Articoli filtrati per data: Giugno 2017

Chieti. Sarà presentato domani, venerdì 30 giugno 2017, alle ore 18, presso la Sala Consiliare della Provincia di Chieti, in corso Marrucino, il thriller Il Commissario Stasi, nuovo e avvincente romanzo di Ottavio Renzo Menichelli.
L’autore, nato a Campi Salentina, in provincia di Lecce vive a Chieti da oltre trent’anni. Il libro è tratto da fatti di cronaca reali, ovviamente romanzati, avvenuti in Salento e ha come protagonista Max Stasi, Capo della Squadra Mobile.
A introdurre l’autore sarà Marilisa Palazzone, docente presso la Scuola Media Statale “G. Mezzanotte” di Chieti. Modererà l’incontro il giornalista Stanislao Liberatore.

Pubblicato in Cultura e eventi

Pescara. “Prenderanno il via venerdì i lavori di manutenzione straordinaria di via Michelangelo. Interventi necessari a ripristinare il manto stradale di una strada centrale transitata ogni giorno da decine di migliaia di veicoli e soprattutto una delle strade di primo impatto per chi esce dalla stazione ferroviaria. Abbiamo sentito anche le associazioni di primo soccorso, le più attente alle condizioni degli asfalti perché viaggiano in ambulanza e anch’esse ci hanno confermato la difficoltà nel transitare su questa arteria per le condizioni degli asfalti. Arteria che è anche la principale via d’accesso per l'Istituto Acerbo".
Così in una nota il vicesindaco di Pescara e assessore ai Lavori pubblici, Antonio Blasioli, che aggiunge: "L'ordinanza è stata già firmata e venerdì la ditta inizierà la fresatura del vecchio asfalto e a seguire la sistemazione del nuovo. Subito dopo inizierà l'apposizione della segnaletica stradale. Questa mattina Sindaco e vi sindaco si sono portati sul posto per verificare i lavori che partiranno venerdì.
La durata è prevista in 4/5 giorni. Mercoledì quindi, se le condizioni atmosferiche reggeranno, il lavoro potrebbe essere terminato e poi si dovrà aspettare qualche giorno per la segnaletica stradale.
A ciò aggiungiamo che anche via Leopoldo Muzii, la cui riqualificazione è stata da poco terminata dalla ditta che si è aggiudicata l’intervento atteso e compiuto appena si sono chiuse le scuole. Manca solo la segnaletica orizzontale che la prossima settimana, probabilmente già lunedì o martedì, completerà la riqualificazione”.

Pubblicato in Cronaca

Chieti. Nella mattinata di iere il Procuratore della Repubblica di l’Aquila, Dott. Michele RENZO ha fatto visita al Comando Legione Carabinieri Abruzzo e Molise di Chieti, ove è stato ricevuto dal Comandante di Legione, Gen. B. Michele SIRIMARCO.
All’incontro, al quale ha partecipato il Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Chieti, Dr. Francesco TESTA, hanno preso parte il Comandante Regionale Abruzzo e Molise dei Carabinieri Forestali, Gen. B. Ciro LUNGO, tutti i Comandanti Provinciali Carabinieri d’Abruzzo ed i relativi Comandanti dei Reparti Operativi, ai quali il Dr. RENZO, nella sua qualità di Procuratore Distrettuale Antimafia per l’Abruzzo, ha rivolto il proprio saluto e ha rinnovato l’auspicio di una sempre più intensa collaborazione istituzionale nelle missione di contrasto a tutte le forme di criminalità, ancor più quella organizzata, nel rispetto delle reciproche funzioni ed attribuzioni.
L’alto magistrato ha, infatti, sottolineato come, in un momento così delicato e significativo per la vita del Paese, ognuna delle forze in campo deve poter e saper svolgere, in armonia e reciproco rispetto, le proprie funzioni ed attribuzioni, in un unico sforzo sinergico capace di coniugare le rispettive professionalità per il raggiungimento dell’obiettivo comune in favore della società civile.
Il Comandante della Legione Carabinieri, nel rivolgere ad entrambi i magistrati, il proprio ringraziamento e saluto, ha rinnovato l’impegno dell’Arma Abruzzese per la totale, pronta e leale collaborazione nei confronti della Magistratura alla quale, peraltro, l’Arma è tradizionalmente e storicamente legata da vincoli di rispetto e devozione.
Al termine dell’incontro, il Generale SIRIMARCO ha voluto omaggiare i due alti magistrati con il simbolo della riunificata Legione Carabinieri Abruzzo e Molise, realizzato da un artigiano della Provincia Teatina.

Pubblicato in Cronaca

Castelnuovo Vomano. Gelco srl comunica il mancato raggiungimento dell’accordo con i dipendenti in merito alle nuove disposizioni per lo svolgimento del lavoro a ciclo continuo, previsto a decorrere dal 1° luglio. È quanto emerso a seguito della votazione di ieri, in cui i lavoratori hanno rigettato la proposta di intesa raggiunta dall’azienda con i sindacati territoriali e i rappresentanti della RSU.

Gelco ha fin da subito coinvolto i rappresentanti sindacali per cercare una soluzione che fosse quanto più condivisa tra le parti. Tuttavia, nonostante l’ampia disponibilità ad accogliere le richieste dei delegati, con stupore l’azienda prende atto di un risultato assembleare che potrebbe penalizzare e compromettere i futuri piani per lo stabilimento.

Con specifico riferimento all’orario di lavoro, per l’azienda è diventato necessario definire nuove articolazioni d’orario che rispondano meglio e più tempestivamente all’aumento dei volumi di produzione proveniente dai mercati esteri e che consentano a Gelco di rafforzare, nei prossimi anni, la sua leadership a livello nazionale ed internazionale nella produzione di gelatine e caramelle gommose.

La costante crescita di Gelco testimonia lo stato di salute dell’azienda che, come già annunciato, ha avviato un importante progetto di sviluppo che prevede l’ampliamento della forza lavoro attraverso l’inserimento, tutt’ora in corso, di 30 dipendenti e l’investimento di oltre 18 milioni di euro per ammodernare e accrescere la propria capacità produttiva.

A tal proposito il nuovo sistema di turnazione che l’azienda applicherà dal 1 luglio sarà funzionale alla variazione dei carichi produttivi e consentirà di ottenere un’adeguata programmazione dell’attività lavorativa a ciclo continuo su tre turni avvicendati, per sette giorni alla settimana, con riguardo e attenzione per i diritti dei lavoratori.

“La decisione di introdurre la nuova turnazione a partire dal 1° luglio è necessaria per non penalizzare la capacità dell’azienda di rispondere velocemente alla crescente domanda dei nostri prodotti e per non perdere volumi produttivi in futuro. Tale decisione è inoltre importante per confermare l’inserimento delle nuove figure professionali fondamentali per lo sviluppo dell’’impianto di Castelnuovo – commenta Massimiliano Bolognesi, direttore dello stabilimento Gelco –. Il mancato accordo ci sorprende perché in questi mesi abbiamo sempre ricercato la collaborazione dei dipendenti, RSU e sindacati, ascoltato le loro richieste e assecondato gran parte delle condizioni che ci hanno proposto. Il nuovo schema a ciclo continuo è figlio di una crescita aziendale che testimonia la bontà del lavoro svolto in questi anni per rendere la nostra azienda una realtà ancor più solida, capace di competere a livello nazionale ed internazionale e punto di riferimento sul territorio”.



GELCO IN BREVE

Gelco S.r.l di Castelnuovo Vomano nasce nella metà degli anni 70 con il nome di LIF SUD specializzandosi nella produzione di caramelle gommose. Nel 1987 viene rilevata dal Gruppo Perfetti di Lainate, l’attuale Perfetti Van Melle Group, azienda multinazionale leader nel settore della confectionery. L’azienda conosce un processo innovativo e di ammodernamento degli impianti, il potenziamento dell’organizzazione commerciale, il lancio di nuovi prodotti e di conseguenza si assiste ad una sostanziale crescita numerica del personale dipendente tale che nel 1998 viene raddoppiata la capacità produttiva aziendale con il primo ampliamento del sito. Nel 2015 il fatturato è stato di 52 mln di euro. I prodotti realizzati dalla Gelco sono Goleador, Fruittella, Chupa Chups, Lupo Alberto, la gamma Xplosion, Ciuccio Frizz ecc. Le caramelle prodotte in Gelco, sono vendute oltre che in Italia negli Stati Uniti, in Brasile, Medio Oriente, Nord-Sud Africa ed Asia. (www.gelco.it)

Pubblicato in Economia

Montesilvano. Tra conferme e novità, la Giunta Maragno ha presentato questa mattina il cartellone eventi dell’estate montesilvanese. Tanti gli appuntamenti che animeranno la città a partire da domenica 2 luglio fino alla fine di agosto, interessando molti quartieri di Montesilvano e abbracciando gusti ed età differenti. Musica, danza, cultura, cinema, food e tanti appuntamenti per bambini. Questi i punti di forza di FestEstiva Montesilvano 2017.

«Lavorando insieme - ha commentato il sindaco Francesco Maragno - si possono ottenere risultati pregevoli. Sono molto felice di vedere tutte queste associazioni e cittadini che si sono attivati ed impegnati per organizzare insieme e noi manifestazioni che possano far decollare tutto il territorio. Montesilvano è una località turistica, quindi dobbiamo dedicarci a tutte quelle attività che possano promuoverla al meglio».

«Anche quest’anno - dichiara l’assessore alle Manifestazioni Ottavio De Martinis - abbiamo strutturato una serie di eventi, grazie alla preziosa collaborazione delle associazioni del territorio che si sono impegnate con passione per costruire un’offerta eventi variegata e lavorato sinergicamente. A ciò si aggiungono una serie di spettacoli che rappresentano gli eventi clou della nostra estate. Penso ad esempio ai concerti di Antonella Ruggiero nella splendida cornice di Montesilvano Colle, o ancora al concerto di Ferragosto con Edoardo Vianello. Per i più giovani sarà sicuramente apprezzato l’appuntamento con Fabio Curto, vincitore della terza edizione di The Voice, il talent musicale di Rai 2. Non potevano mancare i protagonisti del nostro Abruzzo, come ‘Nduccio o ancora Piero Mazzocchetti». Quest’ultimo presente in conferenza ha dichiarato: «Montesilvano, la mia città, mi ha dato tantissimo. Ora è arrivato il momento di restituirle qualcosa. Spero che questo concerto possa essere un’opportunità per riabbracciare i montesilvanesi, ma anche spronare tutti quei ragazzi che vogliono affermarsi nel mondo della musica».

Ancora tanti gli eventi di punta del cartellone montesilvanese. Ritorna anche quest’anno l’elegante e raffinata Cena in Bianco, manifestazione diffusa in tutto il mondo, che vede Montesilvano unica città per l’Abruzzo ospitarla e che il 23 luglio tingerà del colore candido una zona della città a sorpresa. I montesilvanesi potranno divertirsi con la travolgente comicità di Barty Colucci e Claudio Cannizzaro direttamente dal programma “Tutti pazzi per Rds”. Si riconferma l’appuntamento con Cerasuolo a Mare, la manifestazione che porta le degustazioni enogastronomiche direttamente in spiaggia. L’Abruzzo inoltre sarà protagonista con la prima Rassegna Folkloristica Città di Montesilvano con esibizione di cori provenienti da tutto l’Abruzzo e poi ancora con la prima Festa della Montesilvanesità.

Presente in conferenza stampa anche Federica Peluffo, conduttrice Rai che ha collaborato alla ideazione e realizzazione di alcuni eventi. «Amo profondamente la mia Regione – ha commentato la conduttrice, originaria di Penne -. Lo scorso anno ho trascorso le vacanze qui a Montesilvano, scoprendo una città nuova. Ciò che ho potuto vedere nella scorsa stagione è qualcosa di raro, per tale ragione ho voluto mettere a disposizione la mia esperienza, la mia professionalità per rendere questa stagione ancora più bella». La Peluffo sarà presentatrice di “Ballando con Voi” una serata che vedrà ospiti i ballerini professionisti di “Ballando con le Stelle” e di “Amici”. La conduttrice sarà protagonista anche di una tappa del Cantagiro, nonché della seconda edizione della cerimonia delle “Attività Storiche”. «Anche quest’anno – ha aggiunto il presidente della Commissione Commercio Carlandrea Falcone - premieremo 42 attività commerciali, consegnando 26 targhe oro e 16 in argento. Anche quest’anno riproporremo l’isola pedonale, arricchendola ulteriormente».

La riviera resterà chiusa al traffico, a partire dal 4 luglio tutte le sere dalle 20 alle 00:30. Dal lunedì al mercoledì il tratto sarà quello compreso tra via Maresca e viale Europa escluse; dal giovedì alla domenica, il tratto interdetto alle auto è quello tra via Maresca e via Trieste escluse. La chiusura interesserà tutte le sere anche viale Europa e Corso Strasburgo.

«Per arrivare a confezionare in pochissimi giorni – ha detto il consigliere Mauro Orsini - questo cartellone, abbiamo lavorato tantissimo, con grande sacrificio da parte di tutti, per mettere in piedi un’offerta eventi, con poche risorse, ma molto variegata».

Pubblicato in Cultura e eventi

Pescara. «Il 22 giugno scorso il Comitato VIA regionale ha dato il via libera sulla Valutazione d’Incidenza Ambientale del nuovo "Piano di Gestione dei Rifiuti", che si rammenta è stato conformato fin dal novembre 2014 agli indirizzi politico-programmatici dell’esecutivo regionale, ovvero "economia circolare" e assenza di impianti di incenerimento di sorta». Così in una nota il sottosegretario regionale con delega ad Ambiente ed Ecologia, Mario Mazzocca, interviene nuovamente su di un tema di ormai pressante attualità.

«Nello specifico - continua il Sottosegretario - con la delibera n° 316 del 26 giugno scorso, prontamente trasmessa al Ministero dell’Ambiente il giorno successivo, la Regione Abruzzo, ha ribadito il proprio NO alla costruzione di un impianto di incenerimento di rifiuti nel proprio territorio in base al comma 3 dell'art.6 del DPCM 10 agosto 2016», che prevede che: "Entro il 30 giugno di ogni anno, le regioni e le province autonome possono presentare al Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare una richiesta di aggiornamento del fabbisogno residuo regionale di incenerimento dei rifiuti urbani e assimilati individuato nell'allegato II. La richiesta è presentata in presenza di nuova approvazione di piano regionale di gestione dei rifiuti o dei relativi adeguamenti, ai sensi dell'art. 199 del decreto legislativo n. 152 del 2006, o di variazioni documentate del fabbisogno riconducibili:

a. all'attuazione di politiche di prevenzione della produzione dei rifiuti e di raccolta differenziata;
b. all'esistenza di impianti di trattamento meccanico‐biologico caratterizzati da una efficienza, in valori percentuali, di riciclaggio e recupero di materia, delle diverse frazioni merceologiche superiori rispetto ai valori indicati nell'allegato II;
c. all'utilizzo di quantitativi di combustibile solido secondario (CSS) superiori a quelli individuati nell'allegato II;
d. ad accordi interregionali volti a ottimizzare le infrastrutture di trattamento dei rifiuti urbani e assimilati".
A supporto della richiesta di aggiornamento di cui sopra, la Regione ha inviato al Ministero una dettagliatissima relazione, contenente, tra l’altro la tavola sinottica della tabella sulle previsioni di fabbisogno di incenerimento contenute nel DPCM 10 agosto 2016 e quelle dell’approvando Piano Regionale di Gestione dei Rifiuti.
«Il complessivo fabbisogno teorico di incenerimento stimato risulta quindi pari a 57mila tonnellate annue, oltre il 50% in meno rispetto alle stime del DPCM (121mila t/a). Tali quantitativi non giustificano la costruzione di un impianto di incenerimento dedicato in regione Abruzzo». Ha commentato il Sottosegretario alla Presidenza della Giunta Regionale Mario Mazzocca, che ha aggiunto: «le previsioni del nostro Piano sono confermate dai dati relativi al biennio 2015-2016 che mostrano un sensibile incremento della Raccolta Differenziata pari al 6,2% circa, un maggiore utilizzo dell’impiantistica regionale e la sostanziale stabilità del dato del materiale avviato al recupero energetico. Infine, è stato comunicato al Ministero che la Regione Abruzzo ha già predisposto l’Accordo di Programma con la Regione Molise per condividere, attraverso uno specifico Accordo di Programma interregionale, un percorso di collaborazione - in parte già in atto - volto a ottimizzare le infrastrutture di trattamento dei rifiuti urbani e assimilati esistenti ed operanti sui due territori».

Pubblicato in Politica

L'Aquila. Approvato oggi in terza commissione il regolamento attuativo che disciplina le specifiche tecniche della legge regionale del M5S sulla "Istituzione della Banca della Terra d'Abruzzo".
“Siamo molto soddisfatti del lavoro compiuto sino ad oggi” commenta Pietro Smargiassi primo firmatario della Legge “è stato un percorso lungo ed impegnativo che abbiamo iniziato come gruppo M5S dal 2014. Oggi con il regolamento si conclude nel migliore dei modi un iter che ha porta l’Abruzzo ad avere una legge volta al lavoro ed alla riqualificazione del territorio. La Banca della terra, infatti, permette di vedere assegnati ad aziende agricole o singoli cittadini, i terreni agricoli incolti ed abbandonati di proprietà di Enti pubblici. Un modo” continua Smargiassi “per incentivare sia il lavoro che la tutela del territorio a partire dal dissesto idrogeologico, poiché un terreno coltivano e meno soggetto a frane e smottamenti. Ringrazio tutte le parti coinvolte nel processo di stesura del regolamento nonché tutti i commissari ed il Presidente della terza commissione Berardinetti che hanno dato dimostrazione di grande responsabilità nell'approvare unanimi un provvedimento utile per l’Abruzzo. Ma questo è solo l’inizio già nei prossimi giorni” conclude il consigliere 5 stelle “sarà mia premura inviare a tutti i sindaci abruzzesi il regolamento affinché si attivino per censire i terreni agricoli non coltivati di proprietà pubblica da destinare alla Banca della Terra”.

Per saperne di più sulla Banca della terra http://www.movimento5stelleabruzzo.it/blog/approvata-la-prima-legge-m5s-in-regione-abruzzo-la-banca-della-terra/

Testo di legge http://www.movimento5stelleabruzzo.it/blog/legge-approvata-l-r-8-ottobre-2015-n-26-istituzione-della-banca-della-terra-dabruzzo/

Pubblicato in Politica

L’Aquila. L'Aquila riparte dalla partecipazione. Più di 300 ospiti e oltre 70 eventi, tra dibattiti, lezioni magistrali, workshop, spettacoli teatrali e concerti, animeranno per 4 giornate piazze, strade, palazzi e cortili del capoluogo abruzzese.
Dal 6 al 9 luglio, il “cantiere più grande d'Europa” ospiterà la seconda edizione del Festival della Partecipazione: un laboratorio aperto e unico di idee, di confronto e di sperimentazione in una città simbolo di un’Italia da ricostruire, in maniera condivisa e trasparente, non soltanto con le opere pubbliche ma anche in relazione alla sua comunità.
Protagonisti saranno i cittadini comuni, il loro attivismo e il loro impegno, risorsa indispensabile per ristabilire una democrazia compiuta e qualificata, motori per un reale cambiamento, in meglio, dell’Italia e dei suoi territori. Quei “cittadini di serie A”, ai quali il Festival è intitolato, non perché all’Aquila si faranno classifiche di cittadinanza, ma perché è sempre più urgente e necessario, in un paese diviso dalle disuguaglianze, prendere sul serio l’appello del Presidente della Repubblica nel suo discorso di fine anno: «Non ci devono essere cittadini di serie B».
La seconda edizione del Festival è stata presentata oggi a Palazzo Fibbioni in conferenza stampa dai rappresentanti delle organizzazioni del comitato promotore Marco De Ponte, Segretario generale di ActionAid Italia, Antonio Gaudioso, Segretario generale di Cittadinanzattiva, Francesca Rocchi, Vice Presidente di Slow Food Italia, Pierluigi Biondi, neo sindaco dell'Aquila.
«Oggi la parola democrazia è spesso associata al diritto di voto e alla possibilità di scelta elettorale. Ma è bene riportare alla mente il senso più profondo e vero della parola – ha sottolineato Marco De Ponte, segretario generale di ActionAid Italia – e cioè il potere delle persone, delle comunità e per questo la democrazia è un esercizio faticoso, che può e deve essere vissuto quotidianamente nella partecipazione e non solo eleggendo o delegando qualcuno. Noi pensiamo che non possa esserci una piena democrazia di qualità senza partecipazione. E con il Festival della partecipazione dall’Aquila vogliamo chiamare l’Italia a ripensare il proprio futuro, a trasformare la protesta in proposta per migliorare, insieme, la società e il mondo in cui viviamo».

«Una delle cose che più mi ha colpito dell’esperienza dello scorso anno – ha spiegato Antonio Gaudioso, segretario generale di Cittadinanzattiva - è stata la voglia di tante persone di esserci, di raccontare ed ascoltare, di confrontarsi e di essere parte attiva per cambiare le cose superando una idea di “delega in bianco” alle istituzioni ed alla politica che non funziona più. La stessa sensazione vissuta al Festival l’ho trovata nelle facce dei cittadini, nelle associazioni e nei comitati dei paesi colpiti dal terremoto. Tante persone che non solo non hanno ceduto alla disperazione ma che con grande forza vogliono contribuire a riprogettare il futuro delle loro comunità, colpite ma non vinte. Anche quest'anno proveremo a rendere il Festival uno spazio aperto a tante esperienze perché diventi una piattaforma ed un laboratorio dove tutti si sentano accolti e possano, con le proprie esperienze e competenze, essere protagonisti contribuendo alla costruzione di una comunità che non duri solo il tempo di una manifestazione».

«Anche in questa edizione – ha dichiarato Francesca Rocchi, vice presidente di Slow Food Italia - la nostra visione è basata su una necessità di contatto con le comunità e la vita della gente, per cercare di essere presenti e vicini a chi vive con disperazione un'emergenza che sembra senza fine; ecco che i nostri riflettori sono puntati sulla lotta al caporalato e la valorizzazione del lavoro, sul ruolo delle aree marginali per la rinascita dei nostri territori e sul lancio di una grande raccolta fondi per far ripartire le regioni colpite dal terremoto. In questo scenario non mancano ovviamente le proposte per gustare piatti della grande tradizione gastronomica locale e per contribuire a far battere il cuore dell’Aquila, che deve tornare a essere un grande centro di convivialità e di speranza per il futuro».

«Il tema della partecipazione in una città come L’Aquila assume ancora maggior valore. Abbiamo deciso di ospitare il Festival perché qui si possono sperimentare buone prassi per le amministrazioni pubbliche, modelli replicabili altrove. Oggi a L’Aquila si vorrebbe dar vita a una grande opera di rigenerazione urbana che non riguarda solo i luoghi e le cose, ma riguarda una comunità: una rigenerazione urbana che è anche rigenerazione sociale. Questo percorso e gli investimenti economici non sono possibili senza la partecipazione dei cittadini, il confronto, la mescolanza, l’incontro di idee. La partecipazione però non può essere solo uno slogan, un feticcio attorno al quale balliamo, ma deve assumere una valenza profonda. Per questo ha però bisogno di regole, di metodi e di tempi, altrimenti, oltre a essere un istituto inutile, diventa uno sfogatoio, un luogo dove si discute di tutto e non si decide nulla, lasciando alla politica il pretesto per avocare a sé ogni decisione. Facciamo sì, dunque, che il Festival non sia solo un bell’evento, quattro giorni di dibattiti interessanti, cultura e divertimento, ma anche un appuntamento che abbia una ricaduta sul territorio, in modo che ciò che viene detto e praticato durante il Festival venga poi applicato alla città», ha concluso Pierluigi Biondi, neo sindaco dell’Aquila.

Tra gli eventi in programma: l’inaugurazione con la Ministra Marianna Madia il 6 luglio alle 18 nell’Auditorium del Parco; le lezioni magistrali di Fabrizio Barca e Giovanni Moro sui temi delle disuguaglianze e della cittadinanza; il dibattito sul lavoro nero e il caporalato; il confronto sulle fake news con deputati ed esperti di comunicazione; il dialogo tra Roberta Lombardi e Alfio Mastropaolo sul finanziamento pubblico ai partiti; il pranzo in piazza tra centinaia di operai che stanno lavorando alla ricostruzione post terremoto, gli aquilani e il segretario generale della Cgil Susanna Camusso nella giornata del 7 luglio. E ancora: gli interventi per la ricostruzione del Centro Italia; l’arrivo della Lunga Marcia, il trekking solidale nelle aree colpite dal sisma, l’8 luglio; gli incontri sull’accoglienza dei migranti, il riuso dei beni abbandonati, i modelli di partecipazione nei Comuni italiani ed europei. Non mancheranno, poi, la musica, il teatro, la cultura e l’enogastronomia con il concerto di Elio e Le Storie Tese davanti alla basilica Collemaggio la sera dell’8 luglio, lo stand up comedy live di Daniele Tinti, lo spettacolo teatrale della Compagnia Stabile Assai della Casa di reclusione di Rebibbia, le presentazioni di libri e film, le mostre fotografiche, i forni in festa e le degustazioni. Ci saranno anche decine di stand e un’area kids con animazioni per bambini e ragazzi.

Radio 24, media partner del Festival, sarà presente con due eventi live il venerdì e il sabato nel Cortile di Palazzo Ciolina condotti da Federico Taddia. Grazie alla partnership con WhatItalyIs, inoltre, è stato lanciato un contest: attraverso gli hashtag #AncoraInsieme e #fdp2017 chiunque può raccontare fotograficamente ciò che l’Aquila e l’Abruzzo rappresentano, descrivere questi 8 anni post terremoto, la ricostruzione, la rinascita, il territorio, la città, le persone che la vivono. Le immagini più belle verranno selezionate dal team WhatItalyIs e mostrate durante le giornate del Festival della Partecipazione.

Il Festival è organizzato dal comitato promotore, composto dall'alleanza Italia, Sveglia! (ActionAid Italia, Cittadinanzattiva e Slow Food Italia), in collaborazione con il Comune dell'Aquila. Main partner dell’evento è Roche Italia. Partner sono: Abbott, Bper Banca, Dompé, FederchimicaAssosalute, Mediaset, Novamont, Sanofi, Sky, Whirpool. Media partner: La 27esima Ora, Corriere della Sera, Facebook, Il Salvagente, My L’Aquila, MediaFriends, Radio 24, Today, Vita, WhatItalyis. In collaborazione con Unipolis. Con il contributo di: Fondaca, Regione Abruzzo. Si ringraziano: A regola d’arte, Foodscovery, Gsa, Gssi, Nu Art. Con il patrocinio di: Struttura di missione della Presidenza del Consiglio per il coordinamento dei processi di ricostruzione e sviluppo dei territori colpiti dal sisma del 6 aprile 2009, Confindustria L’Aquila.

Pubblicato in Cultura e eventi
Giovedì, 29 Giugno 2017 00:00

A Montesilvano vai in bici al mare

Montesilvano. “A Montesilvano vai in bici al mare”. E’ questo l’appello lanciato dalla Cooperativa Balnearia Abruzzo. Questa mattina il presidente Riccardo Padovano e il vicepresidente Angelo D’Orazio, insieme a Marta Fargione della Velocity Cetrullo, hanno consegnato al sindaco Francesco Maragno, una bici con pedalata assistita, in comodato d’uso gratuito temporaneo.

«Vogliamo invogliare - ha detto Padovano – i bagnanti ad utilizzare le bici per raggiungere gli stabilimenti balneari. Per questo motivo, i balneatori aderenti alla Cooperativa mettono a disposizione dei propri clienti una di queste bici, che potrà essere utilizzata per spostarsi tra Francavilla, Pescara, Silvi, passando per Montesilvano in quella che per noi è la Grande Pescara. Per dare il primo esempio la bici che abbiamo consegnato al sindaco Maragno è la bici numero 1».

«Apprezziamo particolarmente questo progetto – afferma Francesco Maragno - e ringraziamo la Cooperativa Balnearia di questa graditissima consegna. Siamo convinti che la mobilità sostenibile sia un ottimo mezzo per vivere il nostro territorio e promuoverlo anche agli occhi dei turisti. La pista ciclopedonale realizzata grazie al progetto Bike to Coast, rende il nostro lungomare come quello delle città vicine, ancor più ideale per questa mobilità. Montesilvano - ricorda ancora il sindaco – è la prima città in Abruzzo ad aver attivato il progetto Bici Sicura, per punzonare e marchiare le bici, rendendole così identificabili e a prova di ladro. Questo a dimostrazione del valore che diamo a questo mezzo di trasporto. Ringrazio quindi Padovano e tutti i balneatori che hanno voluto fortemente questo progetto».

Pubblicato in Cultura e eventi

Sulmona. Le associazioni culturali Nomadi Fans club “Un giorno insieme” e Premio Augusto Daolio Città di Sulmona di Sulmona, appresa la dolorosa notizia della prematura scomparsa di Paolo Limiti, persona di altissimo profilo umano e professionale, intendono ricordare il contributo inestimabile che, con i propri testi autorali, egli ha dato alla musica italiana nonché alla relativa diffusione nel mondo con vere e proprie lezioni della migliore Accademia in ogni luogo in cui ne fu richiesto l’autorevole contributo didattico.

A lui si devono i testi di tanti brani musicali entrati nel cuore e rimasti impressi nella memoria di tutti gli italiani, tra cui “La voce del silenzio”, che fu eseguita per la prima volta nel 1968 nel corso della XVIII edizione del Festival di Sanremo nella eccellente interpretazione del cantautore sulmonese Tony Del Monaco a cui, nella stessa manifestazione, fece poi seguito quella di Dionne Warwick.

Del Monaco, oltreché nei propri concerti, ebbe modo di riproporla anche in una splendida versione registrata in studio in lingua spagnola e, ancora dal vivo, durante il Secondo Festival della Canzone Italiana organizzato dall’Associazione Min On nell’autunno del 1976 nei più grandi teatri del Giappone da cui fu tratto un doppio LP pubblicato l’anno successivo. Alla gloriosa ed applauditissima tournée parteciparono anche Iva Zanicchi, Pino Donaggio, Paolo Mengoli e Delia (Gualtiero).

Il particolare legame che univa il nostro concittadino a Paolo Limiti lo si rinviene nella biografia “Tony Del Monaco – Un’artista in punta di piedi” in cui, a pag. 29, gli autori Giancarlo Colaprete e Fernando Fratarcangeli così riportano il pensiero dello stesso Limiti: “Era una ragazzo di Sulmona di grande simpatia aldilà della sua bellissima voce. E’ una delle persone che mi sono ancora rimaste dentro, era gentile e solare; è davvero un peccato che la sua carriera sia durata così poco, troppo poco”.

E ancora, dalla rassegna stampa scaricabile gratuitamente sul sito dell’artista peligno www.tonydelmonaco.it a pag. 372, tratto dall’intervista che Lucio Nocentini fece a Limiti, come riportata nel Mensile di collezionismo, cultura musicale e cinema - Raropiù n. 239 del gennaio 2012, con riferimento all’esecuzione de “La voce del silenzio” a Sanremo, a precisa domanda del giornalista Limiti così rispose: “Tony dopo aver cantato, tra l’altro benissimo, saltò giù dal palcoscenico e mi abbracciò con calore. Un uomo delizioso, ricordo”. Proprio in nome di questa considerazione, Giancarlo Colaprete ha sempre tenuto costantemente aggiornato Limiti sulla biografia del nostro Del Monaco inviandogli i principali aggiornamenti in merito, tra cui i premi letterari internazionali conseguiti nei vari concorsi.

I presidenti dunque, sperando di interpretare i sentimenti forti e gentili di tutti gli abruzzesi, non solo di Sulmona, abbracciano con lo stesso calore la deliziosa persona di Paolo Limiti. Per sempre.

Pubblicato in Cultura e eventi

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Notizie Recenti

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione