Articoli filtrati per data: Settembre 2017
Giovedì, 28 Settembre 2017 00:00

L’Aquila, pranzo di beneficenza pro Venezuela

L’Aquila. Un pranzo a favore del Venezuela quello organizzato da don Manuel Enrique Cepeda Pino per il 22 ottobre prossimo,presso l’Hotel Canadian a L’Aquila. Dopo aver ricevuto una lettera contenente una richiesta d’aiuto da parte di una parrocchia di Maracaibo, in Venezuela, il sacerdote si è immediatamente attivato per aiutare i propri connazionali inviando aiuti nelle zone disagiate. Secondo quanto riportato nella suddetta lettera, la situazione sarebbe veramente molto grave. I giovani lavorano ma molto spesso non riescono a portare il pane a casa, gli anziani soffrono poiché non possono invecchiare dignitosamente e molte persone muoiono per mancanza di medicine. Una situazione questa, che sta alla base dell’evento del 22 ottobre, il cui incasso verrà interamente devoluto ai bisognosi del Venezuela.
Il pranzo avrà luogo presso l’Hotel Canadian a L’Aquila intorno alle 13 e il costo è di 30 euro. Per coloro che volessero fare un’offerta libera dopo il pranzo, vi sarà una scatola in cui inserirla a propria discrezione.
Per ulteriori info e prenotazioni è possibile contattare il seguente numero: 0862/317402. L’Hotel Canadian si trova sulla S.S. 17 (loc. Casermette). Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Pubblicato in Cultura e eventi

Francavilla al Mare. Il Centro Sociale di Contrada Valle Anzuca apre le porte in occasione della Festa dei Nonni, per accogliere tutti gli over 65 che possano essere interessati alle attività ricreative proposte.
L'Amministrazione comunale, assessorato alle Politiche Sociali che fa capo al Vicesindaco Francesca Buttari, presenta l'open day del Centro Sociale sabato 30 settembre, dalle ore 15 alle 20. Sarà un'occasione per presentare l'offerta riservata agli over 65, che all'interno del Centro da tempo hanno la possibilità di frequentare laboratori , corsi di ginnastica, ballo, partecipare ad iniziative culturali e di divulgazione scientifica. La data scelta è in prossimità della Festa Nazionale dei Nonni, che cade il 2 ottobre: "Quale migliore invenzione dei nonni?", commenta l'assessore Buttari, "preziosi angeli dei nostri bambini, supportano noi genitori permettendoci di conciliare il nostro tempo di lavoro e di famiglia. E' necessario, inoltre, promuovere l'invecchiamento attivo, e promuovere stili di vita orientati alla cura di sé e alla socialita', anche per contrastare fenomeni sempre più frequenti di isolamento. Anche per questo facciamo conoscere le attività pensate per la terza età del Centro Sociale di Francavilla, un centro frequentato con passione da tanti nonni della nostra città nel loro tempo libero". L'iniziativa di sabato si svolgerà in collaborazione con l'Unicef, rappresentata a livello locale da Annarita Rocci. Per l'occasione la Onlus propone l'offerta per il "Braccialetto Unicef", per sostenere i bambini meno fortunati che si trovano nelle zone di guerra, per proteggerli dallo sfruttamento e dalle discriminazioni. L'Unicef, oltre che al Centro Sociale, sarà presente anche in piazza Sant'Alfonso per la stessa iniziativa, domenica 1 ottobre.

Pubblicato in Cultura e eventi
Giovedì, 28 Settembre 2017 00:00

I vini d'Abruzzo conquistano la Gran Bretagna

Pescara. Cinquanta etichette abruzzesi per far innamorare i palati inglesi. È stata questa la sfida del progetto “Abruzzo in 50 wines” organizzato dal Consorzio di Tutela Vini d'Abruzzo, in collaborazione con il Centro Estero delle Camere di Commercio d’Abruzzo, e cofinaziato dalla Regione Abruzzo con i fondi del Psr Abruzzo 2014-2020, che ha coinvolto da aprile a luglio 40 aziende vitivinicole sia sul territorio britannico sia nella nostra regione. E il risultato sembra raggiunto.
Per quattro mesi i 50 vini, selezionati alla cieca da un panel di esperti degustatori inglesi, sono stati i protagonisti indiscussi di numerose iniziative ideate con l'obiettivo di rinnovare l'interesse nei consumatori e nei buyers britannici verso le Doc abruzzesi (Doc Montepulciano d'Abruzzo, Trebbiano d'Abruzzo, Cerasuolo d'Abruzzo, Abruzzo e la Doc Villamagna).
«La Gran Bretagna - spiega Valentino Di Campli, presidente del Consorzio Tutela Vini d'Abruzzo – è stata scelta dal Comitato Marketing del Consorzio in quanto è tra i primi 5 Paesi al mondo per il consumo di vino. Si tratta di un mercato consolidato e in continua crescita nel quale ci auguriamo che le Doc abruzzesi possano trovare sempre più spazio. Per questo, anche per anticipare eventuali contraccolpi dovuti alla Brexit, abbiamo deciso di realizzare una serie di attività per rafforzare la posizione dei nostri vini».
Il progetto è stato articolato attraverso un fitto calendario di iniziative:
cene tematiche in location esclusive di Londra, riservati a buyer, sommelier e giornalisti, in cui la proposta gastronomica è stata studiata per esaltare gli abbinamenti con il Montepulciano d'Abruzzo, il Pecorino, il Cerasuolo d'Abruzzo e il Trebbiano d'Abruzzo.
eventi B2B e B2C: nella prestigiosa location della OXO Tower Wharf, sulle rive del Tamigi, lo scorso 31 maggio si è svolto l'Abruzzo Wine Show Case con incontri B2B tra le cantine abruzzesi coinvolte e circa 70 operatori (distributori, buyer e professionisti di settore). L'iniziativa è stata anche l'occasione per favorire la conoscenza delle Doc abruzzesi attraverso specifici seminari mentre la giornata si è conclusa con le degustazioni aperte ai consumatori finali. Il progetto di promozione dei vini abruzzesi ha incluso, sempre a Londra, l'installazione di due temporary bars: il primo in occasione del Festival del Food&Beverage di Blackheath e il secondo nell'importante piazza londinese di Paddington Central, adiacente l'omonima stazione ferroviaria, dove appassionati e curiosi hanno potuto degustare le 50 etichette selezionate.
incoming in Abruzzo: sei gruppi, per un totale di una trentina di persone tra buyer e giornalisti, hanno visitato ciascuna delle 40 aziende coinvolte nel progetto, raccontando tra l'altro, attraverso i social media, la propria esperienza nella nostra regione; un vero e proprio diario di viaggio consultabile ricercando il riferimento #abruzzowines.
pubblicazioni sulla stampa britannica cartacea e online.
Il bilancio del progetto realizzato attraverso il doppio binario di iniziative, in Gran Bretagna e in Abruzzo, è più che positivo, un dato confermato dal notevole interesse riscontrato da parte degli operatori, degli opinion leader, ma anche dei semplici consumatori. Soddisfatto, in particolare dell'incoming sul territorio regionale, Valentino Di Campli che aggiunge: «Uno dei principali impegni del Consorzio è proprio questo: valorizzare il felice connubio territorio/vino/cantine supportando le aziende e il sistema vitivinicolo regionale con azioni promozionali dal respiro internazionale. Oggi non vendiamo solo vino, proponiamo un territorio. Lo abbiamo fatto cercando di presentare al meglio le tante peculiarità che questa Regione è in grado di offrire. Un'azione resa possibile con il contributo fondamentale di tutte le aziende aderenti che hanno saputo raccontare l'Abruzzo in tutte le sue declinazioni».
«L’iniziativa “Abruzzo in 50 Wines” promossa dal Consorzio di Tutela Vini d’Abruzzo ha riscosso un grande successo oltremanica incarnando in pieno gli obiettivi della sottomisura 3.2 del PSR che, con una dotazione finanziaria di 1,5 milioni di euro (per l’anno 2017), sostiene le attività di informazione e promozione a favore dei prodotti a DOP, IGP e biologici e consente alle aziende di partecipare alle principali fiere di settore e realizzare importanti campagne nei principali mercati dell’Unione Europea», sottolinea l'assessore regionale all'Agricoltura Dino Pepe, «I dati confermano la rilevante crescita dell’export dei nostri vini che hanno registrato un +8% nel 2016 e +8% nel 2015. Il trend positivo è ancora più accentuato nel primo trimestre del 2017 dove la crescita registrata nei principali paesi raggiunge la doppia cifra, +10%. Il vino si conferma il migliore ambasciatore della nostra regione nel mondo e le attività presentate oggi dal Consorzio di Tutela sono azioni concrete che contribuiscono ad accrescere la visibilità e l’immagine dei nostri prodotti di eccellenza e della nostra regione e consentiranno alle imprese di esplorare nuovi mercati o rafforzare la loro presenza in quelli dove sono già presenti da tempo».

Pubblicato in Economia
Giovedì, 28 Settembre 2017 00:00

Confprofessioni, nuovo appuntamento a Pescara

Pescara. Europrogettazione, nuovo appuntamento a Pescara. Si terrà il 5 e il 6 ottobre il corso di formazione promosso da Confprofessioni in collaborazione con la Camera di Commercio Belgo-Italiana. Obiettivo, fornire ai liberi professionisti gli strumenti per predisporre, realizzare e rendicontare i progetti finanziati. Dopo Vicenza, Roma e Napoli, sarà Pescara ad ospitare, i prossimi 5 e 6 ottobre, il corso sui “Finanziamenti europei e tecniche di Europrogettazione” promosso dalla Confederazione Italiana Libere Professioni in collaborazione con la Camera di Commercio Belgo-Italiana di Bruxelles. La partnership tra Confprofessioni e la Camera di Commercio Belgo-Italiana ha infatti portato all’approvazione di un’attività formativa dedicata ai finanziamenti europei e alle relative modalità di utilizzo attraverso la preparazione, realizzazione e rendicontazione di progetti specifici (europrogettazione).
Il corso si propone di informare e sensibilizzare i liberi professionisti sulle opportunità finanziarie offerte dalla Commissione Europea, introducendo gli elementi fondamentali della progettazione per accedere ai fondi europei.
La Comunicazione della Commissione Europea del 9.1.2013 (COM 2012/795) Entrepreneurship 2020 Action Plan, ha infatti esteso l’intervento dei Fondi europei anche ai liberi professionisti, mentre, l’Accordo di Partenariato 2014-2020 tra l’Italia e la Commissione Europea ha evidenziato la necessità di sostenere le libere professioni, ribadita dal Consiglio Europeo nel 2014 per fronteggiare la crisi che investe le libere professioni. A tal fine, molte regioni italiane hanno pubblicato bandi indirizzati agli studi professionali, relativi alle opportunità finanziarie dell’Unione Europea, completando così l’impegno politico-istituzionale di Confprofessioni per estendere alle libere professioni l’uso dei fondi europei. Il corso, che si terrà presso la sala convegni Torri Camuzzi (l.go Filomena Delli Castelli 10, Pescara) prevede una prima parte introduttiva su istituzioni e programmi europei, una seconda sulla metodologia dell’europrogettazione e una terza dedicata all’esercitazione pratica con l’analisi dei bandi, la formulazione dei progetti e la compilazione della modulistica richiesta. In particolare, saranno presentati i finanziamenti dell’Unione Europea, diretti e indiretti, gli avvisi pubblici, i bandi e settori di finanziamento a cui si affiancheranno gli elementi della progettazione, l’eleggibilità dei costi e i principi della rendicontazione. Un appuntamento importantissimo per tutti i professionisti. "Ringrazio innanzitutto Confprofessioni per aver scelto Pescara come sede per il corso di formazione. -Dichiara il presidente regionale, il medico veterinario Marco Della Torre- Noi liberi professiosti abruzzesi, a detta del Presidente della Regione Abruzzo, dovevamo essere il volano della regione, ma la macchina è ancora ferma ai box. Nell'attesa ci prepariamo, seguendo un percorso di coerenza", Infatti la sensibilizzazione al tema da parte di Confprofessioni inizia lo scorso anno con l'incontro 'Fondi Europei ai Liberi professionisi' che si tenne al Museo delle Genti d'Abruzzo, con la partecipazione del sottosegretario al Governo, Federica Chiavaroli e del Presidente della Regione Abruzzo Luciano D'Alfonso, che ribadì l'attenzione della Regione verso il mondo delle professioni.

Pubblicato in Economia

Pescara. Torna l'appuntamento con "Di palo in frasca", programma condotto da Francesco Rapino e dagli amici Giuseppe Mrozek e Fabrizio Manili.
Tra gli argomenti del giorno il Festival Scenari Europei, con le interviste all'assessore alla Cultura del Comune di Pescara, Giovanni Di Iacovo, e al direttore artistico, Massimo Vellaccio, e dopo l'intervista a Giuseppe Calini.

Pubblicato in Rubrica
Mercoledì, 27 Settembre 2017 00:00

Carpi - Pescara, avviso per sostenitori biancazzurri

Pescara. In occasione dell’incontro di calcio “Carpi / Delfino Pescara Calcio 1936 S. p. a.”, previsto sabato 30 settembre 2017 alle ore 15.00 presso lo stadio “Cabassi” di Carpi (MO), la Questura di Modena ha indicato, per gli eventuali autobus e mezzi privati dei sostenitori biancazzurri, il seguente itinerario: A22 uscita autostradale Carpi / via Castellani Tarabini / S. P. n. 413 / via Marx / via Lama / via Emilia Romagna (parcheggio veicoli riservato ai sostenitori ospiti con servizio di bus-navetta per lo stadio).

Pubblicato in Sport
Mercoledì, 27 Settembre 2017 00:00

La Tombesi è pronta ad iniziare

Ortona. Sabato alle ore 16 inizierà ufficialmente la stagione ufficiale della Tombesi. Dopo tanti allenamenti e un paio di amichevoli, la sfida di coppa contro la Real Dem darà le prime risposte non solo dal punto di vista tecnico e dell’evoluzione del gioco voluto da mister Morena, ma anche per quanto riguarda la condizione fisica della squadra. Il professor Andrea Zampacorta, che ha seguito da vicino l’intera fase della preparazione, è certo della qualità del lavoro svolto e del fatto che la Tombesi si presenterà al meglio al primo appuntamento che conta della stagione:

“Innanzitutto ci tengo a ricordare che non ho lavorato da solo in queste settimane, ma che sono parte di un team di lavoro, quello del Centro Vestina, che si divide in una unità operativa e in una unità di ricerca, che lavorano sempre a stretto contatto. Direi che possiamo dividere l’attività svolta finora in due fasi. In una abbiamo puntato a un lavoro di tipo qualitativo, volto a modificare lo schema motorio dei singoli atleti in modo da prevenirne gli infortuni: da questo punto di vista, possiamo dire di aver già raggiunto un obiettivo, perché nessuno dei giocatori ha avuto il benché minimo problema durante la fase di preparazione. Nell’altra fase di lavoro abbiamo invece puntato all’attività metabolica dei singoli atleti, testata seguendo un protocollo di ricerca innovativo, elaborato dall’unità di ricerca del nostro centro, e denominato HIIT, che sta per High Intensity Interval Training. Giunti ormai al termine della preparazione pre-campionato, posso sinceramente dire che la Tombesi Ortona 2017/2018 non è composta solo da grandi calcettisti, considerando quei valori tecnici che nessuno può mettere in dubbio, ma anche da ottimi atleti, dotati di grandi capacità di recupero. Posso assicurare che la squadra arriverà pronta, dal punto di vista fisico, all’appuntamento con la gara di sabato contro la Real Dem, ma lo sarà ancor di più per la prima di campionato del sabato successivo. La stagione sarà lunga ma confidiamo che il lavoro svolto in questa settimana permetterà ai nostri atleti di giocarsela su tutti i campi dall’inizio sino alla fine della stagione”.

Pubblicato in Sport

Montegiorgio. Il più grande trottatore di tutti i tempi, Varenne, nel pomeriggio di domenica 1 ottobre, sarà al San Paolo di Montegiorgio, per il taglio del nastro della stagione ippica autunno/inverno 2017 dell’ippodromo marchigiano. E’ un gradito ritorno e sicuramente un messaggio positivo per la nuova stagione che riparte e che toccherà il clou con il Palio dei Comuni. Verrà realizzato un recinto nelle scuderie per ospitare il più grande campione di tutti i tempi e sarà visibile per tutta la durata della giornata di corse.
In occasione dell'apertura della stagione di corse il San Paolo organizza anche la prima giornata del maialino e vino rosso gratis per tutti.
Il primo weekend marchigiano di corse al trotto propone l’appuntamento pomeridiano di venerdì 27 settembre e quello di domenica 1 ottobre
Le corse si disputeranno tutti i venerdì e i sabati a partire dalle ore 15.00.
Varenne nato il 19 Maggio 1995 a Ferrara è un campione che ha vinto tutto e alla grande. Un bel regalo per gli appassionati di trotto e per chi ama lo sport. Una partenza sprint e di qualità per l’ippodromo di Montegiorgio dove dal prossimo fine settimana si correrà tutti i pomeriggi di venerdì e domenica.
Il legame tra il San Paolo e Varenne risale al 16 agosto del 1998, quando a 3 anni, ancora puledro, si aggiudicò il prestigioso Premio Marche.
Varenne è tornato nell’ippodromo della famiglia Mattii il 26 agosto 2012 è fu insignito, per volere dell’assessore allo sport del Comune di Fermo, del titolo di “Ambasciatore del fermano”. In realtà “Il Capitano”, questo è il nomignolo che gli hanno affibbiato, è stato il trottatore che è riuscito a far uscire l’ippica dal circolo degli addetti ai lavori e degli appassionati, facendo appassionare a questo sport tutti gli italiani.
Tutti sanno chi è Varenne, a 5 anni inizia la sua carriera internazionale. Scende così in pista alla conquista dei premi più prestigiosi del mondo, gareggiando contro cavalli imbattibili, vince contro trottatori che nessun cavallo italiano aveva mai battuto. La magia del cavallo italiano detto il Capitano dilaga. Gli vengono affibbiati nomignoli di ogni tipo tra cui “Figlio del Vento” per la sua straordinaria velocità. La sua incredibile scia di successi raggiunge l'apice nel 2001 quando Varenne divenne Campione del mondo. La sera del 14 Luglio del 2002, Varenne ed il suo guidatore Giampaolo Minnucci (un driver che frequenta con successo la racchetta di Montegiorgio), danno vita ad un altro dei miracoli del Capitano: determinare un nuovo record mondiale.
Ad oggi Varenne, ritirato dalle gare ed impiegato come stallone (il più ricercato e costoso del mondo) conta ben 6 milioni di euro guadagnati e 62 vittorie su 73 gare disputate, di cui 52 Gran Premi e record mondiali. Il 2001 è l'anno più importante, quello che proietta Varenne nell'album della storia, che lo fa diventare un nome simbolo dell'ippica, un po’ come lo è stato Ribot in passato. Il primo exploit importante è a San Siro, dove vince l'Encat, ma solo qualche mese dopo onora l'Italia portando il tricolore sul primo gradino del GrandPrix d'Amerique a Parigi (l'ultimo cavallo italiano ad aver vinto l'Amerique era stato Mistero nel lontano 1946). Nella storica gara, Varenne stravince, rimanendo in testa dall'inizio alla fine, di fronte a migliaia di tifosi italiani entusiasti. Da quel momento, è il trottatore più famoso al mondo.

Domenica primo ottobre lo si potrà ammirare in tutta la sua bellezza all’ippodromo San Paolo, magari farsi un self con lui e provare a chiedergli un autografo.

Pubblicato in Sport
Mercoledì, 27 Settembre 2017 00:00

Sambuceto, intervista a Simone Antonacci

Sambuceto. Domenica scorsa è stato il più “frizzante” del Sambuceto al rientro dagli spogliatoi, e grazie alla sua tenacia e alle sue giocate i viola hanno prima guadagnato un rigore (poi sfortunatamente fallito), e poi ottenuto il vantaggio grazie alla sua girata millimetrica. Simone Antonacci ha infatti letteralmente spaccato il match della Cittadella dello Sport contro il San Salvo, contribuendo, in maniera decisiva, alla vittoria finale della squadra: «Contro il San Salvo è stata una partita abbastanza difficile, soprattutto nel primo tempo, molto equilibrato», spiega l’esterno, «Fortunatamente siamo riusciti a sbloccarla andando in vantaggio, e poi a chiuderla con la seconda e la terza rete».
Dedica speciale quindi per la prima rete “casalinga” di Antonacci: «Vorrei dedicare il gol a tutte le persone che credono in me, come la mia famiglia, e a coloro i quali mi hanno dato fiducia, come è successo qui a Sambuceto con staff e dirigenza, e vorrei approfittare dell’occasione per ringraziare tutti quelli che ruotano intorno a questa squadra».
Oltre alle ottime prestazioni l’ala ex Alba Adriatica, con i 3 gol all’attivo fin qui in Eccellenza, rappresenta anche il bomber della squadra: «Mi auguro di continuare così, sia per me setesso che per la squadra. Siamo un grande gruppo e stiamo facendo bene, speriamo di proseguire su questa strada».
Domenica prossima, sesto turno del campionato di Eccellenza, il “menu” prevede uno scontro al vertice a Paterno tra i padroni di casa e il Sambuceto (rispettivamente primo e secondo in classifica, distanziati di un solo punto). Un big match “insolito” e sul quale probabilmente in pochi avrebbero scommesso solamente poche settimane fa: «In effetti», ammette Antonacci, «non credo che sarebbe stata tanto da scommettere. Però ci siamo, e andremo a giocarcela con tanta tranquillità, sperando di andare a fare belle figura anche lì, e magari provando anche a superarli in classifica».
In tema di classifica, nella scorsa stagione il Sambuceto ha chiuso il massimo campionato regionale a quota 53 punti. Un buon bottino, che ha portato anche i viola al settimo posto finale in Eccellenza, e che per il classe ’92 rappresenta il punto di partenza per la stagione in corso: «Sicuramente il nostro obiettivo è cercare di fare meglio. Possiamo e vogliamo farlo. L’aspettativa di tutti è cercare di fare il massimo e dare tutto quello che abbiamo. Siamo consapevoli che quello di quest’anno è un campionato ancora più difficile rispetto a quello scorso, e quindi ognuno di noi dovrà cercare di dare quel pizzico in più per riuscirci».

Pubblicato in Sport

Roseto degli Abruzzi. A proposito del rischio idrogeologico sul fiume Tordino, il Comune sollecita la Regione per i promessi interventi di sicurezza degli argini. Con l’approssimarsi della stagione autunnale e invernale, e quindi con il rischio di piogge consistenti, è necessario far partire i lavori per evitare possibili alluvioni, come quella accaduta nel 2011. Una missiva su questo argomento è stata inviata, una settimana fa, all’assessore regionale dei Lavori pubblici, Donato Di Matteo, al direttore del Dipartimento opere pubblico, Emidio Primavera, e al direttore del Genio civile regionale, Giancarlo Misantoni.

“Noi vogliamo che alle parole seguano i fatti, concreti e ben definiti”, spiega il vicesindaco Simone Tacchetti, “Non è pensabile che si torni ad affrontare un altro inverno in questa situazione. Le case, le attività produttive, devono essere sicure e la cittadinanza non può vivere ogni acquazzone un po’ più consistente del normale come un rischio. Abbiamo inviato una lettera alla Regione Abruzzo per fare in modo che i fondi stanziati, e si tratta di oltre un milione di euro, vengano utilizzati per i lavori necessari e improcrastinabili. La Regione aveva individuato, con una delibera del giugno 2016, un programma di interventi strutturali di difesa idrogeologica e idraulica, per complessivi 25 milioni di euro. E, tra quelli finanziati, si specificava l’intervento per la mitigazione del rischio sul fiume Tordino, tratto vallivo, per 1.280.000 euro. I lavori dovrebbero partire dalla foce del fiume fino a tutto l’abitato di Piane Tordino. Uno dei problemi maggiori è che, in territorio di Roseto, gli argini sono più bassi rispetto alla sponda opposta di Giulianova mentre, in altri tratti, il letto è addirittura più alto degli argini. Inoltre, la vegetazione cresciuta, ostruisce il passaggio dell’acqua mentre le arcate del ponte ferroviario sono quasi tutte ostruite da detriti e vegetazione. Di questi lavori, finora non c’è nessuna traccia. Come Comune di Roseto, noi dobbiamo tutelare l’incolumità delle persone, la sicurezza delle abitazioni e delle strutture agricole, e saremo al fianco dei cittadini su questa battaglia per evitare che si vanifichino i sacrifici già patiti finora”.

“Mi auguro”, dice il sindaco Sabatino Di Girolamo, “che Regione Abruzzo dia al più presto riscontro alla nota inviata la scorsa settimana ai dirigenti competenti dall’assessore ai Lavori pubblici Tacchetti. La preoccupazione è forte perché gli eventi meteorici degli ultimi anni mettono a dura prova la tenuta degli argini dei fiumi. Il Tordino, tra l’altro, anche in passato ha dimostrato di saper essere dannoso e quindi dobbiamo, assolutamente porre in cantiere i lavori per la messa in sicurezza a tutela della nostra più importante frazione”.

Pubblicato in Politica

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione