Articoli filtrati per data: Novembre 2017

Chieti. Da domani, venerdì 1 dicembre, e fino a domenica 3 dicembre, il centro storico di Chieti si trasformerà in una enorme pasticceria all’aperto. Torna Chocofestival, la manifestazione promossa da Confartigianato con il contributo del Comune di Chieti e della Camera di Commercio.
Sedici regioni provenienti da tutta Italia, 31 espositori, 41 gazebo dedicati alla degustazione e alla vendita di cioccolato e pasticceria con prodotti locali e nazionali. Non mancheranno momenti dedicati ai più piccoli con giocolieri e artisti di strada che animeranno la tre giorni lungo il Corso Marrucino e un laboratorio per la preparazione di dolci allestito presso la bottega d’arte della Camera di Commercio. I bambini potranno, inoltre, divertirsi, domenica 3 dicembre alle ore 18.00, con lo spettacolo di Carolina di Rai YoYo. Nell’ambito di Chocofestival si terrà uno dei concerti clou del “Teate Winter Festival” con l’esibizione, presso l’auditorium Cianfarani, del trio Bosso-Tucci-Gurrisi.
“Questa ormai è diventata una delle rassegne più importanti nel calendario degli eventi della nostra città – ha sottolineato l’assessore alle Manifestazioni del Comune di Chieti, Antonio Viola – a pieno titolo questa manifestazione è entrata nel calendario istituzionale di Chieti. È una manifestazione che richiama un grossissimo pubblico, è ormai collaudata nel corso degli anni e per questo non smetterò mai di ringraziare Daniele Giangiulli e Francesco Cicchini perché con tanta passione, con tanta dedizione ogni anno riportano a Chieti la magia del Chocofestival. Questa manifestazione si colloca bene nel centro storico, il Chocofestival nasce un po’ in tutta Italia proprio per rivitalizzare i centri storici, quindi bene hanno fatto a suo tempo gli organizzatori quando hanno avuto questa intuizione. È una manifestazione tipica dei centri storici, quindi anche Chieti in questa tre giorni sicuramente trarrà grossi benefici dalla presenza di questi banchi di cioccolato che verranno da tutta Italia per proporre le tradizioni della nostra cultura gastronomica. Ringrazio per questo per l’impegno che c’è stato nell’organizzazione, ho un minimo di esperienza in queste cose e so quanto è difficile, quindi ringrazio veramente anche perché vengono portati a Chieti dei veri maestri del cioccolato da tutte le regioni d’Italia e questa è una cosa molto bella e molto importante per la città. Poi questa manifestazione ormai va a coincidere con il periodo natalizio e noi ben felici la inseriamo nel nostro calendario delle manifestazioni di Natale. Il Chocofestival collabora con il Teate Winter Festival e questo dimostra com’è possibile creare delle sinergie positive ch eportano sicuramente dei buoni risultati per la nostra città. Mi fa piacere sottolineare anche la disponibilità della dottoressa Arbace che ha concesso il Cianfarani, quindi il salotto buono del Museo, per ospitare il 2 dicembre il concerto che è stato organizzato da queste due associazioni. Questo dimostra che quando si fa squadra si riescono a fare delle belle cose, noi a breve presenteremo il calendario delle manifestazioni natalizie e voglio dire alla città e ai commercianti che stiamo lavorando per mettere le famose luminarie dell’8 dicembre e quindi chiedo di rispettare le tradizioni anche sotto questo punto di vista”.
Il programma. Si parte venerdì 1 dicembre, alle ore 11.00, con l’apertura ufficiale degli stand, mentre alle 18.30, nell’atrio del palazzo della Provincia, si terrà una esibizione di danze rinascimentali a cura dell’associazione Teate Nostra. Sabato 2 dicembre gli stand saranno visitabili già dalle ore 10.00. Nella stessa giornata, presso la Bottega d’Arte della Camera di Commercio in piazza Vico, si terranno i laboratori per bambini. Alle ore 18.30, presso l’atrio del palazzo della Provincia, esibizione di danze rinascimentali. Alle ore 21.00, nell’auditorium Cianfarani, il concerto del trio Bosso-Tucci-Gurrisi nell’ambito del Teate Winter Festival. Domenica 3 dicembre, alle ore 18.00, presso l’expo room della Camera di Commercio, sarà presente Carolina di Rai YoYo per ricevere le letterine che i bambini vorranno indirizzare alla posta della trasmissione televisiva. In occasione del Chocofestival sarà attivo un servizio gratuito di Bus Navetta nei giorni di venerdì 1 e sabato 2 dicembre, con partenza dalla stazione ferroviaria di Chieti Scalo, dalle 21.30 alle 24.00 ogni trenta minuti. Il servizio, senza prenotazione, è a cura di Mauro Bucci che sarà presente sul mezzo per fornire indicazioni sull’evento e sul centro storico. Per informazioni è possibile contattare il numero telefonico 333 3672811.
“Un ringraziamento all’amministrazione comunale che sta al nostro fianco per tutte le iniziative che Confartigianato fa per la città – ha detto il direttore di Confartigianato Chieti, Daniele Giangiulli – noi siamo impegnati 365 giorni all’anno per il bene della città e magari non ci si rende conto degli sforzi economici, organizzativi di ogni natura perché sosteniamo tutto ciò che riteniamo possa fare bene alla città e tutta la provincia. Quest’anno, dopo la positiva esperienza dell’anno scorso, abbiamo deciso di rilanciare la collaborazione con il Teate Winter Festival, stiamo facendo sinergia, anticipo che in occasione della Festa della Donna faremo un altro evento insieme. Ci siamo per la città e vogliamo continuare ad esserci nonostante le difficoltà, mi piacerebbe che anche le altre associazioni facessero altrettanto piuttosto che lamentarsi perché quando c’è da fare e da costruire ci ritroviamo sempre in pochi attorno allo stesso tavolo. Quindi auspichiamo che tutti constibuiscano al bene della città perché è un momento difficile per tutti, c’è una carenza di liquidità che si ripercuote su tutti e anche sui centri commerciali, dobbiamo stringere la cinghia e fare in modo di portare gente in modo da aiutare tutti gli operatori, riempire gli alberghi in questi giorni considerando che verranno persone da 15 regioni d’Italia a livello di espositori. Questa è una bella cosa per la città e noi siamo felici di questo e vogliamo che continui ad esserlo anche per il futuro con tutte le attività che portiamo avanti nel corso dell’anno”.
Vabilità e divieti. Al fine di consentire lo svolgimento della manifestazione è stata disposta: l’istituzione del divieto di sosta con rimozione, dalle ore 6,00 del giorno 1 dicembre alle ore 2,00 del 4 dicembre 2017, nei seguenti tratti viari: in C.so Marrucino, nell’area di sosta situata nella parte antistante la sede municipale; nelle traverse del tratto di C.so Marrucino rientrante nella Z.T.L. “B3”, ovvero in Via Tabassi, Vico Real Liceo e Larghetto Teatro Vecchio; l’istituzione del divieto di transito veicolare in Corso Marrucino nel tratto rientrante nella ZTl B3 compreso tra l’intersezione con via Spaventa e l’intersezione con piazza Valignani nonché nelle traverse che vi sboccano, per i giorni 1 e 2 dicembre, dalle ore 9.30 alle ore 22,00 di ciascun giorno; dalle ore 9.30 del giorno 3 dicembre alle ore 2.00 del giorno 4 dicembre 2017 fino al termine delle operazioni di disallestimento degli stand; l’istituzione del divieto di sosta con rimozione in via M.V. Marcello dalle ore 6.00 del 1 dicembre alle ore 2.00 del 4 dicembre 2017 al fine di riservare le aree di sosta per i veicoli degli espositori che dovranno esporre un pass identificativo. Le occupazioni non dovranno ostacolare l’accesso agli ingressi di abitazioni e negozi. Dovrà essere lasciata libera una sezione di carreggiata di almeno m. 3,50 per il transito di eventuali mezzi di soccorso, nonché per i veicoli della Polizia di Stato. All’interno della Z.T.L. “B3” di C.so Marrucino gli espositori potranno accedere con i propri veicoli, muniti di apposita autorizzazione, al fine di effettuare le operazioni di carico e scarico.
“Siamo arrivati alla nona edizione, stiamo già preparando la decima che sarà ancora più importante – ha rimarcato il responsabile Mercato di Confartigianato, Francesco Cicchini – siamo cresciuti negli anni nel senso che gli espositori ed i gazebo sono sempre di più. Quest’anno i gazebo sono 41 con 31 espositori, quindi espositori che hanno preso più banchi e ci sono più eccellenze da presentare, ci saranno 15 regioni che parteciperanno al Chocofestival dal Nord al Sud, ci saranno eccellenze del cioccolato e della pasticceria. Il Chocofestival lo vogliamo riempire sempre di più di contenuti, ringrazio Grazia per la collaborazione con il Teate Winter Festival, l’obiettivo è quello di fare sinergia, solo in questo modo si riesce a costruire un contenitore che riesca a portare a Chieti molta gente e riesce ad offrire un ventaglio di spettacoli e di opportunità diversi. Quest’anno ci siamo incentrati un po’ di più sugli spettacoli per bambini: ci saranno giocolieri che andranno in giro su corso Marrucino, quindi gli artisti di strada che allieteranno le famiglie, ci sarà una Street Band, ci sarà anche una dimostrazione di pasticceria che faremo all’interno della Camera di Commercio, all’interno dei laboratori per bambini di dolciumi da utilizzare come reali di Natale. Poi vogliamo concludere la rassegna con Carolina Benvenga di Rai Yoyo che è protagonista di una trasmissione che va in onda da un po’ di anni, Carolina nel corso dell’evento leggerà una letterina, lei ci sarà domenica pomeriggio alle ore 18. Ogni anno ci sono tante associazioni che vogliono partecipare al Chocofestival, quest’anno ospiteremo anche la Croce Rossa, vogliamo dare loro un supporto con uno stand all’interno del quale venderanno cioccolato e poi c’è anche un’esibizione di danze rinascimentali. Un altro grandissimo evento è il concerto con Bosso-Tucci-Gurrisi, questo rientra nel Teate Winter Festival, si farà all’interno dell’Auditorium Cianfarani, è un grande spettacolo con tre artisti di Jazz poliedrici ad un prezzo modico. Oltre alle associaizoni collaborano anche i cittadini con un bus navetta gratuito che partirà dal largo della stazione di Chieti Scalo dando la possibilità a tutti di raggiungere il centro storico, bus navetta che ci sarà ogni 30 minuti fino alle 24. Ogni anno a livello di presenze siamo sulle 35-40 mila in tre giorni, il costo della manifestazione negli anni anche è cresciuto, siamo arrivati a 28 mila euro. Vorrei fare un piccolo appello: vorrei un po’ più di collaborazione da parte dei commercianti della città, questa mattina mi sono trovato ad allestire i gazebo lungo corso Marrucino ed una decina di commercianti hanno inveito contro la manifestazione, hanno detto che venerdì, sabato e domenica chiuderanno le serrande. Reclamano perché sostengono che le la manifestazione copre le loro vetrine e in quei giorni le vendite calano, infatti quest’anno la disposizione dei gazebo sarà leggermente diversa per fare in modo che ci sia la possibilità di far intravedere alcune vetrine. Quello che chiedo è un po’ più di disponibilità e di collaborazione perché il nostro sforzo è tanto, capisco anche le loro occasioni però un’altra occasione di far salire a Chieti 40 mila persone non c’è. Il problema sono anche i toni, negli anni passati abbiamo avuto minacce incendiarie, un gazebo è stato occupato e una persona che è venuta da Cosenza è arrivata alle 9 ed ha potuto montare alle 19. È veramente difficile mandare avanti delle manifestazioni in questa città con questo clima, noi con le istanze siamo aperti a tutti i commercianti, però chiediamo più disponibilità”.

Pubblicato in Cultura e eventi

L'Aquila. I Consiglieri regionali di Forza Italia Mauro Febbo e Lorenzo Sospiri hanno ribadito questa mattina in una conferenza stampa all’Emiciclo la posizione del proprio Gruppo Consiliare sulla vicenda del maltempo in Abruzzo.  I  consiglieri di Forza Italia hanno riaffermato che è necessario ed urgente il confronto in aula. Per queste ragioni, oggi stesso, chiederanno al Presidente Di Pangrazio di definire la data per lo svolgimento del Consiglio straordinario sul maltempo richiesto dalle minoranze. “Non ci esprimiamo sulle intercettazioni che vengono quotidianamente pubblicate sulla stampa- è il commento di Febbo e Sospiri – su queste sarà compito della magistratura fare luce. A noi interesse evidenziare come il maltempo abbia dimostrato il totale fallimento della macchina organizzativa dell'emergenza neve 2017 messa in campo dalla Regione Abruzzo. Un fallimento su tutta la linea – rimarcano Sospiri e Febbo – dalla organizzazione degli uffici, alla fase di coordinamento dei mezzi e dei uomini, fino alla scarse risorse finanziarie impiegate per fronteggiare una emergenza ampiamente annunciata da bollettini metereologici. Il dramma dello scorso 18 gennaio- aggiungono i consiglieri di Forza Italia – sembra non aver insegnato nulla a D’Alfonso se pensa che stanziando 500 mila euro per le Province abruzzesi risolva il problema del maltempo. Le montagne sono ancora lì e nevicherà ancora- spiegano- e le poche risorse di recente deliberate, anche e soprattutto grazie alla nostra presenza in aula, termineranno nel giro di pochi giorni. Serve quindi un approccio diverso ed un metodo differente per affrontare queste emergenze: bisogna ripartire dalla dotazione organica degli uffici ormai ridotta all’osso sino alla riorganizzazione della macchina preposta alla prevenzione ed ai soccorso. Infine le risorse da stanziare devono essere almeno triplicate rispetto allo stanziamento attuale e riteniamo che ci sia un dovere civico e morale di anticipare ai comuni le spese di emergenza-urgenza che hanno già rendicontato da dieci mesi. Inoltre siamo l’unica regione d’Italia a non avere un assessore con delega alla protezione civile ma un consigliere delegato. Da D’Alfonso vogliamo sapere come organizza la macchina amministrativa della Protezione Civile, con quali uomini e chi fa cosa in caso di emergenza. Siamo stufi degli annunci sui milioni di euro reperiti a Roma, vogliamo semplicemente che ci venga detto qual è la catena di comando nella nostra Regione in caso di un evento atmosferico. L’attuale modello, che D’Alfonso ritiene sia efficiente, ha completamente fallito".

Pubblicato in Politica

Francavilla al Mare. A seguito dello sfogo del patron giallorosso, Gilberto Candeloro, nel post partita di Francavilla - Vastese, i supporters adriatici, rimasti fuori dall'impianto in occasione del match a causa della chiusura dei distinti, hanno esposto uno striscione nella parte esterna del Valle Anzuca che recita "Amministrazione comunale assente... Gli ultras sono con te, non mollare presidente".

A questa presa di posizione così ha risposto il sindaco di Francavilla, Antonio Luciani, sulla propria pagina Facebook: "Vorrei ricordare ai tifosi del Francavilla Calcio: che prima di essere eletto Sindaco nel 2011 per oltre 5 anni sono stato Presidente del Francavilla Calcio. Che grazie all'attenzione e alla cura che ho sempre messo sull'argomento DOPO 21 ANNI la nostra squadra è tornata in serie D (e qualcuno ha già dimenticato che abbiamo rischiato di non iscriverci in nessun campionato). Che ho favorito in tutti i modi l'ingresso del Presidente Candeloro. Che lo stadio è a disposizione del Francavilla Calcio ed è perfettamente agibile. Che la struttura paragonata ad altre è più che soddisfacente. Che ho inviato una pec alla Società proponendo l'affidamento della gestione e un contributo annuale (ovviamente da proporre al Consiglio Comunale). Che negli ultimi 15 anni non è mai stato necessario accendere l'impianto di illuminazione (requisito peraltro non richiesto dalle norme). Che il Comune ha effettuato lavori di sistemazione e pulizia dello stadio, ha manutenuto l'impianto di irrigazione e il prato, ha risposto a ogni sollecitazione richiesta. Ha fatto tutto questo e altro. Non replicherò alle infelici parole del Presidente al quale auguro ogni bene, perchè l'unica cosa che mi interessa è quella di difendere i colori giallorossi. La gratitudine non appartiene a questo mondo, ma questo lo sapevo già".

Dal canto suo, così ha replicato il presidente del sodalizio giallorosso, Gilberto Candeloro: ”Caro Sindaco, domenica, esponendo le evidenti difficoltà che mi sono trovato mio malgrado a fronteggiare, mi ero ripromesso di non farmi ulteriormente coinvolgere in inutili e improduttive polemiche. Per questo motivo, e per la stima che avevo e che ho di te, non rispondo ai labili argomenti che porti nel tuo post, ed evito un pur facile commento. Reprimo perfino l’istinto di controbattere ad un tuo pesante aggettivo, “infelice”, che in anni piu’ verdi mi avrebbe provocato ben altre reazioni. Comprendo il tuo politichese, sacrificato sull’altare di una lunga campagna elettorale e sono sicuro che se, invece di darmi buca come sabato alle 10, tu venissi più spesso allo stadio, avresti una visione reale sul cosa significhi affrontare un campionato di “serie D” partendo in ritardo e da sottozero, e creando una Società che, in pochi mesi, ha assunto una tale credibilità da essere stimata e apprezzata in tutt’Italia. Ma, come dicevo, niente polemiche! Anzi, ringraziamenti per la frase in calce al tuo post che, ne sono sicuro, hai scritto in mia vece: “la gratitudine non appartiene a questo mondo”... FRANCAVILLESE (ndr)! Sai bene che sarebbe bastato un tuo piccolo gesto di coraggio nel concedere l’AUTORIZZAZIONE TEMPORANEA per il settore nella partita con la Vastese, ed io avrei continuato ad affrontare il disagio e i sacrifici in silenzio, come ho fatto sin dal mio primo giorno da orgoglioso Presidente del Francavilla Calcio! Ma non l’hai firmata, in questa come in tutte le precedenti partite casalinghe, scaricando totalmente su di me le responsabilità dell’apertura di quel settore. Mi arrogo la convinzione di dire che forse, per molti aspetti, siamo simili. Di sicuro non nel caso in specie, dove io mi assumo ogni rischio. Tu no. Ma sono certo che, da adesso in poi, fermerai di tanto in tanto la tua 500 anche al Valle Anzuca! In bocca la lupo Sindaco. Senza alcun rancore.”

Pubblicato in Sport

Pescara. È stato fissato per il prossimo 13 dicembre alle ore 10:30, nella Sala Blu della Regione Abruzzo di Viale Bovio n. 425 a Pescara, l’incontro di formazione organizzato da Regione e INPS per illustrare alla cittadinanza tutta e in particolare agli Ambiti distrettuali sociali il nuovo Reddito di inclusione sociale (REI). Nell’incontro, che coinvolgerà anche i Centri per l’impiego e i Comuni che compongono i vari Ambiti, saranno chiariti i dettagli relativi a questo nuovo strumento di contrasto alla povertà definiti dall’INPS nella circolare n.172 dello scorso 22 novembre e per cui sarà possibile presentare domanda a partire dal 1° dicembre 2017 nei “punti di accesso” che verranno organizzati dai Comuni. L’erogazione inizierà a partire dal 1° gennaio 2018.
Il REI era stato introdotto dal decreto legislativo n. 147 del 15 settembre 2017, che aveva destinato una quota del Fondo Povertà al rafforzamento degli interventi e dei servizi sociali per un ammontare di 262 milioni di euro nel 2018 e di 277 milioni di euro annui a decorrere dal 2019, Sarà composto di due parti: un assegno mensile, che avrà un importo variabile secondo le dimensioni del nucleo familiare e altre variabili; e un progetto personalizzato di reinserimento sociale e lavorativo. Nell’erogazione del reddito di inclusione sociale verrà data la precedenza alle famiglie con figli minorenni o disabili, donne in gravidanza e disoccupati con età superiore ai 55 anni. Il sussidio sarà caricato sulla Carta REI, che sostituirà la Carta Acquisti, e sarà compatibile con alcune tipologie di situazione lavorativa, ma non con altri sussidi per la disoccupazione eventualmente goduti da altri membri del nucleo familiare.
“L’incontro fissato per il 13 dicembre – ha fatto sapere l’assessore alle Politiche Sociali, Marinella Sclocco – muove dall’esigenza di chiarire tutte le dinamiche relative al funzionamento del REI a tutti gli Ambiti territoriali, ai Comuni che li compongono, ai Centri per l’Impiego e alla cittadinanza. Con l’avvicinarsi della data in cui l’erogazione di questo sussidio diventerà effettiva – ha spiegato la Sclocco – insieme alla direttrice dell’INPS Vittimberga abbiamo voluto subito realizzare qualcosa di concreto ed utile al fine di permettere a tutti gli abruzzesi di usufruire pienamente di questo strumento permanente di lotta alla povertà. Il REI – ha concluso la Sclocco – è una strada che traccia la direzione giusta per il futuro della nostra comunità, che ricorda ancora una volta quanto sia importante sviluppare politiche sociali lungimiranti e capaci di dare supporto concreto alle famiglie sostenendo il reddito e l’inclusione. C’è da dire, però, che l’ammontare dei fondi in questione è ancora troppo esiguo e questo rischia di limitare il raggiungimento effettivo del nobile scopo delle lotta alla povertà. In tal senso, ci auguriamo che il prossimo governo possa aumentare le risorse a disposizione.”

Pubblicato in Politica

Chieti. La Teateservizi ricorda ai contribuenti che hanno aderito alla Definizione Agevolata (come previsto decreto legge n. 148/2017 art. 1) che il 30 novembre 2017, scade la seconda rata di pagamento relativa alla cosiddetta “rottamazione” delle cartelle.

Di seguito si elencano le scadenze: novembre 2017 seconda rata, aprile 2018 terza rata, settembre 2018 ultima rata.

Si rammenta inoltre che in caso di mancato, insufficiente o tardivo versamento, la rottamazione perde effetto e riprendono a decorrere i termini per il recupero; i versamenti effettuati sono acquisiti a titolo di acconto per gli importi complessivamente dovuti e non determinano l’estinzione del debito residuo, mentre non è possibile fruire di altre rateazioni. Ciò vale anche nel caso di mancato, insufficiente o tardivo pagamento delle rate successive alla prima.

Pubblicato in Cronaca

Pescara. Venerdì1°dicembre 2016, alle ore 17,00 presso la Fondazione Pescarabruzzo,in Corso Umberto I, 83 a Pescara si inaugureràla mostrafotografica DAL SANGRO AL SENIO. IL PERCORSO DELLA MAIELLA ATTRAVERSO LE IMMAGINI DEGLI ALLEATI.

Realizzata dalla Fondazione Brigata Maiella con il patrocinio dell’Ambasciata della Repubblica di Polonia in Romae la collaborazione del Museo della Battaglia di Ortona, si inaugurerà venerdì 1° Dicembre 2017 la mostra "Dal Sangro al Senio. Il percorso della Maiella attraverso le immagini Alleate".
La mostra presenta oltre 100 fotografie inedite sulla Campagna d’Italia nella seconda guerra mondiale che sono state selezionate dai fondi dell’Imperial War Museum “The BritishArmy in Italy 1944” e “The polishArmy in the ItalianCampaign 1943-1945”.
Opportunamente ricollocate le immagini mostrano la progressione del fronte adriatico durante la guerra, offrendo una testimonianza incredibile sulla Campagna della “Maiella”. Una testimonianza del viaggio dei patrioti Abruzzesi visto dalla prospettiva degli Alleati più prossimi, gli inglesi e polacchi, che raccontano due anni (1943-1945) di conflitto difficile e sanguinoso dall'Abruzzo alla Romagna in un percorso fondamentale per la Liberazione dal nazi-fascismo d’Italia.
La naturasembra essere la protagonista di molta parte delle fotografie esposte. Ma nei fiumi che si susseguono lungo la costa fino a Pesaro, nelle alture dell’Appennino tosco-emiliano, prese d’assalto, di notte, senza il supporto dell’artiglieria, nei due Natali passati al fronte, non si trova solo un’occasione di celebrazione e di rievocazione di tanti eroismi, bensì il senso vero del lungo processo di rinnovamento simbolico e morale che fu incarnato dalla Resistenza.
L'inaugurazione si terrà il 1° Dicembre 2017 alle ore 17.00 in Corso Umberto I 83. La Mostra resterà esposta presso la Maison desArts della Fondazione Pescarabruzzo dal 1° al 12 dicembre, dal lunedì alla domenica (compreso i giorni festivi) dalle 10.00 alle 12.30 e dalle 17.30 alle 19.30 (con ingresso libero).
Nel corso dell’esposizione saranno ospitati seminari tematici dedicati alle scolaresche secondo il seguente calendario: Il 4 dicembre - “Scrittori e resistenza” (a cura della Prof. Lucilla Sergiacomo per la letteratura e di Nicoletta di Gregorio per la poesia); La fotografia come testimonianza negli scenari bellici (a cura di Stefano Schirato); Le corrispondenza dal fronte nella storia del giornalismo (Prof. Piero Di Girolamo); Storia e Memoria del conflitto in Abruzzo (a cura di Maria Rosaria La Morgia e Mario Setta).

Pubblicato in Cultura e eventi

Ortona. "Mancanza di segnaletica stradale, presenza di parcheggi selvaggi e di auto che sfrecciano a tutta velocità senza alcun controllo. E' il triste spettacolo a cui si assiste quotidianamente in contrada Sant'Elena, lungo la strada che porta alla zona industriale di Ortona, dove sono costretti ad operare, esposti a numerosi pericoli, i dipendenti di varie aziende. L'ovvia conseguenza di un tale stato di trascuratezza e disinteresse, da parte delle autorità comunali, è il ripetersi di incidenti stradali e comportamenti incivili".

Così in una nota Angelo Di Nardo, capogruppo in Consiglio comunale Fratelli d'Italia-An, Noi Con Salvini, Libertà e Bene Comune per Ortona, che aggiunge: "Proprio in occasione di uno di questi incidenti, nell'estate di due anni fa, rimase coinvolto un collaboratore della Weatherford Mediterranea S.p.A. L'azienda, tramite l’amministratore delegato Maximiliano Guiducci e il responsabile della sicurezza Fabrizio Scogna, provvide ad informare il sindaco e il comandante della polizia municipale dell'accaduto e delle condizioni di pericolo, allegando una corposa e circostanziata documentazione, che tuttavia non ottenne alcuna risposta. Da allora, ad oggi, nulla è stato fatto e tutto è rimasto pericolosamente come prima, con i responsabili della Weatherford che non hanno ricevuto neanche un cenno di interessamento a titolo di cortesia. Premesso che la strada in questione non viene utilizzata soltanto dagli utenti della zona industriale, ma anche da molti cittadini di Ortona, essendo un'arteria di collegamento con la Marrucina e con Caldari, Crecchio e Orsogna. Premesso che tutti i cittadini hanno il diritto di circolare e operare in condizioni di sicurezza e che ogni amministratore degno di questo nome è tenuto ad intervenire per garantire tali diritti. Trovo assolutamente incomprensibile e inaccettabile che, mentre in altre realtà nazionali ed europee, si stendono "tappeti d'oro" per attrarre aziende nel territorio, al fine di accrescere o almeno salvaguardare i posti di lavoro, ad Ortona - in un comune già duramente colpito dalla crisi e dalla mancanza di occupazione - si tratti con sufficienza e colpevole indifferenza una realtà imprenditoriale che paga regolarmente le tasse e che offre impiego a tanti cittadini. Per queste ragioni intendo farmi portatore dell'ennesima - e finora inascoltata - segnalazione della Weatherford Mediterranea S.p.A presso il sindaco Leo Castiglione, al quale chiedo di intervenire con prontezza e celerità per ripristinare le condizioni sicurezza e garantire il necessario controllo nella zona di contrada Sant'Elena".

"In particolare - conclude Di Nardo - esorto il primo cittadino di Ortona ad adoperarsi affinchè: Venga installata adeguata segnaletica verticale ed orizzontale, attualmente mancante o comunque carente, in quanto non c'è alcuna chiarezza in merito ai limiti di velocità, alle aree in cui è vietato il parcheggio e perfino in relazione alla delimitazione delle carreggiate; Sia assicurato il necessario controllo, da parte degli organi di polizia municipale, a scopo deterrente e repressivo, al fine di garantire il rispetto dei limiti di velocità e dei divieti di sosta sulla strada in questione; sia valutata l'installazione di dissuasori di velocità o di altri sistemi che inducano gli automobilisti a rispettare le regole; sia affrontato il problema dei parcheggi in prossimità degli accessi carrabili che, in alcuni casi, una volta occupati dalle vetture, limitano la visibilità degli automobilisti in transito".

Pubblicato in Politica

Rocca San Giovanni. Si chiude un anno importante per Cantina Frentana che festeggia il 2017 con l’ingresso nella prestigiosa Wine-Net, Italian Co-Op Excellence che promuove l’eccellenza della cooperazione vitivinicola italiana. A far par parte della rete, fondata, la scorsa primavera, da tre autorevoli cooperative (Cantina Valpolicella Negrar, Cantina Produttori di Valdobbiadene – Val D’Oca e Cantina Pertinace), che raccoglie diverse realtà italiane accreditate nel panorama dell’eccellenza enologica italiana, è stata chiamata a rappresentare l’Abruzzo proprio Cantina Frentana. “L’essere stati scelti per portare il nostro contributo alla Rete Wine-Net ci onora e ci carica di entusiasmo – ha spiegato il presidente dell’azienda cooperativa di Rocca San Giovanni, Carlo Romanelli -. Nata con l’obiettivo di allargarsi ad altre realtà provenienti dai migliori territori viticoli italiani e con una storica vocazione alle produzioni di qualità, questa rete di cooperative vuole rendersi capace di intercettare al meglio le opportunità che arrivano dal mercato, a partire dallo sviluppo dei mercati internazionali (sia quelli tradizionali che quelli emergenti), oltre ad organizzare un miglior presidio del mercato italiano”. Un nuovo entusiasmante modello di rete d’impresa, fondato su un lavoro di coordinamento tra aziende complementari, quello di Wine-Net, Italian Co-Op Excellence su cui Cantina Frentana intende scommettere “per continuare a scrivere entusiasmanti pagine di futuro che parlano di vigne e vini, ma anche di uno spaccato interessante di una parte d’Abruzzo “sospesa” fra la montagna e il mare”, ha spiegato, oggi, Felice Di Biase, direttore di Frentana nel corso di un incontro con l stampa. Con Di Biase e il presidente Romanelli erano presenti, l’enologo Gianni Pasquale e il consulente agronomo Maurizio Gily. L’entusiasmo per le nuove sfide cresce, poi, se si leggono i risultati del bilancio aziendale 2016/2017, con un incremento positivo su tutti i fronti, dal fatturato, alla penetrazione dei mercati, sino all’ingresso di nuovi soci nella grande famiglia cooperativa. Alcuni dati: il valore della produzione totale è pari a € 9.059.759,02 (il più alto in assoluto nella storia di Frentana) mentre il fatturato in bottiglia è cresciuto di un + 4% rispetto al bilancio precedente passando da € 2.395.861 ad € 2.500.357,72. Dato positivo anche per i conferimenti, che sono saliti del +27% con relative economie di scala prodotte, come pure la liquidazione media al quintale che è pari ad € 34,06.

Il 2017 si chiude anche con un nuovo arrivato in cantina, uno strepitoso VinoPassito che accompagnerà il brindisi delle feste natalizie.

Nel 2018, inoltre Cantina Frentana festeggerà i suoi primi sessant’anni. Un traguardo importante che sarà celebrato in tre diversi momenti. Primo fra tutti il Vinitaly di Verona, la fiera internazionale dell’enologia, dove Cantina Frentana sarà presente con uno stand rinnovato e ricco di iniziative. E’ previsto, poi, un incontro dedicato alla formazione dei soci, sulla scia degli eventi della rassegna “le stelle della cooperazione” promossi negli anni scorsi, in cui gli oltre 400 membri della cooperativa potranno partecipare ad incontri con altri protagonisti della cooperazione italiana. Inoltre, sarà prodotto un vino celebrativo per festeggiare i 60 anni di Cantina Frentana e del Montepulciano d’Abruzzo.

Pubblicato in Economia

Cupello. Il Chieti F.C., in virtù del pareggio ad occhiali conquistato al “Comunale” di Cupello, stacca il pass per la semifinale della Coppa Italia di Eccellenza dopo aver vinto 3 – 1 il match di andata all’Angelini.Neroverdi ben messi in campo, hanno disputato una buona partita per tutti i novanta minuti, creando diverse occasioni per andare in gol. Al tempo stesso,il Cupello, non si è mai reso pericoloso dalle parti di Carità, rimasto inoperoso. L’unica occasione degna di nota è arrivata ad inizio secondo tempo quando il guardalinee ha annullato il gol per fuorigioco a Troiano.
Giornata fredda nel centro vastese. Neroverdi seguiti da circa trenta sostenitori giunti dal capoluogo Teatino.
Il tecnico Aielli, inizialmente, lascia in panchina Lalli, Patacchiola, Bordoni, Comparelli e Massa.Il Chieti si schiera con il 3 – 5 – 2:esordio stagionale tra i pali per il classe 00’ Carità, difesa composta da De Fabritiis, Fruci e Giannini, linea mediana con Iometti, Simonetti e Selvallegra, esterni Ricci e Felli, tandem d’attacco formato da Catalli e Cioffi.
NelCupello, mister Carlucci , inizialmente, lascia in panchina Pendenza e Avantaggiato. Questo l’undici in campo:
Stivaletta, De Cinque, Berardi, Progna, Giuliano, Benedetti, Tucci, Quaranta, Di Paolo, Troiano, Nuozzi.
Inizio di partita con poche emozioni. Il Chieti è più vivo rispetto agli avversari e prende controllo del centro nevralgico con Iommetti, sempre nel vivo dell’azione.
Prima occasione degna di nota al 31’ con un colpo di testa di Cioffi su cross di Ricci che Stivaletta blocca facilmente.
Il Cupello, seppur ben messo in campo, non crea pericoli alla retroguardia teatina che controlla facilmente le operazioni. Al 36’ altro squillo neroverde: punizione battuta con il contagiri di Catalli per la testa di Iommetti che spedisce la palla alta sopra la traversa.
Finale di prima frazione con il Chieti che alza i ritmi di gioco e prova a sfondare in due circostanze: ancora con Iommetti e poi con Catalli che viene anticipato prima di battere a rete da De Cinque.
Mister Carlucci sulla sponda Cupellese all’intervallo sostituisce Tucci con Avantaggiato per dare maggiore profondità alla manovra.
Dopo pochi secondi dal fischio del sig. Verrocchi di Sulmona, il Cupello va in gol con Troiano ma il guardalinee annulla per fuorigioco.
I neroverdi riprendono a macinare gioco e collezionano altre buone occasioni con Catalli in due circostanze, e con Lalli, che nel frattempo è entrato in campo insieme a Comparelli e Bordoni, in luogo di Catalli, Selvallegra e Iommetti.
Al 70’ ci prova anche Bordoni su assist di Ricci ma il tiro a pochi passi da Stivaletta termina fuori di poco.
Il walzer delle sostituzioni continua sulla sponda di casa con l’ingresso in campo di Pendenza, ma con il passare dei minuti il pensiero va soprattutto ai prossimi impegni di campionato. L’ultimo sussulto del match capita all’80’ sui piedi di Fruci che prova a sorprendere Stivaletta su calcio di punizione che termina alto.
Non accadrà più nulla. Dopo tre minuti di recupero l’arbitro Verrocchi di Sulmona fischia la fine della partita e decreta la qualificazione in semifinale del Chieti che dovrà vedersela con la vincente di Torrese – Amiternina. Vantaggio rassicurante della compagine teramana che parte dal 5 a 0 ottenuto all’andata.
Ricordiamo, che il regolamento prevede in caso di vittoria della Coppa Italia a livello nazionale, dopo aver vinto quello regionale, l’approdo in serie D attraverso il ripescaggio.
Semifinali in programma il 10 e 24 Gennaio 2018.
I neroverdi, adesso, possono pensare alla sfida importantissima con il Paterno, domenica, all’Angelini.
IL TABELLINO:
CUPELLO – CHIETI F.C. 0 - 0
CUPELLO: Stivaletta, De Cinque(50’st Bruno), Berardi, Progna, Giuliano, Benedetti(58’st Pendenza), Tucci(45’st Avantaggiato), Quaranta(73’st De Vivo), Di Paolo, Troiano, Nuozzi(76’st D’Antonio)
A disposizione: Marconato, Bassano, De Vivo, Bruno, D’Antonio, Avantaggiato, Pendenza
Allenatore: Carlucci
CHIETI F.C.: Carità, Ricci, Felli(85’st Patacchiola), Fruci, Iommetti(62’st Bordoni), Cioffi, Catalli(62’st Lalli), Selvallegra(62’st Comparelli), Giannini(85’st Leone), Simonetti, De Fabritiis
Allenatore: Aielli
Ammoniti: Simonetti, Giannini (Chieti F.C.)
Recupero: 1’pt e 3’st
Arbitro: Verrocchi di Sulmona (assistenti Mainella di Lanciano e Aspite di Chieti).

Pubblicato in Sport

Pescara. Il Consiglio comunale di Pescara, nella seduta di ieri pomeriggio ha ribadito che nella nostra città chi non rispetta le regole va aiutato a raggiungere i propri fini, anche a scapito dell’interesse pubblico.
Purtroppo, questa è la triste conseguenza di una gestione del territorio portata avanti, ancora una volta, derogando e quindi non rispettando le norme urbanistiche del piano regolatore.
<Con il solo voto contrario del M5s> commenta la consigliera M5s Erika Alessandrini < destra e sinistra permetteranno la realizzazione di campi da calcetto e da squash in via Prati, evitando che la società Wakup debba cedere alla collettività quasi 3.000 mq per aree verdi, così come prevede il piano regolatore vigente.>

Dov’è allora l’interesse pubblico posto alla base della delibera consiliare approvata con il voto del partito trasversale che va da Sinistra Italiana a Fratelli d’Italia? Perchè i cittadini devono rinunciare al verde, ai parcheggi pubblici ed alla pista ciclabile, in un’area già troppo densamente costruita e congestionata da un continuo traffico di passaggio, per fare realizzare ad un privato un’iniziativa economica lucrosa?
Queste le domande centrali che non hanno trovato risposta e che hanno portato al fermo voto contrario del Movimento 5 Stelle.

< Anche il TAR > prosegue la Alessandrini < che già nel 2010 aveva annullato un progetto di impianti sportivi in deroga al PRG, proprio nel lotto accanto a questo, ha affermato che il solo fatto di far avviare una nuova iniziativa economica non costituisce, di per sè, un interesse pubblico.>

Il M5S ha tentato in ogni modo di non accettare, tra le deroghe proposte, l’eliminazione della cessione del 40% del lotto per aree pubbliche ed ha chiesto, in alternativa a quella cessione, almeno la monetizzazione delle stesse aree, principio introdotto sia dal Decreto Sviluppo che dalle nuove Norme Tecniche di Attuazione, che avrebbe portato nelle casse comunali all’incirca 100.000 euro per la realizzazione dei relativi servizi, carenti in quell’area.

Purtroppo gli stessi consiglieri che appena un mese fa, durante la famosa sessione urbanistica, hanno dimostrato tanto entusiasmo per aver introdotto queste regole, con il voto di ieri, hanno invece votato per non applicarle e per derogare, a vantaggio del solo interesse privato. Il M5s avrebbe voluto garantire al privato la realizzazione del proprio intervento ed al pubblico di vedere soddisfatto il proprio interesse in termini di verde e parcheggi. Ma evidentemente - concludono le consigliere Erika Alessandrini ed Enrica Sabatini - per il centrodestra ed il centrosinistra, la legge non è uguale per tutti.

Pubblicato in Politica

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione