Fara San Martino. “Dallo scorso 28 novembre, giorno in cui abbiamo deciso di scendere in campo coinvolgendo la cittadinanza di Fara su questo delicatissimo tema ad oggi, hanno già raggiunto un numero certamente significativo le firme raccolte tra quanti ritengono che la storia di una comunità come la nostra non possa essere stravolta e strumentalizzata in nome e per conto di quella che - spacciata per logica dell’accoglienza - altro non è che il vile business dell’immigrazione o peggio ancora del pedissequo e acritico ossequio alle malsane idee del Governo”.
Così Antonio Tavanie Gianni Aruffo del gruppo di opposizione “L’Aquilone, Idee per Fara” in una Fara San Martino anch’essa, come molti comuni vicini, alle prese con l’incalzante minaccia della istituzione di possibili centri di accoglienza per immigrati.

La petizione popolare di cui Tavani e Aruffo hanno spiegato ambizioni e motivazioni al sindaco De Vitis e all’intero governo cittadino, è partita a ridosso delle festività natalizie: “Il dato significativo- spiega Tavani- che ci spinge a fare ancora di più, ad esempio organizzando a breve un banchetto di raccolta firme al Piano dei Santi, è che in questi giorni di festa siamo stati fermati da tantissimi faresi i quali ci hanno letteralmente pregati di dar voce al loro dissenso. Esia chiaro, una volta in più, che non ci stiamo a farci bollare come razzisti, così come razzista non lo è la comunità di Fara San Martino la cui storia parla, invece, chiaramente di accoglienza e rispetto”.

Tavani e Aruffo mettono con le spalle al muro i tanti, troppi, non detti del primo cittadino: “Perché non spiega senza filtri cosa intende fare? Perché non convoca un consiglio comunale straordinario e aperto alla cittadinanza in cui mettendoci la faccia dica chiaramente che aprire uno Sprar anche a Fara significa APRIRE UNA PORTA FINORA CHIUSA e non controllare più numeri, arrivi, movimenti e circolazione di immigrati? Lentella, Carunchio, Torino di Sangro e altri comuni a noi vicini che hanno già detto sì a Sprar e affini ci mostrano tutti i giorni i risultati di tali scelte: immigrati cresciuti a dismisura e spesso fuori controllo, strutture alberghiere definitivamente trasformate a scapito del piccolo ma prezioso locale turismo, per non parlare dei tempi inizialmente fissati a poche settimane di accoglienza spesso trasformatisi in 6-9-18 mesi di permanenza”.

Ad incalzare De Vitis in particolare Antonio Tavaniche spende anche l’esperienza vissuta sulla sua pelle di imprenditore del turismo appena tre anni fa quando nel 2014 gli fu offerto, dall’allora Prefetto di Chieti, di trasformare il suo albergo di famiglia (“L’Hotel Del Camerlengo”) in un centro di accoglienza di quelli allestiti, appunto, in strutture già esistenti sul territorio: “Con milioni di fatturato facile e garantito avrei potuto garantire il futuro dei miei dipendenti, del mio conto corrente e delle mie figlie. E, invece, l’idea di cancellare un simbolo della mia storia personale e dell’intera comunità di Fara non mi ha sfiorato. Non ho avuto bisogno di riflettere nemmeno per un minuto su quanto stessi perdendo in termini di soldi facili, sapevo che ci avrei guadagnato in serenità e coerenza. E così è stato quando ho ricevuto la stima e il ringraziamento delle tante persone che una volta saputo il tutto mi hanno confidato di aver tirato un sospiro di sollievo. Il Prefetto insistette per alcune settimane poi anche lui, così come alcune cooperative che mi avevano contattato spiegandomi dettagli e guadagno, dovette arrendersi dinnanzi ad una famiglia, una storia, una comunità”.

Conclude Aruffo: “Scelte come queste cambiano per sempre un paese, le sue strade, le sue abitudini e il vivere dei suoi abitanti, basti vedere ciò che è accaduto altrove in Abruzzo. Il SINDACO NON PUÒ NON TENER CONTO DELLA VOCE E DEL SENTIRE DELLA SUA CITTADINANZA: è per questo che chiediamo che alla petizione popolare faccia seguito un vero e proprio referendum affinché specie su argomenti così delicati la parola ultima spetti sempre alla gente come nelle logiche della democrazia. Ciò che la politica non capisce è proprio questo: il grande lavoro dell'accoglienza viene fatto dalle persone della porta accanto, che devono accettare, aiutare ed integrare chi arriva sul nostro territorio. Se questo non avviene si genera un rifiuto sociale e culturale che ghettizza l'altro e stimola odio reciproco e violenza come la cronaca quotidiana ci racconta, ormai, ogni giorno”.

Il senso della petizione popolare targata ““L’Aquilone, Idee per Fara”, avviata il 28 novembre e destinata ad entrare nel vivo in questo primo mese del nuovo anno, è proprio questo: scongiurare per una volta la solita logica italiana del “corriamo al riparo dopo l’accaduto”. Si è ancora in tempo per tenere Fara e i suoi cittadini al riparo dal rischio di vedersi snaturato un quotidiano di piccolo ma vivace paese in nome di quella che raccontata come spirito d’accoglienza spesso cela solo facili guadagni e diritti negati. Fermiamo il sindaco, e la sua palese ignoranza in materia, depositandogli sulla scrivania le firme di un’intera comunità così che non possa ignorare l’indicazione chiara, inequivocabile e perentoria di coloro in nome dei quali siede su quella poltrona e indossa quel tricolore!

E a lui che si permetteconvincerci che “per qualche mese di accoglienza non si distrugge nulla e, anzi, si guadagna in tanti” noi rispondiamo dicendo a De Vitis di informarsi meglio e che Fara San Martino può continuare a vivere sulle proprie straordinarie risorse perché solo restando ancorati a radici, storia e territorio si potrà superare anche questo grave momento economico.

Il senso di accoglienza va inteso come “coinvolgimento e condivisione dal basso” e non come decisioni subite perché piovute dall’alto della politica, nella sua accezione più cieca, sul capo di un’intera comunità!”.

Lanciano. Armi rinvenute su uno degli immigrati fermati durante i controlli a sorpresa effettuati parte delle forze dell'ordine su un gruppo di immigrati giunti nella nostra città dal Pescarese. Questo è quanto accaduto ieri mattina presso la stazione di Via Bergamo dove un gruppo di immigrati, per lo più venditori ambulanti, è stato scortato dai carabinieri per dei controlli riguardo la legalità della loro permanenza sul territorio italiano.
"Come CasaPound Italia, avevamo già espresso le nostre perplessità circa la superficialità dei controlli su questi gruppi che solitamente troviamo nei parcheggi, fuori dai centri commerciali o in zone di raccolta” afferma in una nota il responsabile locale Marco Pasquini.
“Molti cittadini si sono lamentati del loro atteggiamento invadente, quasi aggressivo, tanto da richiedere l'intervento degli organi di vigilanza. I nostri cittadini meritano di essere tutelati rispetto a questi comportamenti, ancor di più se alcuni di loro portano con loro armi."
“Data la dimostrata inefficienza da parte di chi di dovere – conclude Pasquini - come CasaPound Italia pretendiamo che l'Amministrazione, insieme alle forze dell'ordine, si adoperi subito per evitare che simili fatti si possano ripetere, garantendo la sicurezza dei cittadini a qualunque ora e in qualunque zona di Lanciano.

Lanciano. “Una mera iniziativa di propaganda per far accettare l’immigrazione di massa, e quindi gli interessi economici ad essa legati, senza alcun valore concreto”. Queste le durissime parole con cui CasaPound Italia per tramite del proprio responsabile lancianese Marco Pasquini liquida l’iniziativa lanciata dalla Onlus ‘LancianoLab’ di corsi di lingua italiana curati dagli studenti del liceo Linguistico De Titta e rivolti agli immigrati ospitati nel centro di accoglienza cittadino.
“L’insegnamento dell’Italiano come seconda lingua è materia specialistica che richiede personale docente formato con corsi universitari e post-universitari – prosegue Pasquini - Quella di LancianoLab a dispetto dell’entusiasmo mostrato dal Sindaco non è quindi altro che una iniziativa di propaganda, per spingere grazie ad una verniciatura di buonismo la popolazione lancianese ad accettare di buon grado un fenomeno, quello dell’immigrazione di massa, che diventa poi ricco business per via dei lauti appalti per la gestione dell’accoglienza”.
“Sarà nostro compito – prosegue Pasquini – investigare su eventuali finanziamenti ed agevolazioni comunali di cui LancianoLab gode, così su come vengano effettivamente spesi i fondi destinati alla cooperativa Matrix, visto che il ‘corso di lingua’ proposto agli immigrati risulta gratuito. Per ora ci limitiamo a constatare come una analoga attenzione non venga rivolta ai tanti nostri concittadini in difficoltà, che non si vedono organizzare corsi gratuiti di avviamento al lavoro o corsi di lingua, avendo loro purtroppo la ‘sfortuna’ di essere nati italiani in Italia”.

Milano. Il CDU tuona contro la Regione Lombardia. «L’ente si assuma le proprie responsabilità, servono controlli intensivi sui migranti apolidi».

Recentemente sono balzati agli onori della cronaca due casi analoghi, riguardanti vicende tragiche di migranti. Il 17 febbraio il cadavere di un uomo africano è stato ritrovato sul tetto di un treno alla stazione di Cannes "La Bocca". Il ventenne, secondo le prime ricostruzioni, sarebbe rimasto folgorato nel tentativo di aggrapparsi al pantografo (il dispositivo installato sui veicoli ferroviari e tranviari che si collega ai cavi dell'alta tensione) del convoglio proveniente da Ventimiglia. Stessa sorte il 2 marzo per un migrante originario del Mali che ha preso fuoco sul tetto di un treno regionale partito dall’Italia settentrionale; il corpo senza identità è stato recuperato alla stazione di Balerna nel Canton Ticino, quindi è intuitivo che l’uomo volesse oltrepassare la frontiera.

Questi avvenimenti, a cui se ne potrebbero aggiungere molti altri affini accaduti nel passato nonché quelli ipotizzabili per proporzionalità che verranno a sommarsi in un futuro prossimo, sono stati segnalati da Lorenzo Annoni del partito Nuovo CDU per condurre a una riflessione più ampia ed articolata sul tema tanto discusso degli immigrati. «Viene spontaneo constatare - spiega - che una moltitudine di stranieri sta attraversando il territorio italiano liberamente, in maniera del tutto incontrollata». Proprio sulla necessità di controlli severi insiste il CDU al fine di salvaguardare vite umane e garantendo maggiore sicurezza ai cittadini del Belpaese. La considerazione, infatti, si sposta facilmente sul piano sanitario. I migranti provengono da luoghi ad alta endemia, in cui le cure sono precarie e l’igiene scarsa, perciò possono essere portatori di malattie infettive, per citarne alcune: tubercolosi, scabbia, aids, meningite. «Chiediamo alla Regione Lombardia che, a tal proposito - incalza Lorenzo Annoni -, si occupi di accertare le condizioni sanitarie dei migranti con appositi esami al loro arrivo nel territorio lombardo e inoltre incoraggi la prevenzione in ogni sua forma, facendosi promotrice di campagne informative e rendendo i vaccini, laddove esistano, disponibili e gratuiti per chiunque».

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione