Articoli filtrati per data: Martedì, 12 Settembre 2017
Martedì, 12 Settembre 2017 00:00

Calcio a 5, Saad approda a Pescara

Pescara. L’ASD Pescara comunica di aver acquisito il diritto alle prestazioni sportive di Saad Francisco de Assis. Il giocatore, che nella scorsa stagione ha disputato 25 partite con la maglia del Kaos, mettendo a segno 6 reti, ha siglato un accordo che lo lega al club biancazzurro fino al 30 giugno 2018.
Carriera straordinaria quella di Saad che ha giocato per sette stagioni consecutive con il Barcellona, indossando la maglia blaugrana in 158 occasioni, realizzando 49 reti ed aggiudicandosi 3 campionati spagnoli, 3 coppe nazionali, 1 Supercoppa e 2 UEFA Futsal Cup (2011-12 e 2013-14). Saad ha inoltre vestito la maglia azzurra della Nazionale in 82 gare, riuscendo a realizzare ben 44 reti e ad aggiudicarsi il titolo europeo del 2014 ad Anversa, oltre a guadagnarsi il bronzo nelle edizioni 2008 e 2012 dei campionati mondiali e l’argento nel campionato europeo del 2007.
A Saad, che si unirà alla squadra biancazzurra sin da domani, mercoledì 13 settembre, indirizziamo un calorosissimo in bocca al lupo, certi di poter contare sulle sue grandi doti umane e di professionista.

Pubblicato in Sport
Martedì, 12 Settembre 2017 00:00

Eccellenza, Perfetti al Sambuceto

Sambuceto. Nuovo importante arrivo in casa Sambuceto. La società viola ha infatti appena acquistato Piergiorgio Perfetti.
Il centrocampista classe 1992 arriva dal Real Giulianova, squadra con la quale ha iniziato la stagione.
Nel suo curriculum può però vantare numerose e variegate presenze anche in serie superiori. Gli ultimi due campionati sono stati disputati dal mediano con la maglia del Chieti, in Serie D (formazione con la quale ha collezionato 22 presenze e un gol) e del Miglianico in Eccellenza.
Più di 50 volte è sceso in campo in Serie D con le casacche di Chieti, Noto, Civitanovese e Miglianico, oltre alle esperienze in Serie C con i neroverdi teatini, ad Andria e a Poggibonsi.
A centrocampo Perfetti può ricoprire il ruolo di mediano in grado di abbinare entrambe le fasi, quella difensiva e di interdizione, e quella offensiva di ripartenza e manovra. Si tratta quindi di un innesto molto importante nello scacchiere di mister Tatomir, e che andrà a irrobustire ulteriormente la linea mediana a disposizione del tecnico, con la squadra reduce dal primo successo in campionato sul Cupello di domenica scorsa.
La società del Sambuceto calcio desidera ringraziare la dirigenza del Real Giulianova per la disponibilità dimostrata e che ha permesso l’approdo di Perfetti alla Cittadella dello Sport.

Pubblicato in Sport

Spoltore. Ci sono anche due allenatori abruzzesi tra i nuovi allenatori professionisti di Seconda Categoria. Il mister dello Spoltore Calcio Donato Ronci e Alessandro Lucarelli, ex tecnico di Paterno e Avezzano. Sono stati infatti resi noti dal Settore Tecnico della FIGC i nomi dei nuovi ‘Allenatori Professionisti di Seconda Categoria – UEFA A’ che si sono conclusi lunedì 4 settembre nelle aule di Coverciano, le cui lezioni si erano svolte a luglio presso il Centro Tecnico Federale. Con questa qualifica, gli allenatori abilitati potranno guidare tutte le formazioni giovanili – comprese le Primavera – e le prime squadre fino alla Lega Pro inclusa. Potranno inoltre essere tesserati come allenatori in seconda nei due massimi campionati di Serie A e Serie B. Un grandissimo traguardo, se si considera che gli ex professionisti accedono di diritto, mentre per per i due tecnici abruzzesi l’accesso al corso è stato conquistato sul campo, come si suol dire, con i risultati. Lo spoltorese Ronci lo scorso ha conquistato la promozione in Eccellenza con lo Spoltore, ed ha vinto in passato due Coppe Italia, con Atessa e Casalincontrada. Ha allenato inoltre in Serie D Castel di Sangro, Giulianova e Chieti. Lo stesso Lucarelli ne ha fatta tanta di gavetta. Reduce dalla vittoria in Coppa Italia lo scorso anno con il Paterno, ha sfiorato addirittura la vittoria in quella nazionale, perdendo la semifinale in Sicilia contro il Troina. Al suo attivo 6 campionati di Promozione, 2 di Eccellenza, 1 di Serie D dopo aver vinto il campionato di Eccellenza con l’Avezzano nella stagione 2014/15. Queste le parole del tecnico ex Paterno: “Sono felice per questo traguardo. Io e Donato in questi anni abbiamo fatto tanta gavetta, l’accesso al corso lo abbiamo conquistato con i risultati e questo ci inorgoglisce profondamente. E’ stata una bella esperienza dividere queste sei settimane con tante ex glorie della Serie A. Ora in attesa di una chiamata proseguo i miei studi e gli approfondimenti”.

Ma scopriamo nel dettaglio tutti i promossi:
Elvis Abbruscato, Gabriele Ambrosetti, Massimo Augusto, Ibrahim Ba, Giovanni Baratto, Sasa Bjelanovic, Pasquale Bovienzo, Elena Bruno, Michele Califano, Esteban Matias Cambiasso, Andrea Ciaramella, Marcello Cottafava, Mirko Cudini, Federico Cuomo, Gaetano D’Agostino, Stefano Dalla Costa, Melissa Angelica De Boita, Luca De Pra’, Fabio Fossati, Giuseppe Maurizio Fossati, Mauro Giorico, Cosimo Inguscio, Mohamed Kallon, Antonella Licciardi, Stefano Lorenzi, Simone Loria, Alessandro Lucarelli, Lorenzo Magi, Vincenzo Manzo, Enzo Maresca, Giuseppe Mascara, Stefano Melandri, Sylvio Mendes De Campos, Giuseppe Padovano, Patrizia Panico, Michele Pazienza, Tiziano Polenghi, Alessandro Potenza, Giuseppe Raffaele Addamo, Claudio Rivalta, Donato Ronci, Marco Sala, Franco Semioli, Alessandro Spugna, Daniela Tavalazzi, Giuseppe Ton, Andrea Turato, Massimo Oscar Ugolini, Jorge Francisco Vargas Palacios, Simone Vergassola, Gennaro Volpe, Pablo Sebastian Wergifker e Riccardo Zampagna.

Pubblicato in Sport
Martedì, 12 Settembre 2017 00:00

Pescara, il punto di Marco Carraro VIDEO

Città Sant’Angelo. Dopo l’incredibile 3-3 interno con il Frosinone, il Pescara è tornato ad allenarsi in vista della trasferta di Salerno di sabato.
Alla ripresa degli allenamenti ha parlato il giovane centrocampista Marco Carraro, che ha detto: “All’inizio non è stato facile perché passare da un settore giovanile ad una prima squadra non è affatto semplice quindi all’inizio ho trovato un po’ di difficoltà ma pian piano mi sto ambientando. Sono rimasto colpito dal fatto che le partite non si decidono nel primo tempo, anche se una squadra è in vantaggio di due o tre gol non è detto che abbia la vittoria in tasca, dobbiamo cercare di riuscire a mantenere il risultato”.

Pubblicato in Sport

Pescara. Il Movimento 5 Stelle torna a segnalare l'inadeguatezza con la quale l'Amministrazione Alessandrini, ed in particolar modo l'assessore delegato Cuzzi, abbia sottovalutato per mesi la problematica della sicurezza dei plessi scolastici ed attacca il Partito Democratico, reo di non aver portato avanti gli impegni presi con i cittadini e con il Consiglio comunale - durante l'approvazione del bilancio di previsione - lo scorso febbraio.
In quella sede infatti, la maggioranza di centrosinistra votò favorevolmente la mozione del Movimento 5 Stelle con la quale si impegnava il Sindaco e la Giunta a chiedere la rimodulazione del Masterplan ed a reperire tutte le somme disponibili, compresi i 12 milioni di euro finalizzati alla riqualificazione dell'area di risulta di Pescara, per investirle nella sicurezza, nella manutenzione e nell'adeguamento sismico degli edifici scolastici della nostra città. Inoltre, il documento impegnava a trovare le risorse anche nell'ambito del bilancio comunale, destinando l'avanzo di amministrazione del consuntivo 2016 agli interventi più urgenti di adeguamento sismico del patrimonio edilizio scolastico cittadino.
“È stato audito l’assessore Cuzzi in merito alla situazione della sicurezza delle scuole – ha sottolineato la consigliera comunale del Movimento 5 Stelle, Enrica Sabatini – quello che è emerso con assoluta e cristallina chiarezza è che in otto mesi non è stato fatto praticamente nulla. Questo lo diciamo perché la delibera 45 del 26 gennaio 2017 riporta la situazione con le analisi delle attività migliorative di tutti gli immobili comunali e nello specifico viene anche evidenziata la situazione dell’edilizia scolastica, l’elenco della delibera corrisponde alla stessa situazione riportata dai giornali otto mesi dopo, quindi dal 26 gennaio ad oggi l’elenco è pressochè identico: delle 54 scuole per le quali si ritiene necessario lo studio di verifica sulla vulnerabilità sismica, lo studio è stato fatto solo in 15 scuole, su altre 15 sono state fatte le prove di carico, il miglioramento è stato fatto solo in 5 scuole e l’adeguamento sismico soltanto nella scuola Cavour. Sull’intero numero di 54 scuole 5 sono previste per il 2017-2018 e delle 34 scuole rimanenti non c’è praticamente nulla. Stiamo parlando soltanto delle verifiche di vulnerabilità e non di miglioramento e adeguamento, quindi si tratta di una fase preliminare, di analisi. Con il decreto passato in Senato ad aprile, sappiamo che le verifiche sono obbligatorie nel patrimonio dell’edilizia scolastica. Quindi oggi verifichiamo una situazione rimasta immobile dal 26 gennaio, risultano le medesime scuole di settembre 2017 e l’elemento più grave di questa situazione è che in occasione del Bilancio di Previsione 2017-2018 c’è stata una mozione del Movimento 5 Stelle che è stata votata all’unanimità e che prevedeva degli impegni concreti in questi otto mesi, in particolar modo dell’allora vicesindaco Enzo Del Vecchio, e tutta l’amministrazione, che si impegnò a portare avanti. Il Movimento 5 Stelle fece una proposta proprio nel Bilancio di Previsione per evitare che all’inizio della scuola a settembre non si verificasse questa situazione. L’amministrazione si è impegnata in otto mesi a fare una serie di attività che non sono state fatte ritrovando una situazione identica a gennaio scorso. Questo aspetto è particolarmente grave perché oggi ci ritroviamo non solo con una situazione di questo tipo, ma è stato totalmente disatteso un impegno che l’amministrazione aveva preso non solo con il Movimento 5 Stelle, ma con tutto il Consiglio che rappresenta e con tutta la città. Questa mozione aveva avuto il voto favorevole di tutti (centrosinistra, centrodestra ed il Movimento 5 Stelle), quindi si potevano prevedere le somme necessarie, ma non è stato fatto nulla. L’assessore Cuzzi dice ‘faremo, diremo, ecc.’ ma il dato di fatto è che allo stato attuale servono 500 mila euro per la verifica della vulnerabilità sismica, stiamo parlando dell’abc, e di questi 500 mila euro 100 mila sono stati già impegnati, altri 100 secondo una delibera sono state destinate, rimangono 300 mila euro per 34 scuole che non hanno neanche la verifica di vulnerabilità sismica in una situazione regionale, quindi in un contesto territoriale, molto particolare come abbiamo visto dalle ultime notizie che sono allarmanti perché la nostra è una regione colpita e noi siamo a dir poco sconcertati che in otto mesi l’amministrazione non abbia portato avanti gli impegni presi e oggii nostri ragazzi entrano nelle scuole non avendo neanche la sicurezza che negli immobili sia stata fatta una verifica sismica”.
Il Movimento 5 Stelle ha deciso di continuare la battaglia a tutela della sicurezza degli edifici scolastici puntando l'attenzione sull'immediata istituzione del tavolo sulla sicurezza scolastica e per ottenere al più presto una variazione di bilancio con cui rendere disponibili le cifre necessarie, che, stando a quanto segnalato a febbraio nella delibera di Giunta n.45/2017, ammontano a 507.000 euro per le sole verifiche di vulnerabilità degli edifici scolastici.
Per il Movimento 5 Stelle sono passati sette mesi di immobilismo ed è inaccettabile che la Regione Abruzzo ed il Comune di Pescara abbiano perso tempo e soldi preziosi, come se gli interventi debbano sempre essere realizzati in condizioni di urgenza ed emergenza e mai in base ad una programmazione puntuale, come da noi richiesto, specie quando in ballo vi è la sicurezza dei nostri più giovani cittadini.
“La situazione è decisamente preoccupante – ha rimarcato la consigliera comunale del Movimento 5 Stelle, Erika Alessandrini – in particolare perché abbiamo assistito ad otto mesi di totale immobilismo del centrosinistra che governa la città. Ricordiamo infatti che lo scorso febbraio il Consiglio Comunale su nostra iniziatia votò all’unanimità un documento che impegnava il Comune di Pescara a trovare tutte le somme possibili da destinare per le verifiche di vulnerabilità sismica e poi per i successivi lavori di miglioramento sismico delle scuole. In particolare infatti erano necessari, dalle prime verifiche che erano state fatte, 507 mila euro per verificare appunto lo stato di vulnerabilità delle scuole pescaresi. Questi soldi non sono stati messi tutti in Bilancio, le verifiche sono state fatte soltanto su una parte degli edifici scolastici, quindi ci chiediamo in otto mesi che cosa ha fatto il Pd in città per verificare le scuole e dove hanno messoi soldi che tutto il Consiglio Comunale aveva chiesto di destinare alla sicurezza scolastica e quindi che cosa hanno intenzione di fare per dare in qualche modo rassicurazioni e informazioni ai genitori e alla cittadinanza tutta perché oltre ai soldi il Movimento 5 Stelle, con il voto di tutto il Consiglio, aveva chiesto anche l’istituzione di un tavolo permanente in cui fossero riuniti sia i rappresentanti della giunta comunale e regionale, sia i rappresentanti dei dirigenti scolastici e dei genitori degli alunni in modo da poter dare una costante e concreta informazione e verifica di tutte le operazioni che venivano fatte. Tutto questo non è stato fatto dal Pd, quindi chiederemo con impegno che si istituisca questo tavolo e che si facciano le necessarie variazioni di Bilancio”.

Pubblicato in Politica

L'Aquila. Aumenta l’occupazione in Abruzzo secondo l’Istat: nel secondo trimestre del 2017 vi sono infatti 21mila occupati in più rispetto al primo (485mila contro 464mila), e la cifra è in crescita anche rispetto al dato del 31 dicembre scorso, quando gli occupati erano 482mila.
Parimenti, diminuisce la disoccupazione: si passa dai 74mila del primo trimestre ai 64mila del secondo (-10.000 unità), e anche qui c’è un netto calo rispetto alla fine del 2016 (73mila disoccupati).
In diminuzione anche gli inattivi, che passano dai 316mila del primo trimestre ai 307mila del secondo.
Per l’assessore regionale al bilancio Silvio Paolucci “questi dati testimoniano la bontà delle prassi intraprese dalla giunta D’Alfonso. Non appena il Masterplan comincerà a vedere l’apertura del grosso dei cantieri, ci sarà un ulteriore effetto positivo sull’occupazione regionale”.

Pubblicato in Politica

Pescara. Il Coordinamento Democratici Cristiani per l’Abruzzo ha stabilito, nella riunione dell’11 settembre, in vista della ripresa delle attività, una serie di iniziative tese al perseguimento degli obbiettivi del movimento. In apertura dell’incontro è stato accolto con grande soddisfazione l’adesione al Coordinamento del Sen. Germano De Cinque.

In particolare è stato sottolineato, negli interventi di Licio Di Biase, Mario Amicone, Tommaso Coletti e Giovanni Ruscitti, la necessità di attivare iniziative e proposte che siano di analisi delle criticità e di sprono nella gestione delle istituzioni locali e, in particolare, della Regione e che vadano, quindi, al di là dell’impegno espresso dal Coordinamento in questa fase di avvio della propria attività, caratterizzata dalla rilettura della storia della Dc e della attualizzazione dei principi. E’ stato stabilito che il 30 settembre e il primo ottobre si terrà a Sambuceto (S. Giovanni T.) l'evento con mostra "Chi erano mai, questi democristiani?", con un convegno nella mattina di sabato 30 settembre, su iniziativa di Carlo Chiacchiaretta. Inoltre, una delegazione del Coordinamento parteciperà il 29 settembre a Roma all’incontro organizzato da De Mita, col Patrocinio dell'Istituto Sturzo, su “Il cattolicesimo politico e le sfide del terzo millennio”. Un interessante incontro in sintonia con l’ iniziativa del Coordinamento

Si è stabilito di avviare ad ottobre, unitamente all’Istituto di Cultura “Giuseppe Spataro”, di cui è Direttore Licio Di Biase, tre corsi di formazione, di cui due verranno presentati a breve e che si articoleranno fino a marzo. Uno, di cultura politica dal titolo “Conoscere la Politica”, indirizzato ai giovani e a coloro che vogliono iniziare l'impegno politico, un altro, sulla Pubblica amministrazione, dal titolo “Laboratorio di Pubblica amministrazione” indirizzato agli amministratori locali e il terzo, che partirà nel primavera del 2018, dal titolo “Il nuovo che avanza”. I Corsi inizieranno il 13 ottobre con un evento pubblico in cui verranno presentati due progetti di Legge espressione del Coordinamento a cui stanno lavorando Tommaso Coletti, Diego De Carolis, Gianluca Fusilli, Francesco Crivelli e Alberto Balducci: uno, sulla Partecipazione democratica, e l’altro sull'abolizione della legge cosiddetta Bassanini.

Inoltre sono stati evidenziati alcuni temi che verranno approfonditi e che impegneranno il movimento in altre proposte di legge, uno relativo al ruolo delle Province in questa fase di confusione, coordinato da Vincenzo Palmerio, ed un altro sul rapporto tra Giustizia e Politica, coordinato da Antonio Menna. Verranno, inoltre, organizzati riflessioni sulla politica di tutela e di valorizzazione dei Parchi abruzzesi, ad iniziare dal Parco della Majella, soprattutto alla luce della triste vicenda che ha colpito il Morrone . E’ stato sottolineato che il movimento dovrà sempre più strutturarsi su base provinciale in quanto l'enorme crescita di iscritti e di partecipanti non consente più di articolare le iniziative politiche su base regionale. All’incontro sono intervenuti, oltre i succitati componenti del Coordinamento, anche Vittoria D’Incecco, Marco Bacchion, Simone Angelucci, Roberta Rullo, Alessio Monaco, Mimmo D’Alessio e Maurizio Adezio.

Pubblicato in Politica

Rocca San Giovanni. Amara sorpresa per bambini e ragazzo all’apertura dell’anno scolastico, a Rocca San Giovanni: alcuni genitori ci hanno segnalato la presenza di bacinelle (già, bacinelle!) sparse sui pavimenti di corridoi e aule, a scuola. Ciò a causa dei lavori in corso che riguardano principalmente la sistemazione del tetto dell’edificio scolastico; lavori che, a quanto sembra, dureranno ancora per un bel po’ di tempo.
Manco a dirlo, gli stessi si dichiarano estremamente – e giustamente – preoccupati e chiedono chiarezza sulle reali condizioni in cui versa l’edificio. Ecco perché, come gruppo civico abbiamo inviato un’interrogazione al comune, e per conoscenza al Prefetto di Chieti e al dirigente scolastico, per avere urgenti informazioni in merito, nonché sullo stato di attuazione dei lavori in corso per la messa in sicurezza dell’edificio.
All’inizio del nuovo anno scolastico vi è un disagio evidente: le infiltrazioni adesso si sono prodotte di notte; eventuali piogge più intense e in orario scolastico, potrebbero causare problemi ben più gravi, compresa l’interruzione delle lezioni. E’ questo il modo di tenere il luogo deputato alla crescita sociale e culturale delle nuove generazioni? Un segnale sconcertante, al di là delle posizioni politiche.
L’aspetto più serio è la sicurezza: attualmente sembra che il tetto sia scoperto e i lavori sono ancora nel vivo. In questa situazione non ci sono rischi per la sicurezza? Le foto documentano una situazione che è quantomeno confusa e, francamente, non dà una sensazione di sicurezza.
In sostanza, vogliamo capire in che data il Comune ha ricevuto il finanziamento da parte della Regione Abruzzo per tali lavori, le date di conclusione e di fine lavori, se nei mesi estivi l’impresa ha lavorato e se è stata sollecitata dal Comune in considerazione della riapertura della scuola. Oltre a ciò i cittadini hanno il diritto di sapere in che tempi la sistemazione del tetto potrà essere completata per evitare nuove infiltrazioni in caso di pioggia.
Siamo spesso abituati a constatare la solerzia dell’amministrazione Di Rito nel comunicare puntualmente e nel dettaglio gli eventi dell’Estate Roccolana, o nel segnalare problemi e disagi ai cittadini che non sono causati dalle lacune dell’amministrazione. La stessa solerzia, però, non viene mai usata per segnalare problemi che, evidentemente, sono da imputare alla negligenza di una classe politica che, dopo quasi un ventennio alla guida del paese, ha ancora difficoltà a portare avanti una programmazione delle attività seria e oggettiva.
Mentre le contrade sono abbandonate a loro stesse, i problemi di infiltrazione a scuola vengono risolti con le bacinelle e le casse dell’ente preoccupano non poco, l’amministrazione Di Rito si pavoneggia con gli eventi dell’Estate Roccolana e pubblica sul sito web del comune la procedura per pavimentare altre strade nel centro storico: ciò fa capire ancora una volta e con chiarezza che per loro l’importante è essere belli fuori, dimenticando tutto il resto. Le bacinelle a scuola non sono altro che la metafora del modo in cui l’amministrazione Di Rito affronta i problemi reali, con superficialità e pressappochismo.

Pubblicato in Politica

Pescara. “Il lupo perde il pelo ma non il vizio. Come al solito il delegato ai Trasporti Camillo D’Alessandro se la canta e se la suona e, addirittura, arriva ad annunciare l’autopunizione ben sapendo che da marzo prossimo sarà ‘impiegato’ ad altro incarico politico a Roma mentre gli abruzzesi sono ancora in attesa di vedere le sue dimissioni promesse e non mantenute (vedi allegato) per il dragaggio del Porto di Ortona e per l’Autorità portuale di Civitavecchia”. E' quanto dichiara il Presidente della Commissione vigilanza Mauro Febbo commentando la conferenza stampa dell’ex Sottosegretario. “Il delegato regionale ai Trasporti – spiega Febbo – evita con abilità di rispondere a tre specifici ma fondamentali quesiti che ho posto da tempo. Innanzitutto vogliamo sapere se il bilancio di Tua al 31.12.2017 chiuderà con un utile o con una perdita; mi risulta che sono mesi che non vengono pagati centinaia di fornitori (se non quelli del carburante) per un importo di oltre 30 milioni di euro e, infine, conoscere le reali motivazioni per cui dal 11.04.2017 i servizi minimi, data del pronunciamento e conseguente annullamento da parte del Tar Abruzzo, non vengono ancora legittimamente rideterminati e riprogrammati?! A queste relative questioni irrisolte apprendiamo come questo esecutivo regionale  continua a difendere la separazione dell’attività commerciale di Tua con Sangritana SpA sapendo che la realtà è ben diversa da quella illustrata. Quando durante la scorsa legislatura abbiamo creato Sangritana SpA per cause normative penalizzanti avevamo, ben presente che il ferro e l’agenzia viaggi  portano utili mentre il  servizio gomme (concorrenza sfrenata con il privato) andava rimodulato con personale giovane, assunto magari con contratto Anav che hanno un costo aziendale inferiore, cioè  parte di quei 153 nuovi assunti annunciati da D'Alessandro. Il piano industriale della Sangritana Spa, che dovrà gestire il servizio come qualunque operatore di privato, assumendosi cioè il rischio d'impresa, da chi è stato valutato e redatto?? Chi garantisce che successivamente, per problemi di natura economica, non possano sorgere i presupposti per una eventuale cessione ai privati e, quindi, con un esubero di lavoratori? Con quali fondi la Sangritana S.p.A acquisterà altri 28 autobus ( oggi solo 12 dei 40) occorrenti per espletare il servizio ???". "Inoltre – sottolinea ancora Febbo -  non regge il riferimento di D’Alessandro ai richiami dell’Autorità della concorrenza poiché sono tutti cavilli superati dalle nuove disposizioni di legge che prevedono la semplice tenuta di contabilità separata, cioè quello che già società private come ‘Di Fonzo’ e altre. Quindi ritengo che questa operazione "spezzatino"  vada valutata in maniera diversa e attenzionata prima di mettere a repentaglio posti di lavoro e professionalità. Infine voglio evidenziare come con l'affidamento in house dei servizi di trasporto pubblico locale a Tua e la separazione degli stessi da quelli di natura commerciale verrà penalizzato quel restante 20% di territorio per lo più interno rimasto fuori dal controllo regionale. Come sono preoccupato per i 500/600 lavoratori impiegati con altre società commerciali di trasporto concessionari di specifiche tratte e non ricomprese nell’affidamento in house. Questi lavoratori non sono figli di un dio minore, così come i gli stessi titolari delle aziende". "Pertanto – conclude Febbo – nonostante le rassicurazioni di circostanza del delegato regionale ai Trasporti rimangono sul tappeto molti aspetti ancora da definire e chiarire poiché siamo preoccupati per l’intero comparto del TPL e del suo futuro. Visto che su questo argomento sia D’Alessandro sia il Presidente D’Alfonso hanno sempre evitato un serio confronto in Consiglio regionale convocherò le parti interessate in Commissione vigilanza per approfondire quegli aspetti critici che da troppo tempo attendono una risposta che ho sollevato in più circostanze”.

Pubblicato in Politica

Fossacesia. Questa mattina si è svolta presso la sala consiliare del Comune di Fossacesia una riunione tra il Sindaco Enrico Di Giuseppantonio, l’Assessore all’istruzione Paolo Sisti, il Dirigente Scolastico Prof. Mauro Scorrano e i genitori degli alunni frequentanti le classi prime della Scuola Primaria, durante la quale sono emerse criticità e problematiche connesse alla mancata attivazione di una terza sezione. I genitori minacciano proteste più clamorose. Le classi prime infatti di 30 alunni ciascuna, con la presenza di un alunno in situazione di disabilità grave, risultano sovraffollate e inidonee ad accogliere un numero così elevato di alunni. “La decisione dell’Ufficio Scolastico è incomprensibile ed immotivata – dichiara l’Assessore all’Istruzione Paolo Sisti – oltre che in violazione della normativa per la composizione delle classi. Condividiamo la protesta dei genitori e li sosterremo in questa legittima richiesta”. “Nel corso della riunione sono emersi ulteriori problemi che sottoporremo oggi, con una ulteriore nota, all’Ufficio Scolastico – prosegue il Sindaco Enrico Di Giuseppantonio – In primis la sicurezza degli alunni in relazione alla capienza delle aule, lo storicizzato aumento degli alunni durante l’anno scolastico (dovuto alle famiglie dei trasfertisti che lavorano per le grandi aziende della Val di Sangro) e la lesione delle legittime aspettative dei genitori che hanno iscritto i propri figli nella consapevolezza che le classi assegnate erano tre.” “Abbiamo altresì dato mandato all’ufficio legale del Comune –concludono Sisti e Di Giuseppantonio –di valutare la praticabilità di rimedi giudiziari. Vogliamo l’attivazione della terza sezione perché ne ricorrono i requisiti e perché ci preme la sicurezza dei nostri bambini.”

Pubblicato in Politica
Pagina 1 di 3

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Notizie Recenti

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione