Articoli filtrati per data: Febbraio 2017
Venerdì, 24 Febbraio 2017 00:00

Pescara, Gran Fondo Masciarelli: al via la gara

Pescara. Si svolgerà domenica 28 febbraio a partire dalle ore 9 la seconda edizione della Gran Fondo Città di Pescara Masciarelli, presentata stamane. Una competizione che è la prima tappa del calendario nazionale gran fondo e medio fondo di Acsi Ciclismo, circuito che consta di 40 gare e che si concluderà la seconda domenica di dicembre a Riccione.
“Si tratta di una riconferma per la Gran Fondo che partirà domenica mattina alle ore 9 dal Palaelettra – dice l’assessore allo sport Giuliano Diodati – C'è il patrocinio del Comune perché non è solo sport, ma anche conoscenza del territorio e ringraziamo gli organizzatori per aver scelto la nostra città come sede di partenza e arrivo, un'idea bella preché promuove l'immagine cittadina soprattutto in questo momento storico che sta vivendo l'Abruzzo, provato dalle emergenze vissute in gennaio. Premieremo con la coppa Città di Pescara il vincitore assoluto della gara a cui partecipano tutti gli atleti amatori, ex professioisti dilettanti. Celebriamo il secondo anno di una competizione che aveva avuto dei precedenti e a cui abbiamo voluto dare un nuovo impulso lo scorso anno perché si ripeta anche negli anni a venire. E' anche la competizione di avvicinamento alla stagione estiva e cercheremo di limitare al massimo ogni tipo di disagio, chiedendo alla cittadinanza la consueta collaborazione e convivenza con un evento che arricchisce anche l'offerta di intrattenimento sportivo di cui Pescara è storicamente parte”.
“La gara si apre con un percorso turistico all’interno della città di Pescara – così Luciano D'Onofrio, presidente provinciale Acsi ciclismo e Palmiro Masciarelli, patron della manifestazione - Quest'anno abbiamo 8 gran fondo come Acsi e Pescara apre le danze. La prima fase di gara parte dal Palaelettra 1, poi Riviera sud, ponte del mare, tutto il centro cittadino per confluire su via D'Avalos da dove ci sarà l’effettiva partenza verso le altre località lungo la costa dei trabocchi. Promuovere il territorio è un’attività che ci piace molto, questo è il secondo anno della Gran Fondo che parte da Pescara e arriva ai piedi della Maiella, passando per una delle coste più belle d'Italia e rientrando a Pescara attraverso il suo polmone verde, il miglior traguardo che si possa desiderare. La gara a livello tecnico è molto varia, abbiamo atleti da Lazio, Umbria e Toscana, ad oggi sono oltre 300 gli iscritti che contiamo di portare a 500 già da sabato e domenica, sono competitor di qualità”.
“Il ciclismo dilettantistico in Abruzzo è rappresentatissimo – dice Adamo Scurti, presidente della Commissione Sport – Promuoviamo sport ma anche turismo e cultura, lo fa la famiglia Masciarelli che ha avuto tanto dallo sport e lo restituisce con competizioni di altissimo livello, richiamando tanti giovani, segno di benessere e vitalità e positività. Faccio l'in bocca al lupo a tutta l'organizzazione perché la città è una capitale dello sport a livello europeo e può accogliere tanti partecipanti e i Masciarelli che sono portatori di un sodalizio di vecchia data con il settore e collaboratori preziosi per l’Amministrazione comunale”.

Pubblicato in Sport

Chieti. Questa mattina, giocatori e dirigenti della Pallacanestro Chieti hanno fatto visita al reparto di Clinica Oncologica del Presidio Ospedaliero Clinicizzato del SS. ANNUNZIATA di Chieti.

In un quadro di continuità con l’iniziativa benefica promossa mercoledì sera a favore della Onlus Voi&Noinsieme, associazione che opera da alcuni anni all’interno della struttura ospedaliera di Chieti e Ortona, le Furie sono state accolte dal Direttore, professoressa Clara Natoli e dal personale medico e infermieristico che opera nel reparto. Gli atleti della Pallacanestro Chieti hanno voluto così testimoniare la loro vicinanza e la loro solidarietà nei confronti di tutti coloro che quotidianamente sono impegnati nella lotta contro il cancro.
Anche questa volta, il binomio “sport & solidarietà” si è dimostrato vincente. Per l’occasione, infatti,l’impegno e il contributo della Pallacanestro Chieti hanno permessodi raccogliere 1.200 euro, che verranno ufficialmente devoluti all’Associazione Voi&Noinsieme nella prossima gara interna delle Furie. Un sentito ringraziamento è doveroso nei confronti di tutti coloro che con un piccolo contributo anche questa volta ci hanno aiutato ad aiutare.

Pubblicato in Sport
Venerdì, 24 Febbraio 2017 00:00

Sieco Service, domenica trasferta in Puglia

Ortona. Poco tempo per pensare a ieri e alle emozioni vissute al Palazzetto dello Sport, che è già tempo di ripartire. La squadra si metterà in cammino domani per raggiungere la bellissima Puglia dove domenica (ore 18.00) avrà un nuovo ostacolo da superare.
L'avversaria della 4a giornata di Andata/ Pool Salvezza è la Materdominivolley.it Castellana Grotte, allenata da coach Vincenzo Fanizza.La formazione pugliese ha come sempre un folto gruppo di giovani promettenti e in questa stagione propone giocatori di pura classe come l'ex di turno Alessio Fiore, Bellei e Casoli.In questa seconda fase Castellana Grotte ha sicuramente dimostrato di essere squadra difficile da affrontare, con la vittoria prima ai danni del Club Italia Crai Roma e poi con la gara combattuta ( persa 3-1) in quel di Civitanova contro Potenza Picena.In casa Impavida c'è la consapevolezza di dover, a tutti i costi, restare sulla stessa lunghezza d'onda delle ultime gare, ed insistere sulla concentrazione e sul gioco di squadra.


A parlare del match è il regista della Sieco Service, Matteo Pedron, che ha vestito la maglia Materdomini nelle stagioni 2014-2015/ 2015-2016:

“ Non sarà sicuramente una gara facile da affrontare perché incontreremo una squadra tosta e brava a mettere in difficoltà gli avversari, soprattutto in casa. Toccherà a noi mantenere costanza e concentrazione in campo e non farci intimorire. Hanno a disposizione giocatori di grande esperienza e giovani pronti a mettersi in mostra, quindi non sottovalutiamo questa partita. Sappiamo che in palio ci sono punti pesantissimi e, vista la classifica corta, ogni squadra darà il massimo per conquistare il bottino completo. Per me è sempre una grande emozione tornare al PalaGrotte quindi sarà un motivo in più per fare bene”.

 

Prossimo impegno
Domenica 5 marzo ore 16.00 Sieco Service Impavida Ortona – Sol Lucernari Montecchio Maggiore

 


SIECO IN TV: la gara sarà trasmessa in diretta streaming su Sportube.tv.
Differita su Rete8 Sport lunedì 27/02 alle ore 14.30 e alle ore 00.10.

 


Le gare 4a giornata Andata – Pool Salvezza Serie A2 UnipolSai

sabato 25 febbraio 2017
ore 20.30 Sol Lucernari Montecchio Maggiore – Golden Plast Potenza Picena

domenica 26 febbraio
ore 12.00 Videx Grottazzolina – Aurispa Alessano
ore 16.00 Pool Libertas Cantù – Basi Grafiche Geosat Lagonegro
ore 18.00 Materdominivolley.it Castellana Grotte – Sieco Impavida Ortona
ore 19.30 Centrale del Latte McDonald's Brescia – Club Italia Crai Roma

Pubblicato in Sport

Pescara. Una ordinanza ad hoc della Protezione civile per l'Abruzzo mirata alla quantificazione dei danni provocati dal maltempo di gennaio, un piano di investimenti per rigenerare la viabilità stradale dopo frane e smottamenti e l'allargamento del cratere simico ai centri maggiormente danneggiati nell'ultimo terremoto. Sono i punti nodali affrontati ieri a Palazzo Chigi nell'incontro istituzionale tra il presidente Luciano D'Alfonso e il presidente del Consiglio dei Ministri, Paolo Gentiloni.
“I problemi sono tanti perché derivano da movimenti franosi di una rilevanza importante – ha affermato il sottosegretario Mario Mazzocca, presente ieri all’incontro a Roma – purtroppo con questi eventi si è vista la gravità della situazione che si aggiunge ai problemi già in essere con la situazione regionale che deve essere sottoposta all’attenzione del Governo per la particolare natura e la sua costituzione, l’abbiamo esposta a Gentiloni on il quale ci siamo confrontati. Il territorio abruzzese è molto fragile perché non ce la fa più. L’intervento deve essere effettuato in breve tempo con tutte le accuratezze del caso”.
D'Alfonso, dopo aver illustrato la situazione del territorio abruzzese, definita "preoccupante", ha messo sul tavolo del Governo anche il problema dei 'danni indiretti' registrati da aziende e strutture turistiche. Problema che ha trovato la piena disponibilità ad essere affrontato dall'esecutivo, al fine di rilanciare l'economia regionale. Finora la Regione Abruzzo ha monitorato 873 interventi, una stima dei danni che ammonta a 144 milioni di euro, 20 dei quali servirebbero immediatamente per mitigare la frana che ha colpito la frazione Ponzano di Civitella del Tronto.
“Un’ordinanza ad hoc che dà 90 giorni per la quantificazione dei danni e anche per la loro quantificazione – ha spiegato il governatore della Regione Abruzzo, Luciano D’Alfonso – un’ordinanza che pensa a bersaglio pubblico che si sono verificati in ordine al patrimonio pubblico, al patrimonio privato ed anche alle attività economiche e commerciali. Accanto all’ordinanza ho riferito oggi del colloqui con il premier Gentiloni e del fatto che ho rappresentato con adeguatezza la necessità dell’evoluzione del cratere sismico. Io lo chiamo ingrandimento, evoluzione, per fare in modo che si ricomprendano anche i nuovi problemi intervenuti dopo il 18 gennaio alla luce sia del Decreto Legge che già abbiamo vigente e alla luce anche dell’ulteriore corso delle norme ulteriori che noi avremo. Abbiamo posto il problema dei danni indiretti e ho trovato disponibilità non solo ad esaminare. Ho posto il problema per quanto riguarda un piano dedicato circa la viabilità minore in Abruzzo e ho trovato non solo interesse ma adesione e poi ho posto un problema per quanto riguarda un piano dedicato per l’aiuto al settore agricolo. Poi ancora una questione per quanto riguarda le piccole imprese del commercio e del turismo nei piccolo comuni di questa parte di Appennino che concerne l’Abruzzo. Poi ieri sera abbiamo già incassato il consenso per 35 unità in più in aiuto ai Comuni che sono stati danneggiati: ci saranno due unità in più per ogni Comune, due unità per la Provincia di Teramo, una per la Provincia di Pescara ed una per la Provincia de L’Aquila. L’evoluzione del cratere riguarderà l’Alto Aterno, questo è quello che io ho chiesto e sul quale ho avuto una forte attenzione. Riguarderà naturalmente la montagna e la collina teramana e riguarderà ciò che è stato più danneggiato della provincia di Pescara. io continuo questo lavoro perché so che è compito mio evitare che si arrivi fino a Zagabria. Il lavoro che ho fatto è fare in modo che la verità dei dati e dei numeri venga tenuta da conto rispetto a questa nuova fase che riguarderà l’attrezzatura normativa e finanziaria”.

Pubblicato in Politica

Tribiano. A seguito della conferenza stampa di lunedì scorso Franco Lucente, sindaco di Tribiano e coordinatore provinciale di Fratelli d’Italia, ha invitato nel proprio comune l’onorevole Marcello Taglialatela, membro della commissione antimafia.

Il parlamentare, tesserato nel partito di Giorgia Meloni, farà visita alla località dove in un incontro aperto al pubblico e alla stampa, ma soprattutto in presenza dell’intero consiglio comunale, discuterà della situazione venutasi a creare dopo le dichiarazioni rilasciate da Rosy Bindi e Nando Dalla Chiesa.

L’appuntamento è fissato per lunedì 27 febbraio, alle ore 19.30, nella sala giunta (municipio, in piazza Giovanni Paolo II).

Pubblicato in Politica

L'Aquila. "Il presidente di regione Abruzzo, balzato la settimana scorsa agli onori della cronaca per indagini di corruzione, turbativa d'asta, e abuso d'ufficio, vorrebbe farci credere che sia colpa di Domenico Pettinari se la sua immagine pubblica è, in qualche modo, compromessa".

Così in una nota la consigliera regionale del Movimento 5 Stelle, Sara Marcozzi, che aggiunge: "La colpa di Pettinari sarebbe stata quella di rivolgersi al presidente di regione, nonché commissario ad acta della sanità abruzzese, dicendo che egli aveva responsabilità politiche sull'acquisto di un immobile sovrastimato da parte della ASL. Molto umilmente, ritengo la causa intentata dal presidente D'Alfonso nei confronti di Domenico infondata e temeraria. Sempre molto umilmente mi permetto di suggerire al presidente D'Alfonso di rispondere puntualmente alle interpellanze e interrogazioni che gli vengono rivolte in consiglio regionale e di smetterla di ingolfare i tribunali".

Pubblicato in Politica

Pescara. Un incontro faccia a faccia tra il Presidente della Provincia e i parlamentari riferimento del territorio, così come faranno le altre province d’Abruzzo, è in programma domani, sabato 25 febbraio, alle 10,30, in Provincia di Pescara. In seguito al dibattito che ha caratterizzato l’Assemblea dei Presidenti delle Province tenutosi a Roma il 16 febbraio u.s. e agli input operativi del Presidente UPI Achille Variati che in tale occasione ha decretato ufficialmente il cambio di rotta delle Province italiane, si richiede ora un impegno rinnovato come rappresentanti del territorio abruzzese dopo l’esito referendario e, ancor di più, viste le emergenze cui si è dovuto fare fronte nelle settimane scorse con le esigue risorse umane, strumentali e finanziarie frutto delle scellerate scelte operate a livello centrale.
“In questi due anni – dichiara Antonio Di Marco - bisogna dare atto di aver sempre optato per il coinvolgimento dei deputati in Parlamento ogni qual volta era alle porte una Finanziaria o un Decreto legge, consegnando dossier puntuali con dati ineccepibili e proposte emendative motivate. Oggi possiamo affermare che dei bisogni legittimi delle comunità non siamo responsabili sempre e solo noi amministratori locali, qualora le decisioni ostinatamente assunte a livello centrale rivelano determinanti ricadute davanti agli occhi di tutti, ovvero lo stato in cui versa la rete viaria e la sicurezza degli edifici scolastici. Domani chiederò ai nostri parlamentari un impegno formale e deciso ad inserire le proposte normative nel decreto legge enti locali, così come analizzate e proposte dall’UPI. Ora non siamo in condizioni di redigere neanche il bilancio annuale, mentre l’emergenze dovuta al maltempo e alle nevicate hanno messo fuori uso molte delle nostre strade e alcune nostre scuole. Chiaro che così non si può più andare avanti”.

Pubblicato in Politica

Chieti. “Conoscere le motivazioni che hanno indotto l’attuale commissario a decidere l'aumento spropositato delle tariffe di conferimento dei rifiuti, prendere contezza della pianta organica e del numero dei lavoratori a tempo indeterminato e determinato e, soprattutto, le prospettive e il ruolo del Civeta alla luce dell’imminente passaggio all’Agir, l’Agenzia regionale per la gestione integrata dei rifiuti. Questi sono i temi su cui il commissario Franco Gerardini dovrà relazionare in Commissione di vigilanza il prossimo 15 marzo al fine di comprendere meglio l’operato politico e amministrativo della Regione Abruzzo nei confronti del Consorzio vastese”. Questa la presa di posizione del Presidente della Commissione vigilanza e consigliere regionale Mauro Febbo che sottolinea: “Ho convocato in audizione il commissario Gerardini e i sindaci soci del Consorzio Civeta di Cupello per capire quali sono s, e se fondate, le motivazioni che hanno portato ad aumentare le tariffe. Oggi abbiamo un nuovo piano finanziario con innalzamento del 28% delle tariffe per il conferimento dei rifiuti nell’impianto di Valle Cena di Cupello che ha messo in allarme i sindaci del vastese poiché i costi ricadranno inevitabilmente direttamente sui cittadini che dovranno pagare questo aumento. Un prezzo maggiore che dovrà essere inserito obbligatoriamente nella Tari, ossia nella tassa dei rifiuti.   Questo – continua Febbo - è l’ennesimo regalo dei tanti commissariamenti voluti dalla Regione Abruzzo nel vastese che dimostra come non si tenga in debita considerazione i cittadini e le amministrazioni comunali di questo territorio facendo solo gli interessi di una politica miope. Il Civeta, consorzio intercomunale,  negli anni è sempre stato gestito in maniera eccellente da un Cda nominato direttamente dai sindaci del territorio mentre adesso l’attuale gestione commissariale ha espropriato gli amministratori di decidere sulle sorti dell’ente vastese. Una scelta scellerata che si ripercuoterà sulle tasche dei cittadini vastesi. Pertanto – conclude Febbo – chiederò al Commissario di rivedere i provvedimenti assunti e al tempo stesso di prevedere un maggiore coinvolgimento degli attori del Civeta, che fino ad ieri erano i sindaci di quel territorio, che oggi si vedono messi alla porta senza incidere nelle decisioni assunte dalla Regione Abruzzo”.

Pubblicato in Politica

Pescara. Nella mattinata di oggi e a fronte dell’incontro di ieri fra il preside dello scientifico Da Vinci Giuliano Bocchia e l’Amministrazione comunale, l'assessore alle Politiche Sociali Antonella Allegrino ha riferito sulla disponibilità della struttura di piazza Grue a circa 200 studenti e una decina di docenti del liceo ospiti del Classico, che hanno tenuto un’assemblea nel salone della parrocchia del Cuore Immacolato della Beata Maria Vergine. Un aggiornamento, quello odierno, sulle soluzioni possibili per ospitare le classi della ex sede distaccata del liceo di via Vespucci, in vista di un prossimo incontro sollecitato dalla dirigenza scolastica e al quale sarà invitata l'Amministrazione Provinciale. Questo quanto l'assessore alle Politiche sociali, Antonella Allegrino, ha riferito a ragazzi e insegnanti, attualmente ospitati nelle aule messe a disposizione dal liceo classico di via Venezia, i quali hanno sollecitato una soluzione definitiva al problema della mancanza di una sede, per affrontare con serenità il prossimo anno scolastico e hanno chiesto l’impegno dell’Amministrazione Comunale a mantenere un dialogo proficuo con la dirigenza scolastica e la Provincia, competente per le scuole secondarie di secondo grado .

“La soluzione percorribile, al momento, è quella dell’immobile di piazza Grue di proprietà del Comune – così l’assessore Allegrino - Al piano terra ci sono alcuni uffici comunali e dei locali da ristrutturare; al primo piano ci sono un Centro sociale per anziani e le aule che in precedenza hanno ospitato gli studenti dell’Ipssar De Cecco. Queste ultime, 7 in tutto, sono già disponibili e c’è anche la volontà, da parte degli anziani, alla condivisione degli spazi con gli studenti in alcuni momenti della giornata. Certo, ognuno dovrà rinunciare a qualcosa, ma bisogna valorizzare quello che si può ottenere in tempi brevi. E poi sarà una bellissima palestra di scambio intergenerazionale. La soluzione di piazza Grue comporterà un piccolo costo per l’affitto dell’immobile, che sarà sostenuto dalla Provincia nel caso in cui si dichiarerà favorevole a questa eventualità. Quando si individua una soluzione, infatti, ci deve essere l’assenso di tutte le parti coinvolte. Poi bisognerà pensare ad ottenere i fondi dalla Regione per realizzare i lavori di ristrutturazione nei locali del piano terra. Quello che posso garantire è la forte volontà da parte dell’Amministrazione Comunale di risolvere il problema e di sedersi attorno a un tavolo con la dirigenza scolastica e la Provincia per individuare una soluzione condivisa”.
L’assessore, pertanto, ha sollecitato i ragazzi ad attendere l’esito dell’incontro, che dovrebbe tenersi in tempi brevi, impegnandosi ad aggiornarli sulle decisioni prese. “Sono molto colpita dalla serietà, la maturità e la compostezza con cui avete partecipato a questo confronto – ha concluso – La vostra perseveranza, il rispetto per le istituzioni e l'atteggiamento costruttivo e collaborativo che avete dimostrato finora, faciliteranno il raggiungimento degli obiettivi che vi siete posti e vi aiuteranno, anche in futuro, ad affrontare momenti di difficoltà e a diventare cittadini attivi, partecipi e responsabili ”. Gli studenti, al termine dell’incontro, hanno espresso apprezzamento per l’impegno e l’opera di mediazione che l’Amministrazione Comunale sta svolgendo per giungere all’individuazione di una sede definitiva della scuola.

Pubblicato in Politica

Chieti. Il Sindaco di Chieti, Umberto Di Primio, questa mattina, nel corso di una sentita e partecipata cerimonia ha intitolato l’area verde di via Amiterno intersezione con via Sulmona, ai “Martiri delle Foibe”. L’iniziativa fa seguito all’approvazione dell’Ordine del Giorno in Consiglio Comunale del Capogruppo di Fratelli d’Italia, consigliere Marco Di Paolo.

Alla commemorazione hanno preso parte il Presidente del Consiglio Comunale, Liberato Aceto, il Vicesindaco Giuseppe Giampietro, i Consiglieri Comunali, il Prefetto di Chieti, Antonio Corona, il Questore di Chieti, Raffaele Palumbo, la Comandante della Polizia Stradale di Chieti, Agnese Pane, la Comandante del Nor Carabinieri Chieti, Maria Di Lena, il Comandante dei Vigili del Fuoco di Chieti, Antonio Albanese, la Comandante della Polizia Municipale di Chieti, Donatella Di Giovanni, un nutrito gruppo di rappresentanti dell’Associazione Nazionale Carabinieri, dell’Associazione Nazionale Alpini, dell’Associazione Nazionale della Polizia di Stato, dell’Associazione “Amici di Bocca del Serchio” che riunisce ex ufficiali e sottoufficiali della Marina Militare Italiana, gli alunni delle classi quinte della scuola primaria “via Amiterno” e quelli delle classi prime della scuola secondaria di 1° “V. Antonelli” del Comprensivo 3 diretto dalla prof.ssa Assunta Di Michelangelo, rappresentanti del “Comitato 10 Febbraio” con il presidente Marco di Michele Marisi, l’esule istriana Magda Rover e il presidente della sezione di Pescara dell’Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia (ANVGD) Mario Diracca, esule fiumano.

La cerimonia di intitolazione del Largo, che si sarebbe dovuta svolgere lo scorso 10 febbraio in occasione del “Giorno del Ricordo”, solennità civile istituita con legge 30 marzo 2004 n. 92, era stata annullata a causa del maltempo, ma lo scorso 16 febbraio la targa apposta al centro dell’area verde era stata oggetto di un atto vandalico. Ignoti, infatti, avevano imbrattato con della vernice nera la sua superficie lasciando la scritta “antifa”.

Dopo l’apposizione della corona d’alloro da parte di due studenti, la cerimonia è proseguita con l’esecuzione del “Silenzio”, l’intervento del presidente di Michele del “Comitato 10 Febbraio”, le commosse testimonianze della signora Rover e del sig. Diracca - quando appena bambini hanno scampato la morte per infoibamento ma hanno dovuto affrontare l’esilio dalle terre d’origine -, e si è conclusa con il contributo di un rappresentante dell’Associazione Nazionale Carabinieri e il commento del Sindaco Di Primio che ha ricordato come “per anni il nostro Paese non solo ha dimenticato quei tragici accadimenti, ma è stato capace anche di infoibare il Ricordo legato a quegli uomini e a quei bambini e solo una Legge istituita 13 anni fa ha cercato di conferire una dignità ad un dramma tutto italiano”.
«Che ci sia ancora bisogno di testimoniare tale barbarie – ha continuato il Sindaco - è indispensabile al fine di eliminare qualsiasi focolare di odio e ignoranza, non ultimo quello avvenuto una settimana fa a Chieti».

Pubblicato in Politica

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione