Pescara. Grande successo per il convegno “Bilateralità artigiana e welfare aziendale”, organizzato dall’Ordine dei Consulenti del Lavoro di Pescara, in collaborazione con Confartigianato Imprese Abruzzo e patrocinato dalla Fondazione Studi dei Consulenti del Lavoro.

L’evento, che si è svolto ieri pomeriggio presso la Cassa Edile di Pescara, ha attirato la presenza di più di 50 consulenti del lavoro, oltre alle parti sociali e ai professionisti del comparto artigiano abruzzese. Il convegno è stato aperto dai saluti della presidente dell’Ordine dei Consulenti di Pescara, Laura D’Angelo, del presidente di Confartigianato Abruzzo, Giancarlo di Blasio e del direttore di Ebrart Abruzzo, Renato Giancaterino.

Subito dopo, con competenza e professionalità, i relatori Riccardo Giovani (Direttore Politiche Sindacali e del Lavoro di Confartigianato Imprese), Simone Cagliano (Fondazione di Studi Consulenti del Lavoro) e Bruno De Simone (Ufficio Contributi San.Arti) hanno esposto le principali tematiche concernenti la bilateralità, con un focus sui contratti collettivi dell’artigianato, soffermandosi in particolare sulle novità introdotte dalla Legge di Stabilità 2019. Gli esperti hanno inoltre illustrato ai numerosi consulenti del lavoro presenti in sala le modalità per introdurre i piani di welfare nelle Pmi.

“Oggi più che mai è necessario promuovere la cultura della bilateralità e del welfare aziendale, confrontandoci con i principali protagonisti del settore, i consulenti del lavoro – afferma a margine del convegno il Presidente di Confartigianato Imprese Abruzzo, Giancarlo Di Blasio -. Ai costi che si è tenuti a sostenere, devono corrispondere delle opportunità, che devono tradursi in sostegno al reddito in caso di crisi aziendale, in contributi, in prestazioni di beni e servizi, in benefit e premi per i dipendenti”, prosegue il Presidente. Per potere usufruire di queste interessanti e vantaggiose opportunità, però, l’azienda deve essere informata – continua Di Blasio -. Occorre una consulenza mirata e specifica, caso per caso, un obiettivo che accomuna l'Ordine dei consulenti del lavoro di Pescara e l'Associazione datoriale che rappresento”. Il presidente regionale di Confartigianato rivolge inoltre un caloroso ringraziamento alla Presidente Laura D’Angelo: “Mi auguro di consolidare in futuro, con nuove iniziative comuni, un rapporto che possa essere sempre più fruttuoso tra le nostre realtà”.

Montesilvano. Giovedì 17 gennaio 2019 alle ore 17.30 nella sala Di Giacomo di Palazzo Baldoni a Montesilvano (Pescara) si terrà il convegno dal titolo "Romanipé 2.0 – La comunità romanì a Montesilvano e Pescara".

Si tratta di un momento di riflessione organizzato nell'ambito del progetto "Romanipé 2.0", iniziativa finanziata dall'UNAR - Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali - promossa da Fondazione Romanì Italia, Social Hub e Talentraining, con la collaborazione dell'Università degli studi di Teramo e della testata giornalistica Felicità Pubblica.

L'eventorappresenterà un'occasione per illustrare il progetto "Romanipé 2.0”, ma soprattutto per tracciare una panoramica sulla presenza delle comunità romanes a Montesilvano e Pescarae valutare il loro livello di integrazione nelle due città adriatiche.

Ad aprire l’incontro, moderato da Valerio Cavallucci di SocialHub e che si avvale del patrocinio del Comune di Montesilvano, i saluti istituzionali del sindaco Francesco Maragno.

Il convegno entrerà nel vivo con l’intervento dell’attivista della Fondazione Romanì Italia Vanessa Cirillo con una relazione su “La comunità rom a Montesilvano”, seguita da un focus su “La comunità rom a Pescara” a cura dell’attivista della stessa Fondazione Domenico Di Lorenzo.

Spazio poi alla riqualificazione urbana e al rilancio culturale della città adriatica grazie al “Progetto Street Art di Montesilvano” che sarà illustrato dal consigliere comunale e promotore dell’iniziativa, Alessandro Pompei.

A chiudere il ciclo di interventi sarà ilpresidente della Fondazione Romanì Italia, Nazzareno Guarnieri, che affronterà il tema “Romanipé 2.0. Nuovi modelli di sviluppo per le comunità romanes”.

Nel corso del pomeriggio di approfondimento è prevista anche la partecipazione di un rappresentante dell’Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali (UNAR).


Per maggiori informazioni: www.fondazioneromani.eu – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

Pescara. Il cicloturismo è ormai riconosciuto a tutti i livelli come un settore strategico delle economie regionali.
Basta guardare i numeri che sostengono il successo delle ciclabili a scopo turistico per capire come valga la pena investire in questo settore. In Austria una ciclabile famosa come la Vienna-Passau, che costeggia il Danubio per 320 km, attira circa 500.000 turisti in bicicletta ogni anno, i quali alimentano un indotto economico di oltre 110 milioni di euro. Lungo il fiume Elba (840 km) l’indotto calcolato è di 92 milioni/anno. E così lungo altre ciclabili lunghe, dedicate e continue in Europa.
Il fatturato del cicloturismo in Italia è attualmente di 2 miliardi e 500.000 euro, mentre in Europa il giro d’affari raggiunto dal cicloturismo è di 44 miliardi di euro. Con 11,3 e 7,49 miliardi, Germania e Francia conducono questa classifica virtuosa. Sono denari che vanno in tantissime tasche (il 60% circa sono spesi per vitto e alloggio) alimentando svariate piccole e medie attività di servizio del turismo, dislocate su un territorio ampio.
L’Abruzzo ha le carte in regola per entrare a pieno titolo tra le regioni della grande rete ciclabile italiana. Bike to Coast e le altre ciclovie in via di progettazione, come il percorso ciclabile dell’antica Tiburtina Valeria, potrebbero determinare una svolta per la promozione del territorio e dunque nel PIL regionale, poiché in grado di attirare decine di migliaia di cicloturisti .
Di questo si parlerà venerdì 19 gennaio alle ore 18:00, nello spazio conferenze dell’area Food dell’Ipercoop, alla presenza di numerosi ospiti provenienti da fuori regione e di operatori locali. Tra questi Patrick Kofler, direttore di un’agenzia di progettazione sostenibile di Bolzano; lo scrittore molisano Nicola Mastronardi; il ciclista professionista Palmiro Masciarelli; Patrizia Praturlon, docente di liceo; Cristina Cannone, vicepresidente di Terracoste, la cooperativa che ha ideato il cammino della Linea Gustav; Massimiliano Monetti, Presidente della Confcooperative Abruzzo e Ginello Cimini, Presidente di Green Abruzzo e organizzatore dell’incontro.
L’incontro è aperto a tutti.

Pescara. Bilateralità come strumento di partecipazione sociale e welfare aziendale per valorizzare le risorse ed aumentarne la soddisfazione e la produttività, con un focus sugli adempimenti e le opportunità per le imprese artigiane abruzzesi e sul trattamento contabile dei benefit aziendali. Sono i temi al centro del convegno organizzato dall’Ordine dei Consulenti del Lavoro di Pescara, in collaborazione con Confartigianato Imprese Abruzzo, che si terrà venerdì 18 gennaio, alle 14.30, presso la Cassa Edile di Pescara.

Autorevoli esperti analizzeranno le principali tematiche della materia alla luce delle novità introdotte dalla Legge di Stabilità 2019. I lavori saranno introdotti dalla presidente dell’Ordine dei Consulenti di Pescara, Laura D’Angelo, dal presidente di Confartigianato Abruzzo, Giancarlo di Blasio, dal direttore di Ebrart Abruzzo, Renato Giancaterino. Subito dopo prenderanno la parola i relatori, referenti nazionali di Confartigianato, Fondazione Studi Consulenti del Lavoro e San.Arti, specializzati in materia di diritto del lavoro, relazioni sindacali e contributi. Il seminario è rivolto ai consulenti del lavoro e al termine dei lavori saranno rilasciati quattro crediti formativi.

Nel corso del convegno saranno esaminati i dati sulle adesioni delle imprese abruzzesi agli Enti Bilaterali dell'Artigianato, ponendoli a confronto con quelli nazionali e saranno illustrati tutti i contributi erogati dai Fondi per gli imprenditori in regola con la bilateralità.

"Sarà un'occasione - afferma il presidente di Confartigianato Abruzzo, Giancarlo Di Blasio - per confrontarci con i consulenti del lavoro e analizzare la situazione delle aziende che in Abruzzo applicano i contratti dell'artigianato. E’ necessario, oggi più che mai, promuovere la cultura della bilateralità e del welfare aziendale. Da imprenditore artigiano - prosegue Di Blasio - posso comprendere le esigenze dei datori di lavoro: ai costi che si è tenuti a sostenere corrispondono altrettante opportunità, ma bisogna essere informati e sapere a chi rivolgersi. A questo comune obiettivo aspirano l'Ordine dei consulenti del lavoro di Pescara e l'Associazione datoriale che rappresento”.

"Stiamo portando avanti, con determinazione ed efficacia, le iniziative che riguardano la promozione della bilateralità artigiana - spiega il segretario regionale dell’associazione di categoria, Daniele Di Marzio -. In Abruzzo la strada da percorrere è ancora lunga - prosegue il segretario - mentre le imprese del Nord da tempo hanno colto i risvolti di una crescente domanda di servizi sociali, specie nel campo della previdenza complementare e della tutela sanitaria integrativa. A questa domanda - conclude Di Marzio - ritengo sia necessario rispondere attraverso un’alleanza tra capitale e lavoro sui temi della crescita, dello sviluppo e della giustizia sociale".

Pescara. Stop ai fastidi della lacrimazione, grazie a un nuovo intervento laser mini-invasivo, veloce e super sicuro. Pescara si conferma capitale della oftalmologia in Abruzzo, grazie all’altissima tecnologia dell’unità complessa di Oculistica, che incontra l’eccellenza in ambito otorino. Due reparti che operano in stretta sinergia, grazie a nuovissime tecniche laser, che permettono di risolvere in maniera veloce e definitiva il fastidioso disturbo della lacrimazione.

Di questo e molto altro, si parlerà sabato 19 gennaio (dalle 8 alle 14), nell’aula magna dell’ospedale civile Spirito Santo, nel corso del congresso nazionale “La dacriocistorinostomia: tecniche classiche e mini invasive a confronto”, organizzato dai presidenti Michele Marullo (direttore UOC di Oculistica) e Claudio Caporale (direttore UOC di Otorinolaringoiatria).

Nel corso del congresso, i partecipanti avranno anche l’occasione unica di assistere in diretta video a tre operazioni eseguite con le diverse tecniche, mediante collegamento streaming dalle sale operatorie.

«La lacrimazione è un disturbo frequente e molto fastidioso - spiega il dottor Valerio De Iorio, a capo del Servizio di Chirurgia oftalmoplastica di Pescara e responsabile scientifico del convegno, insieme al dottor Francesco Berni Canani (Unità ORL di Penne) - che colpisce qualsiasi età e costituisce un disagio di grande rilevanza che impedisce una normale attività lavorativa e di relazione. A causare il disturbo spesso sono infezioni del sacco lacrimale, ostruzioni dei canali e malformazioni congenite. Oltre all’intervento tradizionale, qui a Pescara (unico centro in Abruzzo) utilizziamo una tecnica mini-invasiva veloce e sicura, che permette di risolvere il disturbo con un laser abbinato a fibre ottiche, senza incisioni esterne e in anestesia locale».

L’ospedale di Pescara rappresenta un’eccellenza nel panorama oculistico abruzzese e nazionale: ogni anno vengono effettuati circa 2.000 interventi alla cataratta, 400 distacchi di retina, 1.600 interventi laser e appunto oltre 40 operazioni di dacriocistorinostomia.

«L’ospedale di Pescara - spiega il dott. Michele Marullo - è l’unico in Italia ad eseguire interventi sulla cataratta con micro incisioni di 1.3 mm e operazioni alla retina con microsonde di soli 0.4 mm di diametro. Ora, con questa procedura micro invasiva per le vie lacrimali, abbiamo chiuso il cerchio».

Il congresso è organizzato dalla NSM Non Solo Meeting - Pescara (www.nsmcongressi.it).

Ancona. “Beni culturali ecclesiastici, tutela e protezione tra presente e futuro” è il titolo del ciclo di conferenze che l’Ufficio Nazionale per i beni culturali ecclesiastici e l’edilizia di culto della Conferenza Episcopale Italianae ilComando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturalehanno promosso, a livello regionale, in collaborazione con le Conferenze Episcopali Regionali, le Diocesi e le articolazioni del Ministero per i beni e le attività culturali, al fine di rafforzare la cultura della tutela e la sensibilità nella salvaguardia di uno dei più importanti settori del patrimonio culturale nazionale: quello ecclesiastico.
L’iniziativa, che si inserisce nell’ambito della pluriennale fruttuosa collaborazione tra CEI e MiBAC e nell’alveo della sinergia che, parimenti, caratterizza l’operato delle Soprintendenze, degli Uffici diocesani per i beni culturali e l’edilizia di culto e delle articolazioni territoriali del Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale, vuole focalizzare l’attenzione sul fenomeno dei furti e dei danneggiamenti in danno di chiese e luoghi di culto ove la fragilità del patrimonio culturale è ulteriormente messa a repentaglio dalla fruizione devozionale e liturgica dei beni ecclesiastici.
Grazie alla pluralità di visioni, assicurata da illustri relatori provenienti dal mondo ecclesiastico, giudiziario, ministeriale, accademico e operativo, il tema“Beni culturali ecclesiastici, tutela e protezione tra presente e futuro” è declinato in tutte le sue sfaccettature, con particolare focus sulle buone pratiche e le criticità del settore.
Gli eventi rappresentano, infine, un’ulteriore qualificata occasione per sostenere le attività di catalogazione del patrimonio culturale ecclesiastico, da tempo promosse dalla CEI, e per diffondere i consigli contenuti nella pubblicazione “Linee guida sulla tutela dei beni culturali ecclesiastici” realizzata, nel 2014, dal Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale, in collaborazione con l’Ufficio Nazionale per i beni culturali ecclesiastici e l’edilizia di culto.
La conferenza, per le regioniAbruzzo e Molisesi svolgerà il 10 gennaio 2019, alle ore 10.00, a Chieti, presso il Pontificio Seminario Regionale “San Pio X”.
Presenti, in qualità di relatori Monsignor Bruno Forte, Arcivescovo Chieti-Vasto Presidente Conferenza Episcopale Abruzzese Molisana,“Teate/Chieti una storia di cultura e arte”;Monsignor Giuseppe Liberatoscioli, incaricato Beni Culturali Ecclesiastici ed Edilizia di Culto per l’Abruzzo, “Conoscere per conservare”;Don Emiliano Straccini, “Turismo Religioso. Custodia e valorizzazione del patrimonio di fede ed arte”;Architetto Stefano D’Amico, Segretario Regionale ad interim del MiBAC per l’Abruzzo, “Segretariato regionale del MiBAC per l’Abruzzo : lavori in corso”; Dottoressa Rosaria Mencarelli, Soprintendente SABAP dell’Abruzzo, “Patrimonio museale ecclesiastico e attività di tutela della Soprintendenza: casi di accordi per azioni di sistema”;Architetto Maria Alessandra Vittorini, Soprintendente SABAP per la città dell’Aquila e i comuni del cratere, “Il patrimonio culturale ecclesiastico tra distruzioni, recuperi e restituzioni. Esperienze dal territorio del sisma del 2009”;Professoressa Rossana Torlontano, Professore Aggregato di Storia dell’Arte Moderna presso l’Università degli Studi “G.D’Annunzio” Chieti-Pescara, “Salvaguardia del patrimonio storico-artistico: integrazione tra il ruolo dell’Università e le istituzioni di tutela”; Tenente Colonnello Carmelo Grasso, Comandante Nucleo Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale di Ancona, “L’Arma dei Carabinieri nella tutela dei beni culturali ecclesiastici”.
Nel corso del convegno sarà restituito lo “Spadino della Madonna Addolorata” asportato da una chiesa di Francavilla a Mare (CH) nel maggio del 2018 e recuperato a Rimini dai Carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Ancona, il mese successivo.
Saranno presenti in platea “tecnici” del settore e laici che collaborano con i sacerdoti nella gestione del patrimonio artistico delle parrocchie, operatori delle Forze dell’Ordine competenti sul territorio, studenti ed appassionati della materia.

Avezzano. Si terrà venerdì 11 gennaio, dalle 15 alle 19 presso la Sala Congressi del Castello Orsini Colonna di Avezzano, il convegno dal titolo "La voce del silenzio nel mutismo selettivo". L'evento è organizzato dall'Aimuse e coordinato dal referente regionale Roberto Gemmi.

Il programma prevede i saluti dei rappresentanti istituzionali: il sindaco di Avezzano, Gabriele De Angelis, la dottoressa Daniela Caldarola e le dirigenti scolastiche Emanuela Salvischiani e Fabiana Iacovitti.

Seguirà, tra i numerosi interventi previsti, quello della dottoressa Marta Di Meo, psicologa e psicoterapeuta, una delle massime esperte di mutismo selettivo in Italia, che relazionerà su "Come segnalare e intervenire a casa e in classe - aspetti del trattamento". L'ingresso è libero.

Pescara. Si svolgerà domani, venerdì 14 dicembre, a partire dalle ore 15, il convegno su «L’amministrazione di sostegno e il progetto “Noi con i nostri valori e i nostri diritti per la salute globale” ad integrazione socio sanitaria giuridica», approvato con deliberazione della Giunta Regionale Abruzzo n. 246 del 22.05.2009.

L’iniziativa, prima a livello nazionale, è frutto della volontà, attività ed impegno da parte della Regione Abruzzo, del Tribunale Civile di Pescara (giudice onorario avv. Lorella Scelli) della ASL di Pescara – Centro di Salute Mentale, e del Comune di Pescara finalizzata all’attività di sensibilizzazione, formazione e orientamento all’approccio integrato bio-psico-sociale dell’ICF ( International Classification of Functioning, Disability and Health) rivolta a tutti gli operatori della Rete dei Sevizi Sociali, Sanitari e Giuridici al fine della corretta analisi del bisogno delle persone con disabilità in correlazione all’art. 410 c.c. in forza del quale “l’Amministratore di Sostegno deve tenere conto dei bisogni e delle aspirazioni del beneficiario”. Il Progetto ad integrazione socio sanitaria e giuridica è stato approvato con deliberazione della Giunta Regionale n. 246 del 22.05.2009).

L'incontro sarà moderato dall'avv. Danielle Mastrangelo, e si aprirà, dopo i saluti istituzionali dell'assessore regionale alle politiche sociali, Marinella Sclocco con l'intervento del Presidente del Tribunale di Pescara, Angelo Mariano Bozza su “L’amministrazione di sostegno: decreto di apertura della procedura ed il Modello bio-psico-sociale”. A seguire è previsto l'intervento dell'avv. Lorella Scelli, Giudice Onorario del Tribunale di Pescara su “L’amministrazione di sostegno ed il progetto ad integrazione socio sanitaria e giuridica ad iniziativa del Tribunale Civile di Pescara, del Centro di Salute Mentale e del Comune di Pescara approvato con deliberazione della Giunta Regionale n. 246 del 22.05.2009 n. 246”. Subito dopo prenderà la parola Sabatino Trotta, Direttore del Dipartimento di Salute Mentale di Pescara, il cui intervento verterà “P.R.I.T.T.:una necessità ineludibile”. Successivamente parlerà de “l’importanza del Team Riabilitativo per un progetto su misura” il dott. Carlo Antonio D’Aurizio, Direttore di struttura complessa di medicina fisica e riabilitativa dell’Ospedale di Popoli nonché Segretario Regionale SIMFER Abruzzo. L'intervento successivo si concentrerà su “L’ICF come strumento del modello bio-psico-sociale di salute” e il relatore sarà il dott. Michele Senatore, docente del corso di laurea C.d.L. in terapia occupazionale Università degli Studi G. D’Annunzio Chieti Presidente Nazionale A.I.T.O. Infine si parlerà de “I Core Sets ICF e l’importanza di una check-list per l’analisi del bisogno” col dott. Cristian Parone docente del corso di laurea C.d.L. in terapia occupazionale Università degli Studi G. D’Annunzio Chieti e Consigliere Nazionale A.I.T.O. Le conclusioni sono affidate all'avv. Lorella Scelli. L'incontro è valido come evento formativo per l'ordine degli avvocati.

Pescara. Si è svolto lo scorso pomeriggio a Pescara presso l’Auditorium Petruzzi, il Convegno “2019-2024 la rete ospedaliera il nostro progetto” organizzato da Civiche per l’Abruzzo.

L’incontro si è aperto con la relazione del Professor Ferdinando Romano già direttore generale sanità della regione Lazio e direttore del dipartimento Sanità Ambiente e Agricoltura della Regione Campania, e già presidente inran, che ha esposto dati significativi riguardanti la Sanità Nazionale ed in particolar modo quella abruzzese.

Romano ha evidenziato la drammatica situazione economica della Sanità abruzzese, che dopo un encomiabile azione di risanamento portata avanti dal Governo Chiodi, tanto da riuscire ad ottenere un disavanzo di 36,8 milioni di Euro nel 2011, si è ripiombati successivamente in una situazione disastrosa nel 2017 a meno 52,2 milioni di Euro.

Questo fa il pari con l'andamento delle quote di accesso che sono passate da meno 11,7 milioni di Euro del 2015 a meno 34,3 milioni di euro del 2018.

Sullo stato di salute della popolazione, la capacità di risposta ai bisogni di salute, e il mantenimento dello stato di salute, l’Abruzzo ottiene una valutazione (su una scala da 1 a 10) di 4,6.

Dai dati emersi si evince quindi la necessita di migliorare l’assistenza sanitaria regionale a partire da un diverso e più efficace utilizzo della rete ospedaliera nel territorio.

Romano ritiene che l’inefficienza rilevata nella nostra Regione è in larga misura imputabile al depauperamento degli organici dei servizi assistenziali. Occorre dunque garantire a tali servizi una adeguata consistenza di personale, procedendo alle necessarie assunzioni. Restituire, inoltre, ai giovani, che investono tanto tempo e molti soldi nella formazione, la possibilità di accedere ai ruoli del servizio sanitario.

Sulle modalità e sulle nuove politiche sanitarie che il nuovo governo regionale dovrebbe adottare, anche alla luce della relazione del professor Romano, sono intervenuti:

Dott. Itala Corti Segretario Regionale- CIMO

Dott. Giuseppe De Angelis Segretario Regionale- UIL FPL Abruzzo

Dott. Alessandro Di Felice Presidente Regionale- A.N.P.O. Associazione Nazionale Primari Ospedalieri

Dott. Alessandro Grimaldi Segretario Regionale ANAAO ASSOMED Regione Abruzzo

Dott. Luigi Leonzio Segretaria Regionale CISL Abruzzo

Dott. Gabriele Pasqualone Segretario Regionale – FIALS Federazione italiana Autonomie Locali e Sanità

Le conclusioni sono state tracciate dal candidato Presidente per le Civiche per l'Abruzzo Fabrizio di Stefano che ha esposto un decalogo dei valori fondamentali nella sanità abruzzese, inoltre Di Stefano ritiene che "per garantire la sostenibilità è necessaria una trasformazione del sistema che deve procedere attraverso il rafforzamento e la riorganizzazione dell’assistenza territoriale. In pratica trasferire al domicilio dei pazienti o a strutture di prossimità quelle prestazioni che oggi sono erogate impropriamente in ospedale. Si andrebbe così ad alleggerire la pressione sugli ospedali, migliorando il contesto in cui opera lo stesso personale ospedaliero, aumentando l’offerta sanitaria, l’appropriatezza delle prestazioni, la tempestività dell’erogazione, riducendo i costi e liberando le risorse per gli investimenti.

Altro obiettivo è quello di reinterpretare una sanità privata accreditata quale effettivo ed efficace complemento/risposta alle criticità dell’offerta sanitaria pubblica, con l’obiettivo di ridurre le liste di attesa e soprattutto la mobilità passiva regionale.

Importante dunque un Modello organizzativo regionale che abbia quattro aziende Ospedaliere multipresidio (L’Aquila, Teramo, Chieti, Pescara) di cui due Aziende Ospedaliero-Universitarie. Un’Azienda Sanitaria Locale Unica Regionale senza presidi ospedalieri integrati e un’Azienda Zero con funzioni di supporto alla programmazione sanitaria e socio-sanitaria.

E’ necessario ripensare alla rete ospedaliera, che è stata oggetto di rimodulazioni in relazione alle disposizioni normative susseguite nel tempo, resta però il nodo dei piccoli ospedali. Fondamentale ripensare alla loro funzione sulla base di principi di efficienza ed elementi valoriali che hanno poco a che vedere con l’impostazione geo-aritmetica suggerita dalla norma.

Bisognerà avere un riallineamento delle Regioni in termini di tecnologie e strutture sanitarie, per garantire a tutti i cittadini una vera equità qualitativa dell’offerta sanitaria. Particolare considerazione sulle opportunità offerte dal projet financing in ordine alla ristrutturazione, riqualificazione, rinnovamento della rete ospedaliera regionale”.

Pescara. Si terrà domani venerdì 7 dicembre alle ore 17.00 presso l'Auditorium Leonardo Petruzzi (via delle Caserme, 24 Pescara) il convegno dal titolo: "2019- 2024 La rete ospedaliera: il nostro progetto", organizzato da Civiche per L'Abruzzo.

Pagina 1 di 16

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione