Il Chieti Calcio Femminile batte il Salento Women 3-0 ma lascia la Serie B

Chieti. Verdetto crudele e difficile da mandare giù all’Angelini: nell’ultimo turno del campionato il Chieti Calcio Femminile batte il Salento 3-0, ma la concomitante vittoria della Roma Decimoquarto contro la Roma fa sì che le neroverdi debbano purtroppo lasciare la Serie B.

La squadra di mister Lello Di Camillo disputa una partita encomiabile dando l’anima in campo e buttando il cuore oltre l’ostacolo, ma stavolta non basta. Si diceva verdetto crudele: la classifica è impietosa e decreta il finale di una stagione che per le teatine rimane comunque eccezionale. Chieti 48 punti al quarto posto e Roma Decimoquarto terza a 50 con quest’ultima che dunque l’anno prossimo manterrà la categoria. Non è bastata neanche la splendida vittoria in trasferta lo scorso turno proprio contro le dirette concorrenti capitoline per arrivare a quel terzo posto che Giulia Di Camillo e compagne hanno occupato per larghissima parte della stagione e che avrebbero sicuramente meritato di ottenere alla fine. Tanto il rammarico dunque per un obiettivo sfuggito per pochissimo. Ad inizio anno in pochi forse avrebbero sperato di poter lottare fino all’ultima giornata per raggiungerlo e, perderlo in questo modo, scotta ancora di più. Contro il Salento formazione obbligata per mister Lello Di Camillo costretto a rinunciare al suo capitano Giada Di Camillo per squalifica: in campo ancora una volta dal primo minuto La Mattina e ritorno in attacco da titolare per Pica. Proprio quest’ultima ripagherà la fiducia del suo allenatore con una splendida doppietta. L’altra rete del Chieti arriverà grazie ad un’altra prodezza di Vukcevic.

Pronti, via ed è subito Chieti: al primo minuto di gioco l’occasionissima per passare in vantaggio nasce da un cross al centro di Tagliaferri per Pica che sola davanti al portiere Mariano spedisce incredibilmente alto. All’8' su angolo di Vukcevic gran colpo di testa di Antonsdottir, il pallone finisce fra le braccia di Mariano. Al 14' azione solitaria di Cazzato che fa fuori due difensori neroverdi, entra in area e sferra un diagonale che dà l’illusione del gol con il pallone che colpisce l’esterno della rete. Al quarto d’ora su rinvio di Balbi, Vukcevic serve di testa Tagliaferri che in posizione centrale prova la conclusione, ma alza di poco la mira. Al 16' su una punizione di Giulia Di Camillo leggera incertezza di Mariano che blocca in due tempi. Al 24' grande azione di Vukcevic sulla fascia, palla al centro, Pica smorza il pallone per l’accorrente Antonsdottir che tira alto. Ancora Chieti in attacco con l’imprendibile Tagliaferri che crossa per Vukcevic la cui conclusione finisce ancora alta. Alla mezzora azione in solitaria di Benedetti che prova dalla distanza, ma la sua conclusione sorvola di molto la traversa. Al 32' una dirompente Vukcevic supera un difensore con un gran dribbling e deposita in rete con un rasoterra a fil di palo: un altro gol capolavoro per l’attaccante neroverde. Due minuti dopo punizione di Giulia Di Camillo dalla fascia, Mariano respinge coi pugni, arriva in corsa Pica che stoppa il pallone e tira raddoppiando per il Chieti. Al 37' dribbling di Tagliaferri che prova la conclusione che viene respinta da un difensore, la palla arriva sui piedi di Pica che segna la terza rete per le neroverdi. Si va al riposo con un rassicurante 3-0 per il Chieti e un orecchio al risultato di Roma.

Al 2' della ripresa un rimpallo difensivo in area neroverde provoca un grande pericolo con la palla che viaggia piano verso la porta per finire di un soffio a lato. Angolo di Vukcevic al 7', colpisce bene di testa Gangemi, palla a lato. Un minuto dopo è Vukcevic a rendersi pericolosa, ma è brava Mariano a deviare in angolo la sua conclusione ravvicinata. Al quarto d’ora Giulia Di Camillo su calcio di punizione mette un invitante pallone al centro, girata volante di Tagliaferri a lato di un nulla. Al 19' Tagliaferri si invola per l’ennesima volta sulla fascia, Pica si avventa sulla palla e coglie in pieno il palo. Vengono poi espulse nel Salento prima Pinto e poi l’allenatrice Indina Vera. Anche Gangemi nel Chieti deve lasciare il terreno di gioco al 40' quando rimedia il secondo giallo e il conseguente rosso. Non succede più nulla fino al termine della gara: i novanta minuti dell’Angelini sanciscono dunque un finale che nessuno avrebbe mai voluto con le neroverdi che, nonostante una grande stagione disputata sempre ai massimi livelli e con la costante presenza in alta classifica, perdono dunque la Serie B per soli due punti che la separano dalla Roma Decimoquarto.

Tabellino della gara:
Chieti Calcio Femminile -Salento Women 3-0
Chieti: Balbi, Ferrazza (27'st Falcocchia), Benedetti, Vukcevic (46'st Di Domizio), Di Camillo Giulia, Tagliaferri, Gangemi, Carmosino (15' st Coscia), La Mattina, Antonsdottir, Pica. A disp.: Diodato. All.: Di Camillo Lello.
Salento Women: Mariano, Viva, Zaccaria, Ouacif (1' st Pinto), Coluccia, D'Amico, Felline, Costadura, Cazzato, Bruno (1'st Cucurachi), Vitti (27'st Aprile). All.: Indino Vera.
Arbitro: Petrov di Roma 1
Assistenti: Capirchio e Di Rocco di Pescara.
Marcatrici: 32'pt Vukcevic, 34'pt e 37'pt Pica
Ammonite: Vukcevic (Ch), Zaccaria (S).
Espulse: Gangemi (Ch); Pinto (S). Allontanata dal campo per proteste l'allenatrice Indina Vera (S).


Intervista post partita a Giulia Di Camillo: “Sono molto orgogliosa di questa squadra perché, al di là del verdetto finale, può uscire a testa alta dalla competizione. Le mie lacrime non sono scese per il mancato raggiungimento di un risultato sportivo (sappiamo tutti che il nostro obiettivo non era rientrare fra le prime tre, ma ripartire), ma perché la mia squadra del cuore nel momento in cui si è ritrovata a sognare ha potuto farlo fino a un certo punto. Abbiamo perso punti per strada, in linea con le nostre dirette concorrenti, il finale però non l’ho trovato corretto anche se ce lo aspettavamo. Evito di citare terzi, a ognuno riservo la propria dimensione, sottolineo soltanto l’immensa dignità del Chieti Calcio Femminile, società che si distingue sempre per i valori che trasmette alle proprie atlete e al mondo del calcio. Poi, un’altra cosa: le squadre possono scendere e salire di categoria, ma mai nessuno (e niente) potrà cancellare la storia, quella resta: sarò eternamente felice per esserne parte. Adesso staccherò la spina e penserò esclusivamente al mio matrimonio con Luigi, il 18 agosto nella chiesa più bella del mondo: San Giustino, Cattedrale di Chieti. Non me ne voglia il calcio, ma l’appuntamento più importante del 2018 è quello. E ringrazio lui, l’amore della mia vita, sempre accanto a me nei momenti felici e in quelli più tristi. Dedico a lui i miei 12 goal stagionali. E sono felice di aver salutato i tifosi sventolando la bandiera neroverde. L’orgoglio e l’onore possono guardare le stelle. Ci nasci, non ci diventi. Sempre Forza Chieti. Per le mie compagne un solo messaggio: il fuoco dentro ce l’abbiamo solo noi”.

Valuta questo articolo
(0 voti)

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione