Articoli filtrati per data: Sabato, 10 Marzo 2018

Lanciano. Il Sindaco Pupillo ha dichiarato che il monumento ai caduti verrà spostato in un altro luogo poiché di intralcio alla visuale. Dura critica di CasaPound Italia: "Siamo arrivati alla follia più totale - queste le dure parole di Marco Pasquini, responsabile cittadino del movimento - Di scelte scellerate e impensabili l'Amministrazione comunale e il Sindaco Pupillo ne hanno fatte molte, ma adesso siamo ai limiti dell'assurdo".

"Oltre alla valenza storica del monumento, la sua collocazione fu scelta appositamente per un ricordo eterno e costante dei caduti della prima guerra mondiale e in seguito di quelli della seconda - prosegue Pasquini - è un simbolo cittadino, che non può essere vittima di un atto folle e mitomane come spostarlo in un altro luogo. Giustificarlo in nome di un riammodernamento del centro storico è oltraggioso, oltre che ridicolo date le vere problematiche di Lanciano".

"Inoltre, più volte abbiamo segnalato le condizioni di degrado del monumento, senza mai ricevere una risposta - continua - Apprendiamo ora che con dopo il restauro del corso, inizieranno i lavori per questo spostamento e che a breve verrà messo in sicurezza e restaurato".

"Senza mezzi termini dichiariamo che questa per noi è una battaglia aperta - conclude Pasquini - diciamo sì alla restaurazione del monumento, ma siamo assolutamente contrari ad una politica senza logica come quella dello spostamento di un'opera d'arte di tale portata. Proseguiremo la nostra battaglia per il ricordo di chi ha dato la vita per la nostra nazione e per Lanciano, oltre che al decoro della città".

Pubblicato in Politica
Sabato, 10 Marzo 2018 00:00

Chieti a Cupello a caccia di conferme

Chieti. Dopo la rifinitura di questa mattina il Chieti F.C. è pronto per affrontare in trasferta il Cupello, per la ventinovesima giornata del campionato di Eccellenza.

I neroverdi del tecnico Marino, galvanizzati dal successo casalingo con l’Acqua&Sapone, che ha permesso a Lalli e compagni di tornare al secondo posto in classifica ai danni del Martinsicuro, vogliono dare continuità di prestazione e di risultato.

Sei giornate al termine del campionato, due partite separano i teatini dalla lunga sosta per dare spazio al “Torneo delle Regioni” che si svolgerà a L’Aquila dal 24 al 31 Marzo, il Chieti, tra Cupello e Montorio 88’ all’Angelini, deve cercare di raccogliere il massimo dei punti a sua disposizione per farsi trovare pronto per il rush finale.

In terra vastese non sarà una passeggiata, visto che i padroni di casa allenati da Panfilo Carlucci, sono in piena lotta per evitare i play out, ad un punto di distacco dall’Amiternina che occupa la quint’ultima posizione.

Marino in settimana ha catechizzato i ragazzi a non prendere sottogamba l’impegno e soprattutto di evitare facili cali di tensione durante la partita che possono costare caro.

Nel 4-3-3 uno dei protagonisti in positivo è senz’altro l’esterno Giacomo Calderaro che si sta facendo apprezzare dallo staff tecnico per l’impegno e la qualità che sta mettendo sul terreno di gioco in queste ultime domeniche.

Le sue sgroppate sulla fascia in più di una circostanza hanno rappresentato pericoli costanti per le difese avversarie, insieme a quelle del compagno di reparto Fabrizio Selvallegra che domani giocherà contro la sua ex squadra con Mattia De Fabritiis altro ex della contesa:

“Sono contento di essere tornato in piena forma dopo qualche problemino fisico – racconta Calderaro a Chieti F.C.it – io e Fabrizio stiamo facendo bene anche grazie ai nostri compagni che ci permettono di esprimerci al meglio delle nostre possibilità. Domenica scorsa con l’Acqua&Sapone è stata una partita dura e complessa, ma siamo riusciti a spuntarla, a Cupello sarà un altro match da non sbagliare perché anche li incontreremo una squadra affamata di punti. L’obiettivo è sempre quello di vincere per mantenere il secondo posto che ci permette di affrontare i play off da una posizione privilegiata. Mister Marino ci sprona a fare sempre del nostro meglio per migliorarci nel lavoro che affrontiamo quotidianamente. Personalmente sto bene e voglio contribuire, in questo finale di stagione, al raggiungimento di obiettivi importanti perché questa società e questi tifosi meritano altre categorie”.

Dopo la seduta di questa mattina al “Marcantonio” di Cepagatti, Marino non potrà contare sull’ex Vito Marinelli rimasto a letto causa influenza. Assenti anche Di Sabatino e Costantini. Torna disponibile Daniel Margarita che si è allenato con il gruppo per tutta la settimana dopo aver superato l’infortunio. Ci sarà anche l’estremo difensore Carmine Salvatore.

Nel Cupello mister Carlucci dovrà rinunciare al giovane Simone Tucci. In campo l’ex Simone Capitoli con Pendenza in attacco affiancato da Niente e D’Antonio.

All’andata all’Angelini Chieti e Cupello si divisero la posta in palio con un pirotecnico 3 a 3 finale, con la grande rimonta neroverde firmata da Lalli e Catalli che riacciuffarono il doppio vantaggio vastese firmato da Pendenza e Tucci.

Cupello – Chieti F.C. è stata affidata a Guido Verrocchi della sezione di Sulmona, coadiuvato dagli assistenti Di Cerchio di Avezzano e Cortellessa di Sulmona. Ricordiamo che in settimana si è giocato il recupero di campionato tra Torrese e Spoltore terminata 1 a 1. Nel pomeriggio, altro pareggio nell’anticipo, sempre 1 a 1, tra Paterno e Amiternina.

Pubblicato in Sport

Chieti. E-Distribuzione, società del gruppo Enel che gestisce le reti elettriche di Media e Bassa tensione, sta effettuando un complesso intervento a Chieti Scalo, tra via Colonnetta e via Scaraviglia, per riparazioni su un cavo interrato di Media Tensione risultato danneggiato.

Nessun disagio per gli oltre 2000 clienti serviti dalla linea oggetto di intervento: dopo una interruzione nel corso della notte tra il 7 e l’8 marzo, da giovedì mattina l’alimentazione energetica è garantita grazie ad un collegamento alternativo realizzato attraverso un cavo installato temporaneamente e tre gruppi elettrogeni, che resteranno in servizio fino al termine dei lavori.

Per il completamento degli interventi, che richiedono attività di scavo, E-Distribuzione ha richiesto al Comune temporanee variazioni alla circolazione veicolare nelle due vie interessate. E-Distribuzione ringrazia il Comune per la collaborazione, in particolare gli uffici Lavori Pubblici e Traffico, e, scusandosi per ogni eventuale disagio, sottolinea che i lavori hanno carattere urgente e che verranno completati entro la serata.

Un ulteriore intervento di potenziamento della linea verrà effettuato nelle prossime settimane in coordinamento con il Comune.

Pubblicato in Cronaca

Sulmona. Il lavoro che cambia e il futuro dei giovani abruzzesi. È questo il tema centrale del III congresso di Uiltemp Abruzzo, il sindacato che rappresenta e tutela i cosiddetti “atipici”, quel mondo di lavoratrici e lavoratori in somministrazione, parasubordinati, a progetto, lavoratori con partita iva e titolari di forme di autoimpiego, in programma lunedì 19 marzo a Sulmona.

Un appuntamento importante, anticipato da un’originale e intensa fase preparatoria, all’insegna della concretezza: già in questi giorni, infatti, gli studenti del polo scientifico tecnologico "E. Fermi" di Sulmona, in particolare gli ultimi anni degli istituti tecnici (Geometra, Ragioneria, Itis) e Liceo scientifico, saranno coinvolti con le agenzie per il lavoro in giornate di orientamento nel mondo del lavoro, nel corso delle quali potranno scoprire come si prepara un curriculum e come si affronta un colloquio di lavoro.

Un’iniziativa che sta già riscuotendo successo presso gli studenti, e che culminerà nella giornata di lunedì 19 marzo, che si articolerà in due momenti. Dalle 9.00, alla rotonda di San Francesco in corso Ovidio, le agenzie per il lavoro coinvolte (Quanta, Adecco, Manpower, Humangest, Alma) animeranno degli stand per incontrare gli studenti del polo scientifico e tecnologico "E. Fermi" e i disoccupati del territorio, simulare un colloquio di lavoro e inserire i curriculum presentati nella loro banca dati. Alle 9.30, nella sala convegni della Comunità montana in via Angelone si svolgerà il congresso Uiltemp Abruzzo all'interno del quale ci sarà un dibattito sul tema "Giovani e lavoro, quale futuro" con la partecipazione di rappresentanti del mondo della scuola, dell'università, delle aziende, delle istituzioni e del sindacato. Sono stati invitati ad intervenire la neo senatrice Gabriella Di Girolamo, l'assessore al Lavoro della Regione Abruzzo, Andrea Gerosolimo, il sindaco di Sulmona, Annamaria Casini, le aziende del territorio LFoundry, Gruppo Pingue, Pantex, Refresco, Casartigiani Scuola, il dirigente scolastico del Polo Scientifico Tecnologico "E. Fermi” Massimo Di Paolo, e delle agenzie del lavoro coinvolte. Per il sindacato, saranno presenti il segretario regionale Uiltemp Abruzzo, Maurizio Sacchetta, il segretario generale Uil Abruzzo, Michele Lombardo, la segretaria nazionale Uiltemp, Lucia Grossi, e il presidente del Centro studi Uil Nazionale, Roberto Campo. L’assise si concluderà con l’elezione degli organi collegiali e l’approvazione del documento finale.

Pubblicato in Cronaca

Pescara. «È giusto che Il fastello della mirra sia un libro postumo». Così si esprimeva profeticamente, a proposito della sua nuova autobiografia, Gabriele d’Annunzio in una lettera del 1925 ad Attilio Vallecchi che avrebbe dovuto esserne l’editore. Ad ottant’anni dalla morte del Vate, il gioco di scambi e di specchi tra memoria e scrittura, esistenza ed arte, biografia e letteratura, trova ancora riscontro in questa opera dai contorni misteriosi: il Fastello della mirra è infatti una sorta di antologia di brani tratti dalle opere di d’Annunzio, narrate in prima persona, assemblate in modo tale da ricostruirne la vita. Un lavoro di antologizzazione voluto dallo stesso d’Annunzio e da lui supervisionato, ma affidato alla capacità compositiva di Eugenio Coselschi, suo fedele segretario. Il volume, avviato nel 1922 e pronto in bozze di stampa nel 1926, rimase sconosciuto e inedito fino al 2004 quando, lo studioso che ancora oggi ne cura l’edizione, Angelo Piero Cappello, lo recuperò negli Archivi del Vittoriale degli Italiani a Gardone Riviera.

 

Di questo volume, ora pubblicato dalla casa editrice Bibliotheka di Roma, in una nuova collana dannunziana, parleranno lunedì 12 marzo, alle ore 17.30 al Mediamuseum di Pescara, oltre al curatore, Laura Melosi dell’università di Macerata, Andrea Lombardinilo dell’Università D’Annunzio e Dante Marianacci, presidente del Centro Nazionale di Studi Dannunziani. L’evento si inserisce nella nutrita serie di manifestazioni organizzate, per gli 80 anni dalla morte, per festeggiare il compleanno del Vate, dalla Fondazione Edoardo Tiboni per la Cultura e dal Centro Nazionale di Studi Dannunziani con la collaborazione del Comune di Pescara e del Conservatorio Luisa d’Annunzio. Ingresso libero.

Pubblicato in Cultura e eventi

Francavilla al Mare. L'Amministrazione comunale guidata dal sindaco Antonio Luciani risponde duramente all'iniziativa del Comune di Ortona, che nelle ultime settimane ha richiesto alla Provincia, competente per gli istituti scolastici superiori e quindi del Liceo Volta, di apportare modifiche al Volta nel piano di dimensionamento per il prossimo anno scolastico, trasferendo così la presidenza dello stesso liceo da Francavilla a Ortona. "Incomprensibile il contenuto della proposta dell'amministrazione comunale di Ortona", replica il vicesindaco ed assessore all'Istruzione Francesca Buttari, "A pensar male sembrerebbe l'ennesimo tentativo di " scippo" della presidenza del Liceo Scientifico dalla nostra città. Eppure i numeri parlano chiaro. Fra i tre istituti ad indirizzo umanisto- scientifico, il liceo A . Volta di Francavilla rimane il più frequentato con il doppio degli studenti rispetto alle sedi ortonesi. Inoltre anche agli osservatori meno attenti, appare assolutamente incongruente dal punto di vista pedagogico quanto proposto dall'Amministrazione ortonese circa l'accorpamento di un istituto commerciale, l' Einaudi, con i tre istituti ad indirizzo umanistico-scientifico (le due sedi dello scientifico diviso fra Francavilla ed Ortona e il classico di Ortona)". Il Vicesindaco rimarca l'inopportunità di una direzione didattica unitaria "fra un istituito tecnico e una formazione liceale , ove sarebbe difficile anche gestire la continuità dei flussi di studenti in entrata ed in uscita. Non basta sostenere che ci sono elementi logistici comuni come palestra, biblioteca e così via".
"Nasce spontanea una domanda: non sarà solo un rimescolamento per avere i numeri con l'unico obiettivo di togliere la presidenza a Francavilla?", aggiunge il sindaco Luciani, "Non esiste infatti un problema di dimensionamento, trattandosi di dati riferiti all'anno scolastico 2017-2018, anno in cui la dirigenza è rimasta regolarmente nella nostra città. Inoltre le nuove iscrizioni confermano il superamento sella soglia dei 600 iscritti per l'anno scolastico 2018-2019 e vedono un aumento dei nuovi alunni per la sede francavillese, risulta perciò fuori luogo anche la dichiarazione dell'assessore di Ortona sul boom di iscrizioni, dal momento che Francavilla registra per l'anno scolastico 2018-2019 più iscritti delle due sedi ortonesi. Per questo, insieme a tutta l'amministrazione, rappresenteremo le nostre motivazioni alla Provincia affinché la presidenza rimanga a Francavilla, perché si conservi forte e solida l'offerta formativa superiore della nostra città. È inoltre assolutamente da contestare questa visione che difende il campanile a discapito di un equilibrio dell'offerta scolastica dell'intero territorio provinciale e dell'area chietino-ortonese".

Pubblicato in Politica

Pescara. Inizia male l’avventura di Massimo Epifani sulla panchina del Pescara: i biancazzurri subiscono un pesante 1-4 all’Adriatico dal Parma.
Biancazzurri decisamente sottotono che per buona parte del match restano in balia dei blasonati avversari, salvo qualche break in cui il Delfino ha cercato di scardinare la ben organizzata retroguardia avversaria. Nel primo tempo gli emiliani si portano in vantaggio con Calaiò, per poi andare di nuovo in rete nella ripresa con Ceravolo e Gagliolo, il Pescara accorcia le distanze con Bunino e gli ospiti chiudono i conti con Scavone.
Nel Pescara Epifani non ha potuto contare sugli infortunati Bovo, Campagnaro e Proietti, che sono stati comunque convocati. Invece nel Parma assenti Vacca, Scozzarella e Siligardi, ma recupera Ciciretti e Munari. Prima del calcio d’inizio osservato 1’ di raccoglimento per ricordare Davide Astori con le due compagini che hanno indossato delle divise speciali dedicate allo sfortunato capitano della Fiorentina. All’Adriatico si rivedono gli ex Calaiò, che fa valere la legge del gol dell’ex, e D’Aversa.

 

La cronaca
Al 6’ Brugman lambisce il palo. Ma al 10’ è il Parma a passare in vantaggio con Baraye che sugli sviluppi di un fallo laterale, nei pressi della linea di fondo, serve in mezzo l’ex Calaiò che batte Fiorillo. Reagisce il Pescara con una punizione di Falco al 14’ che va di un soffio sopra la traversa. Al 16’ il Parma torna in avanti con Gagliolo dalla sinistra che trova la testa di Insigne che manda di poco a lato. Al 20’ traversone di Calaiò dal vertice sinistro dell’area per la testa di Dezi sul quale salva Yamga che interviene tempestivamente. Al 24’ sugli sviluppi di un calcio di punizione Lucarelli di testa centra la traversa. Al 33’ ci prova Mancuso dal limite, da posizione leggermente defilata sulla sinistra, la sua conclusione però è fuori misura. Al 41’ Lucarelli in mezzo per Scavone che di testa impegna Fiorillo che blocca.
Nella ripresa al 15’ una conclusione a giro di Insigne non centra di un nulla il bersaglio. È il preludio al raddoppio del Parma che arriva al 24’ con Ceravolo, entrato pochi secondi prima che, su una classica azione di contropiede, dopo un gol sfiorato da Mancuso, supera Fiorillo. Al 27’ il tris dei ducali: Insigne serve in verticale Ceravolo sul quale respinge Fiorillo, Gagliolo raccoglie la ribattuta e deposita in rete. Al 34’ il Pescara accorcia le distanze con Bunino che, so un cross proveniente dalla sinistra, si fa trovare libero in area per il tap in vincente. ma al 37’ il Parma cala il poker con Dezi che dalla destra mette in mezzo per Scavone che insacca di testa. Al 45’ una conclusione dalla distanza di Valzania è ribattuta da Frattali.

 

Le dichiarazioni dei due tecnici
Massimo Epifani (allenatore Pescara): “Oggi non ha funzionato la testa, c’è stata paura, ho visto una squadra nel primo tempo impaurita, abbiamo preso un gol su una situazione che noi avevamo preparato, sapevamo quello che facevano sulla rimessa laterale e prendere gol in quella maniera vuol dire che non sei sereno mentalmente. Abbiamo parlato fino a poco prima della partita, la testa è l’aspetto principale, ho parlato già con i ragazzi e gli ho detto che il responsabile sono io, loro si devono liberare la testa e devono pensare a fare i calciatori, però se siamo questi, con questa paura, è difficile fare tutto. È logico che con il cambio di allenatore loro si sono sentiti i responsabili di dover risolvere i problemi loro, non è così perché io ho le spalle larghe per prendermi le responsabilità perché se oggi abbiamo perso è colpa dell’allenatore che non ha trasmesso quello che doveva trasmettere, i giocatori devono stare tranquilli e devono star bene. Se parliamo di modulo in questo momento non è la cosa principale, se siamo quelli di oggi sotto l’aspetto mentale e per come abbiamo fatto la partita, qualunque modulo avremmo fatto sarebbe andato male. Nel primo tempo abbiamo perso tutti i contrasti, tutte le seconde palle, abbiamo preso gol su una situazione che sapevamo, quindi non ci appigliamo al modulo perché io in questo momento ho cercato di mettere in campo una squadra e farla rendere al massimo. Purtroppo è andata male, per fortuna abbiamo un’altra partita martedì e dobbiamo prepararci mentalmente per cercare di fare una grande partita. I cambiamenti tattici possono esserci o meno, devo vedere la situazione generale, ma la cosa principale è ritrovare la forza mentale, giocare con la mente libera anche se in questo momento non è facile, ma è la cosa che dobbiamo fare. Rispetto alle partite precedenti abbiamo cambiato poco, abbiamo cercato solo di cercare a specchio rispetto a loro, non abbiamo cambiato le giocate, eravamo spaventati e non abbiamo fatto niente per offendere la squadra avversaria. Quando perdi i duelli personali nel calcio perdi le partite, quando prendi gol su una situazione diretta è dura, poi nel secondo tempo siamo rientrati bene nei primi 10 minuti, stavamo prendendo coraggio ed abbiamo preso un gol in netto fuorigioco. In una situazione mentale deficitaria, prendere gol in quella maniera fa andare giù il morale e diventa dura reagire, anche quando abbiamo fatto il 3-1 pensavo di avere un’altra reazione e invece nemmeno in quel momento l’abbiamo avuta. Oggi, soprattutto nel primo tempo, in porta ci siamo arrivati poche volte, quando ci siamo arrivati lo abbiamo fatto per l’inerzia di una giocata lunga, se analizziamo il primo tempo non ci sono scusanti, dobbiamo fare meglio perché lo possiamo fare, devo essere io bravo a capire dove devo intervenire e cambiare perché giustamente sono venute fuori cose nuove che magari in settimana c’era l’entusiasmo di fare. Quando si gioca a calcio bisogna essere liberi, se giochiamo come abbiamo fatto oggi sarà dura. Si deve cancellare subito questa partita e pensare subito a quella di martedì e cercare di prepararsi per affrontarla nel miglior modo possibile e con la miglior squadra. Io credo che oggi i giocatori si siano resi conto anche loro perché ho dei ragazzi intelligenti, li ho visti dentro lo spogliatoio, ci siamo parlati, li ho visti tutti con le teste giù e penso che i primi mortificati siano loro. Perdere in questa maniera fa male, è logico che abbiamo poco tempo ma forse è meglio perché ci si può subito riscattare”.
Roberto D’Aversa (allenatore Parma): “La cosa più importante era dare seguito alla prestazione di Salerno, sicuramente devo dire che non era una cosa scontata se non per il fatto che ci siamo fermati per un turno di campionato. I ragazzi sonos tati bravissimi ad interpretare la partitaconsiderando che sotto l’aspetto tattico non avevamo certezze di come avrebbe giocato il Pescara. È la dimostrazione che quando la squadra è matura sotto l’aspetto del gioco quello che fa la differenza è l’interpretazione della partita e credo che i ragazzi lo abbiamo fatto in maniera eccellente sia sotto l’aspetto del gioco che per la concretizzazione delle occasioni create. Sul nostro terzo gol non credo sia fuorigioco, ma se andiamo ad analizzare la partita nel complesso credo che non ci sia alcun episodio che abbia influenzato il risultato finale. Il Pescara? Non mi piace parlare degli altri, quando mancano i risultati l’autostima viene meno e anche le certezze, quindi si fa più difficoltà nel giocare e nel cercare di fare le cose più semplici in maniera serena. Quello che mi interessa è pensare a casa mia e credo che gli aspetti da migliorare rispetto alla partita di Salerno siano stati migliorati, abbiamo concretizzato le diverse occasioni da gol create e con un possesso palla fatto in maniera egregia. Siamo stati bravi a concretizzare le occasioni da gol create, è un difetto che ci siamo portati avanti per alcune partite, era una cosa che dovevamo migliorare e lo abbiamo fatto, da qui in avanti questa è una cosa fondamentale. Era importante dare continuità alle prestazioni e ai risultati fatti ultimamente, non era semplice ma fondamentale perché la miglior medicina è sempre la vittoria, nel momento in cui si vince aumenta l’autostima, si crede maggiormente nel lavoro, si lavora in maniera più serena, con più entusiasmo. Quello che ci siamo posti come obiettivo è di affrontare ogni partita come se fosse l’ultima e poi vedere alla fine del campionato a quale posizione di classifica arriviamo”.

 


Tabellino
Pescara (4-2-3-1): Fiorillo, Crescenzi, Coda, Perrotta, Mazzotta, Valzania, Brugman, Yamga (23’ st Capone), Falco (14’ st Bunino), Mancuso, Pettinari (42’ st Cappelluzzo) A disposizione: Savelloni, Balzano, Fornasier, Cocco, Fiamozzi, Machin, Gravillon, Carraro, Coulibaly Allenatore: Epifani
Parma (4-3-3): Frattali, Gazzola, Iacopini, Lucarelli (31’ st Di Cesare), Gagliolo, Dezi, Munari, Scavone, Insigne (39’ st Frediani), Calaiò (23’ st Ceravolo), Baraye A disposizione: Nardi, Dini, Mazzocchi, Ciciretti, Da Cruz, Anastasio, Barillà, Di Gaudio, Sierralta Allenatore: D’Aversa
Arbitro: Illuzzi (sezione di Molfetta)
Assistenti: Belletti (sezione di Trento) e Fiore (sezione di Barletta)
IV Uomo: Natilla (sezione di Molfetta)
Marcatori: 10’ pt Calaiò, 24’ st Ceravolo, 27’ st Gagliolo, 34’ st Bunino, 37’ st Scavone
Ammoniti: Valzania, Perrotta (Pe) Gazzola, Baraye, Scavone (Pr)
Espulsi: nessuno
Note: recupero 1’ pt 0’ st, angoli 3-3, spettatori 7.072 (4.915 abbonati + 2.18 paganti) per un incasso di 43.343 euro (30.664 euro rateo abbonati + 12.679 euro quota paganti)

Pubblicato in Sport

Francavilla al Mare. Il Comune di Francavilla al Mare celebra gli anniversari dannunziani del marzo 2018 con una iniziativa culturale organizzata dall’Associazione Le Franche Villanesi.
Domenica 11 Marzo alle ore 10,30 nel Foyer del Palazzo Sirena Le Franche Villanesi, con il patrocinio del Comune di Francavilla, presenteranno un omaggio al Vate con una conversazione del poeta Dante Marianacci dal titolo “Da d’Annunzio a Mario Luzi, transiti e incontri nella poesia” alla quale seguirà il recital teatral musicale “I giorni e la memoria” con EdaordoSiravo, testimonial ufficiale dell’Associazione, Gabriella Casali, Mauro Maddonni, Giuliano Morgione.
“L’anno 2018, afferma la presidente de Le Franche Villanesi, Maria Rosaria Sisto, è dedicato alle celebrazioni dannunziane per gli 80 anni dalla morte e i 155 anni dalla nascita del Vate che ricorrono rispettivamente il 2 e il 12 Marzo. La nostra associazione, con il patrocinio del Comune, partecipa grazie alla disponibilità di Dante Marianacci, poeta, Presidente del Centro Nazionale di Studi Dannunziani, e degli attori Edoardo Siravo, nostro testimonial e Gabriella Casali, nostra socia onoraria. Interverranno altri due stimati soci onorari, Mauro Maddonni attore e il maestro Giuliano Morgione alla Chitarra Classica.
La poetica del Novecento da d’Annunzio a Mario Luzi verrà illustrata nella conversazione di Dante Marianacci, seguirà il recital costruito sulle immagini del nostro calendario 2018 tratte dalle iniziative associative dedicate all’opera dannunziana e corredato da didascalie scelte fra le poesie di Mario Luzi: per ogni mese, per ogni giorno del 2018 abbiamo voluto evocare un incontro ravvicinato fra due grandi voci del Novecento, due poeti del mondo che sicuramente hanno avuto contatti nei salotti culturali degli anni ’30, ma che soprattutto hanno attraversato il loro tempo lasciando una traccia indelebile nel patrimonio della letteratura italiana e mondiale. Luzi ha frequentato l’Abruzzo dove ha avuto contatti con personaggi della cultura abruzzese: è stato per molti anni, dopo Eduardo De Filippo e Carlo Bo, presidente della sezione letteratura in varie edizioni del Premio Internazionale Flaiano. Ha presieduto la giuria di un premio letterario nazionale vinto dal nostro caro amico, il compianto Carlo Lizza, che ci ha istillato l’interesse per questo sublime poeta. Nel 2004 Mario Luzi ha ricevuto il premio d’Annunzio per la poesia.
Il Centro Nazionale di Studi Dannunziani, che patrocina la nostra iniziativa, nel 2014, in occasione dei 100 anni dalla nascita del poeta, ha organizzato un grande evento dal titolo “D’Annunzio e Mario Luzi” riecheggiato dalla nostra iniziativa dell’11 Marzo che intende rafforzare l’interesse a parlare dei transiti poetici del ‘900 e dell’incontro reale o ideale fra i due grandi poeti, con una conversazione colta e con una sottolineatura artistica affidata al recital teatral musicale.
L’iniziativa gode anche del patrocinio dell’Associazione Eremo Dannunziano, presidente Nicoletta Di Gregorio, per l’interessante percorso culturale iniziato con Le Franche Villanesi nel 2013 , per le assonanze associative e per gli obiettivi condivisi”.

Pubblicato in Cultura e eventi

Isernia. Eventi e Concerti Live e The Mac Live annunciano l’annullamento, per motivi logistici, dello spettacolo del duo Arteteca “Cirque Du Shatush” previsto per il 24 marzo al Teatro Massimo di Pescara.

Il rimborso potrà essere richiesto a partire da lunedì 12 marzo entro e non oltre il 31 marzo: tale rimborso prevede il prezzo del biglietto comprensivo dei diritti di prevendita.
Ci si dovrà rivolgere allo stesso punto prevendita dove è stato acquistato il biglietto per l’evento o contattando lo stesso punto prevendita online in cui si è acquistato.

Pubblicato in Cultura e eventi

Pescara. Nella giornata di ieri la Polizia di Stato ha eseguito due ordini di espiazione pena detentiva in regime di detenzione domiciliare, emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Pescara, Ufficio Esecuzioni Penali, nei confronti di: - C. G., classe ’63 pescarese, poiché deve espiare la pena di n. 1 anno, n. 4 mesi e n. 20 giorni di reclusione, per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente; fatto commesso in data 15.10.2010 a Pescara – P. A., classe ‘71 pescarese, poiché deve espiare la pena di mesi 7 e giorni 18 di reclusione, per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente; fatto commesso in data 7.11.2013 a Pescara.
I predetti, dopo le formalità di rito, sono stati accompagnati da personale della Squadra Mobile che ha proceduto alle esecuzioni.

Pubblicato in Cronaca
Pagina 1 di 2

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Notizie Recenti

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione