Articoli filtrati per data: Settembre 2017

Montesilvano. Anche nel 2018, sarà Montesilvano ad ospitare la cerimonia nazionale di consegna della Bandiera Verde. Per la prima volta in 10 anni, il comitato tecnico scientifico di pediatri, presieduto dal professor Italo Farnetani che ha istituito, nel 2008, il riconoscimento per le città italiane con spiagge a misura di bambino, ha deciso di confermare la città ospitante della cerimonia. L’annuncio è stato ufficializzato oggi in conferenza stampa dal professore, dal sindaco Francesco Maragno, dall’assessore al Turismo Ernesto De Vincentiis, dal consigliere Adriano Tocco e dai rappresentanti delle associazioni protagoniste dell’edizione 2017.
“Questa è la riconferma di Montesilvano per la consegna delle Bandiere Verdi anche per il 2018 – ha ricordato il sindaco, Francesco Maragno – questo sta a rappresentare il traguardo a cui siamo giunti con i nostri sforzi e i nostri sacrifici affinché già dall’anno scorso questo vessillo potesse veleggiare sulle spiagge di Montesilvano. Siamo onorati e questo va a premiare i tanti sforzi perché Montesilvano perché ancora una volta si riconferma una località turistica adatta alle famiglie, ai bambini e dobbiamo ancora continuare a lavorare affinché questo modello Montesilvano possa essere strutturato anche su scala nazionale. Importanti sono i tanti alberghi presenti in prossimità delle spiagge, ma anche la qualità dei servizi da loro offerti, ma anche la qualità del servizio offerto dalla città perché ricordiamo che la grande isola pedonale che ogni estate favorisce il transito di pedoni e di ciclisti consente a cittadini e turisti di vivere in piena libertà il mare e la spiaggia della città”.
L’edizione 2018 si terrà a partire dal 21 aprile, quando proprio a Montesilvano verranno ufficializzati i nomi dei Comuni che verranno insigniti del prestigioso riconoscimento, e che lo scorso anno erano 134. Il 23 aprile pomeriggio si terrà un convegno scientifico sulla sicurezza del bambino e sull’alimentazione dei più piccoli con chef di respiro nazionale e pediatri. Sempre il 23 si terrà la consegna della quarta edizione del Premio Nazionale Pasquale Trecca della Medicina e della Cultura, che per il 2018 verrà conferito all’autore di una tesi di Laurea in Pediatria. Il 24 aprile si terrà la cerimonia di consegna della Bandiera Verde ai sindaci provenienti da tutta Italia. L’evento verrà arricchito dalle manifestazioni che verranno organizzate dalle associazioni del territorio di Montesilvano. Il 2 maggio Farnetani e il sindaco Francesco Maragno consegneranno la Bandiera Verde a Papa Francesco. Nel corso del convegno verrà presentato ufficialmente anche il progetto “Via Lattea” ideato dalle associazioni AlberghiaMo e Nuovo Saline.
“Abbiamo fatto la scelta tutti d’accordo perché abbiamo voluto premiare, come lo abbiamo definito, il ‘modello Montesilvano’ – ha spiegato il professor Italo Farnetani, ideatore del riconoscimento – un modello che ha due caratteristiche: una di metodo e una di merito. È stato molto bello quello che abbiamo visto l’anno scorso con un gioco di squadra fra amministratori, il sindaco in primis, tutto lo staff del Comune e soprattutto tutti gli operatori economici dagli operatori degli alberghi, dei lidi, della ristorazione, fino a Gelatiamo. Questo è importante perché qando c’è questa sinergia si ottengono dei risultati. Il secondo punto è una questione di merito, cioè Montesilvano è stata la prima città d’Abruzzo ad ottenere la Bandiera Verde nel 2010, il punto di forza è che si doveva avere delle caratteristiche legate alla spiaggia che doveva essere disponibile, l’acqua che non divenisse subito alta, per la qualità delle acque noi ci siamo sempre basati sul caso specifico di Montesilvano sull’Arta dell’Abruzzo con dei risultati più che soddisfacenti, sempre eccellenti. Ma soprattutto il punto di forza di Montesilvano rispetto alle altre 134 località era la presenza di grandi alberghi nelle immediate vicinanze della spiaggia. Questo è stato importante perché dalle Bandiere Verdi , come discorso generale, è emersa la situazione di prediligere le località con maggiori servizi perché il bambino non deve stare isolato, non si deve rilassare ma deve avere stimolazione e soprattutto dopo i 6 anni la possibilità di incontrare i coetanei. È ovvio che quando c’è un grande albergo ci sono tanti bambini con la possibilità di fare gruppo. Un altro punto è il fatto che siano sulla spiaggia è un motivo di sicurezza perché il bambino, anche se vuole andare in piscina, un conto è che la piscina è a 50 metri da dove sono i genitori ed un conto è che sia lontano. Per cui c’è questo controllo e anche la sicurezza ambientale, per ciò io direi che abbiamo fatto un’eccezione, ma Montesilvano se l’è meritata”.

Pubblicato in Cronaca

Pescara. È stato presentato stamane nel Comando della Polizia Municipale il Gruppo Intervento Operativo Nucleo Antidegrado voluto dall'Assessorato alla Polizia Municipale per fronteggiare le emergenze cittadine.
“Ci sono sei uomini comandati da un nostro ufficiale, il Maggiore Palestini – ha spiegato l’assessore alla Polizia Municipale del Comune di Pescara, Gianni Teodoro – per riservatezza non forniamo i nominativi degli agenti, sono persone chiaramente in servizio presso il Comando della Polizia Municipale, dotati di arma, si muoveranno con un servizio civetta, sia con le macchine che con le moto, lavoreranno per obiettivi che sono frutto delle indagini che partiranno già da questa notte, quindi iniziano a lavorare su una serie di situazioni già individuate dalla Polizia Municipale, quella ordinata, quindi sarà una situazione che va ad implementare la qualità e l’efficacia dell’azione di governo e di repressione di questi fenomeni di bivacco, di degrado in generale, ma non solo, anche di spaccio davanti alle scuole, di bullismo e altro ancora che va fuori dalla Legge. Quindi il messaggio da dare alla città è che ci sono come degli angeli custodi che non si vedono, perché non hanno la divisa, non hanno le macchine d’ordinanza, ma sono in borghese e sono a tutela del cittadino. Quindi è un di più che abbiamo voluto fare, questo modello è già esistente in altre città italiane che ha dato dei risultati straordinari, le città sono Napoli, Roma, Milano, Bari, quest’ultima l’ha saputo interpretare al meglio dando una risposta molto forte a tutela della legalità. Noi non siamo pari ovviamente, non siamo Roma o Milano, Pescara è una città più piccola ma daremo anche noi una risposta concreta al fenomeno dell’illegalità. Ci saranno anche dei vigili di condominio che potranno intervenire qualora sia nei condomini popolari che privati si verificano dei fenomeni di atti che possono sfociare in illegalità, risse o altro ancora. Quindi sulla base delle segnalazioni che arriveranno e delle indagini che ci saranno,i vigili potranno intervenire anche nell’ambito dei condomini dei cittadini. Il servizio sarà garantito h24, senza vincolo d’orario, perché si tratta di un’attività d’indagine, ulteriormente sviluppata rispetto all’ordinario, dove loro possono in piena libertà e seguire le indagini”.
“È un Nucleo già esistente che adesso va a moltiplicare le proprie indagini – ha sottolineato il comandante della Polozia Municipale di Pescara, Carlo Maggitti – costa tanto in termini di impegno, di disponibilità di questo personale che effettivamente è stato scelto anche su base della disponibilità dimostrata per un lavoro che spesso può richiedere interventi al di la di quella che è una routine quotidiana delle sei ore fatte specificamente. È ovvio che è un impegno ulteriore che andiamo ad assumere, il tutto all’ottica di un rinnovato vigore, di una rinnovata sinergia con l’amministrazione comunale per il tramite dell’assessore che fa da congiungimento tra la Polizia Municipale con il sindaco. È ovvio che lo sforzo è anche di carattere organizzativo perché ovviamente lo facciamo a personale invariato, dovendo aumentare il numero delle ore di servizio e la non ordinarietà del servizio stesso, ma è un servizio che si ritiene di dover fare anche per cercare di combattere fenomeni ormai non più sopportabili all’interno della città. Con questo servizio non interveniamo nell’immediatezza ma su situazioni che ci sono e che vengono strutturate da tempo, per cui in alcune situazioni serviranno delle attività di approfondimento e di indagine, in altre si tratterà di una presenza e di intervenire. Parliamo di attività che rientrano pur sempre nel confine tra l’attività di Polizia Amministrativa e quella di Polizia Giudiziaria, non di attività di una ‘squadra di Rambo’ che intervenga a gestire chissà quali criticità da un punto di vista di ordine pubblico, non siamo ordine pubblico, svolgiamo questa attività per la sicurezza della città e ovviamente lo facciamo in autonimia e anche insieme alle forze di Polizia”.

Pubblicato in Cronaca

Pescara. La Polizia Ferroviaria, che quest’anno celebra il 110° Anniversario dalla fondazione, lancia la campagna “keep safe from railway risk” realizzata per sensibilizzare i migranti rispetto ai pericoli connessi con un utilizzo improprio del mezzo ferroviario. Il passaggio dei profughi riguarda infatti anche le vie di comunicazione ferrate e finisce per tradursi talvolta in comportamenti estremamente pericolosi quali camminare lungo i binari, arrivando fino ad addentrarsi nelle gallerie, ovvero viaggiare sui tetti dei treni, con il rischio elevatissimo di rimanere folgorati.
Sono 4 i migranti deceduti nei primi sei mesi dell’anno ed altrettanti i feriti (per lo più folgorazioni o investimenti lungo linea), con un trend in deciso aumento rispetto al 2016 che, durante l’intero anno solare, aveva fatto registrare complessivamente 3 decessi e 3 ferimenti. Gli ultimi tragici episodi riguardano un 36enne iracheno che nei pressi di Ventimiglia è stato investito mortalmente all’interno di una galleria, mentre un cittadino del Ghana ed uno del Mali sono rimasti folgorati, il secondo con esito letale, rispettivamente a Verona ed in Liguria, al confine con la Francia.
L’iniziativa della Polizia Ferrroviaria, caratterizzata dalla distribuzione di brochure informative multilingue presso le stazioni principalmente interessate dal flusso dei migranti ovvero presso i centri di accoglienza e permanenza, si propone di arginare il fenomeno incidentale aumentando la consapevolezza tra i profughi circa i pericoli propri dello scenario ferroviario, spesso poco noti nelle terre di origine.
Gli stranieri dunque costituiscono i principali destinatari della campagna che si propone allo stesso tempo più ampie ricadute positive sulla regolarità della circolazione ferroviaria.
“Da tempo ci confrontiamo con il flusso dei migranti in ambito ferroviario - ha dichiarato Armando Nanei, Direttore del Servizio Polizia Ferroviaria- Di fronte ad alcuni tragici accadimenti ed avendo avuto modo di constatare che spesso queste persone non si rendono minimamente conto dei pericoli a cui si espongono, abbiamo ritenuto di poter e di dover far qualcosa. Questo il senso della campagna che si pone in linea con lo spirito di prossimità che da sempre caratterizza l’attività della Polizia Ferroviaria”.

Pubblicato in Cronaca
Sabato, 30 Settembre 2017 00:00

Pescara, aggredisce l’ex compagna: arrestato

Pescara. Nel pomeriggio di ieri la Polizia di Stato è intervenuta in zona della locale riviera a seguito della segnalazione di una violenta lite in corso presso un’abitazione privata: la notizia riferiva che all’esterno di un balcone un uomo stava minacciando una giovane donna con un coltello, tenendola ferma con un braccio e che la donna aveva il volto sanguinante. Nell’abitazione in questione vi era l’uomo indicato, un 37enne pescarese, con precedenti di polizia, ivi ristretto agli arresti domiciliari dopo aver commesso alcuni mesi fa, vari episodi criminosi ai danni di un esercizio balneare.
Giunti tempestivamente sul posto, gli agenti della Squadra Volante apprendevano che l’individuo aveva da poco aggredito la ex fidanzata colpendola violentemente al volto , per poi cingerla con un braccio al collo ed uscire fuori, sul balcone di casa, minacciandola a mezzo di un coltello da cucina, allorquando veniva allertata la Sala Operativa “113”.
I poliziotti della Squadra Volante intercettata la donna ferita, richiedevano l’intervento del soccorso sanitario “118”.
Gli operatori quindi si adoperavano affinchè la situazione non degenerasse ulteriormente: per cui facevano accesso nell’abitazione in questione e bloccavano l’uomo che versava in stato di agitazione, altresì individuavano e sequestravano il coltello, che veniva rinvenuto sul lavandino del bagno.
Presso il Pronto Soccorso, alla malcapitata veniva diagnosticata la frattura scomposta delle ossa del setto nasale, con una prognosi iniziale di 30 giorni.
Per il grave episodio di lesioni personali e minacce il 37enne veniva tratto in arresto in flagranza di reato, e posto a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Pubblicato in Cronaca

Pescara. Hanno preso il via a Pescara, lo scorso 11 settembre, quasi in contemporanea con la Settimana Europea della Mobilità Sostenibile, gli Stati Generali della Mobilità Urbana, iniziativa promossa dall’Assessorato alla Mobilità del Comune di Pescara, attraverso il Centro di Monitoraggio e Gestione Sicurezza Stradale (CMG-SS). Obiettivo è portare a sintesi una lunga serie di azioni che il Comune di Pescara sta predisponendo e su cui intende intraprendere un intenso confronto con tutti gli attori della vita sociale, culturale ed economica della città, perché si sentano protagonisti e partecipi di un progetto di sviluppo condiviso.
L’ambizioso programma di attività dedicate al tema della “mobilità urbana” si articola in quindici incontri pubblici e dieci eventi collaterali: dall’esposizione di piani e progetti su scala comunale e metropolitana ad azioni formative per mobility manager e operatori tecnologici del settore, fino a iniziative di coinvolgimento diretto di cittadini, amministratori, tecnici e operatori commerciali. Nell’ambito del progetto sarà promossa anche l’iniziativa “Bike Challenge”, una competizione tra aziende che si svolgerà dall’1 al 31 ottobre, per incentivare tra dipendenti e collaboratori l’uso della bicicletta.
Il dibattito in città è stato avviato con le conferenze sulle “Nuove frontiere della mobilità urbana” e sulla “Sharing Mobility”, svoltesi il 14 e il 23 settembre scorsi. Prossimo evento in calendario, sabato 30 settembre, presso l’Auditorium Petruzzi, dalle 9.30 alle 19.00, è “La metropoli del medio adriatico”, tema di confronto tra le amministrazioni territorialmente coinvolte e le rappresentanze produttive, commerciali, sociali e culturali della vasta area di riferimento.
Il convegno si aprirà con un dibattito su “La cornice istituzionale e strategica” che vedrà, tra gli altri, la partecipazione del Sindaco di Pescara, Marco Alessandrini, dell’Assessore Comunale alla Mobilità, Stefano Civitarese, di Roberto Mascarucci dell’Istituto Nazionale di Urbanistica, di Sergio Caputi, Rettore dell’Università G. D’Annunzio Chieti Pescara, di Vincenzo Rivera, Capo Dipartimento Presidenza e Rapporti con l’Europa e AdG Fondi FESR e FSE della Regione Abruzzo, di Nicola Mattoscio, Presidente della SAGA; a seguire la Tavola rotonda tra comuni e province, con le conclusioni di Luciano D’Alfonso, Presidente della Regione Abruzzo. Nel pomeriggio, si proseguirà con una sessione su “Gli strumenti e le politiche” e con la Tavola rotonda tra organismi di categoria e associazioni.
In arrivo anche la Prima Conferenza Annuale sulla Mobilità Urbana, prevista per sabato 14 ottobre all’Auditorium Petruzzi, a partire dalle 9.30, in occasione della quale sarà sottoscritta la European Cycling Strategy. “L’idea di un importante momento di riflessione sui temi della mobilità urbana nella nostra città nasce a seguito dell’affollarsi all’orizzonte prossimo di una serie di iniziative programmatiche e progettuali che questa amministrazione sta mettendo in atto – sottolinea Stefano Civitarese, Assessore alla Mobilità del Comune di Pescara – Strategia di fondo è l’avvio di un programma decennale di lavori, da oggi fino al 2027, anno del centenario della nascita di Pescara, che sia occasione di monitoraggio dei piani e dei progetti attuali e futuri e che disegneranno di qui a breve nuovi scenari per una città che sia più moderna, vivibile, attrattiva e inclusiva”.
I prossimi incontri di consultazione pubblica aperti alla cittadinanza, che si svolgeranno in diverse sedi, sono: 4 ottobre: “Dalle aree di risulta al parco centrale”; 11 ottobre: “Il polo della cultura e della conoscenza”; 18 ottobre: “Il Ponte Flaiano: che ponte sarà?”; 25 ottobre: “Il Piano Urbano della Mobilità Sostenibile”. Alcuni eventi saranno aperti agli ordini degli Architetti e degli Ingegneri d’Abruzzo, con il riconoscimento dei crediti formativi.
Maggiori informazioni sul sito www.statigeneralimobilitaurbanapescara.it

Pubblicato in Cronaca

Pescara. Da oggi il parco dell’infanzia torna ad essere fruibile. Erano partiti a maggio i lavori di riqualificazione dell’area verde che si trova su via Tavo, nel cuore dell’ex quartiere 3, in una delle zone più sensibili della città: per la realizzazione di un campo da calcetto e arredi e manutenzioni secondo quanto richiesto dai bambini della zona. Alla riapertura di stamane erano presenti il sindaco Marco Alessandrini, il vice sindaco e assessore ai parchi Antonio Blasioli, l’ex assessore Laura Di Pietro che ha fortemente voluto ed ha avviato la riqualificazione del parco, che era rimasto a lungo chiuso dopo gli atti di vandalismo che vi si erano verificati, i consiglieri di maggioranza che hanno seguito le sorti del fazzoletto verdeubicato proprio di fronte agli alloggi popolari di via Tavo. Al taglio simbolico del nastro c'era anche l’intera scolaresca di via Sacco e una rappresentanza della scuola primaria Rodari, la Caritas e le associazioni che da diversi anni portano avanti iniziative e contatti nel quartiere, in sinergia con l’Amministrazione Comunale e per la rinascita del parco, erano inoltre presenti i tecnici e gli addetti del Settore Verde Pubblico.

“In questo parco siamo venuti tante volte e torneremo ancora – dice il sindaco Marco Alessandrini – oggi lo riconsegniamo di nuovo alla città, con la speranza di non vederlo nuovamente violato com’è accaduto in passato e soprattutto di nuovo chiuso. Per questo la presenza dei bambini a questa inaugurazione è importante, come è importante quella delle associazioni che silenziosamente e costantemente qui ci aiutano a recuperare un legame con la comunità e a coltivare nuovi progetti qui. Poco distante, solo pochi mesi fa abbiamo inaugurato un altro parco, questo ci sta a cuore, perché è una vera e propria sfida, iniziata con l’assessore Laura Di Pietro, che voglio ringraziare per il lavoro svolto a servizio della città. Ora il parco va tutelato dai legittimi proprietari, che sono i suoi frequentatori, ringraziamo la ditta che qui ha operato e che conosce bene questa zona e ci auguriamo di vedere risorgere anche gli spazi in muratura adiacenti al campo e all’area gioco, il parco sia aperto anche ad altre possibilità tutto l’anno”.

“Porto avanti con orgoglio il lavoro iniziato dall’assessore Di Pietro – aggiunge il vice sindaco e attuale assessore a Parchi e verde pubblico Antonio Blasioli – Noi su questa periferia abbiamo investito e continueremo a farlo, perché fa parte della città e perché fra l’assenza delle istituzioni, che si è sentita troppo a lungo e l’azione, scegliamo quest'ultima, costruendo la speranza che il futuro di questa area sia diverso. Abbiamo avviato i lavori durante la Giornata Europea dei Parchi, il 24 maggio scorso e di certo ciò è un buon viatico. Crediamo molto nel valore dei parchi, infatti abbiamo investito 200.000 euro in manutenzione nella maggior parte delle aree verdi cittadine. Questi lavori hanno avuto un importo di 53.000, 35.000 euro dei quali sono stati attinti dalla polizza assicurativa riscossa dal Comune a fronte degli atti di vandalismo subiti dal parco.
Cosa ci differenzia da chi ci ha preceduto? Il centrodestra ai primi atti vandalici ha chiuso il parco e lo ha reso inutilizzabile, il centrosinistra ha preso i 35. 000 euro dell'assicurazione e li ha reinvestiti su quel parco, riaprendolo. Oggi è la festa di inaugurazione e di chi ha fatto i lavori, da domani comincia i lavoro dei residenti e dei frequentatori, che dovranno tutelare e tenersi a cuore il parco.
Diversi gli interventi: sono stati posti i tappetini anti-trauma, rifatto il manto erboso, impiantati nuovi giochi, una siepe e realizzato un campo di calcetto 15x25m. , arredi e interventi che sono stati i bambini e i residenti della zona a chiederci per tornare a frequentarlo. Questa attenzione non finirà con la fine dei lavori, questo parco è un piccolo progetto in un quartiere che ha tanti problemi, un quartiere dove qualcosa di importante lo abbiamo già fatto e lo vogliamo ribadire: il Ponte Flaiano “atterra” qui, il parco dell'Infanzia rinasce, come è rinato qualche mese fa quello della Speranza, sempre qui vicino e qualche giorno fa è stato pubblicato il bando del contratto di quartiere per il completamento di 64 alloggi in questa zona, fermi da anni e che andranno prioritariamente alle persone sgomberate da via Lago di Borgiano, perché l'emergenza che li ha riguardati rientri definitivamente. Sempre qui, l’assessore Laura Di Pietro ha portato don Ciotti per dare un segnale forte di attenzione e di presenza delle istituzioni e delle associazioni, che conducono un lavoro grande fra queste strade e che voglio pubblicamente ringraziare: dalla Caritas a Ninive e MovimentAzioni, come ringrazio i nostri tecnici che ci hanno aiutato a riprogettare quest’area perché avesse un’altra opportunità”.

Pubblicato in Cronaca

Chieti. "A nome dei Vescovi dell’Abruzzo e del Molise, in quanto Presidente della Conferenza Episcopale Regionale, esprimo profonda gratitudine al Santo Padre Francesco per aver nominato il nuovo Arcivescovo di Lecce nella persona di Sua Eccellenza Mons. Michele Seccia, finora Vescovo di Teramo-Atri, diocesi in cui ha svolto con generosità e passione il Suo ministero pastorale negli ultimi undici anni. Un pensiero grato va anche a Sua Eccellenza Mons. Domenico Umberto D’Ambrosio che, dopo molti anni di ministero episcopale, di cui nove trascorsi fra noi come Vescovo di Termoli-Larino, lascia la Chiesa leccese che ha guidato con fede, carità e saggezza pastorale. Nell’assicurare la preghiera mia e dei Confratelli Vescovi per lui, auguro ogni bene al caro Mons. Seccia, grato anche per il contributo significativo da Lui dato alla Conferenza Episcopale Regionale dell’Abruzzo-Molise, certo che i legami di stima e di affetto stretti in questi anni continueranno ad alimentare la nostra comunione nella preghiera e nel servizio al Regno di Dio. La Vergine Santa assista i due Presuli e noi tutti nel nostro impegno a favore di quanti il Signore ha voluto affidarci". Lo scrive Bruno Forte, Arcivescovo di Chieti Vasto Presidente della CEAM.

Pubblicato in Cronaca

Meduno. Anche i fornitori e i partner si mobilitano per dare una mano alla ripartenza della Roncadin. Dopo i tanti messaggi di solidarietà arrivati all'azienda di Meduno nei giorni scorsi, arrivano importanti gesti concreti. Fra i primi che si sono fatti avanti ci sono: Zerbinati, azienda di Casale Monferrato specializzata in verdure di “quarta gamma” (ovvero le verdure fresche pronte al consumo, quelle che i consumatori chiamano “in busta”); Autotrasporti Tavano, il partner logistico di Coseano (UD) che sabato 23 settembre ha fatto accorrere i propri mezzi a Meduno per spostare le materie prime di Roncadin nei magazzini decentrati e Henkel Italia fornitore di circa 30 tonnellate di colla che viene utilizzata per chiudere gli astucci.

«Queste iniziative sono per noi estremamente importanti –dichiara l'amministratore delegato Dario Roncadin–. Non solo perché sono tutte boccate di ossigeno che ci aiutano a ripartire, ma anche perché ci riempie di ottimismo vedere che i rapporti creati negli anni sono solidi e basati su una grande fiducia».

Zerbinati, che è un'azienda familiare come la Roncadin, ha fatto sapere che lunedì regalerà, viaggio compreso, una fornitura di spinacino bio e di rucola: serviranno a farcire le pizze alle verdure che sono state appena rimesse in produzione. Autotrasporti Tavano, uno dei partner che sabato ha contribuito a salvare quasi 500 pallet di materie prime fresche tra formaggi e salumi, ha comunicato che non addebiterà all'azienda di Meduno i costi del viaggio dalla sua filiale di Casale sul Sile (TV) e degli spostamenti fra la sede centrale di Roncadin e i vari siti di stoccaggio. Non certo ultimo, Henkel Italia, il fornitore della colla usata per chiudere gli astucci in cartone ha dilazionato i pagamenti di Roncadin.

«Le manifestazioni di solidarietà verso di noi in questi giorni sono state davvero molte –ricorda Roncadin–. Clienti, stakeholder e territorio si stanno mobilitando e abbiamo scoperto di essere una grande famiglia».

La data room di Roncadin con immagini e video continuerà ad essere aggiornata nelle prossime ore.
Link: https://drive.google.com/open?id=0Bz9tE6t3gu0eNzdOU040Y01nWWs

 

Roncadin SpA con sede a Meduno (Pordenone), nasce nel 1992 per la produzione di pizza italiana di qualitàper la grande distribuzione nazionale ed internazionale. Oggi in azienda lavorano oltre 500 persone, il fatturato 2016 è stato di 97 milioni di euro con una produzione a quota 82 milioni di pezzi fra pizze e snack, realizzate con un esclusivo metodo brevettato e con l'impiego del 100% di energia sostenibile.

Pubblicato in Cronaca

Fossacesia. Il progetto "Una Spiaggia per Tutti" di Fossacesia è stato selezionato, da una Giuria presieduta dal professor Ferruccio Resta Rettore del Politecnico di Milano, come vincitore del "Cresco Award Città Sostenibili", nella categoria " Migliore partnership pubblico/privato". La proclamazione dei vincitori avverrà il 12 ottobre a Vicenza, nel corso dell’Assemblea Nazionale dell’Anci, alla quale parteciperanno il sindaco Enrico Di Giuseppantonio ed il vice sindaco Paolo Sisti. Il progetto “Una Costa per tutti” è stato candidato dal Comune di Fossacesia nell’ambito “Cresco Award, città Sostenibili”, un concorso istituito dalla Fondazione Sodalitas, con il patrocinio e la collaborazione di Anci ed in partnership con aziende sensibili ai temi della sostenibilità ambientale. “Abbiamo appreso con soddisfazione e quasi sorpresa la notizia di essere fra i vincitori, con il progetto “Una spiaggia per tutti”, del premio Cresco Award Città Sostenibili – annunciano il Sindaco di Fossacesia, Enrico Di Giuseppantonio e l’Assessore alle Politiche Sociali Maria Angela Galante – Questo per noi rappresenta un motivo di orgoglio perché l’opera che abbiamo realizzato è veramente a disposizione di tutti ed alla misura di tutti, nel rispetto dei principi di sostenibilità ed inclusione”. Il Cresco Award Città Sostenibili, infatti, è un premio che riconosce l'impegno dei Comuni italiani per lo sviluppo sostenibile del territorio, attraverso la realizzazione di progetti ed iniziative che migliorino la qualità della vita delle persone, nel rispetto dei temi di accoglienza, inclusione sociale, economia circolare e la sharing economy, l’efficienza energetica, la gestione sostenibile dei rifiuti, la mobilità sostenibile, la prevenzione e la tutela sanitaria, la riduzione degli sprechi alimentari o il welfare territoriale. Il conseguimento di questo premio consentirà al Comune di Fossacesia di entrare a far parte dell’”Osservatorio Smart Cities” di ANCI e di dare visibilità al progetto attraverso il portale “Agenda Urbana”, la piattaforma nazionale promossa e realizzata da ANCI che raccoglie le esperienze progettuali innovative implementate dalle città italiane. I risultati del Cresco Award saranno, inoltre, diffusi attraverso un piano di comunicazione a cura di Fondazione Sodalitas, di ANCI e dei partner del progetto “Il premio che ritireremo il 12 Ottobre durante l’Assemblea nazionale dell’Anci è il premio di tutti noi – conclude Enrico Di Giuseppantonio – poiché “Una spiaggia per Tutti” è realmente un bene comune, è un bene per ciascuno di noi, e di questo dobbiamo esserne orgogliosi tutti”.

Pubblicato in Cronaca

Orsogna. Ben 650 metri quadrati sviluppati su un unico piano e un ampio giardino con spazi verdi a disposizione dei bimbi: sarà inaugurato lunedì prossimo, 2 ottobre, alle ore 10, il nuovo asilo nido realizzato dal Comune di Orsogna (Chieti) in località Piana Torre Pellegrina. La struttura è stata realizzata negli ultimi tre anni su un terreno di proprietà comunale, grazie a un contributo di 475 mila euro erogato dalla Regione Abruzzo e fondi comunali per 116 mila euro, oltre a migliorie offerte dall'impresa in sede di gara pubblica per 81 mila di euro.
«Sarà un asilo moderno - spiega il sindaco, Fabrizio Montepara, -, realizzato con le soluzioni più innovative e attente alla sicurezza e al comfort, in grado di ospitare fino a 60 bambini di età dai sei mesi ai tre anni».
L’asilo nido, finora ospitato nell’edificio scolastico di via Achille Rosica, è attualmente gestito dalla cooperativa Frammenti di Orsogna.
All’inaugurazione parteciperà tra gli altri l’assessore regionale delegato dagli asili nido, Bartolomeo Donato Di Matteo.

Pubblicato in Cronaca

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione