Bucchianico. Era una partita molto temuta alla vigilia quella contro i Wolves, ma il Doogle ha conquistato una vittoria importante per la classifica, ma anche e soprattutto per il morale: la formazione di Mister Zuccarini agguanta così la vetta (19 punti insieme all’Eurogames Cupello) e comincia veramente a prendere consapevolezza di poter dire la sua per la lotta al vertice fino alla fine del campionato. Saranno fondamentali le prossime partite che chiuderanno il girone di andata per poter però realmente capire dove De Sanctis e compagni potranno arrivare.
La cosa certa è la forza di un gruppo sempre più unito e voglioso di far bene: ogni giocatore, quando viene chiamato in causa, dà il massimo e anche chi gioca meno comunque si sente in pieno parte del gruppo stesso.
Anche il gioco sta crescendo, ma soprattutto ad impressionare è il carattere messo in mostra dalla squadra che, salvo in qualche minuto della partita, contro i Wolves ha saputo mantenere alta la concentrazione portando a casa tre punti veramente importanti al cospetto di un avversario molto forte.

La cronaca vede il Doogle grande protagonista dei primi minuti di gioco nei quali riesce a capitalizzare le sue trame di gioco trovando tre gol su ripartenze con lo scatenato vice capitano Colalongo e Corbo.
La reazione dei Wolves è veemente: la formazione di casa accorcia infatti le distanze segnando due reti, ma è solo un’illusione visto che il Doogle trova la quarta marcatura direttamente da calcio piazzato con l’instancabile Camillo D’Onofrio, sempre più uomo - squadra in grado di trascinare i compagni nei momenti di difficoltà. Palla sotto l’incrocio e primo tempo che si chiude sul 2-4.
La ripresa vede il Doogle ancora meglio organizzato a livello di gioco: pochi gli spazi lasciati agli avversari che negli ultimi quindici minuti di gara provano addirittura la carta del portiere di movimento per cercare di riagguantare il risultato.
La difesa del Doogle regge però bene l’impatto offensivo avversario e concede veramente poche occasioni.
Arrivano poi le due reti di Buccione e una dello stoico Rebecchino (rimasto in campo nonostante un occhio malandato a seguito di uno scontro di gioco) che mettono al sicuro i tre punti anche se a pochi secondi dalla fine i Wolves trovano la terza rete.
Ormai è troppo tardi per riequilibrare le sorti di una gara vinta meritatamente dai ragazzi di Mister Zuccarini che mostra tutta la sua soddisfazione alla fine:

"Sono davvero orgoglioso di come i ragazzi affrontano le partite, nonostante le difficoltà incontrate per gli allenamenti in questo periodo tra feste, malanni e neve. Ottima la prestazione atletica, tattica e di carattere contro un avversario di alto livello. Non posso nascondere tutta la mia soddisfazione nel vedere un gruppo sempre più in crescita e questo mi lascia ben sperare in vista dei prossimi impegni che chiuderanno un girone di andata che finora per noi, a parte qualche piccolo incidente di percorso, è stato decisamente positivo”.

Fano. Il Montesilvano torna alla vittoria e lo fa, con pieno merito, in uno scontro salvezza fondamentale. A Fano, sul campo dell’Alma Juventus, i biancazzurri giocano un grande primo tempo, chiuso sul 3-1. Dopo il gol iniziale di Galliani, sale sugli scudi l’estremo difensore Tatonetti, autore di una fantastica doppietta: da urlo il primo gol, segnato dopo aver saltato l’intera formazione avversaria, mentre la seconda marcatura è arrivata su tiro libero. Nel secondo tempo, i padroni di casa si sono rifatti sotto impattando sul 3-3, ma il Montesilvano ha reagito bene, superando anche indenne i due minuti di inferiorità numerica seguiti all’espulsione di Dambrosio. A tre minuti dalla fine, Junior ha tirato fuori dal cilindro un gol dei suoi, riportanto avanti i biancazzurri. Con gli avversari sbilanciati e con il portiere di movimento, è poi arrivato il 5-3 finale di Rapacchietta.
“È una vittoria fondamentale, che ci dà un po’ di respiro e un po’ di tranquillità in vista delle prossime, difficili partite – ha dichiarato a fine partita mister Gianluca Marzuoli –. Dispiace solo per l’espulsione di Dambrosio, ma per il resto abbiamo giocato un’ottima partita, soprattutto in difesa. Abbiamo retto bene sia in inferiorità numerica, sia contro il portiere di movimento, e siamo stati anche bravi a reagire nel momento di difficoltà, quando ci hanno raggiunto sul 3-3. Il secondo e il terzo gol subiti sono arrivati, peraltro, su due nostre disattenzioni, direi clamorose: su questo certamente dobbiamo lavorare, e forse anche sulla condizione atletica, visto che dalla tribuna [mister Marzuoli era squalificato] ho visto i ragazzi un po’ appesantiti nel secondo tempo, e con più brillantezza sicuramente avremmo chiuso prima la partita. Comunque oggi va bene così, godiamoci questa vittoria!”.

Montesilvano. Al termine di una gara davvero sfortunata, il Montesilvano incassa il primo stop interno della sua stagione. Contro l’Angelana, seconda forza del campionato, i biancazzurri giocano un’ottima partita, mettendo grinta, pressing alto e tanta determinazione in ogni fase di gioca. Finiti immeritatamente sotto dopo il gol di Paolucci (18.02 del primo tempo), Tatonetti e compagni ribaltano la situazione, a cavallo tra primo e secondo tempo, grazie alle reti di Bibì (18.53 del primo tempo) e Junior (1.07 del secondo tempo). Nel corso della seconda frazione, due gravi disattenzioni difensive favoriscono la doppietta, in meno di un minuto, di Tiago Goldoni, ma il Montesilvano non si arrende e fino all’ultimo va a caccia del pareggio. Lo sfiora più volte, colpisce più di un legno, ma alla fine deve arrendersi a una serata sfortunata e ad un risultato ingiusto. A fine partita mister Marzuoli, espulso sul finire del primo tempo, ha così commentato:
“Sono molto dispiaciuto. Non meritavamo di perdere, abbiamo fatto un’ottima prova e purtroppo è mancata un po’ di fortuna. Come al solito, a questi ragazzi non può essere rimproverato niente, hanno giocato bene e con personalità, ma il problema rimane sempre lo stesso: anche stasera avevamo dieci under e solo due over, e certi gol subiti o non fatti te li spieghi proprio con la mancanza di esperienza e di ricambi. È iniziato un girone di ritorno difficile, speriamo di trovare presto i primi punti per vedere sempre più vicino l’obiettivo della salvezza. Oggi, comunque, c’è grande rammarico per una sconfitta che sa di beffa”.

Montesilvano. Un grande orgoglio per il Montesilvano e una soddisfazione enorme per un ragazzo di belle prospettive. Francesco Patricelli, classe 2002, uno dei “Giovanissimi” della Caiana, è stato infatti convocato dal selezionatore Carmine Tarantino in vista del prossimo Futsal Camp. Dopo gli appuntamenti di Lanciano e Vazzola (Treviso), il terzo raduno stagionale si terrà in Puglia, al PalaPertini di Noicattaro, dal 2 all’8 gennaio, e in quella cornice ci sarà l’occasione per ammirare sul campo i migliori giovani talenti italiani, categorie under 15 e under 17. Per tutto il Montesilvano, questa convocazione è motivo di grande soddisfazione e, allo stesso tempo, un segnale di buon auspicio. Il progetto giovani inaugurato quest’anno dalla società si basa proprio sulla valorizzazione dei migliori giovani talenti provenienti dal vivaio, e per questo l’augurio è che Francesco Patricelli sia solo il primo di una lunga lista di ragazzi che sapranno farsi valere e fare la fortuna del Montesilvano e del calcio a 5 italiano nei prossimi anni.
“Sono molto contento di questa convocazione, perché è ampiamente meritata – ha commentato l’allenatore dei Giovanissimi del Montesilvano Roberto Stanchi –. Francesco è a Montesilvano da tre anni, io personalmente lo alleno da due anni e ho potuto vedere da vicino la sua crescita. Non è solo un ottimo giocatore, dal punto di vista tecnico, ma soprattutto è un ragazzo molto forte caratterialmente, che si applica, ascolta i consigli ed è sempre pronto a imparare e a crescere. Inoltre, elemento fondamentale, ha alle spalle una famiglia eccezionale. Per questo insieme di fattori congiunti, è arrivata una convocazione strameritata, anche se ora il Montesilvano dovrà guardarsi da tutti coloro che, certamente, vorranno portarcelo via. E devo aggiungere, che è una grande soddisfazione anche per noi del settore giovanile, che spesso lavoriamo in condizioni difficili, senza grossi mezzi, e dietro la crescita di un singolo ragazzo ci sono mesi di lavoro e di sacrifici”.

Montesilvano. Forse nel momento più delicato della stagione, reduce da una serie di risultati negativi e con un roster ridotto all’osso tra infortuni e squalifiche, il Montesilvano tira fuori una prestazione fatta di attenzione, applicazione e anche alcuni momenti di buona qualità, centrando una fondamentale vittoria contro il Corinaldo. Dopo un primo tempo equilibrato, chiuso sul 2-2, i biancazzurri hanno dato lo strappo decisivo nella prima metà del secondo tempo, quando si sono portati sul 4-2 e hanno poi potuto gestire il risultato, trovando anche il quinto gol con Comignani. Di Ciotti, Bibi e Junior (doppietta) le altre reti della caiana. Inutile dall’altra parte la doppietta di Eugenio Balducci. Il Montesilvano chiude così il girone d’andata a quota 21 punti, di cui 18 conquistati, su altrettanti a disposizione, in casa, e solo 3 lontano dal PalaRoma. Se c’è qualcosa su cui certamente c’è ancora da lavorare è il rendimento in trasferta, come ha confermato a fine partita mister Gianluca Marzuoli:
“Dispiace non essere ancora riusciti a fare prestazioni come questa lontani da casa. Oggi abbiamo giocato una buona partita, come l’avevamo preparata. Sapevamo che, date le nostre difficoltà, dovevamo cercare di segnare per primi e poi gestire il vantaggio: le prime due volte ci hanno raggiunto, alla terza abbiamo preso il largo. È stato un primo tempo equilibrato, poi un buon secondo tempo. Faccio i complimenti ai ragazzi, che oggi hanno dato tutto ciò che avevano”.
“Credo che si sia chiuso un buon girone d’andata – ha aggiunto il presidente Iervolino –. Abbiamo avuto qualche difficoltà, ma siamo sempre riusciti a reagire. Sapevamo che il progetto giovani inaugurato quest’anno avrebbe necessitato di un po’ di pazienza, ma credo che i primi frutti si comincino a vedere. I nostri ragazzi sono cresciuti molto dall’inizio dell’anno, e questo è il risultato più importante. Mi fa piacere sottolineare oggi anche la prova di Bibi: sapevamo di aver preso un ottimo giocatore, che ha sofferto un po’ all’inizio ma adesso si sta riprendendo, e stasera ha giocato una bella partita. Nel girone di ritorno avremo tutti gli scontri diretti fuori casa, mentre qui al PalaRoma arriveranno le corazzate. Spero che ci dimostreremo all’altezza, al livello dei risultati e nella crescita dei nostri giovani”.

Montesilvano. Si torna tra le mura amiche del PalaRoma, quelle che finora hanno visto solamente vincere i ragazzi di mister Marzuoli. Continuare sulla stessa scia sarebbe importantissimo, soprattutto ai fini della classifica. A Montesilvano arriva infatti Corinaldo, squadra che in questo momento occupa la terz’ultima posizione in graduatoria (a quota 10 punti) e che, in caso di vittoria biancazzurra, scivolerebbe a -11 da Junior e compagni. Vincere vorrebbe dire quindi aggiungere un tassello fondamentale nella strada verso la salvezza. Gli ospiti sono reduci dalla sconfitta interna contro l’Eta beta, ma dal canto loro non possono che puntare alla vittoria domani per ridare slancio alla loro classifica.
Non ci sarà tuttavia il miglior Montesilvano possibile. Tra squalifiche e infortuni, mancheranno infatti Galliani, Camplone e Dambrosio, con Rapacchietta in forte dubbio. Certa la convocazione, direttamente dalla Juniores, dei giovanissimi Crisologo e Ciannarella. A guidarli in campo, la classe di Junior, l’esperienza di Bibi, la sicurezza di Tatonetti tra i pali e il talento dei vari Comignani e Masi. Sarà una partita difficile ma importantissima, e il Montesilvano cercherà in tutti i modi di vincerla.

Bucchianico. Il Doogle risorge dopo la pesante sconfitta a Sant’Eusanio e batte 5-4 la capolista Eurogames Cupello. Prova di grande carattere della squadra di Mister Zuccarini che ha lottato dal primo all’ultimo minuto su ogni pallone segnando il gol vittoria nel recupero di una partita dura giocata contro un avversario ostico che ha venduto cara la pelle confermando quanto di buono fatto finora.
Sotto per ben tre volte. il Doogle ha saputo reagire sempre bene e ha conquistato tre punti importantissimi per il morale ma anche per la classifica: De Sanctis e compagni sono ora a ridosso della vetta sempre più consapevoli di poter dire la loro in questo campionato fino alla fine.

La cronaca si apre dopo pochi secondi con un palo di Rebecchino, anche stavolta fra i migliori in campo: ennesimo legno colpito in stagione per lui.
Al 2' strepitosa parata di Andrea D’Onofrio sulla gran botta di Amici.
L’Eurogames Cupello insiste e al 6' va in vantaggio: Somma prima coglie un palo e poi viene atterrato in maniera dubbia da Andrea D’Onofrio. L’arbitro indica il dischetto, rigore trasformato da Fortunato.
Il Doogle reagisce subito e perviene al pareggio due minuti dopo con un’azione insistita del duo Colalongo – De Sanctis conclusa in maniera vincente dal bomber.
I padroni di casa segnano il secondo gol al quarto d’ora, bravissimo Colalongo a mettere Rebecchino in condizioni di dover solo appoggiare la palla in rete.
Al 17' un indiavolato Colalongo scheggia la traversa con un colpo di testa all’indietro.
Tre minuti dopo gli ospiti riescono a pareggiare grazie a Ciffolilli bravo a rubare palla a centrocampo e a concludere in diagonale.
Ancora lui poco dopo impegna severamente Andrea D’Onofrio che è di nuovo prontissimo anche al 26' a salvare in angolo su Somma.
A questo punto la partita sfugge un po’ di mano al direttore di gara che, anche nel secondo tempo, si renderà protagonista di alcune discutibili decisioni.
Al 29' infatti Rebecchino rimane a terra a seguito di uno scontro di gioco, l’arbitro lascia proseguire e Somma segna la terza rete per i suoi che chiude il primo tempo fra le polemiche.
Si va dunque negli spogliatoi sul 3-2 per l’Eurogames Cupello.
La ripresa si apre con una punizione di De Sanctis parata da Toppi.
Doogle ancora in attacco sempre con De Sanctis, ma ancora Toppi si oppone di piede.
Al 7' l’Eurogames si divora un gol già fatto con Bolognese che, dopo un intervento miracoloso di Andrea D’Onofrio su Fortunato, spedisce alto da posizione ravvicinata.
Un minuto dopo è De Sanctis a sfiorare il palo con un insidioso diagonale.
Il gol del 3-3 arriva al 10' grazie ad una prodezza di Colalongo che si gira e tira non lasciando scampo al pur bravo Toppi.
Al quarto d’ora l’incredibile espulsione del “panterone” Andrea D’Onofrio che, da capitano,va a chiedere spiegazioni all’arbitro su una sua decisione e rimedia invece il secondo giallo finendo anzitempo negli spogliatoi.
Entra in campo il secondo portiere Battaglia che da quel momento difenderà bene la sua porta rendendosi protagonista anche di ottimi interventi.
Al 19' è proprio lui a chiudere lo specchio dopo un clamoroso palo della squadra ospite.
Il Doogle insiste e al 24' Rebecchino mette al centro un pallone sul quale De Sanctis non arriva per un soffio.
Il direttore di gara ne combina un’altra assegnando un rigore al Cupello a seguito di una mischia furibonda sulla quale poco si capiva dalla tribuna: sul dischetto va Bolognese, Battaglia riesce a parare, ma nulla può sul tap in proprio di Bolognese. Sembra finita per il Doogle che a pochi minuti dal termine è sotto 4-3.
Allo scadere è invece un instancabile Colalongo a pareggiare. L’arbitro segnala ben sei minuti di recupero nei quali succede di tutto.
A decidere la partita è un tiro libero di De Sanctis.
Finisce dunque 5-4 per un Doogle mai domo che, al cospetto di un avversario forte e ben messo in campo, riesce così a cogliere una vittoria importantissima per continuare a sognare.

Questo il parere post partita di Mister Gabriele Zuccarini.

“È stato un bel Doogle. Contro il Tollo abbiamo sbagliato il secondo tempo, ma era dipeso dalla stanchezza e ad un evidente calo fisico: ci siamo stretti troppo in difesa, gli avversari sono stati bravi a sfruttare l’occasione pressandoci e sfruttando i nostri errori dovuti alla poca lucidità. In quindici minuti abbiamo incassato i quattro gol che poi hanno determinato il pareggio finale. Contro il Cupello invece abbiamo retto benissimo fino ai minuti di recupero andando in lungo e largo per il campo a lottare su ogni pallone. Una grande prova: si è visto certamente un bel gioco, ma sono soddisfatto soprattutto per la prova di carattere e di testa che ha fatto la differenza. Abbiamo dimostrato che la pesante sconfitta di Sant’Eusanio è stato solo un brutto episodio: può capitare una giornata storta. Il Cupello, in vetta alla classifica all’ottava giornata, arrivava qui da noi imbattuto in campionato: è una bella squadra. Noi siamo stati bravi a dire la nostra nonostante decisioni arbitrali un po’ discutibili, due rigori subiti, un’espulsione, alcune ammonizioni che peseranno in vista dei prossimi impegni. Ci aspettano infatti prima della sosta il Roccascalegna e poi alla ripresa i due derby con i Lions e i Wolves. Un derby è sempre particolare, ma va visto come una partita normale. È bello certamente avere un derby a Bucchianico e spero possa essere una buona partita, ma ora pensiamo al Roccascalegna. Ci aspetta un match duro, avremo assenze importanti, giocheremo su un campo difficile, soffriamo i campi piccoli visto il nostro gioco articolato, però speriamo di fare risultato”.

Cortoceto. Ancora una trasferta amara per il Montesilvano, che dopo la vittoria di Cesena non è più riuscito a raccogliere punti lontano dal PalaRoma. È infatti arrivata la sconfitta, per 2-1, anche sul campo del Buldog Lucrezia, al termine di una partita dai due volti. Primo tempo davvero pessimo per i biancazzurri, mai in partita e sotto 2-0 all’intervallo, seguito da una buona reazione nel secondo tempo, non sufficiente tuttavia per raggiungere almeno il pari. Di Junior l’inutile rete del Montesilvano, che d’altra parta ha anche fallito, nella seconda frazione, due tiri liberi, né è riuscito a sfruttare due minuti di superiorità numerica in seguito ad un’espulsione avversaria. A fine partita, mister Marzuoli ha commentato così:
“Nel primo tempo siamo stati inesistenti. Abbiamo approcciato la gara con un atteggiamento sbagliato, forse abbiamo pensato di essere diventati improvvisamente troppo bravi, ma di certo con la presunzione siamo destinati a fare poca strada. Se avessi potuto, avrei cambiato tutti i dodici giocatori a mia disposizione. Nel secondo tempo abbiamo reagito, e abbiamo senz’altro avuto occasioni per portare a casa almeno il pareggio. Ma la sconfitta è figlia di un primo tempo inaccettabile: prima ancora che il gioco o gli errori tecnici, l’atteggiamento è stato oggi il nostro vero punto debole”.

Montesilvano. Era una partita da vincere a tutti i costi e il Montesilvano non ha fallito l’obiettivo. Dopo un primo tempo equilibrato e con un po’ di sofferenza, chiuso comunque avanti 2-0 grazie alla doppietta di Christopher Dambrosio, i biancazzurri hanno poi dilagato nel secondo tempo: 7-0 il risultato finale, con la tripletta di Dambrosio, la doppietta di Galliani e una rete a testa per Rapacchietta e Comignani. Il Montesilvano sale così a quota 18 punti in classifica e, nella giornata più difficile, senza lo squalificato Junior e al primo impegno senza Dudù Morgado, centra la quinta vittoria in altrettante partite al PalaRoma.
“Oggi non era una partita facile, al di là della classifica. Senza i due giocatori che ci hanno fatto da guida finora, avevamo un roster ridotto all’osso. A parte Bibi, avevamo sei under 21 e cinque under 18 in campo. Ma oggi i ragazzi sono stati davvero bravi, e gli faccio tutti i miei complimenti: ognuno ha dato il massimo e ha contribuito al successo finale. Era importante tornare a fare punti e muovere la classifica. Il campionato è ancora lungo, abbiamo perso punti contro squadre che hanno ben altre ambizioni rispetto a noi, ma gare come quelle di oggi dobbiamo vincerle. Mi auguro che la società riesca a rinforzare la rosa con qualche acquisto di qualità: le formazioni che ci stanno dietro in classifica si sono tutte rinforzate, e noi non dobbiamo commettere l’errore di sentirci già salvi alla fine del girone d’andata. Comunque sia, ai ragazzi che ho adesso a disposizione non possiamo rimproverare nulla, ma anzi dobbiamo celebrarli. Tra prima squadra, under 21 e juniores, stanno giocando quasi tutti i giorni, dando sempre il massimo”.

Montesilvano. Dopo le due sconfitte consecutive di Castel Fidardo e Potenza Picena, il Montesilvano deve rialzare la testa. Al PalaRoma arriva domani il Cus Macerata (inizio gara ore 16). Contro il fanalino di cosa della classifica (3 punti finora conquistati dai marchigiani), i ragazzi di Marzuoli dovranno ritrovare la strada dei tre punti per tornare a muovere la classifica. In casa, il Montesilvano ha finora ottenuto quattro vittorie in altrettante partite, mentre il Cus Macerata ha sempre perso in trasferta, ma l’impegno non deve essere sottovalutato, anche considerando la squalifica di Junior, che priva la caiana del suo capocannoniere. Le insidie della gara e l’importanza della vittoria sono ben chiare anche al portiere in seconda Diego Iervolino:
“Dobbiamo assolutamente reagire. Stiamo attraversando il periodo più difficile della nostra stagione, con tre sconfitte nelle ultime quattro partite, ed arriviamo a questa gara con una formazione molto rimaneggiata. Speriamo di fare bene per tornare a fare punti, perché ne abbiamo bisogno anche per il morale. Junior sarà squalificato e per la prima volta dovremo fare a meno di Dudù Morgado: a me dispiace particolarmente per la sua partenza, perché oltre a un compagno di squadra ho perso anche l’allenatore della squadra Juniores, di cui sono il portiere. Sotto la sua guida stavamo facendo molto bene, ma spero che anche con il nuovo allenatore, che sarà poi Junior, potremo continuare su quella strada. L’impegno in prima squadra mi sta dando belle soddisfazioni: mister Marzuoli mi ha fatto spesso entrare e con Simone Tatonetti c’è un bel rapporto, senza rivalità e con un buon spirito di collaborazione. A livello personale sono contento, speriamo che adesso anche la squadra, come collettivo, possa risollevarsi”.
Il Città di Montesilvano calcio a 5 ha accettato, seppur con dispiacere, la decisione di Dudù Morgado di giocarsi il resto della stagione in serie A, con la maglia del Pescara. La società lo ringrazia per l’impegno e la professionalità mostrati nell’ultimo anno e mezzo, augurandogli il meglio per il prosieguo della sua carriera. La dirigenza è già al lavoro sul mercato, alla ricerca di un giocatore che possa sostituire, anche se non sarà facile, Dudù in campo e nello spogliatoio.

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione