Articoli filtrati per data: Dicembre 2016

Pescara. In attesa del primo impegno del 2018 sul campo del Foggia, in un match amichevole contro il Lugano il Pescara vince per 3-1. In vantaggio nella prima frazione con Baez, nella ripresa Mancuso con una doppietta e Sabbatini completano il tabellino dei marcatori.
Intanto la Delfino Pescara 1936 comunica di aver acquisito a titolo definitivo i diritti alle prestazioni sportive del calciatore Andrew Gravillon e di aver ceduto al Football Club Crotone, in prestito con diritto di riscatto, le prestazioni sportive del calciatore Ahmad Benali.


Tabellino
Pescara – Lugano 3–1 (1-0)
Reti: 19’ Baez, 53’, 85’ Mancuso (P), 74’ Sabbatini
Pescara (1° tempo): Fiorillo, Zampano, Coda, Perrotta, Mazzotta; Proietti, Brugman (C), Valzania; Baez, Pettinari, Mancuso.
Pescara (2° tempo): Fiorillo; Crescenzi, Gravillon, Elizalde, Balzano; Kanouté, Carraro, Coulibaly; Del Sole, Cocco (83’ Cappelluzzo), Mancuso.
Allenatore: Z. Zeman.
Lugano (1° tempo): Kiassambua, Mihajlovic, Daprelà, Sulmoni (C), Golemic, Guidotti, Crnigoj, Mariani, Gerndt, Piccinocchi, Junior.
Lucano (2° tempo): Da Costa, Yao, Sabbatini, Amuzie, Krasniqi, Vecsei, Crepaldi, Marzouk, Manicone, Padalino, Roullier,Ledesma.

Pubblicato in Sport

Montesilvano. Sono trascorsi 18 anni da quando il gruppo sportivo della Polizia Municipale di Montesilvano, presieduto da Roberto Marzoli, diede vita al Trofeo San Sebastiano, il torneo di calcio a 5 che coniuga Solidarietà e Sport, in onore del santo Protettore dei Vigili Urbani. Fino al 20 gennaio al PalaRoma si disputeranno le partite della diciottesima edizione che vedrà scendere in campo le forze di Carabinieri, Guardia di Finanza, Polizia di Stato e Polizia Municipale.

L’iniziativa è stata presentata questa mattina dal sindaco Francesco Maragno, da Carlo Torlontano vice prefetto vicario, Benedetto Lozzi, capitano della Guardia di Finanza, Lino Tomaiulo vicecommissario della Polizia di Stato, Marco D’Alessandro maresciallo capo dei Carabinieri e Nicolino Casale comandante della Polizia Locale.

«Sono moltissimi anni - ricorda il sindaco Francesco Maragno - che il corpo di Polizia Municipale di Montesilvano si distingue per iniziative legate al mondo della solidarietà. In 18 anni, sono stati raccolte 170 tonnellate di derrate alimentari e devoluti ben 78.000 euro ad associazioni no profit. Sposando ogni anno progettualità diverse, i nostri vigili hanno anche contribuito ad accendere i riflettori sulle tante associazioni che si danno da fare quotidianamente per dare un supporto a chi vive condizioni di disagio».

Di tre “S, sicurezza, sport e solidarietà” ha parlato il viceprefetto vicario Carlo Torlontano, dando lettura del saluto a firma del Prefetto Gerardina Basilicata. «In un centro urbano, quale la Città di Montesilvano, densamente abitato, senza soluzione di continuità con il Capoluogo della provincia, con una popolazione composta da etnie diverse, in un territorio interessato da una grande espansione, da effervescenza commerciale e da interessi economici variegati e da una grande mobilità, gli agenti del Corpo della Polizia Municipale di Montesilvano garantiscono la civile convivenza con competenza e professionalità, con senso del dovere, disponibilità e abnegazione. Il Trofeo di San Sebastiano unisce le Forze di Polizia nella competizione agonistica e nell’impegno solidale. Voglio sottolineare il valore umano di uomini e donne che hanno scelto come professione la divisa per la tutela della sicurezza e della incolumità dei nostri cittadini e che anche fuori del lavoro continuano comunque a dedicare il loro tempo e profondono le loro energie, con altrettanto impegno ed entusiasmo, per sostenere gli altri, attraverso lo sport».

Soddisfatti i rappresentanti di tutte le forze di Polizia partecipanti al quadrangolare, che hanno sottolineato il connubio della dimensione sportiva del trofeo con quella solidaristica, oltre alla longevità del torneo, segnale del successo dell’iniziativa stessa.

Pubblicato in Sport

Pescara. “La Regione Abruzzo vive uno dei momenti più difficili e assurdi della sua storia con D’Alfonso che veste i panni dell’unico manovratore di una macchina amministrativa, da troppo ingolfata, con evidenti ripercussioni sul tessuto economico abruzzese”. Questo l’allarme lanciato nel corso di una conferenza stampa dai Consiglieri regionali di Forza Italia Mauro Febbo, Lorenzo Sospiri e dall’onorevole Fabrizio Di Stefano.

“Partiamo dalla Sanità. Ad oggi – illustrano gli esponenti forzisti - l’esecutivo regionale, dopo le nostre richieste (allegato), non ha ancora fornito l’ultimo verbale del Tavolo di Monitoraggio tenutosi presso il Ministero, il 30 novembre scorso. Il verbale non viene ‘chiuso’ ma noi conosciamo molto bene i gravi problemi esistenti: innanzitutto i bilanci delle quattro Asl segnano una forte perdita di ben oltre 100 milioni di euro. Inoltre, la Regione Abruzzo non ha ancora approvato gli Atti aziendali delle quattro Asl, che dovevano essere approvati al 30 settembre 2017, quindi siamo ancora senza una vera programmazione sanitaria. La Asl di Teramo con atto n. 1255 ha inviato alla Regione il nuovo piano da approvare il 15/09/2017; la Asl di Aquila – Avezzano con atto n. 1086 del 29/06/2017; la Asl di Pescara con atto n.4016 del 12/05/2017; la Asl di Chieti atto n.575 del 19/05/2017. A questo, va aggiunto lo sforamento della spesa farmaceutica, soprattutto quella ospedaliera, ormai fuori controllo da troppo tempo, che ha superato di 40 milioni quanto preventivato. Questi tre grandi lacune in campo sanitario non sono altro che lo spettro del ritorno al Commissariamento. Chiaramente abbiamo provveduto a richiedere il verbale direttamente al Ministero.

Per quanto riguarda l’Edilizia: cantieri privati, quelli veri e non i fantacantieri di D’Alfonso, tutti fermi. Gli uffici del Genio Civile di L’Aquila, Chieti, Lanciano, Vasto, Teramo e Avezzano, sono bloccati e non riescono a rilasciare le autorizzazioni sismiche a causa della mancanza dei Responsabili che firmano le pratiche edilizie. Gli uffici del Genio civile hanno arretrati di pratiche insostenibili. L'economia edilizia regionale risulta ferma al 75% perché centinaia e centinaia di autorizzazioni edilizie che non vengono firmate; peraltro le autorizzazioni sono a pagamento e quindi meno introiti per la regione stessa . Una situazione veramente assurda. Anziché tenere conferenze giornaliere, il Presidente D'Alfonso si concentrasse sui veri problemi da risolvere, così da dare risposte concrete al mondo delle imprese e del lavoro.

Trasporti: a oltre due anni dalla fusione in Tua delle tre società pubbliche, oggi vengono fuori tutte le lacune e le criticità da noi evidenziate sia durante le sedute della Commissione sia in sede di approvazione della nuova Legge di riorganizzazione. Anche i sindacati, dopo il loro iniziale sostegno, oggi sono fortemente preoccupati poiché non vedono concretizzarsi gli accordi sottoscritti nel maggio 2017: mancano le risorse del fondo unico regionale del TPL, non c’è l’individuazione dei servizi minimi, manca la realizzazione del biglietto unico e del sistema in tariffario intermodale, ripristino dell’accordo integrativo decentrato, mentre non si vedono gli investimenti del materiale rotabile. rimangono dubbi sullo spacchettamento in Sangritana SpA, una società solo sulla carta che ha prodotto un unico bando per l’acquisto di 21 nuovi pullman al quale nessuna azienda ha risposto.

A tutte queste tematiche irrisolte abbiamo, di non poco conto, il grave problema del riallineamento rendiconti all’ordinario ciclo di bilancio. A oggi, i rendiconti 2015 e 2016, nonostante un preventivato crono programma di approvazione entro il 31.12 scorso, non vengono ancora approvati e come messo nero su bianco dal Direttore Bernardini si ravvisano ‘gravi criticità che non consentono la loro definizione in tempi rapidi (vedi allegato2). Questo ulteriore pasticcio amministrativo ha comportato la mancata nomina dei Direttori in scadenza. Infatti, sono stati assegnati alcuni incarichi ad interim che hanno creato caos e uno stallo della macchina amministrativa. Basti pensare quello che sta accadendo nel settore Agricoltura. Dopo due anni abbiamo ancora 14 milioni di euro del Pacchetto Giovani/Primo insediamento: nonostante la graduatoria, la Regione non riesce ancora ad erogare i premi dovuti ai giovani agricoltori per mancanza delle firme del Direttore responsabile. Stessa cosa vale per le cosiddette misure di investimento (43 milioni di euro!!): le istruttorie stazionano sulle scrivanie poiché mancano direttive precise su chi e come devono essere analizzate. Il mondo agricolo attende, inoltre, i bandi per i famosi Gal (23 milioni di euro) e dopo due anni dallo loro costituzione non si vedono pubblicati bandi per la loro funzione. Tutto tace. Come sono totalmente ferme le istruttorie per i risarcimenti danni destinati alle 650 aziende agricole colpite dalle alluvioni del 2015 e gli agricoltori hanno urgentemente bisogno di quelle risorse. Tutto fermo poiché, a ben vedere, il Direttore Di Paolo è stato nominato con una Delibera di Giunta (n.844) illegittima e si guarda bene dal firmare i provvedimenti. In questa delibera, come in tante altre di fine dicembre, leggiamo con nostra enorme meraviglia come l’assessore al Bilancio Silvio Paolucci ricopra il ruolo di Segretario di Giunta, ruolo che per statuto può ricoprire solo ed esclusivamente un funzionario precedentemente nominato come da DGR 11 maggio 1977, n. 2527- art 79 (vedi allegato). Ma, cosa ancora più grave si registra proprio nella DGR 844 del 28.12.2017 con la quale vengono nominati Direttori ad interim sia Antonio Di Paolo, alle Politiche di Sviluppo rurale, sia Fabrizio Bernardini alle Politiche Welfare e Salute. In quel caso, l’assessore Paolucci, oltre a svolgere il ruolo di Segretario verbalizzante ricopre contemporaneamente anche il ruolo di componente di Giunta e vota, altrimenti non avrebbero raggiunto il numero legale per l’approvazione. Qualcosa di inaudito e mai accaduto nella storia della nostra Regione”.

“Pertanto – concludono Febbo, Sospiri e Di Stefano – questo totale caos e stallo amministrativo, che si traduce in un arretramento della nostra economia regionale, altro non è che la prova provata del capitano che scappa e fugge per ripararsi in lidi più sicuri”.

Pubblicato in Politica

Roma. Gianni Melilla, Deputato di Art.1 Mdp - Liberi e Uguali (LeU), è primo tra i parlamentari abruzzesi per numero di presenze in base ai dati definitivi di Open Parlamento sui 5 anni della XVII Legislatura.

Inoltre, secondo l'ultimo aggiornamento (30 novembre) sul sito di riferimento, OpenPolis.it, il Deputato LeU Gianni Melilla risulta essere primo anche per indice di produttività.

Anche quest'anno, come a fine 2016, Melilla conferma il primato di maggior presenze in Parlamento: il 100% delle sedute e il 99.33% delle votazioni per un totale di 24660 su 24827 voti.

Relativamente alla produttività che considera la quantità e l'efficacia dell’attività realizzata prendendo in esame numero, tipologia, consenso e iter degli atti presentati, a fine novembre Melilla risultava 1° deputato in Abruzzo e 12° sul totale dei 630 deputati, con un indice di produttività del 675,6 .

Gianni Melilla ha presentato come primo firmatario 22 proposte di legge come primo firmatario, 9 interrogazioni “question time”, 454 interrogazioni (69 a risposta orale, 381 a risposta scritta, 4 in commissione), 89 risoluzioni e ordini del giorno.

Per 3 anni Gianni Melilla è stato componente dell'Ufficio di Presidenza della Camera dei Deputati.

L'importante percorso di Melilla si è articolato in numerose iniziative per il sostegno a vertenze sindacali per il lavoro (ad esempio la Honeywell di Atessa, la Dayco di Chieti, la Brioni di Penne, la Intecs de L'Aquila, il Mercatone di Pineto e San Giovanni Teatino), e nel concorso alla approvazione di tante leggi importanti come la creazione delle Zone Economiche Speciali per favorire le imprese, gli investimenti ; la nascita a Pescara dell'ISIA, l'università del design industriale ; le attività poste in essere favore delle popolazioni danneggiate dalle ingenti nevicate dello scorso inverno e colpite dai terremoti del 2016 e 2017; le misure per le popolazioni delle aree terremotate del 2009; la istituzione del Museo MAXXI a L'Aquila; la stabilizzazione dei precari dei vigili del fuoco, dei conservatori e accademie, della sanità, della scuola, del CNR; i finanziamenti per i Parchi nazionali e le aree protette; la legge quadro sulla cooperazione internazionale allo sviluppo; la legge sul "dopo di noi" per i disabili; le misure per gli esodati al fine di contenere le ingiustizie provocate dalla legge Fornero; il contenimento delle tariffe aree e il sostegno ai piccoli e medi aereoporti; il contrasto alle piattaforme petrolifere in mare; le misure a sostegno dei Comuni con popolazione inferiore a 5 mila abitanti .

“Fare il deputato per me è un onore – commenta Melilla – Credo che il mio impegno sia il modo migliore per ringraziare i cittadini abruzzesi dell'opportunità che mi hanno concesso, quella di rappresentarli in Parlamento”.

I dati, nel dettaglio, sono consultabili sul sito OpenPolis al link: https://parlamento17.openpolis.it/lista-dei-parlamentari-in-carica/camera/presenze/desc#

Pubblicato in Politica

Pescara. Sì della Giunta all’accesso alle agevolazioni tariffarie per la fruizione del servizio di refezione scolastica da parte dei minori con disabilità non residenti, le cui famiglie si trovano in condizione di svantaggio economico.

 

“La delibera ci aiuta a rendere ulteriormente inclusivo il servizio di refezione scolastica, che questa Amministrazione ha ripensato perché fosse più economico e assicurasse qualità e territorialità delle materie prime utilizzate per i pasti – spiega l’assessore all’Istruzione Giacomo Cuzzi – Attualmente possiamo dire di servire pasti che hanno un rapporto qualità prezzo ottimale e di erogare un servizio che tiene conto delle condizioni economiche dei nuclei famigliari dei nostri piccoli utenti, cercando di venire loro incontro in ogni modo, applicando agevolazioni tariffarie molto nette.

Queste misure verranno applicate ora anche per le famiglie non residenti nel territorio comunale i cui figli risultano iscritti nelle istituzioni scolastiche della città ed usufruiscono del servizio di refezione scolastica si trovino in condizioni di disabilità.

A fronte di alcuni casi affrontati, abbiamo allargato il perimetro del servizio, questo perché riteniamo che la refezione scolastica si identifichi non solo con un semplice servizio a domanda individuale ma sia anche un servizio educativo che, opportunamente garantito, aiuta a combattere la dispersione scolastica ed educa tutti i bambini alla sana alimentazione, all’inclusione, all’integrazione sociale, facendosi anche strumento di contrasto alla povertà minorile. Su questa linea si sono mossi gli uffici e il lavoro della nostra responsabile del Servizio Mense Enrica Di Paolo, al fine di trovare nelle norme una risposta anche a questa fetta di utenza, seppur piccola, che Pescara ha.

Il servizio viene riconosciuto a nuclei famigliari in cui sia presente un minore in situazione di disabilità (L. 104/92), fruitore del Servizio di Refezione Scolastica; è necessario che risulti l’effettiva esigenza di prossimità nell’iscrizione del minore diversamente abile alla scuola ubicata nel territorio comunale, valutata dal Servizio Sistema Educativo, Ristorazione e Trasporto del Comune di Pescara sentito il Servizio Sociale del comune di residenza e, infine che la condizione di disagio economico sia accertata dal possesso del reddito ISEE richiesto per l’accesso all’esenzione o riduzione, così come stabilito dalla delibera di G.C. n. 361 dell’11 giugno 2015 che individua le tariffe e le fasce di esenzione.

Ovvio che saremo attenti a considerare innanzitutto il lato sociale e umano rispetto a quello più meramente burocratico, siamo convinti che la politica debba trovare delle soluzioni, meglio se “capienti”, capaci, cioè, di includere i diritti di tutti, in particolar modo i soggetti più vulnerabili”.

Pubblicato in Politica

Pescara. Dalla scuola dipendono il futuro di un Paese e il suo progresso civile e tecnologico: per questo non può essere lasciata indietro. È questo il senso dell’iniziativa “PER LA SCUOLA BUONA DAVVERO”,  un incontro pubblico promosso da Liberi e Uguali che si terrà a Pescara domani, 18 gennaio 2018, alle 17:30, nella sala polivalente del Museo “Vittoria Colonna” in via Gramsci. Interverranno: Eleonora Cimbro, Deputata, Marinella Sclocco, Assessore Regionale, Daniela Santroni, Consigliera Comunale insieme a studenti, sindacati, Nastrini Liberi Uniti, docenti e dirigenti scolastici.

Pubblicato in Politica

Pescara. Un percorso di dialogo strutturato che mette insieme giovani e politici con il fine di valorizzare e sviluppare le potenzialità del territorio abruzzese. Questo è Bla Bla C.A.R.E., progetto finanziato con i fondi dell'Erasmus+ e promosso dall’Associazione Movimentazioni di Pescara, insieme alla Regione Abruzzo, il Comune di Pescara, l’ANCI e l’ADSU.

Scopo del progetto è quello di contribuire alla definizione delle politiche regionali attraverso la redazione di un Piano di Azione Locale attraverso una serie di laboratori che coinvolgeranno giovani e decisori politici chiamandoli a discutere “alla pari” su svariati temi quali cultura, arte e creatività, diritto allo studio, lavoro e occupazione, trasporti e mobilità sostenibile, reti, territorio e progetti di comunità, strumenti di partecipazione dei giovani, volontariato e cittadinanza attiva.

Bla Bla C.A.R.E. sarà realizzato in due fasi: la prima, caratterizzata dai laboratori, che saranno itineranti nei vari Comuni abruzzesi e organizzati con il metodo del world café; la seconda, concentrata su una quattro giorni finale in cui tutte le proposte sviluppate nella prima fase saranno discusse in un contesto più ampio, raffinate e sottoposte a consultazione, anche online attraverso la piattaforma www.blablacare.it.
Ieri, martedì 16 gennaio 2018, è stata avviata la prima fase con il primo laboratorio ospitato allo SPAZ di Pescara ed incentrato sul tema del trasporto sostenibile.

Grandissimo l’entusiasmo dei partecipanti che oltre ai giovani e agli esponenti politici ha visto coinvolti nei tavoli anche i rappresentanti di FIAB (Federazione Italiana Amici della Bicicletta) e di CAP (Ciclisti Anonimi Pescaresi).

“Se i giovani si organizzano – ha detto l’Assessore Regionale di Liberi e Uguali, Marinella Sclocco – se i politici li ascoltano. Se i giovani e i politici si siedono insieme ad un tavolo e parlano, si scambiano idee, formulano proposte, il territorio cresce, il territorio evolve, il nostro Abruzzo rinasce. È sempre apparsa come una cosa impossibile, ma oggi l’abbiamo cominciata con il primo laboratorio di Bla Bla Care allo Spaz di Pescara e non posso essere che felice se siamo riusciti a mettere le fondamenta per realizzare un Piano di Azione Locale che serva agli enti e ai cittadini come punto di riferimento per valorizzare la nostra regione”.

“I giovani della nostra città si formano e possono realmente fruire della vita sociale quando iniziano a sentirsi europei e iniziano ad avere una visione che abbraccia la diversità – ha commentato Giovanni Di Iacovo, assessore alla Cultura della Città di Pescara – l'interazione è fondamentale: la realtà abruzzese può essere migliorata e modificata, abbiamo cose meravigliose da far vedere a tutti gli altri e progetti di questo genere si trasformano in biglietti da visita per la nostra città”.

"Iniziamo un percorso in salita – ha commentato Daniela Santroni, Consigliera del Comune di Pescara – un percorso di ricostruzione della fiducia tra giovani e politici iniziando da un tema molto sensibile per i giovani quale quello della mobilità e della sua sostenibilità. Riuscire a fare una cosa diversa dal classico convegno ci riempie di gioia”.

"È utile e positivo per un “amministrativo” prendere parte ad un progetto di questo genere – ha commentato Stefano Civitarese, assessore alla Mobilità della Città di Pescara – si tocca con mano quello che si può fare e s’interagisce con nuove persone. È una parte importante dello sviluppo di un territorio. Oggi sulla mobilità sono arrivate proposte di alta qualità ed insieme ai ragazzi sarà importante portarle al di fuori di questo contesto e metterle all'attenzione e alla sensibilità di altri”.

Pubblicato in Politica

Lanciano. "Villa Stanazzo è Lanciano", questo lo striscione affisso in nottata da CasaPound Italia per richiamare l’attenzione sulla condizione di abbandono in cui versa la contrada lancianese.

"A circa due settimane dalla nostra denuncia sulle condizioni di abbandono in cui versa la contrada di Villa Stanazzo, non sono pervenute risposte dal Sindaco e dall'amministrazione comunale.” - così in una nota Marco Pasquini, responsabile cittadino del movimento - " Come più volte fatto notare dai cittadini, la contrada risulta essere in uno stato di abbandono, sia per quanto concerne il manto stradale dissestato e la pubblica illuminazione inesistente, sia per la completa assenza degli organi di sicurezza sul territorio”.

"Sono stati fatti fin troppi proclami elettorali nell'ultimo periodo - prosegue Pasquini - dalla 'rivoluzione luminosa' per l'illuminazione cittadina ai lavori in Corso Trento e Trieste, dai fondi annunciati per i lavori nelle contrade alla realizzazione di opere ecologiche per rendere Lanciano una ‘Green City’ ".

"In tutto questo però - conclude Pasquini - la contrada di Villa Stanazzo non viene assolutamente menzionata nè tanto meno interessata da un vero risanamento. Per questo abbiamo voluto ricordare alla nostra disattenta amministrazione comunale che anche Villa Stanazzo è Lanciano."

Pubblicato in Politica

Pescara. Raddoppia di numero il Gruppo di Intervento Operativo Nucleo Antidegrado della Polizia Municipale di Pescara, passato da 7 a 13 unità dallo scorso 8 gennaio. Si tratta di solo una delle novità che riguardano questa speciale unità operativa della Polizia Municipale, voluta dall’amministrazione per prevenire e combattere il degrado cittadino, emerse alla presentazione del primo report dell’attività cominciata lo scorso 1 ottobre.
“Moltiplichiamo per due il gruppo Giona – ha sottolineato il sindaco di Pescara, Marco Alessandrini – che al di la dell’acronimo suggestivo rappresenta in qualche modo la nostra avanguardia nella lotta al degrado. Italo Calvino ci ricorda che le città sono come i sogni, sono popolate nei desideri e nelle paure. C’è il partito della paura che è rappresentato da tutti quelli che sulla paura speculano, invece gli uomoni e le donna di buona volontà non speculano sulle situazioni spinose ma le affrontano e lo fanno con provvedimenti concreti. La Polizia Municipale ed il gruppo Giona rappresentano le donne e gli uomini di buona volontà, voglio ringraziare l’assessore Teodoro per il lavoro importante svolto e questi uomini e queste donne per spendersi quotidianamente per una città migliore. Sono reduce dall’inaugurazione di una piccola bretella intorno al Ravasco, lì i cittadini, come in tante altre situazioni, mi segnalano criticità, noi naturalmente faremo più della nostra parte. Noi naturalmente chiediamo un pizzico di sana collaborazione come senso di cittadinanza verso condotte così insopportabili che non possono essere affidate solo alla sanzione della multa, come il parcheggio in doppia fila.su questo lavoriamo e oggi presentiamo non solo il lavoro fin qui svolto, ma anche le linee programmatiche di azione per il futuro”.
“Credo che questi uomini abbiano lavorato con grande dedizione – ha annotato l’assessore alla Polizia Municipale del Comne di Pescara, Gianni Teodoro – davvero dando il meglio di loro stessi, un lavoro enorme, un’azione proficua e dettagliata, non tralasciando nulla e credo che tutto questo abbia permesso anche, nella scommessa che avevamo fatto e voluto io insieme al sindaco e al comandante del Corpo, ha permesso questo raddoppio del numero delle persone perché abbiamo capito che i risultati sonos tati eccellenti. Per cui, aumentando anche il numero delle persone, pensiamo di arrivare a coprire ulteriormente quei pochi spazi rimasti vuoti, dove ancora chi è dedito a delinquere riesce ancora a muoversi, per coprire, in quest’ultimo passo, insieme ai Carabinieri, alla Polizia di Stato, alla Guardia di Finanza, ogni tipo di reato. Quindi con la massima collaborazione con le altre forze di polizia intendiamo completare al meglio questo tipo di intervento. Giona si attiva intanto perché noi siamo in borghese con dei mezzi civetta in città, conosciamo il territorio e siamo dietro ad ogni forma di reato possibile e immaginabile, certamente anche con una sorta di attività di indagine preventiva. Laddova capiamo che in quella direzione si possono annidare i reati di diversa natura noi siamo lì con gli uomini in borghese a filmare, a riprendere e, semmai ce ne fosse bisogno, anche a procedere agli arresti conseguenti. I bagni nella fontana di Cascella hanno rappresentato un atto ignobile che colpisce al cuore della città e al suo decoro, è stata l’immagine simbolo con cui il gruppo Giona è nato e abbiamo riportato in città la normalità e cercheremo di portarla il più possibile perché i cittadini si sentano liberi nella propria città di passeggiare, di fare spesa e tutto quello che ritengono più opportuno”.
Il report. L’analisi elaborata riassume il lavoro di quasi tre mesi di attività. Il Gruppo Giona è nato lo scorso 1° ottobre e agisce per reprimere fenomeni di abusivismo e accattonaggio, contro il degrado cittadino in ogni sua forma, formato inizialmente da 7 uomini, dall’8 gennaio è stato integrato di altre 6 unità, arrivando ai 13 di oggi (coordinatore compreso): 11 uomini e 2 donne. Il gruppo assicura un costante presidio davanti alle scuole sia per la viabilità che per verificare situazioni a rischio in tema di bullismo e spaccio, interloquendo con docenti e famiglie. Importante anche la presenza nei parchi cittadini e nei mercati rionali e l’azione contro scippi, bivacchi e accattonaggio.
Soggetti identificati in tutto sono stati 278, di cui: 84 per accattonaggio e bivacco; 75 gli extracomunitari controllati; 33 per fenomeni legati alla prostituzione (compresi clienti identificati e sanzionati); 13 per tossicodipendenza, repressione, spaccio e consumo di droga (atti successivi alla detenzione e assunzione); 59 i soggetti identificati negli sgomberi e nelle operazioni che hanno interessato le aree più delicate; 8 parcheggiatori abusivi (specie nelle zone di piazza Alessandrini e area di risulta), sanzionati ai sensi del codice della strada; 6 venditori itineranti.
Sanzioni erogate: 107 per fenomeni legati a prostituzione e bivacco in aree particolari delle città; 92 per bivacco e accattonaggio; 13 a venditori itineranti; 8 per parcheggiatori abusivi; 6 le sanzioni per sequestri alloggi ERP; 7 per sequestri merce a marchi contraffatti; 27 le sanzioni per autorizzazione di impianti pubblicitari fissi (pensiline e tabelloni) e impianti senza titolo.
Sanzioni Codice della Strada: controllati 42 veicoli; 15 sanzioni per mancato rispetto Codice della strada; 2 veicoli sequestrati; 36 erogate durante servizio in borghese sulle corse degli autobus urbani; 18 davanti alle scuole per bullismo o spaccio di sostanze stupefacenti.
Operazioni: sgombero dell’accampamento in piazza Italia per ripristino; recupero refurtiva rubata in alcuni alloggi e riconsegna; sgombero ex draga di via Valle Roveto e riconsegna al proprietario per la bonifica; sgombero sottopasso ferroviario area di risulta controllato costantemente; operazione anti-prostituzione dentro il Parco D’Avalos; intervento nel casotto della Regione in via Raiale e nella casa cantoniera di via Castellamare Adriatico, usate come ricovero dai senza dimora e luogo di spaccio e consumo di droga dai tossicodipendenti; servizi di vigilanza sugli autobus e nei cimiteri in occasione del maggiore afflusso per festività.
Ultimi interventi: furto sventato in un negozio di abbigliamento in Corso Umberto con pedinamento di un soggetto preso sul fatto; controllo pensiline pubblicitarie; controllo della struttura ex Enaip, di uno stabile in via Gobetti-via don Bosco e della Città della musica per presunte occupazioni.
“Questo gruppo porta importanti risultati dal punto di vista della presenza e della possibilità di intervenire con una certa rapidità sulle situazioni borderline – ha spiegato il comandante della Polizia Municipale di Pescara, Carlo Maggitti – si tratta di quelle situazioni che stanno tra l’illecito penale e l’illecito amministrativo che per una società come la nostra è sia difficile da prevenire che da reprimere. Ovviamente, proprio nell’ordine di una maggiore presenza, di una maggiore possibilità di intervento l’amministrazione comunale, con il sindaco e l’assessore con delega alla Polizia Municipale Gianni Teodoro, hanno richiesto un ampliamento di questo gruppo e del suo personale, siamo passati da 6 unità alle attuali 12. Quindi cresceranno anche le mansioni nel senso che andremo anche a fare un qualcosa di specifico nel servizio inteso cme abusivismo commerciale, maggiore presenza in materia di sequestro in caso di detenzione abusiva. I primi tre mesi hanno dato un’indicazione sulla possibilità di seguire questo percorso. Il degrado purtroppo sta diventando una caratteristica quasi comune a tante città dell’occidente, forse dovuta a un non corretto adattamento tra culture diverse che poi purtroppo ha le sue manifestazioni nella società come l’abusivismo commerciale, occupazioni abusive di tutto ciò che non è nostra abitudine nella nostra tradizione occidentale. Infatti gran parte degli interventi sono fatti su extracomunitari, piuttosto che su senza fissa dimora, coloro che per un motivo o per l’altro si trovano costretti a vivere ai margini della società e spesso forse non vengono prontamente accettati ed aiutati dalla nostra realtà”.

Pubblicato in Cronaca

Torre de' Passeri. C’è tempo fino al 30 marzo per richiedere il contribuito per la fornitura dei libri di testo per la scuola secondaria. Le domande relative all’anno scolastico 2017-2018, dovranno essere presentate in Municipio. Si tratta di un provvedimento riservato agli alunni delle scuole secondarie di primo e secondo grado (quindi medie e superiori) le cui famiglie presentino un valore ISEE (in corso di validità) inferiore o uguale a 15.493,71 euro.

Il sistema di contributi fa riferimento al fondo stanziato dalla Regione la cui erogazione, anche quest’anno, avviene da parte dei Comuni.

Le famiglie torresi interessate dovranno compilare l’apposito modulo (scaricabile sul portale dell’Ente www.comune.torredepasseri.pe.it, nella sezione Bandi e Avvisi/Contributi libri di testo 2017/2018) e consegnarlo entro la data prevista in Municipio.

La modalità di assegnazione dei contributi prevede che il fondo stanziato a livello regionale venga suddiviso sulla base del numero di domande pervenute.

Pubblicato in Cronaca
Pagina 1 di 1529

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione