Chieti. “Finalmente questa mattina è stata sottoscritta, presso la sede della Regione, la convenzione propedeutica alla realizzazione delle opere di riduzione del rischio idrogeologico finanziate con le risorse FSC 2014-2020 che, per il Comune di Chieti, interesserà le frane di Santa Maria Calvona e di via Modesto della Porta”. Ad annunciarlo a margine della sottoscrizione avvenuta a Pescara è il Sindaco di Chieti, Umberto Di Primio.

«Sono trascorsi tre anni – evidenzia il Sindaco – dall’atteso trasferimento delle risorse economiche: oggi, finalmente, grazie alla convenzione potremo provvedere a bandire gli appalti per le opere di risanamento e di ripristino delle aree danneggiate per i quali gli Uffici hanno già pronti i progetti esecutivi.
Non appena avremo i fondi stanziati – prosegue il Sindaco - su Santa Maria Calvona e Fosso Canino andremo a completare le opere di sostegno e di consolidamento stradale, la regimentazione delle acque e la sistemazione del manto stradale.
Su via Modesto Della Porta e Piazza Mons. Venturi, invece, si provvederà alla sistemazione delle aree, al consolidamento della frana e alla sistemazione e all’adeguamento della viabilità. Il tutto per un totale di 1.180.000,00 euro.

Il finanziamento delle opere per mitigare i danni delle due frane – prosegue il Sindaco - era stato perorato personalmente, insieme all’Assessore ai Lavori Pubblici Di Felice, al Ministero per l’Ambiente, oggi gli stanziamenti tanto attesi ci consentiranno un immediato intervento per la messa in sicurezza del territorio».

Chieti. Auspicata da alcuni Sindaci dei Comuni della provincia, si è tenuta a Chieti una riunione, presieduta dal Prefetto Antonio Corona, sull’abbandono di rifiuti. Hanno preso parte all’incontro, oltre ai suddetti Amministratori locali, i rappresentanti delle Forze di polizia, dell’ANAS e delle Ferrovie dello Stato.
Nell’occasione, i Sindaci, anche a nome di altri Comuni interessati dalla medesima questione, hanno espresso preoccupazione per il proliferare di tale fenomeno che, non ultimo oltre al nocumento all’ambiente, comporta pesanti conseguenze negative sui bilanci degli Enti, chiamati a sostenere le spese di rimozione e bonifica, con relative ricadute sulle rispettive cittadinanze.
In proposito, si è concordato su possibili intese, da verificare e definire in sede tecnico-operativa, tra le Forze di Polizia statali – in primis, per diffusione sul territorio e mission istituzionale, i Carabinieri Forestali – e locali per contrastare il fenomeno in parola, anche con mirati, specifici servizi nonché, al contempo, per prevenire eventuali sovrapposizioni operative.
Nella circostanza, ANAS e Ferrovie dello Stato hanno ribadito piena condivisione della questione per quanto di propria competenza.
Tuttavia, ha sottolineato il Prefetto, la lotta all’abbandono dei rifiuti deve essere necessariamente accompagnata da un’attività di educazione e sensibilizzazione dei cittadini, da attuare nelle singole realtà locali. In tal senso, i Sindaci, con le modalità che riterranno, sono stati invitati a promuovere incontri e assemblee pubbliche presso le rispettive comunità, al fine di favorire la diffusione di una cultura civica improntata al rispetto dell’ambiente, una maggiore consapevolezza circa l’importanza di un corretto conferimento dei rifiuti, la conoscenza delle disposizioni normative in materia.

Chieti. Ogni scuola potrà eleggere i propri rappresentanti in proporzione al numero degli scritti. Quest’anno saranno 2955 i ragazzi di tutte le scuole primarie e secondarie di primo grado di Chieti che saranno chiamati alle urne per scegliere i loro eletti in C.C.R.
Nei 22 plessi scolastici avranno diritto al voto gli alunni delle quarte e quinte primarie e tutti gli studenti delle scuole medie di primo grado.

«Per le elezioni di quest’anno – commenta la coordinatrice del CCR, Carmela Caiani – sulla scorta della deliberazione del CCR passata a maggioranza assoluta lo scorso anno, avremo una novità rispetto al passato: in tutte le scuole medie sarà istituito il CIS - Consiglio d’Istituto delle Studentesse e degli Studenti –, una modifica al Regolamento che consentirà ad ogni singola classe di scuola media di eleggere due rappresentanti che andranno a formare il Consiglio d’Istituto il quale, al suo interno, eleggerà, poi, i rappresentanti che siederanno al CCR.
Un accorgimento – spiega la coordinatrice - che consentirà ai ragazzi delle scuole medie, che hanno sempre lamentato di avere difficoltà ad avere un contatto diretto con tutte le classi, di rappresentare al meglio i propri elettori».

Chieti. Il Gruppo Giovani Imprenditori ANCE Chieti, presieduto dal Presidente Paolo De Cesare, ha incontrato il 16 novembre u.s., presso gli uffici di L’Aquila, il Provveditore Interregionale alle OO.PP. per il Lazio, l’Abruzzo e la Sardegna Dott. Federico Vittorio Rapisarda al fine di conoscere obbiettivi, modalità e tempistiche in merito ai lavori di riqualificazione delle caserme Berardi e Bucciante ubicate nella città di Chieti, le cui procedure di affidamento sono gestite dal Provveditorato.

Hanno partecipato all’incontro oltre al Presidente Paolo De Cesare i Componenti del Consiglio Direttivo Francesco D’Angelo, Manuel Carlo Pantalone, Nicola Rapino, Federico De Cesare, Lorenzo Caccavale e Livio Di Bartolomeo.

Dopo aver ringraziato il Provveditore per la disponibilità mostrata, il Presidente Paolo De Cesare ha posto in evidenza il grave disagio che sta attraversando la città di Chieti che, oltre a subire gli effetti della crisi, gradualmente ma inesorabilmente vede svuotarsi di attività, istituzioni e uffici, con gravi e inevitabili ripercussioni sociali ed economiche.

Il Presidente Paolo De Cesare nel suo intervento ha evidenziato quindi la notevole rilevanza delle iniziative poste in essere dal Provveditorato, ritenendole strategicamente significative per l’avvio di un progetto di rilancio della città di Chieti a sostegno dell’intera economia locale e del settore delle costruzioni.

Il Provveditore Rapisarda, dopo aver dichiarato la sua piena disponibilità ad eventuali altri incontri, ha illustrato nel dettaglio modalità e tempistiche delle procedure in corso assicurando, nel rispetto delle leggi e delle norme in materia di appalti pubblici, la massima celerità per la conclusione dell’iter burocratico e l’apertura dei cantieri.

Chieti. "Ritengo offensivo nei riguardi della città di Chieti chiedere uno "scatto d'orgoglio" dopo che come il PD al governo regionale ha depauperato l'ospedale di Chieti con sistematici decreti commissariali, firmati da D'Alfonso, dopo che la Regione ha visto bocciarsi due volte il devastante progetto Maltauro,anche dal Ministero competente, che ha sollevato notevoli criticità e in ultimo la bocciatura ministeriale riguardo la proposta di DEA funzionale fra Chieti e Pescara , non per il principio in sé, ma perché non presenta lo studio di fattibilità (che avrebbero dovuto consolidare e trasmettere entro il 2016 secondo il loro DCA 79/2016 ) corredato di dati e relazione di merito e già con l'attribuzione della sede centrale del 118".

Così in una nota il consigliere comunale di Chieti, Emiliano Vitale, che aggiune: "Il PD?!?!? Quello di Chieti che ha avvallato e sostenuto il project financing di Maltauro. Ora?!?! il PD sempre quello chietino auspica un documento o ordine del giorno che interceda al Ministero attraverso la Regione, per far cosa? Non si sa.
Tra l'altro non possibile, perché un consiglio comunale non può varare nessun atto deliberativo, per statuto e regolamento, che abbia efficacia sul ministero o sulla regione, ma solo impegnare e dare un indirizzo al Sindaco di intervenire secondo le possibilità costituite ed attribuite al suo ruolo".

"Allora - conclude Vitale - se il PD volesse far bene alla città dovrebbe: votare questo odg, in allegato, che è depositato e che impegna il Sindaco nel ambito del Comitato ristretto dei Sindaci a chiedere modifiche all'atto aziendale della Asl al fine di ridare il mal tolto all'ospedale di Chieti; fare e avere loro uno "scatto d'orgoglio" e presentarsi nelle loro rispettive nelle sedi centrali e regionali pescaresi di partito a sbattere i pugni sul tavolo per chiedere ai loro capi scuderia, Giustizia per Chieti, visto il loro silenzio assenso avuto fino ad oggi su questa questione. Il resto sono solo chiacchiere e demagogia".

Chieti. A seguito dell’accordo siglato il 1° agosto scorso, tra il Presidente dell’Inps Tito Boeri e il Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri Tullio del Sette per migliorare i servizi offerti ai militari, che ora sono svolti dalle direzioni provinciali, la sede Inps dal primo di ottobre ha istituito il Polo Nazionale Arma dei Carabinieri, collocandolo presso gli uffici di Chieti.
Oggi pomeriggio, presso la sede dell’Istituto di Previdenza Sociale sito presso il Teate Center, si è svolta la cerimonia di presentazione e la scopertura della targa alla quale hanno partecipato il Comandante generale dell’Arma dei Carabinieri, Gen. Tullio Del Sette, la Direttrice generale Inps Gabriella Di Michele, la Direttrice regionale Inps Valeria Vittimberga, il Direttore provinciale Inps di Chieti Alessandro Romano.
A margine della inaugurazione ha avuto luogo, poi, lo scambio ufficiale di omaggi tra il Comune di Chieti, il Comandante generale dell’Arma dei Carabinieri, e la Direttrice generale Inps

«Con il Generale Del Sette e con il Generale Bernardini, Sottocapo di Stato Maggiore del Comando Generale dei Carabinieri e responsabile a livello centrale del CNA – ha detto il Sindaco - abbiamo avuto modo di scambiare positive opinioni sulla presenza dell’Arma dei Carabinieri a Chieti e sulla straordinaria operazione che vedrà protagonista a livello nazionale la sede Inps della nostra città. Gli uffici di via Spezioli completeranno il lavoro che viene già svolto dai Carabinieri presso il nostro Cna. Come sindaco della città di Chieti non posso che essere orgoglioso di ospitare sul territorio tali strutture che erogano servizi in favore dell’Arma».

Chieti. “Abbassare il costo della carta d’identità elettronica e del relativo duplicato, agevolando la spesa per le famiglie”. È la richiesta fatta questa mattina dal Sindaco di Chieti, Umberto Di Primio, Vicepresidente Nazionale Anci, al Ministro per la Semplificazione e la Pubblica Amministrazione, Marianna Madia, in visita istituzionale all’Università di Chieti “Gabriele d’Annunzio”, per l’importante convegno sulla “Evoluzione Digitale nella Pubblica Amministrazione”, che ha visto la presenza anche dell’ex Ministro per la Giustizia, Paola Severino, rettore dell’Università LUISS Guido Carli, il Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri, Tullio Del Sette, e l’Amministratore Delegato SOGEI, Andrea Quacivi.

«Ritenendo valida l’iniziativa di introdurre in tutti i Comuni italiani la carta d’identità elettronica, che va sempre più nella direzione della digitalizzazione della P.A., – spiega il Sindaco Di Primio – credo che sia opportuno, tuttavia, che venga abbassato il costo che i Comuni e i cittadini devono sostenere per tale servizio. A mo’ d’esempio una famiglia di 4 persone spenderebbe circa 100 euro per il rilascio delle carte elettroniche.

Nei prossimi mesi – prosegue il Sindaco - in Europa non saranno più riconosciute come valide le carte d’identità in formato cartaceo, per tale motivo è necessaria sempre più un’ampia diffusione delle carte d’identità elettroniche agevolandone, però, il costo eccessivo che oggi si aggira sui 25 euro cadauna (28 euro per il duplicato).

La Ministra Madia, condividendo la richiesta avanzata dal Vicepresidente nazionale Di Primio, ha assicurato che si farà portavoce delle istanze presso il Ministro Minniti affinché venga contenuto il costo della carta d’identità elettronica ed eliminata la spesa per il duplicato.

Chieti. Dal 18 al 23 novembre 2017, presso il Museo d’Arte “Costantino Barbella”, in collaborazione con l’Associazione Libridine, sarà allestita la mostra “GLI ALBERI DELLA VITA” dell’artista Eugenio De Medio. In esposizione una ricca collezione di monili in pietre dure corredata da una ricerca storica sul significato dell’archetipo nelle varie culture e sotto l'aspetto psicoanalitico.

L’iniziativa è stata illustrata questa mattina, nel corso di una Conferenza stampa, dall’Assessore alla Cultura e Manifestazioni, Antonio Viola, alla presenza di Eugenio De Medio, della Consigliera Comunale, Elisabetta Fusilli, e di Antonella De Luca, presidente di Libridine.

«Sono lieto che, presso il Museo Barbella – ha detto l’Assessore Viola - venga ospitata questa interessante mostra di vere e proprie opere d’arte di Eugenio De Medio che ringrazio per aver scelto la nostra città per esporre le sue magnifiche realizzazioni. Chieti vuole affermarsi sempre di più come punto di riferimento culturale dell’area vasta e dell’intera regione. Ancora una volta, dunque, il “Barbella” si dimostra punto di riferimento importante, a disposizione di tutti gli artisti. In un momento storico difficile come quello che stiamo attraversando – ha concluso l’Assessore - il significato e il messaggio che l’albero della vita reca assume una valenza ancor più forte».

I visitatori della mostra potranno disegnare il proprio albero partecipando alla realizzazione di un'opera collettiva.

Chieti. Domenica 19 novembre 2017 alle ore 17,30, nell’Auditorium Supercinema di Chieti, prosegue la Rassegna dedicata al Teatro Dialettale “Aspettando il Premio Marrucino”. L’Associazione Culturale “Li Sciarpalite di teatro e…”di Silvi Marinarappresenterà, con la regia di Pina Di Salvo, lo spettacolo “La vite è tutte n’esame”di Tonino Ranalli, interpretato da Guido Giansante, Giovanna Centorame, Luigi Corneli, Pina Di Salvo, Rossella Marcheggiani, Alessandro Maioe Gabriella D’Arcangelo.
“La vite è tutte n’esame” è ambientato nell’Aula Magna della scuola di un piccolo paese. Tre privatisti un po’ attempati, amici d’infanzia, si ritrovano ad affrontare gli esami di licenza media. Tra disguidi, incomprensioni, inganni, tradimenti amorosi e sotterfugi… riusciranno ad essere promossi?Al pubblico attento e sovrano l’ardua sentenza.
“Aspettando il Premio Marrucino” è diventato un appuntamento importante per tutte le Compagniedel panorama non professionistico abruzzese che ambiscono, con passione ed impegno, a calcare nuovi e più prestigiosi palcoscenici.Lo spettacolo che otterrà il miglior giudizio da parte del pubblico e della Giuria tecnica,presieduta dal Prof. Massimo Pasqualone e composta da Alberto Cremonese, Giovanna Di Felice, Maria Laura Di Petta e Ugo Iezzi, sarà inserito,nell’anno del Bicentenario del Teatro,nel cartellone principale della Stagione di Teatro Dialettale “Premio Marrucino”.
La rassegna “Aspettando il Premio Marrucino”si chiuderà il 3 dicembre con lo spettacolo “Rubban, nu’ malate un po’ strane” dellaCompagnia Teatrale “Quelli di Santa Fè” di Chieti.
I biglietti (posto unico € 7,00) sono disponibili presso il Botteghino del Teatro Marrucino (tel. 0871.330470, aperto dal martedì alla domenica dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 17.00 alle 20.00)esul circuito on-line www.ciaotickets.com.

Chieti. Il Protocollo di intesa tra Arma dei Carabinieri, Luiss Guido Carli e Sogei, l’evoluzione normativa e le best practice nell’innovazione digitale della PA e i valori dei dati nella società digitale sono i temi che sono stati trattati nel corso del convegno intitolato “Evoluzione digitale della PA”, svolto all’auditorium dell’Università degli studi di Chieti e Pescara “Gabriele D’Annunzio”.
Alla presenza del Ministro per la Semplificazione e la Pubblica Amministrazione, Marianna Madia e dei vertici dell’Arma dei Carabinieri, della Luiss Guido Carli e di Sogei, è stato presentato il Protocollo di intesa firmato lo scorso luglio dalle tre istituzioni che promuove attività di ricerca e condivisione di conoscenze tecnologiche per migliorare la gestione dei sistemi informatici amministrativi, il valore e la centralità dei dati digitali con un focus sull’evoluzione normativa che ha interessato il mondo digitale e la PA. Tra gli illustri relatori il Rettore della Luiss Guido Carli Paola Severino, l’amministratore delegato di Sogei Andrea Quacivi, il Comandante generale dell’Arma dei Carabinieri Tullio Del Sette, il Presidente dell’Inps Tito Boeri, il procuratore aggiunto della Direzione Nazionale Antimafia Giovanni Russo, i rettori delle Università di Chieti-Pescara, Teramo e L’Aquila Sergio Caputi, Luciano D’Amico e Paola Inverardi.
“Quello di oggi è un convegno importante per il tema trattato - ha detto il comandante generale dell’Arma dei Carabinieri, Tullio Del Sette – e penso che sia un significativo riconoscimento per il lavoro che in questo senso sta svolgendo e continuerà a svolgere in maniera straordinaria il Centro Nazionale Amministrativo dei Carabinieri che è nato a Chieti oltre 15 anni fa, nel 2001, a suo tempo insieme al Generale Venditti, che era allora il capo di Stato Maggiore, e al Generale Molluso che a suo tempo ha avuto il privilegio di vedere a distanza di tempo quanto sia andata avanti questa digitalizzazione. Se il Ministro della Pubblica Amministrazione è qui per parlare della necessità e dei progressi che si sono fatti nell’informatizzazione, ma anche sul lavoro svolto dai Carabinieri in questo senso è dovuto soprattutto al lavoro che i Carabinieri qui hanno fatto, hanno svolto un lavoro che spesso li ha portati a collaborare con l’Università e questa è un’altra ragione di soddisfazione. Bisogna andare avanti, essere forti secondo me e determinati nel preservare il valore che ci viene dal passato nel valorizzare le esperienze fatte, ma anche nella consapevolezza dei presenti e nella proiezione futura. Lo facciamo qui con l’informatizzazione e vogliamo continuare a farlo come facciamo in tutti gli altri settori. Il lavoro che facciamo sul piano della formazione delle alte forze di polizia è un lavoro che nesun’altra forza di polizia svolge come noi, sono decine di migliaia gli operatori appartenenti ad alte forze di polizia a ordinamento militare o a ordinamento civile. È un lavoro che stiamo facendo da 20 anni, ma soprattutto negli ultimi anni è un lavoro anch’esso per il futuro”.
“Complimenti all’Arma dei Carabinieri e all’Università di Chieti-Pescara che hanno saputo organizzare questa iniziativa qui – ha detto il governatore della Regione Abruzzo, Luciano D’Alfonso – non solo per generosità nei confronti dell’Abruzzo e di Chieti, ma anche per un discorso di coerenza con i natali e di percorso storico e culturale. Chieti e l’Abruzzo non sono estranei da questo cammino di ambizione della Pubblica Amministrazione: è partito da Chieti ad opera di un chietino, il primo ‘pugno allo stomaco’ nei confronti dello stato moloch affinché si accorgesse del cittadino e delle sue esigenze di cittadinanza. Fu Silvio Spaventa da Bomba nel 1888 a Bergamo a porsi il tema di qual è il rapporto giusto della Pubblica Amministrazione nei confronti di persone, imprese e territorio. Fu rivoluzionario e la categoria della rivoluzione ci aiuta a capire quale sia il mezzo da usare per introdurre il mezzo potente della digitalizzazione nella Pubblica Amministrazione. Il titolo del convegno evoca rivoluzione, all’Università di Teramo ho studiato che quando l’evoluzione è doppia si chiama rivoluzione. Per quanto riguarda la scelta di Chieti per questa iniziativa, volevo ricordare che un personaggio di Chieti, senza il doppio cognome, ben voluto dagli abruzzesi, dalla Repubblica e dalla storia democratica italiana, è stato coluii che ha concepito la 241 del ’90 che è Gaspari, la memoria fertilizza la democrazia. Gaspari ha proposto per la prima volta un riordino del procedimento amministrativo concependo una Legge che lo formattizzasse. Il portatore di interesse, che può essere anche il cittadino, può rapportarsi con la Pubblica Amministrazione e poi siamo arrivati a queste straordinarie spinte innovative. La Pubblica Amminsitrazione è nata per due esigenze: una all’interno delle comunità religiose, per organizzare la loro vita con poche risorse economiche, e dall’altra parte nella vita militare per dare un’organizzazione precisa con ruoli precisi. Nasce così lla Pubblica Amministrazione che però con la sola forza del Diritto non ce l’ha fatta ed ha avuto anche bisogno dell’aiuto dirompente della tecnica, superando l’esigenza della frontalità attraverso appunto la digitalizzazione”.
“Sono dei processi importanti – ha sottolineato il Ministro per la Semplificazione e la Pubblica Amministrazione, Marianna Madia – iniziamo a fare dei bilanci e dimostriamo che questi processi che abbiamo messo in attostanno portando a dei risultati, noi oggi siamo in grado, penso per la prima volta in Italia, di parlare di uno stato di avanzamento, di dire già quali sono i risultati raggiunti e di sperare che questa attuazione vada avanti anche nella prossima legislatura. Tanti sono i passi in avanti: dalla fatturazione elettronica, al sistema unitario dei pagamenti. Di questo sistema ne beneficiano quasi due milioni di persone e crescono le amministrazioni che sono in grado di digitalizzare il proprio sistema, persino il servizio anagrafe passa da 8 mila banche dati angrafiche ad una sola banca dati. Oggi è un concetto che anche con il commissario Piacentini sta decollando che coinvolge 800 comuni, grandi comuni. Questo è un progetto particolarmente complesso che riguarda anche la sicurezza, eppure è un processo in evoluzione. Quindi noi oggi siamo in grado di parlare di uno stato di avanzamento e facciamo in modo che continui anche nella prossima legislatura”.

Pagina 1 di 100

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione