraio) scritto da Gianni Corsi e Luca Argentero in un vero e proprio debutto teatrale per l’amato attore torinese. Antonello Fassari, volto noto al grande pubblico del cinema per le interpretazioni in “Romanzo Criminale” e “Suburra” e protagonista della fiction “I Cesaroni”) andrà in scena con la piece “Che amarezza” (29 marzo 2019); lo spettacolo “Reparto Amleto” di Lorenzo Collalti con Luca Carbone, Flavio Francucci, Cosimo Frascella, Lorenzo Parrotto ( 12 aprile 2019) sarà allestito al Palazzo Sirena con la produzione del “Teatro di Roma”; “Visioni di un insonne malato d’amore” (11 maggio) è lo spettacolo che vedrà come interprete e autore Sergio Sgrilli, uno dei volti più amati di Zelig e non solo.
Di assoluto livello la proposta musicale che per la sezione “musica classica”, vedrà la partecipazione di tre virtuosi del violino: il “francavillese” Riccardo Bonaccini, violinista dell’Orchestra Nazionale dell’Accademia di Santa Cecilia e dei Filarmonici di Roma, (21 dicembre); Ettore Pellegrino (violinista che collabora con realtà musicali tra cui l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, il “Teatro alla Scala” di Milano) proporrà un concerto con l’Orchestra Sinfonica dal titolo “Paganini in swing” diretto da Roberto Molinelli (1 marzo); ultimo appuntamento con la musica classica sarà affidato ad uno dei più grandi violinisti del mondo, il Maestro Uto Ughi che sarà in concerto a Francavilla con il suo Recital accompagnato dal pianista Bruno Canino (15 marzo, fuori abbonamento). Per la sezione “Musica jazz” gli ospiti saranno Fabrizio Bosso (14 dicembre) con il suo Spiritual Trio, “Cronosisma”, la nuova avventura musicale in quartetto di Roberto Gatto e Daniele Sepe (18 gennaio) e il Trio del chitarrista americano Scott Henderson (chitarrista che a Los Angeles ha suonato e registrato, tra gli altri, con Chick Corea's Elektric Band e con il violinista Jean-Luc Ponty) in trio con Romain Labaye e Archibald Ligonnière (4 aprile). Non mancherà un angolo dedicato ai giovani concertisti con una mini rassegna di tre appuntamenti (7 febbraio, 3 maggio, 30 maggio).
Assoluta novità i “progetti speciali”: tornerà il “Festival Alessandro Cicognini” giunto alla nona edizione (23 -26 gennaio) con un tributo al genio compositivo del celebre Maestro Cicognini, francavillese e considerato uno dei capostipite della musica da film a livello mondiale: proiezioni di pellicole dell’epoca e film attuali, incontri con personaggi del mondo del cinema e la “Serata di Gala” prevista il 25 gennaio (anniversario della nascita di Cicognini) con la presenza di ospiti del mondo della cultura.
Il cinema sarà inoltre protagonista con la rassegna a cura dell’Associazione “Alphaville-nonsolocinema” che proporrà, ogni lunedì (ingresso libero), proiezioni a tema: ’68/ la contestazione (rassegna autunnale), “lo specchio senza volto” (rassegna invernale), “il sale della terra” (rassegna primaverile).
Novità assoluta per Francavilla sarà il “Festival della Scienza e dell’Ingegneria”, evento dedicato alle giovani generazioni, realizzato in collaborazione con personalità del mondo della ricerca scientifica, professionisti e docenti universitari con il patrocinio della “Società Italiana della Scienza e dell’Ingegneria”: la kermesse avrà lo scopo di diffondere il sapere scientifico, coniugando la cultura scientifica con il mondo dei giovani sensibilizzandoli e avvicinandoli ai vari insegnamenti universitari e post-universitari e non solo.
Il terzo progetto speciale della stagione del Sirena è intitolato “Francavilla e i suoi personaggi” con un omaggio a Gabriele D’Annunzio nel centenario della sua impresa a Fiume: in prima nazionale, andrà in scena il Recital “Fiume di gloria e d’amore” con Milo Vallone e Franca Minnucci e la voce della cantante Candida Libera D’Aurelio.
Due le tipologie di abbonamento per il pubblico: “Abbonamento Intero” al costo di 130 euro (spettacoli teatrali e sezione musica); “Abbonameto Musica” al costo di 50 euro (Musica classica e Musica jazz). Il concerto del Maestro Uto Ughi è fuori abbonamento.

Francavilla al Mare. Nell’ambito delle iniziative di incontro con il mondo delle categorie produttive, associazioni ecc : “il Percorso, il Progetto - Le 305 Tappe”, venerdi 12 ottobre, alle ore 18.00 a Francavilla al Mare (CH) presso il Museo Michetti , si terrà un incontro generale con le Associzioni culturali abruzzesi indetto da Fabrizio Di Stefano per discutere delle proposte programmatiche relative alla Cultura che il prossimo Governo regionale dovrà adottare.

Chieti. Arcigay Chieti intende rispondere al recente esposto-denuncia portato avanti da un'associazione contro il sindaco di Francavilla al Mare per aver trascritto nell'anagrafe comunale una bimba (attualmente di due anni e mezzo) nata da una coppia omosessuale di donne, riconoscendone come madri entrambe le donne. Per noi si tratta di un'ingerenza vergognosa nei confronti di una coppia e dei suoi affetti più profondi, ancora più intollerabile perché condotta da persone che si dovrebbero richiamare alla difesa della famiglia.

"Sorvolando sui singoli argomenti della dichiarazione di questa associazione - si legge in una nota - che potremmo facilmente smontare punto su punto, ma perderemmo di vista la centralità del tema e cioè la felicità di questa famiglia vergognosamente attaccata - vogliamo far rilevare quanto l'affermazione circa il diritto dei bambini ad avere una mamma e un papà sia solo strumentale. Non si chiedono evidentemente questi ipotetici difensori della famiglia di cosa abbiano realmente bisogno i bambini: essere amati, accuditi, indirizzati, sostenuti, compresi. La visione di questa associazione della ipotetica famiglia felice è di un solo tipo, tradizionale, ancorata ai valori cristiani. Ebbene vogliamo dare loro una notizia: esistono famiglie non tradizionali (così come sono sempre esistite nel passato famiglie monogenitoriali, matriarcali o con differenti canoni e componenti), esistono e anche se loro infantilmente si tappano le orecchie e gli occhi e gridano per non sentire, queste famiglie sono felici, pienamente realizzate e i bambini sono davvero amati, accuditi, sostenuti, indirizzati, compresi. Non si capisce davvero quale scopo abbia questo loro ricorso, se non quello di privare una bambina dei diritti fondamentali di essere amata dalle persone che l'hanno desiderata e cresciuta. Nel vostro gridare con occhi e orecchie chiusi credete davvero che i diritti della bambina siano rispettati? Cosa immaginate che penserà la bambina quando da grande apprenderà che alcune persone hanno tentato di allontanarla dalle uniche persone al mondo che davvero mai sono state importanti e sempre lo saranno per lei? E' questo il loro concetto di difesa della famiglia?

Ancor più ci indigna questa mossa strumentale, anche considerando i recenti attacchi vergognosi - provenienti purtroppo anche da esponenti del governo - nei confronti del mondo LGBT che da più parti siamo costretti ad ascoltare ogni giorno sempre di più. Gente che non ha di meglio da fare o pensare se non ideare metodi per sottrarre diritti agli altri, diritti che tra l'altro non ledono quelli di alcuno.

Respingiamo inoltre al mittente le minacce velate contenute nella nota dell'associazione contro quei sindaci che hanno secondo noi a cuore la felicità delle persone, e ci schieriamo a fianco degli amministratori coraggiosi e illuminati che in tutta Italia ogni giorno devono subire questo tipo di intimidazioni".

 

Francavilla al Mare. "Quanto appreso dalla stampa di oggi, in merito all'esposto contro il sindaco da parte delle associazioni "Noi per la Famiglia" e "Difesa dei valori" e' una vera a propria strumentalizzazione politica, compiuta a orologeria ed in modo deplorevole, sulla pelle delle famiglie e dei bambini. Noi siamo altro e da anni aministriamo portando avanti, di contro, una strenua e convinta difesa dei diritti civili". E' la posizione dell'amministrazione comunale di Francavilla al Mare in merito alla denuncia presentata contro la decisione di giugno scorso del Sindaco di Francavilla, Antonio Luciani, di trascrivere una bimba di due anni e mezzo all'anagrafe col cognome di due mamme, mamme che lo stesso primo cittadino aveva unito civilmente due anni prima. A rispondere nel merito è il Vice Sindaco di Francavilla al Mare, Francesca Buttari, anche assessore alle politiche sociali. "Quello della piccola francavillese è stato in Abruzzo il primo caso di omogenitorialità, ma non il primo né l'unico in Italia. A fare la stessa civile scelta sono stati i comuni di Milano, Torino, Sesto Fiorentino, Palermo, Bologna, Catelmaggiore ed altri, e tutti allo stesso modo: attraverso cioè la mera applicazione della legge 40, che disciplina la fecondazione eterologa. Oltre al merito politico, di cui siamo profondamente convinti, le nostre scelte sono supportate dalla legge, al contrario di quello che sostegno le due organizzazioni ultra conservatrici. In più di una caso la giurisprudenza si è già pronunciata sul tema: a Torino, ad esempio, il Tribunale è intervenuto con apposito decreto confermando che non vi sia stata alcuna forzatura giuridica , ma la corretta interpretazione della legge 40 del 2004. Cosi hanno fatto anche i tribunali di Pistoia, Bologna ed altre città. L'esposto, invece, cavalca un'onda populista in momento politico delicato, con le elezioni regionali ed europee alle porte, barattando per una manciata di voti la serenità di tante famiglie. Francavilla si è sempre distinta per la difesa dei diritti civili. Siamo stati i primi in Abruzzo a trascrivere un matrimonio omosessuale celebrato all'estero, ancora prima della Legge Cirinnà sulle unioni civili. Questa è la strada che l'amministrazione continuerà a percorrere, sicuri che l'amore sia l'unico denominatore comune in grado di tenere salde le radici di una famiglia".
Sul punto interviene anche Mirko Di Muzio, segretario cittadino del Circolo del Partito Democratico: "Apprendo con stupore l'esposto dell'associazione NOI PER LA FAMIGLIA. È un vero e proprio salto nel passato. Nel terzo millennio voler intendere come famiglia la sola tradizionale è un concetto superato e fuori contesto. Queste azioni dimostrano un'incapacità nel capire e nell'accogliere le diversità, intese come libera scelta dell'individuo, che, invece di diventare una fonte di ricchezza basata sulla crescita e sullo sviluppo, viene strumentalizzata e sfruttata all'occorrenza. Nel merito, credo che la speculazione mediatica sulla bambina, dovrebbe proprio far riflettere queste associazioni che nel voler tutelare i minori li espongono a vergognose gogne mediatiche. La famiglia è il luogo in cui regnano il rispetto e l'amore, e finché ci saranno questi principi noi difenderemo tutte le famiglie".

Francavilla al Mare. Si terrà domenica 14 ottobre alle ore 18 all’interno dell’Auditorium di Palazzo Sirena, la quindicesima edizione del “Premio Culturale MuMi” che vedrà la partecipazione straordinaria dell’attore Fortunato Cerlino (il don Pietro Savastano nella fiction di Sky “Gomorra). La serata, condotta da Mila Cantagallo, sarà interamente dedicata alla “Fondazione Ada Manes – for children onlus” che è presieduta dalla dottoressa Maria Grazia Andriani ”) e sarà impreziosita dalla presenza del tenore Piero Mazzocchetti.
Durante la cerimonia di premiazione verrà presentata in anteprima la stagione teatrale 2018-2019 del Palazzo Sirena con uno speciale sconto per chi sottoscriverà l’abbonamento nella serata stessa.
Il “Premio Culturale MuMi” è stato fondato ed è presieduto dal compositore e regista francavillese Davide Cavuti e nel corso degli anni il riconoscimento è stato assegnato a grandi personaggi del mondo della cultura e dello spettacolo quali Ugo Pagliai, Giorgio Albertazzi, Ambra Angiolini, Michele Placido Gabriele Cirilli, Lino Guanciale, Arnoldo Foà, Grazia Di Michele, Paola Gassman, Edoardo Siravo, Dacia Maraini e ha coinvolto associazioni che operano in favore dei più deboli quali l’Arda, l’Ail, Amico, Unicef, Fondazione Il Cireneo, etc.
Per la quindicesima edizione, il Premio MuMi è stato assegnato per la sezione ”Miglior attore dell’anno” a Fortunato Cerlino, per la sua interpretazione del boss don Pietro Savastano nella fiction di Sky “Gomorra”: l’attore napoletano Cerlino è attivo, oltre che in Tv, anche al Cinema e in Teatro. È, inoltre, autore del libro “Se vuoi vivere felice” edito da Einaudi.
“Non bisogna eludere l’obbligo morale di occuparsi dei più deboli nella cultura dell’amore e del rispetto che ha bisogno però di concretizzarsi nell’agire di ciascuno di noi” si legge nelle note di regia della serata.
Ospite musicale d’eccezione sarà il cantante Piero Mazzocchetti, già vincitore del Premio MuMi nel 2010 e ambasciatore Unicef. Saranno presenti numerose associazioni di solidarietà per una rassegna che da anni è vicina alle persone che soffrono e alle associazioni che operano nel sociale. Il Premio, denominato il “tronchetto della solidarietà”, verrà realizzato dall’Associazione Orizzonte presieduta da Michela Mattoscio.
Alla “Fondazione Ada Manes” andrà il riconoscimento come “Ente impegnato nella solidarietà”: la “Ada Manes Foundation for Children Onlus” nasce a Pescara con lo scopo di facilitare le terapie chirurgiche dei bambini di ogni luogo e provenienza sociale, con particolare attenzione alla formazione in chirurgia pediatrica del personale medico nei Paesi a risorse limitate. Nei “Paesi a Risorse Limitate”, la Fondazione ha lavorato in associazione con altre non profit, partecipando a numerose missioni di Chirurgia Pediatrica: dal 2016 al 2018 per cinque volte in Haiti (di 21 gg l’una), per la formazione in chirurgia pediatrica di due giovani chirurghi generali. Tale formazione avviene nell’ambito del progetto della Fondazione Francesca Rava-NPH Italia Onlus di attivazione di un reparto di Chirurgia Pediatrica, presso l’Hopital Saint Damien di Port au Prince–Haiti , unico ospedale pediatrico dei Caraibi.

Francavilla al Mare. "Ieri in Consiglio Comunale abbiamo assistito all’ennesima umiliazione della Nostra amata Francavilla. Il Sindaco ha annunciato di aver ritirato le dimissioni, dichiarando di ridepositarle entro il 6 ottobre (sarebbe la quarta volta che si dimette da quando è stato eletto!)".
Lo affermano in una Alessandro Mantini, vicepresidente del Consiglio Comunale e capogruppo di Centrodestra per Francavilla, e Daniele D’Amario, capogruppo di Forza Italia, che aggiungono: "E questo perché avrebbe bisogno di altro tempo per decidere se candidarsi alla presidenza della regione o restare a ricoprire la carica di Sindaco. In effetti sembrerebbe che non sia proprio Luciani ad avere bisogno di tempo bensì l’ex vice presidente del CSM Giovanni Legnini il quale non ha ancora deciso se candidarsi alla presidenza della regione Abruzzo per la coalizione di centrosinistra. Luciani quindi sarebbe la seconda scelta del PD, che lo candiderebbe solo allorché Legnini rifiutasse la candidatura. Luciani in più occasioni ha decantato il proprio amore per Francavilla, ma alla luce del suo comportamento è evidente l’esatto contrario: non vede l’ora di lasciare Francavilla per poltrone di maggior prestigio. Tutto ciò ha comportato il ritiro in consiglio comunale di argomenti molto importanti per Francavilla, dal Piano Demaniale Marittimo alla discussione sui loculi cimiteriali. Francavilla è da settimane ostaggio di Legnini, Luciani, del PD e dei suoi dirigenti".

Francavilla al Mare. "Nell'attesa del progetto di questa amministrazione di privatizzare i parcheggi per i prossimi cinque lustri, Fratelli d'Italia è contro la politica del fare cassa a tutti i costi con l'abuso del disco orario. Prendiamo atto che, finita la stagione del parcheggio a pagamento, inizia quella dissennata del disco orario, ma dove devono parcheggiare i cittadini francavillesi? Registriamo le lamentele dei residenti che non sanno dove lasciare le loro auto per rientrare a casa e la loro rabbia perché sono consapevoli che questo sistema serve solo a fare multe! Ricordiamo al Sindaco che in questa città esistono anche le necessità dei residenti che non possono essere trattati come bancomat. Al contrario, in tempi così conflittuali, riteniamo più opportuno utilizzare la Polizia Municipale per il controllo del territorio e per la sicurezza dei cittadini." Lo afferma in una nota il portavoce di Fratelli d'Italia, Carmine Di Giovanni.

Pagina 1 di 45

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione