Pescara. Francesco Longobardi ha rassegnato le dimissioni da presidente provinciale di Pescara Udicon, unione a difesa dei consumatori. L’ormai ex presidente provinciale ha annunciato e motivato la decisione attraverso una lettera al presidente nazionale.
“La presente – si legge nella missiva - per comunicarLe le mie immediate dimissioni dalla carica da Lei affidata in precedenza di Presidente Provinciale Pescara. Nonostante i miei innumerevoli sforzi, la competenza e la professionalità dimostrata per riportare in auge un'associazione sul territorio, nella quale fin d'ora credevo e confidavo, mi vedo costretto a prendere questa decisione. Assistendo al Congresso straordinario dell Abruzzo, quest'oggi, non ho ritrovato la neutralità e l'imparzialità sulla quale si fonda la suddetta. A malincuore ho assistito, insieme ai presenti non delegati, ad un vero e proprio congresso ‘ad personam’, volto solo ed esclusivamente ad una quanto meno sterile nomina, priva attualmente, di un programmatico concreto e fattivo per un futuro dell'associazione sul territorio”.

Pescara. Nasce MyTutela, è l’unica App Anti Molestie che tutela le vittime di Stalking, Bullismo, violenza fisica e psicologica.
Come funziona: raccoglie e archivia i dati da tuo cellulare in modalità forense (sms, telefonate, lista chiamate, whatsapp e screenshot); custodisce i dati per la vittima e per le Forze dell’Ordine proteggendoli anche nei casi in cui il cellulare venga danneggiato o perso; consente di scaricare un Report dei dati in formato ‘ad hoc’ da usare in fase di denuncia e processo; grazie all’opzione ‘Audio Ambiente’ raccoglie le evidenze digitali a tutela delle vittime di violenza fisica; in caso di pericolo consente di chiamare un numero di emergenza o le Forze dell’Ordine.
Ce ne ha parlato nel dettaglio il coordinatore di Abruzzo Cuore D'Italia, Francesco Longobardi che abbiamo incontrato all’interno dell’Ottica Antonello in pieno centro a Pescara: “Questa è una App contro le violenze e nasce da due periti informatici che lavorano per le Procure italiane ed hanno avuto il mandato dalla Procura di Roma di verificare il telefonino di Sara di Pietrantonio. Poi si sono resi conto che la ragazza aveva inserito una password ed hanno avuto delle difficoltà ad accedere ai dati. Quindi hanno pensato di poter creare un’App con un archivio forense contro le molestie, questo perché nel momento in cui con lo smartphone si dovesero subire delle molestie tramite telefonate, foto e quant’altro, lo smartphone registra tutto e invia tramite un database. Quindi serve come deterrente per coloro che vogliono molestare e farli desistere. Questa applicazione è l’unica nel suo genere a livello mondiale, quindi è un’App che rivoluziona ed è innovativa per la tutela dalla violenza. Naturalmente è gratuita, quindi basta scaricarla ed inserire il numero telefonico di colui il quale crea molestie e da quel momento in poi il telefonino registrerà tutto ciò che arriverà da quel numero. È un supporto tecnologico in più, oggi bisogna sfruttare la tecnologia non soltanto per creare violenza o per bullizzare qualcuno, ma dobbiamo sfruttarla a favore delle vittime delle molestie”.

Pescara. Torna l'appuntamento con "Di palo in frasca", programma condotto da Francesco Rapino e dagli amici Giuseppe Mrozek (assente perché impegnato in un pellegrinaggio) e Fabrizio Manili.
Tra gli argomenti del giorno l'intervista a Francesco Longobardi, molto attivo nell'associazionismo, sulle ultime attività delle realtà associative a lui vicine. Poi parleremo del VII Concorso Flautistico Internazionale Severino Gazzelloni con le interviste al direttore del Conservatorio Luisa D'Annunzio di Pescara, Alfonso Patriarca, al direttore artistico, Salvatore Lombardi, e al presidente della Fondazione Pescarabruzzo, Nicola Mattoscio.

Pescara. L’associazione Medea Onlus vanta di portare avanti dal 2016 un progetto istitizionale a livello nazionale che comprende le aperture degli Sportelli di Ascolto Antiviolenza di genere in genere nei comuni delle regioni, in Abruzzo sonos tati istituiti dieci Sportelli di Ascolto Antiviolenza sul territorio delle province.
Quando si parla a violenza di genere ci si riferisce a ogni forma di violenza sulla donna e in genere ogni forma di violenza perpetrata su ogni tipo di persona, anziani, adolescenti e bambini, riferendosi anche alla violenza domestica, violenza nella scuola definita “bullismo”, sfociata anche sui social come cyber-bullismo.
La sensibilità per tutti i fenomeni di violenza, ma soprattutto quella rivolta a bambini e adolescenti, ha spinto l’associazione Mede@ a pensare ad un progetto qualificato e specializzatosolo sul bullismo e cyber-bullismo, chiamato “Formare per sanare”. Si tratta di un progetto di pronto aiuto alla vittima di bullismo e alla riabilitazione e reinserimento del bullo stesso.
Abbiamo avuto il piacere di intervistare il responsabile nazionale per gli Enti locali e apertura sportelli istituzionali, Francesco Longobardi.

- Come nasce Mede@?
- “Mede@ nasce nel 2016 con l’obietivo di contrastare una piaga sociale rappresentata dalle violenze in generale. Attualmente ap progetto della Onlus hanno aderito diverse regioni d’Italia di cui anche l’Abruzzo del quale faccio parte. Stiamo aprendo questi Sportelli di Ascolto per dare supporto alle persone che hanno subito violenza, ma soprattutto per contrastare e far emergere quel sommerso che oggi purtroppo fa paura”.
- Quali sono gli obiettivi di Mede@?
- “Gli obiettivi di sono quelli di formare e informare, portare soprattutto formazione perché ci siamo resi conto che è un problema culturale. Quindi attraverso gli Sportelli noi vogliamo incominciare innanzitutto dai luoghi principali com ela scuola, quindi portare dei progetti formativi nella scuola in primis per quanto riguarda i professori e in secondo luogo gli alunni. In più c’è un progetto importante sulla famiglia per tornare per tornare ad istruire la genitorialità e fare in modo che i ragazzi vengano più seguiti”.
- Parlavamo di Sportelli, nei giorni scorsi a Bari ne sono stati aperti alcuni…
- “A Bari abbiamo avviato un progetto molto importante per contrastare il bullismo, nell’arco del 2019 verranno aperti dieci Sportelli dove lanciamo un appello agli attori principali come le scuole, i luoghi di culto e tutto ciò che può aiutarci a contrastare questa piaga sociale anche perché lo sport secondo me è molto importante per il recupero sociale. È importante anche che all’interno delle scuole se ne parli e si cominci a formare e dare cultura a questi ragazzi”.
- C’è anche un progetto che riguarda un film…
- “Siamo impegnati in questo progetto filmico dove abbiamo avuto il patrocinio dell’Università di Cassino del Lazio Meridionale, l’Abbazia di Montecassino e del Consorzio Industriale del Lazio Meridionale. Le riprese partiranno a giugno 2019, la regia è stata affidata al regista Bruno Tarallo e sarà un film-documentario volto a contrastare il fenomeno delle violenze”.

Pescara. Francesco Longobardi è stato nominato oggi, lunedì 5 marzo 2018, Responsabile Provinciale U.di.con Pescara. La nomina gli è stata conferita dal Presidente Nazionale U.di.con Denis Nesci.
Il neo incaricato ha così commentato la nomina: «Ringrazio Denis Nesci per la fiducia e la stima nei miei confronti e per avermi assegnato l'incarico che certamente non deluderò. Sono già a lavoro per individuare le persone che mi accompagneranno nel direttivo provinciale in modo da rilanciare, pianificare e progettare l'azione 2018/2020 dell'Unione Difesa dei Consumatori. Il primo obiettivo sarà l'apertura di una decina di uffici per la copertura di tutta la provincia nonché la campagna di tesseramento che oscillerà dai 10 ai 30 euro annui. Da subito mi occuperò della tutela della salute e chiederò un incontro con le associazioni di categoria degli albergatori per avere assicurazione sull'applicazione del DPR sul trattamento delle Acque e i controlli effettuati. Tutto ciò a scopo precauzionale, in seguito anche al caso di legionella che ha colpito un giovane in un bed & breakfast di Pescara, caso le cui reali cause sono tuttavia in corso di accertamento, poiché trovo giusto evidenziare le eccellenze ma condannare e reprimere coloro i quali non sono a norma non solo con il trattamento delle Acque ma sulle normative vigenti in materia di sicurezza, perché queste notizie mettono a repentaglio non solo la salute del consumatore ma anche del turismo locale».

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione