Ortona. La Sieco continua a risalire la china tornando da Cisano con tre punti che la rilanciano ufficialmente per la corsa al quarto posto. Quarto posto che varrebbe la qualificazione alla Coppa Italia, al termine del girone di andata e la certezza della permanenza in serie A2 alla fine della stagione regolare.

Prima degli Impavidi, solo Grottazzolina e Piacenza erano riuscite a strappare tre punti sul campo del Cisano, ma i ragazzi di Coach Lanci sono riusciti a gestire bene il ritorno di fiamma dei lombardi che vincendo il secondo set, avevano di fatto riaperto la partita. È durata poco, tuttavia, l’apprensione per i tifosi bianco-azzurri e così, per la quinta volta consecutiva, la SIECO conquista punti risalendo la classifica gradino dopo gradino. Dicembre è un mese nel quale è fondamentale mungere il più punti possibile ad ogni gara, ma la “mucca” di domenica prossima sarà senz’altro la più recalcitrante di tutte quelle in programma per quest’ultimo scorcio di 2018. Arriva ad Ortona la MaterdominiVolley.it Castellana Grotte, una squadra tosta, composta da elementi di grande valore ed esperienza e che non a caso occupa il quarto posto in classifica con 19 punti all’attivo. Basta dare una scorsa al roster dei pugliesi per farsi un’idea dei “pezzi da novanta” che gli Impavidi dovranno fronteggiare. Lo schiacciatore Ex Sieco Alessio Fiore, il centrale Stefano Patriarca, gigante di 205centimetri che può vantare grandissima esperienza in Superlega ed il temibile opposto Roberto Cazzaniga che si è già aggiudicato tre volte (2005/06, 2008/09, 2013/14) il premio "Andrej Kuznetov" come miglior realizzatore della serie A2, solo per citarne alcuni. La concentrazione è massima, in Casa Impavida, con il sestetto che sta trovando partita dopo partita una condizione sempre migliore di gioco: «È merito di una diversa mentalità con la quale affrontiamo gli allenamenti» afferma Mariano Costa, preparatore atletico e Coach in seconda. «Abbiamo modificato il metodo di preparazione e questo cambio sembra aver giovato alla squadra. Siamo ben consapevoli di quanto importante sarà la gara di domenica con Castellana Grotte. In caso di vittoria andremmo a riagganciare definitivamente il treno delle squadre in lotta per la parte alta della classifica, ma questo è un concetto dal quale non dobbiamo farci distrarre troppo. Il nostro obiettivo è sempre lo stesso, ossia mettere da parte tutto quello che non riguarda la gara in corso, essere focalizzati al massimo sul gioco e portare in campo tutto quello che abbiamo preparato in settimana. Da quanto posso vedere, l’atteggiamento dei ragazzi è quello giusto. Spero che tutti i nostri sforzi, tutta la nostra passione e la voglia di vincere possano fruttare punti anche domenica».

I precedenti tra le due squadre sono 8, e sono in perfetto equilibrio con 4 vittore a testa con addirittura 17 set vinti e 17 persi per entrambe le squadre.

Ad arbitrare l’incontro di domenica 16 dicembre alle ore 18.00 saranno Di Bari Pierpaolo (Br) e Somansino Alesandro (Te).

Questo il programma completo della XI giornata nel Girone Blu del Campionato Nazionale di Pallavolo Maschile Serie A2 Credem Banca.


Olimpia Bergamo – Bam Acqua San Bernardo Cuneo
Videx Grottazzolina – Club Italia Crai Roma
Gioiella Gioiella Del Colle – Tipiese Cisano Bergamasco
Sieco Service Ortona – Materdominivolley.it Castellana Grotte
Pool Libertas Cantù – Pag Taviano
Elios Messaggerie Catania – Maury’s Italiana Assicurazioni Tuscania
Gas Sales Piacenza – Tinet Gori Wines Prata di Pordenone


Classifica: Olimpia Bergamo 29, Gas Sales Piacenza 23, Videx Grottazzolina 21, Materdomini Castellana Grotte 19, Elios Messaggerie Catania 18, Gioia del Colle 17, Sieco Service Ortona 16, Club Italia Crai Roma 15, Pool Libertas Cantù 12, Pag Taviano 10, Tinet Gori Wines Prata di Pordenone 9, Tipiesse Cisano Bergamasco 8, Bam Acqua San Bernardo Cuneo 7, Maury’s Italiana Ass. Tuscania 6.

Cisano Bergamasco. Dovevano essere tre punti e tre punti sono stati. La SIECO Service Ortona torna da Cisano Bergamasco con una vittoria e accorcia ulteriormente la classifica. La Videx Grottazzolina nella prima giornata, poi la corazzata Piacenza nella quinta ed ora la nostra Sieco Ortona. Sono queste le uniche tre squadre uscite con l’intera posta in palio dalla tana del coriaceo Cisano Bergamasco dove è andata in scena una gara “a corrente alternata” che alla fine ha premiato gli abruzzesi.
Squadre un po’ contratte nel primo set, con la SIECO riesce a trovare più volte il doppio vantaggio grazie anche alla propria maggiore esperienza ma che viene più volte recuperata dai padroni di casa, combattivi e caparbi. Ci vuole una doppia magia di Ogurčák che con due Aces consecutivi riesce a convincere i suoi che è ora di stringere i denti ed allungare. Ancora decisivo il servizio, Marks mette in difficoltà la ricezione ospite ed il muro biancoazzurro fa il resto.
Nel secondo set, l’ingresso di Gaggini ha dato maggiore affidabilità sia alla ricezione che alla fase offensiva dei padroni di casa. La Sieco invece è in fase calante tanto che nel corso del parziale Coach Nunzio Lanci proverà a mischiare le carte facendo entrare Sorrenti, Sitti e Pesare rispettivamente per Dolfo, Lanci e Toscani. Niente da fare però per i Ragazzi Impavidi che non riescono a dare la zampata giusta per raddrizzare un set compromesso, ma non troppo. È proprio l’ace di Gaggini quando si era sul 19-21 ad affondare il morale degli ortonesi che interrompono ogni tentativo di rimonta e si fermano a 20, perdendo il set con cinque punti di scarto.
Sieco che parte forte ma che subisce il ritorno dei padroni di casa che riescono a mettere pressione (e apprensione) ai giocatori adriatici, che cominciano a dover faticare maggiormente per la gestione del vantaggio. La Sieco vacilla ed i padroni di casa cominciano a credere alla rimonta. Lo svantaggio si riduce a -4 ma a partire dalla seconda metà del parziale, la SIECO torna a produrre gioco e, di conseguenza, punti. Per i padroni di casa la rincorsa è difficile ed anzi, cominciano di nuovo a perdere terreno tanto che il set si chiuderà 19-25. In quello che sarà poi l’ultimo set, il quarto, la SIECO torna in campo un po’ troppo rilassata, proprio tutto il contrario dei padroni di casa che invece vogliono sfruttare l’ultima possibilità di guadagnare qualcosa dalla serata. L’avvio dei lombardi è di quello che lascia senza fiato. I padroni di casa partono subito forte e si portano a +3 dalla SIECO. Un paio di errori di Burbello, spianano la strada al recupero impavido. I ragazzi di Coach Lanci capiscono che devono approfittarne e rimettono la testa sulle spalle. Menicali torna a torreggiare a muro mentre Marks lancia le sue bombe indifendibili dal muro e dalla seconda linea cisanese così la Sieco mette la freccia, sorpassa e sparisce all’orizzonte. L’ultimo set si chiude con l’errore in attacco di Piccinini, la sua palla si infrange contro la rete chiudendo una gara importantissima per gli ortonesi.
PRIMO SET Il coach dei padroni di casa tenterà di bissare il successo della scorsa giornata con gli stessi effettivi che sconfissero Tuscania: la diagonale Sbrolla e Baldazzi, i centrali Milesi e Piccinini e gli schiacciatori Ruggeri e Costa. Libero Brunetti. Nunzio Lanci, lanciato alla rincorsa del quarto posto affiderà la missione “tre punti” al classico sestetto formato da Andrea Lanci al palleggio e Marks opposto. La coppia dei centrali sarà formata da Menicali e Simoni, schiacciatori Dolfo/Ogurčák. Libero Toscani. Si comincia con il servizio di Cisano con Ruggeri ma il primo punto è degli Impavidi: 0-1. Out il muro di Simoni e padroni di casa in vantaggio 3-2. Il punto del sorpasso è di Marks, sul 4-5 il tecnico dei padroni di casa chiama subito un tempo. Marks non riesce ad appoggiare un bagher per Dolfo che può solo regalare una free-ball a Cisano: 7-6. Ogurčák trova il doppio ace 7-10, anche se il secondo deve essere controllato al video-check. Marks non trova il tocco del muro e padroni di casa che trovano il punto della parità 11-11. Out il servizio del palleggiatore cisanese 12-14. Ancora un punto per gli adriatici e sul 12-15, Cisano chiama ancora tempo. Ace di Milesi ed è nuovamente parità 16-16, ora tocca a Lanci chiamare time-out. Baldazzi la spara fuori ed è di nuovo doppio vantaggio per la Sieco 17-19. Ancora Ogurčák mette in difficoltà la ricezione casalinga 17-21. Buono il servizio di Gaggini che trova l’ace su Dolfo 19-22. Il video-check sovverte una decisione arbitrale e vede un tocco del muro lombardo 19-23. Simoni con il suo primo tempo regala il primo set point agli ortonesi, ci pensa poi Marks a mettere in difficoltà la ricezione dei padroni di casa ed è un gioco da ragazzi per il muro ortonese chiudere il punto: 20-25. Il prossimo impegno per la Sieco Ortona è in programma domenica 11 dicembre alle ore 18. Arrivano in Abruzzo i ragazzi della Materdomini Castellana Grotte in una sfida che vorrà dire molto in chiave quarto posto.
SECONDO SET. Una variazione da segnalare per i padroni di casa, entra Gaggini al posto di Ruggieri, ma è subito 0-1 per la SIECO: fischiato un fallo di palleggio alla Tipiesse. Servono due “sette” da parte di Lanci e Menicali per avere la meglio sulla difesa dei locali 1-2. Milesi con un primo tempo mette a terra il pallone del vantaggio di Cisano che ora è più efficace in fase di ricezione 4-3. Va Andrea Lanci di prima intenzione: 5-5. Out il pallone di Marks, doppio vantaggio per la Tipiesse 7-5. Murato Marks da Sbrolla 9-6. Dolfo la mette fuori 11-7 e Nunzio Lanci cerca di contenere i danni con un time-out. Sul 12-7, Sorrenti entra per Dolfo. Marks tenta di tenere i suoi in scia 14-10. Menicali trova il muro, ma i padroni di casa sono ancora avanti 16-12. Milesi ferma Menicali e Cisano si appresta al Rush finale sul 19-14. Ancora un muro, Milesi ferma Marks 20-14. Entra nel frattempo Sitti per Lanci. Video-Check chiesto da Nunzio Lanci per un’ipotetica invasione. Dura un po’ la consultazione al Computer, per poi decidere che non c’è stata invasione 22-17. Out il pallonetto di Gaggini 23-19. Murato Ogurčák e sono tanti i set point per Cisano 24-19. Out la diagonale di Baldazzi 24-21. Finisce out il muro di Ogurčák ed il match torna in parità: 1 set ad 1: 25-21
TERZO SET: Tornano in campo per la Sieco Lanci, Dolfo e Toscani, nessuna variazione nel sestetto “vincente” per Cisano. Il primo punto del set lo ottiene Marks, con un buon pallonetto. Ace sporco di Simoni 0-2. Ogurčák mette a terra una buona parallela 0-3. Fortunoso colpo di Marks che trova la complicità della difesa cisanese: 0-4. Out la Jump Float di Piccinini 1-5. Fischiata l’invasione a Simoni 2-6. Pallonetto di Gaggini 4-8. Ben piazzato il pallonetto dell’opposto Marks 4-10. Lungo il servizio di Milesi 6-11. Efficace la lettura di Ogurčák a muro 7-13. Out il primo tempo di Menicali e ospiti a -4: 10-14. Buona la ricezione di Toscani che tiene in campo una bomba di Costa, poi ci pensano Lanci e Menicali a mettere a terra la palla che vale il 12-18. Dolorino avvertito da Capitan Lanci che chiede il campo, pronto in campo Sitti. Poi Marks fa ace 13-20. Piccinini ferma Simoni 15-20. Sitti insiste su Ogurčák e la sua fiducia è ripagata 15-22. Out l’attacco di Marks, rosicchiano punti i padroni di casa 17-23. Bello il primo tempo tra Sitti e Simoni, sono quindi ora sette i set point 17-24. Ci pensa Marks a chiudere il set, 19-25 ed il primo punto è conquistato.
QUARTO SET. Torna in campo Capitan Lanci ma il primo punto è della Tipiesse. Ace di Sbrolla 3-1. Murato Marks 4-1 ed è subito Time-Out per la SIECO. Out l’attacco di Burbello, ma i padroni di casa non si fidano e chiedono il tocco. Tocco che non c’è 3-4. Non riesce Dolfo a tenere l’attacco della Tipiesse: 6-3. Out il muro di Dolfo su Burbello 8-5. Non c’è il tocco del muro ortonese ed il pareggio è servito 9-9. Murato da Menicali il tentativo di primo tempo e per la prima volta in questo set, la SIECO è in vantaggio 10-11. Marks ha buon gioco sul muro 12-13. Muro punto di Menicali, doppio vantaggio Sieco e Time-Out per i padroni di casa 12-14. Dolfo giura di non averla toccata ed il video-Check gli da ragione 13-16. Stavolta Dolfo la tocca, ma la tocca proprio bene, muro per lui su Burbello 13-17. Fermato il pallonetto di Dolfo 17-18. Toccata dal muro la bomba di Marks 17-20. Schiaccia sulla rete Gaggini 18-21. La Tipiesse sbaglia in un momento delicatissimo 19-22. Fischiato fallo in palleggio a Sbrolla 21-24. Poi Piccinini non riesce ad attaccare ed ultimo punto a favore della Sieco che fa bottino pieno a Cisano. 21-25

 

Tipiesse Cisano Bergamasco – Sieco Service Ortona 1-3 (20-25; 25-21; 19-25; 25-21)
Tipiesse Cisano Bergamasco: Milesi 16, Costa 10, Gaggini 5, Lozzi, Burbello 8, Baldazzi 11, Brunetti, Ruggieri 2, Genovese, Piccinini 9, Pozzi, Sbrolla 2. Allenatore: Zanchi.
Sieco Service Impavida Ortona: Simoni 8, Pesare (L), Zanettin n.e., Berardi n.e., Dolfo 6, Toscani (L), Sitti, Sorrenti 1, Lanci 2, Marks 23, Fiscon, Ogurčák 16, Menicali 6. Allenatore: Lanci N.
Durata Set: I (25’), II (25’), III (25’), IV (27’)
Durata Totale: 1h 42’
Aces: Cisano 3, Ortona 4
Errori Al Servizio: Cisano 13, Ortona 14
Muri Punto: Cisano 7, Ortona 10
Arbitri dell’Incontro: De Simeis Giuseppe (Le) e Scotti Paolo (Cr).
Classifica: Olimpia Bergamo 29, Gas Sales Piacenza 22, Videx Grottazzolina 21, Elios Messaggerie Catania 18, Materdomini Castellana Grotte 17, Gioia del Colle 17, Sieco Service Ortona 16, Club Italia Crai Roma 15, Pool Libertas Cantù 12, Pag Taviano 10, Tinet Gori Wines Prata di Pordenone 9, Tipiesse Cisano Bergamasco 8, Bam Acqua San Bernardo Cuneo 7, Maury’s Italiana Ass. Tuscania 6.

Ortona. È stata una gara caratterizzata dai tanti, troppi errori al servizio da parte di entrambe le squadre. Complessivamente sono stati 41. Sieco che parte subito forte e gli avversari appaiono frastornati da un avvio così tosto. Dopo qualche rotazione, gli ospiti prendono il ritmo gara mentre gli ortonesi calano leggermente, non riuscendo più a finalizzare le ricostruzioni.

La BAM recupera quindi uno svantaggio importante per poi addirittura superare i padroni di casa. Questa volta sono gli impavidi ad aver bisogno di riorganizzare le idee e ci riescono a partire dalla seconda metà del primo set. L’Impavida si ricompatta e traccia un importante solco tra lei e gli avversari, riuscendo a chiudere senza troppi affanni 25-20. Secondo set impacchettato e pronto alla consegna nelle mani impavide quando sul 20-15 gli ortonesi decidono di smettere di giocare. Cuneo cresce al servizio, la Sieco va in difficoltà in ricezione e accade l’incredibile. I piemontesi recuperano punto su punto e vanno in vantaggio 23-24. A questo punto sono proprio gli ortonesi a dover rincorrere. La rincorsa però non riesce e subito dopo aver agguantato i vantaggi, gli abruzzesi cedono definitivamente 24-26. Il terzo set rischia di essere una fotocopia del precedente, a partire dalla metà del set, la Sieco trova un buon ritmo e riesce a portarsi a +5 proprio sul finire del set, esattamente 21-16. Da questo momento arriva la parabola discendente dell’altalena. La Sieco torna a soffrire il servizio ospite ed i lombardi arrivano a far sentire il loro fiato sul collo degli abruzzesi 22-18. Coach Lanci cerca di correre ai ripari con un time-out e la mossa funziona. Al rientro la concentrazione è di nuovo al massimo e nulla possono gli avversari che devono arrendersi 25-20. Quello che poi si rivelerà essere l’ultimo parziale della gara, sarà molto equilibrato. Le due squadre sono sempre sul pezzo, giocano punto su punto senza mai riuscire a mettere in atto una vera e propria fuga. Alla fine la SIECO avrà la meglio aggiudicandosi l’ultimo parziale per 25-23. Arrivano dunque tre punti molto importanti soprattutto in virtù dei risultati delle dirette concorrenti al quarto posto. Più in alto frenano un po’ tutte, la classifica si accorcia ed il quarto posto si trova adesso a soli quattro punti, sebbene le pretendenti siano cinque per un posto. La Sieco tenterà di allungare la striscia positiva in trasferta a Cisano Bergamasco, domenica 9 dicembre 2018 alle ore 18.00.

PRIMO SET: Padroni di casa che schierano in campo il sestetto tipo che prevede Andrea Lanci al palleggio e Marks opposto. Nel ruolo di centrali ci sono Menicali e Simoni, schiacciatori Dolfo e Ogurčák. Libero Toscani. A cercare di rompere le uova nel paniere agli ortonesi, Mister Barisciani risponde con: Cortellazzi al palleggio e Alexandre De Oliveira opposto, Picco e Dutto nel reparto centrale, Bolla e Galaverna schiacciatori. Libero Prandi. La prima palla della gara è tra le mani di Bolla. Il punto però, anche se con qualche apprensione è impavido. Non c’è il tocco a muro, Ortona avanti 3-0. Il primo punto degli avversari è opera di Caio 4-1. Errore di Dolfo al servizio 6-4. Poi con l’Ace di Galaverna fanno 6-5. Fa fuori la pipe di Dolfo e ospiti che prima agganciano e poi superano 7-8 con Caio. Errore al servizio dello stesso Caio ed è 9-9. Marks sfrutta bene il muro avversario per un Mani-Fuori da manuale 11-10. Dolfo stampa il servizio sulla rete 12 pari, poi Bolla intercetta un pallone di ritorno ed è di nuovo sorpasso 13-14. Bella l’intesa tra Andrea Lanci e Menicali che chiude con una bella botta al centro 16-15. Tocca a Marks intercettare un pallone di ritorno. Il punto del 19-16 costringe la squadra ospite a rifugiarsi nel time-out. Ace di Menicali 22-17. Bella la pipe giocata da Ogurčák 23-19. Sfrutta la prima palla set Marks che lancia la bordata che vale il set: 25-20.

SECONDO SET. Si riparte a formazioni invariate, va fuori di poco un muro ortonese 0-1. Pallonetto di Simoni al centro 2-2. Il video-check rileva un tocco a muro degli avversari, 4-3. Murato Ogurčák, Toscani ci prova ma non ci arriva 5-6. Mini break dei piemontesi che con un ace si portano sul 7-9. Out l’attacco di Bolla 9-9. Dolfo segna il punto del sorpasso 10-9 tra le proteste ospiti che lamentano i quattro tocchi degli adriatici. Out il muro di Simoni su Caio 10-11. Fuori l’attacco di Marks, seppur di pochissimo: 12-13. Muro di Marks che colpisce la gamba dell’avversario 14-13. Il Muro di Menicali vale il break per i suoi che vanno in vantaggio 15-13. Coach Barisciani chiama tempo. Astutissimo ed efficace pallonetto di Ogurčák 16-14. Dolfo trova un punto con la complicità del muro e la Sieco fa un bel salto verso la parte finale del parziale 18-14. Murato Caio da Simoni, 20-15. Un gran recupero di Andrea Lanci non serve ad assicurarsi il punto, gli avversari ricostruiscono per il 20-17. Out Marks, 21-19, ospiti a meno due e Nunzio Lanci in Time Out. Out anche Dolfo e Cuneo ha ormai recuperato lo svantaggio 21-20. Per fortuna ci pensa Caio a sbagliare l’ennesimo servizio 22-20. Ed è pari, grande recupero dei piemontesi 22-22. Errore in ricezione per Ortona, regalo agli avversari 22-23. Ora la situazione è capovolta. Marks pareggia i conti 23-23. Ogurčák non riesce ad attaccare 23-24. Cuneo ha tra le mani la palla che vale il pareggio ma Marks, trascina i suoi ai vantaggi. 24-24. Out il muro di Menicali 24-25. Bel pallonetto di Picco, set recuperato e chiuso 24-26.

TERZO SET. Servizio nelle mani di Bolla, che … sbaglia. Dolfo mette palla a terra 2-1. Ace di Dolfo 4-2. Out l’attacco di Caio 7-4. Murato Dolfo dal gigante Picco. 8-6. Caio è impreciso, la sparacchia fuori e sul 10-6 Cuneo chiama tempo. Dutto rosicchia punti 10-8. Out la palla di Simoni 11-10. Ogurčák pizzica la linea di fondo 14-12. Marks intuisce la Pipe e chiude a muro 15-13. Ace di Ogurčák 17-13. Dolfo la imbuca tra muro e rete 19-14. Simoni aumenta la forbice grazie ad una ottima lettura a muro 20-14 e secondo time-out chiesto dagli ospiti. Marks 20-15. Caio murato fuori 21-16. Quattro tocchi Impavidi 22-18. Fischiata una palla spinta, gli ospiti si fanno sotto e Nunzio Lanci chiama tempo 22-19. Ogurčák non riesce a contenere Caio 23-20. Il Time-Out fa bene ai nostri che rientrano in campo e chiudono 25-20.

QUARTO SET. Si parte senza variazioni con gli ospiti che partono agguerriti, nulla possono in difesa i ragazzi di Nunzio Lanci 1-3. È Simoni con un pallonetto al centro a pareggiare i conti 3-3. Bella parallela di Dolfo, il sorpasso è compiuto e con esso arriva il time-out chiesto da Cuneo 4-3. Muro di Simoni e mini-break locale. Marks spara fuori la palla, ospiti che agguantano il pareggio 6-6. Finisce out la parallela di Marks 7-8. Preziosissimo il muro di Marks 12-10. Ancora muro, ma stavolta è Simoni 13-10. Ace di Galaverna, Toscani non trattiene 15-13. Ancora in difficoltà la ricezione ortonese e per Cuneo è un gioco da ragazzi portarsi sul 16-15. Nunzio Lanci ferma il gioco. Ogurčák la stampa a terra 17-15. Marks di (pre)potenza segna il 18-16. Out il servizio di Picco 20-18. Marks ha buon gioco sul muro 21-19. Caio fa punto 22-21. Out il servizio di Simoni 23-22. Ed è l’ennesimo errore al servizio a condannare gli ospiti alla sconfitta, la Sieco tira un sospiro di sollievo, vince l’ultimo parziale 25-23 e guadagna tre punti importantissimi.
Il capitano Andrea Lanci: «Sono contentissimo per la vittoria anche se possiamo fare sempre meglio. Abbiamo ancora momenti di difficoltà, ma a differenza del passato non ci disuniamo, restiamo squadra riuscendo a portare a casa il risultato che è la cosa più importante».
Menicali: «Non una bellissima partita, tanti errori da entrambe le parti. Peccato per quel set che sembrava ormai chiuso ma alla fine è andata bene, l’importante era guadagnare tre punti importantissimi e l’abbiamo fatto. Dobbiamo avere più grinta e riuscire a chiudere prima le partite, senza arrivare troppo con l’acqua alla gola»

 

Sieco Service Impavida Ortona – BAM Acqua S. Benedetto Cuneo
3-1 (25-20, 24-26, 25-20, 25-23)
Sieco Service Impavida Ortona: Simoni 7, Pesare (L) n.e., Zanettin n.e., Berardi n.e., Dolfo 14, Toscani (L), Sitti, Sorrenti, Lanci, Marks 23, Fiscon, Ogurčák 13, Menicali 9. Allenatore: Lanci N.
BAM Acqua San Bernardo Cuneo: Menardo, Amouah, Bolla 11, Dutto 6, Galaverna 12, Prandi, Picco 5, Cortellazzi, Capello Alexandre, Testa, Alberghetti, Armando. Allenatore: Barisciani
Durata Set: I (25’), II (30’), III (24’), IV (31’)
Durata Totale: 1h.50’

Aces: Ortona 5, Cuneo 4 

Errori Al Servizio: Ortona 19, Cuneo 22

Muri Punto: Ortona 11, Cuneo 2


Arbitri dell’Incontro: Gasparro Mariano (Sa) e Noce Alessandro (Fr)
Classifica: Olimpia Bergamo 26, Gas Sales Piacenza 22, Videx Grottazzolina 21, Materdomini Castellana Grotte 17, Elios Messaggerie Catania 15, Club Italia CRAI Roma 15, Gioiella Gioia Del Colle 14, Sieco Service Impavida Ortona 13, Pool Libertas Cantù 9, Tinet Gori Wines Prata 9, Tipiesse Cisano Bergamasco 8, BAM Acqua San Bernardo Cuneo 7, Pag Taviano 7, Maury’s Italiana Assicurazioni Tuscania 6.

Ortona. E dopo la trasferta in quel di Piacenza, nome altisonante per gli appassionati di Volley, ecco che la SIECO dovrà affrontare un altro nome che ha fatto la storia della Pallavolo Italiana: Cuneo. Questa volta, però, si giocherà tra le mura amiche e gli ortonesi vogliono a tutti i costi sfruttare questo vantaggio per fare bottino pieno.

Dopo l’impresa sfiorata nella tana di un sestetto alquanto ostico, per usare un eufemismo, qual è la Gas Sales Piacenza, i ragazzi di Coach Nunzio Lanci cominciano a prendere coscienza dei propri mezzi, e tentare la proibitiva ma non impossibile scalata della classifica è l’imperativo. La missione “risalita” riprenderà domenica 2 dicembre alle ore 18.00 con la BAM Acqua S. Benedetto Cuneo. Mai fare i conti senza l’oste, tuttavia, e l’oste cuneese batte anch’egli cassa. I piemontesi occupano l’undicesimo posto in classifica con sette punti, tre in meno della Sieco. Entrambe le formazioni sono dunque a caccia di punti e di certo Cuneo non mollerà l’osso tanto facilmente. Nunzio Lanci: «Sappiamo che la prossima sarà una gara importantissima. Affrontiamo una squadra con una situazione di classifica molto simile alla nostra, con tanta voglia di riscatto proprio come noi. Al solito ci stiamo preparando al meglio per questa sfida. Gli obiettivi sono due: il primo è senza dubbio quello di dare continuità al nostro gioco, tentando di entrare in partita sin da subito. Il secondo è quello di regalare un po’ di felicità ai nostri tifosi, che ringrazio, e che spero vengano a sostenerci anche domenica.»

Ad arbitrare l’incontro ci penseranno i Signori GASPARRO Mariano (SA) e NOCE Alessandro (FR). Questo il calendario completo della nona giornata di andata nel girone BLU di questo Campionato Nazionale Serie A2 CredemBanca:

Videx Grottazzolina – Elios Messaggerie Catania
Gioiella Gioia Del Colle – Pag Taviano
Pool Libertas Cantù – Olimpia Bergamo
Tinet Gori Wines Prata – Matedominivolley.it Castellana Grotte
Tipiesse Cisano Bergamasco – Maury’s Italiana Ass. Tuscania
Gas Sales Piacenza – Club Italia Crai Roma

Classifica: Olimpia Bergamo 23, Gas Sales Piacenza, 19, Videx Grottazzolina 18, Materdominivolley.it, Castellana Grotte 15, Elios Messaggerie Catania 15, Club Italia Crai Roma 15, Gioiella Gioia Del Colle 12, Sieco Service Ortona 10, Pool Libertas Cantù 9, Tinet Gori Wines Prata 8, Bam Acqua San Bernardo Cuneo 7, Maury’s Italiana Assicurazioni Tuscania 6, Pag Taviano 6, Tipiese Cisano Bergamasco 5.

Ortona. Dopo due partite giocate nel caloroso abbraccio dei propri tifosi, la SIECO riparte con destinazione Piacenza.

Forti di due successi consecutivi, uno al tie-break contro Catania ed il secondo in rimonta per tre set ad uno contro Cantù, i Ragazzi Impavidi si accingono ad affrontare la GAS Sales Piacenza, squadra attualmente al secondo posto in classifica e costruita con il chiaro intento di ritrovare immediatamente l’habitat naturale della città emiliana: La SuperLega. Spicca tra i piacentini la figura di Alessandro Fei, tra i “mostri sacri” della pallavolo italiana e mondiale che nella sua bacheca può vantare molti prestigiosi trofei tra Scudetti di campionato, 5 Coppe Italiane, 6 Super coppe Italiane, Champions League, 1 Coppa CEV e 3 Challenge Cup.

E volendo aggiungere ulteriore qualità alla squadra, qualora non ce ne fosse già abbastanza, i piacentini hanno da poco ingaggiato lo schiacciatore classe ’91 Tondo Alessandro proveniente da Milano in Superlega. Sarà una impresa, dunque, quella alla quale è chiamata la SIECO, ed il suo Coach Nunzio Lanci ne è ben consapevole: «Sarà una gara difficilissima contro una squadra imbottita di campioni e palesemente costruita per puntare alla Superlega. Ci stiamo preparando per la gara cercando di dare continuità al nostro gioco e naturalmente andremo li con tutte le intenzioni di esprimerci al meglio e senza paura». Intanto i campanelli d’allarme che nelle scorse settimane continuavano a tintinnare nell’infermeria ortonese cominciano, per fortuna, a cessare. Torna a disposizione anche l’opposto Ivan Zanettin, che ha finalmente smaltito un fastidioso problema agli addominali e che ora potrà finalmente dire la sua per la causa Impavida.

Chiamati ad arbitrare il match saranno i signori Rossi Alessandro (sezione Liguria Ponente) e Cavicchi Simone (sezione Liguria Levante). Non si registrano precedenti tra le due squadre.

Questo è il programma completo dell’ottava giornata nel GIRONE BLU del Campionato Nazionale Pallavolo Serie A2 Credem-Banca:

Olimpia Bergamo – MaterdominiVolley.it Castellana Grotte
Maury’s Italiana Assicurazioni Tuscania – PAG Taviano
Gioiella Gioia Del Colle – Videx Grottazzolina
Club Italia CRAI Roma – Pool Libertas Cantù
Elios Messaggerie Catania – Tipiesse Cisano Bergamasco
BAM Acqua S. Bernardo Cuneo – Tinet Gori Wines Prata
Gas Sales Piacenza – Sieco Service Ortona

Classifica: Olimpia Bergamo 20, Gas Sales Piacenza 17, Matedominivolley.it Castellana Grotte 15, Videx Grottazzolina 15, Club Italia Crai Roma 12, Elios Messaggerie Catania 12, Pool Libertas Cantù 9, Sieco Service Ortona 9, Bam Acqua S. Bernardo Cuneo 7, Pag Taviano 6, Tipiesse Cisano Bergamasco 5, Tinet Gori Wines Prata 5, Maury’s Italiana Assicurazioni Tuscania 2.

Ortona. Prima vittoria da tre punti in casa, quella di oggi contro la temibile Pool Libertas Cantù. È stato un avvio thriller per i tifosi bianco-azzurri che hanno assistito ad un avvio molle ed incerto dei ragazzi Impavidi. Scappano subito avanti i canturini con i locali che proprio non riescono a star dietro agli avversari.

Quando il tabellone elettronico a metà parziale dava la Pool Libertas in vantaggio di ben otto punti, 8-16, sembrava il preludio di una rapida disfatta. La tiepida reazione del finale di set rende meno amara la sconfitta ma il punteggio ed il gioco espresso destavano apprensione. «Eppure non ero preoccupato», racconterà Capitan Andrea Lanci a fine gara. «Mi sentivo tranquillo». Il tempo gli ha dato ragione. La SIECO che torna in campo sebbene nella prima parte della gara fatichi ancora a star dietro agli avversari, macina gioco ed è più reattiva. Dopo essere stata in svantaggio di tre punti 6-8 riesce con uno sprint a ribaltare la situazione. I ragazzi di Coach Lanci capovolgono l’inerzia della gara riuscendo ad avere la meglio sui lombardi e fanno loro il parziale. È il set della svolta. Ora sono gli impavidi a condurre le danze e la Pool Libertas deve accontentarsi di inseguire. Cresce la Sieco al servizio, il sestetto adriatico è più attento in fase di copertura ed il muro di Menicali (6 per lui) è micidiale. Finalmente la Sieco Service produce un gioco di qualità ed i tifosi sugli spalti sono in visibilio. Il quarto set è a tinte bianco/azzurre. I ragazzi di Coach Cominetti provano a stringere i denti per la prima parte del parziale ma dopo l’8-6 gli ortonesi dilagano e alla fine vinceranno il set con dieci punti di vantaggio. Una vittoria da tre punti che permette l’aggancio in classifica proprio ai danni dei canturini e che tiene aggrappata la Sieco al (lungo) treno delle inseguitrici e pretendenti al quarto posto. La prossima sfida che attende i Ragazzi Impavidi è prevista domenica prossima, 25 novembre alle ore 18.00 contro la Gas Sales Piacenza che occupa la seconda posizione con 17 punti in classifica.


PRIMO SET: Padroni di casa che schierano in campo il Capitano Andrea Lanci al palleggio che avrà come opposto il tedesco Marks. Gli schiacciatori saranno Dolfo ed Ogurčák mentre i centrali Simoni e Menicali. Libero Toscani. Canturini che rispondono con il palleggiatore Alberini e l’opposto Santangelo. Schiacciatori Preti e Gasparini. Pacchetto centrale affidato a Monguzzi e Frattini. Libero Butti. La prima palla del match tocca alla SIECO con Ogurčák ma il primo punto è degli ospiti: 0-1. Primo break per i lombardi, il loro muro intercetta il tentativo di pallonetto messo in atto da Dolfo 1-3. Subito dopo Preti al servizio pizzica la linea di fondo mettendo a segno un ace: 1-4. Recupera in tuffo Dolfo e permette alla Sieco di ricostruire. Ci pensa Ogurčák a metterla a terra 4-5. Non passa Marks che trova muro: 5-7. Senza alcuna opposizione l’attacco di Cantù e quando si è sul 5-9, Nunzio Lanci chiama tempo. Ancora un ace per gli ospiti 5-10. Punto per gli avversari che sembrano inarrestabili la Sieco è ferma a 5 e gli ospiti avanzano fino a 12. C’è anche un fallo di rotazione a conferma che oggi gira tutto storto per i padroni di casa 5-13. Finalmente Ogurčák spezza l’incantesimo 6-14. Il muro di Menicali porta il tabellone sull’8-15 ma la distanza appare ancora incolmabile. Dolfo cerca di tenere a galla i suoi con un “mani e fuori” che vale il 12-18. Il muro di Simoni lima un po’ lo svantaggio che ora è di quattro punti 14-18. Riprende la fuga La Pool Libertas 15-22 con Dolfo che sbaglia il servizio. 18-24, grande vantaggio per gli avversari che hanno sei palle set, ma la prima è annullata dal preciso fraseggio tra il neo-entrato Sitti e Menicali. Si chiude quindi il set con la precisa stoccata di Monguzzi 19-25.

SECONDO SET. Si torna al sestetto iniziale per la SIECO. Torna quindi Capitan Lanci al palleggio. Subito out il servizio canturino: 1-0. Murato Dolfo 1-2. Errore di Monguzzi al servizio 3-4. Non tiene la difesa di Marks 4-6. Il muro del solito Menicali regala il pareggio agli impavidi 6-6. Ora si gioca punto su punto, ma Cantù conserva ancora il break 10-10. Ace di Menicali ed è sorpasso 11-10. Ace di Marks 13-11 e time-out per gli avversari. Altra bomba dell’opposto tedesco, ora la Sieco vola a +3: 14-11. Murone di Michele Simoni che da solo ferma l’attacco di Cantù 16-13. Bravi gli ospiti nel ricostruire una palla difficile ed ora il gap è quasi colmato 17-16 con Nunzio Lanci che chiede tempo. Il video-check, tra l’incredulità generale assegna una palla che sembrava davvero essere uscita abbondantemente, agli avversari, 17-17. Ace di Ogurčák 19-17. Fischiata la doppia ad Alberini 20-17. Ancora un muro di Menicali 22-17 e canturini che interrompono il gioco. Di nuovo Ace e di nuovo Ogurčák, 22-17. Scatenato Fero, che si concede ancora un Ace 23-17. Dolfo ammette il suo tocco a muro 23-19. Pallonetto preciso di Menicali e Sieco pronta a godere dei suoi 5 set point. 24-19. Chiude il colpo Bibob Marks e la gara torna in equilibrio 25-20.

TERZO SET. Nessuna variazione. Piccolo incidente durante una fase di recupero piuttosto concitata. Santangelo inciampa su una confezione di vino a bordo campo, omaggio agli ospiti dello sponsor Cantina di Ortona, e manda in frantumi una bottiglia di bianco. Il gioco è interrotto per rimuovere i pericolosi cocci di vetro. Non si intendono Menicali e Lanci, vanno in due a palleggiare in recupero e commettono fallo 2-2. Lanci la tocca quel tanto che basta a mettere fuori tempo il muro ospite 5-3. Tira fuori preti il suo servizio, 7-7. Muro di Ogurčák 9-7. Facile l’appoggio di Marks che conquista il decimo punto, ma gli avversari sono a nove. Fischiata un’invasione a Marks che però non è convinto e Nunzio Lanci chiede il check. Dopo lunga consultazione si stabilisce che … la palla è contesa. L’azione è da ripetersi perché l’invasione non c’era. Poi però Ogurčák batte fuori ed il punteggio è comunque 10-10. Il muro di Marks va fuori, ma gli impavidi vogliono la conferma dall’elettronica, che arriva puntuale: 11-12. Tocco intelligente di Marks che ribalta il punteggio ora è la SIECO ad essere in vantaggio 13-12. Bella botta di Ludo Dolfo che trova l’ace: 16-13. Marks ha buon gioco sul muro avverso, trova la mano esterna e la palla inesorabilmente carambola fuori 18-15. Out l’attacco di Dolfo e ospiti che si fanno sotto 19-18. Time Out per Lanci. Ancora l’elettronica è chiamata a giudicare il servizio di Cominetti, ma l’arbitro aveva visto giusto, palla Out. 21-19. Marks la butta giù pesante e nulla può la difesa del Cantù, la palla schizza via 22-19. Sfiora Dolfo a muro, ospiti più vicini di un punto 22-20. Out il servizio di Baratti, che era entrato proprio per il servizio. Sieco ad un passo dall’aggiudicarsi il set 23-20. Fortunoso ace di Dolfo, ed ora, con 4 Set point, manca davvero poco 24-20. Perfetta copertura di Simoni così come il palleggio di Lanci e ottimo poi Ogurčák nel finalizzare al meglio 25-20.

QUARTO SET. Si inizia il quarto set con un punto già in tasca e nessuna variazione da segnalare. La coppia Simoni/Dolfo mette a segno un muro che vale il doppio vantaggio locale 2-0. Dolfo colpisce al volto Monguzzi, colpo fortuito e subito lo schiacciatore Impavido di scusa con l’avversario. Stretta di mano e 4-3. Invasione fischiata agli ospiti 6-3. Ace di Preti, Cantù è ora pericolosamente vicino 6-5. Murato Marks e aggancio riuscito 6-6. Ogurčák e la sua schiacciata toccata a muro valgono l’8-6. Inesorabile Chris “Bibob” Marks, che sta cominciando a carburare nulla può Butti 9-6. Fallo di rotazione fischiato agli ospiti 11-6. Muro ortonese del solito Menicali 12-6. Doppia lombarda, il divario tra le due squadre aumenta 14-6 e Coach Cominetti, gioco forza, chiama tempo. Si gettano in tre per prendere il pallonetto di Ogurčák, ma nessuno di loro riesce 15-7. Invasione del palleggiatore Alberini 17-7. Out il servizio di Marks 19-11. Lesto Dolfo raccoglie di piede una palla di ritorno dal muro, l’azione prosegue ed è sempre lui che finalizza: 20-11. Ace anche per Simoni, ed è 22-12. Ancora una volta Simoni fa punto al servizio 23-12. Cantù non riesce a recuperare dopo un pallonetto di Ogurčák 24-13 ed ormai per la Sieco è solo una formalità. Menicali schiaccia fuori ma Lanci invoca il Video-Check. La palla è fuori ma se non altro ha spezzato la concentrazione degli avversari. E infatti, subito dopo Frattini batte malamente sulla rete. La Sieco vince set e partita: 25-14.

Menicali: «Il primo set di questa gara è forse stato uno dei nostri peggiori. Per fortuna poi ci siamo sbloccati. Sarebbe opportuno cominciare bene e finire altrettanto bene. Dobbiamo giocare più sciolti e ognuno di noi deve prendersi maggiori responsabilità. Certo, non siamo arrivati alla nostra massima espressione, dobbiamo continuare questo processo di miglioramento ma con la prestazione di oggi si sono apprezzati dei miglioramenti».

Marks: «Si. È la mia miglior prestazione in casa e ne sono felice. Tuttavia non posso ancora dirmi soddisfatto. So di avere ancora margini di miglioramento e lavorerò duro per raggiungere il mio top. Fino ad ora non avevo mai giocato con così tanta serenità. Inspiegabilmente soffro molto la pressione della gara. Ho bisogno di sbloccarmi a livello emotivo, mentale e quello compiuto oggi è un passo verso la direzione giusta.»

Nunzio Lanci, intanto si gode il suo opposto: «Marks è un opposto atipico. Bisogna servirlo quando hai una ricezione positiva e palla alta. Quando poi trova continuità ed entra bene in partita diventa inarrestabile. Cosa è cambiato rispetto al primo set? Siamo cresciuti molto al servizio. Abbiamo due braccia pesanti in squadra da sfruttare in battuta, Dolfo e appunto, Marks. Proviamo tanto il servizio in allenamento ed è sempre micidiale. Poi in gara c’è molta più pressione, per questo dobbiamo essere più tranquilli e confidare nei nostri mezzi»

Sieco Service Impavida Ortona – Pool Libertas Cantù 3-1 (19/25 – 25/20 – 25/20 – 25/15)

Sieco Service Impavida Ortona: Simoni 4, Pesare (L) n.e., Zanettin n.e., Berardi n.e, Dolfo 19, Toscani (L), Sitti, Sorrenti n.e., Lanci 1, Marks 18, Fiscon n.e, Ogurčák 13, Menicali 10. Allenatore: Lanci N.

Pool Libertas Cantù: Suraci n.e., Corti n.e., Monguzzi 6, Butti (L), Cominetti 10, Rudi (L), Santangelo 15, Danielli n.e., Santangelo 15, Danielli n.e, Baratti, Frattini 5, Gasparini 4, Preti 16, Pellegrinelli n.e., Alberini. Allenatore: Cominetti

Durata Set: I (26’), II (26’), III (32’), IV (21’)
Durata Totale: 1h.45
Aces: Ortona 9, Cantù 4
Errori Al Servizio: Ortona 13, Cantù 20.
Muri Punto: Ortona 11, Cantù 8.

Arbitri dell’Incontro: Autuori Enrico (SA), Morgillo Davide (Na)

Ortona. Seconda partita in casa per i Ragazzi Impavidi che dopo aver sconfitto al tie-break in un lungo ed estenuante confronto la Elios Messaggerie Catania, ospitano domenica 18 novembre alle ore 18.00 la Pool Libertas Cantù.

Canturini che arrivano ad Ortona con nove punti in classifica, tre in più dei nostri eroi, e reduci da una bella gara vinta per tre set a zero contro il forte sestetto della Gioiella Gioia Del Colle.

Osservati speciali per i lombardi l’opposto Santangelo, lo schiacciatore Preti, proveniente dalla Revivre Milano di Superlega ed il giovane regista Alessio Alberini.

Il cauto ottimismo che aleggia in casa bianco-azzurra è perfettamente leggibile nelle parole di coach Nunzio Lanci: «Stiamo lavorando per continuare a migliorarci. La vittoria di domenica ci ha dato fiducia nei nostri mezzi. Ci ha resi consapevoli che quando vogliamo, siamo in grado di pungere. Tuttavia non dobbiamo dimenticare che il Cantù che arriverà ad Ortona domenica è una squadra che sta attraversando un ottimo periodo di forma e che nella scorsa partita è riuscita agevolmente ad avere la meglio contro una Signora Squadra quale è Gioia Del Colle. Sarà dunque una nuova battaglia ma noi siamo pronti a lottare perché abbiamo un grande bisogno di continuare a crescere e di aggiungere punti al nostro carniere».

I precedenti tra le due squadre vedono gli ortonesi in vantaggio con ben otto vittorie contro le due per i canturini. Solo uno di questi dieci confronti è terminato al tie-break.
Il programma completo della settima giornata del Campionato Nazionale di Serie A2 UnipolSai prevede:

Maury’s Italiana Assicurazioni Tuscania – Gas Sales Piacenza
Videx Grottazzolina – Olimpia Bergamo
Sieco Service Impavida Ortona – Pool Libertas Cantù
Materdomini.it Castellana Grotte – Bam Acqua S.Bernardo Cuneo
Tipiesse Cisano Bergamasco – Club Italia Crai Roma
Pag Taviano – Tinet Gori Wines Prata
Elios Messaggerie Catania – Gioiella Gioia Del Colle

Ortona. Torna alla vittoria la SIECO Service Impavida Ortona che in un lunghissimo match durato quasi due ore e mezzo, alla fine batte gli avversari della Elios Messaggerie Catania per tre set a due. Si tratta della seconda vittoria degli impavidi in questo campionato.

Tanti, troppi gli errori al servizio da parte di entrambe le squadre, penalizzano quello che doveva essere lo spettacolo per gli inossidabili tifosi giunti all’impianto di gioco nonostante l’anticipo del sabato sera. Una gara alla fine dei conti equilibrata, con la Sieco che vince il primo set ed illude di poter gestire bene anche il secondo salvo poi subire il ritorno degli ospiti fanno ripiombare nell’incubo i padroni di casa con un “uno due” micidiale che ribalta l’incontro. Catanesi che fanno quello che tutti si aspettano dai ragazzi di Mister Lanci, stringono i denti nel finale di ogni set riuscendo a mettere a segno lo sprint giusto per vincere secondo e terzo ai vantaggi. Quando si torna in campo per il quarto set, gli ortonesi sono sotto due set ad uno. Il surreale silenzio di un intero palasport sembra essere di funesto presagio nonché lo specchio di quello che deve essere l’umore nero dei giocatori impavidi. E invece la SIECO fa la SIECO, ossia si accorge con colpevole ritardo di essere in campo e comincia finalmente a giocare.

La ricezione e la fase di ricostruzione degli ospiti, messe sotto pressione vanno in crisi tanto che Capitan Lanci & Co. prendono il sopravvento e, fatta eccezione per un timido tentativo di rimonta dei siciliani a fine set, riescono a raddrizzare la situazione e a portare la gara al tie-break. Quinto set che parte così come si era concluso il precedente parziale. La Elios tenta di opporre resistenza al gioco ortonese che sembra essere paradossalmente più frizzante ora che ad inizio gara. Non c’è scampo per i catanesi che restano a sei punti, schiacciati da un rullo compressore bianco-azzurro che alla fine si aggiudicherà due punti che muovono la classifica e fanno tanto morale.

PRIMO SET con gli ortonesi che schierano in campo Andrea Lanci al palleggio e Marks opposto. La coppia dei centrali, con Simoni non al meglio, è formata da Bernardi e Menicali mentre gli schiacciatori saranno Ogurčák e Dolfo, rientrato dopo tre giornate di stop. Libero Toscani. Ospiti che rispondono con il palleggiatore Finoli e l’opposto Gradi. Reparto centrali Porcello e Mazza, schiacciatori Corrado e Bonacic. Libero Pricoco.

Prima palla tra le mani di Catania, che con Porcello danno il via alla disputa. Subito errore al servizio per i siciliani: 1-0. Due servizi, due errori per la sieco. Prima Marks, poi Dolfo tirano sulla rete 2-3. Murato Ogurčák ed ospiti avanti di due 4-6. Fischiato un discutibile fallo di doppia a Menicali, punto agli ospiti 4-7. È Dolfo a ridurre le distanze, la SIECO va a -1: 6-7. Block-Out a favore di Marks con gli impavidi ancora alla ricerca dell’aggancio 10-11. Ancora il tedesco protagonista, il suo muro ad uno chiude la strada alla fuga ospite, poi Dolfo, firma il punto del 13-13 dopo un lungo scambio. Ancora un punto per gli abruzzesi, grazie ad una invasione e ad un fallo di doppia. La situazione è dunque ribaltata 15-13. Tra mille contestazioni l’arbitro vede che la palla ha toccato terra, gli impavidi e tutto il pubblico sono di parere contrario ma non si discute 15-15. Dolfo vince un contrasto a muro, Sieco avanti 17-15. Ancora pareggio per Catania 17-17. Marks schiaccia fuori ed è nuovamente vantaggio ospite 17-18. Fuori ancora una volta la schiacciata di Marks e la Elios si avvicina al primo traguardo 18-20. Ogurčák sfrutta il muro avverso, la palla rimbalza fuori seppur di poco, decisione confermata anche dal video-check: 20-20. Bello il fraseggio tra il neo entrato Sitti e Menicali che finalizza il punto del sorpasso 22-21.

Sieco Service Impavida Ortona: Simoni, Pesare (L), Zanettin n.e., Berardi, Dolfo, Toscani (L), Sitti, Sorrenti, Lanci A, Marks, Fiscon, Ogurčák, Menicali. Allenatore: Lanci Nunzio.

Elios Messaggerie Catania: De Costa, Reina, Porcello, Petrone, Corrado, Gradi, Pricoco, Finoli, Bonacic, Chillemi, Mazza. Allenatore: Puleo Mauro

 

Sieco Service Impavida Ortona – Elios Messaggerie Catania
Durata Set: I (), II (), III (), IV (), V ()
Durata Match: h
Aces: Ortona – Catania
Errori Al Servizio: Ortona – Catania
Muri Punto: Ortona – Catania
Arbitri dell’Incontro: Carletti Stefano (Roma), Verrascina Antonella (Roma).

Ortona. Tocca alla Sieco Ortona ed alla Elios Messaggerie di Catania disputare l’anticipo di sabato Sera della sesta giornata nel Girone Blu del Campionato Italiano di Pallavolo Maschile Credem Banca. Le due squadre si affronteranno alle 20.30 davanti al pubblico ortonese che spera nella prima vittoria casalinga dei propri beniamini.

A mettere i bastoni fra le ruote ai piani impavidi ci saranno i ragazzi della Elios Messaggerie Catania, squadra al suo secondo anno in A2 che può però vantare un sestetto di base ben rodato e consolidato, formato da giocatori di grandissima esperienza. Spicca lo schiacciatore Corrado Francesco, proveniente da Vibo Valentia che ha calcato anche campi di Superlega. I Siciliani vantano otto punti in classifica e arrivano da una sconfitta patita in casa contro l’Olimpia Bergamo. Vittime illustri dei catanesi la BAM Acqua San Bernardo Cuneo, quando si era la terza di campionato. Non sarà dunque una missione semplice per Nunzio Lanci & Co., affamati di punti ma bloccati in una sorta di incantesimo da “Bella Addormentata nel bosco”. La speranza è che il pubblico ortonese possa dare il fatidico bacio e spezzare il sortilegio che costringe i nostri eroi a dondolare tra infortuni e prestazioni sottotono che li hanno, fino ad oggi, penalizzati in classifica. A proposito di infortuni. Se da un lato il recupero di Dolfo ha subito nell’ultima settimana una decisa accelerata, tanto che la sua presenza in campo sabato sera è quasi scontata, a rallentare è il centrale Michele Simoni, che, accusato un dolore al pettorale sinistro ha ridotto l’intensità degli allenamenti in via del tutto precauzionale. Nessuna novità invece per quanto riguarda il rientro di Ivan Zanettin con il suo strappo addominale che deve ancora guarire del tutto. Sebbene Catania sia al suo secondo anno di Serie A2, quella di sabato sarà il primo confronto tra le due squadre.

È Mariano Costa, vice-coach e preparatore atletico a parlarci del delicato momento della Sieco Service Impavida Ortona: «A costo di essere ripetitivi devo sottolineare quanto sarà importante la gara di sabato sera contro Catania. Ad essere onesti, tutte le prossime gare per noi avranno una straordinaria importanza. Certo, un’eventuale vittoria contro la Elios vorrebbe dire non solo punti in cascina ma anche morale e meno pressione addosso. Che sia un momento negativo per noi è sotto gli occhi di tutti ma paradossalmente, questo momento difficile, ci porta a valutare meglio i nostri errori alla ricerca quasi maniacale della perfezione. Stiamo lavorando molto sul piano fisico, ma anche mentale. In allenamento lo Staff tecnico è attentissimo anche alla concentrazione che non deve mai calare. Adesso non ci resta altro da fare che vivere la stagione gara dopo gara, focalizzando la nostra attenzione solo sul gioco senza lasciarci influenzare da alcuno stimolo esterno. Siamo una squadra che può farlo e che quando riesce a mantenere la giusta concentrazione, esprime un’ottima pallavolo che può mettere in difficoltà qualunque avversario».

Arbitri dell’incontro Caretti Stefano e Verrascina Antonella, entrambi della sezione di Roma.

Questo il programma completo della VI Giornata nel Girone Blu:

Olimpia Bergamo – Maury’s Italiana Assicurazioni Tuscania
Sieco Service Impavida Ortona – Elios Messaggerie Catania
Pool Libertas Cantù – Gioiella Gioia Del Colle
Materdominivolley.it Castellana Grotte – Videx Grottazzolina
Tinet Gori Wines Prata – Tipiesse Cisano Bergamasco
Bam Acqua S. Bernardo Cuneo – Club Italia Crai Roma
Gas Sale Piacenza – Pag Taviano

Ortona. Illude la Sieco che nel primo set dimostra di saper giocare una buonissima Pallavolo. Ortonesi che grazie ad un servizio sempre insidioso mettono in difficoltà la ricezione dei padroni di casa. Set sempre in equilibrio fin quando i ragazzi di Nunzio Lanci, grazie anche a Marks e Menicali in stato di grazia staccano gli avversari e riescono a controllare la situazione aggiudicandosi il primo set.Con queste premesse c'era la legittima speranza che si potesse tornare dalla Puglia con qualche punto in tasca ma così non è stato. Cresce Gioia Del Colle grazie anche e soprattutto ad una difesa granitica che riesce a prendere qualsiasi colpo la SIECO provasse a tirare dall'altra parte della rete. Contemporaneamente, gli abruzzesi calano in fase di copertura. Il muro tocca tante palle ma di rado riesce ad agevolare un recupero. Ogurčák e Sorrenti appaiono in affanno in ricezione ed è proprio su di loro che si concentra il servizio di Gioia Del Colle. Il secondo ed il terzo set sono di fatto “set fotocopia”. Gioia accumula un vantaggio importante con la SIECO che si sveglia solo nel finale riuscendo a raddrizzare una situazione all'apparenza compromessa che fa sperare in un lieto fine. Così però non è perché puntuali arrivano ricezioni imperfette che rendono difficile, se non impossibile il gioco dei registi Andrea Lanci e Sitti, che si sono dati staffetta nel corso di ogni set. L'ultimo set è invece un semplice epilogo che vede la Sieco visibilmente affranta per non aver dato un pizzico in più nei due set precedenti. Di contro Gioia del Colle è galvanizzata e continua a recuperare palla su palla per poi capitalizzare ogni singolo sforzo difensivo con un attacco efficace. L'incontro si conclude quindi con il risultato di 3-1 ma per tre set, la SIECO ha ben dimostrato di non temere i pronostici con la favorita Gioia Del Colle costretta a sudare più del preventivato conquistare il pieno, meritato, risultato finale.

PRIMO SET. Padroni di casa che confermano il sestetto che ha sconfitto la GAS Sales Piacenza e schierano Kindgard palleggiatore e Prolingheuer opposto. Sighinolfi e Catena centrali, Radziuk e Sideri di banda, Frigo Libero. Mister Nunzio Lanci deve ancora fare a meno di Dolfo e sceglie A. Lanci in cabina di regia con opposto Marks. Gli schiacciatori saranno Ogurčák e Sorrenti mentre al centro giocheranno Simoni e Menicali. Libero Toscani. La prima palla del match è per la Sieco che serve con Menicali. Il muro di casa non contiene la schiacciata di Sorrenti 0-1. Non riesce la difesa a Marks ed è 3-3. Gara molto equilibrata in queste prime fasi con le squadre che rispondono colpo su colpo 6-6. Forza Marks il servizio che mette in difficoltà la ricezione di Gioia, sulla ricostruzione la Sieco mette a segno il primo break 7-9. Ancora forte il servizio di Marks che ora fa ACE e sul 7-10 i padroni di casa chiedono tempo. Out l'attacco in diagonale di Ogurčák e Gioia torna a -1: 10-11. Buono il primo tempo di Menicali, Frigo può solo toccare 12-14. Marks porta la Sieco a +4 con un diagonale murato fuori e il signor Passaro chiama il secondo time out. L'attacco di Marks sembra pizzicare la linea, l'arbitro la chiama dentro ma Gioia non si fida e chiama un check. L'elettronica smentisce l'arbitro, la palla è out e sul 14-16, Nunzio Lanci chiama tempo. Sulla rete il servizio di Menicali 15-17. Out l'attacco di Sideri e l'Ortona si porta sul 15-19. Ace di Sorrenti la SIECO allunga 16-21. Si rifanno sotto gli ospiti, dopo che Marks spedisce fuori l'attacco 20-22. Sbaglia Sighinolfi e gli impavidi respirano 20-23. Sbarra il passaggio Menicali 20-24 ed i set point sono 4. Annullato il primo set point, ci pensa Ogurčák a chiudere i conti per il primo parziale. 21-25

SECONDO SET senza variazioni nei sestetti. Lanci inganna la difesa con un tocco di secondo tempo 1-2. Video check per un presunto tocco a muro della SIECO non ravvisato dagli arbitri. L'elettronica da ragione ai padroni di casa, il tocco c'era: gioia del colle va in vantaggio 3-2. Il primo tempo di Menicali regala il punto del pareggio per la Sieco Service 5-5. Marks trova il mani e fuori vincente e la situazione è ribaltata 6-7. C'è un parziale di 4-0 per i padroni di casa che sfruttando una ricezione non impeccabile degli ospiti va avanti 10-7. Out l'attacco di Sorrenti, il divario tra le due squadre si amplia 12-7 ed ora il parziale è di 6-0. Simoni sbroglia la matassa ma il punteggio è ancora pesante 12-8. Out il servizio di Fiscon subentrato a Sorrenti 14-9. Ace di Kindgard 16-9. Lanci chiama il suo secondo Time-Out. Errore al servizio per Radziuk 17-11. Out il primo tempo di Sighinolfi, Ortona a -4 19-15. Murato Radziuk da Simoni 18-20. Trova l'ace Marks 20-19. Il muro di Simoni vale il 21-21. Difficoltà in fase di ricezione per Ortona, Gioia del Colle vola verso il Set-Point 24-22. Annullato il secondo set point grazie al video-check, il muro di Simoni era dentro. Nella successiva azione, invece, sfiora il muro ortonese, la palla è out ma il punto va agli ospiti che pareggiano il conto 25-23.

TERZO SET che parte con gli schieramenti classici, torna in campo Sorrenti. Sideri la tira fuori ed il primo punto del terzo set è ortonese 0-1. Cartellino verde per Sighinolfi che ammette il tocco sulla schiacciata di Marks. Lo stesso Marks fa Ace e porta i suoi sul 1-3. Marks attacca una palla difficile e la spedisce fuori, si cerca un conforto dall'elettronica che rileva un'invasione dei padroni di casa 2-4. Ogurčák approfitta di una ricostruzione con un pallonetto spinto 2-5. Prolifico il turno al servizio di Sideri che recupera lo svantaggio 5-5. Ace di Simoni su Sideri che riceve male in doppia 5-7. Si infrange sulla rete la schiacciata di Marks 6-7. Chiamata la doppia anche a Menicali che era in palleggio 8-8. La pipe di Radziuk riporta Gioia in vantaggio 10-9. Break per gioia 13-11 e time out chiamato da Nunzio Lanci. Marks pesta la linea, conferma anche l'elettronica 14-11. Sorrenti schiaccia fuori, ancora una volta si chiede l'aiuto del video check. In effetti la palla è in campo. 14-12. Fuga dei locali che trova una copertura piuttosto lenta da parte della SIECO 16-12. Radziuk ha tutti i colpi, supera il muro a 3 ortonese e porta i suoi sul 18-14. Passa il solito Menicali 19-15. Ace di Ogurčák su Margutti 19-16. La Pipe di Gioia impatta sul muro e finisce fuori 21-18. Murato Sorrenti 23-19. Murato Prolingheuer da Ogurčák ma la Sieco deve recuperare ancora un punto 23-22. Out l'attacco di Prolingheuer 23-23. Dopo un bellissimo scambio ha la meglio la Gioiella che con una pipe conquista il set-point 24-23. Murato Ogurčák che fallisce la palla dei vantaggi 25-23.

QUARTO SET. Attentissima Gioia Del Colle in fase di ricostruzione, ottima per tutta la gara. Chiuso Ogurčák a muro ed è subito 2-0. Murato out Marks 3-1. Murato Fiscon che nel frattempo era entrato per Ogurčák
5-1 e gioco subito fermato da Lanci. Il secondo punto della Sieco è ad opera di Marks 5-2. Murato Marks e la forbice s'allarga 7-2. Ace di Menicali, Ortona recupera qualcosa 7-5. Ace di Radziuk 9-5. Marks tira una bomba indifendibile, tuttavia la distanza tra le due squadre è ancora tanta 11-7. Anche la fortuna aiuta Prolingheuer che schiaccia sul nastro con la palla che cade a terra 13-7. Quando il punteggio arriva sul 14-7, Nunzio Lanci chiama il tempo. Check chiamato da Mr. Passaro ma la palla di Marks è dentro di molto. 15-10. Non riesce la ricostruzione ad Ortona 17-11. Out l'attacco di Sorrenti 18-11. Ace su Ogurčák da parte di Scrollavezza 22-14. Forza Sorrenti sulla rete ed ormai manca davvero poco ai padroni di casa per conquistare i tre punti 23-15. Ricezione lunga di Sorrenti ed è 24-15. Chiude Prolingheuer che segna il 25-16 e Gioia si aggiudica set e partita.

Nunzio Lanci: “Abbiamo giocato bene nel primo set, ma questa volta, rispetto alla gara interna con Tuscania ci siamo spenti prima. E' evidente che ci siano dei meccanismi da registrare ed ogni giorno siamo in palestra a provare e riprovare. Siamo stati bravi nel secondo e nel terzo set a recuperare lo svantaggio, ma alla fine abbiamo commesso delle ingenuità e nessuno ti regala niente. Gli avversari sono li per vincere la partita e ne hanno approfittato. Adesso diventa sempre più fondamentale la gara di sabato sera”

Alessio Sitti: “E' un peccato perché abbiamo giocato discretamente contro una ottima squadra che sta attraversando un buon momento, mentre noi veniamo dalla gara contro Tuscania che doveva essere il nostro riscatto ma che ci ha lasciato con l'amaro in bocca. Amarezza anche per questa sera, quando nel secondo set, dopo una grande rimonta, alcuni errori ci hanno tagliato le gambe. Stessa storia anche nel set successivo, e poi quando perdi due set così, due set nei quali rimonti e commetti degli errori proprio sul finale, capita di disunirsi. Nell'ultimo set non c'è stata storia, non aver completato per due volte una rimonta che era a portata di mano è stata una delusione cocente che poi ha influito sul gioco dell'ultimo parziale.”

Prossima gara per gli ortonesi nell'anticipo di sabato sera alle ore 20.30. Arrivano al palasport di Via Papa Giovanni quelli della Elios Messaggerie Catania.

Gioiella Gioia Del Colle – Sieco Impavida Ortona 3-1 (21/25, 25/23, 25/23, 25/16)

 

Sieco Service Impavida Ortona: Simoni 10, Pesare (L), Zanettin n.e., Berardi n.e., Dolfo n.e., Toscani (L), Sitti 2, Sorrenti 9, Lanci A 1, Marks 24, Fiscon 2, Ogurčák 12, Menicali 12. Allenatore: Lanci N

Durata Set: I (29'), II (30'), III (34'), IV (25')
Durata Match: 1h.58'
Aces: Gioia Del Colle 7- Ortona 12
Errori Al Servizio: Gioia Del Colle 3 - Ortona 7
Muri Punto: Gioia Del Colle 12 – Ortona 6
Arbitri Dell'Incontro: Fabio Scarfò (RC), Alessandro Pietro Cavalieri (RC)

Pagina 1 di 17

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione