Articoli filtrati per data: Dicembre 2017
Mercoledì, 27 Dicembre 2017 00:00

Verso Pescara - Venezia, parla Zeman

Pescara. Alla vigilia della gara interna con il Venezia di Filippo Inzaghi, il tecnico del Pescara, Zdenel Zeman, ha presentato l'incontro.

Queste sono le sue dichiarazioni riportate da forzapescara.com: "Proietti si è allenato, ha fatto quasi due settimane con la squadra e dovrebbe essere pronto. Ho visto meglio i ragazzi, ad Ascoli è vero che abbiamo fatto male ma in settimana la squadra ha lavorato e fatto delle buone cose. Sulla questione con Sebastiani non ho niente da raccontare. A Mancuso manca il gol, lui è un attaccante da rete, non riesce ancora a capire spesso dove deve andare ma è un giocatore generoso che dà sempre tutto in partita, anche in allenamento. Spero riesca a trovare la porta. Balzano ha ancora qualche problema, Cocco è a posto e quindi sono tutti e due a disposizione. Capone è rimasto fuori, sia per gli impegni in Nazionale, sia perché Benali mi ha dimostrato molta voglia di giocare.
Non sono d'accordo sul fatto che ad Ascoli non ci fosse voglia di fare risultato. I nostri esterni d'attacco erano troppo bassi, non si può fare male da 80 metri di distanza, vorrei vederli lavorare in modo diverso. Ma questo non significa che non si siano impegnati. La squadra spero che giochi, che si proponga, che faccia la fase offensiva e difensiva con applicazione.
Il Venezia ha fatto bene, è una squadra quadrata. Anche se uno è attaccante, da allenatore deve allenare la squadra e quindi se Inzaghi è così si vede che è giusto, poi in realtà non è vero che è così difensivo. Di certo sa difendersi.
Non vi parlo di mercato, è la società che fa quello che può e che deve fare. Io posso esprimere il mio giudizio sulla squadra, su cosa manca e su cosa avanza. Ma lo dico alla società, non a voi. Valzania? So che è stato richiesto indietro dall'Atalanta, poi se lo girerà al Carpi non so. Molte cose si spiegano con motivazioni finanziarie. Ho parlato con i direttori del mercato, il presidente non mi ha chiesto niente.
Noi abbiamo buttato 10 punti per cercare di gestirci, ma le partite vanno giocate dall'inizio alla fine, non siamo capaci di gestire. Con questi punti in più parleremmo di altre cose, è una squadra competitiva ma deve giocare con un'altra mentalità. Se non si convincono che possono vincere con tutti è difficile. A Cesena abbiamo fatto la miglior partita e l'abbiamo persa perché volevamo gestirla, ma non dobbiamo guardare il risultato. Io da allenatore devo cercare la prestazione, se c'è quella il risultato viene, mentre se non c'è no, se pensiamo a mantenere solo il risultato è difficile".

Pubblicato in Sport

Fossacesia. La Giunta Comunale di Fossacesia, con delibera, ha deciso di dare maggior impulso all’area artigianale e commerciale di Località Sterpari, situata lungo la provincialeLanciano/Fossacesia, ed ha incaricato il settore Urbanistica e Edilizia, di predisporre un bando per l’acquisto di lotti in quella zona. L’avviso è aperto (non ha scadenza) ed è teso a favorire le imprese all’acquisto di lotti produttivi per nuovi insediamenti. “Il provvedimento è stato preso tenendo conto dei segnali di ripresa economica, nella convinzione di poter fornire strumenti capaci di costruire percorsi per lo sviluppo economico e produttivo – spiega il sindaco Enrico Di Giuseppantonio -. Nell’area di Località Sterpari il Comune di Fossacesia ha prestato sempre molta attenzione, soprattutto per quanto riguarda la gestione delle infrastrutture. Crediamo che la nostra azione possa stimolare nuovi investimenti e che così facendo si creino le condizioni per contribuire a incrementare l’occupazione”.

Pubblicato in Politica

Montesilvano. «Nel corso del 2017 abbiamo condotto un’attività di razionalizzazione degli spazi nella disponibilità comunale, che ci ha permesso non solo di offrire ai cittadini luoghi di aggregazione più funzionali ed accoglienti ma al tempo stesso di contenere la spesa pubblica. In particolare questa azione si è concentrata nell’ambito del mondo delle associazioni e dei centri sociali». A dirlo è l’assessore Maria Rosaria Parlione che specifica: «L’ultimo atto in ordine di tempo consiste nello spostamento del centro sociale che si trovava in via Napoli in una sede più piccola di via Salentina, nelle cui vicinanze, peraltro, è stato realizzato un campo per il gioco delle bocce». Questa decisione si affianca allo spostamento del centro sociale di via Lago di Bomba, in un altro immobile in via Marrone. Nei mesi scorsi, le associazioni delle Vincenziane e Missione Possibile sono state trasferite nella villetta di via Adige, entrata nella disponibilità comunale dopo la sua confisca. Questa nuova sede, ha portato alla dismissione delle locazioni di un immobile di via Marinelli e di via Calabria, dove nella sede della Protezione Civile sono stati rimodulati gli spazi e i canoni.

«Questa riorganizzazione radicale degli spazi - dice ancora la Parlione - ha prodotto un contenimento della spesa di circa 40.000 euro. Nel 2018 la spesa per tali canoni di locazione si attesterà sui 78.000 euro circa, contro i 118.000 euro precedenti. Tale imponente azione arricchisce ulteriormente il lavoro fatto anche nello scorso anno, quando grazie al completamento della scuola di via Adda, abbiamo dismesso il contratto di locazione dell’immobile di via Verrotti, ottenendo un risparmio di ben 128.000 euro all’anno e consegnando ai bambini una scuola dell’infanzia confortevole, sicura e accogliente».

Pubblicato in Politica

Chieti. “Il lasciapassare del Governo di centrosinistra al progetto del gasdotto della Snam nel territorio peligno, arrivato proprio alla vigilia di Natale, è un “regalo” non gradito dagli abruzzesi. Sul tema avevamo denunciato già dall’agosto 2015 il doppiogioco di questa amministrazione regionale capace di opporsi solo a parole, ma fare il contrario. Esempio lampante l‘approvazione, su proposta del Presidente, di una delibera di giunta regionale, per la non costituzione in giudizio contro l’eccezione di incostituzionalità avanzata dal governo centrale all’articolo 1 della L.R. 13/2015 finalizzata a contrastare la realizzazione del metanodotto della Snam Sulmona – Foligno. Già in quella occasione avevamo detto che la maggioranza regionale di centrosinistra sarebbe stata zerbino delle scelte di Roma e tanto ne è stato. Abbiamo presntato una risoluzione urgente affinchè ci sia un concreto, serio e tangibile impegno a bloccare il Decreto Autorizzativo, ultimo tassello prima della nefasta realizzazione”. Questo il commento di Mauro Febbo, Presidente della Commissione di Vigilanza in Consiglio Regionale e di Lorenzo Sospiri, Capogruppo di Forza Italia in Consiglio Regionale.

“Impossibile che gli esponenti della maggioranza in Regione Abruzzo non sapessero ciò che si apprestava a fare il Governo centrale. Tra un viaggio romano e l’altro, nella speranza di una candidatura in un collegio o in un altro, alla camera o al senato, gli esponenti della maggioranza in regione dovevano per forza sapere le strategie di un governo del loro stesso colore politico. Hanno preferito il silenzio. Un silenzio assenzio grave, imbarazzante e irresponsabile. Perché? Perché non è stato dato seguito al volere dei cittadini e dei sindaci del territorio? Perché non è stato dato seguito agli atti ostativi messi in piedi dal precedente governo di centrodestra? Perché gli “ambientalisti” in Consiglio Regionale, come sempre, predicano bene e razzolano male? Perché apparire a parole e smentirsi con i fatti?”

“E’ il tempo dell’ agire. Pertanto – concludono Febbo e Sospiri – abbiamo presentato una risoluzione urgente affinché la Regione si impegni a scongiurare la realizzazione di un progetto in contrasto con la vocazione e la sicurezza di un territorio a elevato rischio sismico e quindi ad attivarsi per un pronto ed incisivo ricorso al TAR. Nel contempo siamo ad esprimere piena solidarietà al Sindaco di Sulmona, Annamaria Casini, pronta a rassegnare le proprie dimissioni. Ci auguriamo che questo esempio venga emulato da chi oggi rappresenta quel territorio nell’esecutivo regionale, ovvero da Andrea Gerosolimo. Solo con azioni forti ed incisive si può evitare questa iattura. Siamo chiamati a rappresentare il volere dei cittadini ed è evidente che gli abruzzesi siano contrari a questo progetto. E’ necessario che i fitti viaggi romani degli esponenti del PD e della maggioranza vedano al centro della discussione questa tematica anziché una desiderata candidatura in vista delle prossime competizioni elettorali”.

Pubblicato in Politica

Chieti. La Provincia di Chieti ha ricevuto conferma dal Centro Operativo Regionale dell’avvenuto riconoscimento, da parte del Dipartimento della Protezione Civile nazionale, delle spese sostenute per i lavori di somma urgenza autorizzati in occasione dell’emergenza neve che interessò il territorio abruzzese a partire dallo scorso mese di gennaio.
Questa comunicazione sta a significare che gli Uffici dell’Ente potranno adottare nelle prossime settimane i consequenziali atti amministrativi e che potranno garantire il pagamento delle imprese affidatarie delle attività dello sgombero neve.

Il Dipartimento della Protezione Civile nazionale, infatti, ha approvato lo scorso novembre il Piano di Interventi presentato dalla Provincia d Chieti e ha dato l’ok per le spese relative a complessivi 145 interventi per un totale di 2.144.683 euro.

Inoltre la Provincia di Chieti, in vista dell’imminente stagione invernale, con decreto del Presidente n 178 del 12 dicembre scorso ha apprestato il Piano Neve 2017-2018 per un importo complessivo di 200 mila euro, la spesa stimata è suscettibile di variazione in ragione della variabilità e imprevedibilità degli eventi meteorologici.
Diverse ditte hanno già risposto all’avviso pubblico volto ad acquisire la disponibilità di operatori economici interessati all’affidamento dei singoli lotti di intervento, per un totale di 99 lotti corrispondenti a 1619,348 km .

Un bando di gara a parte per il lotto Pretoro- Majelletta, dove il Servizio di sgombero neve è stato già assegnato per circa 85 mila euro e la ditta vincitrice si avvarrà dei mezzi spazzaneve di proprietà della provincia concessi in comodato d’uso.
L’Ente ha già provveduto all’acquisto di sale per il disgelo con un primo investimento di oltre 60 mila euro, per 1.800 quintali in sacchi e 7.260 sfusi, ma si procederà all’adozione di ulteriori provvedimenti.

Pubblicato in Politica

Pescara. Approvato oggi il bilancio preventivo della Provincia di Pescara.
Presenti 4 consiglieri su 8 della maggioranza, e 3 su 5 della minoranza, il bilancio è stato approvato con 4 voti a favore e tre astensioni.
Erano presenti: Franco Galli, Silvina Sarra, Pietro Gabriele (Pd), e Vincenzo d’Incecco, Maurizio Giancola, Antonio Zaffiri. Risultavano assenti: Leila Kechoud, Annalisa Palozzo, Vincenzo Catani, Piernicola Teodoro, Francesco Maragno e Lorenzo Silli.
“Con un grande atto di responsabilità dei consiglieri presenti – dichiara il presidente Antonio Di Marco – è stato approvato lo strumento contabile che mette in salvo l’istituzione Provincia. Con la sua approvazione, inoltre, sono stati fatti salvi anche gli emendamenti collegati, che riguardavano atti di estrema urgenza per la Provincia, come il trasferimento della somma di 130.000,00 euro dalla regione alla provincia per il piano neve; l’entrata in bilancio di 2.100.000,00 euro per l’istituto Marconi di Penne a seguito del terremoto del 2016; l’approvazione dei debiti fuori bilancio relativi al pagamento di arretrati dei cosiddetti precari della Provincia e o la somma di 60.000,00 per lavori d’urgenza. E poi ancora l’approvazione del contratto di servizio per la VIT (Verifica degli Impianti Termici) affidato alla società in house Provinciambiente per gli anni 2017/2018. Anche questo un adempimento urgente e inderogabile, che sostanzialmente ha ridato ossigeno alla società pubblica che occupa attualmente 22 dipendenti”.
Insomma un bilancio approvato al foto finish, ma non certo per “responsabilità” dell’ente. La legge Delrio, com’è noto, ha ridisegnato l’organizzazione delle Province, ridimensionandone il ruolo e la rappresentanza politica, ma poi le leggi di stabilità del 2015, 2016 e 2017 hanno dato il colpo di grazia alle casse provinciali. Al punto, quest’anno, da rendere impossibile prima di questa data la composizione di un bilancio preventivo con pareggio tra entrate e uscite.
“Non è stato facile – conclude Di Marco – costruire questo bilancio. E’ stato anche il risultato di battaglie portate avanti a livello nazionale e regionale con l’UPI. Se non lo avessimo fatto, tutto quello per cui ci stiamo battendo per riavviare l’attività delle Province in favore del territorio, sarebbe stato annullato, e inoltre sarebbero andate a rischio le spese urgenti e gli stipendi stessi dei dipendenti”.

Pubblicato in Politica
Mercoledì, 27 Dicembre 2017 00:00

Sisma. Consegna 20 SAE al Comune Cortino

Teramo. Il Sottosegretario d'Abruzzo Mario Mazzocca ha partecipato alla cerimonia di consegna di ulteriori 20 SAE (Soluzioni Abitative di Emergenza) al Comune di Cortino (Te) dislocate su cinque aree rispettivamente nelle frazioni Vernesca (n.1), Cortino (n.5), Pagliaroli (n.7), Casanova (n.4) e Collegilesco (n.3).

“In Abruzzo sale a 110 il numero delle SAE consegnate sulle 238 ordinate, pari al 47,80% - spiega Mazzocca - Un risultato importante se si considera che gli effetti del sisma sulla nostra regione decorrono prevalentemente dalle scosse del 18 gennaio scorso. Gli insediamenti di Cortino sono tra quelli posti a quota più elevata (con particolare riferimento a Cortino, Pagliaroli e Venesca). Pertanto, unitamente alle SAE di Rocca S.Maria, sono stati oggetto di adeguata revisione progettuale in relazione al maggior carico da neve previsto dalla norma vigente, fatto che ha comportato la realizzazione di SAE a struttura rinforzata con maggior sezione delle pareti rispetto alle SAE installate presso altri Comuni”.,

“Sulla scorta del disposto dell'Accordo Quadro 1238/2016 per la fornitura delle SAE a cui ha aderito la Regione Abruzzo e del relativo capitolato tecnico – conclude Mazzocca - la realizzazione degli insediamenti che vengono consegnati in data odierna è stata rispettosa dei tempi contrattuali”.

Pubblicato in Politica

Ortona. "Un immediato e deciso intervento, da parte dell'amministrazione comunale di Ortona, in difesa dell'agricoltura locale e a tutela della sicurezza pubblica". E' quanto chiede Angelo Di Nardo, capogruppo in Consiglio comunale per le liste Fratelli d'Italia, Noi Con Salvini, Libertà e Bene Comune per Ortona, in riferimento al transito di greggi nei terreni agricoli del territorio comunale.

Stando a quanto denunciato da numerosi operatori agricoli, infatti, il transito di pecore nei terreni agricoli di Ortona sta creando gravi problemi al comparto e per queste ragioni Di Nardo considera "necessario disporre un'ordinanza di divieto finalizzata ad impedire il transito, sull'intero territorio comunale, alle greggi che attualmente pascolano in maniera arbitraria e selvaggia".

"La presenza di greggi è diventata, infatti, incompatibile con le necessità di un territorio a forte vocazione agricola - prosegue Di Nardo - in particolare per via dei cambiamenti climatici che hanno prodotto una fioritura prematura dei vigneti e per la tipologia di potatura al 'ribasso' di uliveti, arbusti e tralci posizionati sul terreno dopo la potatura dei vigneti".

Inoltre si pone un serio problema legato alla sicurezza, "poiché negli ultimi anni si sono verificati gravissimi episodi di discussioni animate e accesi diverbi, seguiti da minacce di vario genere - conclude il consigliere comunale di centrodestra - rimasti nel silenzio più assoluto soltanto per il timore di eventuali rappresaglie tra pastori e cittadini".

Pubblicato in Politica

L'Aquila. "E’ surreale che Febbo e Sospiri si sveglino adesso sulla vicenda del gasdotto Snam a Sulmona, proprio loro che – quando il centrodestra governava la Regione con Gianni Chiodi – non proferirono verbo sul decreto di compatibilità ambientale dell’opera, emanato in data 27 marzo 2011. E infatti la Regione Abruzzo, all’epoca, non espresse parere".
Così in una nota Giovanni Lolli, vicepresidente della Giunta regionale, e Mario Mazzocca, sottosegretario alla presidenza con delega all’ambiente, che aggiungono: "Per il resto facciamo notare ai due “distratti” consiglieri che questa amministrazione ha presentato tre ricorsi contro decisioni del Governo su questioni di legislazione concorrente: due sono stati vinti e uno è ancora pendente, dunque non prendiamo lezioni da chi in passato ha girato la testa dall’altra parte su questa vicenda.
La decisione di adire il Tar per fermare la realizzazione del gasdotto è già stata annunciata dal presidente Luciano D’Alfonso il 23 dicembre scorso, e non c’è sicuramente bisogno dei consigli tardivi di Febbo e Sospiri per adottare una soluzione del genere.
In coerenza con quanto praticato finora, opereremo ad ogni livello per stoppare il progetto della Snam, così come abbiamo vittoriosamente fatto per la piattaforma petrolifera Ombrina Mare – smantellata nell’ottobre scorso – e per il Megalò 2 a Chieti".

Pubblicato in Politica

San Giovanni Teatino. "Vi informiamo che verranno progressivamente sostituiti i contatori del gas naturale di tipo tradizionale con nuovi contatori elettroni". E' quanto ha appena comunicato al Sindaco Luciano Marinucci, il gestore del servizio di distribuzione del gas sul territorio di San Giovanni Teatino "2i Rete Gas".
L'innovazione tecnologica favorirà la maggiore consapevolezza dei consumi da parte dei clienti e lo sviluppo di un mercato del gas naturale avanzato. Tra le nuove funzionalità, infatti, ci sono la telelettura dei dati di prelievo e la telegestione del contatore per la diagnostica e la gestione da remoto dell'utenza. La telelettura permetterà una contabilizzazione dei volumi più aderente al loro andamento, riducendo l'impiego di stime per la fatturazione dei consumi e l'eventuale necessità di conguagli.
Il comune di San Giovanni Teatino è stato selezionato "tra le prime città ove intraprendere questo importante piano di sviluppo".
In questi giorni si stanno informando con comunicazione scritta tutti i clienti (sostituzione dei contatori del gas di tipo tradizionale).
Eventuali piccole modifiche impiantistiche, per quanto riguarda gli impianti di 2i Rete Gas, saranno eseguite senza costi a carico dei clienti. Dopo la sostituzione, tutti riceveranno un manuale d'uso contenente le informazione sulle funzionalità del nuovo contatore elettronico. Ne prossimi giorni il responsabile della Area Chieti di 2i Rete Gas, incontrerà il Sindaco Marinucci per definire gli ultimi dettagli per l'attuazione del piano di sviluppo.

Pubblicato in Cronaca

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione