Bucchianico. Il Doogle non si ferma più anzi ci sta prendendo decisamente gusto. Altra settimana da ricordare per i ragazzi di Mister Zuccarini che stanno decisamente prendendo sempre più consapevolezza di essere una delle più belle realtà di questa stagione.
La vittoria casalinga nel ritorno delle semifinali di Coppa Abruzzo per 5-3 porta la squadra ad una storica finale ed il successo in trasferta in campionato nello scontro al vertice contro il San Pietro Tollo le fa mantenere la vetta solitaria della classifica con un punto di vantaggio sul Sant’Eusanio. Sabato prossimo dunque si deciderà una buona fetta di questo entusiasmante campionato nell’attesissimo match a Bucchianico proprio fra Doogle e Sant’Eusanio.
I grandi risultati raggiunti finora sono senza ombra di dubbio frutto del grande gruppo a disposizione di Mister Zuccarini, uno che ha saputo lavorare in punta di piedi portando i suoi a quella tranquillità mentale che ha garantito l’andare in campo sempre con la concentrazione giusta.
Dietro ovviamente c’è anche il buon operato dello staff societario che ha creduto in un progetto e in una filosofia di sport stando accanto ai giocatori anche nei momenti difficili di una stagione lunga che finora si è rivelata decisamente positiva.

La partita di coppa ha messo in evidenza la grande forza del gruppo Doogle: storditi all’inizio da un arrembante inizio del Pizzoli (uno 0-3 nel primo quarto d’ora che avrebbe fiaccato qualunque squadra), i giocatori hanno saputo reagire ed invertire le sorti di un match che stava diventando pericoloso in chiave qualificazione.
Un grande gol di Di Nardo (l’uomo chiave del mercato invernale del Doogle che ha saputo inserirsi al meglio nei meccanismi di gioco del mister) e una rete allo scadere del primo tempo del bomber De Sanctis hanno permesso di andare al riposo su un 2-3 che lasciava ampi margini di recupero nella ripresa.
Nella seconda frazione di gioco è stato tutto un altro Doogle: ancora Di Nardo firmava il pareggio e poi Rebecchino con un incredibile gol in girata volante e De Fabiis siglavano il 5-3 che significa andare a giocare la finale prevista il prossimo 25 aprile.

In campionato l’attesissimo scontro al vertice in trasferta con il San Pietro Tollo ha decretato una volta in più che il Doogle è uno dei grandi protagonisti di questa stagione: la squadra di casa voleva fortemente una vittoria dopo la cocente eliminazione in Coppa Abruzzo, invece ha subito una sconfitta che ne complica le ambizioni di successo finale.
Ha aperto le marcature il solito De Sanctis su punizione, poi però il Tollo ha saputo prima pareggiare e poi ribaltare il risultato portandosi sul 2-1.
A quel punto il match si accendeva con due squadre decise a darsi battaglia fino alla fine.
Il primo tempo si chiudeva comunque sul 2-1 per i padroni di casa.
Il Doogle rientrava in campo con un atteggiamento più spavaldo: Mister Zuccarini alzava il baricentro dei suoi per provare ad essere più incisivi in fase di attacco e a dare meno spazio ai quotati avversari. La scelta alla fine risulterà vincente.
Tante infatti le azioni offensive, tre gol messi a segno ancora da De Sanctis, Colalongo e Rebecchino e altri sfiorati (il clamoroso lob di De Sanctis a conclusione di una splendida azione solitaria col pallone che è uscito di un soffio grida ancora vendetta).
Da segnalare che sul finale il Tollo ha giocato la carta del portiere di movimento, ma senza successo anzi il giocatore è stato anche espulso per un fallo a gioco fermo sul portiere Andrea D’Onofrio.
Proprio “il panterone” e capitano del Doogle ha regalato gli ultimi brividi del match quando ha parato un tiro libero allo scadere. Il risultato finale di 4-2 premia la squadra che ha messo in mostra il miglior gioco, ma soprattutto uno spirito indomito di tutti i giocatori che ha regalato un successo preziosissimo in chiave classifica.

Questi i commenti sul magico periodo del Doogle di Mister Gabriele Zuccarini e Wladimiro Di Nardo, sempre più elemento fondamentale nello scacchiere della squadra:

Mister Zuccarini: “Sono davvero entusiasta dei risultati che stiamo raggiungendo grazie a questo gruppo. Il successo contro il San Pietro Tollo mi rende consapevole che siamo sulla strada giusta, visto che è arrivato contro una squadra forte da molti accreditata sin da inizio stagione come una delle candidate più autorevoli alla vittoria del campionato.
Non era facile disputare una partita a viso aperto contro di loro, ma soprattutto rientrare in campo per il secondo tempo con un gol da recuperare. Siamo riusciti ad impostare il match come volevamo adeguando il nostro gioco alla loro forza cercando di essere più incisivi in attacco. Ancora una volta è stata una scelta giusta e sono arrivati tre punti che ci permettono di mantenere la vetta solitaria della classifica solitaria in attesa del recupero della partita del Sant’Eusanio, ma in particolare ci lascia ben sperare in vista di importanti scontri, in primis quello al vertice con il Sant’Eusanio stesso previsto sabato prossimo, poi con la finalissima di Coppa Abruzzo.
Sono ovviamente felicissimo per la storica qualificazione alla finale di coppa: è stato cammino difficile anche in questa competizione alla quale teniamo molto e speriamo di finire anche qui nel migliore dei modi”.

Wladimiro Di Nardo: “Sono arrivato in questa squadra nel mercato invernale e ho trovato un gran clima. Non è mai facile ambientarsi in un gruppo già ben saldo eppure tutti mi hanno subito accolto come se mi conoscessero da una vita.
Malgrado non fossi in perfetta forma fisica, mi sono messo subito a disposizione del Mister Zuccarini pronto a dare una mano ai compagni di squadra nei momenti di difficoltà grazie anche alla mia esperienza maturata negli anni in questo sport.
Partita dopo partita siamo andati sempre meglio e grazie alla nostra forza siamo riusciti ad arrivare prima in finale di Coppa Abruzzo e poi ad ottenere il primato solitario in classifica vincendo anche lo scontro diretto con il Tollo.
La nostra forza? Un gran gruppo capace di unirsi ancora di più nei momenti critici delle partite: quando infatti potrebbe essere facile perdere la testa, noi riusciamo invece a reagire nel modo giusto e a capovolgere le sorti di partite che potrebbero sembrare segnate.
È successo nel ritorno di coppa contro il Pizzoli: eravamo sotto 0-3, invece abbiamo vinto 5-3.
La cosa si è ripetuta a Tollo dove, dopo essere passati in vantaggio grazie al bomber della squadra De Sanctis, siamo andati negli spogliatoi sul 2-1 per loro, ma al rientro in campo la musica è stata ben diversa. Abbiamo capovolto il risultato prima con il “brasiliano” della squadra “Dieguito” Colalongo , poi con un altro acuto di De Sanctis e la ciliegina sulla torta l’ha messa Rebecchino sempre monumentale nonostante le sue non buone condizioni fisiche.
Nel finale c’è stato spazio per una bella parata del “panterone” Andrea D'Onofrio che ha neutralizzato un tiro libero. Un gran gruppo che non ha paura di niente e nessuno: ormai siamo come una grande famiglia tutti uniti dal primo all'ultimo. Un applauso va a tutta la dirigenza.
Dedico il raggiungimento della finale di coppa al nostro tifoso numero uno, Enzo, che ci segue da inizio campionato. Un mio bilancio di questa esperienza finora? Decisamente positivo, sono contentissimo di essere arrivato qui!”.

Pescara. “Fine settimana denso di eventi per il Calcio a 5. E’ partita oggi al Palarigopiano e andrà avanti fino a venerdì 24 marzo la Final Eight di Coppa Italia Under 21, che vedrà coinvolte le migliori otto società italiane di Calcio a 5, fra cui la ASD Pescara. Un calendario fitto di appuntamenti che vedranno sul campo oltre a noi anche l’Asd Napoli Calcio a 5, l’Asd Kaos Futsal, la Futsal Cisternino, Futsal Regalbuto, la Fenice di Venezia Mestre, l’Asd Asti calcio a 5 e la Lecco Calcio a 5".Così in una nota l'assessore allo Sport del Comune di Pescara, Giuliano Diodati, che aggiunge: "La finale il 24 alle ore 19, uno spettacolo per tutti, per uno sport in cui Pescara continua a distinguersi, sia per il suo agguerrito team, sia per l’accoglienza che la vede pienamente dentro i circuiti di questa avvincente disciplina. Infatti, lo spettacolo si allargherà al Pala Giovanni Paolo II, dove si disputeranno le semifinali e la finalissima della Final Four di Coppa Italia di Calcio a 5, una manifestazione che rappresenta il più importante torneo nazionale di questa disciplina e che vedrà le migliori squadre italiane sfidarsi per conquistare la prestigiosa Coppa Italia in ventuno gare di altissimo valore tecnico. Il tabellone è stato sorteggiato a Milano. Le partite si disputeranno prima a Tolentino e poi, semifinali e finale, al Pala Giovanni Paolo II di Pescara. Si comincia giovedì 23 alle ore 11con il match fra Pescara e Ma Group Imola. Le vincenti si trasferiranno da noi a Pescara e giocheranno le semifinali al Pala Giovanni Paolo II, dove la fase finale di Coppa Italia si svolge per la quinta volta consecutiva. Lo scorso anno la Coppa fu vinta proprio dal nostro team. Anche quest’anno abbiamo accolto con particolare soddisfazione la richiesta della Federazione Italiana Gioco calcio, Divisione Calcio a 5 che ha riproposto la nostra città per la Final Eight di Serie A. Le ultime edizioni, hanno registrato numeri importanti: l'evento richiama infatti l'attenzione di migliaia di spettatori: 15.000 presenze nei quattro giorni di gara, 30 scuole intervenute, 3.000 bambini coinvolti, 20 ore di diretta tv, oltre 45 articoli usciti sui maggiori quotidiani nazionali, 300 spot sulle principali emittenti radiofoniche abruzzesi, 80 goal e tantissime emozioni. La fase clou si concentra fra sabato 25 marzo, il giorno delle semifinali alle ore 16.00 e 18.30 e poi domenica 26, per la finale, in programma alle ore 17.00”.

Bucchianico. Il Doogle agguanta la vetta della classifica: con la vittoria casalinga per 2-0 contro il Casoli la squadra di Mister Zuccarini raggiunge quota 38 punti ed ora ne ha uno di vantaggio sul Sant’Eusanio.
C’è tanto entusiasmo nell’ambiente che si prepara anche al ritorno di Coppa Abruzzo contro il Pizzoli previsto mercoledì prossimo al Palazzetto dello Sport di Bucchianico (si ripartirà forti del 5-1 esterno ottenuto all’andata a L’Aquila).
Contro il Casoli non è stata facile, ma la voglia di rifarsi del 5-2 subito all’andata era troppo forte: il Doogle è sceso con il giusto atteggiamento in campo e lo ha mantenuto fino al termine del match.
Un gol da cineteca di Marco De Sanctis dopo meno di 30 secondi di gioco ha sicuramente cambiato il match: il bomber salta un paio di avversari ed anche il portiere depositando in rete fra gli applausi e mettendo così la partita in salita per gli ospiti. Nei primi minuti il Doogle mantiene l'iniziativa. Il Casoli comincia però a prendere le misure alla squadra di casa ed impensierisce più volte l'ottimo “panterone” Andrea D’Onofrio che risponde da campione ai tentativi avversari.
Il primo tempo che si chiude sull’1-0 per i padroni di casa dopo trenta minuti ricchi di azioni da una parte e dall'altra. Al rientro in campo il Casoli va subito in pressing cercando di recuperare il risultato, ma la difesa del Doogle è attentissima a non farsi cogliere impreparata e quando non riesce a fermare l’impeto dei casolani ci pensa ancora il capitano Andrea D’Onofrio, migliore in campo, a bloccare le loro sortite in avanti: due le sue prodezze in particolare, la prima in occasione di una parata nell'angolo basso e l’altra quando, con un colpo di reni, toglie il pallone dall’incrocio dei pali su un gran tiro di un giocatore ospite. Dopo una serie di occasioni mancate dal Doogle, una rapida ripartenza genera un calcio d’angolo che viene griffato con il gol dalla “premiata ditta” De Sanctis - Colalongo: il bomber batte e il vice capitano finalizza per il gol del 2-0.
Nell’ultima fase del match De Sanctis è costretto ad uscire per una botta rimediata da un avversario. Il Casoli prova ad approfittarne e comincia a tirare da tutte le parti del campo, ma i ragazzi di Mister Zuccarini sono bravi a chiudere gli spazi in difesa e mettono alle corde il Casoli con pericolose ripartenze in una delle quali sfiorano il gol prima Di Nardo e poi Buccione.
Finisce 2-0 per il Doogle ora solitaria capolista. Da rimarcare ancora una volta la prestazione del gruppo sempre più consapevole di poter dire la sua fino al termine della stagione.

Questi i commenti a fine partita del Mister Gabriele Zuccarini, del bomber Marco De Sanctis e di Andrea Rebecchino, uno dei maggiori protagonisti di questa splendida cavalcata del Doogle in questa stagione:

Mister Zuccarini: “Questo è un gruppo che ormai riesce a mettere in pratica al meglio il suo gioco non solo adattandolo in base all'avversario, ma anche e soprattutto nei momenti difficili di ogni partita. È una vittoria che ci permette di guadagnare per il momento la vetta solitaria e ci dà morale per il fondamentale match di mercoledì che ci potrebbe regalare l’accesso alla finalissima di Coppa Abruzzo e darci, in caso di risultato positivo, anche ulteriore fiducia in vista dello scontro diretto di sabato prossimo in campionato con il San Pietro Tollo.”.

Marco De Sanctis: “È un momento bellissimo per noi, ci riesce tutto e giochiamo bene: quando siamo al completo difficilmente ci riescono a segnare e infatti, se non erro, nel girone di ritorno a parte la partita contro l’Agnone che non conta per la classifica, abbiamo preso solo un gol in campionato e uno in coppa. Tutto questo anche grazie al forte legame che abbiamo l’uno con l’altro, ci sacrifichiamo tutti sia chi gioca di più sia chi lo fa meno: è il gruppo che si è creato la vera forza della squadra . Ci vogliamo tutti bene e, a mio parere, questo è il gruppo più bello nel quale mi sono trovato. Con il Casoli è stata una partita difficile perché loro sono una bella ed organizzata squadra, ma noi siamo andati in vantaggio dopo pochi secondi con un mio gol mettendo subito il match in discesa . Grazie alla nostra solidità difensiva e anche alle grandi parate del nostro capitano Andrea D’Onofrio siamo riusciti a non subire reti nel primo tempo. Nel secondo abbiamo giocato ancora meglio con ottime trame arrivando in zona gol due tre volte, anche se poi abbiamo commesso alcuni errori sotto porta. Da un mio calcio d’angolo un ottimo movimento di Diego Colalongo ha generato il 2-0 che ha chiuso la partita. Ora siamo in testa, ma ci aspettano delle partite difficili che decideranno tutto: andremo a Tollo e poi giocheremo in casa col Sant’Eusanio, lo faremo con la ferma intenzione di vincere e chiudere definitivamente il campionato”.

Andrea Rebecchino: “Abbiamo giocato un’ottima partita, il risultato finale è stato giusto a mio parere. Noi abbiamo avuto tante occasioni, ma anche loro ne hanno avute. Voglio sottolineare la grande prova del nostro capitano Andrea D’Onofrio che è stato miracoloso in almeno un paio di interventi. Noi abbiamo sciupato troppe palle gol che in altre partite avremmo messo in rete.
La causa? I molti problemi fisici che ci affliggono e forse ci fanno arrivare davanti alla porta con poca lucidità, ma anche le tante partite in questo periodo. Non sempre riusciamo dunque a finalizzare quanto di bello costruiamo. Faccio comunque i complimenti al Casoli che è una signora squadra. Noi stiamo vivendo un buon momento, subiamo poche reti e anche questo ci dà la forza per essere uniti. Nella nostra squadra fa la differenza il gruppo oltre naturalmente ai singoli giocatori che sono molto forti come Marco De Sanctis (grande uomo prima che grande giocatore), Diego Colalongo, Luca Buccione, Wladimiro Di Nardo, Camillo e Andrea D’Onofrio, Tonino Zappalorto e tutti gli altri che sono giocatori e uomini straordinari. Il gruppo è fantastico e questo ci darà la spinta in più per affrontare al meglio le prossime partite. Siamo in un momento nel quale dovremo rimanere sempre concentrati, partita dopo partita bisognerà avere la stessa forza che ci ha caratterizzato finora e mantenere il gioco che il mister ci ha dato. Ci dovremo aiutare l’uno con l’altro e continuare su questa strada. La società non ci ha mai fatto mancare nulla, tutti ci sono stati vicini anche nei momenti di difficoltà credendo in noi e nelle nostre potenzialità. Adesso c’è da ballare? … e noi balleremo! Non ci tiriamo indietro, serve rimanere umili e lottare sempre perché nessuno ci regalerà niente.Tutti giocheranno contro il Doogle per fare risultato, non dovremo mai sottovalutare gli avversari. Voglio fare dunque un applauso a tutti, ma, come ho detto anche prima, il più grande lo faccio a Marco De Sanctis perché è un grandissimo giocatore che merita categorie superiori”.

Montesilvano. Al termine di una sfida equilibrata e di una divertente serata di calcio a 5, il Montesilvano cede 4-2 davanti al proprio pubblico nel derby contro il Civitella Sicurezza Pro. Un ottimo primo tempo, quello giocato dai biancazzurri, chiuso in vantaggio 1-0 grazie al gol di Dambrosio (minuto 16.11) e condotto con grande agonismo, personalità e attenzione. Nella seconda frazione è progressivamente venuta fuori la qualità degli avversari e il loro roster più ampio, ma il Montesilvano ha comunque dato battaglia fino all’ultimo. Dopo il pareggio di Fragassi (10.29), è arrivato il nuovo vantaggio dei padroni di casa con Comignani (13.59); sette secondi dopo, con il Civitella furiosamente in avanti alla ricerca del pareggio e col portiere di movimento, Dambrosio ha colpito una clamorosa traversa a porta sguarnita, mancando così l’appuntamento con il 3-1. Negli ultimi cinque minuti, la pressione costante del Civitella contro un Montesilvano ormai a corto di fiato ha portato alla rimonta finale: altri due gol per Fragassi (il secondo dei quali approfittando di un momento di distrazione della difesa di casa e di una controversa decisione arbitrale), seguiti dalla quarta rete a firma di Carvalho. A 41 secondi dal termine, i biancazzurri hanno avuto l’occasione di riaprire il match, ma Mazzocchetti ha respinto con il viso il tiro libero calciato da Tatonetti.
“Sono molto contento della prova dei miei ragazzi questa sera – ha dichiarato a fine partita mister Gianluca Marzuoli –. È stata una bella partita, giocata bene da entrambe le squadre. Noi sapevamo di avere contro un grande avversario, abbiamo cercato di metterlo in difficoltà tenendo la linea difensiva alta e pressando in maniera molto aggressiva, e nel primo tempo si sono visti i risultati. Poi però abbiamo sofferto non solo la loro qualità, quanto soprattutto l’impossibilità di poter ruotare i nostri giocatori come invece potevano fare loro. Siamo arrivati a fine partita molto stanchi, e se a questo si aggiunge un Junior non al meglio, ecco che diventa facile comprendere che non potevamo fare molto di più. Il risultato non ci ha dato ragione, ma teniamoci la prestazione: questa sera si è visto un bel Montesilvano”.

Montesilvano. Seconda di tre partite in sette giorni, tutte al PalaRoma, per i ragazzi di mister Marzuoli, che dopo aver battuto il Tenax Castelfidardo in uno scontro diretto decisivo per continuare la corsa ai playoff, ospiteranno domani il Civitella Sicurezza Pro, senza dubbio una delle squadre più forti del campionato. La partita, non disputata lo scorso 21 gennaio per l’indisponibilità dell’impianto di gioco, vede affrontarsi due squadre che attraversano un buon momento, con il Civitella che è reduce dalla vittoria di Fano di sabato scorso. Tutti a disposizione per mister Marzuoli, compreso il portoghese Bibì, che con il suo talento e la sua esperienza costituisce una delle colonne del Montesilvano di quest’anno:
“A Montesilvano mi trovo molto bene, il mio rendimento è cresciuto assieme a quello di tutta la squadra. A inizio stagione, sono arrivato convinto di lottare per la vittoria del campionato, ma nel corso dell’anno gli obiettivi sono naturalmente cambiati. C’erano tantissimi ragazzi alla loro prima esperienza in prima squadra, e all’inizio abbiamo pagato pegno per questo. Poi, dopo che è andato via anche Morgado, ho capito che il nostro principale obiettivo quest’anno doveva essere quello di far crescere i miei compagni più giovani, e devo dire che da questo punto di vista la stagione sta andando alla grande. In questi mesi li ho visti migliorare molto, sia come rendimento tecnico che come personalità, e adesso siamo una squadra tosta, difficile da battere per chiunque. Sono convinto che questi ragazzi abbiano di fronte a sé delle belle carriere, e mi auguro per loro che continuino a crescere e che si mantengano come sono adesso dal punto di vista caratteriale: ragazzi umili, educati e con la voglia di imparare. Per quanto mi riguarda, è il primo anno nella mia carriera che non lotto per vincere un trofeo o una competizione, ma sono comunque contento della mia stagione fin qui. Con il Civitella sarà una gara molto dura, loro sono forti, ma noi possiamo dire la nostra. Nei playoff ci crediamo, siamo lì, e se superiamo bene il doppio confronto con Civitella e PSG, poi il calendario sarà in discesa. Certamente, per continuare a inseguire l’obiettivo, domani sera servirà una vittoria!”.

Bucchianico. Doogle in festa: tre successi in altrettante partite in una sola settimana, due in Campionato e uno in Coppa Abruzzo con la qualificazione alle semifinali. Punti d’oro in campionato grazie alle vittorie per 4-1 in trasferta contro il Cristal Vasto e a quella casalinga con il Pollutri per 5-0 che consentono ai ragazzi di Mister Zuccarini di salire al secondo posto in classifica a soli due punti dalla capolista Sant’Eusanio.

Il Doogle vince anche in Coppa Abruzzo accedendo così alle semifinali a spese del Briganti Popoli battuto in casa 3-1, un risultato che ribalta il 2-4 subito all’andata.

Le tre vittorie non hanno fatto altro che confermare il buon momento di forma di una squadra che sta prendendo sempre più consapevolezza della sua forza grazie ad un gruppo molto unito dentro e fuori il campo e al sapiente lavoro svolto finora da Mister Zuccarini che ha saputo mantenere i suoi giocatori tranquilli anche nei momenti di difficoltà.

A Vasto il Doogle gioca una partita attenta e diligente senza soffrire più di tanto, anche se nella parte centrale del secondo tempo i padroni di casa accorciano le distanze e poi rischiano anche di arrivare al pareggio prima che nel finale di gara arrivino le reti che mettono al sicuro il risultato.
Il primo tempo vede gli ospiti giocare un buon futsal e chiudere sul 2-0, poi una sorta di blackout nel primo quarto d’ora della ripresa mantiene in bilico la partita fino al 4-1 che però appare meritato per quanto visto in campo.
Le reti per il Doogle sono state messe a segno nel primo tempo da Di Nardo (stop e tiro sul palo lontano) e Colalongo (tap in vincente sulla respinta del portiere a seguito della conclusione a rete di De Fabiis). Nella ripresa, dopo il momentaneo 2-1 di Grimaldi, sul finale di gara i gol di De Sanctis su assist di Colalongo e di D’Onofrio Andrea con un tiro direttamente dalla sua porta hanno sancito il 4-1 finale.

Tutta un’altra storia la partita in Coppa Abruzzo contro il Briganti Popoli: il Doogle aveva l’obbligo di vincere con almeno due reti di scarto dopo il 4-2 subito all’andata e tutto è andato per il meglio con una qualificazione storica alle semifinali.
Il Doogle gioca un primo tempo quasi perfetto con azioni ben orchestrate e tante occasioni da rete sventate per lo più dal portiere ospite Lavric, ma da segnalare anche un clamoroso doppio palo colpito da Buccione ad un minuto dal riposo.
Nel secondo soliti dieci minuti di blackout e Briganti Popoli che riesce a segnare al 10' riaprendo il discorso qualificazione.
I ragazzi di Mister Zuccarini a quel punto cominciano però a riprendere in mano le redini del gioco trovando la rete qualificazione al 23'.
Una grandissima parata di Zappalorto proprio allo scadere salva il risultato:prodigioso il suo intervento sulla sfortunata deviazione all’indietro di Buccione che rischia l’autogol nel tentativo di sventare una pericolosa offensiva del Briganti in attacco alla disperata. Sarebbe stata una vera beffa perdere la qualificazione proprio all’ultimo secondo di gara.
I gol del Doogle sono stati messi a segno da D’Onofrio Camillo all’11' con una gran botta all’incrocio dei pali su appoggio di De Sanctis, raddoppio di De Sanctis al 15'.
Nella ripresa, dopo il gol del Briganti Popoli su punizione di Di Gregorio, la terza rete è arrivata grazie ad una grande palla servita da Di Nardo a Rebecchino bravo a farsi trovare pronto a scaricare in porta il pallone della qualificazione per il 3-1 finale.

Contro il Pollutri del capocannoniere del campionato La Guardia Mattia non c’è stata storia: Doogle perfetto, sempre padrone del match e prestazione maiuscola in particolare nel secondo tempo. La squadra ha arginato bene le poche sortite offensive degli avversari annullando praticamente La Guardia Matteo e riuscendo a portare a casa una sontuosa vittoria per 5-0 che non ammette repliche.
Primo tempo chiuso sul 2-0 grazie alle reti di Di Nardo (prodezza con stop e girata volante sul preciso servizio di Colalongo) e Corbo (tiro su passaggio millimetrico di D’Onofrio Camillo che non lascia scampo a La Guardia Giovanni).
Ripresa con altre tre reti e calcio spettacolo: doppietta di Rebecchino, altro uomo fondamentale nel Doogle, sempre pronto a stringere i denti anche se fisicamente non al meglio (un gol su punizione e l’altro di prepotenza per lui) e Colalongo (pronto alla deviazione dopo la parata di La Guardia Giovanni). Da segnalare l’ennesima buona partita dei fratelli D’Onofrio: il capitano Andrea è una sicurezza fra i pali e Camillo … genio e sregolatezza in campo.
Si guarda ora con fiducia ai prossimi impegni: il Doogle vola, ma bisogna sempre mantenere i piedi ben saldati in terra in vista di un mese di marzo molto difficile .

Così Mister Zuccarini analizza questo bel periodo che sta attraversando il Doogle:

“Grande soddisfazione e morale alle stelle dopo la striscia di risultati positivi che ci ha visto vincere le prime due giornate di ritorno permettendoci di rinsaldare la posizione alta nella classifica e dopo la grande partita di ritorno di coppa in cui abbiamo ribaltato il risultato di andata e superato i quarti di finale. Vedo i miei ragazzi carichi ad ogni allenamento ed i frutti si vedono poi nelle gare dove cresciamo sempre più nella coralità del gioco e delle azioni sia offensive che difensive.
Ottima anche la prestazione atletica, merito anche del richiamo fatto a dicembre da mister Vespucci. Sarà determinante anche il fattore psicologico (concentrazione, morale alto e voglia di divertirsi e vincere) per ottenere il massimo in vista di questo intenso e difficile mese di marzo decisivo per la coppa e per il campionato”.

Fano. Il Montesilvano fallisce l’appuntamento con la terza vittoria consecutiva e cade sul campo dell’Eta Beta. Priva di Junior squalificato e di Comignani, out all’ultimo per un attacco influenzale, la squadra biancazzurra ha sofferto particolarmente nel primo tempo, chiuso sotto per 2-0. Subito il terzo gol all’inizio della seconda frazione di gioco, la Caiana si è giocata il tutto per tutto con il portiere di movimento, trovando due gol con Dambrosio e Bibi, ma riuscendo solo a sfiorare la rete del possibile pareggio. Il Montesilvano resta quinto a 31 punti in classifica, a meno nove dalla zona playoff.
“Peccato, potevamo certamente fare meglio – ha commentato a fine partita mister Gianluca Marzuoli –. Iniziando meglio la gara, e forse anche il secondo tempo, avremmo potuto raccogliere punti, ma è anche vero che oggi eravamo davvero contati. Le assenze di Junior e Comignani hanno pesato molto, e quando giochi in sei, pur con l’impegno e la voglia degli under 18 che oggi ho dovuto utilizzare più del solito, non si può pretendere troppo. Sul 3-0 siamo stati bravi a non uscire dalla partita, e anzi sul 3-2 abbiamo anche sfiorato il pari. C’è rammarico perché questa poteva essere una partita spartiacque per il nostro campionato, ma purtroppo non ci siamo arrivati al meglio. La classifica attuale ci dice che, verosimilmente, da qui in avanti non avremo più molto da chiedere a questo campionato, ma onoreremo tutti gli impegni giocando partita per partita e cercando di vincerle tutte. Come, d’altra parte, questi ragazzi davvero encomiabili hanno sempre cercato di fare.”

Montesilvano. Con una partenza sprint, seguita da una condotta di gara attenta e senza sbavature, il Montesilvano torna alla vittoria al PalaRoma e regola con un secco 5-0 il Todi, salendo a quota 31 punti in classifica (quinto posto) e rilanciando le proprie ambizioni playoff. La sfida è stata subito sbloccata, dopo appena un minuto di gioco, dal preciso sinistro di Galliani, sugli sviluppi di un calcio d’angolo; 17 secondi dopo, la sfortunata autorete di Matteo Bei ha messo definitivamente la partita sui binari più favorevoli alla Caiana. Il 3-0 è arrivato al minuto 6.35, con Dambrosio che ha finalizzato una stupenda azione corale, mentre il 4-0, giunto ancora una volta 17 secondi dopo il precedente gol, porta la firma di Riccardo Rapacchietta. Lo stesso Rapacchietta ha poi siglato il 5-0 al minuto 18.47, dopo aver superato di slancio l’ultimo difensore avversario e abilmente dribblato il portiere. Chiuso il primo tempo sul 5-0, con Tatonetti praticamente inoperoso, i biancazzurri hanno gestito con facilità il secondo tempo, non riuscendo a sfruttare due minuti di superiorità numerica in seguito a un’espulsione avversaria e sfiorando il sesto gol con un palo di Galliani. Grande soddisfazione, a fine gara, per il tecnico Gianluca Marzuoli:
“Abbiamo fatto un’ottima prestazione, trovando subito i gol e poi gestendo senza soffrire il resto della gara. Contro Todi all’andata avevamo subito una sconfitta crudele, immeritatissima, dopo una partita dominata, ma direi che ci siamo presi la nostra rivincita. Questa vittoria ci fa fare un bel passo in avanti in classifica: ora giochiamocela partita per partita, cerchiamo di fare il meglio e a fine campionato vedremo in che posizione saremo. Anche oggi, ancora una volta, complimenti ai nostri ragazzi, anche a quelli più giovani come Marco Crisologo e Michele Iervolino che sono scesi in campo negli ultimi minuti e hanno dimostrato di esserci. Credo proprio che la scelta compiuta a inizio anno dalla società di valorizzare i nostri giovani stia dando bei frutti”.

Ancona. Con una prestazione impeccabile e il solito, grande spirito di squadra, il Montesilvano raccoglie ad Ancona tre punti d’oro, che consentono di allontanarsi sempre più dalle zone pericolose e tornare a guardare da vicino l’alta classifica.Dopo un primo tempo chiuso sullo 0-0, nonostante non fossero mancate le occasioni per Junior e compagni, la gara si è sbloccata a 7 minuti dalla fine, grazie alla rete di Galliani. Nei secondi finali, con gli avversari sbilanciati in avanti e con il portiere di movimento, è stato Tatonetti a ripartire palla al piede dopo una parata e a mettere a referto il gol del definitivo 2-0.
“Senza dubbio, è stata la nostra miglior prestazione stagionale – ha commentato a fine partita mister Marzuoli, assai soddisfatto – Sono contento innanzitutto per la solidità difensiva: siamo rimasti sempre attenti, cattivi in campo, e il risultato è stato che non solo non abbiamo subito gol, ma di fatto non abbiamo neanche concesso occasioni ai nostri avversari. Siamo stati bravi a ripartire quando serviva, a controllare la partita, a gestire il ritmo, davvero una bellissima prestazione, una di quelle che un allenatore spera sempre di poter vedere giocare dalla propria squadra. Certo, avrei ammazzato Tatonetti [ride] se, invece del gol del 2-0, avesse perso anche solo uno dei contrasti che ha fatto, perché lì sarebbe arrivato il pari… comunque, la vittoria è strameritata. Complimenti, ancora una volta, a questi ragazzi, che settimana dopo settimana stanno compiendo una vera e propria impresa sportiva. Oggi, a parte Junior, e a causa anche della squalifica di Bibi, il Montesilvano era composto esclusivamente da under 21, juniores e allievi: di più proprio non possiamo chiedere a questo gruppo!”.

Popoli. Il Doogle rimedia una sconfitta a Popoli nell’andata dei Quarti di Finale della Coppa Abruzzo: contro il Briganti finisce 4-2 per i padroni di casa in un match combattutissimo che ha visto i due portieri ergersi a protagonisti assoluti con interventi strepitosi.
Da una parte Lavric e dall’altra D’Onofrio Andrea hanno salvato a più riprese la propria porta ed è merito soprattutto loro se non si è visto un risultato con un maggior numero di reti.
Entrambe le squadre hanno giocato bene dando vita ad una partita veramente bella e spettacolare.
Per qualificarsi ora il Doogle dovrà vincere con almeno due gol di scarto nel ritorno previsto a Bucchianico il 22 febbraio.

La prima occasione è al 1' per De Sanctis ma Lavric si oppone di piede. Un minuto dopo Buccione ruba palla e tira, ma è ancora Lavric a far capire di essere in giornata di grazia.
Al 5' D’Onofrio Andrea mostra di non essere da meno con un grande intervento sul tiro ravvicinato di Di Rocco.
Al 6' doppio miracolo di Lavric prima su Colalongo e poi su De Sanctis.
Salvataggio in due tempi di D’Onofrio Andrea su Di Rocco al 9'.
Al 10' il Doogle perde un pallone a centrocampo, ne approfitta Del Conte che batte in diagonale D’Onofrio Andrea per l’1-0. Sarà l’unica rete del primo tempo a testimonianza del grande equilibrio visto in campo.
Il Doogle reagisce e si propone in fase d’attacco con De Fabiis che manda di poco a lato all’11'.
Il Briganti sfiora il raddoppio quando è bravissimo Colalongo a salvare sulla linea di porta dopo l’ennesima parata di D’Onofrio Andrea a seguito di un calcio di punizione al 16'.
Sfortunato De Fabiis che al 19' non arriva per un soffio su un taglio centrale di Colalongo.
Al 21' D’Onofrio Camillo si vede negata la gioia del gol quando il suo calcio di punizione viene intercettato da un altro strepitoso intervento di un insuperabile Lavric.
Poco dopo De Sanctis riesce a deviare di quel tanto per salvare i suoi dalla capitolazione sulla botta di Di Rocco, palla poi bloccata da D’Onofrio Andrea.
Al 24' la parata più bella del match: D’Onofrio Andrea si distende sul gran diagonale ancora di Di Rocco e riesce a toccare il pallone sbrogliando una situazione veramente difficile.
Le due squadre giocano bene e danno spettacolo in campo affrontandosi in maniera corretta e a viso aperto.
Al 28' Lavric salva su Colalongo. Allo scadere della prima frazione Di Rocco trova ancora una volta l’opposizione di D’Onofrio Andrea. Si va dunque al riposo sull’’1-0.
Al primo minuto della ripresa Lavric anticipa prima Colalongo e poi De Sanctis.
Al 2' il Doogle perviene al pareggio: gran palla di De Sanctis per Buccione che si trova a due passi da Lavric, tira e questa volta il portiere del Briganti riesce solo a toccare, ma il pallone entra in rete.
Al 5' D’Onofrio Andrea salva i suoi con una spettacolare parata in tuffo su Del Conte.
I padroni di casa sfiorano il secondo gol con Di Gregorio che colpisce il palo esterno.
Lavric blinda la sua porta con l’ennesimo colpo di reni su De Sanctis al 6'.
Un minuto dopo il Briganti Popoli trova il raddoppio con un diagonale millimetrico di Di Gregorio lasciato però colpevolmente troppo libero di andare alla conclusione.
Il Doogle non molla e un grande fraseggio Colalongo - De Sanctis si conclude con un tiro a lato di poco del bomber.
Al 10' una prodezza di D’Onofrio Andrea sulla conclusione di Di Gregorio nega il tris alla squadra di casa.
La partita si accende e dopo una parata di Lavric su D’Onofrio Camillo, al 12' arriva la terza rete del Briganti: il Doogle perde palla a centrocampo, Del Conte è lestissimo a servire Di Rocco che batte D’Onofrio Andrea.
Al 16' Lavric è superlativo prima su De Fabiis e poi due volte su Colalongo.
Al 19' D’Onofrio Camillo commette fallo su un avversario, viene ammonito: punizione per il Briganti trasformata da Di Gregorio per il 4-1 che sembra chiudere i giochi.
Non è così però visto che il Doogle ha ancora la forza per segnare la rete che lascia aperto il discorso qualificazione con Di Nardo su angolo di Buccione.
Nel finale l’ammonizione di D’Onofrio Andrea per proteste: i fratelli D’Onofrio, a causa del cartellino giallo rimediato contro il Brigante, saranno costretti a saltare la partita di ritorno.
Finisce dunque 4-2 per il Brigante Popoli un match fra i più belli visti finora in questa stagione.

Questo il commento a fine partita del Vice Capitano Diego Colalongo:
“Sono molto dispiaciuto per la sconfitta. Con il 4-2 finale siamo ancora in corsa per la qualificazione: nella gara di ritorno daremo il massimo per passare il turno. Il Popoli ha saputo sfruttare al meglio il fattore campo andando subito in vantaggio e prendendo in mano la partita. Hanno tratto forza dai nostri errori che purtroppo ci sono stati: potevamo e dovevamo fare di più e sicuramente lo faremo a ritorno perché teniamo molto alla coppa”.

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione