Articoli filtrati per data: Sabato, 02 Settembre 2017
Sabato, 02 Settembre 2017 00:00

Verso Perugia – Pescara, parla Zeman VIDEO

Pescara. Alla vigilia della trasferta di Perugia, il tecnico dei biancazzurri, Zdenek Zeman, ha presentato l’incontro.
"Nessuna squadra è pronta già alla prima giornata. Sono abbastanza soddisfatto, prima per il risultato ottenuto contro il Foggia e poi per l’atteggiamento della squadra. Il Perugia non avrà Han in attacco. Noi dobbiamo cercare di fare il nostro gioco, sempre se non ci mettono in difficoltà gli avversari. Il mercato me lo aspettavo diverso ma sono soddisfatto. Quando dico che è diverso volevo dire che cercavo altri giocatori. Ho a disposizione 27 ragazzi nuovi e ci vorrà ancora tempo. Nel campionato ci sono squadre con giocatori di molta esperienza ma noi abbiamo tanta qualità, la difficoltà sarà quella di metterli tutti insieme. Ritrovo Balzano che è venuto a riempire la mancanza di terzini. È oggettivamente più maturo. Ci sono ancora dei residui dell’anno scorso. Contro il Foggia aspettavamo gli avversari, ci siamo tirati dietro. Se hanno venduto Del Sole e Delli Carri vuol dire che la società aveva bisogno di cederli, sono molto contento per loro. Ci sono ancora tanti margini di miglioramento ma spero che mi possano dare soddisfazioni il prima possibile. Ogni partita avrò 22 giocatori a disposizione e avranno tutti le stesse possibilità. Il campionato non ancora rivela nulla, ci vorranno ancora molte partite per definire le classifiche”.

Pubblicato in Sport

Cupello. L'Asd Cupello Calcio Settore Giovanile annuncia con entusiasmo e soddisfazione l'ingresso nello staff del mister Luciano Bucci. "Bucci ha già lavorato negli anni passati con i ragazzi in altre società del Vastese e lavora anche presso una palestra a Vasto dove riscuote grandi consensi. Esperto e attento, persona che tiene molto al rispetto e alla disciplina. Non possiamo che augurargli un buon lavoro e che la collaborazione con lui risulti positiva" spiegano dalla società.

Il presidente del Cupello Mazzarella ricorda inoltre: "Nelle scorse settimana avevamo presentato il progetto per i più giovani che prevedeva anche la collaborazione preziosa con il Foggia Calcio. Il 4 Settembre alle ore 15.30 lo staff dei rossoneri ha organizzato uno stage per i classe 2004-2005-2006 proprio qui al campo di Cupello. Testimonianza del rapporto concreto e non basato solo sulle parole che il Cupello ha instaurato con la formazione che milita in serie B".

“I genitori e i ragazzi è bene che arrivino al campo almeno per le 14.45 in modo da sbrigare tutte le formalità di iscrizione e poter cominciare puntuali alle 15.30 con lo stage. Questo, come abbiamo precisato in conferenza stampa, è solo uno dei tanti step che ci vedranno protagonisti insieme al Foggia Calcio per la crescita e la valorizzazione dei giovani del territorio” aggiunge Giuseppe Di Francesco.

Pubblicato in Sport

Montesilvano. «Voglio ringraziare il Comune di Montesilvano per averci permesso di organizzare in tempi strettissimi la prima edizione del Talents Camp 2017. Abbiamo scelto in via sperimentale la città di Montesilvano, che si è rivelata location ideale, grazie ad un’Amministrazione che ci ha messo nelle migliori condizioni organizzative, per la sua centralità geografica e ancora per la sua dotazione di strutture sportive ed alberghiere ottimali». Lo ha dichiarato Pasquale Loria, il presidente della Federazione italiana Giuoco Handball, che dal 29 agosto a questa mattina ha organizzato il Talents Camp, una manifestazione che ha visto circa 150 atleti, tra ragazze e ragazzi, nati dal 2002 in poi e provenienti da tutta Italia, partecipare a tornei utili alle selezioni alle quali si attingerà per le Nazionali giovanili. Le attività previste dalla manifestazione si sono sviluppate tra il Pala Roma e il Pala Senna. «Le condizioni favorevoli di questo territorio - ha aggiunto Loria – consentono di creare sicuramente un legame con questa città per eventi futuri anche con le Nazionali maschile o femminile».

«Siamo particolarmente fieri – ha affermato l’assessore allo sport Ottavio De Martinis, presente agli allenamenti dei ragazzi - che la Federazione abbia scelto la nostra città. L’auspicio è che Montesilvano possa divenire un punto di riferimento per la pallamano. Anche in questa occasione, questa città ha messo in evidenza la sua vocazione al turismo sportivo, grazie a strutture più che adeguate ad accogliere numeri importanti».

Ringraziamenti all’Amministrazione sono stati espressi anche da Enio Remigio, delegato regionale Abruzzo della Federazione.

Pubblicato in Sport

Pescara. Una banchina gremita quella del molo sud di Pescara che oggi ha ospitato la prima giornata della 23esima Regata dei Gonfaloni. Organizzata da Flag Costa Di Pescara e Comune di Pescara in collaborazione con l'associazione della marineria di Pescara Il Maestrale. A garaggiare, impegnate ai remi, 10 squadre maschili e 6 femminili provenienti da diverse regioni italiane.

“Tradizione e sport si fondono con questa bella manifestazione – così l'assessore a Turismo e Grandi Eventi Giacomo Cuzzi – Abbiamo avuto come al solito una risposta pronta da parte degli equipaggi delle altre marinerie adriatiche, questo evento è cresciuto tanto e deve continuare a crescere, per la nostra identità di città di mare e per le 23 edizioni che si porta dietro, che hanno consentito alla nostra Regata di essere inserita fra gli appuntamenti di punta del genere di tutta la costa Adriatica”.

La classifica per il primo turno di qualificazione femminile ha visto in testa il TERMOLI con un tempo di 6' 29'" 6, a seguire VASTO (6' 30" 9), MOLFETTA (6' 50" 8), TARANTO (7' 05" 3) e infine ORTONA (7' 35" 3). Il primo turno maschile invece ha visto il trionfo di VASTO con un tempo di 12'18"3, a seguire TARANTO (12'19"" 1), MOLFETTA (12' 34"" 0), LIVORNO (13'14"3), GROTTAMMARE (13' 27" 4), ORTONA (13' 33" 2), BARI (13' 35" 7), TERMOLI (13' 37" 2), PESCARA (15" 40 9) e infine PESCARA MARINA SUD (15' 59" 1).
Lotta avvincente che si concluderà domani con il secondo turno e le finali. L'appuntamento è perciò domattina alle ore 9:00 con la celebrazione eucaristica di Don Emilio Lonzi. A seguire, alle 10:00, si darà il via alle gare per il secondo turno e si riprenderà, dopo una piccola pausa per il pranzo, alle 16:30 con le fasi finali. Durante la premiazione, prevista per le 18, verrà conferito anche il premio speciale "Giovanni Verzulli" ideatore della Regata dei Gonfaloni.

Pubblicato in Sport
Sabato, 02 Settembre 2017 00:00

Eccellenza, Capistrello - Spoltore 2-0

Capistrello. La prima conclusione in porta è stata di Alberto Nardone: il suo tiro vine respinto dall’estremo difensore di casa Salustri. Subito dopo è stato Paquito Morales a spaventare i tifosi di casa con una bellissima azione personale in area di rigore. Purtroppo, a tu per tu con Salustri, l’attaccante spagnolo ha calciato incredibilmente fuori. I padroni di casa hanno risposto per ben due volte con Paris, che ha trovato la conclusione da fuori area senza spaventare Proietti che, con lo sguardo, ha accompagnato la sfera a lato. Al minuto 26 gran tiro di Zanetti all‘incrocio dei pali. Ma nuovamente Salusti nega la gioia del primo gol spoltorese nel campionato di Eccellenza. Azione di calcio d’angolo per il Capistrello, ma Bolzan è stato impreciso e il suo sinistro è finito di molto sopra la traversa. Sul finale di primo tempo il “Sindaco” Grassi ha sfiorato il gol del vantaggio, ma il pallone , deviato da un difensore, è finito di poco fuori. Nella ripresa i padroni di casa tornano in campo con altro piglio , prendendo da subito le redini del gioco. Bolzan e Leccese mettono subito sotto pressione la retroguardia ospite. Bolzan al termine di un’azione personale entra in area e dal vertice dell’area piccola calcia incredibilmente fuori. Ma il gol del vantaggio è rimandato di poco minuti. Al quindicesimo, al termine di una bellissima azione corale, Berardi riceve palla sulla sinistra poco dentro l’area di rigore e fa partire un fendente ad incrociare che batte l’incolpevole Proietti. Galvanizzati dal vantaggio, gli uomini di casa continuano il forcing in cerca del colpo del k.o che arriva al minuto ventuno. Sugli sviluppi di una rimessa laterale, la retroguardia spoltorese viene presa in controtempo e la palla giunge a Bolzan. Il traversone millimetrico pesca in area Leccese. Colpo di testa del centravanti argentino che si insacca sotto l’incrocio dei pali per il 2-0. A quel punto Ronci decide di cambiare le carte in tavola, mandando in campo Sanchez per Caldo e Gentileschi per Proietti (per riequilibrare i fuori quota). Lo spagnolo sembra incidere maggiormente rispetto al suo giovane collega, sfiorando il gol in un paio di occasioni. Ci prova anche Vitale su calcio di punizione ma Salustri devia in angolo. Nardone e Grassi (i migliori in campo a nostro parere) sono gli ultimi ad arrendersi, ma i padroni di casa respingono bene gli ultimi assalti degli stessi spoltoresi. Si chiude così l’incontro con la delusione stampata sui volti degli ospiti e la gioia dei padroni di casa, che ricevono il giusto tributo dei propri sostenitori. Queste le parole a fine gara di Donato Ronci:

“Abbiamo fatto un gran primo tempo, sfiorando il gol in diverse azioni. Ma troppo spesso ci è mancata la cattiveria e la determinazione giusta. Nella ripresa non siamo proprio rientrati in campo. Il Capistrello ha sfruttato due nostri errori, realizzando due gol. Ma potevano essere anche di più. Questo mi ha lasciato l’amaro in bocca. Sono stati più bravi di noi ed hanno strameritato la vittoria. Ora è il momento di rimboccarci le maniche. Questo è un campionato dove ci sono diverse ottime formazioni. Non bisogna prendere sottogamba nessun impegno. In questo momento non voglio sentire parlare di promozione o sogno di gloria. Dobbiamo ricompattarci e dare sempre il massimo. Vietato commettere altri errori. Ora il nostro obiettivo è fare il prima possibile quaranta punti. Poi vedremo. In un campionato livellato come questo, può capitare che una formazione attrezzata possa essere risucchiata nei bassifondi della classifica e non voglio che quella squadra sia proprio la nostra“.

US Capistrello ASD Spoltore Calcio 2-0 (15′ st Berardi, 21’st Leccese)

Capistrello: Salustri, Hati, Berardi, Panecasio (40′ st D’Eramo), De Meis Lu., Antonelli, Bolzan, Kras, Leccese (44′ st Fantauzzi D.), De Meis Ed. (47′ st Venditti), Paris (28′ st Mercogliano). A disposizione: Di Girolamo, Menna, Fantauzzi G. Allenatore: Fabio Iodice
Spoltore: Proietti (26′ st Gentileschi), Mottola, Vitale, Di Camillo, Sbaraglia, Zanetti, Grassi, Vera (26′ st Sanchez), Caldo (28′ st Evangelista), Morales ‘Paquito’, Nardone. A disposizione: Pavese, Di Marco, Ewansiha. Allenatore: Donato Ronci.
Terna arbitrale: Guido Verrocchi di Sulmona coadiuvato da Massimo Miccoli e Andrea Consalvo di Lanciano

Ammoniti: De Meis E. (C), Sbaraglia, Vera, Mottola (S)

Pubblicato in Sport

Pescara. ”L’assessore Paolucci esulta per i numeri della sanità, così si legge sui quotidiani, questa gioia è la prova che l’assessore governa chiuso nel suo ufficio e non ha mai messo il piede dentro la corsia di un ospedale. Se lo avesse fatto avrebbe visto che i reparti sono al collasso, le liste d’attesa lunghissime, il personale è poco e quello che c’è deve faticare il doppio; i cittadini sono indignati e scendono in piazza contro la chiusura ed il depotenziamento degli ospedali. Insomma, a far propaganda l’assessore sembra in prima linea, ma nelle corsie il sentimento è un altro”.
A sostenerlo è il consigliere regionale, vicepresidente della commissione Sanità Domenico Pettinari che questa mattina, nel corso di una conferenza stampa con la capogruppo al comune di Pescara Enrica Sabatini, ha mostrato una fotografia delle Asl molto diversa da quella fredda statistica che fa esultare Paolucci.
“Noi abbiamo scoperto questo mastodontico spreco di denaro pubblico – ha proseguito Domenico Pettinari – perché il macchinario ci costa 5 mila euro al giorno di affitto e potrebbe essere acquistato ad appena 2 milioni di euro. Questo significa che da 10 anni la Asl di Pescara e quindi la Regione Abruzzo ha pagato circa 15 milioni di affitto per un macchinario che sarebbe costato solo 2 milioni di euro. Noi abbiamo presentato tre interpellanze regionali, un esposto alla Corte dei Conti e dopo questa grande battaglia loro hanno attivato un bando ed hanno fatto anche un’aggiudicazione per l’acquisto per la fornitura di questa apparecchiatura un anno fa. Stranamente siamo tornati in Ospedale ed abbiamo visto che si sta pagando ancora 5 mila euro al giorno di affitto e allora io sono non solo addolorato e amareggiato, ma arrabbiatissimo, io chiedo con forza che il presidente della Regione, l’assessore alla Sanità obblighino la rescissione di quel contratto e l’installazione immediata di questa apparecchiatura se il direttore generale non ottempera o non sollecita, ho saputo che manca solo una firma, per la firma di un dirigente si è bloccato tutto. La cura, la tecnica, si fa anche con la radioterapia, con un macchinario che si chiama acceleratore lineare. Nel reparto della Radioterapia c’è un acceleratore lineare obsoleto che con tecniche molto antiche potrebbe anche compromettere gli organi a rischio. Io ho chiesto con forza che venisse acquistato un nuovo acceleratore lineare all’avanguardia per sostituite l’obsoleto e l’acquisto di un secondo acceleratore lineare. Questi signori hanno acquistato un acceleratore lineare nuovo, ma hanno lasciato in piedi ancora quello vecchio, è una cosa allucinante perché il cittadino si dovrebbe fare il segno della croce, raccomandarsi al padre eterno se finire sugli ingranaggi del nuovo o sugli ingranaggi del vecchio. Noi riteniamo che su questo bisogna fare immediatamente chiarezza e la Asl deve dismettere immediatamente la funzionalità del vecchio acceleratore lineare che non fa più bene, fa male. Poi uno dei più grandi problemi dell’Ospedale di Pescara è che ci sono più di 50 persone tra operatori socio-sanitari e infermieri che hanno vinto un regolare concorso e dovevano lavorare all’interno dei reparti. Li troviamo stranamente fuori posto in degli uffici amministrativi, dietro una scrivania a fare cosa non si capisce a fronte di una carenza di personale nei reparti. Ci sono tanti bravi infermieri che ogni giorno si spaccano la schiena per loro e per quelli che sono impostati negli uffici amministrativi. Anche questo lo abbiamo denunciato all’Autorità Giudiziaria e riteniamo che debbano tornare immediatamente nel reparto”.
“Noi riportiamo quello che ci è stato segnalato dalla Commissione Sanità lo scorso 29 agosto – ha rimarcato la consigliera comunale del M5S, Enrica Sabatini – in cui il promotore dei diritti dei cittadini anziani, quindi il garante degli anziani, ha riportato una serie di carenze e criticità all’interno dei reparti. Uno degli aspetti che ci ha fatto saltare dalla sedia è proprio uno dei servizi che il garante dà e cioè dare delle indicazioni sulle misure di anticorruzione al fine di evitare che una sede ambulatoriale pubblica venga utilizzata in orari di servizio come privata. Questo perché oltre ad essere illegittimo va ad inficiare chi invece ha prenotato in maniera corretta, pagando il ticket, e questo inibisce anche lo scorriento delle liste d’attesa. Visto che questo elemento è stato riportato in Commissione Sanità insieme ad altre criticità, noi riteniamo che sia molto importante sollecitare questo aspetto per garantire appunto, così come vuole le Legge, quelle indicazioni di prevenzione e misure di anticorruzione necessarrie affinchè il servizio sanitario venga erogato nel miglior modo possibile. Il garante si è rivolto alla Commissione come necessario e dovuto alla Commissione Sanità, quindi a tutti i consiglieri comunali presenti, ma si è rivolto anche, inviando la lettera, al dottor Armando Mancini, al presidente della Regione, al sindaco e a tutte le persone che ha ritenuto essere necessario informare. Penso che qualsiasi cosa che riguarda la Sanità e vada ad inficiare il diritto alla salute sia serio, importante e debba essere tenuto in considerazione, così come la carenza del personale infermieristico o anche il problema della climatizzazione che mette soprattutto gli anziani in difficoltà, la carenza di molti servizi e aspetti che vengono segnalati che sono molto importanti”.

Pubblicato in Politica

Vasto. Ieri il sindaco, di Vasto,Francesco Menna e quello di Bari, Antonio Decaro, hanno firmato nella Sala Consiliare del Comune di Vasto un protocollo d’intesa per un gemellaggio tra le due città. Questa è solo una fase preliminare che sarà seguita dalla discussione nei Consigli Comunali.
“Un gemellaggio che affonda le radici nella religiosità –ha detto il sindaco di Vasto Francesco Menna- nella grande vocazione religiosa di questa comunità. Nella storia sicuramente, ma anche in altre tante attività che ci legano alla città di Bari e alla Puglia. Qualche anno fa quando mi candidai a consigliere comunale chiesi all’Amminitrazione Comunale,e venne subito accolta, la proposta di ristrutturazione della chiesetta di San Nicola. Quando mi candidaia sindaco un sentimento comune,che fa parte di tutta la comunità vastese,è stato quello di dare onore a questo grande senso di amicizia con Bari. Crediamo sia giusto tramandare ai posteri questa nostra cultura. Un gemellaggio che si inserisce nella Via Nicolaiana. Una via che unisce la Russia a Bari passando per la nostra città”
“Vi faccio i complimenti – ha detto il sindaco di Bari Antonio Decaro- perché ho trovato un centro storico pulito. Un sindaco quando va in un altro territorio lo paragona alla propria città. Bari –ha detto Antonio Decaro- è sicuramente legata a Vasto per San Nicola e sono tanti gli elementi che ci vedono uniti. Un legame che vivo ancora di più da quando sono sindaco. Ho un piccolo aneddoto legato a San Nicola. Ero parlamentare, stavo valutando se candidarmi asindaco. L’ultimo motivo che mi ha fatto decidere è accaduto in un Comune limitrofo al mio, dove ero andato per poter decidere con serenità. Sono entrato in una chiesa per chiedere aiuto e mentre salivo i gradini ho visto che sulla destra c’era la targa con il nome della chiesa, si chiamava San Nicola. Mi sono girato verso il mio portavoce e ho detto bene credo sia l’ultimo elemento che mi indica quale sia la strada e mi sono candidato. San Nicola è un Santo straordinario che lancia un messaggio quello dell’accoglienza. Ritengo importante costruire insieme a voi costruire il percorso di fede. Un percorso legato alla riflessione. Potremmo trarne anche dei benefici”.
Subito dopo la delegazione si è spostata ai Giardini di Palazzo d’Avalos per il Convegno sui Cammini europei come veicolo di promozione delle peculiarità culturali e paesaggistiche dei territori. Nel corso dell’incontro sono state confrontatele esperienze della Via Nicolaiana e quella della Via Francigena, mostrando come una tradizione locale possa trasformarsi in un’esperienza globale, dunque dal local al glocal. Nel caso del Comune di Vasto la tradizione che si è intesa valorizzare è quella del partecipato pellegrinaggio dei fedeli a piedi verso il capoluogo pugliese, che interessò storicamente anche la famiglia d’Avalos. Tradizione che ambisce a rappresentare un segmento di un itinerario più ampio, quello della Via Nicolaiana e il raggiungimento della certificazione di itinerario europeo da parte del Consiglio dell’Europa.

Pubblicato in Politica

Pescara. “E’ con grande piacere che esprimo le mie più sincere congratulazioni per l'ingresso nel consiglio comunale di Pescara della Prof.ssa Maria Ida D'Antonio”. E’ quanto dichiara Enzo Bianco, Presidente di Liberal PD e Sindaco di Catania.

“Insieme all'assessore Paola Marchegiani, vice presidente regionale di LiberalPD Abruzzo, la prof.ssa D'Antonio darà certamente un contributo significativo al rilancio dell'azione amministrativa guidata dal Sindaco Marco Alessandrini, portando avanti con decisione e fermezza i punti del programma di governo con l’obiettivo principale di operare il bene dei cittadini di Pescara”.

Il Presidente Bianco, assieme al responsabile regionale di Liberal PD, l’avvocato Loris Di Giovanni, subito dopo il seminario nazionale dei Liberal PD, che si terrà a Bagnoregio i prossimi 30 settembre e 1° ottobre, sarà a Pescara in occasione di un convegno.

Pubblicato in Politica

Pescara. Alle ore 14.05 del 01 settembre, la C.O. comunicava la richiesta di aiuto di alcune ragazze in questa in Via Pier Paolo Pasolini presso lo stabile ubicato al civico 6. Durante il tragitto per raggiungere il luogo dell’intervento, la C.O. puntualizzava che all’interno di un appartamento sito nel condominio di cui in argomento, si erano introdotti degli estranei con il probabile intento di perpetrare furto; (al termine dell’attività d’indagine si veniva a conoscenza che due persone dopo aver raggiunto il balcone dell’abitazione attraverso le scale, con l’utilizzo di un oggetto contundente, avevano infranto la finestra e, accortisi che nell’immobile vi erano delle persone, avevano desistito all’intento di entrare allontanandosi velocemente). Sul posto gli Agenti operanti accertavano che alcuni inquilini presenti nel cortile dello stabile, avevano visto l’allontanamento repentino di un’autovettura Fiat modello Grande Punto con alcune persone a bordo. In particolare una cittadina della Repubblica Popolare Cinese, riferiva di essere stata contattata telefonicamente dalle due nipotine rispettivamente di anni 14 e 17 che chiedevano insistentemente aiuto lamentando la presenza di estranei in casa. Immediatamente si recava in Via Pasolini e mentre si accingeva a fare ingresso nello stabile, udiva delle persone che correvano lungo le scale e con il proprio smart-phone, riusciva ad immortalare i presunti due autori del reato.
Un altro inquilino dell’immobile, escusso a S.I.T. riferiva che verso le ore 14.00, nel fare rientro presso la propria abitazione veniva informato della presenza di ladri in azione nel condominio identificato con la lettera “E”. Dal cortile riusciva a scorgere la presenza di un individuo che avvedutosi del suo interessamento, simulava la riparazione di un condizionatore posto all’interno del balcone ubicato al quarto piano e riconducibile alla famiglia di origine asiatica; subito dopo, il malvivente si appendeva dal balcone e rientrava dalla finestra posta sul pianerottolo tra il terzo ed il piano superiore guadagnando le scale per uscire dall’edificio. Per tale ragione, il cittadino comprendendo ciò che si stava verificando, decideva di appostarsi fuori dal portone principale e così facendo si scontrava materialmente con i due autori del crimine. Postosi all’inseguimento di colui che gli era passato più vicino, riusciva ad afferrarlo per la t-shirt strappandogli una consistente porzione. Per tutta risposta, il giovane, impugnando un cacciavite di notevoli dimensioni, colpiva il malcapitato al collo, ferendolo e riuscendo ad eludere la presa per poi allontanarsi definitivamente. In tale circostanza, il delinquente perdeva sia lo zaino che il cellulare che venivano rinvenuti subito dopo unitamente ad un cacciavite di notevoli dimensione e ad una “chiave a pappagallo” contenuti nella citata borsa. Subito dopo la volante intercetta nelle vicinanze l’autovettura segnalata che veniva bloccata ed il conducente identificato per GUZMAN GUZMAN Maicol Lierfenzon, arrestato e tradotto presso la locale Casa Circondariale in attesa della convalida dell’arresto. L’altro individuo riusciva a dileguarsi prima dell’arrivo della volante.

Pubblicato in Cronaca

Pescara. 209 incendi “significativi” nel periodo 1 luglio-30 agosto che hanno interessato complessivamente circa 5.570 ettari, 3.337 dei quali erano interamente coperti da boschi; 1 milione di euro spesi per far fronte all’emergenza e un danno ambientale al momento ancora difficile da quantificare ma che certamente dovrà essere calcolato con una cifra con molti zeri. Questi gli impressionanti numeri emersi durante la manifestazione Facciamoci sentire! BASTA ROGHI svolta questa mattina in piazza Sacro Cuore a Pescara. All’evento, lanciato da WWF e Legambiente, hanno aderito, citati in ordine sparso, CAI Abruzzo, Libera Abruzzo, Federparchi, Confesercenti Abruzzo, Comitato Cittadino di Chieti (cui aderiscono ben 80 associazioni e organizzazioni di categoria), FAI Abruzzo e Molise, Mountain Wilderness, Lega del Cane di Pescara,Acqua e Beni Comuni Chieti, “Gli amici di Peppino” di Moscufo (PE), C.P. Club per l’Unesco di Chieti, Noi del G.B.Vico, associazione turistica “Parco Majella Costa dei Trabocchi”, Sinistra Italiana, Associazione “Le Majellane”, Art. 1 MDP Abruzzo, Artisti per il Matta, Societas Herpetologica Italica Sezione Abruzzo e Molise, Movimento adulti scout cattolici MASCI, Società Botanica Italiana Sezione Abruzzo e Molise. Ma il dato più confortante è dato dalla adesione personale di numerosi cittadini, abruzzesi e non solo, che hanno testimoniato con la propria presenza la vicinanza agli abitanti dei comuni interessati agli incendi, la gratitudine per chi sta concretamente operando contro le fiamme ma anche la richiesta perché si correggano gli errori e si rendano impossibili in futuro le repliche di un simile immane disastro. Gli abruzzesi tutti sono addolorati per quel che è accaduto e sta accadendo, e chi ha partecipato ha voluto dimostrarlo. Tra i tanti interventi particolarmente sentiti quelli di due signore di Sulmona che, pur ringraziando chi tanto si è speso contro le fiamme, hanno anche denunciato a chiare lettere i ritardi e le manchevolezze emerse in questi drammatici giorni. È anche emersa, sul piano generale, la ben precisa richiesta per un cambiamento di strategia con l’impiego dei fondi pubblici non su inutili grandi opere ma sulla prevenzione e sui reali interessi dei cittadini, a cominciare da tutela della salute e dell’ambiente nel quale viviamo.

Per le istituzioni ha parlato il sottosegretario con delega alla protezione civile Mario Mazzocca, che ha riconosciuto la validità delle posizioni espresse nel corso del sit-in e si è impegnato personalmente perché si operi nella direzione indicata. Il comandante dei vigili del fuoco di Teramo, Romeo Panzone, ha ricordato l’immane lavoro svolto e ha annunciato che in giornata il rogo del Morrone sarà spento dopo tanti, troppi giorni. Un annuncio che è stato accolto con un applauso così come era stata accolta con gioia la pioggia all’inizio della manifestazione: tutti hanno pensato che quelle gocce potevano contribuire alla lotta alle fiamme e ne sono stati felici.

Significativo l’intervento del giovane dottorando Michele Di Musciano che ha portato il contributo della Società Botanica sul delicato tema dei rimboschimenti e della gestione del patrimonio boschivo. Occorre ascoltare gli esperti e non chi ha interessi economici a vendere alberi o a metterli a dimora. Nelle conclusioni, affidate al vice presidente del WWF Italia Dante Caserta, le associazioni hanno ribadito il proprio impegno perché la questione non si esaurisca con la fine dell’emergenza. L’appuntamento di oggi è stato solo un inizio: i cittadini si sono stancati di solisti che salgono sul podio e pontificano su ogni cosa; chiedono invece di partecipare, di fare squadra per risolvere tutti insieme i problemi. Le associazioni ambientaliste come sempre saranno con loro.

Pubblicato in Cronaca
Pagina 1 di 2

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Notizie Recenti

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione