Articoli filtrati per data: Luglio 2017

Montesilvano. Presentare la metodologia di raccolta porta a porta, organizzare e programmare il servizio così da renderlo efficiente per tutti gli utenti. Questo lo scopo dell’incontro che si è svolto a Palazzo di Città tra il sindaco Francesco Maragno, l’assessore Valter Cozzi, il dirigente del settore Gianfranco Niccolò, Nicola Della Corina referente per Montesilvano di Formula Ambiente e gli amministratori di condominio della zona colli della città.
Dopo la fase sperimentale di raccolta porta a porta che ha coinvolto inizialmente 300 utenze nel borgo di Montesilvano Colle, il servizio a partire dal 17 luglio è stato esteso a tutta la parte collinare della città. La nuova tipologia di raccolta, che a pieno regime coinvolgerà 2100 utenze, è stata avviata per i residenti in case singole. In fase di programmazione il servizio per le utenze condominiali.
«Montesilvano - dichiara il sindaco Francesco Maragno - in tema di gestione dei rifiuti è rimasta indietro. Con l’introduzione del sistema porta a porta abbiamo cambiato passo. Questo non solo ci consente di rispettare gli obblighi di legge che impongono il raggiungimento del 65% della raccolta differenziata, ma a lungo termine permette di ridurre il conferimento di indifferenziata e quindi di ottenere una gestione più economica delle tariffe, con sensibili risparmi per le tasche dei montesilvanesi. La fase sperimentale ci ha dato grandissime soddisfazioni, con risultati ben al di sopra delle aspettative che hanno sfiorato il 90%. Ora ci aspettiamo un grande impegno da parte di tutti coloro che verranno coinvolti in questo nuovo passo del percorso».
L’incontro con gli amministratori di condominio ha consentito anche di raccogliere informazioni necessarie in merito alle utenze e agli spazi a disposizione delle aree condominiali così da valutare la tipologia e la capienza dei contenitori che verranno assegnati a ciascun condominio.
«Questa riunione - afferma Della Corina - è stata l’occasione di presentarci e programmare il lavoro. Vogliamo che gli utenti siano pronti e preparati per iniziare al meglio la nuova tipologia di raccolta. Distribuiremo i calendari di conferimento da affiggere nelle aree comuni dei condomini».
Intanto fino a venerdì, è sempre attivo, dalle 18 alle 20, il gazebo informativo allestito in piazza Calabresi dove è possibile ritirare i kit di conferimento e informarsi sulla tipologia di raccolta.
Per ulteriori informazioni sono attivi i contatti: 0858620522, fax 0858620741 e mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.. Per programmare la raccolta di rifiuti ingombranti è necessario prendere un appuntamento, telefonando al numero verde 800195315.
Sul sito istituzionale è attivo un banner dove consultare il calendario di raccolta, consigli sul conferimento e ulteriori informazioni.

Tutte le strade interessate dalla raccolta porta a porta

Zona Colle:


13 DA DENOMINARE, 14 DA DENOMINARE, 32 DA DENOMINARE, A. DE GASPERI, A. SPAGNUOLO, ABETONE, ADAMELLO, ASPROMONTE, C. CASE D'AGNESE, C. CHIAPPINELLO, C. COLLEVENTO, C. DELLA FONTE, C. PER SPOLTORE, C. PIANACCI, C. SAN GIOVANNI, C. SANTAVENERE, C.DA COLLEVENTO, COLLE PRETARA, COLLEVENTO, COM. TRAVE, D. MANIN, FRANCESCO IEZZI, FRATELLI BANDIERA, G. LA PIRA, GIARDINO DEGLI ARANCI, GRAN PARADISO, GRAN SASSO, MACCHIANO, MAIELLA, MARMOLADA, MELCHIORRE DELFICO, MONCENISIO, MONTE AMARO, MONTE AMIATA, MONTE BIANCO, MONTE CERVINO, MONTE CIMINO, MONTE CIMONE, MONTE CINTO, MONTE CIVETTA, MONTE CONERO, MONTE FALTERONE, MONTE FUMAIOLO, MONTE GRAPPA, MONTE ROSA, MONTE SIRENTE, MONTE VELINO, MONTE VIGO, MONTI DELLA FAVORITA, MONTI DELLA LAGA, MONTI PELORITANI, MONVISO, N. TOMMASEO, PASSO DELLO STELVIO, PASSO ROLLE, POGGIO DEL SOLE, POGGIO IMPERIALE, SAN GIOVANNI, STRADA COMUNALE D'AGNESE, VELE SUL MARE, TRICORNO, VICINALE AGOSTINONE

Zona case sparse:

22 DA DENOMINARE, 5 DA DENOMINARE, BARCO, C. COLLE ARENA, C. DEL TRATTURO, C. FONTE DELLE MORE, C. PER CAPPELLE, C. VALLE FURCI, C. VALLECUPA, FONTANA DEL TRATTURO, FOSSONONO, STRADA COMUNALE PER CAPPELLE, STRADA COMUNALE VECCHIA PER SPOLTORE, STRADA PROVINCIALE PER SPOLTORE, TRAVERSA CONTRADA VALLECUPA, VALLECUPA, VICINALE PALMERINI, C. SAN PAOLO, SAN PAOLO.

Pubblicato in Cronaca

Roma. Se nella “Budget List” degli eventi da non perdere per l’estate 2017 non manca un Festival di musica Italiana e internazionale di qualità, Budget Autonoleggio propone un’esperienza indimenticabile e che vedrà il marchio di noleggio auto in prima fila nella promozione della grande musica.

Dal 27 al 30 luglio 2017 è di nuovo tempo del Siren Festival di Vasto e ancora una volta Budget Autonoleggio è sponsor tecnico della kermesse abruzzese - giunta quest’anno alla sua quarta edizione e divenuta ormai un appuntamento imperdibile per gli amanti del genere pop-rock ed elettronico - supportando l’organizzazione con le proprie vetture per ogni tipo di spostamento.

Budget Autonoleggio pensa anche a chi ha in programma di raggiungere il Siren Festival e vuole farlo con il massimo del comfort e della convenienza, proponendo una serie di tariffe ad hoc per il weekend - tutte consultabili su budgetautonoleggio.it – ideali a godersi uno o più concerti all’interno di una line up che annovera nomi come Baustelle, Ghali, spaziando dalla musica elettronica di Apparat e Trentemøller, alla tech-house di Daniel Miller.

Il programma è ricco e l’evento musicale imperdibile anche per chi non ha ancora deciso dove trascorrere il fine settimana o le proprie vacanze. Budget Autonoleggio sostiene questo genere di manifestazioni proprio per accompagnare le famiglie e i giovani in un viaggio alla scoperta di nuovi luoghi ed esperienze culturali e divertenti.

“Con Budget Autonoleggio parliamo a giovani e famiglie in vacanza e quindi non possiamo fare a meno di parlare di musica. Sostiene Stefano Gargiulo, Avis Budget Group Marketing and Partnership Director Italy Region. Il Siren Festival è una manifestazione che cresce anno dopo anno e siamo davvero orgogliosi di aver sposato principi e valori sin dall’inizio di un’avventura che ogni anno porta a Vasto il meglio della musica italiana e internazionale. Non possiamo che dire la nostra agevolando i trasporti dell’organizzazione e dando un’opportunità in più per raggiungere il festival in modo semplice e conveniente.”

Pubblicato in Cultura e eventi

Pescara. Il Comitato tecnico-amministrativo del Provveditorato interregionale delle opere pubbliche ha appena dato parere favorevole al progetto esecutivo del taglio della diga foranea. Da domani inizieranno le attività propedeutiche all’avvio dei lavori, come previsto nel cronoprogramma tracciato da questa amministrazione regionale.
Il segretario particolare del Presidente, Enzo Del Vecchio, ha preso parte alla seduta e per l’occasione ha ringraziato il Provveditore Vittorio Rapisarda e il r.u.p. dell’opera Enrico Bentivoglio per l’attività svolta.

Pubblicato in Politica

Farindola. A Napoli per Cuccumella si intendeva la tradizionale caffettiera in alluminio, in Etruria il termine indica il tumulo funerario etrusco, mentre in Abruzzo la parola identificava nel linguaggio popolare un’umile scodella. Ed é a quest’ultima accezione che riconduce la denominazione prescelta per la nuova struttura turistica inaugurata a Farindola, nel paese ancora sconvolto dalla tragedia di Rigopiano dello scorso mese di gennaio, che si è venuta ad aggiungere ai riflessi provocati dal terremoto e dal maltempo.
A dare vita all’impresa sette giovani di Farindola, già dipendenti del resort travolto dalla valanga, che hanno costituito la cooperativa TU.TE.VE (Turismo Terre Vestine), che comprende come partner tecnico anche il T.O. Wolftour di Penne.
La piccola struttura, con 12 posti letto e una sala ristorante-pizzeria, che può ospitare fino a 100 persone, alla quale si aggiunge un’area relax, sorge al di sopra dell’area nuova del paese, cresciuta disordinatamente negli ultimi anni. Un paradosso, considerato che il paese, che oggi conta 1500 abitanti ca., in sessant’anni ha perduto due terzi della popolazione. Ma la posizione della struttura, una sorta di terrazza panoramica, è tale da essere orientata soltanto verso il grandioso paesaggio del Gran Sasso d’Italia.
L’iniziativa è stata possibile grazie al sostegno economico della Conferenza Episcopale Italiana (CEI), che ha permesso la ristrutturazione e l’adeguamento della struttura attraverso i fondi dell’8x mille.
Ho voluto raggiungere Farindola prima dell’inaugurazione per cogliere il clima dei preparativi e per cercare di comprendere lo spirito che anima questi giovani, sui quali, oltre al lavoro perduto, pesa il ricordo delle 29 vittime dell’Albergo ed in particolare dei 10 colleghi morti e dello stesso gestore, Roberto Del Rosso, che avevo conosciuto negli anni scorsi come appassionato sognatore dello sviluppo turistico del Gran Sasso. Alcuni di loro sarebbero dovuti essere lì quel tragico 18 gennaio, dando il cambio ai loro colleghi, se solo la neve l’avesse permesso.
Ho potuto facilmente riscontrare come i ragazzi - Paolo Misero, Grazia Colangeli, Alice Misero, Giovanni Nebbioso, Fiorella Costantini, Alice Misero e Alessandro Iezzi - fossero affettuosamente circondati da familiari, parenti e amici impegnati in una miriade di azioni di completamento, decoro e preparazione dei vari contorni legati alla inaugurazione. Percepisco come questa viva partecipazione si sia registrata anche nelle precedenti settimane, con interventi di recupero realizzati a tempo di record, che hanno permesso alla preesistente struttura di tornare a nuova vita. Parlando con Paolo Misero, presidente della Cooperativa, appena ventiquattrenne, ma già con cinque anni di esperienza maturata alle spalle a Rigopiano come addetto alla reception del centro benessere, colgo il senso di responsabilità di questa operazione, che rappresenta per lui e gli altri l’unica occasione per restare, non disperdendo, quel sorprendente patrimonio di professionalità sorprendente sviluppate nel resort, una struttura che nel corso degli anni era stata in grado di attrarre e ospitare personaggi di fama internazionale, come George Cloney, Giseppe Tornatore e altri, che anche per questo ha rappresentato una straordinaria “scuola” di formazione on the job per tanti giovani del territorio. Si percepisce che Paolo e gli altri giovani costituiscono un team legato da un mix fatto di amicizia e di un collaudato affiatamento professionale.
L’importanza materiale e simbolica dell’inaugurazione è testimoniata dalla partecipazione del segretario generale della CEI, monsignor Nunzio Galantino, che ha affermato come: «A differenza di qualche mese fa, le lacrime di stasera sono di speranza. La speranza di un gruppo di ragazzi che si ritrovano insieme, con il coraggio e la voglia di ricominciare”.
Alla inaugurazione è intervenuto anche il direttore della Caritas italiana, don Francesco Soddu, che nel suo breve intervento come si sia voluto lasciar un segno “che però non deve restare chiuso in se stesso, ma deve diventare attrattore di altre risorse che nel territorio ci sono, le quali devono mettersi in moto».” Insomma, un invito a fare sistema, anche con altri paesi limitrofi.
Presente anche l’arcivescovo della Diocesi Pescara-Penne, Tommaso Valentinetti, che è stato vicino alla comunità vestina e parenti delle vittime e che ha ricordato i momenti di sofferenza e di dolore vissuti, “ma in essi non potevamo rimanervi prostrati. Dovevamo rimettere al centro la speranza.” A lui e a don Marco Pagnello, responsabile della Caritas di Pescara, si devono i proficui rapporti con la CEI e altre forme di assistenza.
Un invito a non dimenticare ma al tempo stesso una forte esortazione ad andare avanti, superando una sorta di angosciosa paralisi che ha avvolto il paese, dopo la situazione di emergenza del gennaio scorso, con il rischio concreto del suo abbandono da parte di molti dei suoi abitanti. Sotto questo aspetto, il mirato intervento della CEI si presenta in modo esemplare, non essendo in alcun modo assimilabile ad ordinari strumenti finanziari pubblici, cogliendo nel sostegno dato una occasione per una più ampia opportunità di rilancio sociale riguardante non già una cooperativa ma un’intera comunità. Non a caso nel suo intervento il giovane sindaco Ilario Lacchetta, ha parlato, senza retorica, di “giornata di sole, dopo tanto buio”.
Antonio Stroveglia (Wolftour), che vive nella vicina Penne, divenuto una sorte di fratello maggiore dei sette, mi conferma come dietro quest’impresa nelle ultime settimane si sia sorprendentemente mosso un intero paese.
Con piacere apprendo che dopo il terribile gennaio si è registrato il superamento della forte conflittualità che ha caratterizzato in passato i rapporti tra i principali esponenti delle due parti politiche che si contendono la guida dell’amministrazione cittadina. Oggi queste persone sono tornate a salutarsi e probabilmente a collaborare per cercare di salvare insieme il paese.
Si intuisce facilmente il clima positivo che si muove intorno a questi giovani. Ma tutto è vissuto con sobrietà. Una forma di rispetto per quanti hanno lasciato la vita in quella tragedia, la cui memoria accompagnerà ancora per molto tempo questa comunità.
Una solidarietà e una vicinanza al progetto che non sono certamente meno importante del sostegno economico. Il percorso rimane complicato da vari fattori, a cominciare dalla strada per Rigopiano, non ancora riaperta al traffico, che pure rappresenta uno snodo tra le province di Pescara, L’Aquila e Teramo, in particolare per gli escursionisti diretti a Campo Imperatore, a Castel del Monte, Calascio, Santo Stefano di Sessanio e quindi a Castelli. Ma oggi i presupposti per ripartire ci sono. Praticamente collaterale all’apertura della nuova è il ripristino della sagra del pregiato pecorino di Farindola (3-7 agosto), prodotto bandiera del territorio.
Concludo queste note ricordando l’appello della scrittricei Dacia Maraini sulle colonne del Corriere della Sera nei giorni successivi alla tragedia di Ricopiano: “Dobbiamo risalire” – scrisse – “ritrovare il piacere di fare progetti, di credere nel futuro, di rimboccarci le maniche e ricostruire un senso della comunità, che vinca l’eterno brontolio, l’eterno insultarsi e disprezzarsi a vicenda, l’eterno dire no alle cose e al mondo”. C’è da augurarsi che il progetto della “Cuccumella” (l’equivalente dialettale di piccola scodella o recipiente), pur con le sue specificità, possa ispirare altre piccole comunità in difficoltà.
La nostra chiacchierata si conclude con un forte paterno abbraccio a Paolo Misero, che troverà il coraggio necessario per guidare la nuova impresa.
Prima di lasciare Farindola, noto nella piazza del paese un manifesto che annuncia la celebrazione di una messa in memoria di Gabriele Z. deceduto qualche giorno prima, a 80 anni, in Canada. Manifesti del genere si incontrano frequentemente girando tra i paesi spopolati dell’Appennino, costituendo una sorta di estremo saluto rivolto alle comunità di origine da tanti emigrati nel mondo alla conclusione della loro vita terrena. Davanti a questo manifesto, non posso fare a meno di pensare che questa piccola e familiare “Cuccumella” rappresenti oggi un simbolo di speranza affinché Paolo e gli altri giovani restino per concorrere alla rinascita di Farindola, anche come esempio per altri paesi dell’Italia centrale.

Pubblicato in Cronaca

Roseto degli Abruzzi. Pino Lamedica, presidente della Rosetana calcio, si è lamentato, nei giorni scorso su alcuni organi di stampa, di un presunto disimpegno da parte dell’amministrazione comunale per ciò che concerne gli impianti sportivi, in particolare per il campo di Fonte dell’Olmo. La situazione non è affatto quella rappresentata dal dirigente della squadra e l’amministrazione comunale vuole chiarirne diversi aspetti.

“Le criticità del presidente La Medica, purtroppo, sono ben conosciute da questa amministrazione”, dice il consigliere comunale Marco Angelini, delegato allo Sport, “Da quando abbiamo assunto la responsabilità del Comune di Roseto degli Abruzzi abbiamo cercato soluzioni ai problemi dei campi di calcio e a tante altre criticità trovate nell’ambito degli impianti sportivi e della gestione delle squadre. Lo dimostra l’impegno preso con il Credito sportivo che permetterà di adeguare gli impianti e investire. Purtroppo, i tempi burocratici sono sempre molto lunghi e ci vuole tanta pazienza e costanza per ottenere i risultati. Per quanto riguarda i bandi degli impianti”, continua Angelini, “anche lì siamo sempre stati fortemente convinti di perseguire questa strada e lo siamo ancora. Crediamo che certe strutture possano esprimere le loro potenzialità solo con la gestione dei privati (si veda, ad esempio, il circolo tennis e la piscina comunale). Questo è un grande passo che nessuno ha mai voluto affrontare in precedenza ma che noi, con convinzione, porteremo a conclusione per il bene dello sport e delle società rosetane alle quali sono personalmente sempre vicino e con me tutta la giunta Di Girolamo”.

“Nelle dichiarazioni che abbiamo letto”, sottolineano il sindaco Sabatino Di Girolamo e il vicesindaco e assessore ai Lavori pubblici, Simone Tacchetti, “ci sono diverse imprecisioni e talune polemiche gratuite. A breve andrà in consiglio una delibera sulla ricognizione di tutti gli impianti sportivi e le relative forme di gestione. Questa ci permetterà di definire la rilevanza economica di ognuno e stabilire se vanno in concessione o in gestione. Questo è il passo propedeutico all’emanazione dei bandi per tutte le strutture sportive, tra cui anche, ovviamente, il campo Fonte dell’Olmo. Questa amministrazione non è che ha perso tempo o non è sensibile a certi argomenti. Noi stiamo lavorando per disciplinare e gestire tutti gli impianti del territorio, vogliamo fare un ragionamento complessivo. Quindi, rassicuriamo in primis il presidente Lamedica, ma anche tutti gli altri, che la nostra giunta sta lavorando per risolvere definitivamente questi problemi che altrimenti, ogni anno, si ripresentano. Abbiamo scelto di investire sugli impianti per metterli a norma e per questo abbiamo avuto dal Coni circa 180 mila euro per Fonte dell’Olmo, sui 700 mila complessivi. Si sta completando il progetto esecutivo, dopo aver ricevuto tutti i pareri positivi, andremo entro l’autunno a gara e potremo così iniziare i lavori. Natural-mente questi interventi non incideranno minimamente sull’attività sportiva. Per quanto riguarda, infine, la custodia di Fonte dell’Olmo, abbiamo avuto una richiesta da una società sportiva e abbiamo investito 7mila euro l’anno, cifra che ci consente di provvedere anche a piccole attività di manutenzione. Per concludere: non si può pretendere da una amministrazione comunale (con tutte le difficoltà economiche che gli enti locali stanno attraversando in questi anni) solo e soltanto fondi economici. Tra l’altro ci sono tante altre e ben più drammatiche priorità. Nonostante questa situazione difficile, il nostro impegno è rivolto a tutti i settori, sport compreso”.

Pubblicato in Politica

Montesilvano. Si avvia alla conclusione l'attività didattica della Nuova Scuola Comunale di Musica nell'anno del suo ventennale. Il 31 luglio la scuola chiuderà per la pausa estiva per riaprire con le iscrizioni il 4 settembre.
«E’ stato un anno veramente impegnativo - afferma il direttore artistico Donatella Columbaro - se da una parte l'alto livello dei docenti e il costante lavoro dello staff hanno garantito e preservato l'indiscussa qualità dal punto di vista dell'offerta formativa, le novità in ambito legislativo hanno messo a dura prova la macchina burocratica. La passione e la tenacia di tutte le persone che costantemente collaborano con noi hanno comunque permesso di arrivare ad oggi senza defezioni».
Le celebrazioni del ventennale, iniziate lo scorso febbraio, hanno regalato alla città grandi soddisfazioni, a cominciare dall’evento di apertura con la pianista Valentina Lisitsa: «E’ stato un evento irripetibile - continua la Columbaro -. Una fitta corrispondenza con l'artista mi ha dato l'occasione di parlarle della nostra Istituzione e di quanto nella nostra città spesso la cultura faccia fatica ad essere credibile, il mio invito a venirci a trovare era più di circostanza ed invece la regina di Rachmaninov, come la chiamano i critici di tutto il mondo, il 16 febbraio era nella nostra Sala "C. Di Giacomo" a festeggiare con noi. Il ventennale è stata anche l'occasione per mettere in mostra i talenti musicali locali che nella maggior parte dei casi sono proprio i nostri docenti, per cui la scena nei concerti a seguire è stata tutta loro. Abbiamo realizzato un concerto di altissimo livello ogni mese, esplorando tutti i generi musicali dal tributo ai Pink Floyd al Trio classico al quartetto al Jazz. In ambito scolastico abbiamo avuto ottimi risultati dai nostri allievi sia in concorsi nazionali che internazionali, siamo riusciti a svolgere presso la nostra sede la prima sessione di esami per la certificazione Trinity Rock and Pop solo pochi mesi dopo essere diventati centro ufficiale e il dipartimento classico si è distinto in altre sedi riportando votazioni altissime. Come ogni anno i nostri ragazzi hanno superato brillantemente le ammissioni in conservatorio. Infine sono felicissima di poter dare in anteprima i nomi degli allievi che quest'anno hanno ricevuto la borsa di studio: Francesca Chiola, canto moderno (prof.ssa Nicoletta Renzulli), Leonardo Zuppa, chitarra moderna (prof. Giuseppe Cantoli), Letizia Morcelli, pianoforte (prof.ssa Edmea Marzoli), Silvia Ciccaglione, arpa ( prof.ssa Lucia Antonacci), altre note di merito sono andate a Martina Di Censo, Francesca De Vico, Petricca Luca, Paolini Riccardo, Di Gregorio Mattia. Per il prossimo anno accademico - annuncia il direttore - si sta già lavorando su qualcosa di straordinario, ma non anticipo nulla perché voglio condividerne l'uscita con le persone che stanno lavorando duramente a questo progetto».

Pubblicato in Cultura e eventi

San Giovanni Teatino. Via liberta alla procedura ad evidenza pubblica per "la concessione in uso di immobile di proprietà comunale situato a San Giovanni Teatino - via Ciafarda - con destinazione d'uso vincolata ad asilo nido - periodo 1 settembre 2017 - 31 luglio 2021". Come deliberato dalla Giunta comunale lo scorso 25 luglio 2017, l'avviso è stato pubblicato in questi giorni. L'apertura delle buste è fissata per le 9.30 di giovedì 10 agosto 2017.
"Con questo atto si mette fine a tutta una serie di polemiche, spesso costruite ad arte, che hanno alimentato una situazione già di per sè dolorosa: parte di questa Amministrazione - dichiara il Sindaco Luciano Marinucci - ha visto nascere il Nido dunque umanamente quanto ci si appresta a fare è una sconfitta per tutti. Tuttavia i tagli operati dal Governo e le leggi come il Testo Madia non ci permettono di fare diversamente: è l'ennesima rinuncia cui ci costringe una politica di governo di certo non amica dei Comuni. Con uno sforzo ulteriore abbiamo però cercato di salvaguardare in tutti i modi il personale, inserendo criteri che siano premianti al fine di favorire il riassorbimento delle unità: siamo i primi testimoni di quanto tutto il personale abbia lavorato egregiamente in questi anni, e vigileremo sul futuro di un Nido che, anche privato, dovrà avvalersi degli opportuni standard qualitativi."
L'immobile posto in concessione è già adibito a servizio di asilo nido con ricettività autorizzata, in favore dell'ultimo affidatario SGT Multiservizi (società in house del Comune), per 120 posti (60+60). 80 bambini sono stati gli iscritti nell'ultimo anno educativo (2016/2017) con l'impiego di una coordinatrice, 14 educatrici e 3 addetti ai servizi accessori, tutti dipendenti della società in house del Comune.
Il contratto di concessione avrà durata di 4 anni educativi con decorrenza 1 settembre 2017 e fino al 31 luglio 2021. Il concessionario dovrà versare un canone annuo di 18 mila euro.
Il contratto proposto dal Comune prevede, tra gli altri impegni, la cura e le spese della manutenzione ordinaria dei locali, anche straordinaria di attrezzatura e arredi, e dei servizi igienici. Il concessionario sarà inoltre obbligato a realizzare e mantenere i servizi aggiuntivi e le offerte migliorative presentate in sede di procedura di evidenza pubblica.
Gli interessati dovranno far pervenire le offerte all'Ufficio Protocollo sito in via D'Azeglio, entro non oltre il termine perentorio delle ore 13.00 di mercoledì 9 agosto 2017.

www.comunesgt.gov.it "amministrazione trasparente - bandi di gara e contratti attivi" http://www.halleyweb.com/c069081/zf/index.php/bandi-di-gara/bandi-di-gara/elenco/sezione/attivi

La concessione sarà aggiudicata al concorrente che avrà presentato l'offerta economicamente più vantaggiosa assegnando un punteggio massimo di 100 punti: max 70 punti all'offerta tecnica, max 30 all'offerta economica. Al fine anche di tutelare e salvaguardare le professionalità già presenti nell'asilo nido, 30 punti dell'offerta tecnica sono assegnati al criterio "Riassorbimento del personale già impiegato nell'asilo nido dell'affidatario uscente (da esprimere in numero di persone...)".

Pubblicato in Cronaca

Montesilvano. Comicità, riflessione e riscoperta delle tradizioni del passato. C’è tutto questo in “Panecotte e…Zizì”, la rappresentazione teatrale che verrà messa in scena, sabato 29 luglio, in Piazza Calabresi a Montesilvano Colle, dalla “Compagnia del Borgo”.
La commedia in vernacolo insegna come la povertà può cambiare il comportamento e il carattere delle persone che, cercando disperatamente soluzioni facili ai loro problemi, dimenticano i veri valori della vita. La commedia in due atti, nata da un’idea di Zerimete, è ispirata ad una storia vera, accaduta negli anni ’60.
Sul palco saliranno gli attori: Lino Armellani, Vanessa Tiberi, Lorenzo Pizii, Andrea Rulli, Angela Di Sante, Daniele Patacca, Gabriele Cocciola, Floriana Salvatorelli, Alberta Di Tecco, Tommaso Armellani, Doralice Ceneri.
«L’appuntamento con il teatro della Compagnia del Borgo di Montesilvano Colle - afferma l’assessore agli Eventi, Ottavio De Martinis - è ormai divenuto un punto fermo del cartellone estivo montesilvanese. Gli attori sono bravissimi, divertenti e coinvolgenti. Il successo delle due precedenti rappresentazioni, siamo sicuri che verrà ulteriormente confermato anche in questo nuovo spettacolo che permette di fare un salto indietro negli anni ‘60».
Lo spettacolo è dalle 21:30.

Pubblicato in Cultura e eventi

Recanati. Venerdì 28 luglio, presso il Circolo Dong di Recanati, ShePastAway ed Ash Code in concerto.
Gli ShePastAwaysono una band turca descritta come “la nuova Dark Wave” negli articoli e nelle recensioni in tutto il mondo.
La loro musica mette assieme elementi dal lato oscuro e sensazionale degli anni '80, spesso associato a bande come The Sisters of Mercy, The Cure, JoyDivision, Clan of Xymox,Grauzone e DAF.
Gli ShePastAway ci riportanoall'epoca con un approccio odierno e testi in turco che danno alla band quel taglio davvero unico.
La band è stata fondata nel 2006 ed ha pubblicato nel 2010 il EP digitale "KasvetliKutlama".
L'album di debutto "BelirdiGece" è stato rilasciato nel 2012 ed è disponibile in vinile da FabrikaRecords, cd da Dead ScarletRecords e formato digitale su tutti i principali negozi di musica.
Gli ShePastAwayhanno ottenuto molti riconoscimenti con l'album di debutto “BelirdiGece”.
Articoli e recensioni sulla band sono apparsi in molti blog e rivistein tutto il mondo.
Ash Code è invece il moniker per descriverel’incontrofra la sensibilità di Alessandro ed il gusto di Claudia.
La loro musica descrive un collage di Dark Wave, Noise e musica elettronica con una solida drum machine. Ballate oscure e beat ossessivi, sintetizzatori profondi e malinconici, rumori e distorsioni, arpeggiatori e delay.
Luci e sfumature.
Danze della Morte.
Visioni e teatralità.
Questi sono gli Ash Code.
La serata è organizzata in collaborazione diretta tra Circolo Dong, R7 Agency e Supernova.
Le ultime due sono associazioni che risultano fra i collaboratori storici del circolo stesso.
La R7 è un agenzia capitanata da Michele Caserta coadiuvato da Ali Salvioni e Daniele Graciotti, intenta a portare band, per lo più straniere, della scena Dark / Wave / Industrial quali Pankow, Schwefelgelb (tre anni consecutivi), Keluar, Xeno &Oaklander e molte altre...
E’ quindi giunta l’ora degli ShePastAway, in collaborazione con DarkItalia.
Da sempre è attiva su tutto il territorio nazionale ed anche oltralpe, soprattutto in Svizzera.
Un viaggio musicale all'insegna della sincerità di espressione.
Supernova è invece il nome di un collettivo di giovani maceratesi, amanti della musica Techno Industrial, nato nel 2014.
Per questa serata non figureranno tuttaviain veste di promoter come durante l’anno.
In passato però sono stati capaci anche loro di portare artisti comeBlushResponse, VioletPoison, Arcangelo, Alienata ePhase Fatale.
Un progetto fondato sulla ricerca, capace fin da subito di affermare la propria identità nel panorama elettronico italiano.
Per maggiori info:
https://www.facebook.com/events/202589763584031/
https://www.facebook.com/shepastaway/
http://www.ashcode.eu/
https://www.facebook.com/ashcodemusic/
https://www.facebook.com/circolodong/
https://www.facebook.com/R7Agency/
https://www.facebook.com/supernova.hardtimesrequirefuriousdancing/

Pubblicato in Cultura e eventi

Pescara. Martedì 1 agosto 2017 a Pescara, presso la struttura espositiva dell’Aurum nella Sala D’Annunzio, si inaugurerà dalle ore 19,30 la mostra monografica “Ninon Vaccarella: Atmosfere sconosciute” a cura dell’arch. Marco Vinicio Zonin e dell’avv. Loris Di Giovanni dedicata all’eclettico pittore di origini pugliesi. Porterà il saluto dell’Amministrazione Comunale, che patrocinia l’Eventa, l‘Assessore alla Cultura dott. Giovanni Di Iacovo.
L’Artista, a cui è dedicata la Manifestazione se non altro per territorialità, è riferibile alla ‘Scuola Andriese” di pittura che ha annoverato tra gli altri Giuseppe Pàstina, Riccardo Tota e Alfonso Di Pasquale. Pittore poliedrico che si è misurato su svariati temi: paesaggi, ritratti, nudi, nature morte. Saranno presentate più di cento sue opere, la maggior parte inedite. Persona elegante e amante del bello fu anche un appassionato collezionista di arte e antiquariato. Ninon, ci ha lasciato, in eredità, una notevole produzione artistica e una importante raccolta di documenti come corrispondenze, dediche e autografi che testimoniano le frequentazioni, le amicizie e tutti gli scambi culturali che ha tessuto con importanti personaggi, del mondo dell’Arte e della Cultura, vissuti nell’Otto/Novecento. Inoltre, verrà presentata, al pubblico, un’interessante selezione di opere di artisti suoi contemporanei, da Lui conosciuti e frequentati o che hanno esercitato una qualche influenza sulla sua attività. Verranno esposte opere di notevole qualità come quelle di Antonio Mancini, Rubens Santoro e Francesco Paolo Michetti; ma si potranno apprezzare anche disegni e dipinti di Domenico Morelli, Filippo Palizzi, Gaetano Esposito, Arturo Fittke, Giuseppe Ar, Primo Conti, Antonio Piccinni, Vittorio Borriello, Salvatore Di Gregorio, Giuseppe Pàstina, Riccardo Tota e Alfonso Di Pasquale e cinque maioliche dell’amico fraterno Gian Carlo Polidori.

Pubblicato in Cultura e eventi

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione