Articoli filtrati per data: Martedì, 10 Aprile 2018

L'Aquila. Il Sottosegretario alla Presidenza e Capogruppo di Art.1 Mdp Abruzzo Mario Mazzocca, e l'Assessore alle politiche sociali Marinella Sclocco (Gruppo Mdp in Consiglio Regionale) avevano predisposto un emendamento alla Finanziaria con il quale si intendeva assegnare al Dipartimento della Giunta Regionale competente, per l’anno 2018, una somma pari ad euro 1.400.000, al fine di dare copertura alla quota di compartecipazione di competenza della regione pari al 40% dell'assegnazione relativa al fondo integrativo statale necessaria per la concessione delle borse di studio.

“Con questo provvedimento - affermano Mazzocca e Sclocco - la Regione avrebbe oggi attuato un importante aspetto del diritto allo studio, qual è appunto quello dei sussidi concessi attraverso le borse di studio. Per questo motivo, nei giorni scorsi, in un incontro con una delegazione di studenti, avevamo assicurato il nostro impegno per una soluzione del problema che era a portata di mano, vista anche la disponibilità dimostrata dall’Assessore al Bilancio Silvio Paolucci nel dare una risposta positiva ai timori nutriti da tanti studenti che frequentano le università abruzzesi. Ma, a causa dell’opposizione del Gruppo M5S, così non è stato preferendo non risolvere un problema che interessa comunque migliaia di giovani, ma battere sulla gran cassa di vaghe e irrealizzabili promesse di redditi universalistici”.

“A questo punto - concludono i due esponenti Mdp - riproporremo nel prossimo Consiglio Regionale l’emendamento”.

Pubblicato in Politica

Pescara. Alla presenza di oltre 150 Sindaci e delegati, del Presidente del Consiglio della Regione Umbria, Donatella Porzi, del Direttore Generale Turismo del MIBACT Francesco Palumbo, Antonio Di Marco nella sua doppia veste di Sindaco di Abbateggio (uno dei borghi più belli d’Italia) e Presidente della Provincia di Pescara, nonché come Coordinatore regionale Abruzzo e Molise del Club dei Borghi più belli, ha partecipato, a Norcia, alla XVIII Assemblea Nazionale de “I borghi più belli d’Italia”.
Dopo la presentazione delle 13 new entry ammesse lo scorso anno, che fa salire a 281 il numero dei Comuni appartenenti al Club, sono stati trattati argomenti vari tra cui il bilancio delle attività realizzate nell’anno 2017, la programmazione per l’annualità 2018 e la presentazione della nuova edizione della Guida dei Borghi, oltre alla problematica della chiusura di molti sportelli postali e bancomat nei piccoli centri per la cui risoluzione il Club si attiverà per chiedere l’intervento delle autorità competenti.
“Sono molto contento di aver visitato, per questa particolare occasione, la Valnerina, un territorio che sta reagendo con forza al sisma che lo ha colpito nel 2016 e sono altrettanto soddisfatto – dichiara Antonio Di Marco– della massiccia presenza dei Comuni abruzzesi e molisani a Norcia, per la scelta del borgo medievale di Fornelli quale location dell’Assemblea del 2019 e per l’inserimento nella top ten della rivista americana Forbes di Città Sant’Angelo considerata uno dei luoghi dove trasferirsi per vivere bene e con poco.
L’Abruzzo, come anche il Molise – continua Di Marco – sono gemme nascoste, tanto belle quanto poco conosciute. Ecco perché credo che il nostro impegno deve essere costante per giungere ad essere realmente competitivi a livello nazionale ed internazionale. A questo proposito nel mio intervento in Assemblea ho illustrato i finanziamenti provenienti dal Masterplan che la Giunta regionale d’Abruzzo, su proposta del Presidente D'Alfonso, ha assegnato a “I borghi più belli d'Italia” abruzzesi destinati ad interventi di valorizzazione e sviluppo turistico strategico integrato e sostenibile con recupero dei borghi delle aree interne e rilancio delle micro imprese, un esempio che potrà essere seguito anche dalle altre regioni italiane.
L’incontro si è chiuso, con la foto di rito di tutti i Sindaci fasciati con il tricolore, davanti la Basilica in piazza San Benedetto, luogo-simbolo del borgo di Norcia.

Pubblicato in Cronaca

Chieti. L’Aps Luca Romano organizza la II Edizione del Premio Letterario Internazionale “Luca Romano”.
Premiazione: Aps Luca Romano, Palazzo Monaco La Valletta – Lepri, Via Monaco La Valletta, 6 /secondo ingresso Via Nicoletto Vernia, 8, Chieti- 16 giugno 2018 ore 17.30
Il Premio è un concorso in lingua italiana e si articola in otto sezioni a tema libero:
Sezione A raccolta di poesie edita
Sezione B raccolta di poesie inedita
Sezione C libro di saggistica edito
Sezione D libro di saggistica inedito
Sezione E raccolta di narrativa edito
Sezione F raccolta di narrativa inedito
Sezione G una poesia edita o inedita
Sezione H narrativa breve edita o inedita

BANDO DI CONCORSO
ART. 1. Al Premio possono partecipare Autori che abbiano compiuto il diciottesimo anno di età. La partecipazione è estesa anche ai residenti all’estero e agli Autori stranieri. È ammessa la partecipazione a più di una sezione.
ART. 2. Modalità di partecipazione:
Alla sezione A si partecipa con una raccolta di poesia edita.
Alla sezione B si partecipa con una raccolta di poesia inedita.
Alla sezione C si partecipa con un libro di saggistica edito.
Alla sezione D si partecipa con un libro di saggistica inedito.
Alla sezione E si partecipa con una raccolta di narrativa edita.
Alla sezione F si partecipa con una raccolta di narrativa inedita.
Alla sezione G si partecipa con una poesia la cui lunghezza massima non deve superare i 40 versi.
Alla sezione H si partecipa con un elaborato (fiaba, racconto, saggio).
ART. 3. Possono concorrere opere già premiate in altri concorsi.
ART. 4. Le opere dovranno essere inviate entro e non oltre il 25 maggio 2018, data fissata come scadenza del bando. Farà fede la data del timbro postale.
ART. 5. A sostegno delle spese di segreteria e di organizzazione, è previsto un contributo di euro 5(cinque) a sezione. La quota di partecipazione dovrà essere inserita all’interno di una piccola busta chiusa e allegata all’interno del plico.
ART. 6. Modalità di invio:
Per le sezioni:
B (Raccolta di poesie inedita),
D (Libro di Saggistica inedito),
F (Libro inedito),
G (Poesia singola edita o inedita),
H (Narrativa breve edita o inedita):
gli elaborati dovranno essere sigillati all’interno di un plico, insieme alla quota di partecipazione, inviato a mezzo posta all’indirizzo: Aps Luca Romano, Palazzo Monaco La Valletta – Lepri, Via Monaco La Valletta, 6 /secondo ingresso Via Nicoletto Vernia, 8, 66100 Chieti

Ogni elaborato deve essere inviato in quattro copie di cui una soltanto dovrà riportare i dati dell’Autore. Per i libri inediti (Sez. F), per le raccolte di poesie inedite (Sez. B) e per i libri di saggistica inediti (Sez. D) saranno sufficienti due copie di cui una recante il solo titolo.
Per quanto riguarda i libri editi e precisamente per le seguenti sezioni:
A (Raccolta di poesie edita)
C (Libro di Saggistica edito)
E (Libro di narrativa edito)
Dovrà essere inviata una copia del libro (con allegato un appunto contenente i dati dell’Autore) a mezzo posta all’indirizzo: Aps Luca Romano, Palazzo Monaco La Valletta – Lepri, Via Monaco La Valletta, 6 /secondo ingresso Via Nicoletto Vernia, 8, 66100 Chieti
ART.7. Per ogni sezione verranno assegnati riconoscimenti e premi di rappresentanza.
ART. 8. I vincitori del concorso saranno avvisati tempestivamente tramite e-mail o telefono cellulare.
ART. 9. La Cerimonia di Premiazione si terrà il 16 giugno 2018 con inizio alle ore 17.30 presso Aps Luca Romano, Palazzo Monaco La Valletta – Lepri, Via Monaco La Valletta, 6 /secondo ingresso Via Nicoletto Vernia, 8, 66100 Chieti
ART. 10. I premi dovranno essere ritirati personalmente dai vincitori o tramite delega da altri.
ART. 11. La giuria, presieduta da Massimo Pasqualone e composta da Antonio Marino Romano, Rosella Cardella, Gino Palone, Claudio Cecamore, Alberto Colazilli, si occuperà di valutare gli elaborati ricevuti. Le opere saranno valutate dai Giurati il quale giudizio è insindacabile e inappellabile.
ART. 12. Ogni Autore, per il fatto stesso di partecipare al Premio, dichiara la paternità e l’originalità delle opere inviate e del loro contenuto.
ART. 13. Ai sensi del D.Lgs. 196/2003 gli autori partecipanti acconsentono al trattamento dei dati personali da parte dell’organizzazione per il solo svolgimento degli adempimenti inerenti al concorso e per le comunicazioni relative al concorso stesso. Il titolare e responsabile del trattamento è: Aps Luca Romano, Palazzo Monaco La Valletta – Lepri, Via Monaco La Valletta, 6 /secondo ingresso Via Nicoletto Vernia, 8, 66100 Chieti Il titolare e responsabile del trattamento s’impegna, in base alla vigente normativa sulla privacy, a utilizzare suddetti dati esclusivamente ai fini del Premio.

 

Il Presidente
Antonio Marino Romano

Pubblicato in Cultura e eventi

San Giovanni Teatino. 25 mila euro di contributo ordinario per l'anno 2017. E' quanto ha deliberato, all'unanimità, la Giunta comunale lo scorso 3 aprile e pubblicato all'Albo Pretorio del Comune il 9 aprile 2018.
L'amministrazione Marinucci ha preso atto della punteggio per destinare "contributi ordinari a società sportive per la diffusione dello sport", alle società sportive locali in possesso dei requisiti e che avevano fatto richiesta entro il termine, non perentorio, del 27 dicembre 2017.
Otto le società, regolarmente iscritte all'Albo comunale della Associazioni, che si ripartiscono la somma di 25.000 euro, in proporzione ai punteggi ottenuti:

Rugby Sambuceto 2008 asd - 1.537,5 punti (9.793,88 euro)
ASD Sambuceto Calcio - 861,5 punti (5.487,75 euro)
ASD Gioventù Sambuceto Volley - 548 punti (3.490.76 euro)
SSD La Cordijana - 410,5 punti (2.614,88 euro)
ASD Pattinaggio Artistico - 219,5 punti (1.398,21 euro)
ASD Sammy Skate - 136 punti (866,32 euro)
ASD Pattinatori Sambuceto - 114 punti (725,18 euro)
ASD San Giovanni Teatino Calcio - 98 punti (624,26 euro)

"San Giovanni Teatino è la città dello sport, ma di tutti gli sport: aver attribuito risorse anche e soprattutto ai cosiddetti sport minori - dichiara l'assessore allo sport Roberto Ferraioli - è testimonianza della pluralità di attività di questo territorio che, quotidianamente, si impegnano in un ruolo che non è solo sportivo ma anche di aggregazione e crescita sociale. Non solo: questa operazione guarda anche al benessere economico, con una parte dei fondi destinati alla SGT per la situazione debitoria maturata da alcune Società. Si tratta, dunque, di un'operazione saggia in cui vincono tutti che è segnale di come stiamo agendo con i fatti, e non con le parole."
Una quota di contributo spettante alle società Rugby Sambuceto, Sambuceto Calcio e Gioventù Sambuceto Volley, infatti, come richiesto dalle società stesse, sarà erogata a favore di SGT Multiservizi, gestore degli impianti sportivi comunali, per estinguere il debito maturato nel 2017 per l'utilizzo degli impianti comunali.

Pubblicato in Politica

Chieti. L’Assessore alla Pubblica Istruzione, Giuseppe Giampietro, rende noto che domani, mercoledì 11 aprile 2018, presso l’atrio del Palazzo della Provincia in corso Marrucino, verrà inaugurata la Mostra-Concorso di sculture realizzate con mattoncini LEGO organizzata nell’ambito delle attività del Consiglio Comunale delle Ragazze e dei Ragazzi coordinato da Carmela Caiani.

Le sculture rimarranno esposte fino a venerdì 13 aprile per poi essere trasferite nella sala d’aspetto della Stazione Ferroviaria in piazzale Marconi a Chieti Scalo da lunedì 16 a mercoledì 18 aprile. Ogni anno il CCR organizza un concorso artistico per offrire ai ragazzi la possibilità di mostrare la loro bravura. Quest’anno si è stabilito di scegliere la scultura utilizzando i mattoncini LEGO.

I visitatori potranno votare scrivendo su un’apposita scheda il numero relativo alla scultura prescelta. A ciascun concorrente sarà rilasciato un Attestato di Partecipazione. Saranno premiate, sulla base dei voti riportati, il 10% delle opere in concorso, suddivise per fasce d’età : 6/8 anni, 9/11 anni, 12/14 anni. Lo spoglio dei voti avverrà alla presenza di rappresentanti del CCR e del Gruppo di Coordinamento.

Pubblicato in Cultura e eventi

L'Aquila. "E sono 4 i mesi che registrano la paralisi del consiglio regionale, un sequestro istituzionale causato dalla doppia carriera politica di Luciano D’Alfonso. Eletto in Senato ma restio a mollare la poltrona di presidente, il neo senatore D’Alfonso sottopone la regione a un vero e proprio sequestro istituzionale. Non abbastanza sicuro della poltrona romana per abbandonare quella abruzzese, non abbastanza leale da mettere l’Abruzzo che lo ha scelto nel 2014 al primo posto rispetto al velluto rosso di Palazzo madama. Ed è a causa di questi tumulti dell’anima del Presidente Senatore che anche oggi i lavori del consiglio regionale si sono visti improvvisamente interrotti a causa degli impegni da senatore del Presidente D'Alfonso. E’ questo quello che secondo Luciano D’Alfonso meritano gli abruzzesi: un presidente a mezzo servizio, un consiglio regionale interrotto a causa delle riunioni romane del PD. E se D'Alfonso non conosce l'etica delle dimissioni, non è da meno il presidente del Consiglio Giuseppe Di Pangrazio che esita a convocare la Giunta per le elezioni che potrebbe e dovrebbe prendere atto dell'incompatibilità del presidente-senatore, dichiararne la decadenza e sciogliere il consiglio regionale permettendo agli abruzzesi di tornare al voto. Anche per lui, evidentemente, l'attaccamento alla poltrona è più forte del rispetto per le istituzioni". Lo affermano in una nota i consiglieri del gruppo consiliare M5S in Regione Abruzzo.

Pubblicato in Politica

Pescara. Sala Consiliare gremita e attenta per l’incontro divulgativo sull’attuazione della Zona Franca Urbana, misura che interesserà la città con oltre sette milioni di euro a favore di attività ricomprese nel perimetro interessato dal provvedimento. Un evento nato per sollecitare una tempestiva e dettagliata informativa ad hoc sui benefici attuabili grazie alle risorse a disposizione del Comune di Pescara e sulle modalità operative e di accesso alla misura, che il Comune organizza in collaborazione con ANCI e con la Direzione Generale Incentivi alle imprese del Ministero per lo Sviluppo Economico. L’incontro, che si è aperto con i saluti del sindaco Marco Alessandrini e dell’assessore alla Zona Franca Urbana Simona Di Carlo e moderato dal direttore della Cna di Pescara Carmine Salce, hanno preso parte Francesco Monaco, Responsabile Area politiche di coesione ANCI, Alessandra De Angelis della Direzione X “Interventi per il sostegno all'internazionalizzazione e all'innovazione delle imprese e per lo sviluppo di aree urbane” (MISE) e Fabio Pagliarini funzionario di INVITALIA.

“Sono soddisfattissima dell’adesione ricevuta dal nostro evento, che è stata davvero importante e di qualità – così l’assessore alla Zona Franca Urbana Simona Di Carlo dopo l’incontro – Questo evento è servito a chiarire molti aspetti necessari ad accompagnare alla fase operativa i benefici che deriveranno dall’erogazione dei 7 milioni di euro previsti per Pescara dalla misura che inserisce Pescara fra i Comuni beneficiari e conferisce alla città 7.429.000 euro di risorse per l’attuazione. Dal 4 al 23 maggio sarà possibile inoltrare le domande da parte dei soggetti beneficiari, in modo da partire con le agevolazioni a stretto giro. Noi predisporremo uno sportello pubblico per coadiuvare i richiedenti e ampliare al massimo le richieste, instaureremo un filo diretto con i tecnici ministeriali e dei soggetti partner per rispondere ai quesiti da parte della comunità, così com’è accaduto stasera e ci coordineremo con le associazioni di categoria, che sono state finora dei partner preziosi e operativi, perché il maggior numero di imprese possa essere raggiunto e possa usufruire di questa fondamentale boccata di respiro che arriva da risorse ministeriali. Le agevolazioni sono importantissime: decontribuzione, esenzione dai contributi propri dei Comuni, defiscalizzazione, i passaggi sono scanditi da circolari ministeriali e atti ufficiali che renderemo tutti disponibili a brevissimo in un’apposita sezione del sito che farà da ponte fra Comune, imprese e organismi tecnici”.

La storia della misura dal 2009 a oggi. Il 6 ottobre 2017è stato pubblicato in Gazzetta ufficiale (G.U. Serie Generale n. 234) il decreto attuativo interministeriale (MISE-MEF) per il finanziamento di 10 Zone Franche Urbane, ricadenti in 11 Comuni, tra i quali il Comune di Pescara. Lo strumento ZFU è stato rifinanziato per gli 11 Comuni con 30 milioni di euro da Legge di stabilità 2016 e prevede agevolazioni fiscali e contributive a favore di micro e piccole imprese insediate o da insediare in una porzione di territorio comunale individuata a tal fine e caratterizzata da particolare disagio economico e sociale. Con la pubblicazione del decreto, tanto atteso dagli 11 Comuni interessati che, sebbene indicati come ZFU nel 2009, beneficiano per la prima volta della misura, è stata finalmente avviata la procedura attuativa vera e propria, gestita dalla Direzione incentivi alle imprese del Ministero per lo Sviluppo economico. Il prossimo passo prevede la pubblicazione (entro la prima decade di aprile), con decreto direttoriale, della circolare applicativa che specifica il funzionamento dell’agevolazione, ossia requisiti di accesso e modalità di presentazione delle domande. Nei primi giorni del mese di maggio si prevede di aprire i termini per la presentazione della domanda.

Pubblicato in Politica

Pescara. “Sulla questione della sede della Croce Rossa ci corre dover specificare alcuni passaggi che rendono interprete il Comune di una soluzione auspicata e condivisa con l’associazione sin dal 3 settembre 2015. E’ infatti questa la data di una delibera di Giunta che attiva un protocollo fra Comune, Provincia di Pescara, sottoscritto il 12 agosto di quell’anno, con cui l’Amministrazione Comunale mette a disposizione della Croce Rossa l’intero plesso della ex scuola di Villa Fabio: 869 metri quadri di locali per 14.448 euro di canone annuo a carico della Croce Rossa, circa 1.204 euro al mese, poco di più del canone versato per la sede, notevolmente più piccola, sotto il Palazzo di Governo”.

Così in una nota il sindaco di Pescara, Marco Alessandrini, e l’assessore al Patrimonio, Gianni Teodoro, che aggiungono: ”A quella delibera seguì un altro atto dell’esecutivo, siamo al 13 dicembre del 2016, con cui si rivedevano i termini della locazione su richiesta della stessa Croce Rossa, che con nota ufficiale del 29 luglio 2016 ci chiedeva di “prestare assenso per la concessione in uso a favore dell’associazione Croce Rossa Italiana – Comitato Locale di Pescara – della porzione di fabbricato posto al primo piano del plesso scolastico”, questo per quattro anni e per un canone esattamente ridotto alla metà, dunque 7.224 euro annui, 602 euro mensili, come dimezzati erano i metri quadri resi disponibili, perché a causa della situazione economica l’associazione non poteva fare fronte e spese maggiori.

Noi siamo fermi a quella data, ad attendere la presa in carico dei locali. Da allora ad oggi la Croce Rossa non ha manifestato alcun tipo di diniego rispetto alla soluzione trovata, così com’è avvenuto quando il protocollo è stato firmato e quando la soluzione è stata condivisa con tutte le parti interessate. Per prendere possesso dei locali, non resta loro che venire a prendere le chiavi”.

Pubblicato in Politica

Pescara. Continuano le operazioni antidegrado dell'Amministrazione comunale, attraverso il Gruppo di Intervento Operativo Nucleo Antidegrado della Polizia Municipale, coordinato dal comandante Carlo Maggitti e alla guida del maggiore Danilo Palestini, che stamane in forze e con gli operatori Attiva è entrato all'ex Enaip. Nella struttura riacquisita dal Comune a seguito dell'operazione di federalismo fiscale, sono state trovate e fermate dieci persone, due sono state portate in questura per attività di identificazione e verifica della congruità del titolo di soggiorno, gli altri sono stati tutti denunciati come prevede il Codice Penale per "invasione di terreni ed edifici pubblici". Attiva ha provveduto a smaltire i rifiuti esterni, la struttura dovrà ora essere messa in sicurezza, per evitare che ci siano altri bivacchi e svuotata dell’imponente mole di materiale trovata all'interno dei locali.

“Si tratta di un’attività che il gruppo Giona e il maggiore Palestini portano avanti con costanza da ottobre sul territorio cittadino, specie nelle aree più sensibili e a rischio degrado – così il sindaco Marco Alessandrini – La nostra unità speciale dimostra di avere grande competenza e fermezza nell’affrontare le diverse coniugazioni del degrado cittadino, dai bivacchi alla lotta alla prostituzione,

all’accattonaggio, alla vera e propria guerra contro parcheggiatori abusivi, contraffazione, scippi e furti nei negozi. Persino la droga è entrata nel raggio di azione di questi uomini e queste donne che sono diventate un modello da replicare per le altre città e che sono anche un prezioso supporto per le forze dell’ordine locali. Attuiamo in pieno quanto il decreto Minniti chiede ai Comuni per rafforzare percezione e azione sulla sicurezza, non senza sacrifici, perché con più forze sarebbe possibile ampliare su vasta scala il lavoro di controllo speciale che il gruppo fa e che pubblicamente ringraziamo, perché non si sottrae a lavorare su un fronte complesso e delicatissimo”.

“Avevamo detto pugno di ferro in un guanto di velluto contro il degrado ed è quello che il gruppo sta realizzando azione dopo azione – aggiunge l’assessore Gianni Teodoro - Il controllo riguarda tutto il territorio cittadino, si sta concentrando ora su quelli che sono luoghi più a rischio, quindi il quadrilatero centrale, gli edifici pubblici che non hanno ancora una destinazione, come l’ex Enaip che insieme ad altri luoghi è stato al centro di diverse operazioni che si sono succedute in questi giorni. Quello che è emerso oggi è una misura di degrado contro cui ci attiveremo, perché la struttura non venga rioccupata. Di concerto con gli assessorati all’Ambiente e all’Igiene Urbana metteremo in sicurezza e bonificheremo quegli edifici, svuotandoli di tutto il materiale distrutto dai vandali e accumulato dai senza dimora che vi si sono accampati, che i nostri agenti e Attiva stamane hanno trovato all’interno, in attesa che gli spazi trovino una destinazione attiva capace di debellare il rischio degrado che oggi rappresentano”.

Pubblicato in Politica

Pescara. Sì della Corte dei Conti alla convenzione che dà avvio alla fase operativa del bando di riqualificazione delle periferie emanato dalla Presidenza del Consiglio. La scadenza di presentazione dei progetti è fissata all’8 giugno, entra così nel vivo il provvedimento che conferirà a Pescara 18 milioni di euro da investire in una delle aree più sensibili della città.

“Una buonissima notizia, quella di un iter che procede spedito verso la concretizzazione dell’impegno preso dalla Presidenza del Consiglio verso i Comuni per la rinascita delle periferie – sottolineano il sindaco Marco Alessandrini con il vicesindaco e assessore ai Lavori Pubblici Antonio Blasioli e l’assessore alla Riqualificazione delle Periferie Giacomo Cuzzi - Stiamo già da tempo facendo sopralluoghi operativi per razionalizzare al massimo i tempi e ora si apre la fase attuativa, visto che le risorse sono di fatto disponibili e dai Lavori Pubblici ci sono già i pregetti definitivi, pronti per la scadenza. E’ tempo dunque di dare avvio alla riqualificazione. Lo faremo condividendo con tutti i soggetti partner iniziative e azione, cosa su cui gli uffici sono già operativi, affinché la sinergia andata felicemente in onda per la presentazione dell’elaborato possa passare alla pratica. Sentiremo tutti i partner per stringare i tempi e procedere ancora più spediti e utilizzare le risorse che scaturiscono dal bando della Presidenza del Consiglio che ha messo sul piatto 500 milioni di euro, 18 milioni per i capoluoghi per riqualificazione urbana e delle periferie. Dalla partnership che ne è nata, sono arrivati progetti che ci hanno dato la possibilità di promuovere da un lato la mobilità ciclabile, poi la viabilità, la riqualificazione urbana e interventi di natura sociale. Si tratta di risorse che valgono come moltiplicatore, perché gli interventi presentati muovono un volume di investimenti pari a 58 milioni di euro, di cui: 18 milioni in fondi statali, 2.310.000 milioni con risorse comunali, 300.000 euro di fondi Fas e 37.513.984 di risorse private.

Ricordando il dettaglio dei 18 milioni ci sono: 1.055.000 per la mobilità ciclabile (completamento rete ciclabile in varie zone); 6.118.000 euro per la viabilità (Tiburtina, San Donato, Via Pantini e PUMS); per la riqualificazione urbana 6.827.000 euro (a Zanni, Borgo Marino, Fontanelle, San Donato, Città della Musica e Lungofiume); i rimanenti 4 milioni sono destinati ad interventi sociali che abbiamo non solo guidato con le esigenze del Comune ma anche iniziative e proposte del bando.

Tutto il programma si regge su progetti conformi al Prg, specie quelli di Fontanelle, che con il recupero di tutti i piani terra delle abitazioni Ater per persone disabili risponde ad una doppia richiesta e a San Donato, dove nascerà, come ha proposto l'istituto Volta un incubatore occupazionale per giovani, un laboratorio per creare occupazione e opportunità. Riqualificare e offrire una n uova sorte a luoghi altrimenti inerti, questo vuole il bando che agevola la partnership con i privati e con chi opera nelle periferie, noi l’abbiamo fatto e ora siamo pronti a realizzare interventi visibili, per recuperare sicurezza, qualità sociale e culturale della vita e una mobilità importante che si lega a questi filoni”.

Pubblicato in Politica
Pagina 1 di 5

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione