Fano. Il Montesilvano fallisce l’appuntamento con la terza vittoria consecutiva e cade sul campo dell’Eta Beta. Priva di Junior squalificato e di Comignani, out all’ultimo per un attacco influenzale, la squadra biancazzurra ha sofferto particolarmente nel primo tempo, chiuso sotto per 2-0. Subito il terzo gol all’inizio della seconda frazione di gioco, la Caiana si è giocata il tutto per tutto con il portiere di movimento, trovando due gol con Dambrosio e Bibi, ma riuscendo solo a sfiorare la rete del possibile pareggio. Il Montesilvano resta quinto a 31 punti in classifica, a meno nove dalla zona playoff.
“Peccato, potevamo certamente fare meglio – ha commentato a fine partita mister Gianluca Marzuoli –. Iniziando meglio la gara, e forse anche il secondo tempo, avremmo potuto raccogliere punti, ma è anche vero che oggi eravamo davvero contati. Le assenze di Junior e Comignani hanno pesato molto, e quando giochi in sei, pur con l’impegno e la voglia degli under 18 che oggi ho dovuto utilizzare più del solito, non si può pretendere troppo. Sul 3-0 siamo stati bravi a non uscire dalla partita, e anzi sul 3-2 abbiamo anche sfiorato il pari. C’è rammarico perché questa poteva essere una partita spartiacque per il nostro campionato, ma purtroppo non ci siamo arrivati al meglio. La classifica attuale ci dice che, verosimilmente, da qui in avanti non avremo più molto da chiedere a questo campionato, ma onoreremo tutti gli impegni giocando partita per partita e cercando di vincerle tutte. Come, d’altra parte, questi ragazzi davvero encomiabili hanno sempre cercato di fare.”

Montesilvano. Con una partenza sprint, seguita da una condotta di gara attenta e senza sbavature, il Montesilvano torna alla vittoria al PalaRoma e regola con un secco 5-0 il Todi, salendo a quota 31 punti in classifica (quinto posto) e rilanciando le proprie ambizioni playoff. La sfida è stata subito sbloccata, dopo appena un minuto di gioco, dal preciso sinistro di Galliani, sugli sviluppi di un calcio d’angolo; 17 secondi dopo, la sfortunata autorete di Matteo Bei ha messo definitivamente la partita sui binari più favorevoli alla Caiana. Il 3-0 è arrivato al minuto 6.35, con Dambrosio che ha finalizzato una stupenda azione corale, mentre il 4-0, giunto ancora una volta 17 secondi dopo il precedente gol, porta la firma di Riccardo Rapacchietta. Lo stesso Rapacchietta ha poi siglato il 5-0 al minuto 18.47, dopo aver superato di slancio l’ultimo difensore avversario e abilmente dribblato il portiere. Chiuso il primo tempo sul 5-0, con Tatonetti praticamente inoperoso, i biancazzurri hanno gestito con facilità il secondo tempo, non riuscendo a sfruttare due minuti di superiorità numerica in seguito a un’espulsione avversaria e sfiorando il sesto gol con un palo di Galliani. Grande soddisfazione, a fine gara, per il tecnico Gianluca Marzuoli:
“Abbiamo fatto un’ottima prestazione, trovando subito i gol e poi gestendo senza soffrire il resto della gara. Contro Todi all’andata avevamo subito una sconfitta crudele, immeritatissima, dopo una partita dominata, ma direi che ci siamo presi la nostra rivincita. Questa vittoria ci fa fare un bel passo in avanti in classifica: ora giochiamocela partita per partita, cerchiamo di fare il meglio e a fine campionato vedremo in che posizione saremo. Anche oggi, ancora una volta, complimenti ai nostri ragazzi, anche a quelli più giovani come Marco Crisologo e Michele Iervolino che sono scesi in campo negli ultimi minuti e hanno dimostrato di esserci. Credo proprio che la scelta compiuta a inizio anno dalla società di valorizzare i nostri giovani stia dando bei frutti”.

Ancona. Con una prestazione impeccabile e il solito, grande spirito di squadra, il Montesilvano raccoglie ad Ancona tre punti d’oro, che consentono di allontanarsi sempre più dalle zone pericolose e tornare a guardare da vicino l’alta classifica.Dopo un primo tempo chiuso sullo 0-0, nonostante non fossero mancate le occasioni per Junior e compagni, la gara si è sbloccata a 7 minuti dalla fine, grazie alla rete di Galliani. Nei secondi finali, con gli avversari sbilanciati in avanti e con il portiere di movimento, è stato Tatonetti a ripartire palla al piede dopo una parata e a mettere a referto il gol del definitivo 2-0.
“Senza dubbio, è stata la nostra miglior prestazione stagionale – ha commentato a fine partita mister Marzuoli, assai soddisfatto – Sono contento innanzitutto per la solidità difensiva: siamo rimasti sempre attenti, cattivi in campo, e il risultato è stato che non solo non abbiamo subito gol, ma di fatto non abbiamo neanche concesso occasioni ai nostri avversari. Siamo stati bravi a ripartire quando serviva, a controllare la partita, a gestire il ritmo, davvero una bellissima prestazione, una di quelle che un allenatore spera sempre di poter vedere giocare dalla propria squadra. Certo, avrei ammazzato Tatonetti [ride] se, invece del gol del 2-0, avesse perso anche solo uno dei contrasti che ha fatto, perché lì sarebbe arrivato il pari… comunque, la vittoria è strameritata. Complimenti, ancora una volta, a questi ragazzi, che settimana dopo settimana stanno compiendo una vera e propria impresa sportiva. Oggi, a parte Junior, e a causa anche della squalifica di Bibi, il Montesilvano era composto esclusivamente da under 21, juniores e allievi: di più proprio non possiamo chiedere a questo gruppo!”.

Popoli. Il Doogle rimedia una sconfitta a Popoli nell’andata dei Quarti di Finale della Coppa Abruzzo: contro il Briganti finisce 4-2 per i padroni di casa in un match combattutissimo che ha visto i due portieri ergersi a protagonisti assoluti con interventi strepitosi.
Da una parte Lavric e dall’altra D’Onofrio Andrea hanno salvato a più riprese la propria porta ed è merito soprattutto loro se non si è visto un risultato con un maggior numero di reti.
Entrambe le squadre hanno giocato bene dando vita ad una partita veramente bella e spettacolare.
Per qualificarsi ora il Doogle dovrà vincere con almeno due gol di scarto nel ritorno previsto a Bucchianico il 22 febbraio.

La prima occasione è al 1' per De Sanctis ma Lavric si oppone di piede. Un minuto dopo Buccione ruba palla e tira, ma è ancora Lavric a far capire di essere in giornata di grazia.
Al 5' D’Onofrio Andrea mostra di non essere da meno con un grande intervento sul tiro ravvicinato di Di Rocco.
Al 6' doppio miracolo di Lavric prima su Colalongo e poi su De Sanctis.
Salvataggio in due tempi di D’Onofrio Andrea su Di Rocco al 9'.
Al 10' il Doogle perde un pallone a centrocampo, ne approfitta Del Conte che batte in diagonale D’Onofrio Andrea per l’1-0. Sarà l’unica rete del primo tempo a testimonianza del grande equilibrio visto in campo.
Il Doogle reagisce e si propone in fase d’attacco con De Fabiis che manda di poco a lato all’11'.
Il Briganti sfiora il raddoppio quando è bravissimo Colalongo a salvare sulla linea di porta dopo l’ennesima parata di D’Onofrio Andrea a seguito di un calcio di punizione al 16'.
Sfortunato De Fabiis che al 19' non arriva per un soffio su un taglio centrale di Colalongo.
Al 21' D’Onofrio Camillo si vede negata la gioia del gol quando il suo calcio di punizione viene intercettato da un altro strepitoso intervento di un insuperabile Lavric.
Poco dopo De Sanctis riesce a deviare di quel tanto per salvare i suoi dalla capitolazione sulla botta di Di Rocco, palla poi bloccata da D’Onofrio Andrea.
Al 24' la parata più bella del match: D’Onofrio Andrea si distende sul gran diagonale ancora di Di Rocco e riesce a toccare il pallone sbrogliando una situazione veramente difficile.
Le due squadre giocano bene e danno spettacolo in campo affrontandosi in maniera corretta e a viso aperto.
Al 28' Lavric salva su Colalongo. Allo scadere della prima frazione Di Rocco trova ancora una volta l’opposizione di D’Onofrio Andrea. Si va dunque al riposo sull’’1-0.
Al primo minuto della ripresa Lavric anticipa prima Colalongo e poi De Sanctis.
Al 2' il Doogle perviene al pareggio: gran palla di De Sanctis per Buccione che si trova a due passi da Lavric, tira e questa volta il portiere del Briganti riesce solo a toccare, ma il pallone entra in rete.
Al 5' D’Onofrio Andrea salva i suoi con una spettacolare parata in tuffo su Del Conte.
I padroni di casa sfiorano il secondo gol con Di Gregorio che colpisce il palo esterno.
Lavric blinda la sua porta con l’ennesimo colpo di reni su De Sanctis al 6'.
Un minuto dopo il Briganti Popoli trova il raddoppio con un diagonale millimetrico di Di Gregorio lasciato però colpevolmente troppo libero di andare alla conclusione.
Il Doogle non molla e un grande fraseggio Colalongo - De Sanctis si conclude con un tiro a lato di poco del bomber.
Al 10' una prodezza di D’Onofrio Andrea sulla conclusione di Di Gregorio nega il tris alla squadra di casa.
La partita si accende e dopo una parata di Lavric su D’Onofrio Camillo, al 12' arriva la terza rete del Briganti: il Doogle perde palla a centrocampo, Del Conte è lestissimo a servire Di Rocco che batte D’Onofrio Andrea.
Al 16' Lavric è superlativo prima su De Fabiis e poi due volte su Colalongo.
Al 19' D’Onofrio Camillo commette fallo su un avversario, viene ammonito: punizione per il Briganti trasformata da Di Gregorio per il 4-1 che sembra chiudere i giochi.
Non è così però visto che il Doogle ha ancora la forza per segnare la rete che lascia aperto il discorso qualificazione con Di Nardo su angolo di Buccione.
Nel finale l’ammonizione di D’Onofrio Andrea per proteste: i fratelli D’Onofrio, a causa del cartellino giallo rimediato contro il Brigante, saranno costretti a saltare la partita di ritorno.
Finisce dunque 4-2 per il Brigante Popoli un match fra i più belli visti finora in questa stagione.

Questo il commento a fine partita del Vice Capitano Diego Colalongo:
“Sono molto dispiaciuto per la sconfitta. Con il 4-2 finale siamo ancora in corsa per la qualificazione: nella gara di ritorno daremo il massimo per passare il turno. Il Popoli ha saputo sfruttare al meglio il fattore campo andando subito in vantaggio e prendendo in mano la partita. Hanno tratto forza dai nostri errori che purtroppo ci sono stati: potevamo e dovevamo fare di più e sicuramente lo faremo a ritorno perché teniamo molto alla coppa”.

Montesilvano. La vittoria per 2-1 nel derby di domenica ha consentito al Montesilvano di conservare il secondo posto nel campionato under 21, tenendo a distanza proprio i rivali dell’Acqua&Sapone. In un PalaRoma gremito e molto “caldo”, i ragazzi di mister Marzuoli hanno saputo rispondere allo svantaggio iniziale, rimontando e poi resistendo fino alla fine agli attacchi degli avversari. Una prova di tecnica e di carattere, come sottolineato da Aldo Di Pietro, che ha guidato i ragazzi dalla panchina in sostituzione dello squalificato Marzuoli:
“È stata una partita dura, vera, in un derby sempre molto sentito. Abbiamo chiuso il primo tempo in svantaggio, puniti per una nostra disattenzione difensiva, ma a mio avviso meritavamo qualcosa in più, perché avevamo sempre condotto la partita. Poi nel secondo tempo, prima il gran gol di Galliani e poi la rete di Rapacchietta ci hanno permesso di ribaltare la situazione, e siamo stati bravi poi a resistere ai loro attacchi. Voglio fare un applauso a questi nostri ragazzi, che da inizio anno giocano due volte a settimana, sabato e domenica, e non c’è una volta che non diano il 100%. Abbiamo vinto un derby contro una squadra che ruotava 10 giocatori, mentre noi eravamo in 6 (Galliani, Rapacchietta, Dambrosio, Comignani e Masi, più il portiere Iervolino), con il supporto di ragazzi della Juniores e addirittura degli Allievi. Credo che abbiamo interpretato meglio dei nostri avversari il clima derby, mettendoci qualcosa in più a livello di cattiveria, determinazione e agonismo. A fine partita, i crampi di Rapacchietta a entrambe le gambe e le ferite rimediate da Galliani per le tante botte prese, sono i perfetti simboli di un gruppo di ragazzi che non si arrende mai e lotta sempre, senza mai tirarsi indietro o accampare scuse. Meritano solo applausi per quanto stanno facendo”.

Montesilvano. Cesena si impone al PalaRoma e porta a casa 3 punti che le consentono di superare il Montesilvano in classifica. Per gli ospiti, autentico mattatore è stato il pescarese Cesetti, autore di una tripletta, mentre dall’altro lato i gol della Caiana sono arrivati da Masi, Bibi e Dambrosio. Chiuso il primo tempo in vantaggio per 2-1, i romagnoli si sono portati sul 3-1 a inizio ripresa, riuscendo fino alla fine a gestire il vantaggio e rispondendo puntualmente ad ogni gol del Montesilvano. Al di là della sfortuna (5 legni presi tra primo e secondo tempo, 2 dei quali sul 3-4), pesano per i biancazzurri le disattenzioni difensive e una serata non felice per l’estremo difensore Tatonetti, che pure è stato capace di parare un tiro libero allo scatenato Cesetti. Del giapponese Kita e di Simone Pasolini le altre due reti degli ospiti.
“La sfortuna e i pali fanno purtroppo parte del gioco – ha commentato a fine partita mister Marzuoli –, ma gli errori commessi devono farci riflettere. Onestamente tutti e 5 i gol presi sono frutto di nostre mancanze, e con un po’ più d’attenzione potevamo certamente evitarli. Dispiace perché questa era una partita da non perdere, era importante fare punti per muovere la classifica. Settimana prossima ci aspetta una trasferta insidiosa ad Ancona, ma resto comunque fiducioso. Sapevamo che il girone di ritorno sarebbe stato difficile e si sta confermando tale, ma ai miei ragazzi dico di non avere paura di giocare la palla e di continuare sulla strada tracciata finora, senza perdersi d’animo.”

Montesilvano. Si era messa davvero male nel primo tempo per i biancazzurri, sotto 5-1 fino a pochi secondi dalla fine e fortunati, almeno, nel trovare il secondo gol poco prima del fischio di metà gara. Prima, tanta mala sorte e qualche disattenzione di troppo in difesa, con i padroni di casa dell’Hatria bravi a ripartire e a sfruttare le occasioni. Nel secondo tempo, però, non c’è stata più partita, con il Montesilvano che ha schiacciato gli avversari nella propria metà campo trovando, meritatamente, il pareggio. Quattro gol per Junior, scatenato e immarcabile, e rete anche per Antonio Masi. Galliani ha avuto sul piede la palla per vincerla, ma per come si era sviluppata la partita, mister Marzuoli è comunque soddisfatto:
“È un punto importantissimo, contro una diretta concorrenza per la salvezza, che così siamo riusciti a tenere a distanza. Il 5-2 di fine primo tempo era assolutamente ingiusto, perché la partita l’abbiamo sempre condotta noi, i nostri avversari sono stati bravi a ripartire e il Montesilvano, del resto, ci ha messo del suo, “regalando” qualche gol. Nel secondo tempo, fortunatamente, abbiamo raddrizzato la partita, e se l’avessimo vinta non avremmo rubato niente. Un applauso a tutti questi ragazzi, che hanno fatto un’altra bella impresa, e certamente una menzione speciale per Junior: lui dà sempre il suo contributo, ma oggi è stato davvero grandissimo”.

Montesilvano. C’è tanta voglia di giocare e di far tornare a parlare il campo. Dopo le polemiche sulla gara non disputata sabato scorso contro il Civitella, per la quale si attende ancora la decisione del giudice sportivo, il Montesilvano si appresta ad affrontare domani la GLS Hatria (inizio gara ore 16.00), in un derby che presenta molteplici motivi di interesse.
Anche la squadra teramana è reduce da un turno di stop forzato, avendo saltato l’ultimo incontro sul campo dell’Eta Beta. Nella precedente gara casalinga, gli Atriani si sono imposti per 8-3 contro Todi, confermando una netta inversione di tendenza rispetto alla prima parte di stagione, dovuta principalmente alla campagna di rafforzamento sul mercato operata dalla società. All’andata, il Montesilvano si impose 7-5 al termine di una gara che fece arrabbiare molto mister Marzuoli, vinta grazie ai guizzi di Morgado e Junior. Un girone dopo, l’Hatria cerca punti per allontanarsi dalla zona retrocessione, mentre i biancazzurri sono a caccia di quella vittoria che darebbe la certezza quasi definitiva della salvezza, dando la possibilità ai giovani di mister Marzuoli di continuare a crescere con serenità. La gara si disputerà nel palazzetto di Silvi, data l’indisponibilità dell’impianto di Atri dovuta ai danni provocati dall’intensissima ondata di neve e gelo delle ultime settimane.

Bucchianico. Era una partita attesissima e non ha deluso le aspettative: finisce 6-6 il primo storico derby fra Doogle e Lions, le due squadre di calcio a 5 di Bucchianico.
Il match è stato molto combattuto, ma corretto: una bella serata di sport finita fra gli abbracci a fine gara dei giocatori scesi in campo.
Il Doogle si presentava all’appuntamento da capolista, i Lions come formazione che, al primo anno di vita, ha già dato prova di essere compagine ben attrezzata e ostica da affrontare.
I ragazzi di Mister Zuccarini hanno avuto inizialmente un approccio forse meno giusto degli avversari, ma minuto dopo minuto hanno saputo salire di tono e con grande cuore rimettere in piedi un risultato che a cinque minuti dalla fine sembrava decisamente compromesso (erano sotto di due gol).
Il pareggio finale è arrivato infatti a soli a trenta secondi dal termine grazie ad uno strepitoso gol di D’Onofrio Camillo che ha regalato ai suoi un punto che dà la consapevolezza di essere squadra compatta, forte di un gruppo coeso in grado di combattere nei momenti più difficili.
Nota di merito per i due portieri in campo D’Onofrio Andrea e Cascarano, autori di grandi interventi per tutti i sessanta minuti e poi per D’Onofrio Camillo (doppietta d’autore e ottima prestazione) e il bomber De Sanctis autore di un bel poker di reti.

Partenza boom dei Lions che vanno in vantaggio dopo pochi secondi: palla persa a centrocampo dal Doogle, ne approfitta De Rosa che fulmina D’Onofrio Andrea.
Il Doogle reagisce e trova l’immediato pareggio con uno schema da calcio piazzato finalizzato da una gran conclusione di D’Onofrio Camillo.
Al 3' staffilata di De Sanctis su punizione, salva sulla linea Mazzocca, arriva in corsa Rebecchino che manda di poco a lato.
Un minuto dopo i Lions trovano il raddoppio con un diagonale da posizione defilata di Cafaro.
Il Doogle appare stordito e i ragazzi di Mister Grossi insistono segnando la rete del 3-1 con un’azione ubriacante di De Rosa conclusa con un rasoterra a fil di palo.
All’8' Colalongo si accentra bene, tira ma un difensore riesce a mandare in angolo.
Una gran botta di De Sanctis viene sventata da Cascarano al 10'.
La rete per lui è però solo rimandata rimandata di qualche minuto: Cascarano si fa infatti sorprendere dal missile del bomber che si infila nell’angolo per il 2-3.
Il Doogle continua ad attaccare e perviene al pareggio sempre con De Sanctis bravo a sfruttare uno schema da calcio d’angolo.
Il panterone D’Onofrio Andrea non vuole essere da meno del suo collega dei Lions e compie il primo autentico miracolo fermando la conclusione da due passi di Cafaro.
Ancora il capitano del Doogle si esalta poco dopo con una grande parata sulla staffilata di De Rosa.
Al 16' forse la sua parata più difficile quando riesce a deviare su una conclusione a botta sicura di Cafaro.
Al 24' dopo un tiro di Di Nardo sventato da Cascarano, è Buccione a non arrivare per un soffio sul pallone a due passi dalla porta.Il primo tempo si conclude con un clamoroso doppio palo colpito da Rebecchino con il pallone che rientra incredibilmente in campo dopo aver viaggiato pericolosamente davanti alla porta di Cascarano.
Si va al riposo sul 3-3.
La ripresa si apre con il nuovo vantaggio dei Lions al 2': un rimpallo favorisce l’avanzamento di Fiocco che sferra un diagonale sul quale nulla può D’Onofrio Andrea.
Un minuto dopo lo stesso portiere si riscatta compiendo un autentico miracolo sul tiro di Cafaro.
Al 9' viene espulso Mazzocca nei Lions.
De Sanctis conquista caparbiamente un calcio di rigore che lui stesso trasforma al 10'.
La partita è vibrante e si accende quando prima D’Onofrio Andrea chiude su Franchino, ma poi al 12' deve capitolare quando Di Nardo perde un pallone favorendo la ripartenza di De Rosa che non si lascia pregare e segna la rete del 5-4 per i Lions.
Di Nardo prova a riscattarsi, ma Cascarano gli nega la gioia del gol al 16'.
Il portiere dei Lions è in grande spolvero anche sulla botta ravvicinata di Buccione.
Al 20' Franchino colpisce in pieno la traversa.
Cascarano si oppone ancora a De Sanctis al 23'. Tre minuti più tardi arriva la sesta rete dei Lions con Franchino. I giochi sembrano fatti, ma il Doogle è duro a morire: Mister Zuccarini chiama il time-out e, al rientro in campo, gioca la carta del portiere di movimento.
De Sanctis segna ancora al 27' riaccendendo le speranze. Al 28' ennesimo palo stagionale per Rebecchino. A trenta secondi dalla fine è però D’Onofrio Camillo a segnare un autentico eurogol che fa esplodere la panchina del Doogle: è la rete del definitivo 6-6.
Un pareggio in definitiva giusto che permette al Doogle di mantenere la vetta e ai Lions di continuare il buon cammino fatto finora.

Queste le impressioni di Mister Zuccarini a fine gara:

“Un derby è sempre un derby. Partita in salita per noi per il forzato cambio del campo di gioco all'ultimo momento, sicuramente più piccolo e meno veloce di quelli in cui riusciamo ad esprimere meglio tattiche e tecnica individuale e sui quali abbiamo preparato la partita fino all'ultimo allenamento. Non siamo stati troppo ordinati tatticamente, la concentrazione ha faticato ad arrivare. Ci siamo mossi meglio dalla seconda parte del primo tempo e siamo riusciti a recuperare i due gol di scarto e ad agguantare il momentaneo pareggio. Abbiamo provato insistentemente a segnare, ma la porta avversaria sembrava stregata tra le prodezze del portiere avversario in giornata di grazia e anche un po’ di sfortuna. Due punti persi, ma manteniamo la vetta solitaria per adesso e ci prepariamo per conquistare i nostri ultimi sei punti a disposizione nel girone di andata”.

Bucchianico. Era una partita molto temuta alla vigilia quella contro i Wolves, ma il Doogle ha conquistato una vittoria importante per la classifica, ma anche e soprattutto per il morale: la formazione di Mister Zuccarini agguanta così la vetta (19 punti insieme all’Eurogames Cupello) e comincia veramente a prendere consapevolezza di poter dire la sua per la lotta al vertice fino alla fine del campionato. Saranno fondamentali le prossime partite che chiuderanno il girone di andata per poter però realmente capire dove De Sanctis e compagni potranno arrivare.
La cosa certa è la forza di un gruppo sempre più unito e voglioso di far bene: ogni giocatore, quando viene chiamato in causa, dà il massimo e anche chi gioca meno comunque si sente in pieno parte del gruppo stesso.
Anche il gioco sta crescendo, ma soprattutto ad impressionare è il carattere messo in mostra dalla squadra che, salvo in qualche minuto della partita, contro i Wolves ha saputo mantenere alta la concentrazione portando a casa tre punti veramente importanti al cospetto di un avversario molto forte.

La cronaca vede il Doogle grande protagonista dei primi minuti di gioco nei quali riesce a capitalizzare le sue trame di gioco trovando tre gol su ripartenze con lo scatenato vice capitano Colalongo e Corbo.
La reazione dei Wolves è veemente: la formazione di casa accorcia infatti le distanze segnando due reti, ma è solo un’illusione visto che il Doogle trova la quarta marcatura direttamente da calcio piazzato con l’instancabile Camillo D’Onofrio, sempre più uomo - squadra in grado di trascinare i compagni nei momenti di difficoltà. Palla sotto l’incrocio e primo tempo che si chiude sul 2-4.
La ripresa vede il Doogle ancora meglio organizzato a livello di gioco: pochi gli spazi lasciati agli avversari che negli ultimi quindici minuti di gara provano addirittura la carta del portiere di movimento per cercare di riagguantare il risultato.
La difesa del Doogle regge però bene l’impatto offensivo avversario e concede veramente poche occasioni.
Arrivano poi le due reti di Buccione e una dello stoico Rebecchino (rimasto in campo nonostante un occhio malandato a seguito di uno scontro di gioco) che mettono al sicuro i tre punti anche se a pochi secondi dalla fine i Wolves trovano la terza rete.
Ormai è troppo tardi per riequilibrare le sorti di una gara vinta meritatamente dai ragazzi di Mister Zuccarini che mostra tutta la sua soddisfazione alla fine:

"Sono davvero orgoglioso di come i ragazzi affrontano le partite, nonostante le difficoltà incontrate per gli allenamenti in questo periodo tra feste, malanni e neve. Ottima la prestazione atletica, tattica e di carattere contro un avversario di alto livello. Non posso nascondere tutta la mia soddisfazione nel vedere un gruppo sempre più in crescita e questo mi lascia ben sperare in vista dei prossimi impegni che chiuderanno un girone di andata che finora per noi, a parte qualche piccolo incidente di percorso, è stato decisamente positivo”.

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione