Articoli filtrati per data: Settembre 2017

Bruxelles. Il Sottosegretario alla Presidenza d’Abruzzo Mario Mazzocca, delegato all’Ambiente, ha partecipato al convegno "Free Public Transport for a Sustainable Future - Trasporto pubblico gratuito per un futuro sostenibile”, svoltosi a Bruxelles presso il Parlamento europeo, con un intervento dal titolo "Smart Community, tutela ambientale e mobilità sostenibile: le azioni locali".

Mazzocca ha illustrato le buone pratiche attuate dall'Abruzzo, e da alcune altre regioni italiane, in grado di contemperare le esigenze della pubblica mobilità con quelle della tutela del territorio evidenziando, in particolare, la reale sostenibilità ambientale ed economica di alcuni progetti realizzati (Electric Vehicule/100 solutios for tue climate di Collarmele), in corso (Alimentazione a Idrogeno-Metano del parco bus TUA su tratte urbane) o in via di definizione (sperimentazione sulle rinnovabili-sostenibili per completare gli interventi di bonifica SIR Saline). Il Sottosegretario ha, inoltre, sottolineato le attività strategiche che sta conducendo da un paio d’anni - dalla Cop21 di Parigi - nel Pacc (Piano di Adattamento ai Cambiamenti Climatici) , definito come il “Piano mastro” che fornirà le linee guida per l’immediato futuro e che l’Abruzzo sta portando avanti nella sua ultima fase di definizione attraverso un processo partecipativo disseminato ad ampiezza regionale.

Il convegno è stato organizzato da Daniela Aiuto, eurodeputata membro della Commissione Trasporti e Turismo, e ha visto la partecipazione di relatori di rilievo quali Karima Delli e Mark Tarabella (MEP, Commissione Trasporti e Turismo), Allan Alakula (Capoufficio UE Tallin), Alain Flaush (Segretario Generale UITP), Andrea Giuricin (Docente China Academy Railway Sciences), Fabrizio Luches (Esperto di pianificazione urbana), Lukasz Lugowski (Opinion Leader TP Polonia) e Lucio Zazzara (Professore Associato di Pianificazione Urbana presso l’Università “G.D’Annunzio” Chieti-Pescara).

Pubblicato in Politica

Pescara. ARAP (Azienda Regionale per le Attività Produttive) replica al Consigliere del Movimento 5 Stelle Leandro Bracco che ha dato notizia, anche nella giornata di ieri via social network, di aver presentato giorni fa Interpellanza urgente alla Giunta Regionale d’Abruzzo, a causa del presunto “via libera – di ARAP - affinché in Val di Sangro venga concretizzato un imponente progetto petrolifero che fra le altre cose prevede la costruzione di un Gasdotto lungo ben 21 chilometri e la realizzazione, nel Comune di Paglieta, di una Raffineria”.

ARAP replica pertanto spiegando al Consigliere Bracco che l'eventuale autorizzazione all'estrazione del gas ed alla conseguente realizzazione dell'impianto è tuttora all'esame del Comitato VIA nazionale, dato che questa è materia di competenza statale.

La Regione inoltre, che il Consigliere ha chiamato in causa dichiarando di volerne conoscere “la reale volontà”, in sede di interpello ha formulato parere negativo, ma ciò non è stato e non è sufficiente a scongiurare l'esito nel senso che interessa alla Società proponente.

Inoltre anche nel caso di autorizzazione VIA la stessa Società potrebbe, al limite, anche procedere all'espropriazione di aree esterne al nucleo industriale interessato, sussistendo l'interesse generale.

Infine ARAP precisa che, qualora non vi fosse approvazione e sussistesse altro soggetto interessato all'area, ARAP sarà libera da ogni impegno.

Pubblicato in Politica

Pescara. Nuove risorse finanziarie per 29 milioni di euro di progetti presentati destinate alle scuole regionali saranno garantite dal Piano operativo nazionale (PON) dei fondi strutturali di competenza ministeriale. È quanto emerso nell'incontro pubblico che l'assessore all'Istruzione Marinella Sclocco ha avuto con i dirigenti scolastici di tutte le scuole abruzzesi, che nei prossimi mesi saranno chiamate ad elaborare progetti per migliorare l'offerta didattica e educativa delle singole scuole. L'incontro per l'annuncio dei fondi del PON è stata l'occasione per la presentazione ufficiale del nuovo direttore generale dell'Ufficio scolastico regionale, Antonella Tozza.

"Alla nuova responsabile regionale - ha esordito l'assessore Sclocco - ho augurato buon lavoro ma soprattutto ho detto che l'assessorato e la Regione, per quanto nelle loro competenze, saranno al fianco dell'Ufficio regionale per agevolare la crescita scolastica e culturale dell'Abruzzo". "L'incontro di oggi - ha dichiarato il neo direttore generale dell'Usr Abruzzo - è un'occasione preziosa per tutta la scuola abruzzese di confrontarsi sulle opportunità offerte dai Pon. L'accesso all'utilizzazione di risorse economiche aggiuntive consente infatti alle scuole di potenziare le dotazioni tecnologiche, di migliorare gli ambienti di apprendimento, di favorire processi di innovazione didattica e metodologica. L'obiettivo - ha concluso il direttore Antonella Tozza - è quello di migliorare il livello delle conoscenze, delle competenze dei nostri studenti per offrire loro le chiavi interpretative per 'leggere' il loro tempo attraverso il potenziamento del problem solving, del pensiero critico e dello spirito di imprenditorialità e per rispondere al meglio alle sfide del XXI secolo". In questo senso, l'assessore Sclocco ha fatto il punto di tre anni di programmazione dell'ente regionale in materia scolastica.

"Sul miglioramento dell'offerta e la crescita della scuola - ha detto - la Regione ha investito negli ultimi tre anni circa 25 milioni di euro che sono serviti per incrementare la dotazione digitale delle scuole, l'allestimento dei laboratori delle scuole superiori e medie, per finanziare i progetti sociali con la misura Scuola aperta e inclusiva, avviare nuovi percorsi d'istruzione e formazione obbligatoria. Questi sono solo alcuni dei passaggi di tre anni di programmazione; e non è un caso - ha concluso l'assessore all'Istruzione - se in materia di fondi strutturali dell'FSE proprio il settore dell'istruzione è quello che ha speso di più in regione".

Pubblicato in Politica

Pescara. La Regione sta accelerando per portare nel più breve tempo possibile ad approvazione la proposta di legge n. 206/2016, recante “Disposizioni per l’istituzione del Comune di Nuova Pescara”.
Al riguardo è il consigliere regionale Camillo D’Alessandro a informare che “si è già provveduto a richiedere l’iscrizione del Pdl all’ordine del giorno della prima seduta utile della Commissione consiliare competente, ai sensi del regolamento interno, e che nel giro di due sedute di Consiglio regionale si mira a portare la legge all’approvazione”.
Il progetto - depositato su iniziativa del Presidente Luciano D’Alfonso - dà seguito all’esito del referendum consultivo regionale del 25 maggio 2014 attraverso l’ottimizzazione del processo di fusione dei Comuni di Pescara, Montesilvano e Spoltore, e contiene al suo interno un cronoprogramma dettagliato pronto a partire immediatamente, una volta ottenuta l’approvazione in Consiglio Regionale.
“Secondo il progetto di legge – spiega D’Alessandro – la Nuova Pescara partirà il 1° gennaio 2019, allontanando il pericolo di una fusione a freddo e immaginando un processo che non comporti ricadute negative per imprese e cittadini nella qualità e nei costi dei servizi. Sarà l’Assemblea congiunta dei tre Consigli comunali a sovrintendere all’attuazione del processo di fusione e a predisporre, attraverso un’apposita Commissione eletta al suo interno, lo Statuto provvisorio del nuovo Comune”.
Un ruolo fondamentale è riconosciuto al Comitato ristretto per il processo di fusione, da istituirsi entro 30 giorni dall’approvazione della legge, composto dal Presidente della Regione e dai Sindaci dei tre comuni, assistiti dai funzionari delle amministrazioni e da esperti, che potrà certamente avvalersi del contributo dei Comitati nati sul territorio. “Il Comitato per la fusione – commenta il consigliere – avrà il compito di predisporre il Programma generale per la fusione, sottoposto all’approvazione dei Consigli comunali, in cui saranno disciplinate le indicazioni operative per avviare da subito l’integrazione di funzioni e servizi tra i tre Comuni ed il loro allineamento istituzionale”.
Il PDL riserva opportuna attenzione alle materie afferenti alla pianificazione territoriale e all’urbanistica; alle grandi infrastrutture; al ciclo dei rifiuti; al ciclo idrico; al trasporto pubblico locale; all’approvvigionamento energetico; alla promozione turistica; alla gestione delle reti; alla logistica del commercio; alla tutela ambientale; ai servizi e alle politiche sociali; ai servizi scolastici. Ancora D’Alessandro: “Il programma generale per la fusione dovrà contenere anche misure per l’organizzazione del personale e degli uffici; la creazione di una centrale unica di committenza e gestione dei contratti; la standardizzazione e la unificazione di reti e sistemi informatici; la progressiva integrazione di servizi demografici, polizia locale, riscossione tributi, patrimonio; l’armonizzazione dei bilanci. Si costituisce inoltre un Osservatorio regionale tecnico incaricato di monitorare l’intero processo, con una Relazione conclusiva di fattibilità, da trasmettere ai consigli comunali entro il 31 marzo 2018”.
“Come è possibile dedurre - aggiunge il consigliere – la proposta contiene già al proprio interno tutti gli elementi funzionali alla nascita della Nuova Pescara, secondo un cronoprogramma dettagliato già scandito. La gradualità deve essere uno dei principali tratti distintivi di un razionale processo di fusione. Gradualità che comunque non può tralasciare di segnare risultati positivi immediati in relazione all’esercizio congiunto di funzioni e di erogazione condivisa dei servizi da parte dei tre Comuni coinvolti. Non siamo affatto di fronte ad un’elusione del risultato del referendum. Si tratta invece di una fusione differita, che le norme e la giurisprudenza consentono, e che trova conferma nelle esperienze di altre realtà. Si tratta di un tempo assolutamente ragionevole, tenendo conto che non ci sono precedenti in Italia, nella storia recente, di fusioni di Comuni con queste dimensioni, e che le stesse normative nazionali sono state immaginate e scritte per processi di fusione relativi a piccoli comuni. Considerata la complessità dei problemi che gravitano introno all’argomento, legati soprattutto alla necessità di “far convergere” grandi strutture amministrative già esistenti, e atteso inoltre il vincolo previsto nelle proposte di legge di procedere immediatamente alla condivisione dell’esercizio di attività e servizi qualificanti, il procedimento delineato appare più che congruo. Un procedimento di tale complessità non può certamente essere portato a compimento prescindendo dalla collaborazione degli enti comunali coinvolti, rispetto ai quali la legislazione regionale incontra dei limiti di competenza a vantaggio della norma nazionale. Ora è essenziale approvare il PDL affinché le fasi operative ivi previste partano immediatamente”.

Pubblicato in Politica

Pescara. Dopo il Festival Mondiale della Robotica di 2 settimane fa, Pisa è stata centro mondiale di un evento ricco di gente che si occupa di mente e di coscienza. Il convegno si è svolto in 3 sessioni incentrate sui rapporti che la Scienza della Mente ha sia con la Meccanica Quantistica, che le Neuroscienze e la Filosofia.
Impreziosito dalla presenza di Richard Gere - attore buddhista con un vivo carisma che ha incantato tutti con il suo speech - l’evento è stato presieduto dalla massima autorità di una tradizione millenaria, il XIV Dalai Lama, Tenzin Gyatso, a cui il Rettore della Università di Pisa, Paolo Mancarella, ha conferito la Laurea Honoris Causa in Psicologia Clinica e della Salute (www.unipi.it).
Generato dalla Convenzione tra l’Università di Pisa (UniPi) e l’Istituto Lama Tzong Khapa (ILTK) del febbraio 2016, il convegno The Mindscience of Reality ha voluto espandere gli ambiti delle Neuroscience, favorendo la cooperazione fra culture, esperienze e metodologie diverse che studiano i processi mentali per migliorare il benessere personale e sociale. I principali processi da esplorare in modo integrato per arricchire la nostra conoscenza sono: Interazione con la realtà esterna, Percezione, Training, Controllo, Consapevolezza, Sviluppo di Potenzialità. Su tali temi, oggi, chi studia la mente valuta 2 approcci fra loro complementari: quello delle Scienze Occidentali e quello delle Tradizioni culturali d’Oriente. Da qui la necessità di creare luoghi di incontro tra la filosofia/psicologia del buddhismo (ad es. analisi in prima persona dei processi mentali, introspezione, meditazione, concentrazione, ecc.) e la filosofia/scienza occidentale (ad es. analisi in seconda e terza persona del comportamento umano, vista in chiave psicologica, psichiatrica, psicofisiologica, neurofisiologica e neuro-scientifica).
Fra i tanti dell’evento pisano, anche la Puglia era presente, in primis con il Prof. Sergio Salvatore, psicologo dell’Università del Salento, invitato per i suoi studi e i suoi libri di rilievo internazionale. Infatti, un obiettivo dell’evento era quello di far emergere domande di ricerca a cui si potrà rispondere solo con la guida di project leader competenti, con giovani motivati a far ricerca e con protocolli ben congegnati. La sinergia fra studiosi e discipline darà certamente buoni frutti, anche per comprendere il ruolo della mente in tante patologie umane, incluse quelle cardiache, che spesso sono la punta di un iceberg.
La Psico-Cardiologia, sogno condiviso con il pioniere della Psicologia pisana, il compianto Prof. Mario Guazzelli - il cui ultimo allievo, Prof. Angelo Gemignani ha organizzato The Mindscience of Reality - riceverà luce intensa dagli studi sulla mente, così come impostati in questo convegno che ho seguito con attenzione, anche in memoria dell’amico scomparso, dice il Prof. Alessandro Distante, già docente pisano e presidente dell’istituto scientifico biomedico ISBEM di Mesagne. Peraltro, ILTK e UniPi conducono in sinergia didattica e scientifica il Master “Neuroscienze, Mindfulness e Pratiche Contemplative” per studiare i correlati psicofisiologici delle pratiche meditative con i loro effetti mentali e corporei. È una vera opportunità per giovani e senior che vogliono arricchire le proprie conoscenze, con la formazione continua (lifelong learning), seguendo approcci praticabili anche in periferia, come quelli dei Monasteri del 3° Millennio (www.isbem.it/m3m).

Tematiche del Convegno The Mindscience of Reality e Domande di Ricerca Scienza della Mente e Meccanica Quantistica
1. Recentemente è stato ipotizzato che il funzionamento di determinate strutture biologiche sia governato da fenomeni quantistici. Quali evidenze abbiamo che anche il funzionamento di alcune strutture cerebrali sia regolato dalle leggi della Meccanica Quantistica?
2. Cosa cambierebbe nella Scienza della Mente e nelle Neuroscienze se si dimostrasse che alcuni processi cerebrali sono governati da fenomeni quantistici?
3. Quali nuove risposte potrebbero essere date al problema della interazione Mente/Corpo?
4. Quali modelli di Coscienza alternativi potrebbero essere (oppure sono già stati) formulati?
5. Potrebbe la Coscienza essere considerata come una sorta di variabile nascosta da aggiungere alla teoria quantistica per una descrizione più completa della realtà? Scienza della Mente e Neuroscienze a confronto
6. È possibile ridurre la coscienza alla complessità delle reti neurali?
7. Un pensiero cosciente è frutto di un meccanismo di auto-organizzazione “volontaria” dell’attività neurale?
8. Da cosa è guidata l’auto-organizzazione “volontaria” dell’attività neurale?
9. Se l’elaborazione di stimoli sensoriali è il risultato di una serie di filtri dipendenti da strutture neurali organizzate gerarchicamente, qual è il vero impatto di stimoli ambientali non fisiologicamente percepibili, e quindi non filtrati, sulla mente e le sue funzioni?
10. Negli stati non ordinari/alterati di coscienza (sonno senza sogni, meditazione profonda, coma ecc.) l’assenza di un comportamento fenomenologicamente osservabile associata ad alterazioni funzionali od organiche delle strutture nervose o della complessità di rete neurale, è sufficiente per determinare una relazione causale tra cervello e coscienza, o per negare la presenza della coscienza stessa? Scienza della Mente e Filosofia
11. Identità, Percezione, Comprensione, Libero Arbitrio: queste categorie dell’essere, possono essere spiegate in termini meccanicistici?
12. La Coscienza è riducibile in toto alla Materia e la Vita ad una Macchina?
13. È ancora valida l’affermazione di Jakob Moleschott: “Niente fosforo, niente pensiero”?
14. Cartesio aveva ragione?
15. Le macchine e i computer possono essere coscienti?
16. Possono percepire e comprendere la Realtà?
17. Esiste una “Coscienza distribuita” e/o una “Mente distribuita”?
18. E’ possibile sapere come un’altra persona o un altro essere vivente percepisce la realtà?
19. Quali sono le risposte a questi quesiti date dalla Filosofia Occidentale e dalle tradizioni Orientali?

Pubblicato in Cultura e eventi

Lecce. Come sempre densa d’attesa la vigilia di due prestigiosi Premi che giungono all’epilogo in questo fine settembre a Gallipoli e Galatone, due perle del Salento che affidano anche all’universale messaggio dell’arte e della letteratura, oltre che alle bellezze architettoniche e naturali, il proprio futuro. Due Premi internazionali, l’uno artistico, l’InternationalArt Gallipoli 2017, l’altro letterario di Poesia e Prosa“Città del Galateo”, entrambi nel segno del progetto “La Catena della Pace”, con il quale l’Associazione internazionale VerbumlandiArt, guidata dall’infaticabile Regina Resta,da alcuni anni va investendo un forte impegno sui valori della Pace e del dialogo tra Culture, in Italia e all’estero, grazie a collaborazioni e partenariati di assoluto rilievo.“L’Associazione culturale VerbumlandiArt- annota la presidente Regina Resta - si fa portavoce dei valori culturali delle varie nazioni, dei loro sentimenti di pace che, nel rispetto delle rispettive identità culturali, possono nascere soltanto dall’empatia tra diversità e dal dialogo con l’altro. VerbumlandiArt infatti,con il progetto “LaCatena della Pace”, vuole offrireefficaci stimoli per la formazione di persone d’una società sempre più aperta e multiculturale, che viva in un clima di pace e di dialogo continuo. La Cultura della Pace, oggi, deve uscire dall’intimità individuale e diventare fenomeno sociale e comunitario, promuovendo centri di aggregazione – quale appunto vuole essere la “Catena della Pace” – in cui si possa vivere la diversità etnica, religiosa e culturale come una ricchezza e non come problema. Deve pertanto poter formare nuovi ‘cittadini del mondo’ che siano in grado di affrontare e governare, con sapienza ed apertura, i problemi generati dalla convivenza di culture, religioni e convinzioni politiche diverse”. Questa, in pillole, la filosofia che anima VerbumlandiArt, con le numerose attività che promuove e realizza in Italia e all’estero, in collaborazione con associazioni culturali che sui medesimi valori di fondo basano le loro finalità statutarie.

Necessaria questa premessa per entrare nello spirito dei due Premi internazionali che avranno il loro epilogo venerdì 29 settembre l’International Art Gallipoli 2017, poi sabato 30 il Premio internazionale di Poesia e Prosa “Città del Galateo”, alla sua 5^ edizione, insignito della Medaglia del Presidente della Repubblica. Ma andiamo con ordine. Si era inaugurata il 3 settembre scorso nel Castello Angioino di Gallipoli la rassegna internazionale d’arte contemporanea “Premio International Art Gallipoli 2017”,organizzata da VerbumlandiArt e dalla Pro Loco di Caserta. Il Premio, legato al progetto “La Catena della Pace”, è stato coniugato sui temi “Pace,Ambientee Legalità”. L’esposizione, dal 16 settembre, dal Castello Angioino si è spostata al vicino Hotel Bellavista Club, dove si terrà l’evento conclusivo con la consegna dei riconoscimenti agli Artisti vincitori, valutati da una Giuria composta da prestigiose personalità: Luca Filipponi, presidente di Spoleto Festival Art; HafezHaidar, scrittore e docente all’Università di Pavia, candidato al Premio Nobel per la Pace; Carmen De Stasio,saggista e critica d’arte; Angelo Sagnelli, poeta, esperto d’arte e critico letterario, presidente di Spoleto Festival Art Letteratura; Giovanni Vinciguerra, direttore di Galleria d’arte; Wojtek Pankiewicz, docente Università di Lecce; Sashia Piccolo, critica d’arte.Dell’evento sarà Ospite d’onore l’artista fiorentino Luca Alinari.

L’organizzazione generale dell’evento, curata daVerbumlandiArt e dall’associazionePro Loco di Caserta, si è avvalsa della presidenza di Regina Resta e della direzione artistica di Carlo Roberto Sciascia, con la preziosa collaborazione di Carlo Solidoro, Guido Vaglio e Ottavia Patrizia Santo. Il programma del 29 settembre prevede, alle ore 17 presso il Bellavista Clubdi Gallipoli, la Premiazione degli Artisti vincitori e alleore 18 la consegna dei Premi alla Carriera. Alle ore 19 segue un importante appuntamento culturale con Amedeo Postiglione, giudice emerito della Suprema Corte di Cassazione e autore del volume "I diritti dell'uomo nell'Islam", che dialogherà con HafezHaidar e Carlo Alberto Augieri (Università di Lecce), moderatore il giornalista Vincenzo Sparviero della Gazzetta del Mezzogiorno. La serata si concluderà con i musicisti Stefano De Florio, Paolo Vantaggiato e la sua band, e con i versi di Bruna Caroli e Anna Maria Colomba.

Intensa la giornata del 30 settembre a Galatone, quando il Premio di Poesia e Prosa “Città del Galateo” assegnerà i riconoscimenti ai vincitori. Organizzato da VerbumlandiArt e dall’Associazione culturale “Valori e Rinnovamento” di Lecce, presieduta da Wojtek Pankiewicz, il prestigioso Premio, oltre che dall’Italia, ha visto la partecipazione di diverse centinaia di autori da molti Paesi del mondo (Argentina, Cina, India, Tunisia, Vietnam, Iraq, Croazia, Bosnia Erzegovina, Serbia, Montenegro, Slovenia, Macedonia). Il Premio è intitolato al grande umanista e scienziato salentinoAntonio de Ferrariis (Galatone, 1444 – Lecce, 1517), detto il Galateo, una delle personalità intellettuali più significative del periodo rinascimentale.

Ricca di particolarità e suggestioni la giornata del 30 settembre. Ospite d’onore l’insigne scrittore e poeta di origine libanese HafezHaidar, da molti cittadino italiano, che ha dedicato la propria vita alla causa della Pace e del dialogo interculturale e tra religioni (cristiana, islamica ed ebraica). E per questo candidato al Nobel per la Pace.La giornata conclusiva del Premio inizia alle 9:30 con un percorso poetico nel borgo antico di Galatone, protagonisti i poeti insigniti del riconoscimento. A mezzogiorno, nella Torre Belmonte Pignatelli, si svolgerà la cerimonia di consegna del Premio ai vincitori edegli altri riconoscimenti e segnalazioni di merito.La Giuria del concorso letterario, composta da HafezHaidar, Carlo Alberto Augieri, Luigi Grasso, Anna Colaci, Mirjana Dobrilla, Annella Prisco, Carmen Moscariello, Lorenzo Spurio, ha già diffuso le classifiche delle varie sezioni del Premio. Qui, per brevità, si riportano i nomi dei soli vincitori primi assoluti: Enzo Bacca per Tempusfugit(Poesia a tema), Dorotea Matranga per Antonio de Ferrariis Galateo (Saggio a tema), Gabrielle De Rosa per Cosa sei? (Poesia Giovani a tema), Enrico Del Gaudio per I fanciulli del Bataclan (Poesia Adulti a tema libero), Domenico Ruggiero per La scena delle ombre perdute (Silloge Adulti), Lidia Popolano per Rotto (Racconto Adulti), Sara Donadei per Big Ben (Poesia Giovani), Vittoria Cimino per L’arte della recitazione (Silloge Giovani), Marika Stapane per Il fiore di primavera (Racconto Giovani). Nella Sezione Libri editi, questi i primi classificati: ex aequoVito Adamo (Antica terra, Lupo editore) e Elvio Angeletti (Refoli di parole, Intermedia Edizioni); nella Sezione Romanzo, Valentina Perrone (Memorie di Negroamaro, Edizioni Esperidi); nella Sezione Saggio, Fabio Squeo (L’altrove della mancanza nelle relazioni di esistenza, Edizioni Bibliotheka).

Nella Sezione Poesia in lingua straniera, questi i poeti primi classificati per Paesi: MilojkaJELOVAC(Montenegro), Refika DEDIĆ (Bosnia Erzegovina), Zdravko ODORČIĆ (Croazia), BobanBoki PAUNOVIĆ (Serbia). Nella Sezione Poesia in lingua inglese la Giuria ha ritenuto meritevoli ex aequo, classificandoli al primo posto, i seguenti Poeti di varie nazionalità: Volkan HACIOĞLU, Mesut ŞENOL, Nisa LEYLA, Fethi SASSI, Mai VAN PHAN, Ali AL-HAZMI, Neval SAVAK, Tzemin ITION TSAI, Malek SALEH, SethiKrishan CHAND. Nella Sezione Prosa in lingua straniera, questi i primi classificati per Paesi: Mirsada BIBIĆ ŠABOTIĆ (Montenegro), Nedeliko TERZIĆ (Serbia), Nada VUČIČIĆ (Croazia), Joze BRENČIČ (Slovenia), Biljana BILJANOVSKA (Macedonia), Ana CALIYURI (Argentina).

Il Premio “Città del Galateo” si concluderà con la Serata di Gala “Tutti insieme per la Pace”, presso il Teatro comunale di Galatone. Uno straordinario parterre è previsto scorrendo la lunga lista degli ospiti, delle autorità istituzionali del Governo, del Parlamento, della Regione Puglia, del mondo accademico, culturale e diplomatico, in primis IlijaZelalic,Ambasciatore della Croazia in Italia, - che sarà l’Ospite d’onore della Serata -,quindi Rosa Alò, Console di Croazia per le regioni Puglia e Basilicata, e Vittorio Giorgi, Console onorario dell’Uzbekistan in Campania. Condurranno la serata Giovanna Politi, poetessa e scrittrice, e il giornalista Giovanni Sparviero. Nel corso della manifestazione saranno consegnati Riconoscimenti alla Carriera ad alcune Personalità e conferitoil Premio Speciale della Critica letteraria ai seguentiautori - scrittori e poeti - per il particolare valore delle loro opere: Valeria Siclari, SlavicaPejovic,Maria De Giovanni, BorisavBlagojevic, Francesco Staglianò, Domenico Polito e Goffredo Palmerini. La serata proseguirà con la musica, con la cantautrice Federica Palma e la soprano Mariagrazia Vantaggiato Terragno, e con i musicisti Stefano De Florio, Paolo Vantaggiato, Federico e Giorgio Sergi. Infine con la danza, con performance affidate a Deborah Congedo, Giada D’Amico, Giorgia Caputo, Sara e Francesca Spano, per le Coregografie di Dario De Leo.

Viva soddisfazione ha espresso Regina Resta, presidente di VerbumlandiArt, per la vasta eco suscitata dalle iniziative promosse dall’associazione nell’ambito del progetto “La Catena della Pace”. Tra le iniziative più significative il Premio “La voce dei poeti” tenutosi a Lecce, il Premio d’arte poesia e prosa “Caserta 2017 – Catena della Pace”, la missione di una delegazione VerbumlandiArt in Serbia nel maggio 2017, su invito dell’Associazione culturale “Majdan” presieduta dalla poetessa SlavicaPejovic, con la sottoscrizione di un protocollo di collaborazione. Infine ieri a Soleto, in provincia di Lecce, l’evento “Soleto incontra HafezHaidar” nella quale l’insigne scrittore, candidato al Nobel per la Pace, ha incontrato nella mattinata gli alunni della locale Scuola secondaria, presentando “Le mille e una notte”, nella sua traduzionesugli antichi testi curata per la Mondadori, diventata un grande successo editoriale. A sera, infine, presso il Centro Anziani HafezHaidar ha presentato il volume “Donne che urlano senza essere ascoltate” di KahlilGibran, curato dallo stesso Haidar, che è uno dei maggioristudiosi al mondodelle opere di Gibran(Bsharre, 1883 – New York, 1931), grande poeta pittore e filosofo libanese. All’evento, moderato da Enza Miceli, hanno partecipato il sindaco di Soleto, Graziano Vantaggiato, gli assessori alla Cultura Davide Cafaro e alle Pari Opportunità Dori Mengoli, eRegina Resta. Le presentazioni dei due volumi sono stati ulteriori tasselli di dialogo tra culture, che hanno fatto la storia delle civiltà. Un contributo significativo all’affermazione del valore della Pace, fondato sulla conoscenza e sul reciproco rispetto, alla base del progetto “La Catena della Pace”.

Pubblicato in Cultura e eventi
Venerdì, 29 Settembre 2017 00:00

Balducci replica a Febbo su Masterplan e fondi UE

L'Aquila. "La percentuale di avanzamento del Masterplan a 14 mesi dall’approvazione della delibera con cui il Cipe ha assegnato le risorse, avvenuta il 10 agosto 2016, è pari al 20%, un dato che pone l’Abruzzo ad un +2% rispetto allo stato di avanzamento programmato dal Governo al 31/12/2017 (18%)".

Così in una nota Alberto Balducci, vicecapogruppo del PD in Consiglio regionale, che aggiunge: "Nel dettaglio, sono stati avviati 14 interventi dei 368 totali, per un importo complessivo di 301.229.228,96 euro, mentre altri 96 sono stati inseriti nel sistema informatico ministeriale per ricevere l’anticipo del 10% entro il 30 ottobre prossimo.

Tra gli interventi più significativi già avviati si segnalano il completamento della Fondo Valle Sangro – giunto alla fase della scelta del contraente, che apprenderemo a giorni – quello sull’aeroporto di Pescara (riqualificazione area landside e airside), che è stato ultimato, e il taglio della diga foranea di Pescara, le cui attività propedeutiche all’impianto del cantiere sono già in corso.

Per quanto riguarda i fondi europei, alla data odierna sul FESR (dotazione 222 milioni) sono stati pubblicati avvisi per 93,4 milioni ed entro il 31 dicembre verranno messi a bando altri 33,8 milioni. In merito al FSE, la cui dotazione è di 142,5 milioni, sono stati pubblicati avvisi per 32,2 milioni ed entro il 31 dicembre verranno messi a bando altri 33,6 milioni. Nell’ambito del FEASR (dotazione 308,4 milioni) sono stati messi a bando 191,5 milioni.

Dica piuttosto Febbo che fine ha fatto il “suo” Masterplan, quello che la Giunta Chiodi (di cui lui era assessore) ha approvato con delibera n. 45 dell’8 febbraio 2010 intitolata “Master Plan degli interventi diretti a favorire la ripresa produttiva della Regione Abruzzo” e che è rimasto lettera morta".

Pubblicato in Politica

Fossacesia. Il Consiglio Comunale di Fossacesia richiede l’intervento urgente del Governo per il caso Honeywell. “La questione è nazionale” – questo è quanto si legge nella nota che il Sindaco di Fossacesia, Enrico Di Giuseppantonio, ha trasmesso al Presidente del Consiglio dei Ministri, al Ministro per lo Sviluppo Economico ed al Presidente della Regione Abruzzo, chiedendo che la questione Honeywell assuma carattere di rilevanza nazionale per l’impatto sociale ed economico che avrà su tutto il territorio regionale. Nel corso del Consiglio Comunale di ieri, è stato infatti approvato all’unanimità un documento a sostegno della questione Honeywell, che da giorni è sulle pagine di cronaca per i previsti licenziamenti dei 420 dipendenti, a causa di un trasferimento dell’azienda all’estero. Nel documento, in cui inoltre si esprime solidarietà per tutti i lavoratori e le loro famiglie, il Consiglio Comunale fa specifica richiesta al Presidente del Consiglio dei Ministri, al Ministro per lo Sviluppo Economico ed al Presidente della Regione Abruzzo, di elevare la questione a carattere nazionale, poiché la chiusura della Honeywell rappresenta uno spaccato della situazione economica che l’Italia sta vivendo in questo periodo, con il trasferimento all’estero di molte aziende. La Honywell, che produce turbocompressori per automobili e veicoli commerciali di molti marchi, ed i cui dipendenti hanno raggiunto un elevato livello di professionalità, è una azienda della Val di Sangro ed uno dei più importanti indotti della Sevel. Da quanto si apprende dai Sindacati, l’azienda, pur avendo sino ad oggi adottato ogni ammortizzatore sociale, ha deciso comunque di trasferirsi all’estero, cosa che ovviamente comporterà il licenziamento di tutti i 420 dipendenti, oltre ad un’ottantina dell’indotto. “Pur non potendo entrare nel merito – dichiara il Sindaco di Fossacesia, Enrico Di Giuseppantonio – ci siamo sentiti in dovere di dichiarare pubblicamente la nostra solidarietà a tutti i lavoratori della Honeywell ed alle loro famiglie che rischiano il licenziamento, anche perché ad oggi l’azienda non ha chiarito pubblicamente le ragioni del proprio trasferimento, restando di fatto in silenzio di fronte alle proteste delle maestranze, dei sindacati ed alle richieste della Regione Abruzzo e delle istituzioni locali. E’ anche per questa ragione che a questo punto è necessario l’intervento del Governo, perché non si può pensare che il mandare a casa 420 persone possa restare una mera questione locale, ma è lo specchio di una politica industriale che non riesce ad essere vicina ai cittadini".

Pubblicato in Politica

Francavilla al Mare. Ultimi giorni per visitare la mostra allestita al museo Michetti "Nella Gioia del Sole, Michetti e il Cenacolo di Francavilla". Fino a domenica 1 ottobre, infatti, sarà possibile visitare la prestigiosa mostra realizzata dal Comune di Francavilla in collaborazione con il Polo Museale dell'Abruzzo, curata dalla Direttrice del Polo Museale Lucia Arbace. L'iniziativa culturale ha accolto in questi mesi il gradimento di oltre 2mila visitatori, che hanno potuto godere in maniera approfondita di tutte le sfaccettature che caratterizzarono il Cenacolo michettiano. Domenica, ultimo giorno di apertura, coincide con la prima domenica del mese ed anche il Museo Michetti di piazza San Domenico aderisce all'iniziativa proposta dal Mibact "Domenica al museo", per la quale tutti i musei italiani apriranno le loro porte gratuitamente per tutti i visitatori.
"Esprimo soddisfazione per l'iniziativa culturale che si sta per chiudere", commenta il Sindaco Antonio Luciani, che è anche assessore alla Cultura, "l'apprezzamento avuto ed il successo di pubblico per un'iniziativa così prestigiosa testimoniano come la cultura sia un potente attrattore, veicolo di turismo per un target molto variegato ed appassionato. Siamo intenzionati a proseguire questo percorso virtuoso, e lo faremo continuando ad ospitare mostre prestigiose all'interno del Museo Michetti ed anche portando avanti il processo di riqualificazione della Fondazione Michetti, che ha nel nuovo Presidente Carlo Tatasciore un punto di riferimento e molte prospettive".
Domenica pomeriggio, alle ore 17.30 al teatro Michetti a Tocco Da Casauria, città natale dell'artista del Cenacolo, si terrà un incontro di presentazione del catalogo della mostra proposta al Mumi. Ai saluti del sindaco di Tocco da Casauria Riziero Zaccagnini seguiranno gli interventi della dottoressa Arbace, dell'esperto Marzio Maria Cimini con un intervento dell'attrice e studiosa Franca Minnucci.

Pubblicato in Cultura e eventi

Pescara. Al contrario di quanto si possa pensare, stando alle recenti notizie di stampa, la Provincia di Pescara si è prontamente attivata per il risanamento ambientale dell’area ex Montecatini in Bolognano, località Piano d’Orta, dove un tempo operava una fabbrica di acido solforico per concimi, e oggetto di un recente esposto in Procura e alla Corte dei Conti da parte del Movimento 5 Stelle.
Per l’area, inclusa nel Sito di Interesse Nazionale (S.I.N., denominato “Bussi sul Tirino”), ricadente anche all’interno del territorio del Comune di Bolognano, la Provincia di Pescara, nel settembre del 2015, ha emanato una ordinanza nei confronti di Edison S.p.a. per l’avvio delle procedure prescritte dal cd. Codice dell’Ambiente.
L’istruttoria compiuta dagli Uffici provinciali ha indotto Edison S.p.a. ad attivarsi per dare esecuzione a quanto prescrittole dall’amministrazione. Si ricorda, altresì, che la Provincia ha contestato l’impugnativa proposta dalla stessa Edison dinanzi al TAR di Pescara; la società, di fronte alle puntuali e rigorose contestazioni dell’Avv. Matteo Di Tonno, incaricato dalla Provincia, ha rinunciato alla discussione del ricorso.

Lo stato delle attività vede, attualmente, il doveroso completamento delle cd. indagini belliche – per la ricerca di eventuali residuati – di competenza del Genio Militare cui spetta il rilascio del relativo nulla-osta.
Pertanto, parlare di misure di sicurezza inesistenti o inadeguate ovvero, ancora, di omissioni, errori e ritardi da parte delle amministrazioni competenti non tiene conto della reale evoluzione dei fatti ed, anzi, testimonia una scarsa conoscenza dei complessi iter procedurali da rispettare, determinando un allarme nella popolazioni interessate.
Anche per le aree esterne al S.I.N. – come a suo tempo circoscritto dal Ministero – l’Amministrazione provinciale si è attivata con la notifica di avvio delle procedure imposte dalla normativa di settore: riguardo al loro esito, si procederà eventualmente step by step, senza clamori e sensazionalismi, con misurazioni oggettive e dati certi ed attuali, così da ripetere con successo quanto ottenuto per l’area del vecchio stabilimento.

E’importante precisare che, nel caso concreto, parlare di un obbligo di bonifica appare tecnicamente improprio trattandosi, questa, di un’attività che costituisce l’extrema ratio cui far ricorso solo in presenza di determinate condizioni di inquinamento, tanto da essere stata applicata in Italia solo in rari ed eccezionali casi: la normativa prevede, invece, una serie di ulteriori interventi ugualmente ritenuti idonei a garantire la sicurezza dei luoghi e della salute, quali il monitoraggio del piano di caratterizzazione, la messa in sicurezza permanente o operativa, la riparazione e ripristino ambientale. E per questo di attività è competente la Provincia, che, appunto, ha provveduto affinché la Edison le svolga.

“Il risultato dell’amministrazione provinciale, con l’applicazione puntuale, prudente e discreta delle procedure amministrative – afferma Antonio Di Marco - può senza dubbio costituire un motivo di orgoglio e fiducia per l’intera comunità pescarese e per tutti coloro che hanno veramente a cuore la tutela dell’ecosistema: l’avvio dei lavori nell’area ex Montecatini costituisce l’esempio concreto degli obbiettivi raggiunti da un’amministrazione virtuosa che, anche nella ristrettezza delle risorse finanziarie, rappresenta un punto di riferimento nell’attuazione delle politiche ambientali”.

Pubblicato in Politica

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Notizie Recenti

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione