Articoli filtrati per data: Giovedì, 01 Marzo 2018

Pescara. L’Assessorato alla Cultura del comune di Pescara e l’associazione A.C.M.A. (Associazione Cinematografica Multimediale Abruzzese), vi invitano giovedì 8 marzo per la giornata internazionale della donna, presso Museo d’arte moderna Vittoria Colonna in via Gramsci 1 a Pescara, alla proiezione di “LOOKING FOR FLOWERS IN ISLAMABAD” di Nicola Lucini e Simona Seravesi.


Saranno presenti

- Nicola Lucini, regista

- Simona Seravesi, coregista e antropologa

- Antonella Bertolotti, psichiatra e fondatrice della ONLUS Intermed

 


Il documentario “Looking for flowers in Islamabad”, di Nicola Lucini e Simona Seravesi, prodotto da Intermed-onlus, è stato accolto nel circuito di Amnesty International con la seguente motivazione “…il comitato che all’interno di Amnesty International si occupa della concessione dei patrocini, ha deciso di concederlo al suo documentario “Looking for Flowers in Islamabad”, poiché risponde ai valori che ispirano il lavoro di Amnesty International.”

 

Nell'aprile del 2013 Simona Seravesi, un'antropologa, Nicola Lucini, un regista e Antonella Bertolotti, Psichiatra e fondatrice della ONLUS Intermed, decidono di fare un viaggio in Pakistan. L'idea nasce dalla volontà di Simona di tornare nel paese dove ha vissuto per circa due anni lavorando presso l'Organizzazione Mondiale della Sanità. Il legame con il paese è forte, così come con le numerose persone incontrate. I tre amici vanno alla ricerca dei “preziosi fiori” di Islamabad, donne e situazioni che documentano “un altro Pakistan".
Il viaggio è costellato dagli incontri con queste donne attiviste, famose nel paese, da anni impegnate nella lotta per i diritti umani. La loro vita è spesso a rischio ma grazie al loro impegno costante sono riuscite a portare avanti dei cambiamenti nel paese in vari settori: dal sostegno all'educazione delle bambine in zone molto conservatrici, alla sensibilizzazione nazionale su tradizioni come i matrimoni precoci o di compensazione e anche all'approvazione di leggi che salvaguardano maggiormente le donne.
L'incontro con la comunità Transgender (TG) svela un lato del paese poco conosciuto laddove una terza identità, quella dei TG è stata da poco riconosciuta.

Looking for flowers in Islamabad si rivela così un percorso in una città in cui la maggior parte delle persone sogna di vivere in un “paese normale”.

 

#ACMA #Docudì #AbruzzoDocFest #AssociazioneACMA #LookingforFlowersinIslamabad

 


La rassegna “il giovedì… DOCUDÌ cinema documentario al museo Colonna” è in svolgimento a Pescara presso il museo d’arte moderna Vittoria Colonna in via Gramsci 1 e offre la possibilità di avere presenti in sala registi e autori delle opere.

Le proiezioni, gratuite e aperte al pubblico, si svolgeranno sino al 10 maggio 2018.

I documentari sono stati selezionati tenendo conto non solo del tema affrontato ma anche delle loro caratteristiche strettamente cinematografiche. Si è cercato di scegliere opere di qualità, rivolgendo un’attenzione particolare di volta in volta alle tematiche diverse che spaziano dall’arte al sociale, dalle problematiche ambientali alla multicultura, al documentario d’inchiesta.

 

La rassegna prosegue, sino al 10 maggio 2018 sempre di giovedì, con le seguenti proiezioni:

- 22 marzo 2018 ore 17.30 APPENNINO di Emiliano Dante sarà presente il regista

- 5 aprile 2018 ore 18.00 IL RUMORE DELLA VITTORIA di Ilaria Galbusera, Antonino Guzzardi

- 19 aprile 2018 ore 18.00 THE HARVEST - IL RACCOLTO di Andrea Paco Mariani sarà presente il regista

- 10 maggio 2018 ore 18.00 LET'S GO di Antonietta De Lillo sarà presente Luca Musella

Pubblicato in Cultura e eventi

San Giovanni Teatino. "Professione Digitale 3.0". E' il titolo del corso che sta per essere attivato dall'Amministrazione comunale di San Giovanni Teatino. La Giunta comunale, infatti, nella seduta dello scorso 20 febbraio 2018, ha accolto la proposta dell'assessore alle politiche del lavoro Ezio Chiacchiaretta.
Il corso sarà composto da moduli separati e non necessariamente propedeutici di: Brand Image, Come comunicarsi al meglio, Reputazione e comunicazione, Conoscere i social media.
"Dopo il grande successo del corso di inglese - commenta il Sindaco Luciano Marinucci - abbiamo ritenuto opportuno, come Amministrazione, proseguire sulla strada della formazione. Una formazione orientata al mondo del lavoro, affinché a questo corso possano avvicinarsi sia i giovani alla ricerca del primo impiego ma anche coloro che, già professionisti, vogliano approfondire tematiche legate al mondo del lavoro contemporaneo: il nostro intento è infatti quello di fornire strumenti al maggior numero possibile di cittadini, in questo caso anche in modo del tutto gratuito".
Già dal 2012 la Giunta comunale ha istituito un servizio di intermediazione lavoro e lo sportello comunale Informagiovani. "Il nostro impegno prioritario - spiega Chiacchiaretta - è di dare sempre nuovi e più efficaci servizi di intermediazione lavoro, attraverso progettazione ed erogazione di attività formative finalizzate all'inserimento lavorativo e corrispondenti alle figure professionali maggiormente richieste dal mercato del lavoro".
Il Comune di San Giovanni Teatino è stato lead-partner del progetto europeo ECMYNN, che ha studiato il fenomeno dei NEET (persone non impegnate nello studio, né nel lavoro né nella formazione). Nell'ambito del progetto sono state elaborate soluzioni efficaci e rispondenti alla rivoluzione digitale che ha prodotto tante nuove figure professionali e che stanno sostituendo, sempre più velocemente, quelle tradizionali. Occorrono, però, competenze più verticali e specializzate e che hanno determinato il digital devide (divario digitale) tra generazioni e nel mercato del lavoro.
"L'intenzione dell'amministrazione Marinucci - conclude Chiacchiaretta - è di mettere in campo iniziative innovative, come il corso "Professione Digitale 3.0" che permettano di attivare digital soft skills, ovvero opportunità di apprendimento di base delle nuove professioni digitali ed avere maggiori opportunità nel 'nuovo' mercato del lavoro".
Il corso è organizzato ricorrendo a professionalità interne al Comune ed utilizzando locali e attrezzature dell'ente.

Pubblicato in Cronaca

Pescara. Questa mattina con i voti della maggioranza sono state approvate due importanti delibere propedeutiche alla presentazione dei progetti esecutivi alla Presidenza del Consiglio dei Ministri. Il Comune ha già sottoscritto la convenzione e appena registrata alla Corte dei Conti decorreranno i 60 giorni di tempo per l'invio dei progetti esecutivi.

 

“Due passi importanti verso la realizzazione– illustra il vicesindaco e assessore ai Lavori Pubblici Antonio Blasioli – per la strada Pendolo, in primis, la delibera ci consente di completare la progettazione di una strada di cui si parla da decenni che verrà realizzata in due lotti dell’importo complessivo di 5.275.000 euro (3.500.000,00 + 1.775.000,00) e che taglierà come un pendolo Pescara da via del Circuito fino a via Rio Sparto.

Ora attenderemo la risposta definitiva dei privati e poi la registrazione della Convenzione delle periferie alla Corte dei Conti, avremo così sessanta giorni per inviare i progetti approvati su cui stiamo già lavorando ed infine si procederà con l’appalto dell’opera, auspichiamo prima di novembre 2018. La lunghezza del tratto interessato dall’intervento è di 180 metri e la via potrà essere utilizzata previa realizzazione di due rotatorie, una sulla Tiburtina ed una all’altezza di via Salara Vecchia, del raggio (interno) di 8,50 metri, in parte sormontabili nella corona esterna. Saranno oggetto di lavori i maricapiedi, illuminazione e anche la rete della acqua bianche (no la rete delle nere) e la pubblica illuminazione. Questo primo tratto si ricollegherà a via Enzo Tortora e da qui fino a Strada Comunale Piana da dove partirà il secondo tratto dell’intervento, anch’esso già in progettazione e dell’importo complessivo di 3.500.000 euro espropri compresi e anch’esso finanziato con i fondi per le periferie.

Via libera anche alla realizzazione di 24 appartamenti per utenti con disabilità sotto le palazzine Ater di via Caduti per Servizio, cioè le stesse palazzine per le quali oggi sono stati presentati i lavori di igienizzazione e messa in sicurezza dalle infiltrazioni. Progetto da 2.713.669 euro che comprende anche la compartecipazione dell'Ater per 829.488 euro che è la quota commisurata al valore della superficie. Si tratta di alloggi senza barriere architettoniche, che consentono anche l'eliminazione degli spazi sotto i palazzi, che minano decoro e sicurezza degli ambienti.

Due risultati importanti che spianano la strada a una trasformazione positiva di due aree sensibili della città.”.

Pubblicato in Politica

L’Aquila. In una suggestiva cornice del centro storico a L'Aquila, nel ristorante “Fratelli- il Bacaro” in via Roio che ha da poco riaperto dopo il terremoto del 6 aprile 2009 che ha devastato la città, il neo partito Dieci Volte Meglio, su iniziativa delle proprie candidate alla Camera dei Deputati nella Circoscrizione Abruzzo-02, ha consegnato a tanti giovani dell'Aquila “Il seme del rinascimento”, ossia un'ampolla con semi di mimosa che saranno piantati nel capoluogo d'Abruzzo che sta cercando di rialzarsi dopo il disastro del sisma.

“Un momento di forte partecipazione - spiega Alessandra Priante, candidata al collegio uninominale di L’Aquila per 10 Volte Meglio – che abbiamo voluto dedicare all'Aquila e alle donne”. All'evento ha partecipato Stefano Benedikter, vice presdente e co-fondatore di Dieci Volte Meglio. “Sono romano, ho 34 anni e per lavoro ho girato 30 Paesi nel mondo. Poi sono rientrato in Italia e pochi mesi fa insieme al presidente Andrea Dusi abbiamo dato vita a Dieci Volte Meglio. Un'idea folle, diventata realtà. Dai sondaggi emerge che il 40 per cento degli italiani non ha un partito di riferimento e anche per questo ci siamo messi in gioco. Stiamo correndo una maratona. Comunque vada alle prossime elezioni, andrà bene: per noi questa sfida è soltanto un inizio. E' la marcia di un'Italia silenziosa che vuole tornare ad essere l'Italia delle opportunità. L'Aquila, con la sua emergenza non ancora risolta, – ha sottolineato – è l'esempio del fallimento della politica. Bisogna reagire, perchè quando reagiamo tutto è possibile”.

Alessandra Priante, aquilana, candidata al collegio uninominale dell’Aquila, dopo aver ricordato le sofferenze e i sacrifici dell'Aquila, si è soffermata sul ruolo delle donne, anche nella ricostruzione. “In questa città – ha evidenziato – le donne – figlie, madri, sorelle, mogli – si sono caricate di dolori immensi e con la loro forza e con il loro lavoro stanno dando vita alla rinascita. Rimbocchiamoci le maniche, perchè dobbiamo crederci, ci crediamo tutti. E sarà #diecivoltemeglio”. Cristina Pacifico, candidata al collegio plurinominale L’Aquila-Teramo, ha invitato “a guardare alla primavera, alla rinascita, oltre la neve che c'è fuori”. Momento toccante dell'appuntamento la firma del “Patto delle Donne”, iniziativa promossa dagli Stati Generali delle Donne, per un impegno della politica a favore della protezione delle donne nella vita sociale. Presente Pina Rosato, presidente degli Stati Generali delle Donne Abruzzo, che ha detto “#diecivoltegrazie per la passione che mettete in questo progetto e per avermi fatto ritrovare L'Aquila, dove ho effettuato gli studi”. Ai presenti, accompagnati dallo swing primordiale del gruppo aquilano Les Petits Papiers, sono stati consegnati semi di mimosa, come augurio di risveglio economico e sociale e di rifioritura. Semi che, raccolti in una piccola ampolla, saranno interrati prossimamente a L'Aquila. “Che – ha concluso Alessandra Priante – ha bisogno di tanti nuovi inizi”.

Pubblicato in Politica

Pescara. L’inconfondibile cioccolato di Modica dal gusto dolce e granuloso invade il centro di Pescara e seduce i sensi dei visitatori durante la prima tappa del tour più goloso d’Italia “ChocoModica in tour”. È stata inaugurata questa mattina la manifestazione “Chocolate Days” che per quattro giorni (da giovedì 1° marzo fino a domenica 4 marzo 2018) porta in città carrellate di dolcezze, prodotte dalle mani sapienti dei maestri cioccolatieri siciliani, custodi di un’antica tradizione che va avanti dal 1746.
La kermesse è organizzata dal Movimento del Turismo del Cioccolato e delle Eccellenze Italiane e dal Consorzio di Tutela del cioccolato di Modica, con il patrocinio del Comune di Pescara. Il taglio del nastro, scandito dalle note dell’Inno di Mameli, suonato dall’orchestra del liceo musicale Misticoni-Bellisario, ha visto la partecipazione dell’assessore alle Attività Produttive Giacomo Cuzzi, del direttore del Consorzio di Tutela del cioccolato di Modica Nino Scivoletto e dell’organizzatore Paolo Recchia (vicepresidente del Movimento del Turismo del Cioccolato e delle Eccellenze Italiane). Per suggellare il gemellaggio culturale che unisce le città di Pescara e Modica, sulla scia letteraria tracciata da Gabriele D’Annunzio e Salvatore Quasimodo, sono intervenuti gli studiosi Dante Marianacci e Grazia Dormiente, accolti dal sindaco del capoluogo adriatico Marco Alessandrini.
Il festival “Chocolate Days” non è solo un itinerario goloso, bensì una manifestazione in cui la tradizione dolciaria si mescola con percorsi artistici e letterari, suggestioni legate al cinema e al teatro e allettanti connubi tra cucina e cultura territoriale, che prendono vita a pochi passi dalla suggestiva “Ciokofabbrica” del maestro perugino Fausto Ercolani. La fabbrica del cioccolato, montata per l’occasione al centro di piazza della Rinascita, è visitabile gratuitamente dalle 10 alle 22 per trasportare adulti e bambini nel magico mondo della lavorazione del cacao. Si parte dalla tostatura della fava di cacao, proveniente dalla Costa d’Avorio, per arrivare alla fase di spremitura, senza l’aggiunta di burro di cacao, all’incontro con lo zucchero di canna, i cui ingredienti si avvertono al palato, per culminare poi con la trasformazione in quel cioccolato purissimo di Modica fatto soltanto di ingredienti naturali e poco lavorati.
I maestri cioccolatieri di Modica sono rappresentati da Andrea Iurato, che ha portato all’Expo di Milano le dimostrazioni sulle antiche tecniche di lavorazione a freddo del cioccolato siciliano, mentre un confronto tra le diverse tradizioni cioccolatiere e dolciarie tra Pescara e Modica è affidato agli incontri con i maestri Massimo Tavoletta (oggi, giovedì 1 marzo alle ore 18,30) e Lorenzo Puca (domani, venerdì 2 marzo alle ore 17,30). Spazio anche alle degustazioni dei produttori di Perugia, Enna, Merate, Monza, Jesi e Pesaro, che propongono le loro delizie nelle forme più curiose e stravaganti. Nella tensostruttura in piazza della Rinascita le performance artistiche di scultura e pittura a partire da blocchi di cioccolato, con la partecipazione straordinaria del maestro scultore Enrico Candiano e degli studenti del liceo artistico Bellisario-Misticoni, si alternano a show cooking, convegni a tema, laboratori didattici, proiezione di fiction e documentari su cacao e cioccolato. Domani, venerdì 2 marzo, gli incontri inseriti nel ciclo “Chocotalk” proseguono con la presentazione della guida del quotidiano La Repubblica “Cioccolato gourmet – Guida delle eccellenze d’Italia” ad opera del giornalista Marco Ciaffone e dell’etno-antropologa Grazia Dormiente. Non mancherà la solidarietà, grazie al progetto “ChocoModica for life - Il cioccolato di Modica per Happy Child” a cura del Kiwanis, in collaborazione con Save the Children, dedicato alla raccolta fondi per i bambini abbandonati. Infine è prevista anche un’area dedicata ai più piccoli con trucca bimbi, face art (a cura degli artisti Liza Levina e Sergei Levin) e l’angolo per “Le mani in… pasta di cacao”.
“Queste manifestazioni – ha spiegato l’assessore alle Attività produttive del Comune di Pescara Giacomo Cuzzi durante l’inaugurazione – sono fondamentali per rilanciare la funzione del nostro centro commerciale naturale e per costruire insieme pezzi di futuro grazie anche alla partecipazione delle scuole. Siamo orgogliosi di poter ospitare il cioccolato di Modica, emblema dell’eccellenza e della qualità della tradizione dolciaria italiana”.
“Il tour – ha sottolineato Paolo Recchia, tra gli organizzatori della manifestazione – comincia da Pescara, in occasione delle celebrazioni degli 80 anni dalla morte di D’Annunzio. Abbiamo coinvolto il maestro perugino Fausto Ercolani, che ha ideato una fabbrica del cioccolato ambulante, e abbiamo contattato il Consorzio di Tutela del cioccolato di Modica, diretto da Nino Scivoletto. L’obiettivo del Movimento del Turismo del Cioccolato e delle Eccellenze Italiane è di far conoscere il cioccolato artigianale, valorizzando quelle caratteristiche che lo rendono di gran lunga più gustoso e raffinato rispetto a quello di produzione industriale”.

Pubblicato in Cultura e eventi

Pescara. Firmato stamane l’atto di transazione fra Comune di Pescara, il concessionario Consorzio Sapro e l’impresa esecutrice dei lavori ATI Astaldi Spa (capogruppo mandataria), Matarrese Spa, Salini Costruzioni Spa e Toto Spa (mandanti), relativo al componimento del contenzioso in corso da vari decenni sui lavori di realizzazione del Palazzo di Giustizia di Pescara. La transazione comporterà un risparmio di 2.602.012,64 milioni di euro per le finanze comunali. A questo vantaggio di non trascurabile entità, si aggiungerà l’accollo da parte del Consorzio Sapro ed ATI Astaldi dei lavori di rifacimento dei rivestimenti esterni del Palazzo, con la sostituzione delle attuali lastre, il cui distacco ha sinora precluso la possibilità di collaudare l’opera, conferendole la piena agibilità.

La transazione è stata contestualmente illustrata in presenza del sindaco Marco Alessandrini, il presidente della Regione Abruzzo all’epoca dell’apertura del Palazzo di Giustizia sindaco di Pescara, nonché Gabriele Paolo, Direttore del Consorzio Sapro, Marco Foti, direttore generale Astaldi, di Paola Di Marco, a capo dell’Avvocatura comunale, i consulenti esterni, avvocati prof. Osvaldo Prosperi e avvocato Carlo Montanino, il dirigente del Settore Patrimonio Pierpaolo Pescara.

“Questa è una giornata emozionante al pari dell’inaugurazione del Ponte Flaiano – ha esordito il sindaco Marco Alessandrini – L’accordo è una questione eccezionale che pone fine a un contenzioso che dura da vent’anni e che oggi giunge a definizione con tanta buona volontà delle parti. Due questioni fra tutte, la prima è il risparmio di 2,6 milioni di euro sulle somme che si sono sviluppate in tanti anni di contenzioso. Altrettanto importante è la possibilità ora di eliminare “l’invalidità civile” del Tribunale, perché verranno sostituite quelle lastre che per il rischio caduta sono state un impedimento fino ad oggi per alcune zone dell’edificio che sono state transennate. Il Palazzo di Giustizia proprio a causa di tale rischio non è collaudato e solo un sindaco coraggioso come fu all’epoca Luciano D’Alfonso poteva prendere in consegna un’opera non collaudata perché diventasse operativa. Faccio un ringraziamento speciale al pool legale del Comune e degli esperti che ci hanno accompagnato, ai soggetti interpreti di questa intesa che arriva dopo un lunghissimo viaggio durato quasi vent’anni: perché con buona volontà hanno limato le distanze che allontanavano la meta, insieme alla struttura comunale che ha fatto la sua parte.

Noi facciamo i conti con 15 anni di giudizi, lodi arbitrali, sentenze definitive della Corte di Cassazione. Come comune verseremo 6.768.000 circa, è una somma che consente un risparmio di 2.600.000 rispetto alle risultanze dei tribunali ed esclude anche il computo degli interessi. Somme che hanno piena copertura nel nostro bilancio, perché abbiamo considerato tutta la situazione economica dell’Ente durante questi tre anni di procedura di riequilibrio. L’Amministrazione si riserva ora di agire per portare a carico del Ministero della Giustizia tutti gli oneri che riguardano la manutenzione di una struttura dove si esercitano attività di competenza”.

“Questa opera è una infrastruttura che consente il diritto alla giustizia e una delle più grandi opere a rilevanza urbana concepita, progettata e messa in esercizio – così il presidente della Regione Luciano D’Alfonso - Forse una punta di gigantismo c’è stata e mi ricordo che al Cipe per questi fondi non arrivavano richieste, a causa della paura che determinava l’atmosfera che si viveva all’epoca. Noi abbiamo saputo metterla in esercizio, nonostante l’incompiutezza del collaudo, facendoci carico di responsabilità pur di vederla attiva. Perché le opere pubbliche devono essere completate, è una questione di moralità: contengono progetti, risorse e servizi che devono trovare attuazione. Apprezzo per questo il senso di responsabilità delle imprese che sono giunte a conclusione del contenzioso. Ora dobbiamo fare in modo che la manutenzione minuta venga convenzionata fino a certi livelli di spesa, a rimborso; per il futuro sarà questa la migliore soluzione per concepire una formula che consentirà la durevo

“Sono 44 anni che faccio questo mestiere, ho costruito opere in tutta Italia e mai una è rimasta senza collaudo - lezza dell’opera – aggiunge l’ingegner Marco Foti, direttore generale Astaldi - ho ritenuto necessario chiudere il contenzioso proprio per questo. Nelle altre occasioni capitate devo dire che non ho trovato funzionari pubblici così operativi come a Pescara, anche per tale situazione è stato possibile arrivare a questa sintesi che è la migliore, anche per la pubblica amministrazione”.

“C’è stato un interesse comune a chiudere la vicenda nel modo migliore dal punto di vista sia tecnico che amministrativo – aggiunge Gabriele Paolo, Direttore del Consorzio Sapro - Il tutto si è svolto con la massima lealtà da parte di tutti, cercando anche di essere un po’ empatici e arrivando a questa soluzione che ci sembra buona per tutti”.

“Nel 90 mi fu chiesta una consulenza e io diedi il mio placet – racconta il professor Osvaldo Prosperi - prima di fare le consegne dell’opera, l’ho vissuta anche come una mia seconda casa. Questa vicenda attraversa varie amministrazioni, l’ho sempre affrontata guardando alle istituzioni e non alle persone e sono dispiaciuto verso il Ministero, che è stato sordo e quindi arrivare a tale accordo significa avere i lavori al più presto”.

“A parte questa procedura, a breve faremo un bando per l’alienazione delle lastre di risulta – annuncia il vice sindaco Antonio Blasioli – mettendo in vendita le lastre che verranno sostituite con altre identiche alla vista, ma di grès porcellanato, avremo la possibilità di ricavare 720.000 euro per i 24 lotti di lastre da 1000 metri quadri ciascuno”.

Pubblicato in Cronaca

Chieti. "Come amministratori e sindaci abbiamo la consapevolezza che non possiamo permetterci di sbagliare nelle scelte per il bene delle nostre comunità. Ogni giorno siamo in prima linea e ci confrontiamo con i nostri cittadini che vedono in noi dei punti di riferimento, veri e concreti. A noi si affidano quotidianamente per esporre i loro problemi nella speranza di trovare una soluzione, ma ancor più per essere ascoltati e consigliati. Per questo in maniera convinta sosteniamo la candidatura della nostra collega sindaco, Tiziana Magnacca, in grado di rappresentare le istanze dei nostri territori e del nostro Abruzzo. E’ una candidatura reale e concreta e ha possibilità di trovare riscontro dal consenso che non le mancherà d’arrivare dagli elettori. Tiziana Magnacca è un sindaco che è sempre stata in prima fila, mettendoci cuore e testa, nelle tante battaglie che l’hanno vista protagonista in difesa delle nostre genti. E' un sindaco affidabile: ne conosciamo le qualità umane e amministrative e siamo certi che possiamo spenderci per lei".

 

I sindaci di:

Chieti – Umberto Di Primio

Borrello – Giovanni Di Nunzio

Carunchio – Gianfranco D’Isabella

Casalbordino – Luigi Di Cocco (vicesindaco)

Castel Frentano – Gabriele D’Angelo

Castiglione Messer Marino – Felice Magnacca

Cupello – Manuele Marcovecchio

Gamberale – Maurizio Bucci

Monteodorisio – Saverio Di Giacomo

Paglieta – Nicola Scaricaciottoli

Perano – Gianni Bellisario

Villalfonsina – Mimmo Budano

E i gruppi consiliari di centrodestra del territorio

Pubblicato in Politica

Ortona. Ortona conquista la bandiera della ciclabilità entrando nella carta dei ComuniCiclabili FIAB (Federazione Italiana Amici della Bicicletta) 2018. La manifestazione che consegnerà le nuove bandiere e l’attestazione per i Comuni riconosciuti ciclabili si terrà mercoledì 21 marzo a Bologna presso la Cappella Farnese di Palazzo d’Accursio.

«È un riconoscimento che guarda al futuro della nostra città e su cui ci siamo subito impegnati insieme ai responsabili locali del FIAB che ringrazio per l'attenzione e l'interessamento – dichiara il sindaco Leo Castiglione – Il primo tratto di pista ciclopedonale che interessa la costa ortonese, realizzato con finanziamento regionale e comunale e messo in piedi dalla passata amministrazione, ha dimostrato tutte le potenzialità positive di questa infrastruttura, sia in termini ambientali che turistici. Il nostro obiettivo è quello di valorizzare e arricchire con nuovi tratti e percorsi le ciclopedonali che insistono sul nostro territorio e soprattutto unirle al centro urbano».

L’iniziativa della FIAB, la più grande associazione ciclo-ambientalista italiana che conta oltre 160 associazioni aderenti su tutto il territorio nazionale grazie all’impegno dei soci attivisti, intende premiare gli sforzi delle amministrazioni che mettono in pratica concrete politiche per la mobilità in bicicletta. La valutazione attesta il grado di ciclabilità dei Comuni, vale a dire quell’insieme di infrastrutture e azioni che li rendono adatti ad essere vissuti e visitati in bicicletta, uno strumento utile ai cittadini e ai turisti. Inoltre insieme alla consegna della bandiera della ciclabilità, la FIAB redigerà una guida a diffusione gratuita on line, sui Comuni ciclabili d’Italia che riporterà una scheda sintetica del percorso ciclabile e del territorio su cui si sviluppa.

La città di Ortona ha messo in evidenza tutte le potenzialità della ciclopedonale costiera con i primi due tratti di pista realizzati, poco più di 3 km, che collegano il lido Saraceni a punta Lunga, passando per via Cervana, il faro e la spiaggia della ritorna.

Sono già diversi i Comuni italiani che possono fregiarsi della bandiera con il simbolo della bike-smile, suddivisi in 12 regioni da nord a sud isole comprese, segno evidente che il tema della mobilità in bicicletta per turismo e per la mobilità quotidiana, sta diventando da argomento di nicchia a tema centrale nel dibattito nazionale.

Pubblicato in Cronaca

Mazara del Vallo. Il Circo Lidia Togni accoglie il suo pubblico all’insegna della solidarietà ed allegria, grazie all’amministrazione del Comune di Mazara del Vallo, lo spettacolo pomeridiano di lunedì 5 marzo alle ore 18.00, sarà dedicato alle Associazioni di Volontariato, con ingresso gratuito.

“Su direttiva del Sindaco Nicola Cristaldi la nostra amministrazione prosegue la serie di azioni destinate al sociale, grazie all’iniziativa del consigliere comunale Francesco Foggia ed alla sensibilità del direttore del circo Lidia Togni, Vinicio Togni Canestrelli, le associazioni di volontariato avranno l’opportunità di far vivere gratuitamente l’emozione del Circo a bimbi ed anziani”, è quanto comunica l’Assessore comunale alla Pubblica Istruzione Adele Spagnolo.

Il Circo Lidia Togni, dopo i successi nazionali ed internazionali e riconoscimenti prestigiosi come il Premio “Clown D’Argento” al Festival Internazionale del Circo di Montecarlo e la medaglia commemorativa della Presidenza della Repubblica al Festival del Circo d’Italia di Latina, approda a Mazara del Vallo dove effettuerà due spettacoli al giorno nello spazio del Lungomare: alle 18.00 e alle 21.15, tutti i giorni, la domenica ore 17.00, secondo spettacolo alle 19.30, martedì 6 marzo unico spettacolo ore 18.00.

“Come avvenuto per altre analoghe iniziative, afferma il consigliere Francesco Foggia, abbiamo trovato nell’amministrazione comunale ed in questa occasione particolare nel prestigioso Circo Togni, attraverso Vinicio Togni ed il signor Marcello Marchetti, grande disponibilità per regalare un sorriso a bambini ed adulti che magari non avrebbero avuto i mezzi e le possibilità di assistere al Circo”.

Vinicio Togni Canestrelli, figlio di Lidia e direttore del complesso circense, universalmente riconosciuto come il più esperto e prestigioso addestratore a livello internazionale, ha espresso un ringraziamento particolare al Sindaco ed all’Amministrazione, per il tramite dell’Assessore Spagnolo e del consigliere Foggia, per la bella accoglienza e per la possibilità di collaborare con la Città per l’iniziativa benefica.

“Devo complimentarmi con l’Amministrazione, plaude Vinicio Togni, in quanto dopo molti anni ritorno a Mazara del Vallo e trovo una città molto più bella e migliorata rispetto al passato. Grazie a tutti per la splendida accoglienza e l’organizzazione”.

Pubblicato in Cronaca

L’Aquila. Pescina (AQ) entra nella lista delle città italiane scelte da TIM per il lancio dei servizi a banda ultralarga sulla nuova rete in fibra ottica, che permette di utilizzare la connessione superveloce fino a 200 Megabit al secondo in download a beneficio di cittadini e imprese. L’iniziativa ha l’obiettivo di dare impulso allo sviluppo digitale del territorio e proiettare così il comune della Marsica verso il modello di Smart City, grazie ad una infrastruttura di nuova generazione che già oggi consente di abilitare servizi e soluzioni innovative: dalla mobilità urbana alla sicurezza, dal monitoraggio ambientale ai trasporti, fino all’offerta turistica e all’entertainment.

Il programma di cablaggio ha già consentito di collegare la quasi totalità del territorio della cittadina alla centrale di Pescina, per una copertura pari a circa 1.400 unità immobiliari.

Il lancio a Pescina dei servizi in fibra ottica è il risultato dell’investimento di TIM pari a oltre 200mila euro. Questo impegno ha consentito di realizzare infrastrutture sempre più moderne e in grado di offrire servizi tecnologicamente evoluti, in linea con la nuova strategia DigiTIM che ha l’obiettivo di dare impulso alla trasformazione digitale del Paese.

Grazie alla nuova rete in fibra ottica saranno disponibili i servizi digitali che caratterizzano la “città intelligente”, come quelli per rilevare gli spostamenti di abitanti e visitatori per ottimizzare i trasporti, la mobilità urbana e la sicurezza; prevedere i volumi di persone durante gli eventi e gli itinerari seguiti dai turisti, modulandone l’offerta, e monitorare l’ambiente con soluzioni per il controllo della qualità dell’aria e delle aree verdi.

Per quanto riguarda l’entertainment, con la fibra è possibile accedere a contenuti video di particolare pregio anche in HD. TIM offre infatti una TV che unisce il meglio dell’intrattenimento, proponendo la più ampia piattaforma di distribuzione di contenuti premium, grazie agli accordi siglati con Netflix, ai quali si affianca anche l'offerta "TIM Sky". In questo modo TIM intende proporre ai clienti le migliori produzioni televisive e incentivare l’utilizzo delle infrastrutture di connessione a banda larga e ultralarga fisse e mobili, che rappresentano il futuro anche per il mercato dell’intrattenimento.

La connessione ad alta velocità consente inoltre di praticare il gaming on line multiplayer in alta qualità e di fruire di contenuti multimediali contemporaneamente su smartphone, tablet e smart TV. Le imprese, inoltre, possono accedere al mondo delle soluzioni professionali sfruttandone al meglio le potenzialità grazie alla connessione in fibra ottica. Quest’ultima abilita anche applicazioni innovative come lo smart working, la unified communication la videosorveglianza in HD e i servizi di cloud computing per le aziende, come le applicazioni software as a service.

Pubblicato in Cronaca
Pagina 1 di 3

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Notizie Recenti

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione