Articoli filtrati per data: Aprile 2017

Al Ministro della salute, al Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca. — Per sapere– premesso che:
il bacino idrico del Gran Sasso fornisce acqua per gran parte delle provincie di Terano e L’Aquila;
già nel 2002 si è verificato uno sversamento di trimetilbenzene nelle acque destinate al consumo umano;
la captazione delle acque avviene da una sorgente a stretto contatto con i laboratori dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, eccellenza nazionale, che detiene sostanze chimiche altamente pericolose per la salute umana;
come appreso dal programma televisivo “Le Iene” nella trasmissione 29 marzo 2017 l'Istituto superiore di sanità ha rilevato “ una generale non conformità della localizzazione dei locali ed installazioni dei Laboratori nazionali del Gran Sasso e delle attività condotte rispetto ai dettami dell'articolo 94 del decreto legislativo n. 152/2006”;
come appreso dalla comunicazione della Regione Abruzzo del 21/12/2016 e dalle inchieste svolte dal quotidiano online “PrimaDaNoi.it” la Asl di Teramo il 31 agosto ha disposto la sospensione, in via cautelativa, dell'immissione in rete delle acque dal pozzetto di prelievo n. 1917, inerente l’acquedotto Ruzzo, a seguito della rilevata presenza di diclorometano nelle acque, senza, per altro, darne tempestiva comunicazione ai cittadini —:

se è dunque compatibile la captazione di acque ad uso umano da un bacino idrico a contatto con l’attività di ricerca dell’I.N.F.N.;
qual è lo stato dei lavori di messa in sicurezza e conformità dei locali e delle installazioni dei Laboratori Nazionali del Gran Sasso e delle attività ivi condotte riguardo il rispetto dei dettami dell'articolo 94 del decreto legislativo 152/2006 inerente la salvaguardia delle falde acquifere e delle fonti di approvvigionamento degli acquedotti pubblici;
quali iniziative si stiano mettendo in campo per garantire gli standard qualitativi delle acque provenienti dal bacino idrico del gran sasso e la salute degli utenti.

Gianni Melilla
Deputato Articolo Uno – Movimento Democratico e progressista

Pubblicato in Politica
Mercoledì, 26 Aprile 2017 00:00

Lanciano, molgolfiere nell'area fieristica

Lanciano. Si chiama “Aspettando le Mongolfiere” e abbraccerà anche la “Fiera delle Meraviglie”. L'appuntamento, che rientra nell'Abruzzo Open Day, si svolgerà a Lanciano (Ch) dal 2 al 4 giugno prossimi e sarà un'anteprima del “Raduno delle Mongolfiere” previsto in agosto, per il secondo anno consecutivo, a Gessopalena (Ch). L'iniziativa è organizzata dall'associazione “Vivere Gessopalena”, si terrà a Lancianofiera e ha il patrocinio di vari enti, tra cui la Regione Abruzzo, la Provincia di Chieti e il Comune di Lanciano e la collaborazione di Ascom Abruzzo, dell’Associazione Circus Street Food, della Federazione Internazionale Pasticceria Gelateria Cioccolateria (Fipcg), dell’Areo Club d’Italia, di Wind & Fire Balloons, del Festival dell’Anima e di Coloranima. “Protagoniste della manifestazione – spiega Alessandra Laiolo, event manager della Ellepi Service Snc, responsabile della segreteria organizzativa - saranno le mongolfiere. Due aerostati verranno posizionati all'interno dell'area fieristica di Lanciano ed effettueranno il cosiddetto volo vincolato, cioè si alzeranno in aria per alcune decine di metri, per far ammirare il panorama dall'alto, pur restando saldamente ancorate al suolo”. Al contempo, all'interno dell'area fieristica, si terrà la “Fiera delle Meraviglie”, con stand, mercatini, laboratori, mostre, giochi per i più piccoli, spazi del gusto, mostre mercato, proiezione di documentari, show e meeting, street food e musica. Ci saranno spettacoli circensi e giostre per grandi e piccini. Non mancheranno i “percorsi benessere”. “Si tratta – aggiunge Laiolo - di una rassegna pensata anche per le famiglie. Si potrà trascorrere parte della giornata in fiera, tra intrattenimenti e divertimenti vari, e poi, volendo, ci si potrà spostare, tramite bus navetta, anche in centro a Lanciano o sulla Costa dei Trabocchi per scoprirne aspetti storico-artistici e bellezze naturalistiche”.
“L’associazione Vivere Gessopalena – afferma il suo presidente Giuseppe Melchiorre – nasce specialmente per promuovere il nostro territorio, ancora sconosciuto a molti, attraverso l’ideazione di eventi originali. In questo caso puntiamo su un volo inusuale, ma che da sempre ha fatto sognare, grandi e piccini, quello in mongolfiera. Dopo l’evento di Lanciano si partirà con la messa a punto del raduno di Gessopalena, in programma dal 24 al 27 agosto. Qui i più audaci potranno fruire anche del volo libero”.

Per info 380 207 4017 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Pubblicato in Cultura e eventi

Montesilvano. Chiarire tutti i dubbi in merito alla progettazione SPRAR, il sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati, che verrà attivato dal Comune di Montesilvano e che ridurrà il numero dei migranti presenti sul territorio. E’ quanto hanno fatto questa mattina il sindaco Francesco Maragno, insieme ai membri della Giunta, al commissario straordinario dell’Azienda Speciale Luca Cirone, al direttore Eros Donatelli e al direttore della Caritas diocesana Pescara Penne, don Marco Pagniello. La progettualità dello SPRAR non si riduce a mero dormitorio, ma è una iniziativa molto articolata, volta all’integrazione socio-lavorativa e abitativa, con attività e servizi di accoglienza, ma anche di orientamento, accompagnamento legale e mediazione interculturale che verranno realizzati da Comune, Azienda Speciale e dall'Ati Arci Pescara, Polis, Caritas diocesana e Cooperativa Sociale Ausiliatrice, mediante fondi di natura statale e non comunale.

«Non potevamo continuare a far gestire da altri l’accoglienza dei migranti nella nostra città – ha sottolineato il primo cittadino Francesco Maragno -. Quella dell’accoglienza è una responsabilità alla quale tutti i Comuni italiani oggi devono far fronte. Con l’attivazione dello Sprar passiamo finalmente da una competenza statale e governativa ad una gestione comunale per mezzo dell’Azienda Speciale e delle associazioni che hanno partecipato al bando. Tale progetto, in attesa della sua approvazione da parte del Ministero, ha già permesso di raggiungere significativi risultati, grazie al rispetto della clausola di salvaguardia che porta alla chiusura dei Centri di Prima accoglienza (CAS). Il numero dei migranti si è già ridotto - come confermato dalla stessa Prefettura – da picchi di 350 persone alle passate 291 presenze fino alle 226 censite al primo marzo. Con lo SPRAR andremo a polverizzare, ovvero a frazionare, il numero dei profughi accolti in diverse strutture sparse su tutto il territorio, evitando così situazioni ghettizzanti. A tal riguardo abbiamo riaperto la procedura per l’individuazione degli immobili adeguati all’accoglienza, come peraltro stabilito nella delibera di Giunta 55 del 14 marzo scorso, nella quale sottolineavamo la volontà di individuare altre soluzioni. Gli immobili non potranno essere hotel e non dovranno trovarsi in zone a spiccata vocazione turistica o commerciale, aree già ad alta concentrazione di stranieri o ancora a rischio ordine pubblico. Abbiamo richiesto, inoltre, all’Agenzia nazionale per l'amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata di mettere in disponibilità alcuni immobili confiscati proprio per tale finalità. Tale tipologia di accoglienza, infine, coinvolgerà donne e bambini e non solo uomini. Tutti questi aspetti rendono il progetto SPRAR l’unico possibile per gestire questo fenomeno, garantendo la sicurezza dei cittadini e non penalizzando ulteriormente la vocazione turistica e commerciale. Voglio ringraziare tutti i consiglieri - ha chiosato il sindaco – anche coloro che inizialmente hanno ostacolato questa progettualità, che alla fine hanno compreso pienamente i vantaggi per la città che provengono da questo sistema di accoglienza».

«Il progetto SPRAR – chiarisce Luca Cirone - prevede di portare a Montesilvano un numero massimo di 161 migranti, secondo un calcolo del Ministero dell’Interno che prevede 2,5 immigrati per ogni 1000 abitanti. L’attivazione dello SPRAR, che si fonda su un tipo di accoglienza diffusa su tutto il territorio, con un numero massimo di 60 persone per ogni struttura, produce la contestuale chiusura dei centri di prima accoglienza, ossia i CAS che ad oggi hanno accolto anche 300 persone per ciascuna struttura alberghiera adibita. L’immigrato che entra a far parte del sistema SPRAR - dice ancora Cirone - deve sottoscrivere un contratto obbligatorio che impegna i migranti al rispetto di regole ben precise e li vede coinvolti in attività di formazione e lavori socialmente utili gratuitamente. Ogni 3 settimane l’Azienda Speciale e le associazioni coinvolte nella gestione del progetto elaborano una relazione che inviano al Ministero. Alla terza nota negativa inerente il comportamento del migrante, quest’ultimo perde lo status di profugo e rifugiato».

«Il fenomeno della migrazione esiste perché queste persone - afferma don Marco Pagniello – sono costrette, dalla guerra, dalla fame o da altre gravi circostanze, ad abbandonare il loro paese. Come Caritas siamo impegnati nella gestione dello SPRAR anche a Pescara e siamo convinti che questo sia l’unico sistema per garantire l’inclusione, su più livelli, dei migranti e al tempo stesso creare sicurezza per i cittadini. Solo con un’accoglienza diffusa tale fenomeno può essere gestito al meglio».

Pubblicato in Politica
Mercoledì, 26 Aprile 2017 00:00

Pettinari su nuove intercettazioni a D'Alfonso

L'Aquila. Sembra un mare di melma quello in cui si trova il Presidente di Regione. Ogni giorno escono stralci di intercettazioni che lo riguardano e che lo raccontano agli abruzzesi ben diverso da come lui si è sempre voluto rappresentare. Debole, sotto scacco e lontanissimo dall’interesse dei cittadini a cui stringe le mani durante le campagne elettorali, che vanta di aver sempre vinto, ma viene da chiedersi a che prezzo.

Le intercettazioni pubblicate oggi dal Messaggero D’Abruzzo sono allarmanti. Lo sono per i cittadini che si vedono traditi davanti a quelle promesse di sicurezza e tutela, lo sono per l’esposizione alla luce di sole di un sistema malato che coinvolge anche le più alte sfere del Governo. Insomma l’idea è quella che siamo davvero davanti alla prova provata che tutto ciò che abbiamo sempre pensato e per il quale molti cittadini sono stati accusati di complottismo non siano fantasie ma una dura realtà che i cittadini hanno subito per anni. Il Presidente, oggi più che mai, ha il dovere di presentarsi davanti alle forze politiche che compongono il consiglio regionale per relazionare su queste intercettazioni, direttamente e senza giri di parole nel primo consiglio utile.

“Abbiamo il dovere di tutelare i cittadini ed il territorio. E’ questo che diciamo da tempo anche in relazione alla questione di Pescara Porto, quella zona è a rischio, come sarebbero a rischio i cittadini che la frequenterebbero. Il M5S ha più volte sottolineato, in varie sedi istituzionali, la pericolosità e quindi l’impossibilità di costruire in quell’area. Oggi, un altro quotidiano locale, Il Centro, spiega nel dettaglio la questione. Leggiamo infatti, che proprio come ha sempre sottolineato il M5S l’area rientra nell’area a elevata pericolosità, come mostrato dal Psda (piano stralcio difesa alluvioni). Si aggiunge, quindi, all’elenco delle spiegazioni che il Presidente deve dare alla cittadinanza, (ricordiamo che sulla questione Pescara Porto già lo abbiamo invitato a riferire nel merito delle gravissime intercettazioni e nel merito dell’inchiesta in consiglio regionale) anche quella relativa alla sua posizione su un progetto non sicuro per la cittadinanza”.

“Se con dei tecnicismi amministravi è stato possibile arginare la valutazione di pericolosità, certo non saranno dei tecnicismo a salvaguardare i cittadini che fruiranno di una zona a rischio alluvione. Abbiamo ancora sul viso le lacrime delle ultime tragedie, alcune probabilmente legate anche all’incuria politico amministrativa di non agire evitando catastrofi prevedibili. Cosa farebbe un governo responsabile? Andrebbe oltre le competenze tecniche, che conosciamo bene, ma sbatterebbe i pugni sul tavolo attraverso una delibera di Giunta che indichi con chiarezza cosa, l’organo politico che Governa la Regione, realizzare in quell’area a tutela dell’incolumità dei cittadini. Un messaggio politico forte e chiaro, che pesi anche sulle spalle di decisioni tecniche, indicando una volta per tutte la strada e la visione di futuro che si vuole dare a questa regione e alle città che la compongono, senza cercare il dito dietro quale nascondersi. Ecco noi oggi invitiamo formalmente la Giunta regionale guidata dal Presidente D’Alfonso a emettere quest’atto pensando solo ai cittadini abruzzesi e non agli interessi di pochi”.

Pubblicato in Politica

Martinsicuro. Venerdì 28 aprile, alle ore 21, presso il salone consiliare del municipio di Martinsicuro l’associazione culturale Martinbook, con il patrocinio del comune, presenta il libro di poesie “Stagioni d’amore, stagioni di morte”, edito dalla Irdi-destinazionearte, della professoressa Alessandra Bucci.

Vilalba Cistola aprirà la serata e il professor Massimo Pasqualone, autore della prefazione, modererà l’evento arricchendolo con la sua analisi critica precisa e puntuale. Le letture saranno affidate alla meravigliosa voce dell’attrice Sara Palladini e Mimmo Iurlaro curerà la parte tecnica.

Durante la serata saranno esposte anche alcune opere dell’artista Carlo Gentili autore dell’opera in copertina ora in esposizione permanente al museo “Guidi” di Forte dei Marmi.

Nella prefazione del libro Massimo Pasqualone così scrive: “Poesia dell’anima, poesia di immagini, poesia che da un lato attinge al vissuto, dall’altro ad una solida cultura letteraria è questa raccolta di Alessandra Bucci, Stagioni d’amore, come solo una poetessa sensibile può descrivere, stagioni di morte, lasciate ad una meditazione di stampo filosofico, che non disdegna la pratica cromatica delle emozioni.

Certo: “Io vivo d’impulsi”, ci narra il verso di Alessandra Bucci, di colori, di emozioni, di attimi e di tante altre cose (io vivo è il manifesto della sua poetica), quando attiva l’inverno dell’anima, fatto di lacrime e diverse malinconie, perché la bellezza, sempre e comunque, è impastata di malinconia, ci ricorda Bruno Forte, bellezza del rosso dell’aurora, di piccoli caldi pensieri, persino di odi alla morte.

Davvero Alessandra Bucci è profetessa del sentimento dell’attesa, che manifesta in un verso franto ed onesto, direbbe Saba, in una poesia che scalfisce la verità della vita, forse di una vita tra le vite, quando la sera cala sui colori vivi del giorno, in un crescendo di emozioni cromatiche.”

Pubblicato in Cultura e eventi

L’Aquila. Torna ad esibirsi con il Complesso d'archi dell'Orchestra Sinfonica Abruzzese il violinista Ettore Pellegrino nella doppia veste di solista e maestro concertatore.
Due gli appuntamenti: giovedì 27 aprile alle 19 presso il Museo Genti D’Abruzzo di Pescara con ingresso libero, replica a Tortoreto Lido presso la Sala polivalente del Villaggio Turistico "Il Salinello" sabato 29 alle 19.
Il M° Ettore Pellegrino, musicista conosciuto e amato dal pubblico abruzzese, con la violinista solista Daniela Marinucci, prima parte OSA, e con il complesso d'archi dell'Orchestra eseguiranno un programma interamente dedicato al genio di Johann Sebastian Bach e a i suoi Concerti per Violino e orchestra.
Verranno infatti eseguiti il Concerto per violino e archi in la minore BWV 1041, il Concerto in mi maggiore KWV 1042 e ilConcerto per due violini e orchestra in re maggiore BWV 1043, gli unici tre concerti per violino di Bach arrivati fino a noi grazie a una trascrizione per cembalo che ne fece lo stesso autore. In queste opere l’autore, profondo conoscitore del concerto barocco italiano, fonde le caratteristiche del modello italiano con l’elaborazione contrappuntistica di tradizione tedesca.

Il concerto di giovedì 27 aprile è il primo appuntamento del 2017 dell’Istituzione Sinfonica Abruzzese nell’ambito del cartellone “Suoni del lavoro”, realizzato dalla Regione Abruzzo in collaborazione con l’ISA e altri protagonisti del mondo del lavoro e della cultura abruzzesi e che già lo scorso anno ha portato la musica in luoghi di lavoro e di studio rappresentativi del genio e dell’impegno della regione: l’azienda Walter Tosto di Chieti Scalo, la Città della Bellezza “Urbana” di Morro d’Oro, la Torre del Cerrano e la Cantina Emidio Pepe.

I protagonisti Ettore Pellegrino, già spalla dell’OSA e direttore artistico dell’ISA dal gennaio 2011 all’agosto 2015, è un violinista di fama internazionale, attualmente Direttore Artistico della Deputazione Teatrale Teatro “Marrucino” di Chieti, membro de “I Musici”, uno dei più importanti gruppi di musica da camera italiani“. Solista con importanti compagini musicali attive a livello internazionale e Primo Violino in diverse orchestre e formazioni cameristiche, è docente titolare della cattedra di Violino presso il conservatorio “U. Giordano” di Foggia – Sez. staccata di Rodi Garganico.
Con il Maestro Pellegrino si esibirà nel Concerto per due violini in re minore BWV 1043 Daniela Marinucci, prima parte dell’Orchestra Sinfonica Abruzzese, già membro di numerose orchestre ed ensemble con cui si è esibita in Italia e all’Estero. Nel dicembre 2008 ha tenuto con i solisti Ettore e Antonio Pellegrino una tournée di 11 concerti in Giappone.

Per tutte le informazioni sulla stagione dell’ISA e sui concerti è possibile consultare il sito www.sinfonicaabruzzese.it – info: 0862 411102 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Pubblicato in Cultura e eventi
Mercoledì, 26 Aprile 2017 00:00

Convegno sul termalismo a Caramanico

Pescara. Venerdì 28 aprile, a Caramanico Terme, presso il Centro Studi "Paolo Barrasso", all'interno del Centro visite Valle dell' Orfento, si terrà il Convegno " I TERRITORI DEL BENESSERE della Provincia di Pescara - Le prospettive del nuovo termalismo".

Tra i vari relatori provenienti da altre province italiane, anche il Sottosegretario alla Presidenza della Regione con delega al termalismo, Mario Mazzocca, che interverrà dopo i saluti introduttivi del Presidente della Provincia Antonio Di Marco e del Sindaco di Caramanico, Simone Angelucci.
Le conclusioni saranno di Giovanni Lolli, vicepresidente della regione Abruzzo con delega al turismo.

Il progetto TERRE DEL BENESSERE, di cui è capofila la Provincia di Pescara, ha lo scopo di avviare iniziative turistiche per migliorare l'attrattivita' e la competitività del territorio. La valorizzazione del brand termale consente di espandere in tutto il territorio provinciale, a partire da Caramanico e Popoli, sedi dei centri termali della provincia, fino a tutti i Comuni limitrofi, la forza del marchio,accrescendo il fascino del territorio e, di conseguenza, la richiesta turistica.

“Tutto questo - dichiara il Presidente Di Marco - può avvenire solo se riusciamo a sfruttare le potenzialità delle stazioni termali come "poli di eccellenza del benessere". E' importante fare squadra e sapere comunicare un unico marchio. Essere consapevoli dell'importanza di una caratterizzazione unica. Per questo è altrettanto importante che venerdì ci siano tutti i Sindaci dei Comuni coinvolti: Popoli, Sant'Eufemia, Salle, Abbateggio, Roccamorice, San Valentino, Serramonacesca, Manoppello, Lettomanoppello, Caramanico Terme, Bolognano, Tocco da Casauria”.
Tutti gli interessati possono parteciparvi. L'inizio è alle 9,30. La fine dell’incontro è prevista nel primo pomeriggio.

Pubblicato in Cultura e eventi

Pescara. Sono ufficialmente aperte le selezioni dei gelatieri abruzzesi per il Concorso “Gelato d’Abruzzo” 2017 che si terrà dal 26 al 28 maggio prossimi a Pescara in occasione della quinta edizione del Festival “DI CHE GUSTO SEI”,promosso da Camera di Commercio di Pescara in collaborazione con Confartigianato Pescara. Ogni gelatiere dovrà produrre, nelle giornate dedicate all’evento, un gusto gelato con una base crema composta da uova e latte e caratterizzata da uno dei prodotti tipici d’eccellenza del territorio abruzzese a scelta tra la liquirizia di Atri, lo zafferano di Navelli, il miele d’Abruzzo, il bocconotto di Castelfrentano, il torrone dell’Aquila, i confetti di Sulmona, le fragole di Francavilla al Mare, la ricotta d’Abruzzo, il pecorino di Farindola, il tartufo d’Abruzzo, il Peperone Dolce di Altino, il Lazzaretto d’Abruzzo, l’Aurum di Pescara, la genziana abruzzese, il Trebbiano d’Abruzzo, il Montepulciano d’Abruzzo, l’olio extravergine d’oliva di Loreto Aprutino, la confettura d’uva di Montepulciano, Ratafia e Centerbe. Un modo questo non solo per sposare il territorio e promuovere i fiori all’occhiello della cultura enogastronomica abruzzese ma anche per sottolineare l’importanza del gelato artigianale come alimento sano e di qualità per una corretta alimentazione.
Il Padiglione Espositivo della Camera di Commercio nel Porto Turistico “Marina di Pescara” si trasformerà nell’ultimo weekend di maggio in un grande laboratorio del gelato e offrirà l’opportunità a tutti i visitatori di degustare le prelibatezze abilmente preparate dai maestri gelatieri.
Ad arricchire il concorso “Gelato d’Abruzzo” sarà, come di consueto, una giuria composta da professionisti ed esperti del mondo della gelateria e di quello della pasticceria; i giurati dopo aver valutato i gusti proposti in base a sapore, corpo e struttura, aspetto e presentazione, originalità e creatività, decreteranno il vincitore.
E intanto l’evento contenitore “DI CHE GUSTO SEI”, si prepara anche per questa edizione, ad accogliere i numerosi visitatori. Oltre 50.000 gli ospiti degli scorsi anni che hanno fatto aggiudicare all’evento, che accoglie tutte le novità legate ai settori digelateria, pasticceria, caffetteria, bartending, cioccolateria, senza glutine e cake design, il titolo di Fiera Regionale, facendolo posizionare tra le più note manifestazioni del centro Italia dedicate all’eccellenza artigianale made in Italy.
Per questa edizione gli organizzatori annunciano numerose novità che saranno svelate a breve, in conferenza stampa, unitamente al dettagliato programma della manifestazione.
Tutte le imprese di settore interessate ad iscriversi al concorso, possono farlo attraverso Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. – 085/4536434.

Pubblicato in Cultura e eventi

Lanciano. CasaPound Italia interviene sulla vicenda della scritta 'Art' apposta sui fasci littori del teatro Fenaroli in occasione del 25 aprile. "Il gesto ha rappresentato uno sfregio al patrimonio culturale della nostra città in nome di velleità ideologiche - afferma Marco Pasquini, responsabile lancianese del movimento - Preso atto di quanto accaduto già nella tarda nottata del 24, abbiamo richiesto la sua rimozione alle autorità competenti, che è stata prontamente eseguita. Se esiste una cosa di cui questa città può fare sicuramente a meno sono tentativi di cancellazione di parte della sua storia, operati con modalità che rischiano oltretutto di compromettere la facciata e di creare danno al patrimonio culturale ed artistico. I fasci littori sono lì a ricordarci che il teatro Fenaroli fu voluto dal fascismo: piaccia o meno a qualcuno, questa è la realtà oggettiva delle cose. Nel contempo, l'impegno per la difesa della nostra storia deve andare al di là di dichiarazioni su stampa e Social network: senza la nostra richiesta, la scritta si troverebbe infatti ancora lì, perché tutta l'indignazione mediatica di questo mondo non serve per cambiare in concreto le cose".

Pubblicato in Politica
Mercoledì, 26 Aprile 2017 00:00

Fabrizio Moro in concerto a Pescara

Pescara. FABRIZIO MORO sarà in concerto al Teatro D’Annunzio di Pescara il prossimo 30 giugno.

È in radio da pochi giorni il suo nuovo singolo, “Andiamo”, estratto dal disco di inediti “Pace”.
A proposito del brano, l’artista afferma: “Ritmi incalzanti per una corsa a perdifiato sulla strada di un mondo ricco di ostacoli, dove “ogni ferita serve a ricordarci solamente che viviamo”.

Intanto, “Portami Via”, singolo sanremese di Fabrizio Moro, primo estratto dall’album, è stato certificato PLATINO (certificazioni diffuse da FIMI / GfK Italia) e il video del brano su Vevo (http://vevo.ly/fsgi58) ha superato 22.000.000 visualizzazioni.

Dopo il grandissimo successo del concerto al Fabrique di Milano nel quale ha presentato in anteprima assoluta “Pace”, seguiranno ancora due appuntamenti di anteprima, il 26 (SOLD OUT) e 27 maggio al PalaLottomatica di Roma, prima che l’artista si prepari a far ascoltare a tutta la nazione il suo nuovo disco con il “Pace Live Tour 2017".

RADIO ITALIA è la radio ufficiale del tour.

 

Cantautore, chitarrista e musicista italiano, Fabrizio Moro ha alle spalle una ventennale carriera, cominciata nel 1996, con all’attivo 8 album in studio e la raccolta “Atlantico Live”. Oltre all’edizione appena finita, durante la quale il brano “Portami via” ha ricevuto la "Menzione Premio Lunezia per Sanremo" come miglior testo in gara nella sezione Campioni, Moro ha già partecipato a quattro Festival di Sanremo come cantautore e due come autore: vince nel 2007 tra le Nuove Proposte con “Pensa”, brano con il quale si aggiudica anche il Premio della Critica “Mia Martini” e conquista il podio nel 2008 tra i Campioni con “Eppure mi hai cambiato la vita”. Nel corso degli anni, diversi suoi brani sono stati utilizzati come spot pubblicitari e documentari e come colonne sonore per campagne sociali, serie e programmi TV.

Il concerto di Pescara è organizzato da Alhena Entertainment e Ventidieci
Biglietti in vendita su Ticketone e Ciaotickets e nelle prevendite abituali.
Questi i prezzi:
POLTRONISSIME NUMERATE 35,00 € c.d.p.

POLTRONA NUMERATA 30,00 € c.d.p.

GRADINATA NON NUMERATA 23,00 € c.d.p.

Info concerto: 085.9433361; 366.2783418

Sito ufficiale Alhena Entertainment: www.alhena.it

Facebook Alhena Entertainment: http://on.fb.me/1OExn6C

Twitter Alhena Entertainment: https://twitter.com/AlhenaLive

Pubblicato in Cultura e eventi

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione