Articoli filtrati per data: Martedì, 14 Marzo 2017

Pescara. Per la 51ª Stagione Teatrale della Società del Teatro e della Musica uno degli spettacoli più attesi: MARITI E MOGLI tratto dall’omonimo film di Woody Allen adattato e diretto da Monica Guerritore con due attrici, molto diverse ma entrambe amatissime dal pubblico, per la prima volta insieme: MONICA GUERRITORE e FRANCESCA REGGIANI con PIETRO BONTEMPO e ANTONIO ZAVATTERI e con Alice Spisa, Enzo Curcurù, Lucilla Mininno, Angelo Zampieri Scene di Giovanni Licheri e Alida Cappellini Costumi Valter Azzini - Luci PaoIo Meglio Intorno alle due primedonne un girotondo amoroso in cui Cupido (bendato e sbadato) si divertirà a scagliare frecce, far nascere amori, divorzi e altro… Calendario degli spettacoli: TEATRO CIRCUS Giovedi 16 marzo - ore 21 // Venerdi 17 marzo - ore 17.


Un travolgente Woody Allen alle prese con uno dei suoi argomenti preferiti: le crisi coniugali, i tradimenti. Due attrici: Monica Guerritore e Francesca Reggiani molto diverse ma entrambe amatissime dal pubblico per la prima volta insieme (le mogli). Intorno a loro un girotondo amoroso in cui Cupido (bendato e sbadato) si divertirà a scagliare frecce, far nascere amori, divorzi e altro...

Note di regia - Tutto accade in una notte tempestosa con i personaggi costretti da tuoni e lampi in una sala da ballo, un luogo della musica e della danza che con il passare della notte si riempirà di storie e oggetti e musica e pianti e amori e liti. Un bancone di un bar, una zona dove due poltrone creeranno un letto, due tavolini accostati per poter mangiare tutti insieme e poi riprendere le lezioni di ballo, le relazioni o i divorzi mentre arriva l'alba... Le dinamiche matrimoniali saranno affrontate in quella sala. È lì, in quella notte, che le insofferenze, i tradimenti e i desideri verranno rivelati, mentre (in segreto) ogni personaggio si aprirà in improvvise confessioni fatte al pubblico per averne comprensione e approvazione. E così come nei Sei personaggi di Pirandello, la trama e le sofferenze create dall'Autore (tutta la commedia è un romanzo che Gabe rivelerà alla fine di avere scritto) diventano l'unica verità del personaggio costretto a vivere e far prevalere la sua storia con quell'intensità che solo la precisione di una trama già scritta può dare. Il jazz di Louis Armstrong ci precipita immediatamente nel clima di Woody Allen, Strindberg e Bergman (riferimenti altissimi di Allen) vengono evocati nelle dinamiche tra mariti e mogli, la danza e il vino e la notte sganciano il corpo e liberano le energie… il resto è l'eterno racconto dell'Amore.

La versione teatrale è fedele al testo ma si discosta nell'ambientazione dal film da cui è tratta la commedia uscita nel 1992 con interpreti fantastici come Mia Farrow, Sidney Pollak, Judy Davis, Liam Neeson, Juliette Lewis e lo stesso Allen nei panni di uno dei protagonisti.

Pubblicato in Cultura e eventi

Pescara. Il Consiglio Comunale ha dato il via libera alla procedura di variante che permette di ridurre l’estensione dei piani attuativi necessari a realizzare interventi edilizi e attrezzature pubbliche nelle zone di via Monti di Campli, strada Cavallaro, via Di Sotto, San Silvestro Colle e spiaggia, via Campo Felice, via Aldo Moro, via Monte Faito e via Fonte Romana, favorendo la realizzazione di iniziative immobiliari destinate al social housing e ai servizi (piccolo commercio e uffici). Se da una parte le imprese beneficeranno di un alleggerimento della burocrazia che spesso è diventato un impedimento all’iniziativa economica, dall’altra la collettività otterrà un incremento di offerta di alloggi a costi ridotti rispetto agli standard del mercato immobiliare, così cercando di andare incontro alle giovani coppie e alle persone con una ridotta disponibilità economica. Inoltre, l’incremento del verde pubblico quale obbligo di cessione per chi vorrà costruire e la riduzione della edificabilità complessiva prevista e, quindi, del consumo di suolo sono un beneficio tangibile per la vivibilità dei quartieri popolari.

“Anche grazie a un fruttuoso lavoro con l’opposizione in consiglio comunale e alla preziosa collaborazione degli uffici, abbiamo modificato una disposizione del piano regolatore risalente al 2001 che ostacolava l’iniziativa imprenditoriale e impediva di recuperare all’uso pubblico aree destinate a standard per parcheggi e giardini pubblici - commenta l’assessore al governo del territorio e mobilità Stefano Civitarese - Le imprese interessate a investire nelle zone popolari cittadine non saranno più obbligate ad acquistare ettari di terreni edificabili spesso utilizzati a giardini e parcheggio di abitazioni esistenti, i cui proprietari non vogliono privarsene impedendo, di fatto, l’attuazione degli interventi edilizi” aggiunge l’assessore Civitarese. “Ora le aree edificabili nelle sottozone B10 sono state ridotte di oltre il 50% rendendo gli ambiti di trasformazione coerenti con lo stato dei luoghi, pianificando come edificabili le aree effettivamente utilizzabili in tal senso e a verde privato i terreni residui che rimarranno nella disponibilità dei proprietari con l’ulteriore beneficio della tassazione IMU ridotta e rapportata a un uso non più edificatorio.
Come Amministrazione stiamo cercando di onorare gli impegni presi con la città e di incentivare l’economia cittadina in un momento di crisi strutturale senza compromessi al ribasso per l’ambiente.
Dopo l’approvazione della variante delle cosiddette B10, approderanno a breve in consiglio le modifiche alle norme tecniche del piano regolatore che vanno nella direzione del rinnovo del patrimonio edilizio esistente e della rigenerazione urbana, incentivando interventi di riduzione del rischio sismico e di incremento delle prestazioni energetiche degli edifici con concreti benefici per la sicurezza, l’ambiente e l’economia pescarese”.

Pubblicato in Politica

Chieti. Oggi pomeriggio, presso la sede della Direzione Sanitaria di Chieti, si è riunito il Comitato Ristretto dei Sindaci della Asl 02 Lanciano-Vasto-Chieti, presieduto dal Sindaco di Chieti Umberto Di Primio, al quale hanno partecipato il Sindaco di Casoli Massimo Tiberini e il Sindaco di Lanciano Mario Pupillo. Il Sindaco di Vasto Francesco Menna risultava assente giustificato.

Due i temi posti all’Ordine del Giorno: 1) Classificazione dell’Ospedale di Chieti come D.E.A. di II Livello; 2) Project Financing relativo alla progettazione del nuovo ospedale a Colle dell’Ara.

Invitati a riferire sugli argomenti in discussione: il Direttore Generale della Asl Lanciano-Vasto-Chieti Pasquale Flacco e l’Assessore Regionale alla Sanità Silvio Paolucci.

«Sul D.E.A. di II Livello – ha commentato il Sindaco Di Primio - preoccupato per l’iniziativa assunta da alcuni esponenti della Consulta clinica dell’ospedale di Pescara circa la volontà espressa di trasferire Cardiochirurgia, ho voluto che l’Assessore Paolucci chiarisse la posizione della Regione, confermandoci il fatto che in Abruzzo, così come è stato già approvato dal Consiglio dei Ministri con delibera del 15 settembre 2016, non potranno che essere Chieti e Pescara, in rapporto funzionale, sede di D.E.A. di II Livello. Le due realtà ospedaliere, pur conservando la loro autonomia amministrativa, concorreranno entrambe, mettendo insieme le due strutture - Chieti con il “Polo cuore” ovvero Cardiochirurgia e il Dipartimento di Medicina dell’Università d’Annunzio e Pescara con Chirurgia del Bacino e del Politrauma e Neurochirurgia - alla costituzione del DEA di II Livello.
Entro il prossimo 31 marzo – ha proseguito il Sindaco - la Commissione tecnica istituita dalla Regione, della quale fa parte anche il Direttore Generale dell’Ospedale di Chieti, dovrà rimettere una propria relazione alla Giunta Regionale affinché venga poi approvata la costituzione del D.E.A. di II Livello. L’impegno assunto oggi dall’Assessore Paolucci è l’illustrazione dello stesso documento in sede di Comitato Ristretto dei Sindaci della Asl prima che sia approvato dalla Giunta Regionale.

Per quanto riguarda il project financing dell’Ospedale – ha evidenziato il Sindaco Di Primio – l’Assessore Paolucci ha confermato che il progetto è stato avocato a sé dalla Regione per il completamento dell’istruttoria e per verificarne fattibilità tecnica e sostenibilità economico-finanziaria.
Alla luce dei punti di debolezza dell’attuale struttura sanitaria, però, - staticità dei corpi C ed F, adeguamento sismico e alcune voci dei costi di gestione (pulizia, riscaldamento) - le considerazioni avanzate dal Comitato Ristretto hanno portato a pensare che, ove ci fosse, nel rispetto delle leggi, una sostenibilità economica sotto il profilo dei canoni di disponibilità e del costo dei servizi e una fattibilità tecnica, il nuovo ospedale potrebbe dare una risposta a tutte queste criticità.
Chiaramente – ha sottolineato il Sindaco Di Primio – lo stesso Comitato si riserverà di dare un giudizio definitivo nel momento in cui la Regione avrà fatto chiarezza sull’esistenza o meno dei presupposti di finanziabilità e fattibilità tecnica».

Pubblicato in Politica

Roma. “E’ iniziato oggi l’iter in commissione del Decreto terremoto e maltempo.
Di emendamenti ce ne sono oltre 900, molti anche della maggioranza, indice significativo della vuotezza del Decreto stesso” lo ha dichiarato in una nota l’On. Fabrizio Di Stefano a seguito dell’inizio dell’esame del Decreto terremoto e maltempo in commissione ambiente alla Camera.
“In questo momento” ha continuato l’On. Di Stefano, “Bisogna far sentire forte la voce dell’Abruzzo, per far fronte a un Governo che davvero sembra toccato solo marginalmente dai problemi della nostra Regione, molto più oberato ed impegnato a discutere la legge sul testamento biologico.
Da domani comincia la battaglia in commissione e noi, tra le tante proposte, chiediamo un equo allargamento del cratere e una serie di interventi mirati di cui oggi il Decreto è estremamente vuoto: interventi che dovranno riguardare sia il sostegno per le strutture pubbliche e private ma anche per i danni diretti e indiretti subìti dalle imprese; la sospensione del Piano Sanitario, almeno per quanto riguarda la struttura sanitaria di Popoli, che è ancora nel cratere, una serie di norme che mancano per continuare adeguatamente la ricostruzione post-sisma 2009 e tutta una pletora di azioni specifiche per i danni subìti dal nostro territorio, che il Decreto allo stato attuale non prende assolutamente in considerazione” ha concluso l’On. Fabrizio Di Stefano.

Pubblicato in Politica

Pescara. "Uno spettacolo comico, avvolgente e travolgente, dove ci diverte moltissimo ma dove si pensa tanto. L’abbraccio è il gesto dell’accoglienza, del perdono e della misericordia, chi ha l’opportunità di lavorare, vivere o condividere emozioni con i ragazzi down sa quanto ci tengano all’abbraccio, alla fisicità, al contatto. E visto che il teatro può essere anche terapia, mi verrò a curare e a migliorare volentieri a Pescara. Sarà veramente una grande occasione di bellezza da condividere”.
Sono le parole, affidate ad un video, con cui Paolo Ruffini, comico, attore e conduttore, ha presentato oggi, nella sala Giunta di Palazzo di Città, “Un grande abbraccio”, lo spettacolo che rappresenterà a Pescara, insieme a sei attori disabili della compagnia teatrale livornese Mayor Von Frinzius, il 21 marzo prossimo, in occasione della Giornata Mondiale della Sindrome di Down. L’evento, che si terrà al teatro Massimo, alle ore 21, con ingresso gratuito fino ad esaurimento posti, rientra nell’ambito del programma di “Solidarietà fa Sport”, il progetto ideato dall’Assessorato alle Politiche sociali per sensibilizzare la cittadinanza, e in particolar modo i giovani, sui temi della disabilità.

“Dopo la Coppa italia di basket in carrozzina, che si è svolta agli inizi di marzo, questo è un altro momento collettivo del progetto - ha spiegato l’assessore Antonella Allegrino, alla presenza dei rappresentanti delle associazioni che si occupano di sport per disabili e di disabilità, che hanno aderito all’iniziativa - E’ uno spettacolo che abbiamo voluto portare a Pescara perché racconta ciò che noi siamo, il desiderio di essere persone speciali che riusciamo a realizzare quando ci mettiamo in relazione con l’altro. Ruffini porta in scena una realtà molto complessa che è quella della vita e lo fa suscitando risate e riflessioni. La scoperta è che insieme agli altri diventa tutto più leggero. Invito, pertanto, tutti a partecipare per stringerci insieme in questo grande abbraccio Lo spettacolo sarà ad ingresso gratuito per coinvolgere la cittadinanza nella maniera più ampia possibile. Sono state invitate anche le scuole che hanno aderito al progetto.”.

In occasione della presentazione dello spettacolo, l’assessore Allegrino ha fatto un primo bilancio del progetto “Solidarietà fa Sport” ricordando le associazioni e le scuole che hanno aderito: “Fino ad oggi hanno partecipato agli incontri 27 classi, per un totale di 700 studenti delle scuole secondarie di primo e secondo grado - ha spiegato - Con il supporto nei nostri operatori, le associazioni si confrontano con i ragazzi svolgendo attività teorica e pratica, raccontano il mondo della disabilità ciascuno con le proprie specificità e spiegano cosa vuol dire essere normali e speciali allo stesso tempo, come vengono affrontate le difficoltà. Anche questo è un insegnamento per i giovani: comprendere che gli ostacoli, se affrontati con coraggio, possono essere superati e imparare a vivere i disagi degli altri come motivo di integrazione. Ci sono stati incontri davvero emozionanti, con gli studenti che hanno provato a giocare a basket o a hockey in carrozzina comprendendo quanto sia difficile controllare i movimenti, che hanno fatto judo sul tatami con i nonvedenti o che hanno giocato a calcio con entusiasmo e partecipazione, insieme ai ragazzi dell’Accademia biancazzurra. Nei prossimi giorni ci saranno incontri che prevedono il coinvolgimento di oltre 50 classi per un totale di circa 1500 ragazzi”.
Aderiscono al progetto "Solidarietà fa sport” le associazioni Polisportiva Amicacci Giulianova, Addesi Cycling, E.N.S., Cosma, A.I.S.M., Diversuguali, A.R.D.A, Asd Polisportiva La fenice, Uilmd, Sottosopra, Anmic, Udi, Anfass, Movimentazioni, Spazio Donna, Percorsi, Cooperativa Aurora Valori & Sapori, Accademia Biancazzurra.

Pubblicato in Cultura e eventi

Montesilvano. «Un esempio dello spirito altruistico, di chi ha lasciato tutto per dare aiuto concreto e supporto a coloro che vivono in contesti molto complessi». Queste le parole dell’assessore alle Politiche giovanili, Deborah Comardi a margine dell’evento organizzato questa mattina dall’associazione Missione Possibile, guidata da Pino D’Atri nella scuola secondaria di primo grado Ignazio Silone. Nella palestra della scuola gli studenti hanno incontrato padre Daniele Moschetti, missionario comboniano da diversi anni in missione nel sud del Sudan.
«E’ molto importante per la loro formazione - dice ancora l’assessore Comardi - che i ragazzi possano confrontarsi con persone di spessore come padre Daniele e avere così una visione più ampia delle enormi difficoltà che affliggono i diversi Paesi del mondo. Un grande plauso va all’associazione Missione Possibile che fa tanto per aiutare paesi come l’Africa e al tempo stesso opera nella nostra comunità». Da 5 anni l’associazione infatti conduce un progetto con gli studenti della scuola media Silone, incentrando la riflessione con i ragazzi su tematiche quali la condizione della donna nei paesi subsudiani, o ancora sull’immigrazione, lavorando in sinergia con i docenti dell’istituto comprensivo e arricchendo l’offerta formativa degli alunni.
Particolarmente soddisfatta ed orgogliosa la dirigente scolastica Roberta Martorella che ha sottolineato il percorso di integrazione ed accoglienza condotto dall’Istituto comprensivo, che conta circa 1100 studenti. «Nel piano formativo triennale - ha dichiarato - abbiamo inserito diverse attività che possano far rendere conto i nostri ragazzi delle diverse realtà che compongono il tessuto sociale nel quale viviamo».

Pubblicato in Cultura e eventi

Roma. Mercoledì 15 marzo sarà l’undicesimo giorno di attività dei quattro sportelli mobili di e-distribuzione che, da inizio mese, garantiscono il presidio itinerante del territorio in Abruzzo e Marche. Gli uffici su quattro ruote della società del gruppo Enel che gestisce la rete elettrica forniscono assistenza ai cittadini per la presentazione dei moduli per indennizzi extra e rimborsi di eventuali danni nelle aree interessate dal maltempo, in un percorso che prevede oltre 80 tappe nel mese di marzo. I camper hanno già accolto oltre 4.000 clienti. In totale sono oltre 18.000 le richieste da parte dei clienti già pervenute attraverso i numerosi canali di contatto che l’azienda ha messo a disposizione dei cittadini.
Ecco il calendario dei prossimi appuntamenti degli sportelli mobili, con orario continuato 9 -16:
nella provincia di Teramo: mercoledì 15 Castellalto, piazza del Mercato; giovedì 16 Canzano, Piazza della Chiesa (vicino la Madonna dell'Alno), e Cermignano, Piazza Garibaldi; venerdì 17 Bisenti, via Principe di Piemonte, e Cellino Attanasio, incrocio tra Viale Duca degli Abruzzi e la Piazza sottostante la Torre Civica; sabato 18 a Castiglione Messer Raimondo nello spiazzo Belvedere (ingresso del Comune) e Montefino in Piazza del Carmine;
nella provincia di Pescara: mercoledì 15 a Abbateggio in piazza L’Aquila 6 aprile 2009;
nella provincia di Chieti: mercoledì 15 Casalincontrada, piazza Martiri d’Ungheria; giovedì 16 Canosa Sannita, Largo Indipendenza 1; venerdì 17 a Giuliano Teatino, Piazza Don Ferdinando Cocco; sabato 18 Vacri, Piazza Vittorio Emanuele III;
nella provincia di Ascoli Piceno: mercoledì 15 Ripatransone, piazza XX Settembre, giovedì 16 Appignano del Tronto, Piazza Umberto I;
nella provincia di Fermo: venerdì 17 a Smerillo davanti al monumento dei Caduti, sabato 18 a Montefortino in via Adolfo Petetta.
Il calendario completo delle tappe dei camper è pubblicato e progressivamente aggiornato sui siti enel.it e e-distribuzione.it e l’azienda, anche in collaborazione con i sindaci del territorio, provvede a dare puntuale informativa di tutti gli appuntamenti. Anche contattando il numero verde 800085577 (attivo dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 18 e il sabato dalle 9 alle 13) sarà possibile avere informazioni sulle tappe dei camper.
Il presidio itinerante del territorio va ad aggiungersi all’attività di contatto garantita dagli sportelli disponibili sul territorio (presenti a Chieti, Pescara, Teramo, Lanciano, Vasto, Giulianova e Ascoli Piceno), dal sito e-distribuzione.it, con una sezione dedicata all’emergenza neve, e dal numero verde 800085577 (attivo dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 18 e il sabato dalle 9 alle 13).

Pubblicato in Cronaca

Pescara. “Anche quest’anno il fiume torna a depositare nel tratto che va dalla foce a istituto Paolo VI un detrito organico naturale di origine vegetale, di colore scuro che nei giorni scorsi si è arenato lungo la battigia del nostro litorale sud. Il deposito è stato rilevato dagli operatori di Attiva all’opera sulla spiaggia per le operazioni di pulizia, ma per la rimozione sarà necessario incaricare una ditta specializzata che dovrà liberare la spiaggia e stoccare i materiali".
Così in una nota l’assessore al Demanio del Comune di Pescara, Enzo Del Vecchio, che aggiunge: "Lo scorso anno le analisi Arta per conoscere la natura del copioso quantitativo di detriti lasciato dalle maree ha definito che si tratta di detriti di origine naturale, legato al trasporto solido organico del fiume Pescara, insieme a rifiuti di materiale plastico. Una commistione, questa, che fa scattare la normativa regionale di competenza sui rifiuti rinvenuti in spiaggia e che prevede rimozione e smaltimento differenziati. La rimozione verrà effettuata previa selezione dei vari materiali, che verranno poi raccolti in modo differenziato per tipologie omogenee e avviati al riciclo o recupero eventuale”.

Pubblicato in Cronaca

Pescara. Questa mattina il vicesindaco Enzo del Vecchio con la Polizia Municipale e gli operai del Settore Manutenzione ha provveduto a sgomberare il gazebo della spiaggia libera a confine fra Nettuno e Jambo che era stato illegittimamente occupato da due persone senza fissa dimora.

“Ci era giunta una segnalazione da parte di diversi cittadini – così il vicesindaco Enzo Del Vecchio – a fronte della quale abbiamo predisposto una verifica e l’intervento. La situazione è stata immediatamente risolta e il decoro ripristinato, insieme alla struttura. Sul posto è intervenuto anche un mezzo di Attiva, che dopo aver rimosso suppellettili e materiali vari utilizzati per il bivacco all’interno del gazebo, ha consentito agli operai del Comune di ripristinare i pannelli di legno divelti per entrare e mettere in sicurezza la struttura in modo da non poter essere nuovamente violata. All’interno sono state trovate due persone straniere con un cane al seguito”.

Pubblicato in Cronaca

Montesilvano. Prosegue a ritmi serrati la predisposizione del progetto relativo al Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati (SPRAR), voluto dall’Amministrazione guidata da Francesco Maragno che porterà alla chiusura degli attuali centri di accoglienza (CAS) presenti in due strutture alberghiere della città, come confermato dalla stessa Prefettura, e che ridurrà il numero dei migranti accolti in città a 161, ossia la metà di quelli ad oggi ospitati negli hotel Ariminum ed Excelsior. Dopo l’emanazione di un avviso pubblico apposito, sono stati individuati una serie di locali che consentiranno di creare un sistema di accoglienza diffuso sul territorio, evitando concentrazioni in un’unica zona e di creare dei veri e propri ghetti, per garantire così la sicurezza dei montesilvanesi.
«Sono diverse le manifestazioni di interesse pervenute grazie all’avviso pubblico - spiega l’assessore alle Politiche Sociali Ottavio De Martinis -. Alcune sono state eliminate a causa della loro collocazione, in zone a spiccata vocazione commerciale o turistica. Questo con l’obiettivo di tutelare e proteggere i settori trainanti dell’economia cittadina. Per i locali ritenuti idonei verranno condotte le trattative con i proprietari di questi immobili. Con l’avviso - ricorda ancora l’assessore - abbiamo avviato la ricerca di una soluzione adatta ad aprire sul territorio una nuova mensa per i poveri e un emporio solidale, a supporto dei purtroppo numerosi cittadini in difficoltà che non riescono ad andare avanti da soli».
Il Comune aveva emanato un secondo avviso pubblico per l’individuazione di associazioni, cooperative e realtà del terzo settore che possano lavorare, in partenariato con il Comune e l’Azienda Sociale, alla gestione di tale tipologia di accoglienza. «Il bando era suddiviso in diversi lotti: quello dell’accoglienza, quello di tutela psico – socio - sanitaria, orientamento e accompagnamento all’inserimento sociale, abitativo e lavorativo; e quello di orientamento e accompagnamento legale e mediazione interculturale. Per ciascun lotto abbiamo ricevuto manifestazioni di interesse da parte di circa 12-13 associazioni, di tutta Italia. Verranno ora esaminate le loro proposte per individuare quelle più adatte alla nostra progettualità. Questo sistema di accoglienza verrà interamente finanziato dal Fondo Nazionale per le Politiche e i Servizi dell’Asilo e nessuna spesa sarà a carico del Comune. Lo SPRAR - conclude De Martinis - ci permetterà di riportare la gestione di un fenomeno così importante come quello dell’accoglienza in capo al Comune e non lasciarlo al governo, per mezzo della Prefettura che fino ad oggi ha imposto al territorio scelte che non si conciliavano con le esigenze dei montesilvanesi. Attraverso lo Sprar possiamo finalmente preservare la sicurezza dei cittadini e lo sviluppo turistico della città».

Pubblicato in Politica
Pagina 1 di 4

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione