Pescara. Più forte delle defezioni e della voglia ospite: l’Unibasket Amatori Pescara batte l’Adriatica Press Teramo per 77-75 e porta a casa un derby rude ed intenso, confezionando uno splendido regalo di compleanno al vice presidente Luca D’Onofrio e un grande pomeriggio di basket ai tifosi biancorossi.
La gara. Privo di Fasciocco e con Micevic in lista solo per onor di firma, coach Rajola opta per uno startingfive composto da Caverni, Leonzio, Potì, Serafini e Capitanelli. I primi due punti del match sono siglati da Fabi, subito annullati da un canestro da sotto di Big Cap. Cinque punti di fila di Ennio valgono il primo vantaggio pescarese dopo 3’30’’ sul 7-6. Con 2 falli sul groppone dopo 6’, Leonzio lascia il suo posto a Carpanzano mentre Capitanelli si carica i compagni sulle spalle, lottando come leone sotto canestro e regalando giocate d’alta scuola. Con il contributo di una bomba di Potì a 140’’ da fine quarto l’Amatori è + 5 su Teramo (18-13). D’Eustachio fa rifiatare Caverni per il finale di frazione e l’ingresso del play coincide con il massimo vantaggio dei suoi (22-13 a 8’58’’) ed il parziale di 11-0. C’è spazio nell’ultimo minuto anche per Davide Taglieri. Ma la frazione si chiude con unabrutta notizia, l’infortunio occorso a Gianluca Carpanzano: la guardia è costretta ad abbandonare il parquet in barella. Ma si tratta solo di un grande spavento, perchèil bravo numero 5 biancorosso dopo qualche minuto torna sulle sue gambe in panchina, per poi tornare addirittura protagonista della contesa nella ripresa.
Il secondo quarto si apre sul punteggio di 24-17 e prosegue sulla falsariga dei primi 10 di gioco. Ovvero con L’Unibasket Amatori a guidare le danze e l’Adriatica Press Teramo a cercare di rincorrere. Due liberi di Caverni a metà quarto esatto consentono il +10 ai ragazzi di coach Rajola, che ripropone Taglieri prima e Di Donato poi in campo al fine di far risparmiare, almeno per qualche minuto, energie importanti a Capitanelli per la restante parte di gara. Un D’Eustachio rimbalzista a sorpresa e la leadership sfoggiata in campo da Potì consentono a Pescara di mantenere a lungo il vantaggio sull’ordine degli 8 punti, ma il primo tempo si chiude sul punteggio di 36-32 con la squadra di coach Domizioliche dimezza lo svantaggio.
Durante l’intervallo, i campioncini del Minibasket, insieme al Responsabile Roberto Paolillo, hanno consegnato al presidente Carlo Di Fabio la coppa del terzo posto conquistata a Cesenatico in uno dei tornei di categoria più importanti d’Italia.
Il terzo quarto si apre con la bella sorpresa di Carpanzano di nuovo in campo ma con la tripla di Lagioia che porta Teramo a meno 1 e con il tecnico comminato a Potì che consente agli ospiti il pari dalla lunetta (36-36). Una bomba di Fabi permette il sorpasso dopo 2’15’’, Potì risponde dall’arco dei 6.75 ma ancora Lagioiada 3 riporta avanti Teramo in un giro d’orologio incredibile (41-42). Il gioco si fa duro e allora i duri iniziano a giocare: Big Cap firma il nuovo sorpasso, legittimato dalla tripla di Leonzio del +4 e dagli sforzi del collettivo biancorosso. L’asse Carpanzano – Leonzio produce il +9 con 1 minuto ancora da giocaree all’ultimo, decisivo quarto si va sul 58-49.
I liberi perfetti di Potì aprono gli ultimi 10 minuti di gioco e valgono il +11, migliorato da una penetrazione perfetta di Leonzio dopo un punto dalla lunetta di Costa. Le distanze rimangono a lungo invariate, possesso dopo possesso, in un botta e risposta che premia la squadra del presidente Carlo Di Fabiononostanteil tutto per tutto teramano che produce il -4 a 1’ dalla sirena. L’ultimo giro di orologio è intensissimo ed emozionante mala rincorsa di Aromando e soci si ferma al -2 e al suono della sirena il punteggio finale di 77-75sorride ai padroni di casa
E adesso? Testa sin da subito al prossimo impegno, previsto domenica il Pala Aterno Gas&Power di via Elettra per il derby contro il Chieti. Palla a due prevista alle ore 18.

Pescara. Tre settimane di fuoco, tre gare di fila in casa con tre partitissime che possono dire tanto nell’economia della regular season. In casa Unibasket Amatori Pescara la concentrazione è massima. Si parte con il derby contro Teramo, squadra da affrontare con il piglio giusto. Ma i ragazzi del presidente Carlo Di Fabio hanno già dimostrato in tutto il girone d’andata che non si tirano mai indietro quando c’è da battagliare. «Lasquadra sta bene e credo che abbia dato una risposta importante a Nardò dopo la sconfitta di Bisceglie. Erano due trasferte insidiose, potevano essere vinte entrambe ma allo stesso modo si potevano perdere ambedue. Persa purtroppo la prima, con una grande prova di carattere e solidità nella seconda abbiamo portato a casa una vittoria importante e che mi ha reso davvero contento», è l’analisi di coach Stefano Rajola.
«Teramo è un po’ dietro in classifica, ma è sempre un derby e in quanto tale insidioso.Anche perché gli avversarinon hanno nulla da perdere. Teramo è una squadra in difficoltà dal punto di vista numerico, ma non del gioco espresso perché ha sempre dimostrato di potersela giocare contro squadre importanti. Ma noi non possiamo assolutamente fermarci, dobbiamo approcciarci a questa partita e alle seguenti con grandissima concentrazione e determinazione. Il trittico di partite che ci aspetta è importantissimo, abbiamo l’occasione di giocarle in casa ma sono tutte gare molto insidiose. E’ normale che si pensi a questo mini-ciclo in senso complessivo, ma noi dobbiamo affrontare una gara per volta perché ogni match nasconde un’insidia diversa. Dobbiamo vivere queste tre gare per consolidare ancor di più il secondo posto. Sarà un crescendo rossiniano dal punto di vista della classifica, perché dopo Teramo c’è Chieti, che è una squadra importante e che si sta ulteriormente rinforzando. E’ un team tosto, contro il quale all’andata abbiamo perso male e che ora vuole recuperare posizioni in graduatoria. Infine c’è San Severo, per unapartita che non ha certo bisogno di presentazioni», dice ancora il coach.
Da domenica il Pala Aterno Gas&Power di via Elettra avrà un ruolo decisivo, come sempre e più di sempre: la Pescara sportiva risponderà presente per sostenere i giganti cittadini del basket.

Teramo. Il terzo appuntamento con i Concerti programmati da ACS Abruzzo e Molise Circuito Spettacolo al Teatro Comunale di Teramo è sabato 19 gennaio alle ore 21,00 con il Duo Pavel Berman e Giuliano Mazzoccante, un’esperienza coinvolgente che vedrà insieme due grandi interpreti della scena internazionale.
Vincitore del Concorso Indianapolis, Berman appare in Italia e all’estero nel ruolo di Solista e Direttore con Orchestre quali i Virtuosi Italiani, i Virtuosi di Mosca e la Haydn di Trento e Bolzano. Ha suonato con l’Indianapolis Symphony Orchestra, l’Atlanta Symphony, la Dallas Symphony, la Prague Symphony, la Royal Philarmonic di Liverpool, la Beijing Philharmonic e ha tenuto
concerti nelle più prestigiose sale del mondo quali la Carnegie Hall, il Théâtre des Champs
Elysées e la Salle Gaveau di Parigi, la Herkulessaal di Monaco, il Bunkakaikan di Tokyo, il
Teatro alla Scala di Milano, il Palais des Beaux Arts di Bruxelles. Ha fondato la Kaunas
Chamber Orchestra diventata Kaunas Symphony Orchestra in Lituania e partecipa al Festival
Oistrach di Odessa.
Mazzoccante è riconosciuto a livello internazionale come uno dei migliori pianisti italiani della sua generazione. Tra gli oltre cinquanta premi ottenuti, spiccano il “Premio Venezia”, l’“Arcangelo Speranza” di Taranto ed il “4th Tbilisi International Piano Competition” in Georgia (WFIMC). Dal 2010 è responsabile artistico per le selezioni dei musicisti italiani per l’accesso alla Sommer-
Akademie Schloss Pommersfelden in Germania. Suona e collabora stabilmente con musicisti di chiara fama quali Karl Leister (storico Primo clarinetto dei Berlin Philarmonic), Pavel Berman, ed è pianista del prestigioso “Trio DOROGI” accanto a Dora Schwarzberg (violino) e Romain Garioud (violoncello). È fondatore e Direttore Artistico dell’Accademia Music and Art International di Chieti, dove tiene corsi di alto perfezionamento in interpretazione pianistica e musica da camera.
È docente di pianoforte presso il Conservatorio di Teramo.

Programma Pavel Berman violino e Giuliano Mazzoccante pianoforte eseguiranno di Ernest Bloch dalla Suite “Baal Shem”, B. 47: N. 2. Nigun; di Ludwig van Beethoven la Sonata n. 9 in la maggiore per violino e pianoforte, n. 9 Op. 47, “A Kreutzer”; del compositore norvegese Edvard Hagerup Grieg
la Sonata n. 3 in do minore per violino e pianoforte, Op. 45; chiuderà il concerto la Carmen Fantasy, op. 25 di Pablo de Sarasate.


BOTTEGHINO
Teatro Comunale, Piazza Cellini, Teramo - Tel. 0861/246773 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - www.acsabruzzo.it

Biglietti intero €15.00 | ridotto €12.00 (abbonati stagione Prosa, over 65 e enti convenzionati) | ridotto young €10.00 (under 26)

Teramo. E’ stata presentata questa mattina a Teramo la Lista Abruzzo in Comune con Legnini Presidente che vede candidato come Consigliere Regionale Giuseppe D’Alonzo, Sindaco di Crognaleto con ben tre mandati da portare in dote come esperienza e come know how, che si presenta ai cittadini con uno slogan l’uomo del fare  che riflette quella che è la sua caratteristica più spiccata: l’operatività e la concretezza. “Sono stato chiamato da Legnini per supportarlo nella competizione elettorale, e sono contento di poter sostenere un Presidente che 160 Sindaci come me hanno voluto come candidato, i problemi del nostro territorio, soprattutto montano, ma che ormai si vanno allargando anche ai centri più a valle come Montorio e Teramo sono quelli noti, dello spopolamento e della ricostruzione post sisma, tante risorse sono arrivate sul territorio, ora c’è bisogno di una organizzazione ottimale per indirizzare al meglio i lavori in maniera efficiente evitando inutili sprechi di tempi e di risorse. Questa lista, Abruzzo in Comune, ha un significato veramente sentito per chi come me ha voluto cimentarsi in questa competizione elettorale proprio in questa compagine, e il senso sta proprio nella necessità di riportare al centro i problemi concreti e reali dei cittadini, nel ridare forza alla voce di chi con le difficoltà evidenti dei paesi, delle città e di chi li abita deve fare i conti tutti i giorni e, nonostante la mancanza di risorse, di supporti dall’alto, con le tante problematicità, riesce a portare a cassa risultati che a volte risultano incredibili e quasi miracolosi ai nostri stessi occhi. La mia candidatura punta proprio a questo ribaltamento di sguardo, di operatività a livello regionale, dove sono sicuro di poter dare il mio fattivo apporto. Questa è una lista forte, ricca di amministratori capaci che hanno dimostrato di saper fare cose buone sul proprio territorio e anche più in là. Sono contento di fare parte di questa squadra.”

Teramo. L’apertura del Festival Abruzzo dal Vivo Winter è stato un importantesuccesso che conferma il grande interesse di pubblico intorno a questa iniziativa regionale ma di respiro nazionale, che prevede oltre 70 spettacoli in tutti i territori dei comuni abruzzesi colpiti dal sisma 2016/17.
Ieri pomeriggio a Teramo il concerto de Il Campo della Fiera al Teatro Comunale ha fatto da apripista insieme Concerto di Natale del Coro di Voci Bianche “Bonaventura Barattelli” a Fano Adriano, lo spettacolo con trampolieri, musica e mangiafuoco “Zoè, il principio della vita” a Campli, la Baita degli Elfi Golosoni per i più piccoli a Castel Castagna.
Quattro location diverse, quattro diverse proposte di intrattenimento, quattro simultanei inizi a simboleggiare l’unione dei territori e la forza di questa iniziativa straordinaria.
Ad aprire a Teramo, alle 17.00, l’edizione invernale del festival fortemente voluto e realizzato dalla Regione Abruzzo è stato ‘Il Campo della Fiera’, il progetto artistico di Fabrizio Medori che ha mes-so insieme alcuni dei musicisti più talentuosi della provincia di Teramo per un omaggio alla musica d’autore: Massimiliano Coclite, Alberto Celommi, Andrea Modesti, Davide Di Giuseppe, Luca Ma-tani, Fabrizio Mandolini, Bruno Marcozzi, Alessia Martegiani, Marco Traini, Vincenzo “Farfalla” Melchiorre Ricci, Eugenio Tucci. Strapieno il teatro comunale di Teramo, dove istituzioni e cittadini si sono ritrovati per inaugurare insieme il ritorno di un format che già la scorsa estate ha riscosso moltissimo successo.
“Ad essere stato apprezzato – è il commento in merito di Luciano Monticelli, consigliere Delegato alla Cultura e promotore dell’iniziativa – è, oltre alla scelta degli artisti che animeranno il cratere da oggi fino al 7 gennaio, soprattutto l’idea alla base del festival, che vuole contribuire alla ricostru-zione di questi luoghi, una rivitalizzazione non solo materiale ma anche sociale e culturale, nella convinzione che sia proprio questo aspetto a scongiurare il rischio di spopolamento dei nostri bor-ghi”.
Giuseppe D’Alonzo, Sindaco di Crognaleto, Comune capofila, pur essendo costretto a letto da una brutta influenza ha così commentato l’apertura che ha guardato attraverso le dirette fb e in tv “non essere lì è doloroso ma vedo che al mio posto ci sono centinaia di spettatori e cittadini che guardano con i miei occhi e che apprezzano come avrei fatto io questo concerto trascinante e questa atmosfera positiva ed entusiasmante. Questa è solo la partenza, ora avanti tutta.”
Animati dalla volontà di realizzare e concretamente offrire dei momenti di divertimento, relax o di riflessione saranno a partire da oggi davvero numerosi gli appuntamenti del cartellone, ericordiamo quellidei prossimi giorni:
martedì 11 dicembre ore 21 - Waiting for Missa – Concerto jazz al Cineteatro Comunale di Monto-rio al Vomano;
giovedì 13 dicembre ore 21 – Orchestra Popolare del Saltarello ft. Antonella Ruggiero in concerto al Teatro Comunale di Teramo;
venerdì 14 dicembre
 ore 19,30 Il Fuoco della Terra, omaggio ad Annunziata Scipione – reading multimediale e concerto
 ore 21 Tradizioni Progressive in concerto ad Azzinano di Tossicia in Piazza Santa Lucia
 ore 16 CantarpopolareMasterclass di Canto popolare a Castelli nella chiesa di San Rocco
 ore 18 Canti del Solstizio d’inverno in terra d’Abruzzo a Castelli nella Chiesa di San Donato
 ore 21 Ambrogio Sparagna in concerto, a Castelli nella Chiesa di San Giovanni Battista

Teramo. Dopo il successo del primo appuntamento con il teatro dedicato ai più piccoli, torna con il secondo spettacolo la Stagione di Teatro Ragazzi organizzata da ACS Abruzzo e Molise al Teatro Comunale di Teramo è domenica 25 novembre alle ore 17 con un lavoro che ha vinto nel 1996 il Premio come miglior testo teatrale per l’infanzia “Giacomo Bardesono” I tre porcellini de La Mansarda teatro dell’Orco.

La drammaturga Roberta Sandias privilegia la versione edulcorata della fiaba, la versione originale infatti prevede che i primi due porcellini vengano divorati dal lupo che ha distrutto le loro case, e non prevede sorte migliore per il lupo. In questo spettacolo invece viene scelta la storia nella quale i porcellini “scanzafatiche” si mettono in salvo nella casetta di mattoni, e nel finale, il lupo, calatosi nel caminetto, si brucia la coda e fugge via lontano.

L’aspetto fiabesco dello spettacolo è accentuato dal linguaggio in versi, proprio della favola, gradevole ed accattivante, infantile come una filastrocca e ricercato come una poesia, immediato ed in perfetta armonia con le musiche originali, le canzoni e le coreografie, e con gli efficaci costumi in gommaspugna.

Infine, come in ogni fiaba che si rispetti, è chiara la morale ed è leggibile la metafora: dal distacco dalla mamma alla costruzione delle tre casette, fino all’ultimo gesto di sfidare il lupo e di sconfiggerlo, si evince la conquista dell’indipendenza, il passaggio dall’infanzia (casa di paglia), all’adolescenza (casa di legno) fino all’età adulta (casa di mattoni), nonché la vittoria dell’astuzia sulla forza bruta e l’invito stimolante all’operosità, senz’altro più proficua della pigrizia

Adatto anche ai più piccoli.

Il prossimo spettacolo per famiglie sarà “I Vestitit nuovi dell’Imperatore” il 9 dicembre e il laboratorio “Il Re è nudo!” con l’Associazione Teramo Children si terrà il 6 dicembre alle 16,15.

 

ABBONAMENTI E BIGLIETTI

Abbonamento SMALL 4 spettacoli (primi 4 o ultimi 4) €28,00

Biglietto € 8,00

 

LABORATORI

Numero massimo partecipanti 20, prenotazione obbligatoria

Costo per laboratorio €5,00.

 

Acs Abruzzo e Molise–

Teatro Comunale, Piazza Cellini, 64100 Teramo

Tel. 0861/246773

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

www.acsabruzzo.it

Orario botteghino: dal lunedì al venerdì dalle 15.00 alle 19.00 e il giorno dello spettacolo a partire da un’ora prima dell’inizio.

Teramo. Riguardo alla notizia appresa dalle cronache locali di una interrogazione che il consigliere Maurizio Verna farà durante il Consiglio question time previsto nel pomeriggio di oggi circa la mancata realizzazione della zona bar del teatro Comunale di Teramo, ACS Abruzzo e Molise Circuito Spettacolo precisa che, come da comunicazione inviata all’Amministrazione e protocollata l’11 settembre 2018 (che comunque seguiva comunicazioni simili inviate alla precedente Amministrazione), l'impossibilità ad iniziare i lavori e ad avviare il bar è dovuta alla mancata consegna da parte del Comune della documentazione di fine lavori unitamente alla certificazione della ASL riguardo la bonifica della rinvenuta cisterna con materiale inquinante situata proprio sotto lo spazio destinato all’attività bar.

Ci preme sottolineare che il mancato avvio di questa attività commerciale, oltre a non dipendere in alcun modo da ACS, comporta perdita di entrate economiche per l'associazione e che dunque non c’è nessun interesse da parte di ACS a ritardare questi lavori. Inoltre lo stato indecoroso del locale, così come consegnato dal Comune e il mancato servizio per il pubblico, ha costretto il gestore a trovare una soluzione provvisoria eseguendo tra l’altro lavori non preventivati per riportare il locale ad uno stato di decoro.

ACS comunica inoltre che nel corso del CdA avvenuto il 31 ottobre scorso si è provveduto a nominare il nuovo Presidente Amelia Gattone, già Presidente Unicef Teramo e da sempre socia ACS e membro del CdA, che subentra al dimissionario Angelo Radica che comunque resta membro del CdA continuando a sostenere ACS nel suo percorso di crescita e sviluppo. Lo stesso Radica precisa che le sue dimissioni sono dovute all’oggettiva difficoltà a svolgere pienamente e continuativamente le funzioni di Presidente dato l’impegno come Sindaco a Tollo e la lontananza geografica dalla sede legale e amministrativa di ACS. Nella stessa giornata in cui ACS nominava la nuova Presidentessa, l’Assemblea dei Soci si arricchiva di 5 nuovi membri e sostenitori, validi professionisti ed esperti in diversi settori, dalla comunicazione alla produzione e organizzazione artistica, dall’arte alle nuove tecnologie alla amministrazione economica e finanziaria, ma soprattutto appassionati di Teatro e amanti dello spettacolo dal vivo: Lidia Bocci, Paola Di Felice, Ilaria Valentini, Paolo Di Antonio e Stefano Scipioni.

Teramo. Anche quest’anno Interferenze di ACS Abruzzo e Molise ha compiuto il miracolo dello scioglimento dei corpi e dei cuori, continuando a offrire dopo tredici edizioni spunti di riflessione, affrontando temi scomodi, mostrandoci parti di noi stessi, della società e del pensiero universale.

Ieri sera, dalle 19,30 alle 23 all’interno del Teatro Comunale di Teramo Interferenze ha composto un percorso a primo impatto molto variegato e poco omogeneo, ma che, giunti in fondo, riacquistava compattezza e struttura attorno ad un concetto di corpo in eterna evoluzione, nel piccolo delle nostre vite e nella storia universale.

Gli spettatori hanno riso immedesimandosi nelle ironiche peripezie di Silvia Gribaudi nel suo A corpo liber, un corpo libero, appunto, di esprimesi come più ne ha voglia, nel tremolio della carne, nella danza del seno “una performance che acquista forza con gli anni che avanzano” aggiunge ironicamente la Gribaudi; hanno ammirato l’eleganza della scena e la perfezione delle movenze di una esperta performer come Francesca La Cava in scena con In Habit; sono passati da un ambiente all’altro del teatro attraversando camerini e scale per arrivare alla sala Pino all’ultimo piano dello stabile, dove le proiezioni di Nicola Buttari e Martino Chiti sono tutt’uno con il corpo in evoluzione di Leonardo Diana in Egon, potenza espressiva e sapiente uso del videomapping; il nudo, annunciato e molto atteso dai più curiosi, è quello di Luna Cenere che con il suo Kokoro ha stregato tutti grazie all’incredibile padronanza del corpo, che non è più un corpo ma un è un bozzolo in evoluzione verso l’umano. Corpo politico, corpo libero, straordinaria performance energetica nel lavoro di Silvia Gribaudi, R.osa, in scena una incredibile Claudia Marsicano, attrice, cantante e performer napoletana, con un corpo importante che, prestata alla danza, ha fatto ballare al ritmo di pop music un pubblico divertito e liberato dalla costrizione delle poltroncine. Lo stesso spettacolo, in replica questa mattina con il patrocinio dell’Unicef, ha visto spettatori gli studenti dell’Istituto Alberghiero Di Poppa Rozzi che, dopo aver partecipato allo spettacolo interagendo con la performer, si sono fermati per un momento di restituzione, in un incontro con Claudia Marsicano, Silvia Gribaudi, la past president di Unicef Teramo Amelia Gattone Rubicini e la psicologa Italia Calabrese durante il quale le voci dei ragazzi si sono levate per comunicare ammirazione verso un’artista che ha saputo fare del proprio corpo lo strumento di una rivoluzione estetica e morale. Il percorso di Interferenze XIII edizione si è concluso nella sala Pino con la musica dance che, insieme alle video proiezioni e luci stroboscopiche ha accompagnato gli spettatori nella lunga performance di Salvo Lombardo e Daria Greco | Chiasma portando alla fine tutti a scatenarsi per qualche minuto in una sala da ballo non convenzionale. Un lavoro sulla dissonanza dei luoghi, delle musiche e dei movimenti che Lombardo sta portando avanti eche qualcuno aveva già potuto intuire nella Residenza teramana dell'artista per il progetto Zone Libre di ACS.

Roma. La fortuna ha fatto tappa in Abruzzo nel concorso posticipato a lunedì del SuperEnalotto, con un 5 da 35mila euro realizzato a Teramo. La schedina vincente, riporta AGipronews, è stata convalidata nella Tabaccheria Ricci, in viale Francesco Crispi 53. Il Jackpot, nel frattempo, vola a 60 milioni di euro, secondo premio più alto in Europa. L’ultima sestina vincente è stata centrata lo scorso 23 giugno con 51,3 milioni distribuiti in tutta Italia grazie a un sistema da 45 quote, mentre in Abruzzo il 6 manca dall'agosto 2012, con 12 milioni finiti ad Avezzano.

Teramo. Il Festival Interferenze di ACS Abruzzo e Molise giunge alla 13 ͣ edizione e continua ad esplorare e sperimentare nuovi spazi, in questo caso i luoghi meno noti del Teatro Comunale di Teramo: stanze, corridoi, sale, foyer... suggestioni che venerdì 9 novembre a partire dalle ore 19.00 accompagneranno lo spettatore in un percorso dentro un luogo e dentro sé.

Il Festival dedicherà la giornata di giovedì 8 ai laboratori di danza approfittando della presenza a Teramo di importanti coreografi del panorama nazionale della danza contemporanea, Leonardo Diana, Silvia Gribaudi, Francesca La Cava, Luna Cenere, e Salvo Lombardo.

Venerdì il Festival avrà inizio alle 19, quando gli spettatori si raduneranno nel foyer all’ingresso del teatro per poi essere accompagnati dai coreografi attraverso 6 performance, partendo da EGON – Site Specific di e con Leonardo Diana, progetto multidisciplinare incentrato sulla poetica dei pittori G.Klimt ed E.Schieleche i cui abbracci pittorici fanno emerge una sensazione che oscilla tra la voglia di unione e l’insofferenza, il lavoro vede impegnati un danzatore, due musicisti e un video artista; si continuerà con A corpo libero di e con Silvia Gribaudi, coreografa sempre attenta alle tematiche legate alla comunicazione del corpo e all’inclusività, che con questo lavoro che ironizza sulla condizione femminile a partire dalla gioiosa fluidità del corpo ha vinto il Premio Giovane Danza d’Autore nel 2009, ed è stato selezionato in Aerowaves Dance Across Europe, alla Biennale di Venezia, al Dublin Dance Festival, Edinburgh Fringe Festival; a metà strada IN-HABIT 3° studio sul concetto di muro di e con Francesca La Cava drammaturgia Anouscka Brodacz, si sviluppa attraverso un’accurata indagine sul concetto di muro, sull’esigenza sempre più presente nell’essere umano di creare e crearsi barriere, difensive ma al contempo escludenti, un viaggio multidisciplinare che contiene non solo diverse culture ma soprattutto diversi e rigenerati sguardi sull’arte contemporanea, sulla musica e sull’arte performativa; scombina i codici corporei che siamo abituati a conoscere Kokoro / Laboratorio del corpo coreografia e interpretazione di Luna Cenere, selezionato alla Vetrina Giovane Danza d’Autore - Azione Network Anticorpi XL, un lavoro di proiezione interiore, un dialogo con il corpo che, esposto nella sua nudità, si trasfigura e diviene veicolo poetico facendo emergere immagini appartenenti (e non) al mondo reale; grande attesa per R.osa_10 esercizi per nuovi virtuosismi di Silvia Gribaudi, in scena la straordinaria performer Claudia Marsicano - Premio UBU 2017 Nuova attrice Under 35. R.OSA è un lavoro che si inserisce nel filone poetico di Silvia Gribaudi, che con ironia dissacrante porta in scena l’espressione del corpo, della donna e del ruolo sociale che esso occupa con un linguaggio “informale”, ispirato alle immagini di Botero, al mondo anni 80 di Jane Fonda, al concetto di successo e prestazione; conclude il Festival la performance Outdoor Dance Floor ideazione, coreografia e regia Salvo Lombardo performer Daria Greco e Salvo Lombardo, ideata originariamente per lo spazio urbano è una piattaforma da ballo per spazi non ad esso deputati, lo spazio della sala da ballo è reinterpretato all’interno del luogo teatrale in cui il ballo e la musica diventano territorio di liberazione dei corpi e occasione per l’affermazione di una “politica” del corpo che trascende convenzioni sociali e di genere.

 

Si prega puntualità e si consiglia un abbigliamento comodo.

 

BIGLIETTI

ingresso tutti gli spettacoli € 15,00

ingresso solo spettacolo R.OSA intero € 18,00 - ridotto € 12,00

INFOLINE

0861.246773

Pagina 1 di 15

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione