Articoli filtrati per data: Maggio 2017
Mercoledì, 31 Maggio 2017 00:00

I Kom il 2 giugno a Spoltore

Chieti. Il 2 giugno i Kom in concerto al Loft 128 di Spoltore per l’inaugurazione della stagione estiva 2017. Dopo il grandissimo successo di sabato scorso all’Arca, la tribute band di Vasco torna ad incantare il pubblico in una magica serata attraverso un live che farà vivere le emozioni di un concerto da stadio.
Tre ore di musica ed emozioni con Mirco Salerni, Agostino Balice, Emiliano Sabatini, Davide Rovinelli, Fabrizio Lauriente e Mario Colasante. Il gruppo made in Abruzzo ha avuto il privilegio di dividere, in diverse occasioni, il palco con gran parte dei musicisti della band di Vasco, da Alberto Rocchetti a Claudio “Gallo” Golinelli, da Andrea “Cucchia” Innesto a Claudia Moroni.
L’appuntamento, organizzato in collaborazione con Music Force, è per il 2 giugno alle 22.30 in viale Europa 128 a Spoltore. Per info e prenotazioni 393.9779688.

Pubblicato in Cultura e eventi
Mercoledì, 31 Maggio 2017 00:00

Moto storiche in Abruzzo

Pescara. Il Crame di Imola ed il VELOCIFERO di Rimini, in collaborazione dell’OLD MOTORS PESCARA organizzeranno nelle giornate dal 2 al 4 giugno 2017, l’ormai collaudata manifestazione di moto d’epoca a calendario ASI “Da Costa a Costa” che, con cadenza biennale, si ripete con grandissimo successo.
Ritorna così MOTO STORICHE IN ABRUZZO con sede della manifestazione a SILVI MARINA nell’HOTEL PARCO DELLE ROSE, gestito dall’amico e socio CRAME Elio Brunelli, che si occuperà dell’organizzazione della manifestazione e della ospitalità dei partecipanti nel suo Hotel.
Itinerari suggestivi attraverso riserve naturali con degustazione di vini e prodotti tipici della nostra terra, percorsi meravigliosi che solo il nostro Abruzzo riesce a dare.
La MOTO STORICHE IN ABRUZZO regalerà a tutti i suoi partecipanti, la possibilità di vivere le infinite bellezze di questa Regione, così selvaggia e incontaminata. Dal mare alla montagna, sarà possibile immergersi in uno scenario del tutto nuovo e inesplorato.

Pubblicato in Cultura e eventi
Mercoledì, 31 Maggio 2017 00:00

Pescara, M5S: "Basta commissioni farsa"

Pescara. Il Movimento 5 stelle Pescara continua l’attacco per le convocazioni di commissioni consiliari inutili, illegittime o pretestuose.

< Solo negli ultimi 7 giorni siamo stati costretti a consegnare ben due diffide al Presidente del Consiglio Francesco Pagnanelli per segnalare commissioni convocate con scopi assolutamente lontani da quelli previsti dal regolamento> afferma la capogruppo M5s Enrica Sabatini. <Sono anni ormai che pretendiamo dal PD e dalla maggioranza tutta, un atteggiamento serio nella convocazione delle commissioni ed un utilizzo rispettoso dei soldi pubblici. Questa storia deve finire>.

I toni si sono accesi nuovamente questa mattina per la convocazione di una seduta consiliare della commissione “Cultura e Turismo” con all’ordine del giorno “Partecipazione alla conferenza stampa di presentazione della 65^ stagione estiva dell’Ente Manifestazioni Pescaresi presso l’Hotel Villa Maria”.

<Le commissioni consiliari, in quanto articolazioni del Consiglio comunale, devono svolgere funzioni consultive, di controllo e di indagine concorrendo ai compiti di indirizzo e di controllo politico-amministrativo > prosegue la capogruppo del M5s Enrica Sabatini <la partecipazione ad una conferenza stampa non può essere assolutamente un motivo di convocazione di una commissione consiliare e rappresenta un insulto verso tutti i cittadini che pagano, attraverso i soldi pubblici, i gettoni di presenza ai consiglieri comunali>.

La diffida inviata al Presidente del Consiglio Francesco Pagnanelli ed in cui il M5s ha chiesto l’annullamento della commissione, segue un’altra diffida presentata dalla Sabatini durante la conferenza capigruppo tenutasi solo una settimana fa.

<In occasione della conferenza capigruppo ho rappresentato con forza al Presidente del Consiglio e a tutti i capogruppo presenti il nostro dissenso rispetto all’inaccettabile prassi di convocare sedute consiliari con all’ordine del giorno l’approvazione di verbali relativi, tra l’altro, spesso, a sedute convocate, a loro volta, per approvare verbali! Una prassi da noi sempre fortemente contestata e denunciata in diverse occasioni anche al precedente Presidente del Consiglio Antonio Blasioli>.

La battaglia del M5s sulla corretta gestione delle commissioni risale, infatti, a oltre due anni fa quando i cinquestelle fecero esplodere il caso “Stop Gettonificio” segnalando il fatto che i consiglieri comunali ottenevano il gettone di presenza entrando in commissione giusto il tempo di una firma dal momento che non vi era una regolamentazione che imponesse un limite minimo di tempo di presenza rispetto ai 60 minuti di seduta previsti. Per questo motivo il M5s presentò una modifica del regolamento, approvata poi dal Consiglio comunale nel luglio 2015, in cui venne stabilito che il gettone di presenza fosse erogato solo a seguito di un’effettiva partecipazione alla seduta consiliare proprio come stabilito dal Testo unico degli enti locali.

<I cittadini pagano “il nostro stipendio” > conclude la capogruppo Enrica Sabatini < e meritano rispetto attraverso un impegno serio, un lavoro efficiente e produttivo>.

Pubblicato in Politica

Chieti. E’ stato presentato nel consiglio comunale odierno l’O.d.G. firmato dal capogruppo di FdI-AN Marco Di Paolo, con il quale si chiede al Sindaco di adoperarsi con tutti gli strumenti necessari per evitare la dismissione di questo importante organo sul nostro territorio.

 "La chiusura di un presidio di Polizia Postale in città - si legge in una nota di Roberto Miscia, portavoce cittadino di FdI-An Chieti - oltre a privare il territorio di uno strumento di controllo, genera il problema del reinserimento del personale impiegato presso le locali Squadre Mobili. In merito a ciò da parte del Ministero non vi è nessuna rassicurazione che gli operatori delle Sezioni chiuse, ben 54 su tutto il suolo nazionale, continuino ad occuparsi in modo esclusivo di reati informatici, stalking, pedopornografia ecc. Siamo di fronte quindi ad un'altra forma di riordino a cui siamo stati abituati negli ultimi anni che oltre a non determinare alcun risparmio per le casse pubbliche, porterà solo disordini e confusione su chi dovrà realmente occuparsi dell’attività concerne la Polizia Postale. Caos quindi, che indubbiamente penalizzerà il servizio offerto ai cittadini ed al nostro territorio".

 "Negli anni in cui la vita, gli acquisti, le vendite, le comunicazioni e i datisi muovono sempre di più sul binario sensibile ed esposto della rete informatica - conclude la nota - invece di potenziare ed aumentare le dotazioni per l’Ufficio già esistente, si preferisce chiudere i battenti per mantenerne uno soltanto per un intera Regione, a Pescara. Dissentendo da questa scelta insensata, siamo pronti a difendere la Polizia Postale di Chieti non solo con un o.d.g. ma anche con future iniziative pubbliche".

Pubblicato in Politica

Chieti. Con l’avvio dei lavori sul tratto stradale provinciale Chieti-Francavilla-Chieti Val Pescara che prevede l’adeguamento e messa in sicurezza delle ex Strada, progetto di rifacimento dello snodo viario in Via Masci (dopo ferramenta La Rovere), finanziato inizialmente dalla Regione per Euro 2.700.000,00 nel lontano 2007 progettato nel 2012 e successivamente le risorse vengono ridotte di un milione di euro e quindi viene approvato il progetto definitivo per € 1.700.000,00 con Determinazione Dirigente settore 6 n.133 del 21.02.2013 aggiudicataria ed esecutrice Ditta ALPIN S.r.l. il 6 giugno 2016, ed i lavori partiti dopo più 8 mesi, anche su sollecitazione in consiglio provinciale dal sottoscritto, capogruppo della lista Obiettivo Provincia.
Proprio il tratto stradale denominato allacciante autostrada A14 o trans-collinare è stato realizzato dalla Provincia di Chieti ed è di sua esclusiva competenza.
La pubblica illuminazione che interessa alcuni tratti e le rampe di ingresso e di l'uscita in Zona Tricalle, nonché il tratto del viadotto, la quale illuminazione presente nella galleria del Tricalle ha avuto diverse interruzioni nel corso degli anni, ad oggi non funzionante.
Considerato che tale finanziamento provinciale era inserito in un programma di messa in sicurezza delle strade ad alta pericolosità e all’adeguamento normativo del codice della strada,quindi quale migliore condizione di sicurezza con un’opportuna illuminazione considerati i numerosi tamponamenti che avvengono.
A questo punto, una possibilità immediata, è l'utilizzo della differenza del ribasso d’asta ed estensione di contratto si può con poco più di 40.000 € ripristinare e riattivare un impianto esterno, che non interferisce minimamente con le strutture in opera presenti ed eventuali infiltrazioni presenti o altri impedimenti del caso.
Difatti l'impianto è costituito da una serie di pali stradali metallici con corpo illuminante presumibilmente dotate di lampade ad incandescenza di vecchia generazione; l'impianto è alimentato con linea esterna con pozzetti dotati di giunzioni o, nei casi di pali posti su muri di contenimento da scatole.
Dopo mio personale sopralluogo tecnico, stilo quello che una relazione dello stato di fatto ed un ipotesi minima d'interventi da fare per il ripristino.
Le tipologie dei pali sono a singolo corpo illuminante per un totale di N.36 , a doppio corpo illuminante per un totale di N.15 ed uno a dotato di 3 corpi illuminanti.
In totale quindi vi sono N. 52 corpi illuminanti con corrispondenti n.50 pozzetti e/o scatole contenenti i morsetti di giunzione .
Si precisa che n.2 pali dovranno essere rifondati in quanto andati distrutti a causa di incidenti.
Solo il tratto di galleria consta presenta complessivamente N.16 corpi illuminanti posti in serie a muro.
Tra l’altro questo intervento di manutenzione straordinaria potrebbe essere considerato legato all’efficientemente energetico oltre che ad un risparmio in termini di consumi, dovendo sostituire tutti i corpi illuminanti con componentistica legata al risparmio energetico , quindi, potenzialmente, con IVA agevolata al 10% (sia sull'acquisto materiale che sulla mano d'opera) pertanto si otterrebbe un risparmio di circa € 4.680,00 sul conto finale

L'analisi dei costi relativi al ripristino e messa in efficienza dell'intero impianto è il seguente:
- Fornitura di N.52 corpi illumianti del tipo a lampada led (a grande risparmio)
N. 52 x € 200,00 = € 10.400,00
Mano d'opera = € 4.000,00
- Fornitura in sostituzione di morsettature e giunti nei pozzetti e o scatole esterne
N.50 x € 60,00 = € 3.000,00
Mano d'opera = € 1.500,00
- Fornitura in sostituzione di parti di cavi di alimentazione e messa a terra
usurati e lesionati (di varie sezionature)
ml. 4000x € 2,00 = € 8.000,00
Mano d'opera = € 3.500,00
- Fornitura di n.2 pali previo fissaggio su fondazione in cls
n. 2 x € 800,00 = € 1.600,00
Mano d'opera = € 800,00
- Fornitura di n.16 corpi illuminanti con luce a led (per galleria)
n. 16 x € 80,00 = € 1.280,00
Mano d'opera € 700,00
- Imprevisti € 4.000,00
TOTALE € 38.780,00

in c.t. € 39.000,00
IVA 10% € 3.900,00
TOTALE COMPLESSIVO € 42.900,00

Pubblicato in Politica

Chieti. “il Project financing non ha le basi sanitarie, ingegneristiche ed economiche finanziarie per poter essere approvato,  a testimoniarlo sono anche le cifre del Bilancio ASL  al 31.12.2016 che spiegano come quest’opera sia insostenibile, illogica e assurda. Leggendo, studiando e scorrendo le varie voci dei capitoli del bilancio chiuso al 31.12.2016 della Asl Chieti –Lanciano –Vasto vengono fuori molte criticità e, soprattutto, riusciamo a capire le vere motivazioni per cui i dodici Direttori, oltre quelle dei legali regionale e ASL, nonché della prof,ssa Vecchi  hanno bocciato senza appello il Project financing che questa Regione continua con ostinazione a portare avanti”. Questo il commento del Presidente della Commissione Vigilanza e consigliere regionale Mauro Febbo che torna di nuovo sulla procedura relativa alla nuova costruzione, demolizione e ristrutturazione definitiva dell'Ospedale clinicizzato Santissima Annunziata di Chieti ribadendo come “sia veramente incredibile quello che emerge dal documento contabile. Oggi ci troviamo di fronte ad un bilancio consuntivo  con una perdita secca di circa 26 milioni di euro. Adesso questa perdita viene ‘alleggerita’ da due iscrizioni in bilancio: una tra le Insussistenza attive dove troviamo euro 21.043.381 di debiti nei confronti della Casa di cura Villa Pini, e l’altra inserita tra le Insussistenze passive con euro 7.121.231 legate al contenzioso tra la società fallita Casa di Cura Villa Pini e la Asl di Chieti (vedi allegati) . Senza questa "sveltina"  la perdita sarebbe stata addirittura intorno ai 54 milioni di euro. È del tutto evidente – rimarca Febbo – come questo Bilancio di previsione non può permettersi e non può reggere economicamente il Project financing visto che strutturalmente negli ultimi due anni l’Asl di Chieti ha chiuso sempre in perdita ( nel 2015 la perdita è stata di € 31.443.163 e ‘alleggerita’ sempre seguendo lo stesso iter di ben € 16.310.225 quindi quella reale è di ben 47.753.388 euro mentre mi preme far rilevare che il bilancio nel 2014 segnava un più 213.318 euro .....modestamente). Mi sembra del tutto evidente che alla luce di questo quadro economico finanziario è impossibile che l’azienda sanitaria possa supportare un canone annuo di circa 13 milioni di euro (le rate annuali partano dai 5 milioni iniziali fino a arrivare ai circa 19 milioni finali) per 30 anni per un totale di euro 388.797.000,00. Senza tener conto di tutti quei servi che verranno esternalizzati, altrimenti arriveremmo ad un costo pari a 704 milioni di euro. Questa valutazione e analisi dei costi è stata appunto ampiamente svolta e già bocciata dai vari direttori sanitari non potendo esprimersi sulla pubblica utilità. A questo punto mi chiedo se la Regione, visto che ha avocato a se tutto il procedimento con l’ultima delibera di giunta numero 277, sia in grado e nelle competenze di portare a compimento quest’opera, ma soprattutto con quali risorse. Pertanto – aggiunge Febbo - questo assurda scelta e ostinazione da parte della Regione Abruzzo verrà portato all'attenzione dell'Anac e precisamente nelle mani dell'ing. Filippo Romano, Dirigente ad interim dell'Ufficio Vigilanza Contratti Partenariato Pubblico Privato, Responsabile del procedimento di vigilanza istituito dalla stessa Agenzia.  Infatti il procedimento nei confronti della Regione Abruzzo/ASL 2 Lanciano Vasto Chieti è finalizzato ad accertare tutti i profili attinenti la proposta con particolare riferimento alle criticità sulla "fattibilità dell'opera con la finanza pubblica (in questo caso regionale). In linea di principio non possono ricevere dal mercato un flusso di cassa in grado di finanziare l'investimento è la successiva gestione. Come noto, in tale tipi di opere, il piano economico finanziario viene alimentato da un canone che l'amministrazione corrisponde per tutta la durata della concessione. In tale ottica il trasferimento dei rischi in capo al Concessionario (in primi il rischio operativo di cui all'art. 3 lett zz, D.Lgs 50/2016) è in realtà difficile da realizzare in un contratto basato sul pagamento di un canone" -testuale dalla comunicazione ANAC del 21.04. 2017 n. 0058118.- Credo che anche questi ulteriori elementi di incapacità economico finanziario di sopportare un canone di così elevata entità sia da parte della ASL 2 sia da parte della stessa Regione (il Rti chiede la coobbligazione della regione nella sottoscrizione del contratto) certifichino definitivamente  la inaccettabilità e irricevibilità della proposta Maltauro. Non si perda altro tempo – conclude Febbo - e si passi velocemente a valutare concretamente gli interventi di sistemazione sismica sulla parte limitata e ben individuata per poi passare alla fase di rilancio del nostro nosocomio con un importante e strategico coinvolgimento dell’Università D’Annunzio che deve migliorare e rafforzare l'individuazione di professionalità da impiegare nel lavoro del Clinicizzato S.S. Annunziata”.

Pubblicato in Politica

Lanciano. Gli spazi di Lancianofiera tornano ad animarsi, dal 2 al 4 giugno prossimi, con la “Fiera delle Meraviglie”. L'appuntamento rientra nell'Abruzzo Open Day Summer. “Protagoniste della manifestazione – spiega Alessandra Laiolo, event manager della Ellepi Service Snc, responsabile della segreteria organizzativa - saranno le mongolfiere. Due aerostati verranno posizionati all'interno dell'area fieristica di Lanciano ed effettueranno il cosiddetto volo vincolato, cioè si alzeranno in aria per alcune decine di metri, per far ammirare il panorama dall'alto, pur restando saldamente ancorate al suolo”. Al contempo, all'interno dell'area fieristica, ci sarà la “Fiera delle Meraviglie”, con stand, mercatini, giochi per i più piccoli, spazi del gusto, show e meeting”. L'iniziativa è organizzata dall'associazione “Vivere Gessopalena” e ha il patrocinio di vari enti, tra cui la Regione Abruzzo, la Dmc Sangro-Aventino, la Provincia di Chieti e il Comune di Lanciano e la collaborazione di Ascom Abruzzo, dell’Associazione Circus Street Food, della Federazione Internazionale Pasticceria Gelateria Cioccolateria (Fipcg), dell’Areo Club d’Italia, di Wind & Fire Balloons, del Festival dell’Anima e di Coloranima.

“Si tratta – aggiunge Laiolo - di una fiera dedicata alle famiglie, ai bambini, ai giovani. Si susseguiranno ininterrottamente eventi artistici: spettacoli circensi, percorsi benessere, convegni, laboratori didattici e creativi, mercatini di arte e artigianato, streed food, mostra fotografica, florist show, giostre e gonfiabili. Un evento in cui non mancheranno attività di promozione turistica con stand dedicati alle attrattive culturali, enogastronomiche e paesaggistiche del territorio. Per questa manifestazione – evidenzia ancora - abbiamo realizzato in collaborazione con l’agenzia viaggi e turismo Franver Viaggi di Francavilla al Mare, 4 pacchetti turistici di 3 giorni grazie ai quali il visitatore oltre a partecipare al nostro evento potrà essere accompagnato in visite guidate a Lanciano e a Chieti, ai trabocchi e in alcune tra le più belle località montane”. Tre giorni intensi alla scoperta del territorio, dunque. “Siamo rientrati nelle manifestazioni dell’Open Day Summer e con il supporto della Dmc Terre del Sangro Aventino, della Regione e del Comune di Lanciano siamo riusciti a creare un evento unico dove ad ogni ora del giorno si susseguiranno attività e intrattenimenti di ogni genere, un evento dove la parola d’ordine è meraviglia!!”

“La Fiera delle Meraviglie – conclude Laiolo - è un anticipo di quello che sarà l’evento che si svolgerà dal 24 al 27 agosto a Gessopalena “Mongolfiere nella Majella Orientale”, che la scorsa edizione ha superato le 30.000 presenze: un successo strepitoso”.

Pubblicato in Cultura e eventi

Chieti. Questa mattina il Consiglio comunale di Chieti ha approvato la Delibera con la quale ha aderito alla procedura di rinegoziazione dei mutui concessi da Cassa Depositi e Prestiti che prevede un risparmio immediato per l'ente di circa 650.000,00 Euro più altre economie per gli anni a venire.
Durante il lavoro in Commissione il M5S ha riscontrato come tale Delibera non modifichi sostanzialmente l'esposizione debitoria del Comune che anzi, potrà beneficiare di un termine più lungo di un anno per la restituzione delle somme oggetto di finanziamento.

“La Delibera – spiega il Capogruppo Ottavio Argenio – conteneva la previsione di destinare una parte delle somme risparmiate sulla prima rata in scadenza, pari appunto a circa 650.000 Euro, per gli interventi di messa in sicurezza delle scuole ed un accantonamento della restante parte necessario a ridurre le anticipazioni di cassa.
Questa previsione tuttavia ci sembrava troppo generica ed era inserita solo nella parte delle premesse al documento.
Al fine di evitare che restasse solo un generico impegno e che gli importi destinati alle scuole fossero troppo esigui, abbiamo deciso di proporre un emendamento alla parte deliberativa che vincolasse il Comune a destinare una quota pari ad almeno il 40% del risparmio agli interventi di messa in sicurezza degli edifici scolastici”.

“Esprimiamo quindi la nostra soddisfazione a fronte del voto, espresso all'unanimità dal Consiglio comunale, all'emendamento, sottoscritto anche da altri capigruppo e registriamo con favore l'apertura dimostrata dai partiti nei confronti di una battaglia di civiltà che deve coinvolgere tutti gli schieramenti politici poiché riguarda il futuro e la sicurezza dei nostri figli” conclude Manuela D'Arcangelo.

Pubblicato in Politica

Teramo. Importante iniziativa sindacale di Casartigiani Abruzzo che ha aderito al Contratto di Lavoro della Regione Abruzzo Integrativo al Contratto Collettivo Nazionale per le aziende artigiane operanti nel settore dell'edilizia. L’accordo è stato raggiunto nella sede di Edilcassa di Pescara.

La firma dei coordinatori regionali di Casartigiani, Dario Buccella e Flaviano Montebello, è stata apposta alla presenza dei rappresentanti delle associazioni Cna, Confartigianato ed Acai per le parti datoriali e di Fillea CGIL, Filca CISL e Feneal UIL per le associazioni sindacali dei lavoratori dipendenti.

Tutti gli intervenuti, dopo approfondito confronto ed attenta valutazione, hanno espresso soddisfazione per il quadro rappresentativo di Casartigiani Abruzzo in termini di consistenza associativa e per la comune volontà di voler dotare le imprese associate ed i lavoratori della copertura contrattuale integrativa, nonchè del supporto e delle prestazioni offerte dal sistema degli Enti bilaterali di riferimento.

Casartigiani Abruzzo ha confermato, inoltre, la propria volontà a partecipare a pieno titolo ai prossimi tavoli contrattuali unitamente alle altre associazioni artigiane aderenti ad Edilcassa Abruzzo.

Pubblicato in Economia

Pescara. Il consigliere Carlo Masci sostituirà l’ex sindaco Carlo Pace quale componente indicato dal Comune di Pescara per il Consiglio Direttivo dell’IcraNET, la carica è a titolo gratuito. Il consigliere è stato nominato dal sindaco Marco Alessandrini ieri su indicazione del responsabile del Centro professor Remo Ruffini a causa della scomparsa di Pace, che ne è stato lo storico componente.

“Ho accolto con molta naturalezza la proposta del professor Ruffini per la nomina di Carlo Masci – così il sindaco Marco Alessandrini – Una sostituzione che arriva dopo la prematura scomparsa di Carlo Pace, che dell’IcraNET era orgoglioso e fiero e che considerava questo speciale ambito di studio, ricerca e internazionalità che lui ha visto nascere e crescere, un’occasione di sviluppo per la nostra città.
Sono sicuro che il nome di Carlo Masci indichi continuità di impegno in tal senso e sono anche certo che in tale ruolo saprà incarnare il valore lavoro e della passione profuse da Pace nel rappresentare la città in seno ad un organismo che dialoga con il mondo e porta il nome di Pescara in consessi di altissimo prestigio.
A Masci va il mio più sincero buon lavoro, perché possa continuare la via tracciata dal suo predecessore e aggiungere il contributo innovativo della visione con lui condivisa sin dall’inizio della storia dell’IcraNET a Pescara, di cui Pace fu un determinato e concreto fautore”.

Pubblicato in Politica
Pagina 1 di 83

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Notizie Recenti

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione