Articoli filtrati per data: Luglio 2017

Chieti. Lunedì 31 Luglio dalle ore 20.30 nella Casa Circondariale di Chieti si darà avvio ad una serata diversa dallo schema consueto delle serate in carcere. Nella zona detentiva che è situata all’aperto, i detenuti che partecipano al Laboratorio Musicale ed a quello di Lettura si esibiranno nella recitazione di poesie e nell’ interpretazione di canzoni.
Il pubblico della serata sarà costituito principalmente dalle persone detenute e da tutto il volontariato che collabora con il personale dell’Istituto.
L’obiettivo perseguito dalla Direzione con la programmazione della serata è innanzi tutto quello di offrire alle persone detenute un momento di supporto durante il critico periodo estivo, caratterizzato da un generale appesantimento delle condizioni restrittive, dalla diminuzione delle visite dei familiari, dall’inasprimento della vita all’interno della struttura e dalla generale diminuzione delle consuete attività.
La scaletta delle serata prevede 12 canzoni di musica leggera italiana per 7 Interpreti e 5 Poesie, alcune scritte dagli stessi detenuti, per gli altri 5 interpreti.
Le prove serrate che si sono concluse venerdì 29 Luglio hanno messo in luce un dato evidente e cioè che nessuno di loro è un poeta o un cantante ma tutti sembrano avere in mente che il loro contributo per la realizzazione di una serata nella quale tutti i detenuti potranno restare all’aria aperta oltre il normale orario di chiusura dei cancelli, è importante e riguarda ciascuno di loro.
La realizzazione dell’attività si basa sostanzialmente sulle forze ( sebbene stremate) di tutto il personale presente: Area Educativa, Polizia Penitenziaria, Volontariato e Caritas di Chieti, i cui Responsabili Don Luca Corazzari e Don Stefano Buccione, hanno provveduto all’acquisto dei premi per i primi tre classificati.
La Giuria che valuterà la gara e sceglierà i tre vincitori è composta dalla conduttrice del Laboratorio musicale, Musicista e Psicologa, da due musicisti e cantanti e da due collaboratori della Caritas di Chieti, con cui l’Istituto Penitenziario collabora proficuamente su molti fronti.
L’intenzione che ha guidato la programmazione dell’attività si basa sulla necessità di sperimentare occasioni di solidarietà e di impegno condiviso, che si auspica rafforzino la capacità di stare insieme agli altri in maniera civile e costruttiva.
La musica e la poesia insomma come occasione di parlare un linguaggio positivo e condiviso.
La Direzione dell’Istituto ( Direttore Reggente, dott.ssa Ruggero, Direttore in Missione dr.ssa Avantaggiato, Comandante dott.ssa Costantini e Capo Area Educativa dott.ssa Basilisco, ringraziano sentitamente tutto il volontariato che sarà presente e che ha supportato la realizzazione dell’iniziativa.

Pubblicato in Cultura e eventi

Pescara. Nell’ambito dell’ esercizio delle potestà di polizia di prevenzione, il Questore della Provincia di Pescara ha decretato la sospensione della licenza di somministrazione di alimenti e bevande di due esercizi pubblici collocati nel centro della città.
Si tratta del Bar DI Tizio, sito in via Quarto dei Mille e del Bar Coffe Time sito in via Bovio.
Gli esercizi da tempo sottoposti ad attività di controllo, di polizia di prevenzione e di polizia giudiziaria da parte delle Forze di Polizia, già erano stati destinatari di provvedimenti di sospensione ai sensi dell’art. 100 TULPS poiché ritenuti luoghi di incontro per gli scambi illeciti di stupefacenti per danaro; in particolare il Bar Coffe Time ha avuto nell’anno in corso due provvedimenti di chiusura di 10 giorni ciascuno ed il Bar Di Tizio ne ha avuto uno di 7 giorni ed uno di 15gg. nel 2016.
In sostanza, sotto gli occhi di ignari ed assuefatti cittadini, anche minori, si svolgevano le attività di spaccio di sostanze stupefacenti, nonostante i continui interventi delle Forze di Polizia e nonostante i ripetuti interventi cautelari del Questore di Pescara che hanno sancito per ben due volte per ogni esercizio la sospensione dell’attività di somministrazione.
La Divisione PASI della Questura, diretta dalla Dottoressa COLOPI Lucianna Ripalta , ha istruito i provvedimenti cautelari e ,come di consueto, anche in questa circostanza la stretta collaborazione fra le Forze di Polizia tende a realizzare risultati concreti a tutela della collettività.
La proposta di applicazione dell’art. 100 TULPS a carico dei due esercizi de quo, avanzata dal Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza, in seguito ad una operazione di polizia giudiziaria che ha portato all’emissione di ben 15 provvedimenti restrittivi della libertà personale, è stata tradotta in un provvedimento di sospensione della licenza per 60 giorni a carico dei due esercizi pubblici in discorso, allo scopo di interrompere il circuito vizioso in cui gli stessi esercizi sono entrati.
Il provvedimento ha la natura giuridica di intervento con finalità di prevenzione difronte ai pericoli che possono minacciare l'ordine e la sicurezza pubblica: è teso a produrre l’effetto della tutela di beni fondamentali, mediante l’interruzione di aspetti devianti, determinando la rottura di circuiti pericolosi per la sopravvivenza dei valori posti a fondamento della Carta Costituzionale.

Pubblicato in Cronaca

Pescara. “Continua l’opera di razionalizzazione e armonizzazione che l’assessorato alle Attività Produttive sta conducendo sulle occupazioni di suolo pubblico. Dopo il raggruppamento di tutte le norme relative a dehor, gazebo e arredi, la Giunta ha disciplinato nuove opportunità a servizio di attività commerciali di alcune aree che non erano ancora state ricomprese nelle zone regolamentate".
Così in una nota l’assessore alle Attività Produttive del Comune di Pescara, Giacomo Cuzzi, ed il presidente della Commissione Commercio, Piero Giampietro, che aggiungono:"Questa delibera innova la regolamentazione del suolo pubblico in zone pregiate della città, normativa che non era più al passo coi tempi e che con queste novità fotografa invece una situazione radicalmente cambiata rispetto al passato. Introduce parità di trattamento fra gli esercenti e soprattutto dà una risposta a piazza Muzii, dove con una corretta regolamentazione si permetterà agli esercenti di anticipare l'apertura e dunque poter chiudere prima, responsabilizzando gli stessi titolari sulla fruizione degli spazi adiacenti la loro attività, aiutando così anche la Polizia Municipale nel controllo del territorio e nel monitoraggio della clientela. Obiettivo di questa amministrazione è garantire il diritto all'impresa e alla sana fruizione di spazi pregiati della città, patrimonio di tutti nel rispetto delle regole e della convivenza fra le diverse funzioni del centro urbano.
Tutto questo consentendo anche nuove opportunità in zone che attendevano una regolamentazione come le aree di Corso Vittorio Emanuele, a valere nel tratto interessato dalla pedonalizzazione e limitatamente alle giornate di sabato pomeriggio, domenica e festivi, nel rispetto delle normative commerciali e di sicurezza stradale.
Così, come detto, anche a piazza Muzii, dove la conformità delle aree lo consente e a via Roma, dove sono state uniformate le profondità dei dehor esistenti e di quelli realizzabili. Per piazza della Rinascita sarà possibile utilizzare gli ampi spazi lato Urban Box, andando in deroga all’adiacenza dell’occupazione al manufatto principale, in caso di attività confinanti con attività commerciali che vedrebbero pregiudicata la visibilità e il passaggio davanti alla propria vetrina. Infine si provvede a modificare la planimetria di Viale Regina Margherita dove risulta errata l’indicazione del varco condominiale.
Un lavoro approfondito e documentato al fine di ripristinare regole e agevolare la migliore convivenza fra attività commerciali e fruibilità cittadina. Un equilibrio che non deve essere a svantaggio dell’estetica, oltre che dell’urbanistica, perché lo sforzo che stiamo compiendo si traduca in un vero e proprio vademecum per gli chi occupa spazi pubblici, stiamo predisponendo un provvedimento unico e onnicomprensivo che darà risposte e inquadrerà tutte le situazioni presenti in città”.

Pubblicato in Politica

Vasto. “E’ grande l’impegno dell’amministrazione a favore della disabilità a cui si aggiunge anche l’iniziativa di tanti operatori economici di Vasto che si sono già organizzati e attivati nelle aree demaniali per abbattere le barriere architettoniche. Fattore che non viene affatto esaltato dalla minoranza stessa”. E’ quanto ha dichiarato il sindaco di Vasto Francesco Menna in merito alla mozione “Una spiaggia per tutti” presentata dal primo firmatario consigliere Francesco Prospero.

“Abbiamo respintola mozione–ha detto l’Assessore alle Politiche Sociali, dei Diritti e delle Risorse UmaneLina Marchesani- in quanto aveva come unico scopo quello di strumentalizzare politicamente un argomento delicato come quello dell’inclusione sociale , nel caso specifico dei disabili, su cui questa amministrazione comunale ha sempre mostrato grande attenzione. Non condividiamo assolutamente l’idea di realizzare un’area ad hoc dedicata ai disabili poiché riteniamo che possa limitare l’opportunità di inserimento degli stessi nella società. Laloro ghettizzazione non è una soluzione compatibile con la linea politica che stiamo portando avanti. Preferiamo ricorrere–ha continuato Lina Marchesani- agli strumenti vigenti di cui disponiamo come il Piano Demaniale Marittimo Comunale approvato con delibera di Consiglio Comunale il 16 giugno 2017 che prevede, all’articolo 20, l’abbattimento delle barriere architettoniche”.
“Il PDMC già prevede la realizzazione - ha aggiunto l’Assessore alle Politiche Ambientali e del Territorio il vicesindaco Paola Cianci- di tre percorsi che garantiscono ai disabili l’accesso fino al mare,con strutture anche in acqua, nei pressi della Bagnante, zona pontile e confine nord dell’area Sic. Di questi accessi potranno,altresì, dotarsi tutte le strutture degli stabilimenti balneari insieme alle tante attrezzature previste sempre dalla normativa del PDMC. L’amministrazione comunale procederà a concretizzare il prima possibile quanto previsto nel Piano,così come è avvenuto, in tempi brevi, il passaggio prima in Commissione e poi in Consiglio comunale con l’approvazione. Il consigliere Prospero, che ha votato contro questo Piano, arriva –conclude il vicesindaco- addirittura ad ignorare la presenza di passerelle in legno per l’accesso dei disabili sull’arenile della spiaggia di Punta Pennae dei parcheggi riservati agli stessi all’interno dell’area portuale confinante con la Riserva di Punta Aderci. Pur dilodare l’iniziativa privata in altri Comuni non riconosce quella pubblica attuata dall’amministrazione Comunale di Vasto”.

Pubblicato in Politica
Giovedì, 27 Luglio 2017 00:00

Pescara, riunione su aree di risulta

Pescara. Nel pomeriggio di oggi si è tenuta una riunione fra Amministrazione Comunale e RFI e Cento stazioni finalizzata all'accordo sulla integrazione fra il progetto di riqualificazione dell'area di risulta e la riqualificazione della stazione di Pescara. All'incontro hanno partecipato l'assessore al Governo del Territorio e Politiche Urbane Stefano Civitarese Matteucci, il vice sindaco Antonio Blasioli, il dirigente del Dipartimento Tecnico Tommaso Vespasiano, il dirigente del settore Lavori Pubblici Giuliano Rossi, la funzionaria comunale Francesca Marzetti, per le Ferrovie c’erano il Direttore Compartimentale Stefano Morellina, il rappresentante di Centostazioni Andrea Destro e tecnici del Compartimento di Ancona.

“Abbiamo condiviso l'idea fondamentale che l'ingresso alla stazione sdiventi una delle porte di pregio della città – afferma l'assessore al Governo del Territorio e Politiche Urbane Stefano Civitarese Matteucci – sarà dunque non solo valorizzato esteticamente, ma dotato di nuove funzioni. La principale sarà quella di diventare un collegamento diretto e tutto pedonalizzato verso il mare, un obiettivo possibile alla luce del fatto che la viabilità nel progetto delle aree di risulta prevede una porzione interrata.
Nella parte interrata andranno infatti sia il terminal dei bus extraurbani, che una quota dei parcheggi ed entrambi avranno un diretto accesso alla stazione, questo al fine di creare interconnessioni fra i mezzi su gomma e ferro. Ulteriore obiettivo condiviso è quello di rendere più vivibili e fruibili tutte le superfici della stazione, lo scopo è utilizzare per intero la struttura attuale, rendendo vitali spazi che oggi di fatto non lo sono e che sono separati dagli attuali “fornici”, le gallerie di collegamento fra le varie parti interne alla stazione. Queste saranno tra loro collegate con percorsi pedonali trasversali, sia al piano terra che ai piani superiori, come accade nelle più moderne stazioni italiane ed europee. Un quadro che si sposa perfettamente con le nuove Norme Tecniche di Attuazione (PRG) approvate dalla Giunta, che prevedono in quegli spazi sia servizi per la stazione, quanto ambiti pubblici da destinare ad attività di interesse collettivo: dai musei, alle sale espositive, librerie, locali per coworking e anche una ciclostazione per gli spostamenti in bici e per agevolare il traffico intermodale.
Una nuova vitalità per un’infrastruttura strategica, che risolverebbe in pieno le problematiche legate alla sicurezza e al degrado di tutta l'area e renderebbe più sicuri e frequentati il parco centrale e il centro commerciale naturale, in vista anche dell'auspicata riqualificazione dell'ex Ferrhotel.
In questo contesto via Ferrari diventa uno degli assi portanti della nuova viabilità della città anche grazie al ruolo che svolge il Ponte Flaiano e sarà di conseguenza oggetto di riqualificazione da parte del Comune, sempre in linea con le Norme Tecniche di Attuazione. I tempi dell'operazione sono in parte collegati ai tempi della riqualificazione dell'area di risulta, ma alcuni interventi all'interno della stazione sono già in corso e altri potranno andare a regime con l'inizio del nuovo anno.
Per mettere a punto nei dettagli questa strategia ci si rivedrà entro i primi di settembre, per far sì che tutto questo sia contenuto nel progetto preliminare della riqualificazione del parco centrale che andrà in Consiglio Comunale in autunno”.

Pubblicato in Politica

Montesilvano. Nuova seduta del Consiglio Comunale di Montesilvano. L’assise ha approvato 3 debiti fuori bilancio. Il primo di 1.047 €, riguarda le spese di giudizio di opposizione sostenute per una ingiunzione di pagamento del 2016, legata ad un verbale elevato dalla Polizia Locale nel 2014. Il secondo, dell’entità di 7.272 euro, riguarda il rimborso per le spese legali per un risarcimento al Condominio Europa per alcuni danni dovuti ad allagamenti. Il terzo del valore di 1969 euro, infine, riguarda le spese legali per un contenzioso relativo ad una delle case parcheggio in via Pignatara a Cappelle sul Tavo.
Il Consiglio ha anche deliberato tre ratifiche di altrettante delibere di Giunta, inerenti la risistemazione dei parcheggi lato pineta nel tratto tra via Marinelli e via Isonzo, la riorganizzazione dei centri sociali per anziani del territorio e infine i lavori di urgenza del Fosso Mazzocco per mezzo di un finanziamento regionale di 50.000 euro.
Approvato anche l’assestamento generale del Bilancio di Previsione, mediante la deliberazione di alcune modifiche. «Nello specifico – spiega l’assessore al Bilancio Deborah Comardi - abbiamo stanziato 28.000 euro per lavori di spostamento della rete metanifera propedeutici alla realizzazione di una vasca di raccolta delle acque meteoriche in via Spaventa; 20.000 euro per interventi, in compartecipazione con l’Aca, sulla rete fognaria di via De Gasperi e 152.000 euro per lavori di manutenzione delle strade. Altri 250.000 euro provenienti da un avanzo vincolato verranno ridistribuiti secondo questa modalità: 100.000 euro per il rimborso, previsto per legge, dei costi di costruzione ed oneri di urbanizzazione per coloro che hanno rinunciato al rilascio di autorizzazioni edilizie; 50.000 euro per manutenzioni ordinarie; altri 50.000 euro per manutenzione ordinaria delle scuole; e infine 50.000 euro per l’installazione della pubblica illuminazione sul lungofiume».

Pubblicato in Politica

Montesilvano. Con il 10^ Premio Dean Martin si concludono le celebrazioni organizzate dalla Fondazione Dean Martin e dal Comune di Montesilvano, per il centenario della nascita dello showman di origini montesilvanesi. Domani, venerdì 28 luglio, alle ore 21, nell'area antistante il Pala Dean Martin, si terrà la premiazione. Dopo due anni la manifestazione torna così a Montesilvano.
La serata, condotta da Mila Cantagallo e con la regia di Matteo Veleno, vedrà sul palco salire gli abruzzesi che con la loro attività contribuiscono a portare nel mondo il nome della regione come simbolo di eccellenza. Il prestigioso e celebre cappello verrà consegnato a Piero Mazzocchetti, cantante e tenore con una storia di emigrazione alle spalle, a Francesca Salvatore, creativa pescarese che vive a Londra e che ha disegnato i principali film di animazione usciti nelle sale cinematografiche di tutto il mondo, Luigi Galante, top manager della Fiat Chrysler e Giuliana Martini, di Rovere (l’Aquila), imprenditrice nel settore organizzazione eventi e comunicazione, residente a Johannesburg, famosa in Sudafrica per essere stata una delle più strette collaboratrici di Nelson Mandela, quando era presidente dal 1994 al 1999. Verranno consegnati anche: Premio Dean Martin sez. Letteratura a Gerardo Di Cola e Andrea Mosca per il libro Dean Martin, La Ruota Del Destino; Premio Dean Martin sez. Patrimonio culturale abruzzese a Lia Giancristofaro, (docente di Antropologia Università G. D'Annunzio Chieti) per il saggio Tomato Day - Il rituale della conserva di pomodoro; Premio Dean Martin sez. Arte ad Alessandra Finocchio e Michelangelo Prencipe; Premio Gaetano Crocetti a Candida D'Aurelio (cantante); Premio Gaetano Crocetti a Tiziana Di Tonno (attrice). Ai premiati verrà consegnata una bottiglia di vino abruzzese, la cui etichetta è stata realizzata dall’artista montesilvanese Gino Berardi.
Durante la serata l’Orchestra Dean Martin, diretta dal M° Antonella De Angelis, riproporrà un viaggio musicale sulle note dei famosi e indimenticabili brani di Dean Martin, interpretati da Antonello Angiolillo. Verrà raccontato il viaggio di Gaetano Crocetti con l’addio di un emigrante, che ha poi trovato successo e fortuna negli Stati Uniti d’America grazie a Dino Paul, originario di una Montesilvano ormai cambiata a distanza di un secolo, ma che non dimentica uno dei suoi figli più famosi. Per l’occasione le Poste Italiane hanno predisposto un annullo filatelico, possibile nel corso della serata. Una riflessione verrà dedicata al Venezuela, per mezzo di una raccolta firme per condannare la violazione dei diritti umani. Ospite della serata anche la delegata alla cultura dell’Ambasciata in Sud Africa,
«A partire dallo scorso 7 giugno - ricorda l'assessore agli Eventi Ottavio De Martinis - abbiamo voluto omaggiare Dean Martin attraverso una ricca serie di iniziative, che con la premiazione di domani raggiungono il culmine. Nel corso della serata potremo ascoltare le storie di questi abruzzesi che ce l'hanno fatta e sono delle vere eccellenze, così come lo è stato Dean Martin».
«Sono davvero contenta di poter ritornare a Montesilvano - dichiara la presidente della Fondazione, Alessandra Portinari - città dalla quale è iniziato il viaggio del famiglia di Dean Martin e di questo premio che in 10 anni ci ha regalato moltissime soddisfazioni».

Pubblicato in Cultura e eventi

Vasto. “A più riprese le opposizioni hanno sollevato il problema di legittimità del consiglio comunale. Con una lettera del 10 luglio 2017 il M5S chiedeva di assumere tutte le iniziative e tutti i provvedimenti necessari per porre fine alla situazione di incompatibilità della Consigliera diminoranzaavvocato Alessandra Cappa, la quale ha ricevuto il 21 ottobre 2016 dalla società Pulchra (partecipata e controllata dal Comune di Vasto) un incarico professionale e per segnalare all’Anacla questione”. E’ quanto ha dichiarato questa mattina il sindaco di Vasto Francesco Menna in una conferenza stampa a cui hanno preso parte anche gli assessori Anna Bosco, Paola Cianci, il consigliere Marco Marchesani e l’avvocato Alfonso Mercogliano dirigente del Comune di Vasto.
“Già dalla prima decade di luglio–ha aggiunto il sindaco Menna- ho parlato con l’ufficio legale il quale al suo interno ha una situazione di incompatibilità nell’emettere parere sugli incarichi per l’avvocatessa Cappa,perchéla stessa difende in altro procedimento il dirigente dell’avvocatura comunale. Per una serenità dell’assise civica ho chiesto che la questione fosse risolta attraverso un esperto, un professore universitario,che elaborasse un principio giuridico perché in consiglio oltre all’avvocato Cappa ci sono gli avvocatiAnna Bosco, Paola Cianci, Carlo Della Pennae Francesco Prospero. Questo consiglio straordinario, voluto dalle minoranze, è costato a Vasto circa 3000 euro. Cifra che poteva essere risparmiata aspettando il consiglio comunale del 31 luglio. Il parere a cui mi hanno costretto –ha aggiunto Francesco Menna- è costato 2500 euro. Tutta questa storia è costata alla collettività 5500 euro per degli atti che hanno posto in essere le minoranze e non l’amministrazione comunale”.
“Hanno sollevato dubbi –ha spiegato il dirigente Alfonso Mercogliano- sul mio operato. La scelta del professionista esterno è stata del sindaco. Non ho esercitato alcun potere discrezionale”.
“Da sindaco in un anno –ha sottolineato Menna- ho fatto risparmiare dei soldi a questa città, sul sistema informativo del Comune abbiamo risparmiato oltre 150 mila euro. In passato si esternalizzavano le buste paga, io ho proceduto alla loro internalizzazione risparmiando 40 mila eurol’anno. Rifaremo il pontile gratis, gli asfalti, realizzati grazie al fatto che ho battuto i pugni sui tavoli regionali e grazie al passaggio del Giro d’Italia siamo riusciti a risparmiare oltre 300mila euro. Queste sono le grandi notizie importanti . In un anno ho dato quattro incarichi esterni, ma per ragioni di necessità e urgenza. Il primo incarico quando un avvocato di questo Comune ha fatto causa all’ente. Sono dovuto andare ad una professoressa universitaria esperta di diritto del lavoro . Il secondo incarico quando un’altra dipendente di questo Comune ha fatto causa e l’avvocatura per una questione di opportunità di conflitto, di ragioni interne, mi ha detto che non poteva difendere il Comune e ho dovuto incaricare un avvocato esterno. Terzo incarico nella questione delle discariche, ci siamo affidati ad un avvocato di Roma el’ultimo incarico per l’incompatibilità della consigliera Cappa. Torno a sottolineare che è costato più un consiglio comunale straordinario. Il problema è che abbiamo una opposizione che chiede sempre consigli straordinari che hanno un costo notevole e non mi si può accusare per essermi rivolto all’esterno per un parere legale”.

Pubblicato in Politica

Pescara. Dal 28 al 30 luglio 2017 nella splendida cornice della Nave di Cascella di Pescara, oltre trenta artisti sono in arrivo per l'evento che per il terzo anno consecutivo coinvolgerà il pubblico in Piazza I Maggio con il patrocinio del Comune di Pescara e dell’Assessorato al Turismo e Grandi Eventi.
Il progetto nato da un’idea di Giorgio Del Bono Presidente dell’Associazione Culturale Laboratorio d’Arte, curatore della mostra e direttore artistico.
Questa manifestazione è stata inserita nel calendario degli eventi estivi di quest’anno.
La Rassegna di arti figurative e cultura mediterranea rappresenta un evento dinamico, in costante rinnovamento.
Il fascino di questa iniziativa sta nel voler essere sì una vetrina, uno spazio, per esporre le proprie opere, ma anche un momento in cui ci si confronta con gli altri, e con il pubblico.
L'intento è quello di portare l'arte nelle sue sfumature e la cultura in mezzo alla gente.” Ci sono tra le partecipanti, di questa edizione, una pittrice greca e una dell’isola di Malta, da sottolineare anche che per alcune artiste è la prima volta che partecipano ad un evento d’arte.
A presentare e moderare l’evento, che vedrà compartecipare pittura, fotografia e poesia sarà l’attrice Sara Iannetti. Perfetto il binomio poesia-pittura: la forza dei colori e la potenza della scrittura, spazio e tempo dell’arte, con l’obiettivo di coinvolgere anche il più indifferente e distratto dei visitatori.
Esposizione, ad ingresso libero dalle ore 19.00 alle ore 23.00.
Il programma prevede per la prima serata venerdì 28 luglio l’inizio dell’estemporanea con interessanti performance artistiche e esposizioni i numerose opere da studio in piazza, sabato sera la premiazione e la presentazione di poeti e scrittori e l’ultima serata domenica 30 ci sarà la cerimonia di premiazione per il concorso di pittura estemporanea e un’asta di beneficenza a favore della Croce Rossa Italiana Comitato di Pescara che interverrà durante le tre giornate, anche con diverse iniziative, tra le quali: Clown Della C.R.I, Manovre Salva Vita e Face Painting.
Si ringraziano inoltre, l’Assessore al Turismo del Comune di Pescara Giacomo Cuzzi e il Presidente della C.R.I Comitato di Pescara, tutti i collaboratori e sostenitori.

Pubblicato in Cultura e eventi

Roma. In Abruzzo ci sono 15 siti di balneazione con una qualità delle acque risultata scarsa.
I dati sono stati pubblicati nella relazione annuale dell’Agenzia europea dell’ambiente (Aea) e sono riferiti all'anno 2016.
Nella relazione sono stati indicati tre livelli di classificazione: "scarsa", "sufficiente" o "eccellente", a seconda della quantità di batteri fecali riscontrati.
I comuni e i luoghi esatti dei siti abruzzesi dove sono state effettuate le analisi, ed è stato riscontrato che la qualità delle acque è scarsa, sono i seguenti: Alba Adriatica (250 metri a sud foce fiume Vibrata); Giulianova (250 metri a nord foce fiume Tordino); Roseto degli Abruzzi (300 metri a sud foce fiume Tordino); Martinsicuro (250 metri a nord foce fiume Vibrata); Città Sant'Angelo (300 metri a nord foce fiume Saline); Pescara (zona antistante via Balilla); Pescara (zona antistante fosso Vallelunga); Ortona (200 metri a sud foce fiume Arielli); Ortona (350 metri a nord foce fiume Foro); Ortona (350 metri a sud foce fiume Foro); Ortona (400 metri a nord foce fiume Arielli); Ortona (50 metri a nord fosso Cintioni); San Vito Chietino (100 metri a nord foce fiume Feltrino); San Vito Chietino (50 metri a sud fosso Cintioni); Torino di Sangro (300 metri a sud foce fiume Sangro).
In tutta Italia i siti di balneazione controllati sono stati 5518, di questi 100 (1,8 %) sono stati classificati con una qualità delle acque "scarsa"; 352 (6.4%) con una qualità "sufficiente"; 5013 (90.8 %) con una qualità "eccellente"; 53 (1.0%) non sono stati classificati per ragioni tecniche.
Le analisi sono state effettuate dalle autorità italiane e i dati sono stati consegnati all’Agenzia europea dell’ambiente (Aea) e alla Commissione Ue ai sensi della direttiva 2006/7/Ce, del Parlamento e del Consiglio europeo, sulla gestione della qualità delle acque di balneazione.
Secondo la direttiva, quando l’acqua risulta di scarsa qualità, gli Stati membri della Ue devono adottare alcune misure, come il divieto di balneazione per impedire l'esposizione dei bagnanti all'inquinamento; l'individuazione delle cause e delle ragioni del mancato raggiungimento dello status qualitativo «sufficiente»; adeguate misure per impedire, ridurre o eliminare le cause di inquinamento. Inoltre, per cinque anni consecutivi, devono disporre un divieto permanente di balneazione o un avviso che sconsiglia permanentemente la balneazione.
"La contaminazione fecale dell’acqua - è scritto in una nota dell’Agenzia europea dell’ambiente (Aea) - continua a presentare un rischio per la salute umana, in particolare nei siti di balneazione. Nuotare in acque di mare, fiumi o laghi contaminati può essere causa di malattie. Le principali fonti di inquinamento sono le acque reflue e le acque di drenaggio provenienti da aziende e terreni agricoli. Tale inquinamento aumenta in caso di forti piogge e inondazioni a causa della tracimazione delle fognature e del riversamento delle acque di drenaggio inquinate nei fiumi e nei mari".

Pubblicato in Politica

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione