Pescara. Vessazioni, soprusi e addirittura una minaccia di stupro, in Via Rigopiano a Pescara la vita è diventata impossibile. A farne le spese i cittadini onesti che abitano le case popolari di proprietà della Regione. I residenti non ce la fanno più e dopo una serie di denunce si costituiscono in comitato per chiedere aiuto. E tornano a farlo questa mattina sotto al palazzo di Regione Abruzzo. Con loro, ancora una volta, il consigliere regionale vice presidente della commissione sicurezza sociale M5S Domenico Pettinari, da sempre in prima linea per la lotta alla criminalità nei quartieri popolari. Con lui il deputato pescarese Gianluca Vacca ed una delegazione di residenti.

“Abbiamo chiesto più volte” affermano Domenico Pettinari e Gianluca Vacca“lo sfratto degli occupanti abusivi che utilizzano le abitazioni per delinquere. La risposta che ha fornito oggi la Regione, per voce del Segretario della Presidenza Enzo Del Vecchio, suona come una presa in giro. Dopo quattro anni la Regione propone di scrivere una lettera per sapere se ci sono i fondi. Come se il Presidente scrivesse una lettera a se stesso per chiedere se ci sono i soldi per intervenire nelle periferie. Eppure gli step sono tutt'altro che complicati. La legge regionale 96/96 non viene applicata e la nostra proposta La legalità è di casa, che abbiamo portato sul tavolo regionale a tutela delle periferie, è rimasta inascoltata. E mentre la Regione aspetta i cittadini hanno paura e vivono costantemente nel terrore che dalle parole le minacce diventino fatti. Ci sentiamo presi in giro” incalzano Pettinari e Vacca “dalle promesse vane che la segreteria di presidenza ci ha fatto negli scorsi incontri, nessuno ha mosso un dito e dal Presidente di Regione D’Alfonso che non ci ha nemmeno ricevuto dimostrando indifferenza e distanza. Anzi, la beffa vuole che nei giorni scorsi il comune di Pescara abbia vantato sui media uno stanziamento di 18 milioni destinati alle periferie. In questi 18 milioni nessuna voce dedicata al contrasto dell’abusivismo e alla sicurezza , si parla solo di manto stradale e risanamento di qualche parco. Tutti interventi ben visibili ai cittadini di Pescara, ma che nulla portano alla qualità della vita di chi quei quartieri li vive. Una mala gestio politica in ogni grado istituzionale che rende vani anche gli interventi delle forze dell’ordine, che fin ora, però, si sono limitati a blitz isolati, ma da cui non è scaturito nessuno sfratto effettivo.

Ribadiamo che i primi interventi da fare a tutela della sicurezza sono: sfratto immediato degli occupanti senza diritto che delinquono all’interno delle case popolari; installazione telecamere di video sorveglianza; posto fisso di polizia. In seguito l’approvazione della legge e del pacchetto La legalità e di Casa che abbiamo presentato in consiglio regionale” concludono Domenico Pettinari e Gianluca Vacca.

Pescara. "Ritengo doveroso fare delle precisazioni in merito alla vicenda della realizzazione del centro commerciale di via Bologna, dopo le menzogne e le frasi infamanti che ho letto sui giornali sulla mia persona e sul Movimento 5 Stelle".

Così in una nota Erika Alessandrini, consigliera comunale M5S Pescara, che aggiunge: "Io e la mia collega Enrica Sabatini abbiamo da mesi manifestato la nostra forte contrarietà alla possibilità di far votare al Consiglio Comunale una delibera in cui un privato ha, volontariamente e deliberatamente, ignorato quanto stabilito dalla Legge Regionale sul Commercio n. 11/2008, derogando dall’applicazione di un fondamentale parametro di insediabilità come quello della superficie coperta e consentendo di fatto l’apertura di un nuovo supermercato di 1.200 mq. Siamo state le uniche infatti a presentare degli emendamenti in aula per cercare di impedire l’approvazione di questa delibera. Il resto dell'opposizione? Non pervenuta. In aula però questi emendamenti sono stati ritenuti decaduti dal presidente del Consiglio comunale perché, per motivi personali, sono arrivata in aula pochi minuti dopo l’apertura della seduta e non ho potuto quindi discuterli. Questo imprevisto, da tale, è stato trasformato non solo in una colpa grave e personale, ma addirittura è stato strumentalizzato, in maniera talmente ingiusta e scorretta, da arrivare a tramutarsi, con un processo giornalistico manipolativo e senza precedenti, in una responsabilità diretta della sottoscritta e del Movimento 5 Stelle nella votazione della delibera stessa! Un’attribuzione di responsabilità grave, inaccettabile e scorretta. In pratica un’operazione - quella della realizzazione del supermercato - da noi osteggiata per mesi nelle commissioni, contro la quale abbiamo presentato (gli unici) addirittura 90 emendamenti e che ha visto il nostro voto fortemente contrario in aula perché - lo sottolineo con forza - eravamo in aula, è stato trasformato nei racconti di fantasia giornalistici in una realtà parallela e mai esistita. “Grazie all’assenza dei grillini, la delibera passa.” Una menzogna pura. Se non fosse stato per me ed il Movimento 5 Stelle, quel supermercato avrebbe già inaugurato ed aperto la vendita dallo scorso Agosto, perchè prima di noi nessuno, tra tecnici e politici, si era accorto della questione della superficie coperta. Invece la delibera è arrivata in Consiglio solo adesso proprio grazie al Movimento 5 Stelle e, a questo punto, se il supermercato si farà è solo perché questo atto è stato presentato e votato favorevolmente dal Centrosinistra. Punto. Affermare che la responsabilità sia invece di chi, presente in aula, si è opposto con voto contrario è una diffamazione lesiva e grave. Così come i nostri emendamenti non avrebbero potuto in alcun modo fermare la delibera, ma solo ampliarne i tempi di discussione di qualche ora, così l’assenza dei nostri emendamenti non può essere motivo di supporto o peggio, come suggerito, una diretta responsabilità. Chiunque sostenga una relazione causale tra questi fatti o pecca di ignoranza tale da essere compatito o desidera diffamare e per questo sarà chiamato a risponderne. Chi governa Pescara ha voluto, esprimendo un voto favorevole, un centro commerciale in città ed è solo loro la responsabilità. Una verità incontestabile ed innegabile. Così come è stata, e continuerà ad essere, evidente la forte contrarietà del Movimento 5 Stelle che continuerà la sua azione. Presenteremo un esposto dettagliato sulla vicenda e porteremo avanti, come sempre fatto, con serietà ed impegno le nostre battaglie politiche. Per concludere, a tutti coloro che con titoli fuorvianti o con comunicazioni pubbliche hanno voluto indurre nel lettore la convinzione che il centro commerciale che sorgerà su Via Bologna nascerà in seguito alle mie azioni o a quelle del Movimento 5 Stelle, chiediamo di rettificare immediatamente. Qualora fosse perpetrata, invece, un’attribuzione di responsabilità ci vedremo costretti a rivolgerci nelle sedi opportune".

Pescara. Un carretto di nome Silvano accompagnerà le principali manifestazioni culturali cittadine, una struttura mobile per il Booksharing, meglio, il “bookstealing”, furto di libri, perché chi prende uno dei 1.700 libri raccolti e catalogati dall’associazione Le Sponde, che cura il progetto con Atelier 010 e con il patrocinio del Comune, non deve niente, in compenso può a sua volta portare libri. Si tratta di una buona pratica che invita allo scambio di libri che altrimenti sarebbero perduti o, peggio, smaltiti, già rodata per PreVisioni, l’anteprima dell’IndieRocket Festival e attiva in occasione del Satyricom, in corso da oggi a Pescara Vecchia. Oggi la presentazione con l’assessore alla Cultura Giovanni Di Iacovo e i promotori dell’iniziativa.

“Questa è una delle iniziative più carine che mi abbiamo mai proposto – dice l’assessore alla Cultura Giovanni Di Iacovo- perché è qualcosa che può arricchire permanentemente tutte le iniziative della città. A Pescara c’era uno spazio al Colonna per il booksharing. Il carretto si chiama “Silvano”, perché agisce fra mari e monti e sarà presente da oggi accanto a tutte le iniziative culturali maggiori della città. Grazie al volontariato dell’associazione Le Sponde, che ha curato questa attività di scambio, lo faremo, dando i via a un progetto inedito e di grande valore”.

“Ci premeva dare un’opportunità a questi libri che non sono morti – commenta Johnny Felice, uno dei motori del progetto - l’importante è trovare dei fruitori. Il progetto è partito dall’Assessorato per 4 giornate, le prime due a PreVisioni Festival e questa settimana al Satyricom: 4 date in cui faremo bookstealing, perché i cittadini possono prendere direttamente dal carretto. L’idea nasce dalla necessità di recuperare quello che sarebbe andato perduto: i libri in soffitta, quelli lasciati perché il proprietario è venuto a mancare, ci siamo chiesti che fine facessero e abbiamo trovato una risposta molto più efficace al macero. L’idea è recuperarli, noi abbiamo una piccola rete di privati, rigattieri e altri “spicciacantine” con cui siamo entrati in contatto per questa operazione di recupero e ciò che ci ha colpito tanto sono stati i libri stessi: sono libri pazzeschi, autografi, edizioni speciali, di valore artistico, con dediche, ex libris, foto e ricordi dentro. Sarebbe stato un peccato imperdonabile perdere tutto quel patrimonio”.

“Una delle riflessioni fatte era che siccome le persone leggono sempre meno e si recano meno in libreria, volevamo affiancare la lettura a tutte le iniziative culturali della città e anche a una giornata di mare – aggiunge l’ideatrice Giulia Biguzzi– questo accade offrendo una possibilità come il carretto dei libri che colpisce perché il design è accattivante e rende subito chiaro che è un modo per valorizzare i libri, finora abbiamo avuto un grande riscontro, le persone sono incuriosite, stupite e poi invogliate a fare parte dello scambio”.

“Quella della cultura ambulante è l’idea che ha mosso l’associazione e ci spinge a promuovere un’attività di book sharing – concludono Alice Colantonio e Marcello Goussot- possiamo essere contattati per donazioniora siamo a 1.700 libri tutti inventariati, 18 scatoloni in cui c’è di tutto. Per partecipare e seguirci: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. , oppure sui social www.facebook.com/lesponde/”.

Pescara. Si terrà il prossimo 30 maggio alle ore 21 al Cinema Teatro Massimo la prima di Humanism, il film di esordio del regista e creativo pescarese Glauco Della Sciucca. Si tratta di un film girato fra Pescara, Londra e New York, parodia di molti generi cinematografici passati, un film d'essai e satirico, una commedia in tre lingue, realizzato dalla start-up Hoffman, Barney & Foscari Ltd di Della Sciucca e coprodotto dalla Fondazione PescarAbruzzo, con la sinergia piena del Comune, in quanto in parte girato in città.

Alla conferenza hanno partecipato l’assessore alla Cultura Giovanni Di Iacovo,Glauco Della Sciucca, la consigliera Daniela Santroni, Nicoletta Di Gregorio, vice presidente della Fondazione PescarAbruzzo, i promotori e quanti hanno fattivamente collaborato alla realizzazione del lavoro.

“C’è chi decide di espatriare, chi, invece, di portare la propria terra fuori, raccontandola in un film – esordisce l’assessore Giovanni Di Iacovo – questo ha fatto il nostro Glauco Della Sciucca con Humanism, perché ha preso il meglio che Pescara avesse da offrire in termini di scenari, talenti, persone, cose e lo ha raccontato insieme al meglio di Londra e New York, spaccati internazionali della provincia del mondo. Sono felice di presentare questo film che gode della nostra piena sinergia, abbiamo agevolato le riprese che si sono svolte in più punti della città, dall’Aurum al Ponte del Mare e al ponte Flaiano, perché ci racconta e fa un’operazione difficilissima di questi tempi, cerca la bellezza di casa e la mostra fuori. Invito tutti a vederlo e a riflettere con i temi di quella che è una commedia etica, che sorprenderà il pubblico, i pescaresi e anche la platea per npoi straniera a cui è rivolto”.

“Siamo lieti di aver partecipato alla produzione di questo film – sottolinea Nicoletta Di Gregorio, vice presidente della Fondazione PescarAbruzzo - Glauco è per noi un artista importante e io credo che portare nel cinema la sua città insieme al suo mondo interiore, sia il valore aggiunto di questo film. Noi abbiamo creduto nel suo talento sin dal 2016, quando ha contribuito alla mostra States of minds che si è tenuta a Londra. La collaborazione è proseguita anche nel 2017 con la sua personale allestita alla Maison des Arts della Fondazione ed è con la coproduzione di questo film che si rafforzano amicizia e solidarietà che la Fondazione ha sempre avuto verso i talenti della propria terra e del territorio. Le nostre personalità dobbiamo valorizzarle qui e proiettarle nel mondo, questo è il giusto rapporto che bisogna avere, per questo abbiamo sostenuto il film”.

“Dico grazie a Glauco per aver dato grande risalto alla città – così la consigliera Daniela Santroniche ha seguito le procedure relative alle riprese in città - il Comune lo ha supportato dalla realizzazione, i luoghi principali sono stati dal centrale Aurum, al molo e il ponte del mare, ma è fondamentale che questi set parlino al mondo attraverso il linguaggio di Glauco. E Humanism è un ottimo risultato”.

“Essere qui oggi è chiudere il cerchio con il percorso iniziato un anno fa – si raccontaGlauco Della Sciucca- Tutti i presenti hanno fatto molto per noi, per supportare il contestuale avvio di un marchio come la nostra start up “Hoffman, Barney & Foscari Ltd”, creata per essere da subito una start-up dal cuore sì, molto anche italiano, e pescarese, ma dalla testa (fatalmente) londinese. Nata con tutti i crismi per essere sul mercato con i suoi prodotti, quali prototipi del design, teatro, televisione, comunicazione, perché nella sua specifica merceologica voleva occuparsi di comunicazione e design; in corso d’opera ci siamo accorti che era interessante anche fare cinema. Così è accaduto che Sir Paul McCartney ci ha inseriti nella lista delle Società Partner Business di Meat Free Monday, la campaign permanente lanciata proprio da lui insieme alle figlie Stella e Mary: in questa lista figurano anche Abbey Road Studios e Puma e grazie a queste relazioni, fra l’altro lavorando anche con il regista dei Beatles, che compare nel film, abbiamo potuto mettere in rete i luoghi del mondo, per promuovere i nostri rispettivi territori. Io non potevo che essere d’accordo con il principio che tutto può accadere, anche a Pescara e raccontare questo, portando quella che è la mia vita di provincia qui in Abruzzo, accanto alla vita di provincia di New York e Londra, perché fuori dai confini non importa quale sia la città, ogni città merita attenzione. Io non so quanto Humanism sia un film che vince tale scommessa, ma “glocal” come di certo è, rappresenta positivamente l’inizio di un percorso che può fare molto in tal senso. Dobbiamo fare le cose qui, dandole in pasto al mondo ovunque. Questo perché tale visione la sposano ovunque, perché ovunque esiste una provincia. Humanism la racconta in una chiave ironica, etica e introspettiva, esponendola a un mondo non provinciale, sovvertendo tutte le gerarchie sui territori che si incrociano nel film. L’uomo è al centro di tutto, per questo a Pescara e negli altri set ho fatto scene significative che hanno come centro l’uomo.

In pellicola il film viene introdotto da Sir Michael Lindsay-Hogg, figlio di Orson Welles e regista dei Beatles, tuttora Beatles Group e ha debuttato in preview a Londra lo scorso 18 aprile. Ma quella di Pescara è una prima emozionante, a cui invito tutti.

E’ glocal anche il cast, che comprende giovani attori emergenti inglesi come Huw Parmenter (Vikings), Beth Lockhart, ma anche Randall Paul che vive qui in Abruzzo e talenti comici italiani puri come Saverio Raimondo, Enrica Guidi (I delitti del Barlume, Sky), il namico e concittadino ostro Roberto Pedicini, Ezio Budini, Paolo Fosso, Lorena Antonioni, Véronique Vergari e molti altri”.

Pescara. Questa mattina i Carabinieri della Compagnia di Pescara hanno condotto un massiccio servizio di controllo del territorio, eseguendo perquisizioni domiciliari e personali all’interno del quartiere “Fontanelle”, al termine del quale, grazie anche al concorso di una squadra delle S.O.S. (Squadre Operative di Supporto) dell’11° RGT Puglia, hanno sottoposto a sequestro oltre 15 grammi di sostanze stupefacenti tra “eroina”, “cocaina” e “marijuana”, denunciato in stato di libertà 2 persone, segnalato uno soggetto alla Prefettura quale assuntore, nonché sottoposto a controllo, al fine di verificarne lo stato di furto o la copertura assicurativa, oltre 40 autoveicoli in sosta.
Nello specifico, i Carabinieri hanno deferito in stato di libertà per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti:
- un giovane studente pescarese non ancora 18enne che, sottoposto a perquisizione personale, è stato trovato in possesso di un involucro contenente 7 gr. di sostanza stupefacente del tipo “marijuana”;
- S.D.R., 45enne,la quale, sottoposta a controllo, è stata trovata in possesso di 1 gr. di sostanza stupefacente del tipo “cocaina” ed 1 gr. di sostanza stupefacente del tipo “eroina”;
nonché hanno segnalato alla locale Prefettura per uso di sostanze stupefacenti un 31enne ucraino, residente in Montesilvano (PE), poiché, a seguito di controllo, è stato trovato in possesso di 2 gr di cocaina.

Pescara. Si terrà mercoledì 30 maggio dalle 10 in poi in Sala Consiliare la fase finale del progetto “La Madonna dei Sette Dolori, un centro di identità e aggregazione dell’antico borgo di Castellamare Adriatico ad oggi”. Si tratta di uno studio documentale sulla storia e sui riti di quella che fu la prima parrocchia cittadina. Oggi la presentazione con il presidente del Consiglio Francesco Pagnanelli, padre Vincenzo Di Marcoberardino della Madonna dei Sette Dolori, la consigliera Maria Ida D’Antonio, insegnante nell’istituto Comprensivo 9, coinvolto nell’iniziativa.

“Si chiude un cerchio fatto di storia e identità – così il presidente del Consiglio Comunale Francesco Pagnanelli- In passato si sono fatte tante iniziative per la promozione delle manifestazioni storiche e culturali della città e di questa sua sezione dove si è sviluppata la vita cittadina della fine Ottocento e del primo Novecento. Il nostro intento è quello di fare memoria, coinvolgendo i ragazzi nel tramandare le nostre origini e quelle di una festa che esiste dalla fine del 1700. Il progetto ricorda infatti la storia secolare della basilica, prima comunità religiosa della città, la vicenda demografica del territorio conservata dei libri parrocchiali dei frati Cappuccini, la devozione popolare delle feste, il culto dei sette dolori di Maria, i simboli e le raffigurazioni nell’arte del centro storico culturale di Castellamare Adriatico. Tutto questo grazie anche alla elaborazione artistica e letteraria degli alunni e degli insegnanti dell’Istituto Comprensivo Pescara 9, diretto dalla professoressa Elisa Giansante con la preziosa collaborazione della parrocchia e del comitato festa”.

“Il progetto intende avvicinare agli studenti la conoscenza storico documentaria della Basilica della Madonna dei Sette Dolori all’interno del processo di formazione di sviluppo dei due centri urbani di Pescara e Castellammare – aggiunge padre Vincenzo Di Marcoberardino- La storia fa rivivere percorsi ancestrali, visitati di nuovo attraverso la conoscenza di leggende, riti e tradizioni, ma anche tramite l’interpretazione di fonti storiche selezionate per avvicinare i ragazzi alla conoscenza del patrimonio culturale locale e per consentire loro di apprezzarne la ricchezza e il valore. Abbiamo aperto i nostri registi ai ragazzi, alcuni antichissimi e li abbiamo analizzati e petti perché parlassero al loro presente del passato da cui loro stessi arrivano. Il risultato è bellissimo e coloratissimo, un evento per tutta la città”.

“E’ sempre un’ottima iniziativa fare in modo che le classi venissero a conoscenza della storia – aggiunge la consigliera Maria Ida D’Antonio- L’intento è stato quello di avvicinare gli studenti alla storia e documenti della Madonna dei Sette Dolori, perché i ragazzi vivono nel quartiere e sono parte di tale ritualità. L’iniziativa ha avuto la partecipazione del comprensivo 9, ha visto coinvolti 201 alunni, 13 docenti, 9 classi della Virgilio e della Bosco, si tratta della I G e la II A della Virgilio, la IV A della primaria Bosco III D, III E IV A e D della Primaria Colli. Sono stati fatti cartelloni, colorate le immagini di Castellamare Adriatico, mappe concettuali, temi ed elaborati capaci di restituire al presente il gusto della scoperta e la propria identità. I ragazzi si sono divertiti e sono stati interpreti della propria storia”.

Pescara. “Sarà riaperto domattina alle ore 6 il terzo tratto di Riviera nord interessato dai lavori di riqualificazione. L’asfalto è stato posto, sarà mantenuto libero per tutta la Con tutta probabilità domani in serata o sabato mattina alle 6 potrà essere riaperta al transito veicolare tutta la riviera nord che resterà aperta pserata e la notte e domattina presto riapriremo per il fine settimana.

Da lunedì la riviera chiuderà al transito nuovamente, ma, come detto, l’ultimo tratto, da via Galilei fino a 150 metri del lungofiume, oltre la Madonnina. I lavori infatti si allungheranno fino quasi all’altezza dell’incrocio con via Puccini e il lungofiume, che chiuderà fino venerdì prossimo. Tempo di lavoro una settimana, questo ci consentirà di chiudere definitivamente il cantiere infrastrutturale della riviera nord alla fine della prossima settimana, essendo necessari solo i lavori di rifacimento della segnaletica orizzontale.

Rotonda Bernini. Lunedì è importante terminerà anche il lavoro di realizzazione dei marciapiedi e rotatoria tra via Bernini e via Caravaggio, gli interventi sono finiti, ma hanno bisogno di una giornata di chiusura totale per consentire la realizzazione dell’asfalto su tutta l’area e lunedì 28 dalle ore 9 alle ore 20 via Caravaggio non sarà transitabile da via Tiepolo fino all’ingresso del centro commerciale Globo, come pure non sarà transitabile buona parte di via Bernini fino all’incrocio con la Nazionale Adriatica I lavori inizieranno alle ore 9 per consentire l’ingresso a scuola e negli uffici, ma dureranno fino alla serata del 28 per riconsegnare l’intera area del cantiere asfaltata. Direzione consigliata è via Caravaggio, Nazionale Adriatica Nord e anche la riviera che da lunedì sarà percorribile fino a via Galilei da nord a sud”. Lo afferma in una nota il vicesindaco di Pescara e assessore ai Lavori Pubblici Antonio Blasioli.

Pescara. La Uiltec, dopo aver consolidato la leadership alla Fater di Pescara e alla Alfasigma di Alanno, si conferma primo sindacato anche all’Aca spa, l’azienda acquedottistica di Pescara. Alle ultime elezioni per il rinnovo delle rse, su 143 votanti (su 168 aventi diritto), Uiltec ha ottenuto 65 preferenze, a fronte delle 42 della Femca Cisl e delle 33 della Filctem Cgil.

Per Giovanni Cordesco, componente della segretaria Uiltec Adriatica Maiella e referente per il territorio di Pescara, “i risultati raggiunti sono frutto di un sinergico lavoro di squadra che ha visto questa organizzazione impegnata in un percorso iniziato parecchi anni fa, volta a costruire un nuovo rapporto tra sindacato e lavoratori, basato sulla totale trasparenza, coinvolgimento e coerenza. Gli ottimi risultati raggiunti sono il segnale che premia l’impegno profuso quotidianamente da tutta la segreteria, direttivo ed rsu dei vari stabilimenti abruzzesi ai quali va un sentito ringraziamento per aver creduto e condiviso i valori che da sempre ispirano la nostra azione sindacale. Il più vivo ringraziamento a tutti i lavoratori che hanno riposto la loro fiducia nelle persone che con vero spirito di appartenenza, hanno condiviso il percorso che ha rafforzato la Uiltec di Pescara, conferendole un ruolo di maggior peso politico che si traduce in una maggiore forza dei lavoratori. Ai delegati confermati Gianni Di Febo e Pietro Menna auguriamo un buon lavoro, assicurando loro il sostegno di tutta la categoria”.

Pescara. Appuntamento imperdibile per gli amanti del grande rock: il prossimo 31 luglio alle 21.00, presso il Teatro D’Annunzio di Pescara, l’Ente Manifestazioni Pescaresi ospiterà il concerto “Classic Deep Purple Live” performed by Glenn Hughes. L’evento - organizzato con Alhena Entertainment e Ventidieci - rientra nell’ambito del corposo cartellone estivo del PeFest 2018 che comprende anche PescaraJazz e Funambolika.

Ex bassista e cantante dei Deep Purple, Glenn Hughes, conosciuto da milioni di fan come “Voice of Rock”, inserito tra i grandi della Rock and Roll Hall of Fame ed attuale front-man della super rock band “Black Country Communion”, sarà in tour mondiale con concerto evento imperdibile “Classic Deep Purple Live ” World Tour 2018/19 con una set list dinamica e ben due live in omaggio al suo mandato
nell’ MK 3 e MK 4 dei Deep Purple, il più influente gruppo rock nella storia della musica.

I Deep Purple fecero un salto di qualità quando l'allora ventenne Glenn Hughes sì separò dal gruppo funk-rock britannico Trapeze a metà del 1973. Come bassista e co-vocalist (con David Coverdale), contribuì ad indirizzare il leggendario gruppo verso il rock progressivo come in Burn (1974), Stormbringer (1974) e in Come Taste the Band (1975).
Il suo album di debutto come solista Play Me Out (1977) ha preceduto i successivi album realizzati con i Black Sabbath e con Gary Moore. Gli ultimi 25 anni hanno visto un'ondata di lavori da solista e collaborazioni per "Voice of Rock" tra cui la mega hit America: What Time Is Love? con i KLF nel 1992, e quattro album acclamati dalla critica, pubblicati tra il 2010 e il 2018 con il super gruppo rock Black Communion con Joe Bonamassa, Jason Bonham e Derek Sherinian.
Glenn è stato anche inserito nella Rock and Roll Hall of Fame nel 2016 insieme ad altri membri dei Deep Purple.
Prendendo una pagina e ispirazione dal Blackmore / Coverdale / Hughes / Lord / Paice Deep Purple MK 3 California Jam e Made in Europe, il prossimo spettacolo dal vivo include i classici dei Deep Purple, Burn, Stormbringer, Might Just Take Your Life e Mistreated, solo per citarne alcuni, oltre a brani precedentemente mai eseguiti dal vivo con la line-up originale MK 3.
Sono inoltre presenti materiali classici del periodo del MK 4 con Tommy Bolin, tra cui lo straordinario spettacolo Getting 'Tighter , lo straordinario funk rock estravaganza di Hughes, ed il capolavoro Coverdale / Hughes, You Keep On Moving, oltre ai successi della Deep Purple MK 2, Highway Star e Smoke on the Water, che saranno inclusi nel concerto perché, come sottolinea Glenn, "Ho suonato entrambi questi pezzi durante il mio periodo con i Deep Purple e sono stati i pilastri dei live set quando ero nella band .
Come il mio manager mi ha fatto notare, la prima volta che Smoke on the Water è stato suonato dal vivo al Madison Square Garden è stato quando io e David eravamo nel gruppo nel 1974. Mi piace cantare anche Highway Star - continua Glenn - Alcuni anni fa, ho arrangiato una versione di Highway Star per l'album di tributo all'anniversario di Machine Head con i miei buoni amici Steve Vai e Chad Smith.
Nel prossimo tour non suonerò nulla che non abbia già suonato dal vivo o registrato in studio con i Deep Purple".
Oltre a Glenn, voce solista e al basso, la band è completata da Soren Anderson alla chitarra, Jesper Bo Hansen alle tastiere e Fer Escobedo alla batteria.

I biglietti per il concerto sono in vendita nei circuiti TicketOne e Ciaotickets. Questi i prezzi: Poltronissima Numerata: 46.00 € c.d.p., Poltrona Numerata: 35.00 € c.d.p., Gradinata Non Numerata: 25.00 € c.d.p. Infoline: 085/4540969; 08554062. www.glennhughes.com

Pescara. Mattinata di sopralluoghi nei vari cantieri aperti in città da parte del vicesindaco e assessore ai Lavori Pubblici e Manutenzione Antonio Blasioli. Da San Silvestro alla rotonda di via Bernini ecco lo stato dell’arte e i tempi di chiusura dei lavori.

“Sarà decisivo il mese di maggio per la definizione della maggior parte dei cantieri aperti in città, a partire da quello della Riviera nord, per arrivare alla rotonda in via di definizione in via Bernini - così il vicesindaco e assessore a Lavori Pubblici e Mantuenzione Antonio Blasioli - Si tratta di opere e manutenzioni in corso su tutto il territorio cittadino che seguiamo ogni giorno per verificare tempi e avanzamento dei lavori.

San Silvestro. Si lavora alla realizzazione della condotta delle acque bianche a San Silvestro, in via Mittiguerra. La condotta è stata posata lungo tutta la via e già da lunedì la strada potrà tornare ad essere percorsa dalle auto, quando la condotta si sposterà su strada provinciale San Silvestro, fino ad arrivare a via Lago Maggiore che sarà interessata anch’essa dagli scavi, ma per circa 30 metri lineari. Tempo di conclusione del cantiere 15 giorni.

Via D’Avalos. E’ stato richiuso il terzo scavo, la strada non riaprirà perché già da domani si procederà alla quarta apertura che probabilmente consentirà di riaprire al traffico nella giornata di giovedì prossimo. Resterebbe così l'ultimo scavo che sarà effettuato nelle prossime settimane e interesserà la zona all'altezza dei distinti dello stadio Cornaccia e la riserva, prima dell'incrocio con via Pepe.

Riviera nord. Definita la scarifica lato parcheggi, completato il livellamento al centro della carreggiata, nella giornata di oggi è iniziata la posa dell’asfalto su tutta la sede stradale nel terzo tratto della riviera nord. Con tutta probabilità domani in serata o sabato mattina alle 6 potrà essere riaperta al transito veicolare tutta la riviera nord che resterà aperta per il fine settimana, naturalmente meteo permettendo. Da lunedì chiuderà al transito nuovamente, ma stavolta l’ultimo tratto, da via Galilei fino a 150 metri del lungofiume, oltre la Madonnina. I lavori infatti si allungheranno fino quasi all’altezza dell’incrocio con via Puccini e il lungofiume, che chiuderà fino venerdì prossimo. Tempo di lavoro una settimana, questo ci consentirà di chiudere definitivamente il cantiere infrastrutturale della riviera nord alla fine della prossima settimana, essendo necessari solo i lavori di rifacimento della segnaletica orizzontale.

Rotonda Bernini. Lunedì è importante comunicare alla città che terminerà il lavoro di realizzazione dei marciapiedi e rotatoria tra via Bernini e via Caravaggio, gli interventi sono finiti, ma hanno bisogno di una giornata di chiusura totale per consentire la realizzazione dell’asfalto su tutta l’area e lunedì 28 dalle ore 9 alle ore 20 via Caravaggio non sarà transitabile da via Tiepolo fino all’ingresso del centro commerciale Globo, come pure non sarà transitabile buona parte di via Bernini fino all’incrocio con la Nazionale Adriatica I lavori inizieranno alle ore 9 per consentire l’ingresso a scuola e negli uffici, ma dureranno fino alla serata del 28 per riconsegnare l’intera area del cantiere asfaltata. Direzione consigliata è via Caravaggio, Nazionale Adriatica Nord e anche la riviera che da lunedì sarà percorribile fino a via Galilei da nord a sud.

Area di via Barbella. Questa mattina gli operai della squadra interna del Verde del Comune hanno terminato le operazioni di sfalcio nella nuova zona destinata a parcheggio. L’area si presenta bene, domattina verranno fatte le prime operazioni e già della giornata di domani lo spazio potrebbe essere bonificato per l’apertura del parcheggio. L’apertura al pubblico della nuova zona di sosta sarà comunicata nei prossimi giorni dall’assessore alla Mobilità Giuliano Diodati insieme agli altri parcheggi estivi”.

Pagina 1 di 313

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione