Articoli filtrati per data: Febbraio 2017
Domenica, 26 Febbraio 2017 00:00

Calcio a 5, Eta Beta - Montesilvano 3-2

Fano. Il Montesilvano fallisce l’appuntamento con la terza vittoria consecutiva e cade sul campo dell’Eta Beta. Priva di Junior squalificato e di Comignani, out all’ultimo per un attacco influenzale, la squadra biancazzurra ha sofferto particolarmente nel primo tempo, chiuso sotto per 2-0. Subito il terzo gol all’inizio della seconda frazione di gioco, la Caiana si è giocata il tutto per tutto con il portiere di movimento, trovando due gol con Dambrosio e Bibi, ma riuscendo solo a sfiorare la rete del possibile pareggio. Il Montesilvano resta quinto a 31 punti in classifica, a meno nove dalla zona playoff.
“Peccato, potevamo certamente fare meglio – ha commentato a fine partita mister Gianluca Marzuoli –. Iniziando meglio la gara, e forse anche il secondo tempo, avremmo potuto raccogliere punti, ma è anche vero che oggi eravamo davvero contati. Le assenze di Junior e Comignani hanno pesato molto, e quando giochi in sei, pur con l’impegno e la voglia degli under 18 che oggi ho dovuto utilizzare più del solito, non si può pretendere troppo. Sul 3-0 siamo stati bravi a non uscire dalla partita, e anzi sul 3-2 abbiamo anche sfiorato il pari. C’è rammarico perché questa poteva essere una partita spartiacque per il nostro campionato, ma purtroppo non ci siamo arrivati al meglio. La classifica attuale ci dice che, verosimilmente, da qui in avanti non avremo più molto da chiedere a questo campionato, ma onoreremo tutti gli impegni giocando partita per partita e cercando di vincerle tutte. Come, d’altra parte, questi ragazzi davvero encomiabili hanno sempre cercato di fare.”

Pubblicato in Sport

Verona. Con un gol per tempo il Chievo regola 2-0 il Pescara e si aggiudica il match con i biancazzurri che si ridimensionano dopo il roboante successo dell’Adriatico sul Genoa.
Biancazzurri poco brillanti che al 12’ vanno già sotto: Birsa approfitta di uno svarione di Benali e con un sinistro batte Bizzarri. Al 16’ il Chievo avrebbe l’opportunità di raddoppiare con l’ex Inglese che non trova però fortuna. 2’ dopo Meggiorini in mezza rovesciata non capitalizza. Al 24’ si fa vivo il Pescara con Caprari la cui conclusone è ribattuta da Sorrentino. Al 26’ Delfino ancora in avanti, questa volta sulla battuta di un angolo, Verre suggerisce per Stendardo che impensierisce la retroguardia ospite. Al 39’ sugli sviluppi di una punizione uno shot di Caprati è parato in due tempi dall’estremo veneto.
Nella ripresa al 3’ Bizzarri salva su Castro. Al 12’ padroni di casa pericolosi con un calcio da fermo di Cacciatore. È il preludio al raddoppio del Chievo che arriva al 16’ con Castro che tutto solo in area realizza. Dopo i cambi i biancazzurri abbozzano una reazione, ma senza produrre effetti concreti, l’incontro di fatti è già chiuso.

 

Tabellino
Chievo (4-3-1-2): Sorrentino, Cacciatore, Spolli, Dainelli, Gobbi, Castro (33’ st Izco), De Guzman, Hetemaj, Birsa (43’ st Kiyne), Meggiorini, Inglese (25’pt Gakpè) Allenatore: Maran
Pescara (4-3-3): Bizzarri, Zampano (17’ st Crescenzi), Stendardo, Coda, Biraghi, Memushaj, Bruno, Verre, Benali (17’ st Mitrita, 30’ st Pepe), Cerri, Caprari Allenatore: Zeman

Arbitro: Gavillucci di Latina
Assistenti: Damiano Di Iorio di VCO (Verbania-Cusio-Ossola) e Stefano Lamberti di Pisa
IV Ufficiale: Filippo Valeriani di Ravenna
Addizionali: Paolo Silvio Mazzoleni di Bergamo e Valerio Marini di Roma 1
Marcatori: 12’pt Birsa (C), 16’st Castro (C)
Ammoniti: Hetemaj, Spolli, De Guzaman (C), Memushaj, Cerri, Coda (P)

Pubblicato in Sport

Chieti. "Il Presidente Pupillo, non è stato saggio come il Re Salomone, che riuscì a far tagliare in due il bambino conteso tra le due donne e a quasi due mesi le deleghe sono state separate non in base ad una logicità operativa, considerata la precaria della provincia, ma solo con logiche di beghe interne che , a mio avviso, non permetteranno un efficientamento delle risorse economiche , ma saranno dissolte in altri mille rivoli".
Così in una nota Emiliano Vitale il consigliere provinciale di Obiettivo Provincia, che aggiunge: "E mentre si litiga per tirarsi la coperta da un lato o dall’altro corta chi rimane, totalmente al freddo, è il capoluogo di provincia: Chieti, che con criticità ormai quasi irreparabili sul territorio comunale per quanto riguarda la viabilità e gli edifici scolastici e provinciali. Una su tutte l'esempio più evidente è quello della transcollinare che va dall'innesto autostradale A/14 di Dragonara a Chieti: la strada ha i pali della luce spenti da anni e le luci sotto la galleria del Tricalle, condizioni di pericolosità assoluta, ma fin quando non ci scappa il morto, può restare così. A ciò va ad aggiungersi anche la totale assenza di manutenzioni al piano viario e sui giunti del lungo viadotto divenuti lame taglienti per i pneumatici. E’ necessario un immediato ripristino della sicurezza, ivi compresa l’accensione delle luci di pubblica illuminazione. Strada Madonna della Vittoria vecchio tragitto che collega località Piana Vincolato sino al rondò di Santa Filomena, sulla ex tiburtina: la strada devastata dal totale stato di abbandono e dagli eventi atmosferici che si sono succeduti negli anni fino all'alluvione del 2015 ed ora con le ultime nevicate. La presenza di 6 frane che rendono estremamente pericoloso il transito, tanto e che i residenti non possono più fruire dei mezzi pubblici. Unica previsione di spesa con meno di 22 mila euro, totalmente insufficienti al ripristino in sicurezza della viabilità. Strada provinciale di via per Popoli, storica via, che garantiva un ulteriore collegamento, oltre la colonnetta, fra la parte bassa ed alta della città, dalla Tiburtina Valeria. Sul triennale opere pubbliche una previsione statica e ripetitiva di un fantomatico progetto di rifacimento Via Per Popoli di euro 235.300,00 che slitta ormai di anno in anno".

"Altro programma mai pervenuto- aggiunge Vitale - adeguamento e messa in sicurezza delle ex Strada statale Chieti-Francavilla-Chieti Val Pescara , progetto di rifacimento dello snodo viario in Via Masci (dopo ferramenta La Rovere),finanziato inizialmente dalla Regione per Euro 2.700.000,00 nel lontano 2007 progettato nel 2012 e nel frattempo le risorse vengono ridotte di un milione di euro e quindi viene approvato il progetto definitivo per € 1.700.000,00 con Determinazione Dirigente settore 6 n.133 del 21.02.2013. Vengono eseguite tutte le fasi successive fino alla fatidica consegna dei lavori all'impresa aggiudicataria Ditta ALPIN S.r.l. di Benevento avvenuta il 6 giugno 2016, a più di 8 mesi nessun “cantieramento” è visibile. Questa è solo la situazione della viabilità provinciale su Chieti, altro capitolo, che tralascio per ora, solo per questioni di spazio, è quello delle scuole superiori. E mentre si chiude definitivamente un teatrino di spartizione politica del nulla, ho dimostrato che la Città di Chieti, ancora capoluogo di provincia, purtroppo per qualcuno del PD, è stata dimenticata almeno dal 2008. Ad ogni buon conto, questi “casi” saranno sollevati volta per volta in consiglio provinciale e per il quale chiederò spiegazioni in merito e soprattutto un avvio definitivo".

Pubblicato in Politica

Chieti. È successo ieri sera alle 22 circa sulla corsia dell’Autostrada A14: una donna di 37 anni che viaggiava con a bordo dei suoi tre figli molto piccoli (7 e 5 anni ed un neonato di pochi mesi) ha regolarmente imboccato l’Autostrada A14 adriatica, dopo aver percorso circa 40 km in direzione Sud ha deciso di invertire con una pericolosa ed azzardata manovra il senso di marcia, percorrendo circa 30 km in contromano.
Nel giro di pochi minuti sono giunti al centralino della Polizia decine di telefonate di automobilisti impauriti. Ricevuta la notizia, un equipaggio della Sottosezione Autostradale di Vasto Sud prontamente è giunta sul posto ed ha intercettato l’auto. Solo grazie alla prontezza degli operatori e a tanta fortuna è stata scongiurata una vera strage. Alla donna, risultata negativa ai prescritti test di alcool e droga, è stata ritirata la patente di guida, sequestrata l’auto e contestata un’infrazione di 2 mila euro.

Pubblicato in Cronaca

Pescara. Saranno interdetti al traffico nei prossimi giorni, previa collocazione della relativa cartellonistica alcuni tratti di via Valle Roveto e vie limitrofe al cantiere principale del Ponte Nuovo. Questo dispone l'ordinanza firmata dal sindaco Marco Alessandrini per il completamento dei lavori relativi alla nuova infrastruttura che sarà riconsegnata alla città a primavera.

“Siamo al rush finale per il Ponte Nuovo – dice il vice sindaco Enzo Del Vecchio – Da domani inizierà l'apposizione dei cartelli per delimitare l'area di fine contiere dove ci saranno limitazioni del traffico fino al termine dei lavori, che contiamo non vadano oltre gli inizi di aprile.
Il provvedimento interessa principalmente via Valle Roveto che inizia subito dopo il distributore Eni sarà chiuso per consentire il completamento dei lavori, con accesso ai soli frontisti.
Saranno interdette al traffico anche parte di via delle Mainarde, nel tratto che va dall'incrocio con via Monte camicia, con accesso ai soli frontisti; via Gran Sasso all'altezza della rotatoria di intersezione con via Forca di Penne-via Chieti; il Lungofiume dei Poeti, all'altezza dell'incrocio con via spalti del Re e parte della pista ciclopedonale che corre lungo via Valle Roveto, all'altezza della rampa realizzata nell'appalto degli argini golenali che riconduce al Monte Camicia.
Si tratta di interdizioni che interesseranno le specifiche zone di cantiere, i tratti quindi saranno riaperti progressivamente all'ultimazione dei lavori che porteranno al completamento di un'opera che consentirà lo strafficamento del centro cittadino e di migliorare i collegamenti dalla zona centrale ai poli universitario, giudiziario ed ospedaliero, senza passare per le principali arterie di transito del cuore della città.
Invitiamo la cittadinanza a percorrere una viabilità alternativa, com'è accaduto anche in altre fasi della lavorazione dell'opera, al contempo abbiamo chiesto alla ditta la sicurezza dei tempi, sia per riconsegnare al più presto l'opera alla città, sia per limitare i disagi che deriveranno da queste ultime lavorazioni”.

Pubblicato in Cronaca

Francavilla al Mare. Il Carnevale d'Abruzzo è tornato a colorare le vie centrali di Francavilla al Mare.

Lo scorso pomeriggio infatti tra il piazzale della Stazione e piazza Sirena sfilata sono sfilati i carri allegorici preceduti da Samba Fit, coreografie della New Step e performance del gruppo “Peppe Millanta & Balkan Bistrò”.

I carri che hanno sfilato nel consueto sono: Il teatrino di Patanello, Il carro della luna, Pullulando nel putridume, Carnival folies e Incorniciati vivi. Il prossimo ed ultimo appuntamento è fissato per martedì 28 febbraio alle ore 15.

Pubblicato in Cultura e eventi
Sabato, 25 Febbraio 2017 00:00

Verso Chievo – Pescara, parla Zeman

Pescara. Prima della partenza alla volta di Verona, il tecnico del Pescara, Zdenek Zeman, ha presentato il match del Bentegodi che vedrà contrapposti i biancazzurri al Chievo di Maran.
Il trainer boemo ha esordito parlando della formazione: “Squadra che vince non si cambia mai: ho tutti a disposizione, in settimana non ho scoperto grosse cose nuove nel senso che ho trovato quello che mi aspettavo e penso di riproporre la stessa formazione”.
Sul Chievo: “È una squadra che dà fastidio a tutti ed ha vinto a Milano con l’Inter negli ultimi tempi. È una squadra a cui piace essere attaccata perché sono messi bene in fase difensiva e davanti hanno giocatori importanti secondo me. È una squadra molto esperta, penso che sia la più vecchia del campionato e quindi sa gestire le situazioni. È una squadra esperta che gestisce le partite a seconda delle situazioni, ha qualità e giocatori esperti che hanno già visto qualcosa e sanno quando possono osare e quando devono stare attenti dietro. Maran i giocatori li ha scelti lui, a Catania già aveva i giocatori adatti più per attendere che per proporsi, però ha anche giocatori che si sanno proporre. Per me sta facendo bene ed è un allenatore che sta sfruttando i giocatori per quelli che sono e gli rendono per ora”.
Sull’atteggiamento del Pescara: “Io penso che dobbiamo fare partita dopo partita, non ci sono tabelle. È normale che non mi aspetto che le vinciamo tutte, ma dobbiamo pensare ad una partita alla volta cercando di dare il massimo e io spero che alla squadra rimanga la voglia di domenica scorsa di potersela giocare con tutti. io sono soddisfatto dell’impegno e della curiosità dei giocatori che mi vengono a chiedere cosa fare nelle varie situazioni”.
Sull’entusiasmo che ha trovato in città al suo ritorno: ”Penso che il calcio a Pescara sia sempre stato seguito dai tifosi, poi magari gli ultimi risultati non sono stati buoni e quando si vince una partita dopo tanto tempo è normale che la gente è più contenta. Io spero che ci aiutino sempre e che non avremo problemi. È normale che noi dobbiamo dare, se domenica i ragazzi hanno dato è normale che si richiamino delle situazioni positive. Poi valorizzare i giocatori per me è normale, questa squadra non l’ho fatta io e ci sono giocatori che non sono più da vendere dato che anche noi abbiamo elementi di una certa età”.
Sui rigori sbagliati: “È normale che sbagliare cinque rigori su sette poi pesa soprattutto per le partite che erano più equilibrate e chi li tira se la deve sentire. Ci sono giocatori che quando vanno sulla palla cambiano idea e quando si cambia idea non va mai. Io so chi batterà i prossimi rigori”.
Infine sul suo gioco: “Faccio un calcio diverso rispetto a quello che si faceva prima ed ho bisogno di gente più aggressiva e più in movimento perché il Pescara ha giocato le partite bene però per me sempre sotto ritmo. A livello fisico speriamo che riusciamo a migliorare per avere quelle caratteristiche che ci vogliono per fare un calcio più vivace con meno possesso e più verticalizzazioni per smarcare gli spazi avanti. Poi è un discorso anche mentale nell’abituarsi ad un altro calcio che richiede un po’ più di sforzo e vista la situazione lo sforzo ci deve essere”.

Pubblicato in Sport

Chieti. Un retrogusto dolce e aspro ha accompagnato la sconfitta di mercoledì scorso con la Virtus Bolo-gna. La consapevolezza di aver giocato una gara di grande intensità e di straordinario coraggio u-nita all’amarezza di aver sfiorato l’impresa hanno connotato gli umori del team Bartocci che ha troppa saggezza per imprecare alla sorte, agli arbitri e a qualche errore di troppo nel finale di partita: “La gara di mercoledì mi ha dato ulteriori conferme sul fatto che siamo sulla strada giusta. Tenere a 60 punti la squadra più prolifica del campionato mi dà sufficienti garanzie sull’assestamento difensivo della mia squadra. Vincere o perdere è questione di dettagli, certo dispiace essere arrivati vicinissimi all’impresa e averla vista sfumare così ma non possiamo deprimerci più di tanto. Dob-biamo essere al contrario molto positivi e affrontare tutte le prossime gare con il giusto grado di fi-ducia nelle nostre possibilità. Domenica affronteremo una squadra di grande qualità che ha avuto tanti problemi di infortuni per cui occupa una posizione di classifica non congrua alle sue potenzia-lità. Noi abbiamo lavorato per ricaricare al massimo le nostre energie nervose e per affrontare un'altra gara che possa farci fare un passo avanti in classifica. Sarà importante , soprattutto, fare affidamento sulla nostra ritrovata intensità difensiva per limitare il potenziale offensivo di Piacenza”.
Chiamato a dire la sua sulla gara di domenica è questa volta il neo acquisto, Mirco Turel: “È una delle partite chiave per la salvezza, da qui alla fine sono tutti spareggi. Avremo bisogno della stessa determinazione che abbiamo messo in campo nelle ultime gare, sperando magari di poter contare in attacco anche sui miei punti che purtroppo sono mancati nelle partite finora disputate. Sto lavorando duramente per recuperare la migliore condizione e adattarmi alle necessità della squa-dra. Desidero intensamente di poter mostrare al più presto al pubblico di Chieti il miglior Turel. Per quanto riguarda la squadra, è naturale che nell’ambiente si sia vissuto con un po' di rammarico per la sconfitta patita contro la Virtus, ma siamo consapevoli di avercela messa tutta e di aver dato il massimo contro una delle corazzate del girone. Con Piacenza l’impegno non sarà certamente infe-riore, dobbiamo assolutamentemettere nel carniere i due punti in palio. Meritiamo una classifica di-versa, soprattutto, per come lavoriamo durante la settimana e per i valori morali che questa squa-dra esprime. Spero che anche domenica si possa respirare la passione e il tifo vissuti mercoledì. Abbiamo bisogno del sostegno e del calore del nostro magnifico pubblico ”.
La compagine emiliana, guidata da coach Andreazza, divenuto head coach dopo diversi anni di ot-timo lavoro come responsabile del settore giovanile, ha 20 punti in classifica. Top scorer del team piacentino è Kenny Hasbrouck, autore di 16,4 punti ad incontro, tirando con il 48% da 2, il 33% dai sei metri e settantacinque ed il 67% ai liberi. Lo starting five biancoblù prevede l’ex Siena Stefano Borsato in cabina di regia (9 ppg in questa stagione), Kenny Hasbrouck, numero uno del team di Andreazza anche per quanto riguarda gli assist (3,1 ad incontro) come guardia, Tommaso Raspino, ex Pesaro e Ferentino (9,6 ppg in questo campionato), il talento Bobby Jones, rientrato dopo un brutto infortunio alla mano sinistra, come ala grande mentre come totem sotto plance svetterà Luca Infante, giocatore che con la sua esperienza ha spesso guidato alla riscossa il team di coach Andreazza. Anche la panchina emiliana, come molte in questo campionato, vanta grandi nomi. Come play infatti il team emiliano può vantare l’ex Imola Francesco De Nicolao (4,86 punti ad in-contro), Valerio Costa, tornato all’Assigeco dopo un anno alla Viola Reggio Calabria e rientrante proprio nel match contro Chieti dopo un lungo infortunio al ginocchio. Come altra guardia invece, i biancoblù possono fare affidamento anche sul classe ’96 Riccardo Rossato, confermato dopo la passata stagione (5,67 ppg in questo campionato) mentre i giocatori che completano il roster sono l’ala Matteo Formenti, vincitore di uno scudetto con la canotta di Sassari (stagione 2014/2015), il giovane pari ruolo Nemanja Dincic (classe 1998) ed il centro Edoardo Persico, compagno di squa-dra nella passata stagione (Basket Golfo Piombino) del nostro Mattia Venucci. La formazione emi-liana, nonostante l’ultimo brutto stop casalingo, rimediato contro l’Orasì Ravenna (59-68), sicura-mente figlio delle tante palle perse (ben 19!) e della scarsa precisione del faro di punta dell’attacco biancoblù Hasbrouck (2/14), è una formazione che, nonostante il momento di forma opaco, frutto di numerosi infortuni subiti, ha oggi recuperato tutti gli effettivi del suo roster e può vantare giocatori di livello assoluto.
Coach Marco Andreazza alla vigilia, centra la sua analisi proprio sul lavoro svolto per recuperare la condizione di chi è appena rientrato in squadra :” Noi stiamo cercando di concentrarci molto sul ritrovare i nostri punti di forza, che sono un po' mancati, sia per la serie di infortuni occorsi, sia per reinserire in rosa gli infortunati; i ragazzi stanno reagendo molto bene sul campo ed hanno bisogno di fare una grandissima prestazione, di umiltà e concentrazione, rimanendo nel piano partita fino all'ultimo secondo. Solo così possiamo pensare di poter tornare ad essere competitivi in campi caldi contro squadre agguerrite come Chieti, appunto. La squadra si sta preparando con grande concentrazione e determinazione per affrontare questa ostica trasferta. Il PalaTricalle è un cam-po,difficile da espugnare come testimonia l'ultima partita che le Furie hanno giocato contro la Virtus Bologna capolista. La squadra di coach Bartocci è sicuramente in salute, ha ritrovato verve e spirito combattivo e ci potrebbe dare realmente del filo da torcere. I loro punti di forza sono l'americano Golden, che riesce spesso a caricarsi la squadra sulle spalle per trascinarla in alto, e una serie di giocatori solidi, come Mortellaro e Allegretti, o d'inventiva come Venucci ed i nuovi Fallucca e Turel, che riescono a dare a questa squadra quel briciolo di imprevedibilità che spesso prima era mancata. Importantissimo per loro è anche il nuovo innesto DeCosey, proviene da Treviso, che ha fatto due buonissime partite a Imola e contro la Virtus; questo per dire che non dovremo sottovalu-tare nessuno, in nessun modo”. Luca Infante, da parte sua, non si discosta molto dall’analisi fatta da Andreazza: “ Sarà un match molto duro e troveremo un'avversaria diversa da quella che abbiamo affrontato all'andata. Vogliamo assolutamente uscire da questo periodo negativo e stiamo lavorando sodo per farlo; già nella partita contro Ravenna si sono visti segnali positivi, anche se sembra assurdo dirlo dopo una sconfitta, ma è obiettivamente così. Siamo fiduciosi, crediamo in noi stessi e nelle capacità di un gruppo che sta ritrovando la propria identità. Sicuramente dobbiamo stare con i piedi ben saldi per terra, andare a Chieti e fare il nostro gioco e, soprattutto, giocare una buona partitadifensiva, perché è lì che si risolvono le partite”.

Le Furie sono attese, pertanto, ad un’altra gara difficile ma d’altronde, come detto più volte, in questo girone partite facili non ce ne sono mai state e mai ce ne saranno sino alla fine. I ragazzi di Bartocci dovranno soprattutto difendersi dai pick n’roll centrali di Luca Infante, dalla precisione al tiro dei cecchini piacentini e dalla fisicità di giocatori come Jones. Più in generale, però, Allegretti e compagni dovranno dare continuità alle ultime prestazioni. Sarebbe già questa una giusta garanzia per ritrovare sin da subito la via della vittoria.

QUI CHIETI
Maurizio Bartocci (allenatore) - “Domenica affronteremo una squadra di grande qualità che ha avuto tanti problemi di infortuni per cui occupa una posizione di classifica non congrua alle sue potenzialità. Noi veniamo da una partita molto intensa contro la Virtus, purtroppo persa al supplementare. Dovremo ricaricare al massimo le nostre energie nervose per affrontare un'altra gara che possa farci fare un passo avanti importante in classifica. Sarà importante fare affidamento sulla nostra ritrovata intensità difensiva per limitare il potenziale offensivo di Piacenza”.

MircoTurel (giocatore) - “È una delle partite chiave per la salvezza. Avremo bisogno della stessa determinazione che abbiamo messo in campo nelle ultime gare, sperando magari di poter contare in attacco anche sui miei punti che purtroppo sono mancati nelle partite finora disputate. Abbiamo un po' di rammarico per la sconfitta patita contro la Virtus, ma siamo anche consapevoli di avercela messa tutta e di aver dato il massimo contro una delle corazzate del girone. Con Piacenza l’impegno non sarà certamente inferiore, ce la metteremo tutta per smuovere la nostra classifica. Meritiamo i due punti e una classifica diversa, soprattutto, per come lavoriamo in palestra”.
Note – Tutti a disposizione di coach Bartocci, fatta eccezione per Matteo Piccoli che da lunedì prossimo tornerà ad allenarsi con il resto della squadra.

Media - L’incontro sarà trasmesso in diretta streaming su LNP TV Pass con aggiornamenti in tempo reale sia sul profilo Facebook della Pallacanestro Chieti (https://www.facebook.com/pallacanestrochieti/) che su quello Twitter (twitter.com/ palla-canestrochieti) della Pallacanestro Chieti. La gara sarà trasmessa con collegamenti diretti anche sulle frequenze di Radio Delta 1.

QUI PIACENZA
Marco Andreazza (coach) - “La squadra si sta preparando con grande concentrazione e determinazione per affrontare questa ostica trasferta sul campo di Chieti, difficile da espugnare come testimonia l'ultima partita che han giocato contro la Viruts Bologna capolista. La squadra di coach Bartocci è sicuramente in salute, ha ritrovato verve e spirito combattivo e ci potrebbe dare realmente del filo da torcere. I loro punti di forza sono l'americano Golden, che riesce spesso a caricarsi la squadra sulle spalle per trascinarla in alto, e una serie di giocatori solidi, come Mortellaro e Allegretti, o d'inventiva come Venucci ed i nuovi Fallucca e Turel, che riescono a dare a questa squadra quel briciolo di imprevedibilità che spesso prima era mancata. Importantissimo per loro è anche il nuovo innesto DeCosey, proviene da Treviso, che ha fatto due buonissime partite a Imola e contro la Virtus; questo per dire che non dovremo sottovalutare nessuno, in nessun modo. Noi stiamo cercando di concentrarci molto sul ritrovare i nostri punti di forza, che sono un po' mancati, sia per la serie di infortuni occorsi, sia per reinserire in rosa gli infortunati; i ragazzi stanno reagendo molto bene sul campo ed hanno bisogno di fare una grandissima prestazione, di umiltà e concentrazione, rimanendo nel piano partita fino all'ultimo secondo. Solo così possiamo pensare di poter tornare ad essere competitivi in campi caldi contro squadre agguerrite come Chieti, appunto”.
Luca Infante (giocatore e capitano, pivot) – “Domenica andremo ad affrontare una parti-ta difficile su un campo altrettanto difficile, Chieti, che ha una squadra rinnovata, avendo cambiato allenatore e giocatori. Sarà un match molto tosto e troveremo un'avversaria ben diversa da quella che abbiamo affrontato all'andata, che solo ieri ha fatto soffrire anche la capolista Virtus Bologna. Noi vogliamo assolutamente uscire da questo periodo negativo e stiamo lavorando sodo per farlo; già nella partita contro Ravenna si sono visti segnali positivi, anche se sembra assurdo dirlo dopo una sconfitta, ma è obbiettivamente così. Dopo mesi ci siamo finalmente allenati al completo e stiamo ritrovando la forma giusta: siamo fiduciosi, crediamo in noi stessi e nelle nostre capacità di gruppo che sta trovando la propria identità definitiva. Sicuramente dobbiamo stare con i piedi ben saldi per terra, andare a Chieti e fare il nostro gioco e, soprattutto, vincere in difesa, perchè è lì che si risolvono le partite e ce ne stiamo accorgendo dopo gli ultimi risultati ottenuti. La parola d'ordine, a questo giro, sarà sicuramente: cazzimma!”.

Note - Tutti a disposizione di coach Andreazza.

Media - Diretta streaming su LNP TV Pass. L'incontro sarà raccontato in diretta sul profilo Facebook di UCC Assigeco Piacenza (www.facebook.com/uccassigecopiacenza/) e da lì sul sito www.uccassigecopiacenza.it.
CALENDARIO
Ventitreesima giornata, ottava di ritorno, nel girone Est di Serie A2 Citroën. Sei gare in programma domenica 26 febbraio: alle 16.00 Forlì-Fortitudo Bologna in diretta su Sky Sport 2 HD. Due posticipi: Virtus Bologna- Jesi si gioca lunedì 27, Mantova-Imola martedì 28 febbraio.
Domenica 26 febbraio, ore 16.00
Forlì: Unieuro-Kontatto Fortitudo Bologna
Domenica 26 febbraio, ore 18.00
Villorba: De’ Longhi Treviso-Visitroseto.it Roseto
Chieti: Proger-Assigeco Piacenza
Ravenna: OraSì-Bondi Ferrara
Trieste: Alma-US Basket Recanati
Cividale del Friuli: GSA Udine-Tezenis Verona
Lunedì 27 febbraio, ore 20.30
Casalecchio di Reno: Segafredo Virtus Bologna-Termoforgia Jesi
Martedì 28 febbraio, ore 20.30
Mantova: Dinamica Generale-Andrea Costa Imola
Classifica
Segafredo Virtus Bologna 32, De' Longhi Treviso 30, Alma Trieste 30, OraSì Ravenna 28, Kontatto Fortitudo Bologna 26, Visitroseto.it Roseto 26, Dinamica Generale Mantova 24, Termoforgia Jesi 22, Tezenis Verona 22, Assigeco Piacenza* 20, G.S.A. Udine 20, Bondi Ferrara 18, Proger Chieti 16, Andrea Costa Imola 16, US Basket Recanati 12, Unieuro Forlì* 8
*1 gara in meno

Pubblicato in Sport

Lanciano. “Una situazione inaccettabile, che espone i cittadini ed in particolare i più piccoli al serio rischio di infortuni ed infezioni”.
Non usa mezzi termini Marco Pasquini, responsabile lancianese di CasaPound Italia, per descrivere le condizioni in cui versa l’ex-Ippodromo di Villa delle Rose, trasformato in area pubblica ed ora sprofondato nel degrado, portando a supporto delle sue affermazioni le foto scattate durante il sopralluogo odierno nell’area.
“Sporcizia ovunque, selciato dissestato, manto erboso non curato – prosegue Pasquini - non sono certo queste le condizioni in cui dovrebbe versare un luogo frequentato ogni giorno da centinaia di lancianesi, ed in particolare da bambini e ragazzini, meno in grado degli adulti di valutare situazioni di pericolo. Davanti a tale degrado, che interessa un’area centrale della nostra città, e che evidentemente è frutto di una scarsa attenzione da parte del Comune per gli spazi pubblici, non ci resta che prendere in mano la situazione: domani mattina noi di CasaPound Italia provvederemo con nostri mezzi ed a nostre spese alla pulizia dell’area, sperando così che questo semplice gesto di attivismo civico contribuisca a lanciare un messaggio alle autorità comunali sulla necessità di porre maggior cura nella gestione della cosa pubblica”.

Pubblicato in Politica

Montesilvano. Prenderanno il via il prossimo 6 marzo i lavori di ripristino della membrana di copertura della ex discarica di Villa Carmine.

Gli interventi sono stati affidati, per un importo di circa 46 mila euro, alla ditta Imperfoglia di Casinina di Auditore.

«A causa di una delle ondate di maltempo che si sono abbattute sul nostro territorio – spiega l’assessore ai Lavori Pubblici Valter Cozzi - il telo di copertura della discarica ha subito alcuni danni che mettono a rischio l’impermeabilità del sito. Al fine di evitare che il percolato possa raggiungere il fiume sono state promosse immediatamente le procedure di affidamento di questi importantissimi interventi che prenderanno il via già dal 6 marzo».

La discarica venne utilizzata negli anni ’70 per circa 10 anni per il conferimento dei rifiuti cittadini. A partire dal 2003, il Ministero per l’Ambiente invitò il Comune alla sua bonifica. Nel 2008 il direttore dell’Arta Giovanni Damiani definì “l’alveo del Saline la discarica lineare più lunga in Italia”. Sia nel 2008 che nel 2010, sempre il Ministero, sottolineando le reiterate inadempienze, sollecitò la Regione Abruzzo affinché procedesse alla nomina di un commissario ad acta, che venne ufficializzata con delibera di Giunta Regionale nel 2012, assegnando l’incarico a Domenico Orlando. Lo scorso aprile la Guardia Costiera pose sotto sequestro la discarica e il dirigente comunale Valeriano Mergiotti, nominato custode giudiziario, ha promosso una serie di azioni di primo intervento per il contenimento del problema. Nello specifico è stato rimosso il percolato dall’alveo fluviale; realizzata una scogliera di contenimento sull’argine; eseguita la pulizia e la messa in sicurezza delle zone pertinenti la discarica; sono stati realizzati degli scavi di sondaggio per l’individuazione delle infiltrazioni di percolato; sono stati analizzati e rimossi i liquidi individuati.

«Questa discarica - dice ancora l’assessore Cozzi - è il frutto di scelte sbagliate fatte ben 40 anni fa, che quest’Amministrazione sta affrontando con concretezza per tutelare la salute e l’incolumità dei cittadini. Quelli che inizieranno il prossimo 6 marzo sono lavori che si affiancano all’attività sinergica con tutti gli enti coinvolti che abbiamo messo in atto, con l’intento di una riqualificazione e una rivalorizzazione di tutta l’area del lungofiume Saline che deve e può diventare una grande risorsa per il territorio».

Pubblicato in Politica

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione