L'Aquila. Il Sottosegretario d'Abruzzo Mario Mazzocca, neo Sovrintendente all’Ufficio Speciale per la Ricostruzione, ha formalizzato per conto della Regione Abruzzo l'adesione alla Carta degli Appennini coordinando la partecipazione dei primi ventinove Comuni abruzzesi.

La firma è stata apposta al documento dallo stesso Sottosegretario, nel tardo pomeriggio di martedi, in occasione della Conferenza Internazionale sulla Green Economy e Ricostruzione Post Terremoto nella Regione Appenninica che ha avuto luogo presso l'Università di Camerino proprio in questi giorni.

“Tra gli obiettivi principali cui tende la Carta degli Appennini - spiega il Sottosegretario Mazzocca - vi è una sempre maggiore consapevolezza dei cittadini circa le opportunità e i rischi connessi ai cambiamenti climatici a livello locale, il favorire le misure di competenza delle amministrazioni comunali nella prospettiva di valutare la capacità di gestire e rispondere efficacemente agli impatti dei cambiamenti climatici allo scopo di pervenire alla stesura di una strategia locale di adattamento in linea con quella a livello regionale, nazionale ed europeo”.

Questi i Comuni interessati, tra cui l'importante presenza del capoluogo di regione. Per la Provincia de L'Aquila: L'Aquila, Secinaro, Fontecchio, Ortona dei Marsi, Ovindoli, Sulmona, Cagnano Amiterno, Roccaraso, Molina Aterno, Capitignano, Pacentro, Scanno, Corfinio; per la Provincia di Pescara: Caramanico Terme, San Valentino in Abruzzo Citeriore, Serramonacesca, Montebello di Bertona, Pescosansonesco, Villa Celiera e Lettomanoppello; per la Provincia di Chieti: Rapino, Tollo, Guardiagrele e Pretoro; per la Provincia di Teramo: Civitella del Tronto, Campotosto, Rocca Santa Maria, Campli e Isola del Gran Sasso.

A latere della firma dell'importante documento, il Sottosegretario è intervenuto nella sessione1 della Conferenza incentrata sul tema “Green economy e risorse naturali” nel corso della prima giornata dell'evento, mentre, nella mattinata della seconda giornata, ha partecipato alla tavola rotonda "Possibilità offerte dalla green economy nel disegno di politiche e azioni per la ricostruzione post-terremoto".

Nel complesso, sono stati posti a sistema metodi ed esperienze ragionando sulle priorità condivise e sulle opportunità offerte dal territorio ai settori coinvolti nei processi di innovazione (energia, filiere agro-alimentari, manifattura, turismo e servizi). Oltre a ciò è stato fatto il punto della situazione su un modello per la green economy in aree complesse componendo e selezionando metodologie e buone pratiche all'intento di una cornice ad hoc per lo studio di una strategia di sviluppo green nella regione appenninica, coerente con i bisogni locali, integrata a livello istituzionale e in linea con obiettivi internazionali quali mitigazione e adattamento ai cambiamenti climatici e diminuzione del consumo di suolo.

L'evento è stato organizzato e promosso dall'Eurac Research e dalla Delegazione Italiana in Convenzione delle Alpi - Ministero dell'Ambiente, sulla scia di quanto nelle Alpi è stato fatto e ancora si sta portando avanti in materia di Green Economy (Sesta Relazione sullo stato delle Alpi "La green economy nella regione alpina", 2017).

Pescara. Il Sottosegretario Regionale Mario Mazzocca su ultimi sviluppi delle indagini relative alla tragedia dell'Hotel Rigopiano: "Non ho alcun commento da fare sia per rispetto delle vittime sia dei loro familiari e anche per il lavoro che sta svolgendo la magistratura inquirente e che mi risulta al momento non essere ancora concluso. Per quanto mi riguarda, ho ragione di ritenere che sussistano le condizioni affinchè la vicenda possa chiarirsi nel più breve tempo possibile".

Pescara. «Rispondendo prontamente all’invito ricevuto da parte del presidente della provincia Angelo Caruso ed all’accorato appello del Sindaco di Pacentro Guido Angelilli, oggi, per tramite del Dirigente del Genio Civile di L’Aquila Giancarlo Misantonida me preallertato per tempo al riguardo,abbiamo partecipato al sopralluogo sulla strada regionale 487 in territorio pacentrano per dare un nostro contributo alla soluzione della grave empasse creatasi». Interviene così il Sottosegretario d’Abruzzo Mario Mazzocca sulla vicenda che ha interessato l’interruzione al traffico veicolare della ex strada statale a tre km dal borgo pacentrano, che aggiunge come «pur in assenza di specifiche competenze regionali sulla materia, quale ex Sindaco e cittadino di una comunità montana limitrofa, non potevo esimermi da un simile impegno, che anzi mi ha sollecitato ad intervenire sul tema con toni perentori dando così risposta pubblica alle tante telefonate che mi sono arrivate da parte di cittadini inferociti e preoccupati per la situazione. Il Presidente Caruso, il Sindaco Angelilli e l’Ing.Misantoni, che ringrazio per lo spirito collaborativo mostrato, mi hanno appena comunicato la positiva soluzione della vicenda che consentirà la riapertura del tratto stradale in tempi brevi».
«L’apposizione di blocchi di cemento – continua Mazzocca – in un tratto stradale fondamentale per la zona rasenta l’assurdità.L’isolamento preventivo e scriteriato porta al repentino degrado delle attività commerciali, produttive e turistiche del territorio, le quali assorbono buona parte della forza lavoro attiva dell’area creando reddito e dignità per le popolazioni locali. Viste le difficoltà in cui versano le Province, complice una scelta scellerata, la Regione Abruzzo ha ripetutamente sopperito alla mancanza del governo centrale provvedendo a più riprese a stanziare fondi cospicui per il ripristino di condizioni viarie accettabili della rete provinciale. Tuttavia, l’atteggiamento noncurante e asettico di una certa burocrazia linciante sta creando esasperazione e sconcerto. Siamo in piena stagione primaverile, proprio quando è prevista l’intensificazione dei flussi turistici della zona. E come può, la comunità, presentarsi con tale cartolina d’ingresso? Cosa diremo poi agli albergatori, ai ristoratori e a chi ha preferito rimanere piuttosto che migrare, investendo la propria esistenza a favore della sopravvivenza della cultura montana che gran parte d’Italia ci invidia?».
«Proprio ieri – conclude il Sottosegretario – sono stato ricevuto dai vertici ANAS regionali per contribuire allo spedito trasferimento della titolarità di questa ed altre arterie dalle Province; recentemente, infatti, è stato pubblicato in gazzetta il decreto che consentirà, una volta sottoscritti i relativi atti convenzionali, al materiale passaggio ad ANAS della relativa rete stradale nelle prossime settimane. Ma una cosa va detta con chiarezza: la responsabilità stavolta non è della politica ma di qualche burocrate che ha deciso per tutti e contro tutti, confutando nei fatti tutta la teoria di Max Weber sulla bontà di questo strumento.Anzi inizio a convincermi ora dopo ora che la radice di molti mali in Italia sia proprio dovuta a questi orientamenti che trovano nella legge Bassanini la più alta espressione e legittimazione dello strumento tecnico rispetto al dialogo politico. Seguirò direttamente la vicenda e solleciterò tutti sulla questione, che va risolta in fretta. Di isolamento si muore e nemmeno lentamente. Lunga vita alle comunità della montagna abruzzese e ai suoi abitanti resilienti».

L'Aquila. Il Sottosegretario Regionale Capogruppo di Art.1 Mdp Abruzzo Mario Mazzocca e l'Assessore Marinella Sclocco del Gruppo Mdp in Consiglio Regionale esprimono soddisfazione per l’approvazione del progetto di legge n. 472 del quale è stato proponente lo stesso Mazzocca con il collega Pierpaolo Pietrucci e che assegna per l’anno 2018 al Dipartimento della Giunta Regionale competente una somma pari ad euro 720.000,00 al fine di dare copertura alla quota di compartecipazione di competenza della Regione pari al 40% dell'assegnazione relativa al fondo integrativo statale necessaria per la concessione delle borse di studio.

“Con questo provvedimento - dichiarano il Sottosegretario Mazzocca e l’Assessore alle politiche sociali Sclocco - la Regione oggi ha attuato un importante aspetto del diritto allo studio, qual è appunto quello dei sussidi concessi attraverso le borse di studio. Certo, a causa delle compatibilità del bilancio regionale, si tratta di una risposta parziale ai timori nutriti da tanti studenti che frequentano le Università abruzzesi. A proposito di esiguità delle risorse, è doveroso ricordare che, senza la disponibilità dimostrata dall’Assessore al Bilancio Silvio Paolucci, non sarebbe stato possibile neanche questo primo passo per rendere un po’ più effettivo il diritto allo studio".

Il provvedimento, licenziato all’unanimità, è stato approvato oltre che da Mazzocca e Sclocco anche dai consiglieri di maggioranza Pietrucci, Paolucci, Di Nicola, Berardinetti, Paolini, Monaco, Di Pangrazio, Mariani, Balducci, Pepe, D’Ignazio e dagli otto consiglieri di minoranza presenti Sospiri, Febbo, Marcozzi, Smargiassi, Mercante, Ranieri, Pettinari e Bracco.

Pescara. «Le iniziative che si vogliono sviluppare ad Atessa, in Val di Sangro, promosse da privati, sono in contrasto con i progetti che la Regione, attraverso il Piano di Gestione Integrata dei Rifiuti, ha di recente approvato. Infatti l’obiettivo che l’esecutivo regionale vuole raggiungere è dotare la nostra regione di un’impiantistica, soprattutto pubblica, che sia in grado di rendere l’Abruzzo autosufficiente nella gestione della filiera del riciclo e del riuso e del recupero di materia. Ciò che non vogliamo è che aree abitate del nostro territorio, con vocazione produttiva, turistica o agricola di qualità, vengano utilizzate per insediamenti dedicati a trattare rifiuti provenienti in massima parte da fuori regione in quanto decisamente sovradimensionati rispetto alle esigenze del nostro territorio».
Con queste considerazioni il Sottosegretario alla Presidenza della Giunta RegionaleMario Mazzocca è intervenuto nella discussione aperta dal Sindaco di Atessa, subito seguito da altre Amministrazioni comunali, comitati di cittadini e associazioni ambientaliste sulla proposta di riaprire la CIAF per lo smaltimento di fanghi industriali, da parte di EcoeridaniaSpA di Genova, nonchésu quella della ditta Eugenio Di Nizio di Mafalda (Campobasso) per la sterilizzazione di rifiuti infettivi e altro.
«Ho preso atto con grande attenzione delle motivazioni tecniche addotte dalle amministrazioni locali, dalle associazioni e dai cittadini a sostegno della loro contrarietà ai due progetti – conclude Mazzocca – e posso assicurare se ne terrà dovutamente conto nel processo di valutazione attualmente in corso negli organi previsti dalla legge. In ogni caso annuncio che parteciperò alla manifestazione del 19 maggio ad Atessa perché ritengo comunque che una politica che tenga al centro la sostenibilità ambientale nella Val di Sangro sia utile e necessaria per garantire un distretto di eccellenza riconosciuto a livello europeo».

Pescara. “La conferma del sensibile miglioramento della qualità delle acque nel mare d'Abruzzo giunge dalla Fee che ha premiato i Comuni di Tortoreto (Spiaggia del sole), Giulianova (Lungomare Zara e Lungomare Spalato), Roseto degli Abruzzi (Lungomare nord, centrale e sud), Pineto (Villa Fumosa, Corfù, S.Maria a valle nord e sud, Torre Cerrano), Silvi (Lungomare Centrale, Parco Marino Torre Cerrano e arenile sud Le Dune new entries 2018), Fossacesia (Fossacesia Marina), Vasto (Punta Penna e Vignola), San Salvo (Marina di San Salvo) e Scanno per il lago (Parco dei salici e Acquevive). La Fee Italia (Foundation for Environmental Education - Fondazione per l'Educazione Ambientale) dal 1987 assegna ogni anno le “Bandiere Blu” secondo svariati criteri basati sulla pulizia del mare e depurazione delle acque, gestione sostenibile del territorio e dei rifiuti, presenza di piste ciclabili, aree verdi, e servizi degli stabilimenti balneari”.

A dichiararlo è il Sottosegretario Regionale Mario Mazzocca che sottolinea: “Il risultato altamente positivo era stato preannunciato già nel marzo scorso, in occasione dei risultati del tavolo tecnico di balneazione da me insediato e relativo agli adempimenti regionali per la stagione balneare 2018 e alla qualità delle acque marino-costiere”.

“A conclusione del tavolo - spiega Mazzocca - l'Esecutivo Regionale varò le risultanze dei campionamenti dell'anno 2017 relative alla qualità delle acque di balneazione. I risultati, incrociati con le precedenti tre annualità, evidenziavano un quadro oltremodo positivo per tutti i centri della costa abruzzese. Sulle 114 attività di prelievo effettuate da Arta in altrettanti punti sottoposti ad analisi, 78 (pari a circa il 70% sul totale) ottennero la qualifica di “Eccellente”, percentuale che sale al 78%, se includiamo anche i 15 prelievi con esito “Buono” e addirittura all'85% se consideriamo anche i 7 punti di prelievo qualificati come “Sufficiente”. In soli 10 casi (8,5% sul totale) i prelievi evidenziarono una qualità di tipo “Scarso”. Un risultato tanto positivo quanto assolutamente impensabile fino a tre anni fa. È indubbio il benefico effetto indotto dai 185 interventi atti a migliorare il sistema depurativo regionale, buona parte dei quali già realizzati e posti in esercizio, per un complessivo investimento di circa 316mln di euro”.

“Pertanto, sento il dovere - conclude il Sottosegretario - di tornare a ringraziare i nostri uffici regionali, quelli delle ASL, l'encomiabile supporto tecnico di Arta, le Capitanerie di Porto e tutti i Comuni coinvolti per la tempestiva e fattiva attività coordinata messa in campo”.

Pescara. Torna l'appuntamento con "Di palo in frasca", programma condotto da Francesco Rapino e dagli amici Giuseppe Mrozek e Fabrizio Manili.
Tra gli argomenti del giorno l'intervento del sottosegretario ala Presidenza della Regione, Mario Mazzocca, in occasione della ricorrenza del 25 Aprile; poi ascolteremo gli Chien Bizarre sul loro ultimo singolo ed infine parleremo della seconda edizione del Premio Letterario Internazionale Luca Romano con le interviste al presidente dell'Aps Luca Romano, Antonio Romano, e al presidente della giuria, Massimo Pasqualone.

Sulmona. Un'imponente manifestazione No Snam ha riempito, ieri pomeriggio, le strade di Sulmona contro la realizzazione della centrale di compressione a servizio del metanodotto Brindisi-Minerbio.

Il corteo di circa diecimila persone, organizzato dal Coordinamento No Hub del Gas, ha visto la partecipazione di innumerevoli associazioni ambientaliste tra cui Legambiente e Wwf oltre a 60 tra amministratori e Sindaci dei Comuni del centro Abruzzo e delle Regioni attraversate dal metanodotto.

Presenti, tra gli altri, il vicepresidente della Regione Abruzzo Giovanni Lolli, il Sottosegretario Regionale Mario Mazzocca, il Presidente del Consiglio regionale Giuseppe Di Pangrazio e diversi parlamentari.

"Qualcuno prima di noi era stato latitante e dal 2014 abbiamo dovuto recuperare non solo il tempo perso ma anche delle posizioni – così il Sottosegretario d'Abruzzo Mario Mazzocca ai microfoni dell'Ansa - Lo abbiamo fatto con atti deliberativi, prese di posizione, risoluzioni, atti politici, arrivando alle vie di fatto con i ricorsi giudiziari in tutte le sedi opportune fino all'ultima conferenza dei servizi dove abbiamo manifestato quelle che sono le ragioni di un territorio. Ragioni che non vogliono vedere un territorio italiano, e abruzzese in particolare, come un crocevia di infrastrutture che servono e sono utili solo ad altri Paesi che non sono l'Italia”.

“È falso, infatti, quando si sostiene che questo metanodotto serva all'economia italiana – ha concluso Mazzocca - Quest'opera non serve né alle famiglie né alle imprese italiane, serve solo a veicolare questa struttura. Questo territorio ha già troppe criticità e non vogliamo aggiungerne altre. Di sicuro non è un'opportunità e per questo non arretreremo di un millimetro".

L’Aquila. Nella mattinata di ieri, a L’Aquila, nel centralissimo Piazzale Caduti del Soccorso, in collaborazione con l’amministrazione cittadina e la società Aquilana Società Multiservizi spa, si è celebrata la manifestazione dedicata alla sensibilizzazione “interattiva” sul riciclo e raccolta differenziata di carta e cartone, di cui troverà una presentazione più approfondita a questo link.

Nell’occasione è stato inaugurato il PalaComieco, tappa conclusiva del tour primaverile di un’iniziativa realizzata storicamente in collaborazione con la Federazione della Carta e della Grafica, Assocarta, Assografici, e con il patrocinio di Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Anci, Fise Assoambiente, Unirima e Utilitalia.

Alla manifestazione erano presenti, oltre a Mario Mazzocca quale Sottosegretario alla Presidenza Regionale con delega ad Ambiente ed Ecologia, Emanuele Imprudente, Assessore all’Ambiente della città dell’Aquila, Fabio Ianni, responsabile tecnico Asm Spa, Piero Attoma, Presidente Nazionale di Comieco e il Sindaco Pierluigi Biondi.

«E’ ormai unanimemente riconosciuto - dichiara il Sottosegretario Mazzocca - come la Regione Abruzzo, negli ultimi tre anni e nel settore dell’economia circolare, abbia fatto passi da gigante. Nel 2013 fu approvata una legge "cornice" di riordino: poco o nulla si era fatto sul piano della infrastrutturazione dei territori. In tre anni sono stati investiti 36 mln € per la realizzazione (tutt'ora in corso) di 361 progetti pubblici: 140 interventi sul sistema impiantistico pubblico e 221 azioni di supporto alle raccolte differenziate dei Comuni. Nel frattempo abbiamo approvato il nuovo 'Piano Rifiuti', che individua l’economia circolare come unica opzione - escludente di per sé ogni ipotesi di incenerimento e per questo recentemente eccepito dal governo - e che ci consente di superare le ereditate sanzioni comunitarie causa il mancato adeguamento del Piano entro il 2013».

«Anche questa ulteriore iniziativa - continua - contribuirà beneficamente ad alimentare le azioni regionali in corso sul tema della prevenzione e riduzione della produzione dei rifiuti, alla ottimizzazione delle attività di riciclo ed alla minimizzazione degli smaltimenti finali in discarica, grazie anche alla rete impiantistica di trattamento/recupero dei rifiuti in fase di realizzazione a rafforzamento della rete regionale del riciclo (es. piattaforme per imballaggi, centri di raccolta e centri del riuso)».

Da giovedì 19 a domenica 22 aprile il Palacomieco abruzzese sarà visitato da scuole e famiglie per avvicinarli ai temi del riciclo, della raccolta differenziata di qualità e del mondo degli imballaggi in carta e cartone. È l’occasione giusta per trovare risposta a domande e curiosità del tipo: Siamo sicuri che carta e cartone che differenziamo vengano effettivamente riciclati? Che fine fanno carta e cartone recuperati attraverso la raccolta differenziata? Come viene prodotta la carta riciclata? Quali sono le regole da seguire per fare una raccolta differenziata di qualità?

Un ambiente, in cui il cartone è il protagonista indiscusso (sono di cartone le pareti esterne dei padiglioni e le installazioni interne), di 200 mq di interattività, accompagnati da guide qualificate e con l’ausilio di filmati, postazioni interattive di gioco e approfondimento, pannelli e schede esplicative i visitatori possono interagire col ciclo del riciclo di carta e cartone e diventarne ambasciatori.

Il Palacomieco è ad ingresso libero. Salvo condizioni meteorologiche avverse osserva i seguenti orari: dalle ore 9:00 alle 13:00 e dalle 14: alle 19:00. Ultimo ingresso mezz’ora prima della chiusura. Per prenotare la visita con la propria classe invitiamo i docenti a contattare la segreteria organizzativa al tel. 06 809144217/218/219 - fax 06 8074414. Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

Montorio al Vomano. Ieri mattina il Sottosegretario d'Abruzzo Mario Mazzocca ha consegnato ulteriori 44 casette Sae (Soluzioni Abitative di Emergenza) agli abruzzesi di Montorio al Vomano (Te) costretti ad abbandonare le proprie abitazioni danneggiate dagli effetti del sisma del centro Italia 2016/2017.

Alla partecipata manifestazione, oltre al Sottosegretario Mazzocca, erano presenti il Commissario Prefettizio Marialaura Liberatore, rappresentanti del Dipartimento di Protezione Civile Nazionale e l’intera struttura della Protezione Civile regionale che ha curato tutte le procedure.


Il VI lotto funzionale relativo a Montorio al Vomano conta complessivamente 54 Sae ed è costituito da due insediamenti capoluogo e Villa Maggiore. Oggi è stato inaugurato l'insediamento di Montorio al Vomano capoluogo composto da 44 Sae (9 Sae da 80 mq, 28 da 60 mq, 7 da 40 mq). Si riportano, di seguito, alcuni dati generali: progetto esecutivo approvato in data 23/08/2017; importo lordo urbanizzazioni: €. 1.296.352,03; importo lordo fornitura Sae: €. 3.804.837,79.


La tipologia Sae, approvata e posta in opera dalla Regione Abruzzo, prevede una struttura adeguata alla tipologia di carico da neve (norme tecniche DM 2008) dei singoli Comuni interessati, un'adeguata coibentazione e una serie di rinforzi strutturali della copertura (controventi di collegamento dei tralicci portanti) in modo da assicurare una risposta strutturale adeguata alla azione combinata sisma/carico neve. È stata inoltre prevista l’istallazione del boiler all'interno della abitazione (non sul tetto, come si è verificato in altre realtà con noti problemi), una pavimentazione interna di tipo tradizionale (pavimento in ceramica su due strati di massetto, ordinario e coibente) nonché la finitura esterna con due strati di intonaco su cappotto isolante.

Ad avvenuta consegna dei lavori, il Comune di Montorio al Vomano ha richiesto la fornitura di 5 Sae aggiuntive nel sito di Villa Maggiore per la cui installazione si è reso necessario procedere all’incremento delle urbanizzazioni necessarie mantenendo comunque l’importo dei lavori nell’ambito della originaria previsione di spesa.

Sulla base dell’Accordo Quadro 1238/2016 per la fornitura delle Sae, a cui ha aderito la Regione Abruzzo, la realizzazione degli insediamenti consegnati al Comune di Montorio al Vomano ha rispettato i tempi contrattuali.


«Il lavoro svolto sinora - ha dichiarato il Sottosegretario Mazzocca - ha segnato una vera e propria linea di demarcazione rispetto a come si operava in passato. Grazie all’encomiabile e infaticabile lavoro dei Commissari Vasco Errani e Paola De Micheli, potendo contare tanto su di un compendio normativo chiaro sintetico quanto su di una immediata e importante disponibilità di risorse economiche, si è riusciti a definire in tempi certi la realizzazione del 90% delle Sae. Una prontezza di risposta, quella dell’istituto commissariale per la ricostruzione e della Regione, in passato assolutamente sconosciuta».


«Dunque - conclude il Sottosegretario - la realizzazione e consegna di tali Sae è avvenuta a circa un anno dall’avvio delle procedure burocratiche: la perfetta sinergia tra Dipartimento Nazionale di PC, il Servizio Emergenze di Protezione Civile abruzzese ed il Comune consentirà il ritorno nel proprio centro a 44 nuclei familiari, per i quali da oggi si apre una fase nuova per il ritorno alla normalità. Siamo consapevoli di come la rinascita dei nostri paesi ricomincia necessariamente con il ritorno di chi si è allontanato a causa del sisma: l’humana gens è da sempre il fulcro e l’origine di qualsiasi attività economica, sociale e culturale».

Sinora la Regione Abruzzo ha completato la realizzazione di n. 252 Sae. Di queste, 222 sono state consegnate ai Comuni di Torricella Sicura (49 Sae), Colledara (21 Sae), Tossicia (36 Sae), Crognaleto (2 Sae), Cortino (20 Sae), Montorio al Vomano (54 Sae), Rocca Santa Maria (5 Sae), Campli (13 Sae), Capitignano (18 Sae), Basciano (4 Sae).

Restano da consegnare 30 Sae (11 nel Comune di Crognaleto e 19 nel Comune di Montereale) dovendo procedere al completamento delle opere di urbanizzazione. Inoltre, sono in corso le procedure per l’avvio dei progetti esecutivi per la realizzazione delle Sae nei Comuni di Valle Castellana (41 Sae), Cagnano Amiterno (20 Sae) e Campotosto (18 Sae).

Pagina 1 di 14

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione