Articoli filtrati per data: Domenica, 08 Aprile 2018

Spoltore. Lo Spoltore Calcio supera l’ostacolo Angolana con un secco 2-0 e continua la corsa verso i play off al debutto nel campionato di Eccellenza Abruzzo. Vittoria che squadra e staff tecnico dedicano al presidente Sabatino Pompa, vittima in settimana di un lieve malore che lo ha costretto lontano dall’Adriano Caprarese e che lo terrà a riposo per alcuni giorni.

Cronaca: Grassi, dopo sessanta secondi, sfiora il vantaggio con un tiro da fuori area che fa la barba al palo di destra difeso da Agresta. Al decimo minuto sempre il numero sette di casa serve un delizioso pallone in area che Agresta respinge ma sui piedi diD’Intino. L’esterno spoltorese raccoglie la sfera e dopo aver superato in dribbling Giammarino deposita in rete per il meritato vantaggio spoltorese. I neroazzurri provano a reagire ma le uniche azioni degne di note sono dei traversoni che i difensori di casa controllano agevolmente. Gli spoltoresi non restano a guardare. Anzi provano a chiudere subito l’incontro grazie alle invenzioni dello spagnolo Morales, tra i migliori in campo al pari di Mottola, Grassi e naturalmente di D’Intino. Raddoppio che arriva al minuto 25 della prima frazione di gioco. Lancio in profondità dello spagnolo per Nardone che, partito da posizione regolare, si infila tra i difensori ospiti e mette alle spalle di Agresta. Vitale con un tiro dalla distanza, di nuovo Grassi dal limite dell’area sfiorano il tris. Mentre allo scadere dei primi 45′ arriva il primo intervento di Gentileschi che deve sporcare i guantoni per respingere, in due tempi, una calcio piazzato di D’Alonzo. Dopo quest’ultima conclusione l’ottimo Paolo Di Carlo della Sezione di Pescara manda le due squadre negli spogliatoi con gli spoltoresi abbondantemente in vantaggio.

Nella ripresa Nardone sfiora la doppietta personale al termine di una bella combinazione con Mario Sanchez con Agresta che dice di no. Ma sugli sviluppi di quest’azione l’attaccante si accascia a terra, forse un risentimento al flessore che solo gli esami strumentali, nei prossimi giorni, potranno rivelare nella gravità. Senza esterni disponibili a quel punto Ronci manda in campo Ewansiha. Subito dopo D’Intino sfiora la doppietta personale: una splendida conclusione al volo su assist di Grassi ma il numero uno angolano chiude in sicurezza il bolide dell’esterno nostrano. Al nono minuto non è da meno l’estremo difensore di casa, Riccardo Gentileschi, che nega la gioia del gol al bravissimo Sablone. Al quarto d’ora calcio piazzato del solito Vitale che balla pericolosamente davanti la porta ospite senza che nessuno riesca ad intervenire. Subito dopo Ewansiha con un tiro-cross sfiora il palo. Sul finire di gara il bomber romeno Petre, subentrato al posto di un applauditissimo Grassi, va vicino alla rete per ben due volte consecutive. Dopo cinque minuti di recupero la gara si chiude con la vittoria importantissima dello Spoltore.

Donato Ronci: "Oggi abbiamo disputato una bellissima gara. Vogliamo dedicare questa vittoria al nostro presidente che questa settimana ha avuto dei problemini che lo hanno tenuto lontano da noi e dalla sua azienda. Non bisogna abbassare la guardia ora ci attendono tre finali che dobbiamo vincere tutte se vogliamo disputare i play off."

Daniel D'Intino: "Bella vittoria, sono contento della rete ma il merito va diviso con Grassi e Sanchez. Siamo un bel gruoppo e ci teniamo a fare benissimo per cercare di agguantare questi play off che vogliamo fortissimamente."

Spoltore-Renato Curi Angolana 2-0 (10’pt D’Intino, 25’pt Nardone)

Calcio: Gentileschi, D’Intino (44’st Di Marco), Vitale, Di Camillo, Mottola, Sbaraglia, Grassi (18’st Petre), Zanetti, Sanchez (48’st Sborgia), Morales (38’st Vera), Nardone (4’st Ewansiha). A disposizione: D’Ettorre, Buonafortuna. Allenatore: Donato Ronci

RC Angolana: Agresta, Giammarino (25’st De Fanis), Maloku, Cipressi (43’st D’Antonio), D’Alonzo, Nazari, Ruggieri (44’st Cipollone), Buffetti (14’st Spinelli), Sablone (14’st Rozic), Farindolini, Maiolo. A disposizione: Mulet, Fabrizi, Di Clemente. Allenatore: Paolo Rachini

Terna arbitrale: Paolo Di Carlo di Pescara coadiuvato da Nicola Giancristofaro di Lanciano e Domenico Lombardi di Chieti

Ammoniti: D’Alonzo, Nazari, Farindolini (RC)

Recupero: 0/5′

Spettatori: 320 circa


#Eccellenza #SpoltoreRenatoCuriAngolana #vittoriainterna

Pubblicato in Sport
Domenica, 08 Aprile 2018 00:00

Eccellenza, Torrese - Chieti 2-3

Castelnuovo al Vomano. Una doppietta di Fruci e Simonetti stendono la Torrese 2-3 al “Comunale” di Castelnuovo al Vomano regalando l’allungo a +5 ai danni del Martinsincuro.

I neroverdi ripartono alla grande dopo la sosta: secondo posto nelle mani dei ragazzi del mister Umberto Marino quando all’appello mancano tre giornate alla conclusione del campionato di Eccellenza. Nona vittoria esterna lontano dall’Angelini nel primo pomeriggio primaverile della stagione. A conti fatti risultato giusto che premia il Chieti F.C. ma che di certo non fa sfigurare la Torrese brava a rimanere in partita fino al 90’ passando in vantaggio per prima con Scartozzi, poi raggiunta e superata dalle reti di Fruci e Simonetti che chiudono un primo tempo frizzante. Ad un quarto d’ora dal termine ancora Fruci fa tris e a due minuti dalla fine Stacchiotti dal dischetto accorcia per i giallorossi. Nuovo modulo per Umberto Marino che lancia il 4-3-1-2 con Selvallegra alle spalle di Lalli e Catalli, difesa composta da Fruci e De Fabritiis centrali, esterni bassi Ricci e Leone, centrocampo a tre con Sassarini-Simonetti e Felli spostato sulla sinistra. Narcisi deve rinunciare a Kruger, infortunato, in panchina per onore di firma e lo squalificato Addari.

Chieti subito in costante proiezione offensiva e già dopo appena sette minuti va in gol con Catalli che raccoglie l’assist su calcio d’angolo di De Fabritiis, l’arbitro però ferma tutto per una trattenuta in area di rigore. Torrese che fatica moltissimo ad imbastire un’azione degna di nota lasciando completamente il pallino del gioco alla squadra di Umberto Marino grazie alle belle verticalizzazioni di Sassarini e la grinta di Simonetti che macina km. Due fiammate di Lalli e Selvallegra fanno gridare al gol i tifosi neroverdi, anche oggi il dodicesimo uomo in campo. Il primo squillo della Torrese arriva al 19’ grazie all’ex Carosone che conquista palla a centrocampo e fila via verso la porta neroverde ma Salvatore è attento sul primo palo a bloccare la sfera. La partita è godibile e la Torrese man mano prende le misure ai neroverdi. Al 26’ l’azione più pericolosa dei locali capita sui piedi del numero dieci Torbidone che tenta la fucilata da fuori area colpendo il palo interno con Salvatore battuto. Avvisaglie della Torrese che prende coraggio e trova il gol su punizione al 34’ con una fucilata di Scartozzi che si spegna alla sinistra di Salvatore. Finale di tempo di marca Teatina. Il vantaggio dei padroni di casa dura cinque minuti e Fruci al 39’ trova la zampata vincente su corner battuto da Catalli. Torrese stordita e neroverdi che 42’ trovano il gol del sorpasso con un destro fulmineo del centrocampista Simonetti che batte l’incolpevole Bruno.

Match sempre in bilico nella ripresa e l’occassione più ghiotta dei primi quindici minuti è di Carosone che tenta la giocata acrobatica a due passi da Salvatore che blocca la sfera. Il Chieti F.C. tenta buone trame di gioco senza rischiare nulla. Al 64’ primo cambio nei Teatini: esce Felli per Bordoni. Neroverdi sempre pericolosi in ripartenza. Sassarini al 76’ è bravo a conquistarsi una punizione dal limite dell’area di rigore. Lo specialista Daniele Fruci va alla battuta centrale, Bruno non trattiene la sfera che entra in rete. Festa grande per il possente difensore teatino alla sua prima doppietta stagionale. Fuori Lalli dentro Marinelli per far rifiatare il Capitano anche oggi tra i migliori in campo. La Torrese non ci sta e poco dopo Torbidone chiama all’intervento prodigioso Salvatore. Al 42’ uscita avventata di Salvatore, che successivamente verrà ammonito, su De Sanctis: Girgenti di Enna indica il dischetto sul quale Stacchiotti accorcia le distanze sul 2-3. I giallorossi tentano l’incredibile rimonta che non avverrà ed il Chieti F.C. taglia meritatamente il traguardo dei tre punti che valgono tantissimo in ottica secondo posto. Campionato di Eccellenza che ancora non emette nessun verdetto visto che il Giulianova è stato sconfitto in quel di Cupello per 2 a 1. Neroverdi che ora sono – 8 dalla capolista. Ora testa al Sambuceto nell’ultimo match interno della stagione.

IL TABELLINO:

TORRESE – CHIETI F.C. 2 – 3(1-2)

TORRESE: Bruno, Cichetti, D’Orazio, Scartozzi, Cristofari(69’st De Sanctis), Stacchiotti, Puglia, Tini(89’st Masullo), Carosone, Torbidone, Di Remigio(63’st Casimirri)

A disposizione: Castrone, Ricci, Kruger, Sacchetti

Allenatore: Luigi Narcisi

CHIETI F.C.: Salvatore, Ricci, Felli(64’st Bordoni), Fruci, Leone, Sassarini, Simonetti, De Fabritiis, Selvallegra, Catalli, Lalli(77’st Marinelli)

A disposizione: Massa, Comparelli, Margarita, Giannini, Ferrante

Allenatore: Umberto Marino

Reti: 34’pt Scartozzi(T), 36’pt e 76’st Fruci(Ch),42’pt Simonetti(Ch), 88’st Stacchiotti(T)

Ammoniti: Scartozzi, Cristofari, Stacchiotti(T), Salvatore(Ch)

Recupero: 1’pt e 4’st

Arbitro: Girgenti di Enna

Pubblicato in Sport

Francavilla al Mare. Una punizione magistrale di Palumbo al 21’ della seconda frazione di gioco regala successo e tre punti al Francavilla che al Valle Anzuca supera di misura, 1-0, lo Jesina in una gara ampiamente dominata dai giallorossi che potevano chiudere la contesa anche con uno scarto più ampio in termini di marcature. Gli ospiti sono arrivati in Abruzzo con l’intento di pensare prima a non prenderle, cosa che in buona parte gli è riuscita, ma sul piazzato di Palumbo c’era ben poco da fare. Lo Jesina chiude la gara in dieci uomini per l’espulsione comminata nel recupero a Giorni per doppio giallo.
Nel Francavilla assente l’indisponibile Aleksic.

 

La cronaca
Al 3’ punizione battuta da Palumbo sulla destra, sbroglia la retroguardia marchigiana sulla linea di porta. Al 5’ Mele allunga per Banegas, sul suo rasoterra Tavoni si distende e blocca. 1’ dopo gli ospiti reclamano un penalty per un presunto atterramento in area di Fargione su Trudo. Al 14’ diagonale dello stesso numero 9 biancorosso che si spegne sul fondo. Replica il Francavilla al 17’ con un calcio franco di Palumbo dalla distanza, ribatte Tavoni e la difesa ospite si rifugia in angolo. Al 20’ Francavilla pericoloso con Palumbo che dalla destra mette in mezzo per Banegas la cui conclusione a giro è deviata sopra la traversa da un Carotti. Al 25’ Fofana è costretto ad abbandonare il campo per infortunio, al suo posto entra il giovane Paravati. Al 33’ ancora padroni di casa in avanti con Di Cecco che appoggia per Palumbo che manda sopra l’incrocio. Al 35’ Banegas con un rasoterra dalla distanza sibila il palo. Al 40’ punizione di Palumbo dalla sinistra, in area Paravati di testa si fa bloccare la conclusione da Tavoni. Al 42’ buon affondo di Cameruccio sulla destra, mette pericolosamente in mezzo ma Parasecoli non ci arriva. Al 44’ Palumbo, servito da Banegas, in girasta manda di un soffio a lato. Al 46’ ancora il numero 7 giallorosso approfitta di un appoggio sbagliato di Calcina e manda sopra la traversa.
Nella ripresa al 3’ traversone di Baba dal’out di sinistra per la testa di Banegas che manda di un nulla a lato. Al 5’ cross di Fiore per Baba che manda clamorosamente alto. Al 13’ su un errore di Carotti Banegas per Paravati, ottima risposta di Tavoni. È il preludio al vantaggio del Francavilla che arriva al 31’ con una punizione di Palumbo battuta centralmente che si insacca all’angolino alla sinistra dell’estremo ospite. Al 31’ brivido per gli adriatici: una punizione di Gremizzi sfiora la traversa. Al 34’ Cameruccio con una conclusione a giro manda di poco sopra l’incrocio. Al 46’ espulso Giorni per doppio giallo dopo un fallo su Procida al limite dell’area.


I commenti dei due tecnici
Pierluigi Iervese (allenatore Francavilla): “Abbiamo fatot un’ottima partita, l’abbiamo dominata dal primo minuto, abbiamo avuto grosse occasioni per fare gol, però ne abbiamo fatto uno solo facendo ancora un po’ fatica. Ma l’importante era la vittoria perché volevamo assolutamente vincere in casa e cercare di rimanere attaccati alla griglia dei play off. Peccato per dei risultati un po’ negativi per noi, però noi dobbiamo continuare su questa strada, faccio i complimenti ai miei ragazzi perché veramente ogni domenica danno l’anima sul campo giocando bene, secondo me anche oggi hanno fatto una bella prestazione. Dobbiamo continuare a guardare il futuro, domenica abbiamo la Vastese, la dobbiamo affrontare come abbiamo fatto in tutte le altre le partite e sono convinto che faremo un ottimo risultato. Fofana? H aavuto un problema al polpaccio, speriamo che non sia nulla di grave perché fare ancora a meno di lui sarebbe un’altra batosta per noi perché lui è un attaccante che non possiamo sostituire. Per fortuna che adesso abbiamo inserito Paravati che sta facendo molto bene, in futuro inseriremo anche qualche altro ragazzo della Juniores che si stanno allenando con noi da un po’ di tempo e che secondo me stanno possono fare molto bene, però Fofana speriamo di averlo a Vasto perché è troppo importante per noi. Nessuno mi toglie dalla mente che con tutte le occasioni che abbiamo creato in questo campionato, se avessimo avuto sempre a disposizione Fofana avremmo concretizzato molto di più rispetto a quello che abbiamo fatto, senza nulla togliere agli altri ma per caratteristica propria come giocatore, lui è un attaccante d’area di rigore, gli altri sono tutti trequartisti, quindi non hanno la specialità nel fare gol, ma l’importante è arrivarci e pure spesso e poi magari pian piano diventeremo più bravi sotto porta. Fargione? Conosciamo il suo valore, è stato decisivo a inizio partita, è importante per un portiere quando prende un tiro e deve fare una parata e lui è stato bravo in quel caso. Devo comunque fare i complimenti ai miei ragazzi perché con tutto quello che è successo al Francavilla quest’anno chiunque avrebbe fatto fatica a restare lì, attaccare ancora e cercare di lottare per i play off. Abbiamo avuto davvero tanti infortuni dall’inizio che poi sono stati gravissimi e loro sono riusciti in tutte le maniere a superare tutte le difficoltà. Lo faremo fino alla fine, ne sono convinto perché è un gruppo fantastico e tutte le altre partite che ci rimangono ce le giocheremo alla morte, per vincere a prescindere da con chi giochiamo”.
Daniele Di Donato (allenatore Jesina): “Sapevamo di affrontare una squadra forte, una squadra che ambisce ad andare ai play off. Noi abbiamo fatto la nostra partita, sapevamo le difficoltà, abbiamo avuto le occasioni per andare in vantaggio. La differenza è stata quella: che loro l’hanno buttata dentro e noi nel primo tempo le occasioni le abbiamo sprecate. Adesso è facile dire come avrebbero potuto tirare i nostri attaccanti, noi dovevamo far gol, non siamo stati bravi a farlo, loro sono stati bravi a capitalizzare la punizione ed è finita così. Sapevamo che ci sarebbero capitate una o due occasioni da gol e dovevamo segnare. Le squadre che si devono salvare e vanno a giocare in ambienti difficili perché il Francavilla è una squadra importante dovevamo fare quella partita lì, se sfruttavamo le nostre occasioni la partita l’avremmo vinta o al massimo l’avremmo pareggiata. Noi sappiamo che dobbiamo lottare fino alla fine, se arriverà la salvezza diretta l’accettiamo, ma noi dobbiamo rimanere concentrati sul nostro campionato. Però noi ci crediamo, abbiamo ancora quattro partite da giocare, domenica prossima abbiamo lo scontro salvezza con l’Agnonese e dobbiamo vincerlo. Sicuramente i tifosi non sono contenti dell’andamento della squadra, però sapevamo tutti che quest’annata sarebbe stata difficile, che avremmo lottato per la salvezza fino all’ultima giornata, sapevamo che questa è una squadra formata da giovani, i giocatori più esperti tranne Trudo e Carotti hanno 20 anni, quindi io penso che questa squadra abbia bisogno di un aiuto da tutto l’ambiente per una squadra fragile. Quindi c’è bisogno di ricompattare l’ambiente ed abbiamo bisogno dei tifosi che ci sostengono fino all’ultima giornata”.

 

Tabellino
Francavilla (3-5-1-1): Fargione, Fiore (8’ st Molenda), Sembroni, Palumbo, Milizia, Fofana (25’ st Paravati/35’ st Procida), Mele (39’ st Mancini), Di Cecco, Baba (19’ st Di Pentima), Banegas, Romeo A disposizione: Spacca, Di Pinto, Di Renzo, Silvestri Allenatore: Iervese
Jesina (4-1-4-1): Tavoni, Calcina (9’ st Sassarolo), Anconetani, Giorni, Gremizzi, Carotti (16’ st Aprile), Cameruccio, Tannini (12’ st Giovannini), Trudo, Manganelli (24’ st Pierandrei), Parasecoli A disposizione: Boletta, Serantoni, Montuosi, Gjuci, Valdes Seara Allenatore: Di Donato
Arbitro: Baronti (sezione di Pistoia)
Assistenti: Banchieri (sezione di Lucca) e Marconi (sezione di Lucca)
Marcatori: 21’ st Palumbo
Ammoniti: Semproni, Romeo (F) Calcina, Manganelli, Giovannini (J)
Espulsi: Giorni (J)
Note: recupero 2’ pt 6’ st, angoli 3-1 per il Francavilla

Pubblicato in Sport

Pescara. Martedì 10 aprile nella Sala Consiliare a partire dalle ore 14 si svolgerà l’incontro divulgativo sull’attuazione della Zona Franca Urbana, misura che interesserà la città con oltre sette milioni di euro a favore di attività ricomprese nel perimetro interessato dal provvedimento.Un evento nato per sollecitare una tempestiva e dettagliata informativa ad hoc sui benefici attuabili grazie alle risorse a disposizione del Comune di Pescara e sulle modalità operative e di accesso alla misura, che il Comune organizza in collaborazione con ANCI e con la Direzione Generale Incentivi alle imprese del Ministreo per lo Sviluppo Economico. All’incontro parteciperanno gli esperti del Ministero, Ifel e Invitalia, che avranno modo di informare i potenziali destinatari dell’agevolazione con approfondite relazioni e rispondendo ai quesiti che verranno posti dai partecipanti. Stamane l’illustrazione del programma della giornata da parte del sindaco Marco Alessandrini e dell’assessore alla Zona Franca Urbana Simona Di Carlo.
“Possiamo finalmente affermare che la lunga marcia verso la Zona Franca Urbana si è conclusa – così il sindaco Marco Alessandrini - le tappe che hanno determinato questo lungo viaggio sono state tante, abbiamo seguito con scrupolo tutto l’iter che ha portato alla riaccensione della misura che era ferma dal 2009, battagliando con la burocrazia perché ulteriori risorse potessero interessare le nostre periferie. I benefici riguarderanno infatti attività medio-piccole che si trovano in un perimetro che delimita 144 strade fra Fontanelle e l’ex quartiere 3, che godranno dei benefici di questo speciale provvedimento tributario per la propria attività esistente o per l’avvio dell’attività economica, secondo i parametri ministeriali stabiliti per l’accesso alla misura. Si tratta di migliorare il futuro di una zona che ci interessa molto e su cui ricadono anche gran parte delle iniziative ricomprese nel bando di recupero delle periferie della Presidenza del Consiglio dei Ministri che ha destinato a Pescara ben 18 milioni di fondi. Per chiarire tutto sulle Zfu, dalla durata del provvedimento, ai soggetti e modalità di accesso, abbiamo radunato per martedì in Sala Consiliare gli esperti del ministero e affinché l’informazione potesse arrivare il più capillarmente possibile abbiamo già avuto una serie di contatti con i portatori d’interesse, perché le risorse ci sono, siamo pronti a partire e vogliamo che aderiscano più imprese possibile per favorire l’occupazione e per dare un po’ di respiro alle piccole e medie attività della nostra città, affinché resistano e crescano”.
“Il primo riferimento normativo è la delibera Cipe del 2009 – illustra l’assessore alla Zona Franca Urbana Simona Di Carlo – quell’atto inserisce Pescara fra i Comuni beneficiari e conferisce alla città 4.289.000 euro di risorse per l’attuazione. Dal 2009 al 2016 c’è stato un arresto forzoso della materia, perché i decreti attuativi non sono stati mai emanati e i soldi sono rimasti in “perenzione”. Ma nel 2016, con la legge di stabilità, sono state rifinanziate le 22 città già ricomprese come beneficiarie e a Pescara è stata assegnata una somma ulteriore pari a 3.138.000 euro. Subito dopo l’Amministrazione ha provveduto con una delibera di Giunta a richiamare la prima dotazione finanziaria e così oggi Pescara ha 7.829.000 euro per la Zfu. Stando alle informazioni inviate dal Ministero e salvo specifiche preclusioni, possono essere ammesse micro e piccole imprese che si trovano nel perimetro, che alla data di presentazione dell’istanza hanno già avviato le attività, o chi si impegna ad avviarla entro e non oltre 180 gg dalla pubblicazione del provvedimento di concessione delle agevolazioni. Il valore medio del beneficio è pari a circa 19.300 euro ad azienda. Altro dato legislativo importante è il decreto attuativo del 5 giugno 2017, pubblicato il 6 ottobre, momento da cui abbiamo cominciato a preparare l’ente all’attuazione della misura e a provvedere al coinvolgimento di tutti i soggetti interessati, in modo da avere un filo diretto con tutte le micro e medie imprese potenzialmente beneficiarie. Le agevolazioni sono importantissime: decontribuzione, esenzione dai contributi propri dei Comuni, defiscalizzazione. La zona potrà rifiorire anche economicamente e farlo a breve, perché ai primi di maggio contiamo di attivare una sezione speciale del sito del Comune dove si potranno avere tutte le informazioni e effettuare le prime domande, con uno strumento che consentirà agli interessati di capire con un semplice clic se rientrano nel perimetro della Zfu. Martedì avremo la possibilità di confrontarci con i tecnici di Mise, Ifel e Invitalia che in questi giorni stanno facendo tappe esplicative per la Zfu in tutta Italia e così chiarire tutti i dettagli del funzionamento. Sarà una giornata importantissima, per la riuscita della quale abbiamo coinvolto tutte le associazioni di categoria, che a loro volta hanno coinvolto le imprese e auspichiamo una grande partecipazione a questo evento. A una fase di illustrazione della misura, seguirà un momento in cui si potrà interagire con i tecnici e ottenere dal confronto tutte le informazioni possibili”.
La storia della misura dal 2009 a oggi. Il 6 ottobre 2017è stato pubblicato in Gazzetta ufficiale (G.U. Serie Generale n. 234) il decreto attuativo interministeriale (MISE-MEF) per il finanziamento di 10 Zone Franche Urbane, ricadenti in 11 Comuni, tra i quali il Comune di Pescara. Lo strumento ZFU è stato rifinanziato per gli 11 Comuni con 30 milioni di euro da Legge di stabilità 2016 e prevede agevolazioni fiscali e contributive a favore di micro e piccole imprese insediate o da insediare in una porzione di territorio comunale individuata a tal fine e caratterizzata da particolare disagio economico e sociale. Con la pubblicazione del decreto, tanto atteso dagli 11 Comuni interessati che, sebbene indicati come ZFU nel 2009, beneficiano per la prima volta della misura, è stata finalmente avviata la procedura attuativa vera e propria, gestita dalla Direzione incentivi alle imprese del Ministero per lo Sviluppo economico. Il prossimo passo prevede la pubblicazione (entro la prima decade di aprile), con decreto direttoriale, della circolare applicativa che specifica il funzionamento dell’agevolazione, ossia requisiti di accesso e modalità di presentazione delle domande. Nei primi giorni del mese di maggio si prevede di aprire i termini per la presentazione della domanda.

 

PROGRAMMA DEI LAVORI

 

Ore 14.00 - Registrazione dei partecipanti

 

Ore 14,15 - Saluti istituzionali

Marco Alessandrini - Sindaco Comune di Pescara
Simona Di Carlo - Assessore alle attività produttive Comune di Pescara
Ore14.45 Apertura dei Lavori

Francesco Monaco –Responsabile Area politiche di coesione ANCI; dipartimento fondi europei e investimenti territoriali IFEL: Relazione tecnica “Inquadramento tecnico normativo delle agevolazioni fiscali e contributive in favore delle micro e piccole imprese localizzate in ZFU”
Alessandra De Angelis - Direzione X “Interventi per il sostegno all'internazionalizzazione e all'innovazione delle imprese e per lo sviluppo di aree urbane” (MISE)
Fabio Pagliarini - INVITALIA
Ore 15.45 Quesiti e dibattito

Ore 17.00 Chiusura dei lavori

Pubblicato in Politica

Fossacesia. Ancora un record raggiunto con la raccolta differenziata a Fossacesia che, ancora una volta, si piazza all’85%. Grande la soddisfazione dell’Amministrazione Comunale che, nel comunicare i risultati, plaude all’ Ecolan spa e soprattutto ai cittadini di Fossacesia che, con diligenza, rispettano quanto previsto dal nuovo sistema di raccolta rifiuti in vigore dal settembre 2016. “Aver raggiunto l’85% di raccolta differenziata è un risultato che ci riempie di soddisfazione – dichiara Enrico Di Giuseppantonio, Sindaco di Fossacesia – e di questo ringrazio la Ecolan spa, che dal settembre 2016 gestisce il servizio di raccolta differenziata e soprattutto ringrazio tutti i cittadini di Fossacesia perché è soprattutto grazie al loro giusto comportamento, segno di grande civiltà, se siamo riusciti a raggiungere un così significativo risultato”. A partire dal 2016 infatti il servizio di raccolta differenziata a Fossacesia  è aumento di circa 20 punti in percentuale, dimostrando come un sistema di raccolta attento, scrupoloso, con sanzioni certe può portare a risultati assolutamente significativi. Dato particolarmente significativo è quello relativo ai rifiuti indifferenziati che nell’anno 2017 si sono praticamente ridotti del 50%. “C’è ancora molto da fare – aggiunge l’assessore all’Ambiente Raffaele Di Nardo– soprattutto perché l’obiettivo che vorremmo porci è quello di raggiungere il 90% di raccolta differenziata e per fare questo è necessario uno sforzo ulteriore da parte di tutti noi. Per questa ragione intendiamo potenziare maggiormente i controlli così da poter punire i trasgressori”. L’Amministrazione Comunale di Fossacesia, infatti, già da tempo ha introdotto sul territorio della città le foto trappole, utili a cogliere in flagranza coloro che abbandonano i rifiuti. “L’abbandono dei rifiuti è un atto deplorevole oltre che illegale che pesa tra l’altro sulle tasche di tutti noi – conclude il Sindaco Enrico Di Giuseppantonio – ed è per questa ragione che chiedo la collaborazione di tutti i cittadini affinchè segnalino, anche in forma anonima, eventuali trasgressori”.

Pubblicato in Cronaca
Domenica, 08 Aprile 2018 00:00

Finalmente Coged! Riscatto a Castellammare

Castellammare di Stabia. La CO.GE.D. torna alla vittoria nel momento più importante, nello scontro diretto sul campo della Link Campus University e torna a respirare in classifica. Dopo un primo set perso con grande rammarico (neroverdi avanti 18-20 e poi superate 25-21), la reazione è scattata a partire dal secondo set, vinto in rimonta dopo un inizio ad handicap, e si è confermata nella terza frazione, iniziata dalle ospiti con un parziale negativo di 7-1.Sempre condotto invece il quarto set, con il massimo vantaggio sul +7 (5-12) e poi chiuso 21-25. Top scorer, ancora una volta, Lorenza Lupidi con 24 punti, ma in doppia cifra finiscono anche Matrullo (16) e Ragone (15). Tanti errori in battuta (comunque bilanciati da quelli delle avversarie), le neroverdi vincono nonostante i punti, dall’altro lato, di Aquino (16), Russo (15) e Corallo (14). Salita a quota 27 punti, la CO.GE.D. scavalca la stessa Castellammare (+2) e attende le gare domenicali di Benevento (a Sant’Elia) e Minturno (a Mesagne).

“Finalmente una reazione d’orgoglio e una grande prestazione a livello caratteriale – ha commentato a fine partita Alceo Esposito –. Abbiamo perso il primo set nel modo per noi consueto, dilapidando un vantaggio e una situazione a noi favorevole. A differenza di altre volte, però, abbiamo reagito, di cuore e anche di testa, meritando a pieno la vittoria. Siamo riusciti a metterle in difficoltà in ricezione e soprattutto, in controtendenza rispetto alle ultime gare, siamo andati molto bene in attacco, trovando il punto con continuità. Al di là dei meriti di squadra, una menzione speciale va al capitano, Corinne Perna, che ha stretto i denti e ha giocato fin quando ha potuto nonostante il dolore alla spalla, e poi ad Alice Di Tonto, che è entrata al posto proprio di Corinne: so che non è facile stare in panchina e vedere le altre giocare, ma Alice oggi si è fatta trovare pronta, è stata brava a muro, in ricezione e ha fatto punti importanti. Brave tutte le ragazze che sono entrate dalla panchina, oggi è stato fondamentale il contributo di ognuna di loro. E se manteniamo questo spirito e questo carattere, credo che potremo fare bene nelle ultime gare che ci aspettano”.

Link Campus University Pall. Nemesi Castellammare di Stabia – CO.GE.D. Pallavolo Teatina 1-3 (25-21, 22-25, 21-25, 21-25)

Link Campus University Pall. Nemesi Castellammare di Stabia: Giaquinto (C) 9, Della Rocca (L), Aquino 16, Saetta, Sinisi, Staiano 2, Russo 15, Corallo 14, Autiero, Afeltra 7. All.: Francesco Russo.

CO.GE.D. Pallavolo Teatina: Mazzarini (L), Michetti (L) n.e., Palmieri, Kus 7, Negroni 1, Di Tonto 4, Matrullo 16, Capone, Ragone 15, Lupidi 24, Perna (C) 1. All.: Alceo Esposito.

Pubblicato in Sport

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Notizie Recenti

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione