Articoli filtrati per data: Ottobre 2016

L'Aquila. Il Presidente del Consiglio dei Ministri ha comunicato, in sede di Consiglio dei Ministri convocato ad hoc, alla presenza dei 4 Presidenti delle Regioni interessate, che tutti i danni ulteriormente riportati dal patrimonio privato, pubblico e religioso nei comuni interessati dal sisma del 30 di ottobre troveranno copertura finanziaria. Inoltre ha riscontrato favorevolmente la richiesta dei Presidenti di Regione di adottate una normative capace di velocizzare le verifiche di resistenza strutturale degli edifici poichè sono rilevantissime le richieste ricevute.
La mappatura dei danni è dinamicamente integrata in relazione alle segnalazioni di protezione civile, genio civile, uffici tecnico comunali, vigili del fuoco e arma dei carabinieri. Oggi ho rappresentato a Palazzo Chigi che finora i Comuni che hanno riportato danni sono 45 con duemila sfollati. Continuiamo a raccogliere situazioni descrittive di lesioni, danni e crolli che naturalmente includiamo nella tavola di censimento che poi riattiverà nuovamente la macchina degli accertamenti strutturali del patrimonio privato e pubblico.

Pubblicato in Politica

Pescara. Giovedì 4 novembre, alle 21.00, sul palco del Supercinema di Chieti, dodici medici si toglieranno il camice e vestiranno per una sera i panni degli artisti: daranno vita allo spettacolo "B-Story. L'altro lato dei medici". Insieme a due ospiti d'eccezione, l'attore Edoardo Siravo e il Maestro Davide Cavuti faranno conoscere al pubblico il loro lato nascosto fatto di canzoni, cabaret, recitazione e molto altro. Sarà la serata di beneficenza per la Ada Manes Foundation for Children Onlus, supporto ai progetti che la Fondazione da Pescara promuove per la chirurgia pediatrica nei Paesi a risorse limitate.

La Ada Manes Foundation for Children Onlus sta sviluppando la sua mission organizzando progetti di formazione di chirurghi pediatri in diversi Paesi a risorse limitate come Etiopia, Tanzania e Haiti, in rete con altre associazioni non profit del territorio nazionale.

"Ci sono realtà molto difficili e molto lontane - spiega Maria Grazia Andriani, presidente della Ada Manes - che hanno bisogno di professionalità che possano contribuire a rendere l'infanzia di un bambino così come deve essere, ricca di un futuro normale. La chirurgia pediatrica in molti paesi è totalmente assente e vogliamo contribuire perché possa nascere ed essere d'aiuto. Abbiamo organizzato un appuntamento insieme ad altri colleghi, sensibili al problema, per far divertire e far apprezzare il loro lato segreto che molti non conoscono, sperando che anche questo possa aiutare a trovare un sostegno per le nostre attività".

La Fondazione oltre ad aver donato una sala operatoria per gli interventi ambulatoriali pediatrici alla U.O.C. di Chirurgia Pediatrica di Pescara, dal gennaio 2015 ha collaborato a tre missioni di Chirurgia pediatrica presso l'Hewo Hospital di Quhià – Tigray -Etiopia, a due missioni in Tanzania presso il Consolata Hospital di Ikonda e preso parte al progetto della creazione della Chirurgia Pediatrica presso l'Hopital Saint Damien di Port au Prince in Haiti. Tra le altre attività di rilievo, un progetto di formazione rivolto a due medici della città di Goma della Repubblica Democratica del Congo, svolto presso la Chirurgia Pediatrica dell'Ospedale di Pescara cui è stata destinata anche una borsa di studio per una giovane Chirurga Pediatra per un progetto di ricerca.

Pubblicato in Cultura e eventi

Francavilla al Mare. "Il sindaco di Francavilla, Antonio Luciani, ha ripreso l’offensiva per la demolizione di palazzo Sirena, lo storico edificio, simbolo della città di Francavilla al Mare".

Si legge così in una nota di Pierfrancesco Fimiani, portavoce comitato Risorgi Sirena, che aggiunge: "Il comitato Risorgi Sirena, preoccupato ma non rassegnato, sta lavorando alacremente per evitare questa scellerata operazione. Tante persone si sono unite a noi con attestazioni di condivisione e vicinanza. Tra queste vi è la netta presa di posizione del noto regista e sceneggiatore Luciano Odorisio che conosce bene la città e il valore storico e simbolico della Sirena. Alleghiamo al presente comunicato la sua lettera, struggente e severa, con preghiera di pubblicazione. A breve seguiranno altre significative iniziative".

Pubblicato in Politica

Pescara. Sisma, attenzione a falsi dipendenti comunali. Nessun tecnico incaricato dal Comune di Pescara sta effettuando ispezioni all’interno di abitazioni private. Questa mattina ci è stato segnalato che individui, spacciandosi per dipendenti comunali e mostrando falsi tesserini, si stanno introducendo negli appartamenti per controlli post sisma. Il Comune di Pescara non ha incaricato nessun dipendente a tal riguardo. Per tale ragione, chiunque riceva visite del genere presti la massima attenzione e avvisi le forze dell'ordine. Si chiede la più ampia divulgazione.

Pubblicato in Cronaca

Montesilvano. Turno infrasettimanale per il campionato di serie B. Il Montesilvano attende al PalaRoma il Cus Ancona (fischio d’inizio ore 16, ingresso gratuito), per una sfida che si preannuncia di grande equilibrio. Entrambe le squadre sono infatti posizionate a quota 9 punti in classifica, ed entrambe sono reduci da vittorie: i marchigiani hanno facilmente superato il fanalino di coda Eta Beta per 5-1, mentre molto più significativo è stato, per il valore dell’avversario e per la difficoltà della trasferta, il successo abruzzese a Cesena.
Si tratterà dell’ultima tappa di un vero e proprio tour de force per molti dei ragazzi a disposizione di mister Marzuoli, che dopo la gara in terra romagnola di sabato hanno affrontato il giorno dopo il Pescara Under 21 e domani, per la terza volta in quattro giorni, saranno chiamati nuovamente a scendere in campo. Assieme a loro, tuttavia, ci saranno i “senatori” che con la loro classe e i loro gol stanno trascinando il Montesilvano: parliamo naturalmente di Júnior e Morgado, autori rispettivamente di quattro e cinque reti nelle ultime due vittorie. Con loro e con il resto del roster a disposizione, mister Marzuoli punta al terzo successo consecutivo, capace di far compiere un importante balzo in avanti in classifica e che dia continuità, sul piano del gioco e della prestazione, alla gagliarda partita di Cesena. L’ultima partita in casa, il derby pur vinto contro Hatria, lasciò infatti molto insoddisfatto il tecnico biancazzurro: l’attitudine e la concentrazione mostrate in trasferta dovranno ora essere una costante di tutte le gare del Montesilvano, con l’obiettivo di vivere, anche in questa stagione di serie B, un campionato da protagonisti.

Pubblicato in Sport

Chieti. "A poche ore dall'ultimo devastante sisma siamo nuovamente di fronte al problema rappresentato dalla sicurezza degli edifici scolastici e degli edifici pubblici in generale. Luoghi che ci si aspetta siano sicuri e possano essere presi quali punti di riferimento in caso di emergenza da parte dei cittadini".

 Così in una nota i due consiglieri comunali del Movimento 5 Stelle di Chieti, Ottavio Argenio e Manuela D'Arcangelo, che aggiungono: "Purtroppo prendiamo atto che non è così, che nonostante gli sforzi economici fino ad oggi compiuti, non sappiamo nemmeno quale sia il reale grado di vulnerabilità sismica degli immobili che ospitano le suole superiori e degli edifici pubblici in generale. Eppure dall'ormai lontano 2009, tutti sappiamo che la priorità è quella di migliorare o addirittura azzerare la vulnerabilità sismica del nostro territorio. Oggi più che mai allora occorre fare quadrato, serve che la cittadinanza tutta faccia sentire la sua voce ed usi le istituzioni locali come cassa di risonanza per far arrivare le istanze - non più differibili - del territorio presso le istituzioni dello Stato che hanno l'obbligo di garantire la sicurezza dei cittadini prima di ogni altra cosa, prima di ogni altro progetto faraonico, che sia un'autostrada o un ponte sulle stretto. Il MoVimento 5 Stelle di Chieti chiede che il Sindaco Di Primio voglia convocare quanto prima un tavolo di confronto con i rappresentanti del Governo, sia per avere chiara la situazione della vulnerabilità sismica di tutti gli immobili pubblici, comprese le scuole, sia per trovare una soluzione che vada oltre i meri proclami, oltre le semplici rassicurazioni".

 "Siamo disponibili a collaborare in questo particolare momento e su questo importante aspetto - concludono Argenio e D'Arcangelo - ma vogliamo sapere cosa si sta facendo, in concreto, per verificare la sicurezza degli edifici pubblici e di quelli che ospitano le scuole di secondo grado e vogliamo sapere come vuole agire il Governo per assicurare la sicurezza dei cittadini, con quali fondi e con quali tempi".

Pubblicato in Politica

Lanciano. CasaPound Italia interviene a Lanciano in merito al mancato funzionamento dei semafori stradali in contrada Marcianese, dopo le numerose segnalazioni ricevute dai cittadini.
"Siamo alle solite - afferma Marco Pasquini, responsabile di CasaPound Italia Lanciano - I cittadini per l'ennesima volta sono stati costretti a rivolgersi a noi a causa dell'indifferenza dell'amministrazione comunale che, anche in questo caso, non presta attenzione alle problematiche delle contrade, su cui pure aveva basato la campagna elettorale per la rielezione, promettendo di farne il ‘giardino della città’. Promessa elettorale, questa, che a quasi sei mesi dalle elezioni non sembra affatto concretizzarsi".
"I semafori di contrada Marcianese - prosegue la nota - garantiscono la corretta immissione dei veicoli dalle vie secondarie laterali nella strada principale che attraversa la contrada. Ora, con i semafori spenti, gli automobilisti si vedono obbligati ad occupare un' intera corsia per avere visibilità e procedere con la manovra di svolta."
"Pertanto, come per il manto stradale dissestato e la segnaletica orizzontale mancante, anche in questa occasione - conclude Pasquini - esigiamo, prima che accadano eventi spiacevoli, un necessario intervento di ripristino da parte delle autorità della funzionalità dei semafori, prima che possano verificarsi incidenti ."

Pubblicato in Politica

Chieti. L’assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Chieti, Raffaele Di Felice, ha illustrato i lavori recentemente ultimati al Cimitero ed ha parlato delle iniziative intraprese in occasione delle festività dei prossimi giorni.
“Quest’anno si è investito meno a livello floreale, ma questo aspetto ci sarà comunque – ha sottolineato l’assessore – il prossimo 4 novembre si recupererà la chiusura del 15 ottobre. Abbiamo chiesto di mettere in sicurezza tutti i passaggi comunali, almeno quelli privi di ringhiera con un importo di 30 mila euro con cui sono stati realizzati dei parapetti metallici. Abbiamo messo a norma i viali comuni ed i corpi illuminati per un importo di 78.300 euro, abbiamo fatto delle scelte di sicurezza. A partire da questa settimana saranno a disposizione 212 nuovi loculi con un importo di 408 mila euro, questo non risolve la problematica per anni ma risolve l’emergenza che si era creata. C’è una negatività che si deve risolvere assolutamente che è quella delle lampade votive, il 50% di queste ultime non funzionano. Questo è dovuto ai collegamenti lungo l’asse viario e bisogna aggiustarle, il nostro impegno è che subito dopo le feste questa situazione verrà messa a norma, chi farà richiesta pagherà il 50% anziché la somma totale. Stiamo lavorando per un nuovo regolamento del Cimitero che riguarderà sia quello vecchio che quello nuovo che sorgerà a Chieti Scalo. Per questi giorni di festa ci saranno due bus navetta che circoleranno con continuità”.

Pubblicato in Cronaca

Chieti. Questa mattina, nel corso di una riunione nell’ufficio del sindaco di Chieti, Umberto Di Primio, con i responsabili degli uffici tecnici di Comune e Provincia e alcuni rappresentanti delle associazioni di volontariato di Protezione Civile, sono state individuate le azioni da porre in essere nell’immediatezza al fine di effettuare le verifiche sul patrimonio immobiliare comunale e di competenza della Provincia, a cominciare dagli istituti scolastici.
“Questa mattina ho incontrato i rappresentanti della Provincia – ha detto il sindaco Di Primio – ho deciso di incontrarli perché sul nostro territorio abbiamo anche scuole provinciali ed ho chiesto delle verifiche nelle scuole. Il 25 agosto avevo già scritto al direttore generale della Asl, al presidente della Provincia e al rettore per le verifiche. Abbiamo fatto dei controlli a livello immediato affinchè ci siano delle ispezioni perché se c’è un crollo è facile chiudere, invece se c’è una fessura è più difficile perché c’è da vedere se è stata generata dal terremoto. Mi sono sentito con Intorbida e poi abbiamo proceduto con le verifiche al Teatro Marrucino e al Barbella dove non abbiamo trovato delle problematicità particolari così come allo Stadio e al PalaTricalle. Al Cimitero ci sono delle piccole lesioni sul muro perimetrale al lato di via Ettore Ianni, è caduta solo una lapide che forse non era affissa bene. Altre situazioni le abbiamo sistemate con l’intervento degli operai. Abbiamo avuto delle rotture del sistema idrico (non più di due). Abbiamo ricevuto alcune chiamate per delle criticità in alcune abitazioni, poi sono intervenuti i Vigili del Fuoco. Ci sono dei casi nelle case popolari, ad esempio in via Albanese, dove comunque non c’è stato bisogno di interdizioni, abbiamo invece scoperto su un balcone una discarica abusiva. In via dei Palmensi abbiamo una via che stiamo facendo verificare, ma anche lì i Vigili del Fuoco hanno detto che non c’è alcun pericolo. È chiaro che ora occorrono delle verifiche, ho voluto questo incontro con la Provincia perché occorrono dei controlli negli edifici, anche quelli scolastici. Dalle 14.30 ho disposto l’apertura del Coc (Centro Operativo Comunale), non perché ci siano delle situazioni di emergenza ma perché in questo modo i possono effettuare delle verifiche nelle abitazioni private. Per quanto riguarda il problema delle Chiese abbiamo chiesto al vescovo quali sono le strutture da verificare con l’aiuto della Soprintendenza. Inoltre stanno girando delle persone che si spacciano per dei tecnici comunali: invitiamo i cittadini a fare attenzione perché le verifiche nelle abitazioni private possono essere effettuate solo dopo le loro richieste”.

Pubblicato in Cronaca
Domenica, 30 Ottobre 2016 00:00

La Proger cede al Mantova nell’over time

Chieti. Le Furie scendono in campo con Venucci, Golden, Davis, Sergio e Mortellaro; coach Martellassi risponde con Giachetti, Corbett, Daniels, Amici e Candussi. La Proger inizia l'incontro in maniera solida e compatta: dopo quattro minuti di gioco, complice la difesa virgiliana, Chieti è avanti 15-6. Sotto le plance Mortellaro domina in attacco e in difesa, creando non pochi grattacapi alla difesa impostata da coach Martelossi.

Mantova, dal canto suo, cresce con il passare dei minuti, affidandosi alle rapide ripartenze di Corbett, ai punti preziosi di Casella, subentrato ad un Daniels non pervenuto, e alla precisione chirurgica dall'arco, con l'80% a referto. Questi elementi porteranno Mantova a toccare il primo vantaggio (23-24) quando manca un minuto al termine del quarto. Galli chiama timeout per riordinare le idee ai suoi, ma Mantova chiude la prima frazione in vantaggio per 27-25.

Nel secondo quarto, Mantova prova a prendere il largo con Bryan e Amici, la Proger risponde con le triple di Davis, anche se non sono sufficienti per materializzare il vantaggio. I teatini non sono particolarmente fortunati al tiro: i tiri aperti dei cecchini biancorossi finiscono sempre sul ferro. I virgiliani conducono l'incontro senza particolari patemi ma quando Vencato manca l'appuntamento con il più facile dei canestri a Candussi viene fischiato fallo antisportivo, il quarto personale. Una brutta tegola per Martelossi, perché il centro di Mantova nel corso del secondo periodo aveva ben chiuso Chris Mortellaro, fermo a quota 11 punti. Nonostante ciò, al termine del quarto Mantova è avanti di 6 punti (40-46), con Casella(12) ed Amici (11) best scorer per gli 'Stings'; per Chieti, 11 punti per Chris Mortellaro e 10 per Cade Davis.

Alla ripresa dall’intervallo lungo, entrambe le squadre presentano gli stessi quintetti di partenza. Davis accorcia le distanze con una velenosa penetrazione, ma Corbett gela gli entusiasmi del PalaLeombroni con una tripla allo scadere dei ventiquattro secondi (42-49). Sergio infiamma nuovamente il pubblico con una bomba (45-49), ma Mantova di esperienza riesce a controllare il volenteroso attacco della Proger. Con il coltello tra i denti, la Proger tenta di rimettere in carreggiata l'incontro ma perde Davis gravato di quattro falli e, al termine dei trenta minuti, Mantova conduce ancora di sette lunghezze (54-61).

Nell’ultimo periodo, Mantova tocca subito i +9 di vantaggio (54-63) con il solito Casella, mettendo una seria ipoteca all’incontro. Venucci e Davis provano a scuotere Chieti con conclusioni sia dalla media distanza che dall’arco. Gli ospiti rispondono egregiamente ai colpi dei padroni di casa e controllano l’incontro cercando di sfruttare al massimo i 24 secondi. Ma Chieti ha un'arma in più, ed è il cuore. Amici commette ingenuamente il suo quinto fallo personale, mandando Golden alla lunetta che accorcia la distanza (73-75), Giachetti è cinico e sfugge alla difesa tessuta da Galli, portando Mantova sul +4 (73-77), ma Piccoli e Davis pareggiano i conti (77-77) a diciotto secondi dalla fine. Un finale vietato ai deboli di cuore: Mantova ha in mano la palla del vantaggio ma l’occasione è vanificata da Giachetti.Si va dunque al tempo supplettivo.

Nei cinque minuti aggiuntivi, Piccoli porta subito Chieti avanti, Giachetti pareggia i conti della lunetta (79-79), Davis tiene a galla Chieti ma, quando l'esterno di Oklhaoma viene ben chiuso dai difensori mantovani, Corbett mette dentro una tripla che ipoteca il primo successo in stagione di Mantova (81-86). Chieti non ha più la forza di reagire e così gli ‘Stings’ espugnano il PalaLeombroni per 88-93.

Dopo una gara che ha visto la Proger capitolare all’overtime, coach Galli non può che masticare amaro, non perdendo però la necessaria lucidità e la giusta capacità di giudizio: “Non penso che quest’oggi i miei ragazzi abbiano commesso troppi errori, se dovessi additare un fattore che non ci ha permesso di uscire vittoriosi da questa gara, direi senz’altro la scarsa precisione dalla lunetta: tirare con i 60% ha compromesso la partita, anche perché per competere con squadre con un roster di questo livello dobbiamo essere ai limiti della perfezione. La squadra ha giocato al meglio per le possibilità che ha, venivamo da una settimana difficile, senza Piazza ci siamo allenati in condizioni non ottimali, dovendo modificare i quintetti ed è chiaro che poi alla resa dei conti abbiamo avuto qualche problema in attacco. Reputo comunque questa prestazione gagliarda, contro una squadra che, come avevo detto prima di scendere sul parquet, è a zero punti per caso e infatti stasera ha dimostrato, anche grazie al rientro di Vencato, di avere dieci giocatori e mille alternative. Apprezzo il fatto che i ragazzi non abbiano mai mollato, anche quando eravamo in difficoltà, giocando sempre con la giusta determinazione. In una partita che si risolve punto a punto, ai supplementari, un particolare come i tiri liberi ha determinato il risultato. E’ stata una gara nervosa ma, d’altronde, quando ci sono delle emozioni di mezzo non è mai facile controllarsi. Nel supplementare, dopo essere andati sul più due con la palla in mano, loro sono stati bravi a tenere duro e Corbett, con una bomba spettacolare, ha dimostrato le sue qualità ed il fatto che Mantova sia una squadra costruita per stare nei i primi quattro posti della classifica. La fisicità che i virgiliani possono permettersi, avendo giocatori che fanno dell’aggressività la loro arma principale, è chiaro che ha pesato molto oggi, però ripeto che la partita si è decisa negli episodi. Noi siamo una squadra che stasera ha dimostrato di lottare, è chiaro che i margini di miglioramento ci sono: molti giocatori sono alla prima o alla seconda esperienza in questo campionato, mentre Mantova ha, per esempio, Giachetti che ha militato per 15 anni nel massimo campionato. E’ evidente che così paghiamo molto in termini di esperienza, molte situazioni magari si sarebbero potute affrontare in maniera migliore ma tutti i nostri errori sono stati commessi per troppa foga e non di certo per egoismo, e ci può stare visto il nostro roster. Ora siamo sicuramente tutti delusi però la squadra ha giocato, ha lottato, ed è rientrata in partita quando ormai sembrava tutto perso, anche se è la seconda partita in casa che si conclude punto a punto e ci vede uscire sconfitti”.

Anche Venucci, dopo una buona prestazione che l’ha visto in campo per ben 35 minuti, non può che confermare quanto precedentemente detto dal proprio allenatore: “Giocare così tanto fa piacere ma dopo una partita persa questo dato è relativo e fine a se stesso. Come ha giustamente evidenziato il coach, in una partita del genere sono i dettagli a fare la differenza, siamo stati poco precisi ai liberi ma secondo me spesso abbiamo difeso male, sapendo che Mantova sarebbe venuta qui con il giusto mordente per portarsi a casa la prima vittoria stagionale. Abbiamo concesso troppi tiri aperti e difese in transizione non andate a buon fine. Tornare ad allenarsi martedì dopo una sconfitta del genere ci darà ancora più grinta e voglia di migliorarci, per portare a casa più partite possibili e raggiungere presto la salvezza”.

Di tutt’altro umore, coach Martelossi che dichiara in sala stampa: “Chieti è una città che mi porta bene, sin qui ho vinto tre gare in tre anni. Penso che alla vittoria finale abbiano contribuito tre fattori: alcuni fischi arbitrali un po’ fiscali negli ultimi minuti del quarto periodo, lo spirito mai domo di Chieti, capace di alternare in un’unica gara alcuni momenti negativi ma tanti altri positivi, capaci di mettere in difficoltà qualunque avversario, anche in momenti in cui le partite sembrano ormai chiuse. Ho cercato di far capire questo anche ai miei giocatori ma non era facile. L’ultimo punto da sottolineare, non di certo per importanza, è la grandissima ansia che ci ha colpito dopo i risultati di queste prime giornate. Sono certo che nessuno avrebbe scommesso su di noi dopo la fine dei tempi regolamentari, vista la nostra prestazione di domenica, ai supplementari. Oggi però siamo stati lucidi nei momenti chiave e freddi dalla lunetta e penso che questa vittoria odierna sia importante per la mentalità che la squadra ha espresso in campo. Mi aspettavo quest’oggi una gara di questo tipo, ero molto teso, Chieti è una buona squadra e speravo che loro fossero sazi dalla vittoria di domenica ma, anche questa volta, Cedro non mi ha dato nessun aiuto. Ho detto però negli spogliatoi che da oggi non inizia un nuovo campionato: sia perché odio questa frase, sia perché abbiamo comunque vinto una singola partita e sia perché, dicendo così, daremmo scarso rispetto a tutto il buon lavoro che finora abbiamo svolto. Non vogliamo essere presuntuosi ma il nostro cammino deve continuare su come stiamo lavorando, migliorando ogni domenica, partita dopo partita.

Anche Bryan precisissimo dalla lunetta nei momenti chiave, gioisce: ”Sapevo che era una partita molto importante ma sono riuscito a trovare la giusta concentrazione per sbagliare il meno possibile dalla lunetta. Inizialmente abbiamo sofferto molto la fisicità di Mortellaro ma il coach è stato bravo a darci le giuste indicazioni per riuscire ad arginarlo ed siamo stati abili nello sfruttare i consigli del nostro allenatore. Questa vittoria ha un ottimo sapore, penso che a nessuno piaccia perdere e ho sempre saputo quali fossero le nostre potenzialità, sebbene spesso le partite non siano girate dalla nostra parte. Stasera, dopo l’ennesima settimana di duro allenamento, siamo riusciti a dimostrare le nostre qualità”.


PROGER CHIETI: Golden 18 (6/17 da 2) , Mortellaro 19 (8/15 da 2 - 8 rimb.) Clemente n.e., Piazza, Allegetti 2, Venucci 10 8(2/4 da 2 - 1/3 da 3), Piccoli 7, Ippolito n.e., Zucca, Sergio 7, Davis 25 (5/8 da 2 - 5/9 da 3 - 7 rimb.)
Coach: Galli
DINAMICA GENERALE MANTOVA: Daniels 4, Vencato 3, Giachetti 12 (4/4 da 2), Timperi 1, Candussi 9 (3/4 da 2 - 3 rimb.), Casella 15 (3/3 da 3), Amici 14 (2/5 da 3), Corbett 18 (4/6 da 3), Gergati 2, Bryan, 15 (3/4 da 2 - 9/12 t.l.) Morello n.e., Rinaldi n.e..
Coach: Martelossi

Note: Chieti tiri: totali 33/572, da 3 7/19, tiri liberi 15/25, Rimbalzi: dif. 21, of. 11, tot. 32. Mantova tiri: totali 29/54, da 3 9/21, tiri liberi 26/34, Rimbalzi: dif. 29, of. 7, tot. 36.

Pubblicato in Sport
Pagina 1 di 58

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione