Ortona. Comincia a prendere forma la SIECO Service Impavida Ortona 2018/2019 che presenta la sua nuova diagonale di posto quattro svelando le prime carte in tavola.

Quelle che fin qui erano soltanto voci, ora trovano l’ufficialità. Con la sua firma nero su bianco, lo schiacciatore slovacco František Ogurčák sarà ancora uno degli Impavidi.

Nato a Spišská Nová Ves, il 24 aprile 1984, František Ogurčák, per gli amici semplicemente “Fero”, è un giocatore di grande esperienza sia internazionale (ha giocato in Grecia, in Belgio ed in Polonia, oltre che nella sua Slovacchia) che nostrana, avendo militato in Serie A2 con il Bassano Volley, per poi passare all’Umbria Volley di Perugia (A1). Di seguito Genova (A2), Belluno (A1), Piacenza (A1), Tonno Callipo Vibo Valentia (A1), e naturalmente, dopo una nuova parentesi estera, nella nostra Ortona. Sbarcato in riva all’adriatico a novembre, a stagione già iniziata, Ogurčák non delude le aspettative dando maggiore stabilità alla squadra di Mr. Nunzio Lanci e mostrando al suo pubblico una vasta quantità di colpi. «Sono felicissimo di aver incassato la fiducia della società e di passare un nuovo anno ad Ortona. L’anno prossimo ritroverò Dolfo che è stato già mio compagno di squadra a Belluno e quindi già non vedo l’ora di ricominciare. Spero di riuscire a dare un grosso contributo per portare la squadra più in alto possibile nella classifica».

La novità è invece rappresentata da Ludovico Dolfo, schiacciatore classe ‘89 e alto 198cm. Nato a Treviso, Ludovico è quindi cresciuto nel vivaio della gloriosa Sisley ed è proprio con questa esordisce in serie A1 nella stagione 2008/2009. Poi arriva Loreto con la quale disputa due campionati, uno nella massima serie ed uno in A2. In seguito sulla sua strada ci saranno nell’ordine: Belluno, Castellana Grotte e Città di Castello in A1, di nuovo A2 con Reggio Emilia (due stagioni) e lo scorso anno con la Caloni Agnelli Bergamo che stravince la Regular Season del Girone Blu (lo stesso della SIECO), staccando Tuscania, seconda classificata, di ben dieci punti. Tante le soddisfazioni nella personale bacheca di Dolfo: Top Scorer e Miglior Schiacciatore dei Campionati Europei Junior 2008 giocati a a Brno. Nel 2010 arriva la chiamata dalla Nazionale Italiana Under 23 e nel 2013, con la Nazionale Maggiore conquista il Bronzo alla “Grand Champions Cup” di Tokio. «Ortona mi ha sempre cercato e finalmente quest’anno ci siamo trovati» esordisce il Neo biancoazzurro. «Mi hanno sempre parlato della SIECO come una società seria e ben organizzata, ormai veterana della serie Cadetta. Da quel che sento, la squadra che si sta allestendo è molto interessante e non mi sorprenderebbe trovarci a lottare per l’ingresso ai Play-Off».

 

František Ogurčák

Ruolo: Schiacciatore
Luogo e Data di Nascita: Spišská Nová Ves, il 24 aprile 1984
Altezza: 198cm


CARRIERA:
Fino al 2002 Slávia ŠŠ Trenčín (SVK)
2002 - 2004 Matador Púchov (SVK)
2004 - 2006 Kladno (CZE)
2006 - 2008 Knack Roeselare (BEL)
2008 - 2009 Bassano Volley (ITA/A2)
2009 - 2010 Perugia (ITA/A1)
2010 - 2011 Genova (ITA/A2)
2011 - 2012 Belluno (ITA/A1)
2012 - 2013 Piacenza (ITA/A1)
2013 - 2014 Vibo Valentia (ITA/A1)
2014 - 2015 AZS Olsztyn (POL)
2015 - 2016 Olympiacos Pireus (GRE)
2017 – 11/2017 VK Prievidza (SVK)
11/2017 – 2018 SIECO Service Impavida Ortona (ITA/A2)
2018 – 2019 SIECO SERVICE IMPAVIDA ORTONA (ITA/A2)

Ludovico Dolfo

Ruolo: Schiacciatore
Luogo e Data di Nascita: Treviso – 30/06/1989
Altezza: 198cm


CARRIERA:
2003 – 2008 Sisley Treviso (Giovanili)
2008 – 2009 Sisley Treviso (ITA/A1)
2009 – 2010 Esse-Ti Carilo Loreto (ITA/A1)
2010 – 2011 Energy Resource Carilo Loreto (ITA/A2)
2011 – 2012 Sisley Belluno (ITA/A1)
2012 – 2013 BCC – NEP Castellana Grotte (ITA/A1)
2013 – 2014 Alto Tevere Città di Castello (ITA/A1)
2014 – 2015 Alto Tevere Città di Castello – San Sepolcro (ITA/A1)
2015 – 2016 Conad Reggio Emilia (ITA/A2)
2016 – 2017 Conad Reggio Emilia (ITA/A2)
2017 – 2018 Caloni Agnelli Bergamo (ITA/A2)
2018 – 2019 SIECO SERVICE IMPAVIDA ORTONA (ITA/A2)

Ortona. Gli atleti della SIECO Impavida Ortona hanno raccolto con orgoglio l’invito della Città di Amatrice, che dopo il disastroso terremoto del 2016 sta tornando alla normalità. Normalità che è fatta anche e soprattutto di sport, per tutti i bambini di Amatrice e dintorni. Domani nella cittadina laziale verranno inaugurati corsi di Minivolley e toccherà proprio ai ragazzi impavidi e ai colleghi di Civita Castellana, impartire la prima lezione in mattinata, con uno stage formativo rivolto a tutti i bambini della Scuola Volley amatriciana. E dopo aver lavorato in campo, tutti sugli spalti per assistere alle 15.30 circa, ad una gara amichevole tra i ragazzi di Civita Castellana e quelli della Sieco Impavida Ortona.

Ortona. Una SIECO stanca e demotivata impatta contro la Goldenplast Potenza Picena e contro suo muro, molto efficace questa sera. I tanti errori al servizio ed una fase di ricezione/difesa ancora in affanno hanno contribuito a questa disfatta. Ospiti più pimpanti, motivati dalla speranza di poter agganciare ancora la salvezza diretta. C’è tuttavia da dire che per Potenza Picena le notizie che cominciavano a giungere da Mondovì non erano affatto incoraggianti, ma nonostante questo la squadra marchigiana ha spinto costantemente sull’acceleratore meritando il risultato finale. Molte le novità in campo per gli ortonesi che danno spazio a chi in questa stagione ha trovato meno spazio. Si vedono quindi in campo Sitti, Tartaglione, Zanini e Provvisiero. Sempre della gara invece Ogurčák e Bencz, anche se non troppo pungenti in quest’ultima uscita. Si chiude quindi con una sconfitta, anche questa per fortuna indolore, l’avventura impavida di questa stagione. Nonostante i tre punti guadagnati, la Goldenplast, non con la conseguente vittoria per 3-2 di Mondovì non è riuscita nell’impresa ed ora dovrà incontrare TAVIANO negli spareggi per evitare i play-out.

Ma se gli impegni ufficiali sono con oggi terminati, la SIECO sarà ancora in campo mercoledì 28 in quel di Amatrice, dove verrà inaugurata una nuova struttura sportiva dopo il disastroso terremoto che ha sconvolto la cittadina laziale. Gli ortonesi se la vedranno contro Civita Castellana per quella che sarà una festa per tutti i bambini amanti del volley che potranno assistere ad una gara che si annuncia di buon livello.

PRIMO SET. Sestetto di base in parte rivoluzionato per i padroni di casa che schierano il giovane Sitti al palleggio e Bencz opposto. Novità anche al centro con Zanini che affianca Simoni. Schiacciatori di posto quattro saranno Ogurčák e Tartaglione, libero Provvisiero. Gli ospiti a caccia dei tre punti per continuare a sperare sono orfani del palleggiatore Lavana infortunato. Potentini che scendono dunque in campo con Monopoli in cabina di regia e Bisi opposto. Al centro Larizza e Bucciarelli. Marinelli e Cristofaletti schiacciatori. Il liberò è D’Amico. Sono i marchigiani ad aprire le ostilità con Larizza al servizio ma il primo punto è di Zanini per la SIECO 1-0. Sostanziale equilibrio nella prima parte di questo parziale con gli ospiti bravi a sfruttare la pipe per spiazzare il muro ortonese. Tartaglione elude egregiamente il muro a tre eretto da Potenza Picena e segna il 5-5. Punto break per i marchigiani che tentano il primo allungo 6-8. Bisi salta da seconda linea e la SIECO trova il punto del 9 pari. Ace di Tartaglione 11-10. Ancora un errore di Bisi e stavolta il doppio vantaggio è ortonese: 12-10. Erroraccio di Bencz che la spara fuori 12-12. Fischiata invasione a Larizza, confermata anche dal video-check: 14-13. È Out l’attacco al centro di Bucciarelli, la SIECO va a +3 e coach Di Pinto chiama tempo: 18-15. Bencz intercetta una palla di ritorno da una ricezione sbagliata: 19-15. Arriva un ace per Bisi che fa 19-17 e insieme a questo, arriva anche la richiesta di Time-Out per Nunzio Lanci. Ancora ace per Bisi che sorprende Provvisiero 19-18. Tartaglione piazza una parallela potente 21-18. Murato Bencz prima e tartaglione poi, gli ospiti non mollano la SIECO 22-21 con Nunzio Lanci a chiamare ancora tempo. Out ancora l’attacco di Bencz ed il pareggio è servito: 22-22. Brutto errore di Marinelli che manda ampiamente out il suo attacco in pipe ed è Set point 24-22. Azione confusa con Sitti costretto a palleggiare quasi da sdraiato. Non ne approfittano gli ospiti che ricostruiscono in maniera tutt’altro che impeccabile, ne approfitta Ogurčák al quale basta appoggiare la palla nel campo avverso 25-22.

SECONDO SET. Nessuna novità, si parte con Ogurčák al servizio ma il primo punto è per gli ospiti 0-1. Out il servizio di Zanini 2-2. Il muro di Michele Simoni tiene gli ortonesi agganciati ai potentini 3-3. Larizza mura Tartaglione ed è il primo tentativo di fuga in questo secondo parziale 3-5. Ogurčák prova a ridurre lo svantaggio 6-8. Invasione di Cristofaletti, la SIECO torna ad un punto 9-10. Arriva un nuovo allungo ospite, Ogurčák murato e con il divario che aumenta (9-14), Nunzio Lanci chiama tempo. Ottima l’intesa tra Monopoli e Bucciarelli al centro 10-17. Ace di Bisi e potentini quasi irraggiungibili 10-18. Neanche il potente Milan Bencz può nulla contro il muro ospite 11-20. Murato anche Michele Simoni 12-22. Il servizio di Tartaglione è così forte che anche l’arbitro vuole vederla al video-check: punto! 14-23. Finale di set agevole per la Goldenplast che approfitta dell’errore di Bencz per fare 14-25.

TERZO SET che parte con Menicali al posto di Simoni e per il resto, formazioni invariate. Potentini che insistono, a ragione, con la pipe che puntualmente spiazza il muro ortonese 1-1. L’invasione di Cristofaletti vale il punto del 3-2. Quattro tocchi fischiati alla Goldenplast 5-4. Doppio colpo dei potentini che si portano in vantaggio 5-6. Ogurčák a muro costringe gli avversari a rifugiarsi in time out: ora il punteggio è di nuovo a favore dei padroni di casa 10-7. OUT il servizio di Zanini: 12-10. Aggancio avvenuto, murato al centro Menicali ed ora 13-13. Arriva subito dopo anche l’ace del sorpasso 13-14. Out anche il servizio di Sitti 17-17. Poco dopo anche bisi spedisce fuori il suo servizio 19-19. Out l’attacco di Tartaglione così la Goldenplast agguanta il doppio vantaggio 19-21. È fuori la veloce al centro di Bucciarelli, arriva così il punto del 21 pari. Ancora un muro per la Goldenplast 21-23. Contestato dagli ospiti il punto della SIECO ma l’arbitro non ne vuol sapere e tant’è 22-23. Ogurčák fa muro e porta la squadra i vantaggi 24-24. Spettacolare recupero di Monopoli che mantiene viva una palla che poi sarà capitalizzata dai marchigiani che si aggiudicano anche il terzo set 25-27

QUARTO SET. Nessun cambiamento rispetto al precedente parziale, Ogurčák è pronto al servizio. Errore al servizio per Zanini 1-2. Ancora muro e ospiti che sono subito a +2: 2-4. Out l’attacco di Bencz 3-6. Quando anche Ogurčák attacca out, Nunzio Lanci ferma il gioco: 3-7. Tra lo stupore di tutti, avversari compresi, il video-check rileva un tocco a muro di Zanini e così il tabellone elettronico segna 5-9. Ace di Milan Bencz e i punti da recuperare sono ancora due 10-12. Menicali ne fa uno anche per la SIECO: muro dell’11-12. Pallonetto telefonato di Bencz e palla spedita a terra dal muro 11-14. La SIECO infila un parziale di 3 punti a zero che costringe coach Di Pinto a chiamare tempo 14-14. Mossa azzeccata! Potenza Picena torna subito a distanza di sicurezza 15-16. Ogurčák ancora vittima del muro 15-17. Allungo degli ospiti che sul 16-20 fanno decidere a Mr. Lanci che è ora di fermare il gioco. Provvisiero battezza fuori una palla che invece cade proprio all’incrocio delle righe 16-21. Punto di Marinelli e Goldenplast ad un passo dai tre punti. Bella parallela di Di Silvestre ed ora sono tre i mach point a disposizione per i potentini. Ci prova Tartaglione ma il suo servizio si infrange sulla rete e la vittoria va agli avversari 21-25.

Il centrale Zanini «Abbiamo giocato bene soltanto nel primo set, poi siamo calati in tutti i fondamentali. Il nostro muro, a differenza del loro è stato quasi inesistente. Monopoli è riuscito a gestire egregiamente i propri attaccanti e siamo andati in difficoltà. Certo avevamo stimoli differenti, noi eravamo per fortuna salvi già da un po’ e non siamo riusciti a caricarci come invece avremmo dovuto».

Dello stesso parere anche l’altro protagonista della serata Simmaco Tartaglione: «Sapevamo che Potenza Picena sarebbe arrivata agguerrita. Avremmo voluto salutare il nostro pubblico con una vittoria ma loro sono stati più bravi loro. In bocca al lupo alla Goldenplast per gli spareggi»

 

TABELLINI:

Sieco Impavida Ortona: Simoni 3, Pesare (L), Zanettin n.e, Bencz 11, Tartaglione 21, Ottaviani n.e., Sitti 3, Provvisiero (L), A. Lanci n.e., Zanini 5, Ogurčák 12, Menicali 4. Allenatore: N. Lanci

Goldenplast Potenza Picena: Sette n.e., Bisi 20, Toscani, Buccirelli 12, D’Amico (L), Cristofaletti 13, Marinelli 10, Di Silvestre 2, Larizza 14, Monopoli 5, Giannini, Romanò, Maccarone n.e.


NOTE:
Sieco Service Impavida Ortona – Goldenplast Potenza Picena 1-3 (25-22 / 14-25 / 25-27 / 21-25)
Durata Set: I (27’), II (26’), III (30’), IV (29’)
Durata incontro: 1h 52’
Muri Punto: Ortona 9; Potenza Picena 17
Aces: Ortona 4; Potenza Picena 6
Errori Al Servizio: Ortona; Potenza Picena
Arbitri: Oranelli Alessandro, Bellini Andrea
Foto: Francesca Verbena

Ortona. Manca ormai poco. Il palcoscenico sulla Stagione 2017 / 2018 sta per chiudersi sulla SIECO Service Impavida Ortona che domenica alle ore 19.00 affronterà la Goldenplast Potenza Picena per l’ultima gara di questo campionato.

Stagione che non ha più nulla da dire per gli ortonesi, certi della permanenza in serie A2 da un paio di turni, ma che ha invece ancora molto da raccontare per i nostri prossimi avversari ancora a caccia della salvezza diretta. I marchigiani occupano, con 15 punti, la penultima posizione in classifica e sono quindi a caccia dei tre punti per agganciare Mondovì a 18 punti e bruciarli al Photo-Finish. Tuttavia, l’impresa non dipende solo da loro ma anche dalla gara in quel di Mondovì, con i piemontesi impegnati contro la già “condannata” Conad Reggio Emilia.

All’andata prestazione affatto brillante degli ortonesi che persero per tre set ad uno e quindi, le statistiche aggiornate vogliono che degli undici precedenti, sette siano a favore della SIECO e quattro degli avversari di Potenza Picena.

Mastica ancora amaro per la sconfitta di Reggio Emilia coach Nunzio Lanci: «È stato un campionato sfiancante. Tante gare ravvicinate e trasferte molto lontane. Appena rientrati dalla trasferta di Aversa, durata cinque set, siamo ripartiti subito per Reggio Emilia. Un po’ per la stanchezza, un po’ per la mancanza di motivazioni, data la salvezza raggiunta, ed ecco che più che giocare male, non abbiamo giocato affatto».

Toccherà quindi ai signori Oranelli Alessandro (Pg) e Bellini Andrea (Pg) arbitrare la gara che chiuderà questa avventura targata Sieco 2017 / 2018.

Ecco le altre gare dell’ultima giornata Pool “B”. Per l’occasione tutti gli incontri cominceranno domenica alle 19.

Gioiella Micromilk Gioia del Colle – Aurispa Alessano
Pool Libertas Cantù – Sigma Aversa
VBC Mondovì – Conad Reggio Emilia

Reggio Emilia. È una brutta Impavida quella vista a Reggio Emilia che cede agli avversari l’intera posta in palio in poco meno di un’ora e mezza di gioco. Ci provano gli ortonesi ad impensierire gli avversari ma nulla hanno potuto contro una Conad che, alla luce della vittoria del Mondovì in trasferta ad Alessano, si vede costretta a disputare i Play-Out retrocessione. Le due squadre sono speculari, reattivi gli emiliani e finanche troppo calmi gli abruzzesi, poco attenti in fase di copertura e carenti in ricezione dei momenti fondamentali di ogni set. Gara sottotono anche per le due “punte di diamante” Bencz ed Ogurčák, sostituiti da Zanettin e Tartaglione, quest’ultimo tra i migliori in campo alla fine risulterà miglior realizzatore per gli ortonesi con il compagno di reparto Ottaviani. L’appuntamento adesso è per l’ultima gara stagionale domenica prossima, alle ore 19.30 affronterà la GoldenPlast Potenza Picena. Non sarà facile perché i Marchigiani hanno ancora una sottile speranza di chiudere la pratica salvezza senza dover proseguire per i Play-Out e l’unica opzione valida per loro, sono i tre punti. La SIECO è avvisata: per chiudere la stagione con un sorriso c’è bisogno di maggior concentrazione.


PRIMO SET: Padroni di casa che schierano in campo Inglesias al palleggio e Koraimann opposto, Ferrari con l’ex di turno Sesto giocheranno al centro, Ippolito e Bellini schiacciatori, libero Morgese. La SIECO, contrappone Andrea Lanci in regia e Bencz opposto, Menicali e Simoni al centro mentre schiacciatori sono Ogurčák e Ottaviani. Libero Pesare. Prima palla per Ippolito della Conad, ma il primo punto è di Simoni 0-1. Ancora un primo tempo giocato da Menicali che però incontra il muro e la Conad ribalta la situazione 2-1. Out l’attacco di Ottaviani e la Conad tenta la fuga 7-4. La Pipe dei padroni di casa spiazza completamente il muro ortonese, e sul 9-6 Nunzio Lanci chiama il suo primo time out. Ace di Ippolito e la Conad guadagna ancora un punto 11-8. Primo ace anche per la SIECO. Simoni fortunato centra il nastro della rete e la palla cade a terra 11-9. Colpo di reni di Menicali che intuisce il pallonetto e piazza un muro ad una mano a Koraimann. Punteggio in parità 13-13. Lungo scambio sul 14 pari. Alla fine Ortona ha la meglio e Simoni riporta avanti la Sieco 14-15. Subito dopo, lo stesso centrale si porta in servizio e centra un nuovo ace fortunoso, fotocopi del precedente 14-16. Dura poco il doppio vantaggio della SIECO. L’ex Sesto blocca Bencz a muro 16-16. Out l’attacco di Ottaviani, confermato anche dal video check 18-17. Sesto mura anche Ogurčák, così che i padroni di casa vanno avanti di due punti 20-18 e Nunzio Lanci ferma tutto con il secondo time-out. La fase difensiva e di ricostruzione della Conad è perfetta in questo finale di set. I Padroni di casa chiudono il parziale con il punteggio di 25-19.

SECONDO SET: Formazioni invariate per entrambi i sestetti. Questa volta si parte con Ogurčák l servizio e poi Ottaviani chiude Koraimann a muro: 0-1. Bencz poco incisivo fino ad ora sbaglia un servizio prima e poco dopo si fa murare 5-5. Entra in campo Tartaglione per Ogurčák e fa subito punto 7-6. Aumenta il vantaggio dei padroni di casa che ora si porta a tre punti 9-6 con Nunzio Lanci che prova a riorganizzare le idee chiamando il primo time-out. Pallonetto di tartaglione che segna il punto del 10-8 e poi va al servizio. Brutto servizio di Ippolito che regala il punto alla SIECO. Ora il tabellone segna 14-13. Poi Ottaviani piazza l’ace del pareggio 14-14. Pesante parziale a favore della SIECO che con il pallonetto di Tartaglione si porta in vantaggio 14-15 e questa volta è Reggio Emilia ad essere costretta al time-out. Sprecata un’occasione per la SIECO che con Bencz trova la strada sbarrata dal muro di Sesto: 17-18. Si arriva al ventesimo punto e gli impavidi si bloccano un parziale di due punti a zero e la CONAD trova il 20-20. Nunzio Lanci chiama il suo secondo tempo a disposizione. Muro di Tartaglione 22-23 e time out anche per Reggio. Primo tempo tirato fuori da Sesto e gli ospiti hanno tra le mani la prima palla set. Nulla da fare per gli abruzzesi. La Conad si conferma bravissima in fase di ricostruzione 24-24 e si va ai vantaggi. Palla doppia fischiata a Menicali e palla del set sprecata: 25-25. Adesso la situazione è ribaltata, punto break e set point per Reggio Emilia 25-26. Koraimann sfiora a muro la palla di Ottaviani che tiene in gioco i suoi 27-27. Arriva anche il punto finale e la Conad strappa al fotofinish un set che fino a pochi minuti prima sembrava appannaggio degli ospiti: 27-29.
TERZO SET: Rimane in campo Tartaglione e si vede anche Zanettin al posto di Bencz. Non passa l’attacco di Tartaglione e Conad in vantaggio 3-2. Ace di Bellini: Pesare sorpreso 5-3. Scappa ancora una volta la formazione emiliana, troppi gli errori di questa SIECO 7-3. Black-out dei padroni di casa. Ne approfittano gli impavidi ed è parità 7-7. Il servizio di Ottaviani esce di pochissimo: 10-9. Tartaglione è ispirato è piazza una parallela perfetta 10-12. Inutile la difesa della SIECO: Koraimann infila il suo attacco tra la rete ed il muro conquistando il pareggio 15-15. L’Ace di Held ribalta ancora la situazione, ora la SIECO è sotto di due punti: 17-16. Ace di Ippolito e Conad avviata verso la conquista di tre punti: 20-17. Out l’attacco di Tartaglione 22-18. In rete il servizio di Tartaglione e l Conad può ora contare su ben tre set point 24-20. L’Ace di Bellini che chiude una gara brutta, Pesare non riesce a ricevere in tuffo e Reggio Emilia fa set e partita 25-20

Non c’è solo rammarico nelle parole dello schiacciatore bianco-azzurro Simmaco Tartaglione, ma anche un pizzico di ottimismo: «È stata una partita strana. Reggio Emilia ha giocato benissimo. Noi dal punto di vista emotivo ce l’abbiamo messa tutta, dal lato pratico però, è andata male. Non siamo stati proprio capaci di giocare ai nostri livelli. Sono convinto che faremo molto meglio domenica prossima davanti al nostro pubblico contro Potenza Picena. Cercheremo di prendere insegnamenti da questa sconfitta e trasformarla quindi in qualcosa di positivo da mettere in campo nell’ultima gara di campionato».


TABELLINI:

Conad Reggio Emilia: Held 1, Inglesias 1, Sesto 5, Arienti, Bortolozzo n.e., Bellini 20, Bonante n.e., Ferrari 6, Ippolito 14, Onwuelo n.e, Cester n.e, Morgese (L), Koraimann 6. Allenatore Held Henk Jan.

Sieco Impavida Ortona: Simoni 4, Pesare (L), Zanettin 4, Bencz 10, Tartaglione 14, Ottaviani 14, Sitti, Provvisiero (L) n.e., A. Lanci, Zanini n.e., Ogurčák, Menicali 4. Allenatore: N. Lanci

NOTE:
Conad Reggio Emilia - Sieco Service Impavida Ortona 3-0 (25-19 / 25-17 / 25-20)
Durata Set: I (26‘), II (35’), III (26’)
Durata incontro: 1h 27’
Muri Punto: Reggio Emilia 9; Ortona 8
Aces: Reggio Emilia 5; Ortona 3
Errori Al Servizio: Reggio Emilia 8; Ortona 10
Arbitri: Sessolo Maurina (TV) e Piubelli Massimo (VR)

Ortona. Raggiunta la salvezza grazie ai due punti conquistati nel recupero di mercoledì sera contro Aversa, la SIECO affronta una nuova trasferta nel giro di pochi giorni. Questa volta la destinazione è Reggio Emilia, per affrontare una CONAD affamata di punti che le garantirebbero da subito la permanenza in Serie A2.

Con la salvezza già in tasca la SIECO affronterà con più serenità l’impegno di domenica ma con l’intento di onorare il campionato giocando al meglio. Stessa intenzione l’avranno i reggiani, ultimi in classifica e distanti quattro punti dalla zona salvezza quando le gare rimaste a disposizione sono soltanto due.

Rocambolesca ed “impavidiana” la partita di andata, quando la SIECO avanti di due set, vinti tra l’altro agevolmente, subiva la rimonta degli ospiti per poi vincere il tie-break. Grazie a quella vittoria gli abruzzesi si sono portati in vantaggio nella statistica dei “precedenti”. Ora la SIECO conduce con cinque vittorie contro le quattro degli emiliani.

Il Capitano Andrea Lanci. «Ultimamente Reggio Emilia sta incontrando qualche difficoltà nell’esprimersi al meglio, ma giocare fuori casa è sempre ostico. Dobbiamo rimanere concentrati senza rilassarci troppo e risultare arrendevoli, nonostante questo campionato abbia ancora poco da dire per noi». A dirigere l’incontro saranno i signori Sessolo Maurina (TV) e Piubelli Massimo (VR)

Questi invece gli altri incontri della penultima giornata di “Pool B”

Sabato 17 marzo ore 20.30
Sigma Aversa – Gioiella Micromilk Gioia Del Colle

Domenica 18 marzo ore 16.00
Aurispa Alessano – VBC Mondovì

Domenica 18 marzo ore 19.30
Goldenplast Potenza Picena – Pool Libertas Cantù

Ortona. Siamo già alla prima di ritorno e la classifica è quanto mai incerta soprattutto per la coda della classifica. Ad oggi la SIECO conserva ancora un piccolo margine di sicurezza. Sono infatti tre i punti che separano la compagine ortonese dall’infausta “zona rossa” quando le gare che rimangono da disputare sono quattro. All’andata il sestetto ortonese i impose con un secco tre a zero, trascinato da un Milan Bencz tornato in campo in forma strepitosa. Ma a tal Nunzio Lanci deve mandare giù l’ennesimo boccone amaro. Superato il problema alla spalla, il forte opposto slovacco si trova ora a combattere un nuovo dolore, questa volta alla coscia destra. Gli ultimi esami, svolti ieri in tarda serata, hanno escluso seri problemi e nonostante il dolore ci sia ancora lo slovacco stringe i denti e si allena. E se Bencz sarà a mezzo servizio, per gli avversari scenderà in campo un recuperato Libraro che era stato invece assente nella partita di andata, rendendo insieme al fattore campo ancora più ardua l’impresa degli abruzzesi. Da segnalare l’insolito orario di gioco. La gara si svolgerà sabato 3 marzo alle ore 18.00 e sarà diretta dai signori Cavalieri Alessandro Pietro (Cz) e Nicolazzo Maurizio (Cz).

Queste le altre gare della prima giornata di ritorno della Pool B:

Sabato 3 marzo Ore 20.30
GoldenPlast Potenza Picena – VBC Mondovì

Domenica 4 marzo Ore 16.00
Aurispa Alessano - Pool Libertas Cantù
Conad Reggio Emilia – Gioiella Micromilk Gioia Del Colle

Civitanova Marche. Esce sconfitta la Sieco Service, da una gara molto importante in quel di Civitanova Marche contro la GoldenPlast Potenza Picena che trova invece una vittoria preziosa ai fini della permanenza diretta in serie A2.Non era partita con il migliore dei presagi per i ragazzi di Mister Lanci. Non solo Fero Ogurčák è a mezzo servizio a causa di un risentimento alla schiena ma si ferma ancora Milan Bencz, questa volta per un dolore ad una coscia. A sostituirlo torna Ivan Zanettin. Non è una bella gara quella vista questa sera all’Eurosuole con tanti errori da entrambe le parti ma con un Potenza Picena che, sebbene più falloso in fase di servizio, risulta più attento in fase di copertura e ricostruzione. Non è stata una serata in gran spolvero per il muro ortonese, (eccezion fatta per Menicali, sei degli otto muri punto bianco azzurri sono suoi), che non è sembrato aiutare molto la retroguardia ortonese. Meglio nella fase centrale della gara quando i ragazzi di Nunzio Lanci dominano il secondo set per poi perdersi a partire dalla metà del terzo parziale quando si fanno recuperare un vantaggio di tre punti per poi giocarsela fino ai vantaggi persi per una invasione sotto rete e per un più che fortunoso ace degli avversari. La SIECO illude di potersela giocare nel terzo set partendo bene ma subendo il sorpasso e l’allungo di un Potenza Picena in costante crescita. Ora la lotta per evitare le ultime due posizioni coinvolge anche la SIECO. Sarà una questione a quattro tra Mondovì, Reggio Emilia e le due protagoniste di questa sera Potenza Picena e Sieco Impavida.

PRIMO SET al via con Potenza Picena che schiera in campo Monopoli al Palleggio, Bisi opposto, Buccirelli e Larizza al centro, Cristofaletti e Marinelli schiacciatori e Francesco D’Amico libero. Nunzio Lanci risponde mandando in campo Andrea Lanci palleggiatore e Zanettin opposto. Al centro ci sono Simoni e Menicali mentre schiacciatori Ogurčák e Ottaviani. Il ruolo di Libero oggi è di Pesare.

Si parte con Potenza Picena al servizio e arriva subito il primo ace con Larizza. Anche il primo break è per i padroni di casa. Bisi buca il muro e fa 3-1. Invasione fischiata a Bucciarelli 4-4. Il pallonetto di Marinelli porta Potenza Picena alla prima fuga della serata 10-7. Subito arriva anche un ace per i marchigiani e Nunzio Lanci ferma il gioco sull’11-7. Ancora un ace concesso dagli ortonesi 13-9. Muro di Menicali e la SIECO rosicchia un punto 16-14. Ancora Menicali sfrutta la free-ball e la SIECO si avvicina 17-16 e Coach Di Pinto decide di fermare il gioco. Fa bene il Time-out ai padroni di casa, Bisi ristabilisce le distanze 19-16. Errore di Zanettin al servizio 21-18. Il punto di Cristofaletti porta i suoi a 23 punti contro i 19 degli ortonesi. Per l’occasione Nunzio Lanci chiama il suo secondo ed ultimo tempo a disposizione. Marinelli in Pipe attacca in zona cinque ed ora il punteggio è 24-20 per la GoldenPlast. Larizza chiude quindi la pratica set con una potente chiusura del “sette”. 25-21

SECONDO SET con squadre in campo a formazioni invariate. Si parte in perfetto equilibrio 2-2 ma poi Menicali ci mette le mani con il muro che porta per la prima volta gli ortonesi in vantaggio 2-3. Ace che vale il 5-6 per Menicali. Il “Mani Out” su Cristofaletti ad opera di Ottaviani vale il 6-9 ma Zanettin decide che è ora di fare ACE e sul 6-10 Coach Di Pinto è costretto a fermare il gioco. Zanettin spara out 9-12. Sbaglia la ricostruzione la SIECO e Potenza Picena torna sotto 10-12 e Nunzio Lanci chiama tempo. Fischiata un’invasione a Bisi e Ortona ottiene un punto insperato 11-15 ma la GoldenPlast è in crescita. Buona la Pipe di Ogurčák, impavidi a +4 13-17. Larizza allarga troppo il colpo e la SIECO allunga 14-20. Zanettin fa Ace, Cristofaletti rimane fermo 14-21. Ogurčák chiude al volo una palla di ritorno dopo un potente servizio di Ottaviani 16-24. Il set-point è deciso al VideoCheck: era dentro il pallonetto di Ogurčák ed il parziale si chiude 18-25.

Anche per il TERZO SET nessuna novità e la palla è tra le mani dei padroni di casa per il servizio. Ace di Andrea Lanci che cade sulla riga di fondo 2-4. Fischiato un fallo di seconda linea a Bisi e Coach Di Pinto ed il pubblico di casa si infuriano con l’arbitro 3-6. L’arbitro non vede bene se la palla di Menicali è dentro o fuori e chiama direttamente il check. Purtroppo per i bianco azzurri la palla è fuori 5-6. Subito dopo Bisi approfitta di una ricostruzione per tornare in parità 6-6 annullando un vantaggio di ben tre punti. Ogurčák prende l’asta e la GoldenPlast torna in vantaggio 10-9. Zanettin la spara fuori 12-10. Menicali ci prende gusto con i muri 12-12. Nell’azione successiva Bucciarelli spara fuori 12-13. Il parziale di 3 a zero per gli abruzzesi costringe Di Pinto a chiamare time-out. Bisi trova l’angolo giusto al servizio e fa Ace 14-13 e questa volt è Nunzio Lanci a chiamare tempo. Il muro di Bucciarelli su Ottaviani porta i padroni di casa al doppio vantaggio 16-14. Cristofaletti cerca il muro ma non lo trova e la palla è fuori 16-16 di nuovo parità. Il Muro di Cristofaletti vuol dire fuga per la GoldenPlast 19-16. Ace di Zanettin: La SIECO si avvicina 19-18. Questa volta è Ottaviani a trovare l’ace 21-20. Il video-check da ragione gli ospiti e le speranze ortonesi di raddrizzare il parziale rimangono vive 22-21. Ogurčák trova il pareggio giocando il mani e fuori: 23-23 così Di Pinto ferma il gioco. Arriva il primo set-ball per i marchigiani con Bisi al servizio. Il servizio però è sulla rete e si va ai vantaggi. Ace fortunoso di Marinelli che al servizio tocca il nastro e cade a piombo. 26-24

TERZO SET decisivo che parte a formazioni invariate. Il primo punto è per la GoldenPlast 1-0. Fermata bene la Pipe di Potenza Picena break della SIECO 2-4. Il muro di Cristofaletti su Ogurčák porta il punteggio in parità 5-5. Buon momento per i padroni di casa che azzeccano tutto, sia in fase difensiva che in fase di muro 7-5. L’ace di Ogurčák vale il 7-7. Fermato Ottaviani a muro 11-9. Palla fuori di pochissimo quella di Ogurčák e sul 12-9 Nunzio Lanci chiama tempo. Continua a correre la GoldenPlast che ora è in vantaggio 14-10. Marinelli con il suo Ace aumenta la forbice tra le due squadre 17-12. A segno ancora Bisi dopo uno cambio interminabile e la GoldenPlast si avvia alla conclusione 20-14 con Lanci che chiama tempo. Larizza mura Ottaviani 22-17. Out l’attacco di Zanettin con Potenza Picena che è a mezzo passo dal conquistare tre punti importantissimi 24-18. L’ultimo punto è da rigiocare perché ne arbitri ne video-check sono in grado di stabilire se la palla sia dentro o fuori. Poco male per i padroni di casa che rimandano solo di qualche secondo la vittoria che arriva con una bordata di Marinelli 25-18

Michael Menicali «Abbiamo toppato l’ennesima partita importante. L’approccio alla partita non è stato ottimale con le carte purtroppo mischiate dall’indisponibilità di Bencz che solo all’ultimo ha capito di non farcela. Tuttavia non cerchiamo alibi. Continuiamo a fare troppi errori e purtroppo contro una squadra molto forte in difesa è dura raddrizzare qualche pasticcio. Peccato perché la partita era alla nostra portata. Ora c’è da lavorare tanto e con maggior vigore per tenersi alla larga da questa zona rossa che si è di nuovo avvicinata. Dovremo giocare con il coltello tra i denti cercando di non farci schiacciare dalla pressione»

TABELLINI:

GoldenPlast Potenza Picena: Sette, Bisi 14, Toscani, Bucciarelli 9, D’Amico (L), Cristofaletti 13, Marinelli 27, Di Silvestre, Larizza 12, Monopoli 1, Lavanga n.e., Romanò, Maccarone. Allenatore. A. Di Pinto

Sieco Impavida Ortona: Simoni 3, Pesare (L), Zanettin 13, Bencz n.e., Tartaglione n.e., Ottaviani 15, Sitti, Provvisiero (L), A. Lanci 1, Zanini n.e., Ogurčák 16, Menicali 13. Allenatore: N. Lanci

NOTE:

GoldenPlast Potenza Picena - Sieco Service Impavida Ortona 3-1 (25-21 / 16-25 / 26-24 / 25-19)

Durata Set: I (27’), II (26’), III (33’), IV (31’)

Durata incontro: 1h 57’

Muri Punto: Potenza Picena 9; Ortona 9

Aces: Potenza Picena 6; Ortona 7
Errori Al Servizio: Potenza Picena 15; Ortona 7

Arbitri: Saltalippi Luca (Pg) Luciani Ubaldo(An)

Foto: Edoardo Rossi

Ortona. Ed eccoci al giro di boa. Quella di domenica 25 febbraio alle ore 18 contro la GoldenPlast Potenza Picena sarà infatti l’ultima giornata di andata di questa Pool B che ha visto la SIECO vittoriosa due volte su tre gare fino ad oggi disputate.

Quella con la GoldenPlast Potenza picena sarà una gara fondamentale per i ragazzi allenati da Mister Nunzio Lanci, che dopo i due punti conquistati in casa contro la Conad Reggio Emilia è decisa a prolungare la striscia positiva per creare maggiore distacco dagli ultimi due posti in classifica. La stessa fame di punti, tuttavia, si fa sentire anche nello stomaco dei potentini che stazionando in piena zona rossa, con 9 punti, tenteranno di sfruttare al meglio il turno casalingo e la classifica sempre molto corta per scalare posizioni ed allentare la pressione. Quella di domenica sarà anche l’occasione per ritrovare il libero ex-impavido Alessandro Toscani, ora in forza ai marchigiani.

«Mancano solo cinque giornate alla fine di questa POOL B.» racconta Nunzio Lanci, «Ci sono ancora quindici punti a disposizione. Ogni punto è tanto di guadagnato ma il tempo stringe ed è nostra premura chiudere la pratica salvezza il prima possibile. Incontreremo una squadra bene equilibrata con tanta voglia di risalire in classifica. Giocheranno al massimo, pronti a sfruttare ogni nostra indecisione. Dovremo essere bravi a mantenere la pressione. Ogurčák sta benone. Si è trattato di una forte contrattura ma sarà in campo»

Dando uno sguardo ai precedenti tra le due squadre troviamo che il primo “scontro” risale alla stagione 2012/13, l’ultimo alla 2016/17. La SIECO è nettamente avanti, 7 vittorie contro le 3 della GoldenPlast mentre i set vinti dagli ortonesi sono 24 e 16 quelli persi. Ad arbitrare l’incontro penseranno i signori Luca Saltalippi (Pg) e Ubaldo Luciani (An).

Queste infine le altre gare della quarta giornata di andata in Poule B:

Sabato 24 febbraio ore 20.30:
Aurispa Alessano – Micromilk Gioia del Colle
Sigma Aversa – Pool Libertas Cantù

Domenica 25 febbraio ore 19.30:
Conad Reggio Emilia – VBC Mondovì

Ortona. Nonostante la vittoria sono tanti rimpianti per questa SIECO, capace di dominare i primi due set per poi cedere al ritorno degli avversari. Peccato perché dopo la débâcle del terzo set, la squadra guidata da Nunzio Lanci sembrava aver ritrovato la strada giusta nel quarto e invece niente da fare i fari si sono spenti e la Conad, ripresasi da un secondo parziale decisamente sotto tono ha svolto con diligenza il proprio compito e, senza neanche strafare troppo, riesce nella rimonta. Bencz gioca bene, i suoi colpi si fanno sempre più potenti ma con la partita che va per le lunghe comincia ad accusare un po’ di fatica dovuta al suo lungo stop. Problemi per Ogurčák uscito alla fine del quarto set per un problema alla schiena. Sembrerebbe nulla di grave per lui ma bisognerà attendere i risultati degli accertamenti della prossima settimana per avere informazioni in più. Finisce dunque 3-2 questo anticipo della terza giornata di Pool B con la SIECO che sale a 14 punti e stacca di 4 proprio Reggio Emilia. Altra gara importantissima quella di domenica prossima contro il Potenza Picena, che potrebbe tracciare in maniera molto più marcata la linea di confine tra la “zona rossa” e quella di relativa tranquillità nella quale, ad oggi, orbita la Sieco Service Impavida Ortona.

PRIMO SET: Nunzio Lanci riesce finalmente a dare continuità al suo sestetto affidandosi al palleggiatore Andrea Lanci e a Milan Bencz opposto. La coppia dei centrali è composta da Simoni e Menicali mentre gli schiacciatori sono Ogurčák e Ottaviani. Libero Giancarlo Pesare. Reggio Emilia schiera Inglesias al palleggio e Koraimann opposto, Bortolozzo e Sesto centrali, Ippolito e Bellini schiacciatore, libero Morgese. Prima palla agli ospiti che servono con Koraimann che trova subito l’ace 1-0. Subito il break di Reggio Emilia che sfrutta l’impossibilità dei locali a ricostruire 2-0. L’errore di Ippolito regala il pareggio all’Ortona 3-3. Anche Bortolozzo fa ace 3-5. Un ace anche per gli adriatici, ci pensa Ottaviani 6-5 che ci prende gusto ne ne fa due di seguito 7-5. Time Out per Mister Held. Il muro di Menicali porta la SIECO a tentare la fuga 10-6. Ogurčák intercetta a muro una palla di ritorno, segna il 12-7 e costringe Held a chiamare il suo secondo time out. Due Aces di fila per l’ex Sesto e Reggio Emilia si avvicina 13-10. Ace anche per Cester 14-12. Ancora un muro per Menicali 16-12. Ancora un muro, ma questa volta di Ottaviani porta fieno in cascina 18-12. Spettacolare Andrea Lanci nel punto del 19-14, prima recupera una palla dall’altra parte della rete e subito dopo riesce a tenerne un’altra in gioco con una bella scivolata a mano aperta. Out di pochissimo il servizio di Ippolito 22-17. Il muro di Bencz porta la SIECO ad avere la tranquillità di sei punti set. 24-17. Lo stesso opposto slovacco chiude la pratica: 25-18

SECONDO SET che parte con formazioni e trend invariati. La SIECO cerca subito la fuga mettendo a segno un parziale di 4-0. Dopo un periodo di smarrimento la Conad Reggio Emilia ritrova gioco e punti, annullato il vantaggio che ora è solo di un punto 6-5. La SIECO non ci sta e recupera subito i quattro punti di vantaggio 9-5. Ace per i reggiani con il numero 10 Bellini 10-8. Ancora un pesante parziale messo a segno dalla SIECO Ortona costringe Mr. Held a chiamare il suo primo time out: 14-9. Il muro di Menicali fa aumentare ancora il divario tra le due compagini 17-9. Continua ad infierire la SIECO in questo parziale su una Conad disorientata. La prima di molte palle SET è nelle mani di Milan Bencz: 24-12. Bellini poi la spedisce fuori, il punteggio è 25-12.

TERZO SET senza variazioni nelle variazioni ma la CONAD rientra in campo più concentrata ed agguerrita: 4-4. Torna in vantaggio la formazione reggina che mette a segno un break di due punti 4-6. Reggio Emilia non rallenta, anzi, aumenta il suo vantaggio costringendo Nunzio Lanci a chiamare tempo sul 5-8. Il muro di Nicola Sesto fa segnare le tre lunghezze di vantaggio 7-10. Gioca meglio la squadra emiliana, adesso è la SIECO ad essere in evidente difficoltà 9-14 il punteggio. Cominciano ad essere troppe gli errori al servizio. Sbaglia anche Bencz 10-15. Aumenta la forbice nel punteggio, ora sembra di assistere al precedente parziale ma a parti invertite 12-18. Bencz pizzica la linea di fondo: 15-21. Ace di Menicali 17-21 e primo time out in questo parziale anche per gli ospiti. Il video check diche che non c’è tocco ed il punto è ancora bianco-azzurro 18-21. Attacco senza muro per Koraimann che segna il punto del 19-22. Ottaviani fa invasione, confermata anche da video check 19-23 e Time Out per Lanci. Palla spinta fischiata a Bencz che si era improvvisato palleggiatore: 20-24 e CONAD vicinissima alla conquista del set. Ottaviani la spedisce fuori direttamente dagli undici metri: 21-25 e tutto ancora aperto.

QUARTO SET con sestetti invariati. Primo punto per la SIECO annullato subito dal muro fuori di Ogurčák 1-1. Ottaviani stampa un muro nei tre metri 3-1. Fischiata una doppia al libero ospite, così che Mister Held ne approfitta per riorganizzare le idee con un time-out 5-1. Buona la solita intesa al centro tra Andrea Lanci e Simoni 7-3. Con un parziale di due punti a zero Reggio Emilia si rifà sotto 7-5. Ottaviani cerca e trova buon gioco con le mani del muro avverso e trova il 12-8 con una palla che rimbalza fuori. Out il servizio di Bellini 14-9. Il VideoCheck chiamato dalla squadra regina è corretto, Ippolito ha servito un ACE che permette ai suoi di tornare ben visibili nei retrovisori della SIECO 16-14. L’errore di Bencz che forza troppo segna il pareggio della CONAD 16-16. Sorpasso ospite 17-18. Arriva l’ace di Ogurčák in un momento delicato dell’incontro 19-18. Murato Bencz e reggiani ancora avanti 19-20. Sul 20-21 Ogurčák esce per un contraccolpo alla schiena al suo posto entra in campo Simmaco Tartaglione. La SIECO è scoperta, facile per la CONAD segnare il punto del 21-23, poi Bencz non la tiene in campo e ospiti ad un passo dal tie-break. 21-24. Ancora un muro subito da Bencz e la rimonta è compiuta, si va al tie-break: 22-25

QUINTO SET con Tartaglione in campo, Ogurčák non recupera. Subito gli impavidi in vantaggio 3-0 con il muro che torna a fare il suo lavoro. Conad che inganna il muro di Simoni grazie ad un pallonetto che vale il 6-4. L’attacco di Inglesias colpisce l’asticella e si cambia campo sul punteggio do 8-4. Troppo potente l’attacco di Ottaviani, il muro ospite non può contenerlo 9-5. Doppia fischiata a Pesare, si avvicinano quelli della Conad, 11-9 e Nunzio Lanci chiama tempo. Held butta fuori il servizio in un momento delicatissimo 12-9 per i padroni di casa. La palla del match è nelle mani di Tartaglione al servizio, ma nulla di fatto, gli ospiti segnano il 14-11. L’incredulo Koraimann fa doppia ed il set si chiude 15-11chiudendo una partita che l’Impavida avrebbe potuto far sua molto prima.

Nunzio Lanci: «Bene i primi due set, poi siamo scesi, in particolare nel terzo quando invece avremmo dovuto chiudere i conti, abbiamo mollato. Non siamo stati mai in grado di metterli in difficoltà permettendo loro di tornare in gioco. L’importante era vincere, e per come si stava mettendo la gara, siamo stati anche bravi a non lasciarci andare del tutto, a non abbatterci e a reagire.»

Giuseppe Ottaviani «Sono due punti guadagnati contro una buona squadra capace di liquidare Cantù in 3 set a zero nel turno precedente. Bravi loro senza dubbio per questa rimonta ma c’è da sottolineare un nostro evidente calo fisico. Sono abbastanza contento della mia prestazione e dell’apporto che ho dato ai miei compagni. Sono partito un po’ contratto ma con il tempo mi sono sciolto»


Sieco Impavida Ortona: Simoni 4, Pesare (L), Zanettin n.e, Bencz 27, Tartaglione 1, Ottaviani 20, Sitti, Provvisiero (L) n.e., A. Lanci 1, Zanini n.e, Ogurčák 9, Menicali 9. Allenatore: N. Lanci

Conad Reggio Emilia: Raffaele (L) n.e., Held 1, Inglesias 1, Sesto 13, Arienti n.e., Bortolozzo 9, Bellini 16, Bonante, Ferrari n.e., Ippolito 10, Cester 3, Morgese (L), Koraimann 15, Allenatore: Held Hank Jan

 

NOTE:

Sieco Service Impavida Ortona – Conad Reggio Emilia (25-18 / 25-12 / 21-25 / 22-25 / 15-11)

Durata Set: I (27’), II (24’), III (26’), IV (’32), V (’17)


Durata incontro: 2.06


Muri Punto: Ortona 13; Reggio Emilia 8


Aces: Ortona 5; Reggio Emilia 8


Errori Al Servizio: Ortona 15; Reggio Emilia 14


Arbitri: Di Blasi (Roma) e Merli (Tr)


Foto: Michela Musciani

Pagina 1 di 13

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione