Fossacesia. “Ogni opportunità di sviluppo per noi rappresenta un obiettivo da perseguire con convinzione, sopratutto per creare posti di lavoro. Fossacesia ha delle indubbie potenzialità che debbono trasformarsi in occasioni di crescita”. E’ la premessa del Sindaco di Fossacesia, Enrico Di Giuseppantonio, che nei giorni scorsi, a Pescara, ha preso parte all’incontro indetto dalla Regione Abruzzo per fare il punto sulle aree da inserire nelle Zone Economiche Speciali (ZES). Fossacesia, insieme ai Comuni di Vasto, Ortona, San Salvo, Atessa, Paglieta, Cupello, Gissi, Monteodorisio, Mozzagrogna è stata inserita in una delle macroaree individuate dalla Regione. Le ZES sono previste dal DL 91/2017, il Decreto Mezzogiorno, convertito con legge 123/2017, tra le misure finalizzate a richiamare nuovi investimenti nel sud del Paese permettendo così alle attività economiche ed imprenditoriali già operative e quelle che si insedieranno di beneficiare di speciali condizioni, in relazione alla natura incrementale degli investimenti e delle attività di sviluppo d'impresa. “Si tratta di aree del Sud collegate a zone portuali, destinatarie di importanti benefici fiscali e semplificazioni amministrative, che nelle intenzioni dovrebbero consentire lo sviluppo di imprese già insediate o che si insedieranno, attraendo anche investimenti dall’estero. Fossacesia, per posizione geografica, è in un punto strategico, trovandosi al centro di importanti vie di comunicazione stradali e ferroviarie sull’asse Adriatico-Tirreno, e verso il Nord e l’Est dell’Europa. Aspetti che possono risultare determinanti per chi decide di investire in questo territorio - specifica il Sindaco Di Giuseppantonio -. Il nostro impegno, quindi sarà quello di offrire la massima collaborazione per favorire la crescita del nostro territorio”.

Fossacesia. La Regione Abruzzo, nell’ambito del Programma "Masterplan Abruzzo - Patto per il Sud" (Settore prioritario "Ambiente") ha finanziato, per un importo di €. 1.440.000,00. Il progetto presentato dal Comune di Fossacesia, per la bonifica della discarica dismessa, situata nei pressi del Cimitero Comunale. Gli interventi sull’ex impianto comunale riguarderanno la delimitazione dell’area di discarica; la regimentazione delle acque piovane; l’asportazione del materiale inquinante; la realizzazione di opere di sostegno delle parti instabili; drenaggio perimetrale del corpo dei rifiuti; realizzazione del capping con il quale verrà coperta l’ex discarica. Le procedure per l’appalto dei servizi di progettazione saranno avviate appena verrà formalizzata la concessione del finanziamento. “Raccogliamo il frutto di un intenso lavoro che abbiamo svolto in questi anni – afferma il Sindaco Enrico Di Giuseppantonio -. Le nostre argomentazioni, sostenute in vari incontri avuti con il Dipartimento delle Opere Pubbliche, Governo del Territorio e Politiche Ambientali nonché con il Servizio Gestione Rifiuti della Regione Abruzzo ed il Sottosegretario alla Presidenza della Giunta regionale Mario Mazzocca, circa la necessità d’intervenire per bonificare l’area sotto l’aspetto ambientale ed evitare smottamenti di una parte dell’impianto verso Fosso San Giovanni, hanno avuto la giusta attenzione. Il risanamento dell’area ci permetterà di poter eseguire dei lavori di rinverdimento della zona che andrà a migliorare gli spazi verdi della città”.

Fossacesia. La Giunta Comunale di Fossacesia, riunitasi ieri, sulla base anche dei recenti reports della Polizia Municipale e dei tecnici comunali, ha di nuovo preso atto della grave situazione in cui versa Viale San Giovanni in Venere ed ha deciso di chiedere di nuovo l’intervento della Provincia, proprietaria degli alberi. L’Esecutivo, guidato dal Sindaco Enrico Di Giuseppantonio, anche alla luce di quanto avvenuto negli ultimi giorni in varie località italiane, è fortemente preoccupato sulla pericolosità di alcuni pini presenti lungo i 1200 metri di lunghezza del viale. Alcune conifere che costeggiato la strada che conduce all’antica Abbazia di San Giovanni in Venere, una delle mete turistiche più importanti d’Italia, non offrono più garanzie di sicurezza, mettendo a rischio l’incolumità di quanti si trovano a percorrerla. Spesso, a causa del maltempo, si sono verificati cadute di rami e, inoltre, le radici delle piante hanno divelto la pavimentazione dei marciapiedi e sollevato in molti punti l’asfalto della strada, rendendo il transito dei pedoni e delle auto difficoltoso. La Giunta Comunale di Fossacesia, quindi chiede espressamente alla Provincia di procedere con urgenza a una verifica sul viale in modo da valutare un intervento risolutivo.

Fossacesia. ”Il 4 novembre celebriamo il 100° anniversario della fine della Prima Guerra Mondiale, una tragedia che sconvolse l’Europa e che causò enormi sofferenze all’Italia. La giornata rappresenta un’occasione per rendere omaggio alla memoria dei nostri caduti, ma anche un forte richiamo all’unità nazionale e, soprattutto, al senso di appartenenza alla nostra Nazione”. E’ questo il messaggio del Sindaco, Enrico Di Giuseppantonio, in occasione della ricorrenza che viene celebrata a Fossacesia, in onore di molti suoi figli, morti sui campi di battaglia. “L’Europa ha vissuto altri conflitti ma la pace e la collaborazione tra i popoli che vivono nel Vecchio Continente sono prevalse anche per merito dell’Italia e delle sue Forze Armate. Uomini e donne della Difesa, sempre pronti a sacrificarsi quotidianamente al servizio del Paese, quali garanti della tutela e della sicurezza collettiva ma pronti anche a prestare servizio e a soccorrere le popolazioni in difficoltà in Italia e all’estero. Celebrare il 4 Novembre significa non dimenticare e ripudiare con forza la guerra”. La cerimonia in programma a Fossacesia avrà inizio alle ore 10, con il raduno e partenza del corteo dal Monumento dei Caduti di Piazza Fantini e proseguirà con la deposizione di una corona al Monumento dei Caduti in Largo Castello. Alle 10:30, il corteo farà ritorno in piazza Fantini dove verrà deposta una corona d’alloro al Monumento ai Caduti. Seguiranno i saluti istituzionali e l’intervento del sindaco Enrico Di Giuseppantonio.

Fossacesia. La Regione Abruzzo ha diffuso i dati del rapporto ORSO (Osservatorio Rifiuti Sovraregionale) relativi al 2017, predisposto per stilare il resoconto sulla gestione dei rifiuti, degli imballaggi e dei rifiuti di imballaggio nella regione e che cura, tra l’altro, la trasmissione ai Ministeri dell’Ambiente, dell’Industria, del Commercio, dell’Artigianato e della Sanità. Dai dati risulta che il Comune di Fossacesia, con oltre l’85 per cento nella gestione dei rifiuti urbani e nell’organizzazione del servizio di raccolta differenziata, è tra i primi cinque centri più virtuosi del chietino. La provincia di Chieti, tra l’altro, risulta prima in Abruzzo, con una percentuale che tocca il 67,06 per cento. Il risultato conseguito da Fossacesia è reso ancor più significativo dal fatto che si tratta di un comune importante per rilevanza abitativa, soprattutto nel periodo estivo. “Il monitoraggio sui flussi di rifiuti eseguito dalla società di rilevamento, conferma il buon andamento delle pratiche di smaltimento da parte dei cittadini - afferma l'assessore all'ambiente Raffaele Di Nardo-. Siamo riusciti, attraverso una campagna di sensibilizzazione a far comprendere quanto fosse importante procedere seriamente ad una oculata gestione dei rifiuti, degli imballaggi e dei rifiuti di imballaggio, per la tutela della salute pubblica e dell’ambiente". "Il risultato che oggi abbiamo raggiunto-aggiunge il sindaco Enrico Di Giuseppantonio- si traduce in un altro significativo aspetto: Fossacesia non vedrà applicata l’eco-tassa sui rifiuti. Mi auguro che in futuro, con la collaborazione di tutti, la nostra città possa superare molto presto quota 90 per certo nella raccolta differenziata dei rifiuti. Una percentuale che, sono convinto, raggiungeremo entro il prossimo anno.”

Fossacesia. L'Abruzzo ai primi posti in Italia nel gioco d'azzardo. Un fenomeno che riguarda indistintamente i piccoli, medi e grandi comuni, aumentato con la crisi economica e che purtroppo interessa anche i più giovani. La Confcommercio di Chieti, alla luce dei dati che riguardano anche molte imprese, ha lanciato nelle settimane scorse il progetto 'Non t'azzardà' e per ottenere risultati soddisfacenti ha deciso di coinvolgere direttamente gli enti locali. Un tavolo di lavoro si è svolto nella sala consiliare del Comune di Fossacesia, capofila del Piano D’Ambito 11 ECAD, per decidere sull'adozione di regolamenti comunali contro il gioco d'azzardo e la sensibilizzazione della politica regionale e nazionale al fine di arginare le ludopatie tutelando, di conseguenza, le fasce più deboli rappresentate da giovani, anziani e imprenditori. All’incontro, il presidente di Confcommercio Chieti, Marisa Tiberio, che coordina l'attività del progetto, il sindaco di Fossacesia, Enrico Di Giuseppantonio, il primo cittadino di Santa Maria Imbaro, Mariella Di Nunzio, l’assessore alle Politiche Sociali di Fossacesia, Maria Angela Galante, Giuseppe Schiavo, presidente dell’associazione no profit 'Torna il sorriso', specializzata nel sovra indebitamento, Grazia Russo e Guglielmo Liuzza del Servizi per le dipendenze della Asl di Chieti-Lanciano-Vasto, Stefania Menna, in rappresentanza della Caritas Diocesi Chieti-Vasto. “Fossacesia si schiera in prima linea nella lotta alla ludopatia e il progetto della Confcommercio di Chieti ci vedrà seriamente impegnati sul problema del gioco d’azzardo che interessa in modo trasversale tutte le età e tutti i ceti sociali e che, in molti casi, diventa una vera e propria dipendenza comportamentale - hanno affermato il sindaco di Fossacesia, Enrico Di Giuseppantonio e di Santa Maria Imbaro Mariella Di Nunzio -. Il gioco d’azzardo patologico è un problema di salute pubblica e coinvolge non solo il giocatore e la sua famiglia, ma anche la comunità locale. Pertanto, il lavoro di rete rappresenta un metodo fondamentale. Un grazie al presidente della Confcommercio della provincia di Chieti Marisa Tiberio per aver avviato con impegno e determinazione una iniziativa che coinvolge gli enti locali”. “Con questo progetto si mettono a fuoco le strategie e si ampliano le azioni da promuovere nei comuni che fanno parte all’Ambito 11 Ecad - precisa l’assessore Maria Angela Galante - per poter meglio contrastare un fenomeno preoccupante. Si cercherà di intervenire sui fronti della sensibilizzazione e della prevenzione soprattutto sui giovani che sono una delle fasce più a rischio”.

Fossacesia. L’Amministrazione Comunale di Fossacesia, ha inviato una richiesta alla Sarni, la società che conta 116 punti di ristorazione lungo la rete autostradale italiana, perché essa valuti l’opportunità di inserire Fossacesia fra le località da promuove, a livello turistico, nelle proprie aree di servizio. “Fossacesia - evidenzia il sindaco Enrico Di Giuseppantonio -, è una delle località suggestive della Costa dei Trabocchi e presenta una spiccata vocazione turistica dimostrata in particolare dal triplicarsi della popolazione durante il periodo estivo. Molti infatti scelgono di venire da noi a trascorrere le proprie vacanze estive soprattutto per il suo mare le cui acque, secondo i dati riportati dall’Arta, risultano essere eccellenti”. Bandiera blu da 17 anni consecutivi, Fossacesia oltre che per il suo mare, è conosciuta anche per le sue bellezze storiche ed architettoniche. Sul meraviglioso promontorio di Venere infatti sorge l’abbazia di San Giovanni in Venere, un monumento di origine benedettina che dal 2017 è stato inserito, con apposito decreto ministeriale, fra i complessi monumentali d’Italia. Ogni anno l’abbazia è oggetto di visita da parte di oltre 10.000 turisti, che scelgono questo luogo non solo per la sua storia e per la sua inopinabile bellezza architettonica, ma anche per il suo valore paesaggistico. Essa infatti, come già accennato, sorge su un promontorio che si affaccia sul Golfo di Venere da dove è possibile ammirare tutta la Costa dei Trabocchi. Famosa anche per le sue specialità enogastronomiche, Fossacesia da anni ormai è parte del circuito delle Città dell’Olio e del Vino. “Alla luce di quanto esposto - concludono il Sindaco Di Giuseppantonio ed il suo vice Paolo Sisti - si chiede di voler ospitare Fossacesia, così come è stato fatto per Vasto, nei frequentatissimi punti di ristoro situati nelle aree di servizio delle autostrade per consentirne la promozione turistica attraverso uno strumento di straordinaria efficacia, qual è quello offerta dal gruppo Sarni”.

Fossacesia. E’ fissata per il prossimo 22 ottobre, davanti al Tribunale Civile de L’Aquila, la prima udienza del procedimento, avviato dal Comune di Fossacesia, rappresentato in giudizio dall’avv. Alessandro Di Sciascio, con il quale l’Ente chiede il trasferimento nelle proprie casse di circa €. 250,000. L’Amministrazione Comunale rappresenta 14 comuni dell’ex ambito sociale numero 23 Basso Sangro: Fossacesia, Casalbordino, Castel Frentano, Frisa , Mozzagrogna, Paglieta, Pollutri, Rocca San Giovanni, Santa Maria Imbaro , San Vito Chietino, Sant’Eusanio del Sangro, Torino di Sangro, Treglio e Villalfonsina. Si tratta della restante somma di uno stanziamento del Ministero delle Politiche Sociali, di €. 569.139,03 che, transitato per la Regione Abruzzo, è stato versato solo in parte al Comune di Fossacesia (317mila euro), nell’agosto del 2017, solo dopo l’azione promossa dall’Ente, che nel luglio dello stesso anno, aveva presentato decreto ingiuntivo nei confronti della Regione per ottenere quanto di spettanza. L’azione legale ha incontrato l’opposizione della Regione, che ha chiamato in causa il Ministero, che si è costituito in giudizio. Le ragioni, a questo punto, passeranno al vaglio del giudice civile, che dovrà pronunciarsi in merito. “La mia Amministrazione, gestita dalla Giunta in modo trasparente ,- commenta il sindaco Enrico Di Giuseppantonio- in questi anni ha dovuto anticipare risorse sottratte da un bilancio che ha tante voci di spesa che non possono essere cancellate. Spese , che riguardano sostanzialmente la qualità della vita della mia città e degli altri comuni, che hanno sempre destinato ingenti risorse soprattutto per i servizi sociali”.

Fossacesia. I Sindaci che aderiscono alla Centrale Unica di Committenza , e cioè Fossacesia ,Bomba, Rocca San Giovanni e Santa Maria Imbaro, si sono incontrati al Palazzo Comunale di Fossacesia. Nel corso della riunione, alla quale hanno preso parte Enrico Di Giuseppantonio (Fossacesia), Gianni Di Rito (Rocca San Giovanni)assieme al consigliere Fabio Caravaggio,Maria Giulia Di Nunzio (Santa Maria Imbaro)e Donato Di Santo(Bomba) è stato deliberato di proseguire la positiva esperienza del CUC, istituita per espletare le procedure di gara per lavori, servizi e forniture. Nell’incontro, in vista anche delle scadenze fissate dalle vigenti norme, è stata affrontata e discussa la nuova normativa in base alla quale, entro il prossimo 18 ottobre, tutte le gare pubbliche dovranno essere gestite obbligatoriamente su piattaforma telematica. Un provvedimento che sta creando non poche difficoltà ai comuni di piccole e medie dimensioni. “Ci siamo adeguati e siamo stati tra i primi in Abruzzo a decidere di aderire all'Associazione per la Sussidiarietà e la Modernizzazione degli Enti Locali, grazie alla quale sarà possibile gestire tutte le gare su piattaforma telematica - spiega il sindaco di Fossacesia, Enrico Di Giuseppantonio -. Un passaggio importante sotto vari aspetti: innanzitutto, le procedure delle gare subiranno una modernizzazione, inoltre la loro pubblicazione su piattaforma digitale assicurerà la massima trasparenza delle stesse e garantirà l’inviolabilità delle offerte in esse contenute. Il tutto - conclude Di Giuseppantonio - non porterà alcun aumento sostanziale delle spese per i nostri comuni che, tra l’altro, aderendo all’Asmel, saranno più efficienti e riceveranno supporto formativo”. Tutti i sindaci hanno espresso un giudizio positivo sull’efficienza e sull’efficacia dell’ufficio unico presso il comune di Fossacesia, guidato dall’ing.Silvano Sgariglia con la collaborazione dell’ing. Luca D’Orsogna Bucci. Di Giuseppantonio ha anticipato anche la richiesta di altri comuni che nei prossimi mesi desiderano aderire alla Centrale Unica di Committenza di Fossacesia.

Fossacesia. Con determinazione n. 13 /CUC del 27.9.2018 è stato aggiudicato alla ditta De Francesco Costruzioni Sas, di Castelpetroso (IS), il contratto di concessione avente durata di 15 anni, per la realizzazione e gestione di nuovi loculi all'interno del cimitero comunale di Fossacesia, per un valore complessivo degli investimenti che il concessionario dovrà sostenere di € 891.200,00. L’intervento prevede il restauro della Congrega (Cappella cimiteriale Confraternita SS. Rosario e Annunziata di Fossacesia) all’interno della quale saranno realizzati 20 loculi a tipologia laterale e 25 a tipologia frontale, oltre alla realizzazione di un nuovo blocco nel quale troveranno spazio 292 loculi a tumulazione frontale e 10 loculi a tumulazione laterale, e 110 ossari, da ubicarsi sul lato sinistro dell’ingresso principale. A completamento dell’intervento l’impresa aggiudicataria ha offerto, su specifica indicazione del bando di gara, alcune opere migliorative fra cui la pavimentazione di alcuni viali cimiteriali attualmente brecciati, la fornitura e apposizione di segnaletica di denominazione dei viali interni al cimitero, la sistemazione dell’ossario comune esistente, il potenziamento del verde ed infine la fornitura di un sistema gestionale informatizzata delle concessioni cimiteriali. “I lavori dovrebbero avere inizio nel corso dei primi mesi del 2019 - afferma il Sindaco Enrico Di Giuseppantonio -. Si tratta di interventi che avevamo programmato da tempo e ai quali l’Amministrazione teneva particolarmente per consentire l’ampliamento e il mantenimento del cimitero del capoluogo, soprattutto per rispondere alla richiesta dei cittadini. Ci siamo quindi impegnati a portare avanti tutto l’iter attraverso un importante sforzo economico. Nei prossimi mesi ci occuperemo anche dell’ ampliamento del cimitero di Villa Scorciosa”. “Ringraziamo l’ing. Silvano Sgariglia ed il Settore Lavori Pubblici -aggiunge il consigliere Danilo Petragnani- per aver portato avanti le procedure tecnico-giuridiche relative ad un investimento importante per l'atteso ampliamento del cimitero comunale”.

 

Pagina 1 di 22

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione