Vasto. E’ stata firmata ieri mattina la consegna dei lavori per Via Osca. Alla firma erano presenti tra gli altri il presidente della Provincia di Chieti, Mario Pupillo, il sindaco di Vasto, Francesco Menna, il consigliere provinciale e comunale Vincenzo Sputore e Remo Grassi della ditta Asfalti Trigno aggiudicataria dei lavori.

“Inizieranno la prossima settimana i lavori di manutenzione dell’asfalto di Via Osca e alcuni tratti della zona industriale di Punta Penna. Interventi - ha spiegato il sindaco Menna - che si aggiungono a quelli già effettuati all’ingresso del casello autostradale di Vasto Nord. E’ doveroso ringraziare il presidente della Provincia, Mario Pupillo e il consigliere provinciale Vincenzo Sputore che più di tutti ha sollecitato questa opera importante. Ci auguriamo che dal prossimo anno si intervenga nuovamente su Via San Lorenzo altra arteria che ha necessità di manutenzione. Nonostante le poche risorse, arriva un gettito di finanza pubblica per il rifacimento delle strade provinciali. Finalmente questa via sarà percorribile senza problemi”.

Il consigliere provinciale Vincenzo Sputore ha ricordato che l’impresa avrà poco più di un mese per riconsegnare i lavori, ma all’atto della firma è stato evidenziato che potranno terminare con anticipo.
“Sono soddisfatto - ha concluso Vincenzo Sputore - di essere riuscito ad assicurare un intervento necessario che garantirà il transito in sicurezza”.

Montesilvano. Migliorare la viabilità e soprattutto la sicurezza stradale. Con questo obiettivo lunedì prenderanno il via alcuni lavori lungo via Colombo. Gli interventi, che avranno una durata di circa 30 giorni, riguarderanno l’allargamento di un tratto della carreggiata dove attualmente è presente una strettoia e l’eliminazione di un’anomalia altimetrica della strada.

Le opere consistono nella scarificazione del manto stradale, con contestuale abbassamento della quota, oltre all’allargamento del tratto interessato.

«Tali interventi - sottolinea l’assessore alle manutenzioni Paolo Cilli - sono particolarmente attesi dai residenti oltre che da tutti gli automobilisti che quotidianamente percorrono quella strada. Il dosso presente e la scarsa ampiezza della carreggiata in un determinato punto rappresentavano due problematiche di sicurezza che finalmente oggi possiamo risolvere. Il nostro obiettivo è quello di rendere la città sempre più sicura e questo aspetto riguarda, ovviamente, anche la viabilità. Oltre ai nostri controlli, tramite la Polizia municipale e i nostri tecnici, siamo sempre disponibili a rispondere alle esigenze dei residenti, cercando di trovare ogni volta una soluzione ai problemi che ci rappresentano».

Pescara. “E’ una delle più trafficate arterie cittadine. Il transito di auto, autobus e pedoni è davvero notevole ed è questo il motivo per cui con qualche giorno di anticipo annunciamo i lavori di manutenzione che riguarderanno la carreggiata stradale di via Ferrari. Partiranno con tutta probabilità mercoledì con l’allestimento del cantiere e verranno svolti solo nelle ore notturne. Questo naturalmente sarà possibile con l’allestimento di un cantiere sicuro ad opera della ditta e con l’aiuto della Polizia Municipale.

Siamo consapevoli che scuole, stazione e distributori devono essere accessibili di giorno, per questa ragione i lavori avranno questo particolare corso: inizieranno pertanto alle 21.00 e dureranno fino alle 7 per una settimana circa. Durante le ore di cantiere non sarà consentito il transito se non ai residenti, mentre tutto il traffico sarà dirottato su via Bassani Pavone, cioè la strada che scorre dinanzi alla stazione di Pescara, parallela a via Ferrari. Qualche sacrificio sarà inoltre richiesto ai residenti, che dovranno convivere per questo limitato lasso di tempo con il trambusto delle attività che sarà comunque moderato e concentrato nelle prime ore di lavorazione per evitare rumori a notte fonda.

E’ un lavoro molto atteso, che richiederà la fresatura di tutto il manto stradale di via Ferrari, dall’altezza dell’incrocio con via Pizzoferrato (Istituto Acerbo) fino all’incrocio con via Rigopiano, nonché il successivo ripristino del tappetino di asfalto e la sistemazione dei pozzetti. In un secondo momento, invece, dopo circa dieci giorni, verrà ripristinata la segnaletica stradale.

Non sarà compresa invece l’area della grande rotatoria tra i due sottopassaggi della Ferrovia e questo perché è già contenuta in un progetto che approveremo nei prossimi giorni.

Alla fine di entrambi i lavori riconsegneremo alla città una delle arterie più utilizzate per gli spostamenti, più sicura e più bella. Parliamo di 12.000 mq. di lavori e asfalti che dimostrano ancora una volta che laddove stiamo spendendo, lo stiamo facendo principalmente sulla manutenzione ordinaria, che abbiamo sempre considerato la maggiore opera pubblica di questa Amministrazione.

Infatti non è questo l’unico lavoro di manutenzione delle nostre vie cittadine. Mentre l’impresa continua a lavorare sul rifacimento della pavimentazione dismessa di Corso Umberto, in settimana abbiamo approvato un progetto importante in Giunta dell’importo di 500.000 euro e che riguarda la manutenzione di via Colle San Donato, via Colle Innamorati, via Arapietra e Strada Vicinale San Michele, nell’ottica di toccare tutto il territorio cittadino, dunque centro, ma anche e soprattutto aree decentrate. Per arrivare ai cantieri di questi interventi, siccome si tratta di devoluzione di risorse provenienti da vecchi mutui, occorrerà fare un passaggio in Consiglio Comunale prima della gara. Probabilmente saremo pronti per gennaio”. Lo afferma in una nota il vicesindaco di Pescara e assessore ai Lavori Pubblici, Antonio Blasioli.

Pescara. “Dopo via Bardet, via Modesto della Porta e via del Santuariol stamane sono partiti anche su Corso Umberto i lavori di manutenzione straordinaria del manto stradale: interventi su tutto il territorio cittadino, per un importo pari a circa 500.000 euro.

Come annunciato queste risorse non ci consentono di rifare intere strade, né interi marciapiedi, ma ci danno la preziosa possibilità di intervenire per eliminare quelle situazioni di pericolo che ci sono state segnalate dai cittadini o che sono state ispezionate dal servizio manutenzione del Comune, a partire dai marciapiedi e dai camminamenti pedonali.

Un lavoro iniziato in via del Santuario (lato monte), via Bardet (ultimo tratto), via Modesto della Porta (betonella), che da oggi prosegue su Corso Umberto e Piazza Salotto e andrà poi avanti anche sui marciapiedi in betonella di via Regina Margherita, viale Kennedy, Piazza Allende (ripristino dei cubetti di porfido), via Benedetto Croce (betonella dal civico 163 e successivi), via Doria (betonella), Piazza San Silvestro (betonella), via Figlia Di Iorio (betonella, via Tavo (Betonella), viale Sabucchi (betonella) e viale Muzii (betonella).

Terminati i lavori sui marciapiedi, inizieremo quelli con l’asfalto a caldo, con fresatura e ripristino del manto. Nei fatti in vista dell’inverno andiamo ad agire su punti dove dopo le piogge si creano buche e avvallamenti che rendono rischiosa la mobilità, creando dei veri e propri punti deboli della viabilità cittadina, che abbiamo ricoperto durante l’inverno con asfalto a freddo e che ora potremo chiudere definitivamente con un lavoro più accurato.

A tale proposito continua la mappatura della città, privilegiando le arterie più trafficate e di grande scorrimento. Interventi previsti quindi su via Caravaggio (nel tratto dalla rotatoria via Bernini verso Montesilvano), Colle Renazzo, via Maestri del lavoro d’Italia, via Arapietra, via Salara Vecchia, via Lago di Campotosto, via del Circuito (nel tratto compreso tra il Ponte delle Libertà e via Pian delle Mele), via Ferrari (dal sottopasso di via Michelangelo fino a via Arapietra), via Luisa d’Annunzio, via Marconi, via Caduta del Forte (dinanzi al cinema Massimo), via Celommi e via della Bonifica”. Lo afferma in una nota il vicesindaco di Pescara e assessore alla Manutenzione, Antonio Blasioli.

Pescara. “Nella giornata di ieri ono andato a fare un sopralluogo per verificare l’avanzamento dei lavori nei nidi La Mimosa e La Conchiglia di via Benedetto Croce e via Vespucci, dove sono in dirittura di arrivo gli interventi di adeguamento sismico, messa in sicurezza, efficientemente energetico e riqualificazione per un totale di oltre 600.000 euro.

In via Benedetto Croce i lavori sono praticamente finiti, in via Vespucci la ditta sta facendo gli ultimi interventi e presto i bambini potranno tornare nei rispettivi nidi d'infanzia che li accoglieranno al meglio e saranno oltre che più belli anche più sicuri.

Prima che la nostra Amministrazione si insediasse la sicurezza è stata solo un progetto da realizzare, chiuso nei cassetti o reiterato di fronte alla carenza di fondi pronti da usare, noi appena insediato non solo abbiamo cercato e stanziato risorse per trasformarla in fatti concreti, ma abbiamo avviato verifiche necessarie a rendere sicure le scuole e poi abbiamo progettato gli interventi dovuti, aperto i cantieri e operato, via via, su piccoli e grandi edifici che oggi sono finalmente a norma e all'avanguardia.

Tanti lavori sono ancora in corso e altri in fase di progettazione, non abbasseremo mai l'attenzione sulle scuole, che con la manutenzione della città sono la nostra priorità.

Ci rivedremo presto per inaugurare i due nidi di Porta Nuova dove abbiamo investito. Anche questo era un impegno e ora è realtà!”. Lo afferma in una nota l’assessore all’Istruzione del Comune di Pescara, Giacomo Cuzzi.

Pescara. Iniziati in via Calderone gli attesissimi lavori di riqualificazione dell’intera sede stradale. Sul posto stamane il sindaco Marco Alessandrini con il vicesindaco Antonio Blasioli, i consiglieri comunali Piero Giampietro e Fabrizio Perfetto, il progettista Luca Michetti e la ditta hanno illustrato gli interventi ai residenti, con i quali il progetto è stato condiviso.

“Si tratta di un importante tassello alla viabilità di questa zona – così il sindaco Marco Alessandrini– Siamo venuti a fare più di un sopralluogo nella zona per verificare la fattibilità dell’intervento che è stato reso possibile con la permuta di due terreni fra Comune e un privato che abita sopra la strada. Sarà una importante via di collegamento con via di Sotto, che è stata a lungo cercata. Ci fa piacere che in breve tempo questo progetto abbia preso forma e sia diventato cantiere, perché realizza le istanze che più volte sono state rappresentate dai residenti negli anni e crea una vera fluidificazione del traffico di via di Sotto, che attraverso questa strada potrà essere meglio collegata alla perte alta dei Colli”.

“I lavori nascono infatti per potenziare il collegamento tra Via di Sotto e Strada Pandolfi – aggiunge il vicesindaco e assessore ai Lavori Pubblici Antonio Blasioli– Tutto questo avviene attraverso una vera riqualificazione di una strada rimasta per anni chiusa e abbandonata, perché di proprietà privata e utilizzata solo per il passaggio pedonale, peraltro non in sicurezza. Grazie al buon esito della permuta avuta con il proprietario dei terreni che ha ottenuto in cambio un piccolo appezzamento comunale di pari valore, limitrofo alla propria casa, oggi possiamo allargare la strada, che sarà a senso unico da via di Sotto verso Strada Pandolfi, ma ci sono le distanze anche per una via a doppio senso, se in futuro verrà ritenuta più utile, rifare interamente la carreggiata e sistemare i sottoservizi. Oltre a marciapiedi e corsia stradale, il progetto prevede anche diversi posti macchina sul lato destro, soddisfacendo così anche la richiesta di parcheggi che arriva dai residenti. Il progetto è ricompreso nella lista di interventi da 840.000 complessivi, aggiudicato alla Punto S.r.l. di Caserta, per un importo che da contratto e al netto dei ribassi è pari a 451.000 euro riguarda, inoltre via Trieste, anche via Passolanciano (case popolari), il parcheggio di via delle Casette vicino alla scuola, via Salvatore Tommasi (tra via Bernabei e via Vespucci) e un miglioramento all’accesso della scuola Montale Carducci (comprensivo 10 di strada vicinale Bosco) a cui prevediamo un nuovo ingresso dallo slargo parcheggio di via del Santuario (a causa della trafficatissima e piccolissima strada vicinale Bosco) per gli alunni della scuola secondaria. Fra questi c’è via Calderone con la realizzazione della strada di collegamento tra via di Sotto e Strada Pandolfi per un ammontare di 100.000 euro e un mese e mezzo di lavori. La strada agevolerà anche l’affluenza alla chiesa di San Giovanni Battista, frequentatissima dalla comunità dei Colli, rendendo più fruibile entrambe le strade di questa parte di città”.

“Il cantiere appena partito è il frutto di 4 anni di incontri con i residenti - spiega il consigliere comunale Piero Giampietro- che da decenni aspettavano questo intervento. La vita del quartiere è cambiata radicalmente con la realizzazione della chiesa di San Giovanni e San Benedetto, che è diventata un centro culturale e aggregativo per migliaia di famiglie: ecco perché arriva finalmente una strada adeguata, illuminata e con i parcheggi, che unirà Via di Sotto a Strada Pandolfi in sicurezza, senza ripetere gli errori del passato quando ai Colli sono state realizzate strade-imbuto molto insicure. Mi sento di ringraziare i residenti delle vie Calderone e Marchegiani che hanno compreso l'importanza di questo cantiere per l'intero quartiere, rendendosi parte attiva e dando importanti contributi alla progettazione”.

“Un intervento atteso da tanti anni quello di via Calderone – aggiunge il consigliere Fabrizio Perfetto- la parrocchia è diventata un centro polivalente ed è molto grande e la strada era precaria, migliorerà tutta la mobilità correlata e parcheggi compresi che in questa zona sono preziosissimi e darà maggiore tutela soprattutto per le utenze deboli, perché è fornita di marciapiedi e illuminazione che la renderanno maggiormente praticabile”.

Pescara. Il Genio civile che afferma l’avvenuto adempimento alle sue prescrizioni idrauliche non è l’ufficio che può autorizzare la ripresa dei lavori per il cosiddetto “Megalò2”e nelle sue comunicazioni si lascia andare a considerazioni che non sono di sua competenza. Ci si aspetta un intervento della Regione con un chiarimento che restituisca a ciascuno dei propri uffici i limiti delle rispettive competenze. E anche le autorizzazioni a suo tempo concesse dai Comuni non hanno valore alcuno in assenza di parere favorevole del Comitato VIA. Non a caso ci sono stati ricorsi al TAR di Pescara sia da parte proprio della Regione (che ha chiesto l’annullamento di quanto deciso dalla conferenza dei servizi del Comune di Cepagatti, che ha assurdamente preteso di interpretare i giudizi negativi del Comitato VIA spendendosi nei fatti in favore delle costruzioni a ridosso del fiume) sia da parte della SILE, la ditta oggi titolare del progetto già SIRECC, che chiede al contrario l’annullamento dei giudizi negativi espressi e ribaditi in varie sedute proprio dal Comitato VIA. Il TAR ha stabilito che le udienze di merito si terranno l’8 febbraio 2019. Fino a quella data bisogna solo attendere…

Il WWF, che parteciperà alle udienze dell’8 rispettivamente in appoggio alla Regione e contro la SILE, ha anche notificato, attraverso l’avvocato Francesco Paolo Febbo, un ricorso alla giustizia amministrativa contro la proroga dei titoli edilizi concessa dal SUAP Chietino-Ortonese sulla base della contestata conferenza di servizi di Cepagatti. E anche su questo dovrà pronunciarsi il TAR.

La questione principale però è un’altra: “Il fatto che si voglia a ogni costo cercare di continuare a costruire a due passi dal fiume – è questo l’amaro commento del WWF – dimostra solo una cosa: che la tragedia di Rigopiano e le tante alluvioni che si sono succedute in questi anni non hanno insegnato nulla. La prima regola per la prevenzione dovrebbe essere quella rispettare i territori: aree di pertinenza fluviale, a rischio idrogeologico o soggette a smottamenti e valanghe. Invece si insiste come se nulla fosse nel silenzio assordante di una politica attualmente impegnata esclusivamente nella ricerca dei voti e ben attenta a non scontentare nessuno”.

Su Megalò ci sarebbero infinite cose da dire, a cominciare dalla realizzazione senza valutazione di impatto ambientale in virtù di una legge illegittima rimasta in vigore pochi mesi all’argine realizzato non come da progetto ma più corto e con un’appendice inutile e anzi dannosa; dallo sperpero di denaro pubblico alla superficialità con la quale i frequentatori dell’area sono stati per anni esposti a un potenziale rischio alle infinite varianti presentate negli anni (in una circostanza persino una pista di sci al coperto modello Dubai!) di un progetto che sembra avere un solo obiettivo: costruire a ogni costo, a dispetto del danno ambientale e paesaggistico e di quelli sociali ed economici che hanno devastato l’intero territorio circostante e ridotto Chieti a una periferia in crescente stato di abbandono, anche in questo caso nel totale silenzio dei suoi rappresentanti politici e delle associazioni che dovrebbero battersi a tutela della città. Ma lo sa il Ministero dei Lavori Pubblici che soldi destinati alla riqualificazione urbana (PRUSST è l’acronimo di Programmi di Riqualificazione Urbana e di Sviluppo Sostenibile) sono stati invece impiegati per costruire a ridosso di un fiume? Sarebbe ora che anche il Ministero, dopo tanti anni di indifferenza, intervenisse finalmente per chiudere i rubinetti del denaro pubblico e porre così fine a una vicenda che ha creato infinite polemiche e palesi danni al territorio e all’ambiente.

San Salvo. Per una settimana, da lunedì 24 settembre al lunedì successivo 1° ottobre, traffico limitato nel sottopasso ferroviario in contrada Stazione a San Salvo Marina per consentire la sostituzione delle griglie poste sulla sede stradale.
L’assessore comunale alla Manutenzione Giancarlo Lippis ha predisposto l’intervento straordinario di sistemazione per garantire la sicurezza nel transito dei mezzi.
Per tale scopo è stato istituito, con ordinanza del comando della Polizia Locale, il senso unico alternato.

Pescara. “I lavori del cantiere del mercatino entico e dell’integrazione non sono affatto bloccati. Nella giornata di oggi la ditta che si è aggiudicata l’appalto ha proceduto alla demolizione di un muro e riprenderà le attività nella giornata di lunedì.

Questo accadrà secondo il cronoprogramma deciso dal direttore dei lavori e secondo l’organizzazione che la ditta si è data per dare esecuzione al capitolato del progetto approvato in Consiglio Comunale”. Lo afferma in una nota il sindaco di Pescara, Marco Alessandrini.

Vasto. Sono iniziati i lavori sulla Statale 16 a Vasto Marina per la realizzazione di due rotatorie: la prima al Km 518,300 intersezione con innesto Via Martiri Istriani, l’altra al km. 517,700 intersezione con innesto Via Donizetti.
“Sono soddisfatto - ha spiegato il sindaco di Vasto, Francesco Menna - di questo importante intervento che permetterà di garantire la sicurezza sulla trafficatissima arteria. Lavori che sono la testimonianza dell’impegno profuso al fine di realizzare un’opera pubblica necessaria quale onere assunto nei confronti della Comunità”.

“La costanza - ha aggiunto l’assessore ai Lavori Pubblici, Giuseppe Forte - dà sempre buoni frutti. Il pressing esercitato nei confronti dei vertici dell’ANAS ha portato al conseguimento di questo importante risultato che consentirà di razionalizzare e migliorare la circolazione veicolare in uno dei punti strategici della Statale 16 Adriatica. Le due rotatorie verranno realizzate in tempi brevi dall’impresa molisana che ha vinto la gare di appalto, esperita a livello nazionale dall’ANAS. I tecnici del Comune di Vasto - ha concluso Forte - seguiranno attentamente l’esecuzione dei lavori, al fine di dare risposte alle attività commerciali direttamente interessate dalla presenza delle due nuove rotatorie. In questa circostanza mi preme ringraziare i vertici dell’ANAS ed in particolare gli ingegneri: Castiglioni, Ruocco e Aiello”.

Pagina 1 di 15

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione