Articoli filtrati per data: Febbraio 2017

Pescara. Successo di pubblico per la conferenza sugli alberi anti-inquinamento, svoltasi il 23 febbraio alla Sala Figlia di Iorio della Provincia di Pescara, organizzata dal FAI delegazione Pescara in collaborazione con Coordinamento Nazionale Alberi e Paesaggio Onlus e con il patrocinio dell’ Ordine degli Architetti P.P. e C. della Provincia di Pescara.
Ha moderato la conferenza Rosaria Morra, Capo Delegazione FAI Pescara, che ha ricordato come il FAI è da sempre in prima linea per il miglioramento degli spazi verdi cittadini. Un argomento, quello delle città verdi e degli alberi anti-inquinamento, che il FAI intende approfondire e portare alla ribalta con progetti di educazione ambientale, anche presso le scuole, e dedicati al complesso tema di una buona progettazione , pianificazione e tutela del verde urbano. Per i saluti è intervenuta l’Assessore alla Riserva Dannunziana del Comune di Pescara Paola Marchegiani che ha ribadito l’importanza degli alberi nelle città con specie arboree di pregio, veri polmoni verdi contro l’inquinamento per migliorare l’aria ed ha sottolineato, anche, il costante aumento delle allergie e malattie polmonari dovute alle polveri sottili. A seguire i saluti dell’architetto Maria Adele Colicchio, delegato per il verde e il paesaggio dell’Ordine degli Architetti di Pescara. Colicchio ha ribadito quanto sia importante la progettazione degli spazi verdi urbani nuova ed il potenziamento di quelli esistenti, in un'ottica unitaria della città contemporanea dove il progetto di paesaggio risponde alle esigenze di tutti gli elementi in esso presenti.
Di grande attualità l’eccellente esposizione del paesaggista Alberto Colazilli, delegato ambiente FAI ed esperto di beni ambientali e verde urbano. Molta attenzione è stata data all’inquinamento ambientale e soprattutto al famigerato PM-10, 2,5 che uccide migliaia di persone ogni anno in Italia e in Europa, provocando gravi malattie respiratorie, malattie cardiovascolari e problemi agli occhi. Le cosiddette polveri sottili e i gas inquinanti possono essere ridotte drasticamente se in città si piantano più alberi e si preservano i filari storici, puntando sulla realizzazione di città verdi con la scelta di selezionate specie anti-inquinamento. “Il verde urbano di qualità, ben curato e valorizzato, è un investimento per il futuro” ha illustrato Colazilli, “perché preserva la nostra salute e contribuisce a migliorare la nostra qualità della vita”.
Gli studi condotti del CNR-Ibimet di Bologna e dell’ISPRA hanno portato nel corso degli anni a una scelta di specie arboree e arbustive in grado di resistere in ambienti difficili come quelli urbani e di combattere efficacemente polveri sottili e gas. Tra i migliori alberi e arbusti anti-inquinamento ci sono i bagolari (Celtis australis), i tigli, i frassini, gli aceri, gli olmi, i Gingko biloba, i gelsi, i Liriodendron, i carpini, gli Eleagnus, i corbezzoli, i ligustri, i cerri, le farnie, le roverelle, i lecci, i biancospini, le Photinie, gli ippocastani. “Sono tre le caratteristiche che rendono un albero efficace nella lotta all’inquinamento” ha spiegato Colazilli, “una chioma ampia e molto densa; una notevole capacità di sottrazione delle polveri e degli inquinanti tramite le foglie, le ramificazioni e la corteccia; una notevole resistenza alle avversità climatiche, agli estremi termici, alle malattie e deve essere specie molto longeva;” Di grande importanza la struttura delle foglie delle piante che “svolgono un importante ruolo di mitigazione dell’inquinamento dell’aria in quanto attraverso gli stomi emettono ossigeno e assorbono lo smog fotochimico composto da: Anidride carbonica, Ozono, Monossido di carbonio, Biossido di azoto, Anidride solforosa. Le foglie e le cortecce catturano e trattengono le polveri sottili inalabili attraverso peli, rugosità e cuticole cerose poste sulle loro superfici.”
Concludendo, si è parlato di forestazione urbana anti-inquinamento puntando l’attenzione sulla cattiva potatura delle alberature in città. “E’ inutile spendere centinaia di migliaia di euro in progetti di riforestazione urbana anti-inquinamento se poi ci ritroviamo sempre le solite ditte che capitozzano e non hanno la capacità di saper gestire un albero e lasciarlo vivere nel suo aspetto naturale”, ha spiegato Colazilli, “le cattive potature non solo distruggono la salute degli alberi ma mettono in crisi tutto il loro lavoro di eco-servizi per la sottrazione degli inquinanti. E’ fondamentale che i comuni selezionino delle ditte di arboricoltori certificati in grado di saper potare gli alberi.” Realizzare poi nuove alberature nelle aree degradate, nelle zone a forte traffico, riqualificando le periferie e migliorando le aree industriali, creando corridoi ecologici e boschi in città. E infine l’ esigenza di “preservare e migliorare il verde storico, delle alberature superiori ai 50 anni di età, in quanto capace di garantire una maggiore capacità di captare le polveri sottili e i gas inquinanti rispetto alle alberature giovani e appena piantate.”

Pubblicato in Cronaca
Lunedì, 27 Febbraio 2017 00:00

Per le Furie una vittoria che vale Golden

Chieti. Le Furie si aggiudicano una vittoria che vale oro colato contro una Piacenza coriacea e irriducibile per buoni 35’. I teatini soffrono, soprattutto in avvio, mostrando una certa opacità offensiva di fron-te ad una difesa attentissima che non regala mai tiri aperti.Le Furie sembrano avere le pile scari-che, accusando forse il logorio più mentale che fisico della partita durissima giocata mercoledì con Bologna. I Piacentini, però, nel loro periodo migliore non sanno capitalizzare e Chieti nel finale di quarto riesce comunque a tamponare lo svantaggio su un passivo minimo di quattro lunghezze (14-18). Il secondo quarto, vive di fiammate da una parte e dall’altra, e vede i biancorossi trovare il canestro con maggior continuità, grazie anche al buon uso dei pick’n roll centrali sull’asse Golden Zucca. Il giovane centro teatino gioca la miglior gara della stagione, trascina in una fase delicatis-sima i suoi in attacco. Piacenza è comunque brava a gestire, chiudendo ancora avanti sul 36-32. Bartocci nell’intervallo compie il miracolo di ricaricare i suoi e quando si riparte Chieti riesce a ro-sicchiare punti importanti, portandosi finalmente in vantaggio sul finale di frazione. Le Furie, deci-samente rinfrancate, riescono progressivamente ad allargare il campo, a ripartire a campo aperto e soprattutto a muovere palla con maggiore velocità. L’ultimo periodo vede brillare la stella di Golden in attacco ma è anche caratterizzato da una maggiore intensità difensiva dei teatini. Piacenza si spegne e Chieti chiude alla grande, mettendo nel carniere due punti importantissimi.

CRONACA

Alla contesa iniziale le Furie si presentano con Golden, Fallucca, Decosey, Allegretti e Mortellaro, risponde l’Assigeco Piacenza con Borsato, Hasbrouck, Raspino, Jones e Persico. Primo quarto in chiaroscuro per i teatini che con Golden e la bomba di Allegretti si portano sul 5-0 dopo meno di due minuti. La riposta ospite però non tarda ad arrivare e con il gancio di Raspino i piacentini toccano il primo vantaggio sull’8-6 a 04:30 dal termine del primo periodo. Gli ospiti continuano a crederci e, grazie ad un Hasbrouck da 8 punti in 10 minuti, concludono la prima frazione sul 14-18.

Il secondo quarto si apre con le Furie che accennano ad una reazione e Andreazza che, sul 20-23 , chiede un minuto di sospensione. Gli ospiti però, non rientrano in campo con la verve giusta e Chieti, con un ispiratissimo Dario Zucca, piazza un parziale di 6-0 (26-23). Il match si riporta sul filo dell’equilibrio e, grazie a diverse palle rubate da un Hasbrouck in grandissima forma, negli ultimi minuti del periodo, riesce a prendere nuovamente il largo e, con i liberi della staffa di Mortellaro, si giunge alla pausa lunga sul 32-36 per gli ospiti.

Alla ripresa delle ostilità Fallucca illude i suoi ma le bombe di Hasbrouck e Infante portano i bian-coblù sul massimo vantaggio (34-42) dopo neanche due minuti dall’avvio del terzo quarto. Chieti risponde canestro su canestro alle offensive piacentine e, grazie alla bomba di Allegretti a 04:51 dal termine del periodo, le Furie si riportano a contatto (43-45). Chieti continua a pigiare il pedale sull’acceleratore e, grazie ad un grandissimo canestro di Mortellaro, ritrova il vantaggio (55-54), le-gittimato da un contropiede di Sergio e dal buzzer beater di Zucca. Al trentesimo, dunque, il risultato è di 59-56, con il giovane pivot sardo che tocca la prima doppia cifra stagionale.
Nel quarto ed ultimo periodo, dopo essere stato fino ad allora contenuto discretamente bene, l’uragano Golden si abbatte sulla difesa ospite, andando a realizzare ben 15 punti in 10 minuti. L’atleta americano infatti, dopo che Piacenza si era riportata in vantaggio grazie ad un parziale di 5-0 targato Hasbrouck-Raspino (59-61) inizia il proprio show personale, essendo, escluso l’1/2 di Venucci dalla lunetta, l’unico giocatore teatino a realizzare per quasi 9 minuti. Piacenza, ad onor del vero mai doma, tenta in tutti i modi di aggrapparsi con le unghie e con i denti alla partita ma l’attenta difesa ospite e le rapide ripartenze biancorosse portano i teatini alla vittoria finale (83-71).

Chieti, nonostante il tour de force che ha vissuto in questa settimana, disputando tre partite in sette giorni, esce vincitrice dalla contesa e può tornare a guardare la classifica con maggior serenità (83-71). Sugli scudi, per i biancorossi, il solito Golden, autore di 34 punti, il totem Mortellaro (13 punti e 13 rimbalzi, di cui 8 offensivi), il nostro espertissimo Allegretti, anche lui in doppia cifra (10 punti) e il giovane Dario Zucca (10 punti) che, partita dopo partita, si sta dimostrando sempre più in crescita. Da sottolineare, inoltre, i 9 assist di Venucci. A Piacenza non bastano i 20 punti di Raspino e i 25 di un ispiratissimo Hasbrouck.

Le interviste a fine gara.

Coach Bartocci, dopo la terza vittoria nelle ultime quattro partite, non può che dichiarare soddisfatto: “Siamo partiti con poca energia e a livello nervoso abbiamo pagato le fatiche fatte nell’ultima settimana, in cui abbiamo speso tanto. Negli ultimi due quarti però siamo rientrati sul parquet con maggiore intensità e soprattutto siamo riusciti a velocizzare il nostro gioco in tutte e due le fasi del campo. Grazie a ciò abbiamo acquistato maggior fiducia, giocando una pallacanestro un po’ più consona alle caratteristiche dei nostri giocatori, come dimostrano i 51 punti messi a referto negli ultimi due quarti. Credo che Golden ci abbia dato una mano nei momenti importanti, facendo ciò che si chiede ad un americano in uno sport come il basket, prendendosi molte responsabilità ma ripagando alla grande le nostre aspettative. Detto ciò, però, vorrei sottolineare la buona prestazione del collettivo, ognuno di loro ha messo un importante mattoncino, anzi un mattone - perché questa squadra per salvarsi necessita di mattoni - e sono davvero soddisfatto. Sono anche contento per il maggiore spazio concesso a Dario (Zucca, ndr) che a tratti ha spostato gli equilibri, essendo molto bravo a sfruttare al meglio qualsiasi occasione abbia avuto. La chiave è avvenuta negli spogliatoi, dove abbiamo parlato di quanto accaduto e, grazie anche ad un paio di urla, siamo riusciti a rientrare in campo ancora più motivati. Il match perso all’overtime contro Bologna ha sicuramente lasciato delle scorie a livello nervoso, l’ho notato anche negli allenamenti di venerdì e sabato ma siamo stati bravi a reagire e a conquistare questa vittoria fondamentale. Accogliamo favorevolmente la pausa, nonostante lo splendido stato di forma di queste ultime partite i ragazzi hanno bisogno di ricaricare le batterie nervose, perché la lotta per la salvezza si basa principalmente su questo. Abbiamo un po’ di giorni per recuperare… ma non vediamo l’ora di rimetterci in marcia”.

Anche Dario Zucca, quest’oggi vero e proprio trascinatore delle Furie, appare molto soddisfatto: “Il coach ci ha giustamente spronati all’intervallo e le sue urla e le sue critiche, costruttive e ben piazzate, ci hanno spinto a dare di più sul parquet. L’intervallo è stato chiave perché il coach ci ha detto quello di cui avevamo bisogno e noi siamo stati bravi a recepire il messaggio. Dopo il quasi colpaccio contro la Virtus, questa vittoria era fondamentale per noi, abbiamo accusato un po’ queste tre partite in sette giorni ma eravamo e siamo molto carichi. Il sostegno dei nostri tifosi, la voglia di fare bene e la consapevolezza di giocarcela alla pari con tutti sono ora le nostre armi in più. Dobbiamo continuare così, vogliamo farci valere e fare di tutto per conquistare la salvezza diretta”.

Coach Andreazza invece, si esprime così al quarantesimo: “Abbiamo rispettato il piano partita solo per i primi due quarti e, nonostante qualche sbavatura, siamo stati avanti. Poi i dettagli, in questo momento della stagione e in un campionato ostico come questo, fanno la differenza. Non siamo stati bravi a sfruttare un inizio partita che vedeva ancora Chieti con la testa e le gambe al recupero infrasettimanale contro Bologna e poi nel terzo quarto sono venuti fuori tutti i nostri limiti attuali, che derivano da poca fiducia, da una serie aperta di cinque sconfitte e ad ogni piccolo errore c’è stato un passo di scoramento che ci ha impedito di fare le cose semplici che ci eravamo prefissati. Abbiamo subito troppo Golden, quando siamo riusciti a limitarlo abbiamo subito i rimbalzi di Mortellaro e quando siamo riusciti a limitare anche lui, abbiamo subito dei pesanti tiri da oltre l’arco, per cui onore e merito a questa Proger che ha dimostrato di essere una squadra viva, che crede nella salvezza diretta, cosa che dovremo provare a fare anche noi, da oggi in poi”.

Tommaso Raspino, dopo una grande prestazione personale, dichiara: “Contento per la prestazione ma fa parte del nostro lavoro, a livello di squadra c’è molta rabbia, almeno per quanto mi riguarda. Bisogna tirar fuori gli attributi perché non manca molto alla fine del campionato e la parte bassa della classifica si sta pericolosamente avvicinando. Dobbiamo realizzare che è evidente che in questo momento non siamo più la squadra del girone d’andata, un bagno d’umiltà ci farebbe molto bene. Dobbiamo lavorare di più, meglio, con più costanza ed energia perché da oggi in poi dobbiamo guardarci le spalle”.

 

PROGER CHIETI - ASSIGECO PIACENZA 83-71 (14-18, 18-18, 27-20, 24-15)

PROGER PALLACANESTRO CHIETI 83:
Golden 34 (12/19 da 2, 2/3 da 3, 4/4 ai liberi), Mortellaro 13 (3/4 da 2, 7/7 ai liberi, 13 rimbalzi), Al-legretti 10 punti (2/3 da 2, 2/4 da 3), Fallucca 4 (2/2 da 2, 0/3 da 3), Turel 0 (0/1 da 3), Venucci 3 (1/6 da 2, 0/2 da 3, 1/2 ai liberi), Zucca 10 (5/7 da 2), Sergio 2 (1/2 da 2, 0/1 da 3), Decosey 7 (3/9 da 2, 1/2 ai liberi).
UCC ASSIGECO PIACENZA 71:
De Nicolao 2 (1/2 da 2), Jones 7 (2/5 da 2, 1/2 da 3), Raspino 20 (7/11 da 2, 2/2 da 3, 0/1 ai liberi), Formenti 0 (0/3 da 2, 0/2 da 3), Infante 9 (1/3 da 2, 2/4 da 3, 1/2 ai liberi), Persico 6 (2/3 da 2, 2/2 ai liberi), Dincic 0, Hasbrouck 25 (5/8 da 2, 4/10 da 3, 3/4 ai liberi), Borsato 2 (1/2 da 2, 0/1 da 3).

Pubblicato in Sport

Montesilvano. 1. Short news.Si è svolto l'ncontro preparatorio del prossimo appuntamento del comitato Saline-Marina-PP1 con il Comune di Montesilvano (per Venerdì prossimo 3 Marzo 18-20). Coffee workshop sotto i portici della Grande Piazza del Curvone (Perché non proponiamo noi un nome per la nuova piazza ? Tipo, piazza degli Antò, dal nome di un famoso film girato a Montesilvano. La guerra degli Antò, di Riccardo Milani, 1999).

2. Compatto ma agguerrito il gruppo di partecipanti: Antonio, Guglielmo, Giuseppe, Marina ed il consigliere comunale Gabriele Di Stefano, indipendente del gruppo misto, che ci ha promesso l'appoggio in consiglio comunale. A lui abbiamo chiesto copia dei progetti in corso nel quartiere: a) rifacimento di via Maresca-alberghi, b) la grande piazza, c) il nuovo ponte foce del Saline. Progetti da valutare con gli occhi competenti di chi in zona ci vive, prima che si facciano altri scempi, come quelli della pista ciclabile lungomare o del ponte (stradale) sul Saline o della tangenziale al cimitero (e da inaugurare prima possibile).

3. Dopo accesa discussione sui temi da porre per la riunione, con l'impegno per ognuno di FAR PERVENIRE VIA E-MAIL SCHEDE DI SEGNALAZIONE (1 PER SCHEDA-EMAIL) SUI DIVERSI TEMI, CON DENUNCIA +PROPOSTA, una pattuglia con il consigliere comunale è partita per fare un sopralluogo sul cantiere lungofiume (nuovo ponte o pista ciclabile MTS-Città Sant'Angelo Silvi ?)

4. In realtà non si capisce per cosa servano gru e macchine di cantiere sull'altra sponda del fiume, dal momento che manca il cartello di cantiere, obbligatorio per legge per qualsiasi cantiere, pubblico o privato. È subito partita una denuncia telefonica da parte del presidente del comitato SMPP1 al comando di Polizia Municipale di Città Sant'Angelo per omissione di obblighi di legge. Il territorio va presidiato, ed il cartello permette di controllare il progetto in corso di realizzazione.

5. Vi alleghiamo alcune foto della desolazione, e necessità di integrazione sostenibile, del quartiere di via Torre Costiera a CSA, adiacente al nostro, dall'altra parte del fiume. Una delle prime battaglie da fare sarà quella di garantire che il nuovo ponte sia solo per pedoni, ciclisti e trasporto pubblico. Non per le macchine. Per evitare di collegare con le automobili i lungomare di Silvi e MTS invadendolo di traffico insostenibile, e garantendo invece che arrivi fino a Silvi il trasporto pubblico in sede propria della Strada Parco e la pista ciclabile Bike to Coast.

6. Antonio si occuperà di caricare i materiali sulla pagina facebook.com/saline.marina.pp1

Pubblicato in Politica

Sulmona. La libreria Punto e a Capo, in collaborazione con la casa editrice Lupi Editore e Il Festival delle Narrazioni, indice la prima edizione del premio poetico letterario “Ovidio, Poeta dell'Amore. Sulmona 2017” in occasione del bimillenario della morte del poeta latino.

Il concorso è a tema libero, gratuito e aperto a tutti. Si articola in quattro sezioni: Poesia per autori maggiorenni - Ammessa una sola lirica, senza limiti di lunghezza. Narrativa per autori maggiorenni - Ammesso un solo racconto che non deve superare le 5.000 battute, spazi inclusi (3 pagine doc word). Narrativa e Poesia Young per autori minorenni - Ammesso un solo racconto o poesia che non deve superare le 2.500 battute, spazi inclusi (3 pagine doc word). Romanzo inedito per autori maggiorenni.

Le opere inviate possono essere già edite, opere prime o inedite. Le poesie, i racconti e i romanzi devono pervenire entro la mezzanotte del 15 maggio 2017 via email all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. in un file word con il titolo e l’opera, mentre in un altro file word vanno inseriti i dati anagrafici e una foto dell’autore. Per la narrativa inserire anche il numero totale dei caratteri, spazi inclusi. Non devono essere presenti dati anagrafici o qualsiasi altro elemento atto ad identificare l’autore dell’opera all’interno del file contenente la stessa. L’elaborato deve essere presentato su foglio formato A4 con dimensione del carattere preferibilmente Times New Roman 12.

Alla scadenza del bando, una giuria tecnica selezionerà le dieci poesie, i dieci racconti, i dieci racconti e poesie Young e i tre romanzi che parteciperanno alla serata finale di premiazione venerdi 30 giugno nelle locations del Festival delle Narrazioni a Sulmona (Aq). La votazione finale sarà effettuata da una seconda giuria selezionata, formata da persone esperte del settore.

Per il primo classificato un contratto editoriale personale di pubblicazione con la Lupi Editore, la pubblicazione in antologia con 15 copie omaggio a testo reperibile su tutto il territorio nazionale tramite i consueti canali distributivi e presso i siti di vendita on-line, e con 150 euro in buono libri.

La mancata osservanza di uno qualsiasi degli articoli del regolamento riportato qui di seguito comporta l’esclusione dal concorso.



REGOLAMENTO


Art. 1 - Partecipanti

Il concorso è a tema libero ed è aperto a tutti.


Art. 2 – Sezioni

Il concorso si articola in 4 sezioni:

A.
Poesia (per autori maggiorenni da 18 anni in su) - Ammessa una sola lirica, senza limiti di lunghezza.
B.
Narrativa (per autori maggiorenni da 18 anni in su) - Ammesso un solo racconto che non deve superare le 5.000 battute, spazi inclusi ( 3 pagine in word – Times new roman carattere 12).
C.
Narrativa e Poesia YOUNG (per autori minorenni fino a 17 anni) - Ammesso un solo racconto o poesia che non deve superare le 2.500 battute, spazi inclusi ( 3 pagine in word – Times new roman carattere 12).

D.
Romanzo inedito (per autori maggiorenni da 18 anni in su).


Art. 3 – Opere

Le opere inviate possono essere già edite, opere prime o inedite. Le poesie i racconti i romanzi devono pervenire per email all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
in un file word con SOLO il titolo e l’opera, mentre in un altro file word inserire i dati anagrafici e una foto dell’autore, per la narrativa anche il numero totale dei caratteri spazi inclusi. Non devono essere presenti dati anagrafici o qualsiasi altro elemento atto ad identificare l’autore dell’opera nel file contenente la stessa.


Art. 4 - Caratteristiche del testo

L’elaborato deve essere presentato su foglio formato A4, dimensione del carattere (preferibilmente times new roman) 12.



Art. 5 - Invio delle opere

Entro la mezzanotte del 15 MAGGIO 2017 le opere dovranno essere spedite tramite email all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Art. 7 - Quota spese

L’iscrizione alle 4 sezioni è completamente GRATUITA


Art. 8 – Premi

Poesia (per autori maggiorenni da 18 anni in su):

• Primo classificato: CONTRATTO EDITORIALE personale di Pubblicazione con la LUPI EDITORE + Pubblicazione in Antologia con 15 copie omaggio + 150 EURO in buono libri

• Secondo classificato: Pubblicazione in Antologia con 10 copie omaggio + 100 EURO in buono libri

• Terzo classificato: Pubblicazione in Antologia con 5 copie omaggio + 50 EURO in buono libri


Narrativa (per autori maggiorenni da 18 anni in su):

• Primo classificato: CONTRATTO EDITORIALE personale di Pubblicazione con la LUPI EDITORE + Pubblicazione in Antologia con 15 copie omaggio + 150 EURO in buono libri

• Secondo classificato: Pubblicazione in Antologia con 10 copie omaggio + 100 EURO in buono libri

• Terzo classificato: Pubblicazione in Antologia con 5 copie omaggio + 50 EURO in buono libri



Narrativa e Poesia YOUNG (per autori minorenni fino a 17 anni)

• Primo classificato: CONTRATTO EDITORIALE personale di Pubblicazione con la LUPI EDITORE + Pubblicazione in Antologia con 15 copie omaggio + 150 EURO in buono libri

• Secondo classificato: Pubblicazione in Antologia con 10 copie omaggio + 100 EURO in buono libri

• Terzo classificato: Pubblicazione in Antologia con 5 copie omaggio + 50 EURO in buono libri


Romanzo inedito (per autori maggiorenni da 18 anni in su).

• Primo classificato:CONTRATTO EDITORIALE personale di Pubblicazione con la LUPI EDITORE +150 EURO in buono libri

• Secondo classificato: 100 EURO in buono libri

• Terzo classificato: 50 EURO in buono libri



Art. 9 - Scelta dei finalisti

Alla scadenza del bando una giuria tecnica selezionerà le 10 poesie, i 10 racconti i 10 racconti e poesie YOUNG e i 3 romanzi che parteciperanno alla finale.


Art.10 - Serata conclusiva

La serata finale sarà aperta al pubblico e si terrà il 30 giugno presso le sedi del FESTIVAL DELLE NARRAZIONI DI SULMONA AQ. In tale circostanza avverranno le premiazione degli autori.


Art. 11 - Votazione finale delle opere

La serata finale uno o più attori leggeranno le poesie e gli incipit dei racconti finalisti per permettere agli intervenuti di esprimere un giudizio sulle opere selezionate. La votazione finale sarà effettuata da una giuria selezionata formata da persone esperte del settore.


Art. 12 - Consegna dei premi

I premi saranno consegnati durante la serata finale esclusivamente agli autori presenti o ai loro delegati. Gli autori finalisti impossibilitati ad intervenire potranno delegare altra persona previa comunicazione scritta. Le antologie saranno spedite in un secondo momento.


Art. 13 – Preavviso

Gli autori finalisti saranno avvisati in tempo utile telefonicamente o tramite e-mail.


Art. 14 – Autorizzazione

I finalisti dovranno fornire una dichiarazione con la quale autorizzano gli organizzatori a pubblicare le loro opere.


Art. 15 – Pubblicazione

La casa editrice LUPI EDITORE oltre a stipulare un contratto editoriale gratuito ai vincitori si riserva di pubblicare un libro antologico contenente le liriche e i racconti selezionati e menzionati. Il testo sarà reperibile su tutto il territorio nazionale tramite i consueti canali distributivi e presso i siti di vendita on-line.


Art. 16 - Accoglienza e pernottamento dei finalisti

L’organizzazione indicherà ai finalisti le strutture convenzionate con il Premio per pernottamento pranzi e cene, che però restano a carico degli invitati.


Art. 17 – Insindacabilità

Il giudizio delle due giurie è insindacabile.


Art. 18 – Manoscritti

I manoscritti non saranno in alcun modo restituiti, neppure a spese degli autori.


Art. 19 - Legge sulla privacy

In relazione alla normativa di cui al Dlgs n. 196/2003 sulla privacy i partecipanti devono acconsentire esplicitamente al trattamento dei loro dati personali per le sole finalità legate al concorso in oggetto.


Art. 20 – Esclusione

La mancata osservanza di uno qualsiasi degli articoli sopra citati comporta l’esclusione dal concorso.

Pubblicato in Cultura e eventi

Ortona. Per la 4a giornata di Andata/ Pool Salvezza la Sieco Service Impavida Ortona è ospite della Materdominivolley.it Castellana Grotte.
Gara vinta 3-0 da Fiore e compagni ai danni di una Sieco un po' spenta.
I padroni di casa partono con Buzzelli in regia e opposto Bellei, schiacciatori Fiore/Lavia, al centro Sighinolfi e Scopelliti, libero Primavera.
Ortona risponde con Pedron al palleggio e opposto Buchegger, Holt/Ferrini gli schiacciatori, Simoni e Miscione i centrali, libero Provvisiero.
Sieco Service Impavida orfana dello schiacciatore abruzzese Di Meo per infortunio.

Il match inizia con i padroni di casa a spingere. 4-0. Ortona è nel buio profondo. Sighinolfi ferma Holt e Castellana allunga ancora ( 8-2). Piccola reazione degli ortonesi che non riescono però a trovare soluzioni. Dieci lunghezze da recuperare al PalaGrotte per Pedron e compagni ( 16-6). Coach Lanci prova la carta Lanci/Casaro al posto di Pedron e Buchegger. Ferrini non demorde e il suo ace vale il 19-12. La Sieco sembra scarica e il set si chiude 25-15.

 

Secondo set al via...l'ex Fiore punisce subito e si parte con il 2-0 casalingo.Il servizio di Simoni mette in difficoltà la ricezione pugliese e la Sieco si avvicina (6-4). Gli abruzzesi cacciano un po' di grinta. Buchegger ferma a muro Bellei e il -1 è servito ( 10-9). Miscione ferma un Lavia indemoniato ma Ortona deve ancora recuperare. ( 17-14).
L'unico a non mollare è Alessio Ferrini. Il suo ace vale il -3 ( 19-16). Il servizio millimetrico di Miscione ( dentro per il videocheck) avvicina la compagine ortonese. 20-18 e Fanizza ferma il gioco. Errori impavidi consegnano il set ai padroni di casa (25-21).


Squadre in campo per il terzo parziale. Sulla falsa riga, e “brutta” per gli ospiti, dei primi due set la Materdomini si porta subito avanti 4-2. Parità sul 5-5 con errori al servizio per i castellanesi. Simoni tiene a galla i sogni della Sieco che è ancora attaccata al risultato ( 11-10). Fiore si dimostra bestia nera al servizio. Il 15-12 è tutto suo.
I giochi sembrano chiusi con il muro di Bellei su Buchegger. Cambio in casa Impavida con Casaro a rilevare l'opposto titolare (18-13). Quando Buzzelli cerca e trova tutti i suoi compagni di squadra, la formazione ortonese non riesce più a trovare le forze per reagire. (22-14). Casaro sfrutta il suo grande talento e gioca senza paura. Al PalaGrotte il tabellone dice 22-17. I giovani di questa Impavida non ne vogliono sapere, Ferrini fa un grande “murone” su Bellei e Ortona è a -2 (23-21).
Insiste Pedron che ferma Fiore ed è 24-23. Bellei sbaglia. Ferrini ribalta, e il set point è ora per la Sieco ( 24-25). Annulla Buzzelli di prima intenzione ( 25-25). Castellana gira di nuovo la medaglia e ha il match point sul piatto d'argento ( 26-25).
Il set più combattuto del match si chiude 27-25.

 

La Sieco Service torna a mani vuote ma deve subito reagire in vista della gara casalinga contro la Sol Lucernari Montecchio Maggiore.

 

Michele Simoni: “ Abbiamo meritato la sconfitta perché non siamo mai entrati in campo. Non abbiamo affrontato la gara con la giusta concentrazione ma non possiamo piangerci troppo addosso perché domenica ci sarà un altro big match”.

Alessio Fiore: “ E' stata una grande emozione ritrovare la società e i tifosi di Ortona. Per noi era una gara troppo importante e il nostro obiettivo rimane la salvezza. L'assenza di Di Meo ha sicuramente segnato la tranquillità della squadra e noi siamo stati bravi ad approfittarne. Una bella prestazione per noi soprattutto al servizio e nel fondamentale muro-difesa”.

 

Arbitri: De Sensi Danilo (Catanzaro) – Nicolazzo Maurizio (Catanzaro)
Videocheck: Papapietro

 

IL 28 febbraio 2017 È LA “X GIORNATA DELLE MALATTIE RARE”La Lega Pallavolo e Club di Serie A scendono in campo ( nelle giornate di sabato 25 e domenica 26 febbraio) per unirsi ai malati rari e far volare le loro speranze: “Con la ricerca le possibilità sono infinite”. La ricerca porta speranza e apre le porte al futuro: la pallavolo, al fianco di EURORDIS (Organizzazione Europea delle Malattie Rare) e UNIAMO (Federazione Italiana delle Malattie Rare) chiede a tutti di sostenere e stimolare la ricerca.

 

 

Prossimo impegno
Domenica 5 marzo ore 16.00 Sieco Service Impavida Ortona – Sol Lucernari Montecchio Maggiore

SIECO IN TV: la gara sarà trasmessa in differita su Rete8 Sport lunedì 27/02 alle ore 14.30 e mercoledì alle ore 00.10.

 

 

MATERDOMINIVOLLEY.IT CASTELLANA GROTTE – SIECO IMPAVIDA ORTONA 3-0
( 25-15/25-21/ 27-25)

 

MATERDOMINIVOLLEY.IT CASTELLANA GROTTE: Fiore 15, Cargiulo n.e., Disabato, Casoli, Primavera L, Scopelliti 3, Longo n.e, Buzzelli 4, Catania L, Bellei 20, Lavia 8, Losco n.e., Sighinolfi 7.
Allenatore: Vincenzo Fanizza


SIECO SERVICE IMPAVIDA ORTONA: Simoni 6, Ferrini 7, Ceccoli, Miscione 3, Listratov n.e., Pedron 2, Holt 12, Toscani, Provvisiero L, Di Meo n.e., Lanci, Casaro 3, Buchegger 6.
Allenatore: Nunzio Lanci

Pubblicato in Sport

Pescara. Sono stati in migliaia stamattina famiglie, mascherine e frequentatori del Carnevale in piazza della Rinascita. Una manifestazione che ha un seguito anche nel pomeriggio di oggi e che martedì 28 febbraio accoglierà i bambini presso l'Urban box per fotografie in maschera e intrattenimento. Ma è il ritorno della stagione degli eventi.

“Continua il cammino della città dentro una vera e propria politica di marketing territoriale – così l'assessore a Turismo e Grandi Eventi Giacomo Cuzzi – La risposta che otteniamo quando organizziamo sia piccoli che grandi eventi è il segno più evidente che la strada intrapresa è quella giusta.
Quando a tale formula si aggiungono importanti sinergie finalmente raggiunte con il comparto commerciale e turistico che collabora fattivamente ad ogni evento, significa che la città può diventare una meta ancora più frequentata, una proposta turistica in piena regola. Così è stato per le feste di Natale, ma anche per questo Carnevale e continuerà ad esserlo anche grazie agli eventi che si avvicenderanno nelle prossime settimane.
Il prossimo fine settimana ospiteremo sempre in Piazza della Rinascita anche il Festival del Cioccolato, con esposizioni, eventi e assaggi capaci di richiamare curiosità e attenzione, come sempre.
Ma siamo al lavoro da settimane con le associazioni di categoria e con i commercianti, per la programmazione delle notti dello shopping estive che saranno almeno tre, per abbracciare l'intera stagione. Si scaldano i motori per la programmazione estiva, di cui sarà un succoso anteprima il grande evento che stiamo mettendo in cantiere in occasione del Primo Maggio”.

Pubblicato in Cultura e eventi

Pescara. In mattinata presso la Sala Commissioni di Palazzo di Città si è tenuto l'incontro sul tema interventi per la stagione 2017. Il presidente della regione Luciano D'Alfonso, in presenza del sindaco Marco Alessandrini e del consigliere delegato al Mare e alla Portualità Riccardo Padovano, ha incontrato una delegazione del tavolo istituito sul problema della balneazione che unisce Amministrazione e Consiglio comunale, al comparto turistico commerciale e balneare, che si è riunito per la prima volta ieri a Palazzo di Città in vista della stagione balneare 2017.
Il consigliere Riccardo Padovano si è fatto portatore dell'ipotesi progettuale discussa ieri, che prevede lavori di sfoltimento del tre scogliere e la costruzione di un pennello di circa 300 metri al confine della concessioni de La capannina e la spiaggia libera che entro martedì verrà sottoposto alla Regione e che potrebbe essere definito, così riferisce Padovano, entro la metà di maggio.

Pubblicato in Politica

Pescara. “Continua l’azione di questa Amministrazione, secondo le linee programmatiche del Sindaco Marco Alessandrini in materia di parcheggi cittadini, per il perseguimento delle seguenti finalità: migliorare l’offerta complessiva di sosta in città; uniformare il sistema della sosta nelle aree di parcheggio concentrate; incentivare al meglio l'utilizzo delle aree di parcheggio concentrate per la sosta temporalmente più estesa, in quanto legata alle esigenze di spostamento di tipo lavorativo; evitare il traffico “parassitario”, quello che genera l’allungamento dei percorsi alla ricerca di parcheggio.
Così in una nota il vicesindaco di Pescara, Enzo Del Vecchio, che aggiunge: Avendo delineato il quadro delle aspettative, si è ritenuto di dover incentivare l’ottimale utilizzo della sosta cittadina nelle aree di parcheggio concentrate, da parte di un'utenza il più possibile numerosa. Una finalità, che l’Amministrazione persegue con l’adozione di una misura sperimentale qual è quella dell'attivazione di abbonamenti auto, anche sotto forma di abbonamenti agevolati, alle categorie di lavoratori dipendenti o assimilati presso enti pubblici e strutture aziendali pubbliche o private, nonché professionisti iscritti in appositi ordini professionali che prestano e/o svolgono l’attività lavorativa prevalente presso le sedi istituzionali ed aziendali situate in prossimità delle aree di parcheggio a pagamento concentrate della Città. Si tratta di soggetti che peraltro hanno avanzato richieste in tal senso. In concreto si è ritenuto di individuare, in via sperimentale, forme di abbonamenti mensili agevolati attraverso la possibilità di sottoscrivere abbonamenti auto come da tabella tariffaria allegata alla delibera di Giunta Comunale n. 116 approvata il 23 febbraio scorso, nelle aree di parcheggio a pagamento concentrate quali: Stazione Fs Area di Risulta; Stazione Fs Portanuova (parcheggio coperto); Tribunale; Parcheggio Inps. E' questa un'ulteriore proposta riguardante la gestione della sosta tariffata nella Città volta ad incoraggiare, da parte di alcune categorie di lavoratori, la concentrazione alla sosta in alcune aree a parcheggio cittadine, in modo da favorire una riduzione degli inconvenienti e dei disagi rappresentati dalle auto in continuo movimento alla ricerca di parcheggio”.

Pubblicato in Politica

Pescara. Via libera della giunta al “Regolamento della Commissione Elettorale Comunale per la nomina degli scrutatori”, al fine di dare seguito agli indirizzi contenuti nella deliberazione di C.C. n. 134/2016. La regolamentazione è il riscontro concreto e condiviso con tutte le forze politiche, alla mozione presentata lo scorso 23 giugno dal gruppo "Pescara Insieme" a firma dei Consiglieri Lola Gabriella Berardi, Adamo Scurti a cui si sono aggiunti anche altri firmatari e che è stata recepita dal Consiglio Comunale con delibera n. 134 del 24/11/2016 e con cui si impegnava l'Amministrazione a dare priorità a particolari categorie: disoccupati, cassaintegrati, soggetti in rnobilttà, esodati, pensionati con basso reddito, studenti non lavoratori. La definizione dei ruoli avverrà attraverso un avviso pubblico fra i nominativi iscritti all'apposito Albo comunale e secondo il principio di rotazione, affinché la stessa persona non debba ricoprire la carica di scrutatoreperpiù di due tornate.

La delibera contenente il regolamento è nel seguente link:
http://www.comune.pescara.it/internet/albo_pretorio/allegato.php?ID=41855

“Il regolamento nasce per dare un'insieme di regole di riferimento da utilizzare per la scelta degli scrutatori – così l'assessore ai Servizi Elettorali Laura Di Pietro – Si tratta di un impegno che avevamo preso con la città e che ci consente di coinvolgere meglio e dunque rendere parte anche alcune categorie speciali che vivono momenti di difficoltà. Abbiamo messo in cima alla lista cittadini che hanno perso il lavoro e sono in difficoltà perché non riescono a ricollocarsi e favorito l'accesso ai giovani, insieme ai cittadini che godono della sola pensione minima, o sono nella condizione di esodati o cassintegrati, tenendo comunque conto del titolo di studio posseduto per l'accesso al ruolo di scrutatore, che deve essere compiuto nel rispetto delle normative e che comporta precise responsabilità per chi lo assolve. Ovviamente una percentuale degli scrutatori verrà sorteggiata fra tutti gli oltre 8mila iscritti all'albo del Comune di Pescara, perché se è vero che ci siamo impegnati a dare priorità a cittadini in possesso di determinate condizioni, lo è altrettanto che assumere l'incarico di scrutatore non può essere considerato una misura di welfare, ma un diritto civico a cui chiunque può aspirare.
Il “Regolamento della Commissione Elettorale Comunale per la nomina degli scrutatori” adottato dall'Esecutivo arriverà presto in Consiglio Comunale e, una volta approvato, ogni anno, nel periodo che va dal 1 febbraio al 15 marzo, l'Ufficio Elettorale provvederà alla pubblicazione di un apposito Avviso pubblico al fine di acquisire gli elementi utili allo svolgimento dei sorteggi degli scrutatori da utilizzare nelle eventuali “tornate elettorali” che si dovessero svolgere nell”anno. Questo avverrà secondo le percentuali di ripartizione tra le categorie proposte nella suddetta mozione, specificando che eventuali variazioni di “status” intervenute successivamente alla data della dichiarazione, andranno comunicate tempestivamente alla Commissione per poter essere considerate”.

“Il nostro gruppo consiliare ha dimostrato ancora una volta di essere in grado di ascoltare le istanze particolarmente sentite dai cittadini e di farsene portavoce – così i consiglieri Lola Gabriella Bserardi e Adamo Scurti - Questo argomento, che oggi viene affrontato in modo così particolareggiato, finalmente prende spazio e forma e siamo contenti di essere stati proprio noi con il nostro piccolo gruppo a porre le tematiche che si sono concretizzate in una serie di regole, capaci di portare una soluzione che renda ancora più fruibile quello che è e resta un diritto civico”.

Pubblicato in Politica

Pescara. “Ci sarà presto una “stanza delle coccole” a Palazzo di Città. L'Amministrazione comunale ha infatti recepito quanto da noi chiesto in Consiglio Comunale attraverso una mozione che si appresta a trasformarsi in un provvedimento concreto e fruibile, per dare alle mamme che frequentano gli uffici pubblici con figlioletti al seguito, un supporto e uno spazio dove fronteggiare diverse eventualità con la discrezione e la serenità dovute".
Così in una nota i consiglieri Lola Gabriella Berardi e Adamo Scurti, che aggiungono: "Alla luce dei casi sollevati a livello nazionale in questi ultimi mesi dall'espressione in pubblico di un gesto naturale e amorevole qual è l'allattamento, la stanza delle coccole diventa un elemento distintivo e soprattutto inclusivo per l'Ente, che l'ha già individuata nei locali a pian terreno, a sinistra della guardiania (attualmente in uso per le visite mediche del personale) e che attraverso l'assessorato alle Politiche Sociali alla guida di Antonella Allegrino, si appresta ad arredarla per manifestare attenzione e dare conforto a mamme e bambini in transito per gli uffici. Si sta predisponendo un fasciatoio e l'indispensabile per accogliere cambio dei pannolini, oppure per l'allattamento, o, semplicemente, per avere un angolo riservato per far stare tranquillo il proprio bambino, quando si è costretti a portarlo in giro per uffici e ad aspettare. E' un piccolo e significativo traguardo, il Comune di Pescara è infatti fra i primi Comuni a istituire questo spazio, con la speranza che faccia da esempio anche ad altri enti e uffici pubblici, perché insieme possano dare un segnale forte e accogliente di inclusione a tutti i cittadini, dal primo, all'ultimo nato. Ringraziamo l'Amministrazione per aver recepito una mozione che avevamo presentato lo scorso giugno, riscontrando l'unanimità di tutto il consiglio. La stanza verrà resa “visibile” e raggiungibile agevolmente attraverso dei cartelli e sarà inaugurata a breve in presenza di quelli che saranno i suoi pontenziali utenti”.

Pubblicato in Cronaca

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione