L'Aquila. Questa è la fotografia desolante ritratta dall’ultimo rapporto SVIMEZ divulgato oggi. Tutte le regioni del mezzogiorno crescono: Campania (+2,4%), Basilicata (+2,1%), Molise (+1,6%), Calabria (+0,9%), Puglia (+0,7%), Sardegna (+0,6%), Sicilia (+0,3%). Tutte tranne l’Abruzzo che arretra dello 0,2%.
“Questi sono gli effetti della totale mancanza di visione strategica per l’Abruzzo che centro-sinistra e centro-destra hanno prodotto negli ultimi 10 anni. – commenta Sara Marcozzi, consigliera regionale M5S – Oramai questi sono dati consolidati dei quali siamo costretti a prendere atto ogni anno. La politica degli annunci del Presidente D’Alfonso sta dando i suoi frutti: distruzione delle piccole-imprese, indebolimento dei grandi insediamenti, povertà in continuo aumento e consumi fermi al palo. Abbiamo urgente bisogno di mandare a casa questa classe politica e avviare un efficace piano di rilancio per la regione che passi attraverso il TURISMO, il sostegno al CREDITO alle PMI, l’istituzione del REDDITO DI CITTADINANZA (unico strumento per rilanciare i consumi), l’implementazione della rete dei TRASPORTI e un piano di INVESTIMENTI su piccole infrastrutture che mettano in sicurezza il territorio: ospedali, scuole, abitazioni, strade. I partiti hanno sonoramente fallito, è ora che il popolo abruzzese affidi al M5S la possibilità di risollevare la regione da questo disastro”.

L'Aquila. "Il rapporto Svimez 2017, presentato questa mattina a Roma e riferito all’anno 2016, offre diversi spunti positivi per quanto riguarda il nostro territorio. Per quanto riguarda l’occupazione, la variazione tra 2016 e 2015 segna un +0,5% (da 521.600 a 524.200 unità) mentre diminuisce del 3,2% il tasso di persone in cerca di occupazione (da 69.100 a 66.900). Allo stesso modo cresce (+1,2%) il tasso di occupazione, passando dal 54,5% al 55,7%, e si riduce (-0,5%) il tasso di disoccupazione, che passa dal 12,6% al 12,1%. Numeri che distanziano di gran lunga il dato medio del Mezzogiorno, che vede il tasso di occupazione al 43,4% e quello di disoccupazione al 19,6%".
Così in una nota Silvio Paolucci, assessore regionale al Bilancio, che aggiunge: "In merito al prodotto pro capite, l’Abruzzo fa registrare 22.853,30 euro per abitante (+0,1%), una cifra che pone la regione molto al di sopra rispetto al dato medio del Sud (17.146,00) e in avvicinamento verso la media nazionale (25.890,50).
Quanto al dato del prodotto interno lordo – un dato “vecchio” in quanto noto sin dal luglio scorso – è vero che nel 2016 si è registrata una flessione dello 0,2 ma si tratta di una caratteristica comune alle regioni colpite dal sisma verificatosi nei mesi di agosto e ottobre, con Umbria (-1,1) e Marche (-0,2) più penalizzate rispetto al Lazio (+0,1) che fa marcare un aumento contenuto.
Altri dati economici fanno segnare un forte aumento delle esportazioni (+9,7%) e un buon accrescimento dei depositi bancari (+2,4%).
Il rapporto Svimez termina con una serie di proposte: una di queste, quella sulla logistica, prevede l’istituzione di nuovi corridoi trasversali al bacino del Mediterraneo e al suo interno (punto 2) auspica la creazione di un asse centro-settentrionale che vada dalla Spagna (Barcellona) all’Est europeo passando per Civitavecchia, Ortona/Pescara e la Croazia. Un suggerimento che va verso lo schema al quale la Giunta D’Alfonso sta lavorando sin dal suo insediamento.
L’Abruzzo si conferma dunque terra cerniera tra Nord e Sud, con dati che la pongono nettamente al di sopra dei valori registrati nel resto del Mezzogiorno e che guardano al centro Italia. E’ obiettivo primario dell’amministrazione D’Alfonso avvicinare ulteriormente la nostra regione alle aree più sviluppate del Paese e il 2018, con l’avvio di tutti i cantieri previsti nel Masterplan, segnerà certamente una svolta per l’economia abruzzese".

Chieti. Biolife, abbinata a Nutrisan, Salone per la corretta alimentazione e salute, si svolge su quattro giorni all’interno della Fiera d’Autunno, che vanta la presenza di 45.000 visitatori.
La kermesse, nata nel 2004 come evento di presentazione dell’agricoltura biologica in Alto Adige è oggi punto di riferimento per chef, ristoratori e albergatori intenzionati a proporre nelle loro cucine e strutture materie prime biologiche di altissima qualità.

L’Abruzzo, con il Centro Regionale per il Commercio Interno delle Camere di Commercio abruzzesi, sarà presente a Biolife con una nutrita rappresentanza di imprese del biologico, in un’area espositiva totale di 150 mq, con prodotti di altà qualità che vanno dalla pasta alle confetture, dall’olio d’oliva al latte d’asina: Azienda Agricola Fior di Montagna di Notarmuzi Pasquale e Podere del Sole (Scanno, AQ), La Selva d’Abruzzo (Moscufo, PE), Di Vito Food (Vasto, CH), Le delizie d’Abruzzo (Montesilvano, PE), Azienda Agricola Nunzio Nolletti (Collepietro, AQ), Azienda Agricola Garofalo Patrizia (Casalbordino, CH), Soc. agricola Cignale (Penne, PE), Azienda Agricola Travaglini Angelico (San Salvo, CH), Azienda Agricola Colancecco Laila (Pineto, TE), Nuova Alisan – Muscolo di Grano di Marascio Vincenzo (Tortoreto, TE), Pastificio Maiella (Pretoro, CH).

"Il biologico è uno dei segni distintivi del made in Italy e l'Abruzzo deve favorire la crescita e lo sviluppo di imprese agricole biologiche di qualità - afferma Roberto Di Vincenzo, presidente del Centro Regionale delle Camere di Commercio e della Camera di Commercio di Chieti. La nostra partecipazione alla Fiera di Bolzano, aperta ad un mercato (italiano e di lingua tedesca) sempre attento ad un consumo consapevole, è il segno di questa attenzione a nuovi mercati per le nostre imprese del settore agroalimentare"

Complessivamente, sono attesi a Bolzano oltre 200 piccoli produttori da tutto il mondo, per oltre 2.000 referenze all’insegna del “bio”, sia in ambito alimentare sia cosmetico e nel settore tessile. A ulteriore garanzia dell’elevata qualità dell’offerta e delle opportunità di business, Biolife si distingue per essere l’unica fiera sottoposta al controllo di enti certificatori esterni (AB-Cert) per l’ammissione dei prodotti. Inoltre, agli espositori è assicurata la possibilità della vendita diretta.

Tra le diverse iniziative di Biolife 2017 sono in corso di definizione anche diversi congressi, conferenze e convegni dedicati al comparto dell’ho.re.ca., il cui programma si può consultare in tempo reale sul portale www.biolife.it.

L'Aquila. E’ arrivata fuori sacco in fretta e furia la legge sulla film commission abruzzese. “Una legge che abbiamo migliorato sostanzialmente rispetto alla prima versione proposta dalla maggioranza” afferma Gianluca Ranieri del M5S “infatti tutti gli emendamenti da noi presentati sono stati approvati. Lo scopo” continua il 5 stelle “ è quello di cooperare per fornire all’Abruzzo uno strumento necessario per la valorizzazione del territorio e delle tantissime professionalità del mondo del cinema che devono essere tutelate e sottratte al condizionamento politico”.
“Riteniamo che l’intervento del M5S sia stato determinante” conclude Ranieri “per eliminare elementi di estraneità distorsivi, in una buona legge con la quale si sta possono offrire al territorio possibilità e potenzialità sia economiche che turistiche strettamente legate alla cultura”.

L'Aquila. Ieri mattina il Sottosegretario alla Presidenza Mario Mazzocca ha partecipato al forum “Ecoreati nel codice penale: numeri e storie a due anni dall’approvazione della legge”, organizzato a L'Aquila dal Comando Regione Carabinieri Forestali Abruzzo-Molise in collaborazione con Libera, Wwf, Legambiente e Coldiretti Campagna Amica, allo scopo di tracciare un primo bilancio a due anni dall’introduzione delle nuove leggi in materia di tutela ambientale.
“E' stata una giornata importante - ha dichiarato Mazzocca - poiché si è fatto il punto della situazione sulla fase di prima applicazione della legge sugli ecoreati, un disposto normativo dalla articolata ed annosa gestazione e sulla cui attuazione si innestano prepotentemente vari segmenti costitutivi del tema generale della tutela ambientale. Inoltre, va dato atto del fondamentale lavoro svolto dalle associazioni Libera, Wwf e Legambiente nel corso degli ultimi vent'anni, per aver contribuito in maniera determinate a definire un completo quadro conoscitivo del tema, agendo in maniera pertinentemente sussidiaria alle attività delle pubbliche istituzioni”.
Come illustrato dal vice comandante generale dell’Arma carabinieri-forestali, Davide De Laurentis, nel solo 2016 gli ecoreati sanzionati sono stati 574 di cui 143 casi di inquinamento, 13 di disastro ambientale e 3 di omessa bonifica, oltre ad essere stati sequestrati 133 beni per 15 milioni di euro complessivi. L'Abruzzo, inoltre, presenta il più alto numero di aziende coinvolte (16) che danneggiano la parte sana dell'imprenditoria locale.
L'evento, conclusosi con l'intervento del Vice Presidente del Consiglio Superiore della Magistratura Giovanni Legnini, è stato occasione di monito, riflessione ed approfondimento sul tema.

Roma. Liguria, Piemonte e Abruzzo sono le prime tre regioni per presenza di ascensori in Italia. Secondo un’analisi di thyssenkrupp Elevator Italia, azienda specializzata in ascensori e scale e tappeti mobili, in Liguria è presente un edificio con ascensore ogni 70 abitanti, in Piemonte uno ogni 106 e in Abruzzo uno ogni 109. La Lombardia è la regione con il maggior numero assoluto di ascensori, sono oltre 80mila gli edifici che ne hanno almeno uno.
L’analisi evidenzia che le prime tre province per densità di ascensori sono Aosta (1 edificio con ascensore ogni 34,5 abitanti), Savona (1 ogni 56) e Trieste (1 ogni 58,6 abitanti). Le prime tre città sono Trieste, 52 abitanti per ogni edificio con ascensore, Reggio Calabria con uno ogni 57 cittadini, e Milano con 59 residenti per impianto.

thyssenkrupp Elevator Italia rileva che gli ascensori più vecchi si trovano in Puglia, con una media di quasi 19 anni di età. Hanno un’età media elevata anche in Valle d’Aosta (14 anni) e Veneto (13 anni). Le regioni dove thyssenkrupp Elevator Italia ha registrato il maggior numero di interventi di manutenzione sono la Puglia con 6 interventi in media per ascensore all’anno, Lazio e Toscana con 4.

“Dalla nostra analisi – spiega Luigi Maggioni, amministratore delegato di thyssenkrupp Elevator Italia - emerge che sul territorio nazionale sono presenti 463mila edifici con ascensori, uno ogni 130 abitanti che richiedono in media circa cinque interventi di manutenzione all’anno. I motivi principali delle chiamate sono: guasti alle porte, schede elettroniche bruciate, bottoniere usurate, ecc.” I maggiori costi sostenuti dai condomini per questi interventi, secondo thyssenkrupp ammontano a oltre 700 € l’anno.

Il parco ascensori italiano è il più vasto, ma anche il più “anziano” in Europa: circa il 40% degli impianti in funzione ha più di 30 anni e oltre il 60% non è dotato di tecnologie moderne capaci di garantire un livello assoluto di sicurezza agli utenti. Gli impianti installati prima del 1999 non sono dotati delle moderne tecnologie in grado di garantire il livello di sicurezza minimo richiesto dagli standard Europei (Nuova Direttiva Ascensori 2014/33/UE). Si pensi ad esempio ai sistemi di chiamata d’emergenza, ai sistemi di chiusura delle porta automatiche e al livellamento tra pavimento e cabina.

“Il servizio di manutenzione predittiva e preventiva per gli ascensori – afferma Luigi Maggioni, amministratore delegato di thyssenkrupp Elevator Italia – può ridurre del 50% i tempi di fermo impianto. Collegando in rete tutti gli ascensori è possibile monitorarne da remoto lo stato di salute e intervenire tempestivamente. L’ascensore oggi è il mezzo più usato al mondo: i 12 milioni di impianti esistenti sono usati da un miliardo di persone. E’ stato stimato che ogni anno si accumulano 190 milioni di ore di fuori servizio a livello mondiale, di cui 11 milioni di ore in Italia. Questo significa che nel nostro Paese un ascensore sta fermo per guasti mediamente 4 giorni e mezzo all'anno".

“L’ascensore – conclude infine Maggioni - consuma il 10% dell’energia totale di tutto l’edificio. L’impiego di tecnologia innovativa consente all’industria ascensoristica di migliorare le performance e l’efficienza energetica: un ascensore realizzato con tecnologie standard consuma il 27% in meno, ma un ascensore “moderno”, fatto con materiali ultra leggeri, elettronica intelligente che lo mette in standby se inutilizzato e con sistemi che recuperano l’energia in frenata, permette un risparmio energetico fino al 50%”.

La divisione Elevator Technology racchiude tutte le attività del Gruppo thyssenkrupp nei sistemi di trasporto passeggeri. Con un fatturato di 7,5 miliardi di euro nell’anno fiscale 2015/2016 e clienti in 150 Paesi, thyssenkrupp Elevator è una società leader a livello mondiale nel settore ascensoristico. Con più di 50.000 dipendenti altamente qualificati, l'azienda offre prodotti innovativi a basso consumo energetico progettati per soddisfare le esigenze di ogni cliente. La gamma di prodotti comprende sistemi elevatori per passeggeri e merci, scale e tappeti mobili, montacarichi, ponti di imbarco per gli aerei, e servizi a valore aggiunto per ogni tipologia di prodotto. Le 900 sedi dislocate in tutto il mondo forniscono una rete capillare di vendita e di servizi che garantiscono la vicinanza ai clienti.

L’Aquila. Escursioni, visite guidate, concerti e il gusto dei prodotti del territorio. L’autunno abruzzese prende vita. E lo fa attraverso una serie di eventi dalla Marsica ai Monti della Laga, dalle valli Siciliana e del Vomano ai piedi del Gran Sasso fino al territorio teatino e alle colline pescaresi.

Si comincia il prossimo weekend con due eventi tutti dedicati al frutto simbolo della stagione dei boschi abruzzesi: la castagna. Sabato 28 e domenica 29 ottobre torna a Leofara di Valle Castellana la Festa della Castagna, manifestazione giunta alla 38a edizione che da anni conduce appassionati e curiosi alla scoperta delle peculiarità naturalistiche, storiche e culturali dei Monti della Laga, a cominciare dal Marrone di Valle Castellana, inserito nell’elenco dei prodotti agroalimentari tradizionali del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali. Oltre alle degustazioni, l’evento offre ai visitatori la possibilità di partecipare ad escursioni e visite guidate nei castagneti e una mostra tematica sul castagno.

Il frutto di stagione è protagonista anche nella Marsica, dove nello stesso weekend è di scena la 45a Sagra della Castagna, la più antica e famosa del territorio marsicano: un percorso enogastronomico che si snoderà nel borgo di Sante Marie che, per l’occasione, sarà trasformato in un piccolo bosco con ricci di castagne e foglie che faranno delle stradine del centro storico un vero e proprio villaggio della castagna. Da segnalare, nell’ambito della manifestazione, la VII Cicloturistica della Castagna, con tre percorsi adatti a tutti.

A L’Aquila, invece, spazio al prodotto principe del luogo: lo zafferano. Domenica 29 ottobre a San Pio delle Camere, borgo ai piedi del versante aquilano del Gran Sasso, tra Campo Imperatore e la Piana di Navelli, si svolgerà la prima edizione di “CicloZafferanea”, originale pedalata ecologica ciclo-storica attraverso i luoghi dell’oro rosso d’Abruzzo. E sempre a San Pio delle Camere, lo zafferano sarà protagonista della 4a edizione di Raccogli Conosci Degusta lo Zafferano, con due giorni– sabato 28 e domenica 29 – dedicati a degustazioni, laboratori e momenti di raccolta “sul campo” per visitatori e turisti.

Ma gastronomia, nell’autunno abruzzese, vuol dire anche olio. Domenica 29 l’associazione nazionale impegnata nella tutela del territorio olivicolo, “Le Città dell’Olio”, organizza la Giornata Nazionale della Camminata Tra gli Olivi. In Abruzzo quattordici località proporranno passeggiate all’aperto negli oliveti, visite a frantoi e olivi secolari, degustazioni di olio e corsi di assaggio per scoprire il gusto dell’olio “appena fatto” e la bellezza del paesaggio collinare d’Abruzzo.
Dalla tavola alla cultura, sono due gli appuntamenti da segnalare per il weekend e le prossime settimane: sabato 28 a Chieti l’evento da non perdere è la Visita Guidata alla Via Tecta, l’ipogeo conservato nei sotterranei di Palazzo de’ Mayo. Dalle 16 alle 20, con prenotazione obbligatoria, sarà possibile effettuare la visita accompagnati dagli esperti dello Speleo Club Chieti che illustreranno parte della storia romana di Chieti, gli elementi archeologici e speleologici. Fino al 12 novembre, invece, nello splendido scenario delle abbazie benedettine della Valle Siciliana e della Valle del Vomano si svolgono i “Concerti delle Abbazie”: otto appuntamenti organizzati dall’associazione Luzmek, per la direzione artistica del M° Carlo Michini.

Infine, uno sguardo all’anno che verrà: presso l’Ipogeo di Piazza Garibaldi a Teramo, venerdì 27 sarà presentato il Calendario SIGET Prati di Tivo 2018 (ed. Ricerche&Redazioni), quest’anno interamente dedicato allo scialpinismo, una delle pratiche sportive più amate e diffuse sul Gran Sasso d’Italia.

L'Aquila. "Come già denunciato a più riprese dal Movimento cinque stelle, le carenze della Radioterapia di Pescara ma in generale dei Centri di Radioterapia Oncologica abruzzesi, sia dal punto di vista qualitativo per l’obsolescenza delle apparecchiature, che quantitativo per il non congruo numero di apparecchi presenti in regione, hanno creato situazioni insostenibili ed esasperanti per i pazienti oncologici".
Così in una nota il consigliere regionale del Movimento 5 Stelle, Domenico Pettinari, che aggiunge: "L'assessore ha dovuto ammettere ciò di cui da tempo sono convinto e cioè che, in ambito oncologico e soprattutto radioterapico, per il ruolo centrale che i trattamenti radianti hanno nel percorso terapeutico dei pazienti e soprattutto l’impatto negativo che i tempi di attesa potrebbero avere sui risultati di alcune patologie e quello di tecniche obsolete sulla tossicità e quindi sulla qualità di vita, sia necessario una inversione di marcia. Purtroppo con colpevole ritardo di anni. I fondi che arriveranno in Abruzzo serviranno speriamo a colmare il gap che c’è con regioni più all’avanguardia, determinando una maggiore e migliore offerta terapeutica. Ma questo non basta. È indispensabile dichiarare in maniera trasparente di quali fondi la regione Abruzzo disponga per la radioterapia; secondo quali criteri i fondi verranno distribuiti tra i diversi Centri e vigilare affinché ne possano beneficiare il numero maggiore di pazienti possibile. Allo stesso tempo chiarire da chi e come vengano gestite le complesse liste di attesa in radioterapia e la loro integrazione nei percorsi oncologici. È indispensabile infine vigilare sulle attuali attività degli acceleratori lineari presenti in regione e se questi vengano impiegati a pieno regime e là dove non sia così le ragioni della ridotta attività. Il nostro compito sarà quello di vigilare affinché non si perda l'ennesima opportunità di restituire dignità ad una sanità regionale martoriata da anni ed anni di sprechi e regalerie ai privati. È notizia poi di circa 1 mese fa e mi fa, meraviglia che l'assessore non ne sia a conoscenza, pubblicata su sanità24.ilsole24ore che dei 100 mln stanziati con la legge 18/2017 per le radioterapie del sud, la fetta principale spetterà alla Campania con 28 milioni, seguita dalla Sicilia con 24,3. Il podio si completa con Puglia cui vanno con 19,5 milioni. Appena sotto i 10 milioni la Calabria che precede la Sardegna con circa 8. L'Abruzzo si ferma a 6,3, e non 12 milioni come dichiarato dai vertici regionali. Chiediamo chiarimenti anche in merito a questo aspetto".

Sulmona. Duemila anni fa, nel 17 d.C. moriva a Tomi, sul Mar Nero, in esilio, il grandissimo poeta latino Ovidio, nato a Sulmona nel 43 a.C. e autore non solo di opere di poesia altissima, ma della più grande opera mai dedicata alla mitologia, Le Metamorfosi, in cui raccoglie e tramanda alla posterità oltre 250 miti di tutte le culture del mondo antico: un testo di importanza fondamentale, per sé stesso e per gli influssi che ha esercitato nella Storia della letteratura di tutti i tempi.
L’Abruzzo lo celebra quest’anno con importanti iniziative. In particolare la Camerata Musicale Sulmonese si fa promotrice, insieme al Comune di Sulmona, alla Regione Abruzzo e a soggetti privati come la Fondazione Carispaq, di un programma composito dal titolo “Metamorfosi in Musica”, che si apre con il convegno “Ovidio in Musica” giovedì 26 ottobre, alle 17:30 all’Auditorium dell’Annunziata.
La Camerata sulmonese si è fatta promotrice dell’esecuzione di una delle Dodici Sinfonie che l’illustre compositore austriaco Ditter von Dittersdorf, contemporaneo di Haydn e Mozart, dedicò ad altrettanti miti ovidiani: questo progetto è stato condiviso dall’Istituzione Sinfonica Abruzzese e dalla Associazione Musicale Fedele Fenaroli - Estate Musicale Frentana di Lanciano, che insieme alla Camerata musicale sulmonese ospitano nelle loro stagioni un importante programma concertistico dedicato al bimillenario ovidiano, che sarà presentato venerdì 27 ottobre, alle 21 presso il Teatro Fenaroli di Lanciano, sabato 28 ottobre alle 18 presso il Ridotto del Teatro Comunale “V. Antonellini” all’Aquila, e domenica 29 ottobre alle 17:30 presso il Teatro Maria Caniglia di Sulmona.
“Una iniziativa condivisa da tre enti musicali abruzzesi, che si fa promotrice per eventi di grande respiro culturale, come il bimillenario ovidiano, di programmi importanti di collaborazione a livello regionale” dichiarano Gaetano Di Bacco, direttore artistico della Camerata, Omar Crocetti, Sovrintendente della F.Fenaroli di Lanciano e Luisa Prayer, direttore artistico dell’Istituzione Sinfonica Abruzzese.
Il programma e gli interpreti - Protagonisti del concerto l’Orchestra Sinfonica Abruzzese e Rainer Honeck, da oltre trent’anni Konzertmeister dei Wiener Philarmoniker, in veste di direttore e solista. Allievo di Starr, esponente della grande tradizione violinistica viennese, musicista di rango, attivo come solista e direttore in tutto il mondo, Honeck dirigerà la Sinfonia V di Dittersdorf “La pietrificazione di Fineo e dei suoi compagni”, ispirata da un passaggio del libro V de Le Metamorfosi, e che discende dal mito di Perseo e della Gorgone.
In questa Sinfonia, l’autore cita all’inizio di ciascun movimento i versi di Ovidio cui si è ispirato, e che saranno richiamati all’inizio del concerto dalla lettura di Sista Bramini, attrice e drammaturga, narratrice di miti per antonomasia, che con il suo progetto di Teatro Natura ha fecondato il teatro contemporaneo italiano con la pratica antichissima della tradizione orale del mito classico.
Nel segno del rapporto con la cultura classica e del riflesso che ebbe nell’estetica dei grandi autori del Classicismo viennese, il programma prevede poi l’esecuzione della Terza Sinfonia D200 di Franz Schubert, e del magnifico Concerto n. 5 K 219 in La magg. per violino e orchestra di Mozart, l’ultimo della serie di cinque Concerti composti a diciannove anni dal genio salisburghese, che grazie ai viaggi compiuti in tutta Europa con il padre Leopold aveva potuto apprendere i segreti della grande scuola violinistica italiana. Concerto di fulgida ispirazione e grande inventiva, racchiude nell’Adagio una delle più belle pagine liriche mozartiane, e nel Rondò Minuetto finale un saggio di straordinaria inventiva, che diverte il pubblico con il riferimento alla musica popolare turca e zigana. Il pubblico abruzzese avrà il privilegio di ascoltarlo nell’interpretazione di Rainer Honeck, che può considerarsi interprete tra i più accreditati del grande repertorio classico viennese.

L'Aquila. «Grazie al question time al Ministro dei Trasporti di questa settimana della collega Arianna Spessotto, abbiamo scoperto che saranno ben 274 gli uffici postali che chiuderanno, o ridurranno gli orari prima di una certa futura chiusura, i battenti sul territorio abruzzese nel quadriennio 2016-2019, sui 4300 soppressi o in via di chiusura in tutta Italia. Uno scenario che desta non poca preoccupazione » commenta il deputato M5S Andrea Colletti.

Nel documento ufficiale del Ministero dei Trasporti e delle Telecomunicazioni è asserito che i tagli riguarderanno 96 comuni della provincia di Chieti, 103 della provincia de L’Aquila, 39 della provincia di Pescara e 36 della provincia di Teramo.

«Questi tagli andranno a colpire soprattutto le piccole realtà ed i Comuni medio-piccoli, dove il servizio postale ha un ruolo basilare » continua il deputato M5S Andrea Colletti « soprattutto laddove è alta la concentrazione di cittadini in là con gli anni».

Inoltre il dato che emerge è che questo piano di tagli, messo in atto con il silenzio del Governo, contrasta con le norme UE che obbligano gli Stati membri ad assicurare la raccolta e la distribuzione degli invii postali al domicilio del destinatario. Lo stesso Parlamento Europeo ha approvato una risoluzione che ribadiva la necessità, da parte degli Stati Ue, di garantire il servizio universale ed il mantenimento degli sportelli postali nelle aree disagiate.

«Sulla vicenda dal Ministero ci hanno voluto rassicurare dicendo che in alcuni casi degli uffici rimarranno aperti comunque due volte a settimana e che si tratta solo di un piano di razionalizzazione, ma in base alle prime verifiche abbiamo appurato che non sono pochi gli uffici chiusi in via definitiva» proseguono i deputato abruzzesi Colletti, Vacca e Del Grosso «naturalmente come M5s non staremo a guardare, e chiederemo al ministro Graziano Delrio di prendere in mano la situazione, perché i cittadini in difficoltà per queste chiusure rischiano di diventare parecchi e molte famiglie ci stanno già inviando segnalazioni».

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione