Chieti. Visto con gli occhi del Terziario, l’Abruzzo è una Ferrari che va a 80 all’ora: un prodotto eccellente ma poco o nulla promosso e, dunque, che massimizza meno di quello che potrebbe, anche a causa di scelte penalizzanti o assenti nei settori del turismo e del commercio. Un territorio, dunque, perennemente indeciso tra un Nord che ha agganciato il treno della ripresa e un Sud che continua ad arrancare. Spinge con convinzione verso la prima soluzione Uiltucs Abruzzo, la federazione dei lavoratori del turismo, commercio e servizi che questa mattina nella splendida location del Teatro Marrucino a Chieti ha celebrato il congresso regionale, al termine del quale Mario Miccoli è stato confermato segretario.

Una mattinata ricca, iniziata con alcune aree cantate dal tenore Piero Mazzocchetti, e proseguita con interventi di spessore: dal sindaco di Chieti, Umberto Di Primio, al vicepresidente della Regione, Giovanni Lolli, passando per il segretario regionale della Uil Abruzzo, Michele Lombardo, e il segretario nazionale Uiltucs, Bruno Boco.

Nel corso della sua relazione, il segretario Miccoli ha spiegato che “nella nostra regione il terziario rappresenta indiscutibilmente il traino dell’economia, attestandosi nei nostri settori al 70 per cento circa del pil abruzzese. Il settore del terziario tradizionale e avanzato ha dimostrato negli ultimi anni di essere un settore dal forte potenziale di crescita oltre ad aver retto la botta della recente crisi economica ha preservato meglio di altri comparti il suo bacino occupazionale, i servizi rappresentano oltre il 70 per cento dell’occupazione abruzzese e contribuiscono alla creazione di circa i tre quarti della nostra ricchezza”. In merito al nuovo Testo Unico sul commercio, Miccoli ha spiegato che si è persa “l’occasione di dotare la legislazione regionale di una normativa che regolasse il lavoro domenicale e festivo, lasciando alla normativa nazionale tale prerogativa” che di fatto “genera una forte sofferenza circa il ricorso al lavoro domenicale e festivo specie nella grande distribuzione”. A partire dal precedente tentativo realizzato con la Giunta Chiodi, poi impugnato dal governo, Miccoli ha colto con favore la disponibilità di Lolli ad inserire nuovamente la limitazione delle domeniche lavorate nella nuova legge in discussione nel consiglio regionale: “L’accordo sottoscritto con la cooperazione in Abruzzo, quindi, rappresenta un’importante punto di partenza che ha sancito l’obbligo della prestazione domenicale e festiva per un massimo di 26 giornate su 52 le restanti sono basate sul criterio della volontarietà: noi proveremo a replicare tale opportunità nella contrattazione di secondo livello regionale”. Un accenno importante, poi, è stato fatto in merito alla grande distribuzione: “L’Abruzzo rispetto alla sua densità della popolazione per concentrazione di centri commerciali tiene testa all’hinterland di Milano, per non parlare poi dei danni che tale fenomeno ha arrecato ai centri urbani e alle piccole e medie imprese che, a mio avviso, meritano politiche di rivitalizzazione. In tal senso, il testo unico del Commercio di recente licenziato ha recepito le nostre istanze limitando gli insediamenti di nuovi ipermercati sino al 2021”.

Il segretario nazionale Bruno Boco ha detto nel suo intervento conclusivo che “il problema dei problemi in Italia sono i 6 milioni di cittadini al di sotto della soglia della povertà. Una cifra di fronte alla quale tutti si dovrebbero mobilitare. Non possiamo non partire dai problemi e dalle sofferenze del Paese anche come sindacato. Dobbiamo lanciare un libro bianco in cui, dopo anni di destrutturazione delle tutele, indicheremo nuovi percorsi per ricostruirle: una strada, una direzione per migliorare i rapporti all’interno delle aziende. Avanti così, c’è sempre più bisogno del sindacato”.

Mario Miccoli sarà aiutato da una segreteria composta da Bruno Di Federico e Alberto Stampone.

Montesilvano. Tanti gli argomenti affrontati ieri mattina nel corso di un incontro con i commercianti di Montesilvano. Come stabilito nella prima riunione che si è svolta ieri, questa mattina ad incontrare i commercianti delle associazioni Confesercenti e Montesilvano nel Cuore c’erano il sindaco Francesco Maragno, gli assessori Ottavio De Martinis, Valter Cozzi, Paolo Cilli e il presidente della Commissione Commercio Carlandrea Falcone.

Al centro della riunione la predisposizione di un piano condiviso contenente iniziative volte a rilanciare il commercio cittadino e a sviluppare un’area di centro urbano. Ampliamento delle zone di pregio, piano insegne, la ricollocazione dei cassonetti stradali lungo le strade a vocazione commerciale e la installazione di cartelli stradali che valorizzino il centro commerciale naturale. Viabilità con interventi per limitare la circolazione di mezzi pesanti lungo la Nazionale e l’ampliamento del mercato rionale del sabato sono stati altri argomenti discussi nella riunione di stamani.

«Abbiamo intavolato una ottima sinergia - afferma il sindaco Francesco Maragno -. L’ottica è quella di lavorare in rete, per sviluppare insieme iniziative e manifestazioni capaci di rilanciare il commercio cittadino. Nuovi incontri incentrati su temi specifici si terranno nelle prossime settimane proprio per dare un’importante accelerazione allo sviluppo di questo comparto, rispondendo alle giuste necessità della categoria dei commercianti. Montesilvano per anni ha vissuto in assenza di regole. La nostra Amministrazione ha messo in atto numerosi interventi proprio per tutelare quanti hanno lavorato duramente nel rispetto delle regole. Dobbiamo continuare in questa direzione, lavorando in collaborazione e cooperazione con gli operatori».

Roseto degli Abruzzi. L’assessore al Commercio, Antonio Frattari, ricorda che gli esercizi commerciali possono restare aperti tutti i giorni della settimana, con orari scelti autonomamente dagli esercenti.

Inoltre, in occasione delle festività natalizie, sono previsti tre mercati straordinari nelle giornate di domenica 17, domenica 24 e domenica 31 dicembre, nell’area antistante il palasport di via Salara.

Infine, nella giornata festiva di venerdì 8 dicembre il mercato settimanale di Santa Lucia si svolgerà regolarmente.

Ortona. Rivoluzione nel commercio e nuove opportunità per la categoria. Ieri pomeriggio il Consiglio comunale ha approvato all’unanimità il regolamento sul “plurinegozio” presentato dal sindaco Leo Castiglione che riveste anche la delega al commercio. Con questo regolamento sarà possibile avere anche a Ortona negozi in condivisione ovvero sarà possibile a più commercianti di coesistere, ciascuno con la propria merce e la propria licenza, in uno stesso locale.
Il principio è lo stesso del cosiddetto coworking: spazi destinati ad uffici, affittati in maniera condivisa da imprese e professionisti non legati tra loro che si mettono assieme per avere più servizi a minor costo. Un fioraio potrebbe decidere, insomma, di dividere il proprio negozio e quindi le spese d’affitto e luce, con un pasticcere: la vetrina dei dolci da una parte, e dall’altra i cesti delle rose e dei gigli.
«Nuovi modi di fare commercio, ai quali il Comune intende aprire la strada – commenta il sindaco Castiglione - e che possono offrire nuove opportunità anche per giovani imprenditori. Infatti oltre alla coesistenza di più attività commerciali di vendita negli stessi locali è anche permessa la coesistenza di forme diverse di attività commerciali e la condivisione di medesimi spazi anche con attività legate al terziario, come artigianato e servizi».
Il regolamento comunale si compone di sei articoli e prevede una serie di parametri e requisiti per questi plurinegozi, il principale riguarda la superficie complessiva che non potrà superare i 250 metri quadrati, tanto per non diventare dei centri commerciali mascherati.
«Questo regolamento – continua il sindaco Castiglione - si inserisce nell’ottica di introdurre le novità di un mercato altamente competitivo e in profondo mutamento ma al tempo stesso rappresenta un tentativo di rivitalizzare un comparto, che, in questi anni, ha pesantemente risentito della crisi economica».

DAL 31.08.2018 AL 04.09.2018

 

Luogo: Orzinuovi (BS)

Descrizione:

Una fiera regionale dell'agricoltura della zootecnia, dell'artigianato con la partecipazione del commercio, dell'antiquariato, dell'arte della musica e dello sport che rendono interessante e affascinante questa manifestazione.
Inoltre la fiera sarà ricca di espositori e di convegni di interesse agrozootecnico di molte altre manifestazioni dal carattere più vario.

Settori:

Abbigliamento e pellicceria
Agricoltura, zootecnia, pesca e relativi macchinari
Alimenti, bevande e relative tecnologie
Ambiente, protezione civile e sicurezza
Articoli da regalo, casalinghi, chincaglieria e bigiotteria
Attrezzature per il commercio, comunità e alberghi
Calzature, pelletteria, pelli e cuoio
Cinematografia, fotografia e ottica
Cosmesi, profumeria ed erboristeria
Edilizia e cantieri
Elettronica, elettrotecnica, informatica ed attrezzature per ufficio
Florovivaismo
Meccanica strumentale, macchinari e tecnologie per l'industria
Mobili e arredamento per casa e ufficio
Oreficeria, orologeria, gioielleria e gemmologia
Sport, tempo libero, giochi, fitness
Tessuti per abbigliamento e arredamento, filati, merceria
Veicoli, trasporti e relative attrezzature

Organizzatore:

NUOVA ORCEANIA Srl
Piazza Garibaldi, 15 - 25034 Orzinuovi (BS)
Telefono: 030/9444136
E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Dove siamo: 

Stampa

 

 

*E' vietata qualsiasi riproduzione totale o parziale dei contenuti senza autorizzazione.*

Pescara. Sanzioni più severe contro il degrado dei locali sfitti, divieto di vendita itinerante e ambulante, stop per 12 mesi alle nuove aperture di alcuni tipi di locali dedicati alla sola somministrazione di bevande. Sono alcune misure contenute nella proposta di delibera consiliare presentata dal consigliere comunale Piero Giampietro, presidente della commissione Commercio del Consiglio comunale, e illustrate stamani assieme all’assessore al Commercio Giacomo Cuzzi.

La proposta prevede, fra le altre misure, l’inasprimento delle sanzioni per i proprietari dei locali sfitti tenuti in termini indecorosi: avranno l’obbligo mensile di pulire vetrine e saracinesche, assicurarne l’oscuramento con colori neutri, rimuovere le insegne delle attività cessate, mettere il 30% della superficie della vetrina a disposizione delle iniziative promozionali del Centro commerciale naturale. La sanzione proposta per chi non rispetta tali obblighi va dai 500 ai 5mila euro. La proposta di delibera prevede poi di vietare la vendita itinerante di prodotti alimentari e non alimentari in tutto il perimetro centrale così da dare una risposta anche alla lotta alla contraffazione e interviene anche sulla somministrazione di bevande: viene proposto di concordare con le associazioni di categoria il blocco per dodici mesi alle nuove aperture di attività dedicate alla sola somministrazione di bevande e di attività come centri scommesse, money transfer, attività di fast food (salvaguardando invece la ristorazione tradizionale) e di vietare la promozione di prezzi di favore sugli alcolici (cosiddetti “cicchetti”). Infine, dalle 22 in poi la proposta di delibera prevede che si possano consumare alcolici solo nei pubblici esercizi e nelle loro pertinenze.

“Queste misure sono una base di discussione – spiega il consigliere Piero Giampietro – con l’obiettivo di accompagnare la fase di startup del Centro commerciale naturale: vogliamo che il centro di Pescara si qualifichi come uno spazio commerciale elegante e attrattivo, per dare alle imprese locali la possibilità di ritagliarsi un mercato qualificato che non acquista sul web o negli ipermercati, integrandoli con un polo di alta qualità del food&beverage. Puntiamo forte sul decoro urbano, inasprendo le sanzioni nei confronti di chi non rispetta le regole di buon vicinato e abbandona i locali sfitti facendoli diventare terra di nessuno. Vogliamo anche dare nuovi strumenti alla Polizia municipale per arginare la lotta alla contraffazione, vietando il tutto il centro il commercio itinerante”.

“E’ una proposta che parte dalla nuova pelle del nostro centro commerciale naturale – sottolinea l’assessore Giacomo Cuzzi - Siamo la terza città in Italia per crescita del comparto food e questo è un dato importante incentivato dalla nostra amministrazione. Ma su questo dobbiamo essere bravi a contemperare sviluppo e sostenibilità, guardando anche alle esigenze dei residenti delle nuove zone di crescita. Per far crescere bene il centro commerciale naturale abbiamo bisogno di regole chiare e certe e siccome non c’è un regolamento ad hoc per le zone in cui il comparto cibo si è sviluppato come da noi, con la delibera andremo a stabilire delle cose che possano proteggere lo sviluppo, agevolando la crescita sostenibile e il lavoro di qualità. Con queste premesse parte la calmierazione su determinati settori, il divieto di commercio itinerante nel centro commerciale naturale e altri provvedimenti atti a consolidare il livello di sviluppo mettendo in prima linea la qualità dell’offerta. La delibera verrà condivisa con il settore e andrà in Consiglio Comunale e ci auguriamo che si possa aprire un dibattito costruttivo in aula in modo da avere un approccio laico alla vicenda e non una contrapposizione che non fa crescere la nostra economia”.

Pescara. “Continua l’attività di controllo in spiaggia da parte della Polizia Municipale che stamattina ha effettuato diversi sequestri di merce lungo la riviera e sulla battigia".
Così in una nota l’assessore alle Attività Produttive del Comune di Pescara, Giacomo Cuzzi, che aggiunge: "Un’attività necessaria a garantire tranquillità e rispetto delle regole, effettuata dal nucleo Commercio coordinato dal maggiore Adamo Agostinone. Sono stati 5 gli ambulanti risultati non in regola con le necessarie licenze ai quali è stata sequestrata diversa merce, per lo più indumenti, collane, orecchini e accessori. I controlli sono stati compiuti con l'ausilio di due pattuglie in moto del Servizio Viabilità”.

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione