Lanciano. Anche a Lanciano chi prenota il proprio turno allo sportello tramite smartphone e tablet può ora scegliere di recarsi in ufficio postale anche il giorno successivo. In città il servizio è abilitato per tutte le operazioni, compreso il ritiro di posta raccomandata e pacchi, in via Guido Rosato e via Vittorio Veneto.

L’app “Ufficio Postale”, gratuita su Google Play e Apple Store, consente al cliente di programmare la visita e presentarsi in ufficio soltanto a ridosso del suo appuntamento, con una conseguente riduzione dei tempi di attesa. Una volta installata l’applicazione, che permette di accedere in mobilità a numerosi altri servizi come il pagamento dei bollettini, è sufficiente individuare sulla mappa l’ufficio postale di riferimento e, dopo aver selezionato la sede, cliccare su “prenota ticket”. A questo punto si aprirà una finestra con i servizi disponibili in ufficio con gli orari disponibili per la prenotazione. Una volta scelto il giorno e l’orario di prenotazione, sullo schermo apparirà un ticket virtuale che indicherà il servizio prenotato, la data e l’ora dell’appuntamento. Arrivati in ufficio sarà sufficiente avvicinare lo smartphone all’erogatore dei ticket per confermare la propria presenza e, una volta arrivato il proprio turno, mostrare il biglietto elettronico all’operatore.

Anche la nuova funzionalità di ritiro di raccomandate e pacchi in giacenza è semplice e intuitiva. Basta infatti inquadrare con la fotocamera il codice a barre contenuto nell’avviso di giacenza oppure digitare manualmente il codice e l’app indicherà lo stato della spedizione. In particolare sarà possibile conoscere la data a partire dalla quale la raccomandata o il pacco potranno essere ritirati, l’ufficio postale dove si trovano in giacenza e, soprattutto, prenotare direttamente il ticket che dà accesso al proprio turno allo sportello.

L’app Ufficio Postale è pensata per tutti i cittadini e per scaricarla non occorre essere intestatari di conto Banco Posta o carte Postepay.

Lanciano. "Negli ultimi tempi la violenza di matrice fascista sta tornando prepotentemente alla ribalta nel nostro Paese e nella nostra Regione", così il Sottosegretario Regionale e Capogruppo Art.1 Mdp Abruzzo Mario Mazzocca. in merito all'aggressione denunciata dal Laboratorio Sociale Zona 22 di Lanciano e subìta la settimana scorsa da un associato ad opera di giovani esponenti di Casapound.

"Le vittime di tale violenza - continua Mazzocca - sono spesso gli extracomunitari, soprattutto quelli regolari che vivono e lavorano nelle nostre città, e i giovani, come Alessandro, che si impegnano nelle Onlus, nelle organizzazioni degli studenti e della società civile per rendere migliore il mondo in cui vivono. Questa onda nera è arrivata anche a Pescara e ora a Lanciano, città Medaglia d’oro al Valor Militare, per il contributo dato alla lotta contro il nazismo e il fascismo. Il compito delle forze politiche democratiche è quello di bonificare l’humus, sapientemente concimato da demagoghi e imprenditori della paura, in cui tale violenza attecchisce e cresce. Nell’esprimere la mia solidarietà ad Alessandro, l’ultima vittima della violenza fascista, voglio riaffermare l’impegno di Art.1 Mdp nelle istituzioni per l’attuazione di quelle politiche che possono contribuire ad estirpare dalla società la paura e l’odio".

Lanciano. Il Frentano d'Oro 2017 quest’anno festeggia venti anni e premia la medicina, la ricerca in campo medico, sintetizzando l’essenza massima dell’Uomo di Leonardo, che lo rappresenta. Il prossimo 30 settembre l’ambito riconoscimento sarà conferito ad un frentano doc: il professor Luigi Schips, Direttore U.O.C. Urologia Ospedale “San Pio da Pietralcina” Vasto-Chieti. Il prof Schips vanta nella sua lunga attività collaborazioni e numerose pubblicazioni sia in Italia che all’Estero dove ha introdotto nuove tecniche chirurgiche in campo urologico. Nel 2007 è stato un pioniere della chirurgia laparoscopica, chirurgia laser endoscopica, PDD fluorescenza per tumore uroteliale. Il prof. Schips esegue anche interventi su rene e prostata con l'avveniristico e nuovissimo Robot "Da Vinci". Nel 2008 ha eseguito il primo intervento di Nefrectomia con tecnica S.I.L.S. effettuata in Italia e il primo intervento di Surrenalectomia con tecnica Single Port in Europa; il primo intervento di Nefrectomia Parziale in assenza di ischemia con tecnica Single Port in Europa. La sua attività chirurgica, volta anche alla promozione della cultura urologica, gli ha valso ambiti riconoscimenti anche all’Estero. Per questo il comitato dei garanti, che ogni anno opera la selezione dei curricula, candidati all’assegnazione del Frentano d’Oro, ha scelto il prof Schips per l’impegno profuso anche verso i giovani specializzandi. Il premio, istituito dall’omonima associazione su intuizione del presidente, ragionier Ennio De Benedictis, infatti viene assegnato annualmente a una persona della Frentania, ancora in vita, che si è resa benemerita in ambito nazionale e internazionale nel campo delle scienze, della cultura, dell’arte, dell’economia e delle professioni, dando lustro e prestigio alla sua terra natia. “L’intento – precisa Ennio De Benedictis, presidente dell’associazione culturale Il Frentano d’Oro – è quello di conservare con atti tangibili la memoria delle persone che hanno onorato la nostra terra nei suoi valori più nobili ed elevati dal punto di vista intellettuale, morale, professionale, artistico e filantropico”. La cerimonia di premiazione si svolgerà sabato 30 settembre, alle 18, presso il teatro comunale “Fedele Fenaroli” e sarà preceduta da un dibattito sulla vita del premiato.
Biografia:
Il prof. Luigi Schips, abruzzese di nascita, dopo la laurea in medicina e chirurgia conseguita a Chieti ha proseguito il proprio percorso scientifico e chirurgico in Austria, ove è stato nominato professore associato presso la clinica urologica dell'Università di Graz. Negli anni trascorsi in Austria si è dedicato alla ricerca scientifica, specie dell'oncologia urologica, pubblicando centinaia di articoli sulle principali riviste scientifiche internazionali. In campo chirurgico il prof. Schips ha eseguito, da primo operatore, migliaia di interventi chirurgici in tutti i campi della urologia e della andrologia, rappresentando un punto di riferimento internazionale nel campo della chirurgia laparoscopica, specie del rene. Dal 2007 il prof. Schips svolge la sua professione conciliando l'attività chirurgica, scientifica ed assistenziale con il ruolo di Tutor per la Chirurgia Laparoscopica: il prof Schips è chiamato ad eseguire interventi in laparoscopia in altre strutture ospedaliere e universitarie (attualmente la Federico II di Napoli, presso il prof. Mirone, e lo IEO Istituto di Oncologia di Milano, fondato dal prof. Veronesi).

Lanciano. CasaPound Italia replica al comunicato rilasciato da associazioni antifasciste cittadine relativa ad una presunta aggressione: “Come un disco rotto, ancora una volta vengono riproposte da parte degli antifascisti cittadini accuse di ‘violenze’ compiute dal nostro movimento. Come in passato, ecco che queste accuse vengono mosse in corrispondenza di una nostra iniziativa, quella della pulizia del parco di Via Osento, particolarmente apprezzata dalla cittadinanza. Visto il ripetersi dello schema, viene da chiedersi se esista da parte di alcuni la volontà di diffamare sistematicamente il nostro movimento, non essendovi la capacità di rispondere sul piano politico”. Così Marco Pasquini, responsabile lancianese di CasaPound Italia, in una nota.

“Abbiamo appreso dai giornali – prosegue Pasquini che sarebbe stata sporta una denuncia nei confronti di aderenti al nostro movimento. Bene, se così è, siamo fiduciosi che l’operato dell’autorità giudiziaria saprà ricostruire la verità, smantellando le menzogne divulgate da chi basa la propria attività politica non sul perseguimento del bene di Lanciano e dei suoi abitanti, ma sulla diffusione dell’odio politico nei confronti di altri movimenti”.

Lanciano. “Un successo”: così Domenico De Lucia, responsabile lancianese del Blocco Studentesco, definisce la terza edizione del mercatino del libro usato, iniziato l'ultima settimana di agosto presso la sede del movimento.
“Centinaia di studenti - commenta De Lucia – sono venuti a portare i propri libri, in tutto oltre il migliaio, di cui ne sono stati venduti moltissimi. Il mercatino, autogestito, è stato pensato per offrire un' alternativa al caro-libri, poiché senza scopo di lucro: i libri sono stati in conto-vendita al 50% del prezzo di copertina, poi integralmente restituiti ai proprietari”. Conclude De Lucia: “siamo entusiasti dell'ottimo risultato ottenuto, riconfermato per il terzo anno consecutivo. La nostra non è solo un' iniziativa "economica", ma anche un'affermazione forte e chiara. Siamo l'alternativa al malaffare dei libri di testo per il diritto all'istruzione”.

Lanciano. CasaPound Italia interviene sulla situazione di grave degrado in cui versa il parco in Via Osento "A seguito ad un nostro sopralluogo e alle recenti lamentele dei residenti del quartiere- in una nota il responsabile cittadino di CasaPound Italia Marco Pasquini - abbiamo constatato come la situazione del parco comunale in via Osento versi in una condizione pessima, del tutto inaccettabile per un'area verde nel centro di Lanciano."

"Ovunque regnano sporcizia e totale abbandono - prosegue Pasquini - come siamo già stati abituati a vedere in tutti i parchi cittadini. Come al solito anche in quest'area sono presenti le reti arancioni, a riprova di come la manutenzione del luogo scarseggi. Inoltre il laghetto interno è diventato ricettacolo di putridume, e passeggiarvi accanto risulta quasi impossibile a causa del cattivo odore".

"Abbiamo deciso di intervenire - continua - per eliminare quantomeno i rifiuti presenti, riqualificando l'intera area.
Ormai sembra essere consuetudine, in queste situazioni, la totale indifferenza dell'amministrazione comunale, come già si è visto in passato."

"Per quanto riguarda il laghetto - conclude Pasquini - se il problema del Comune è il non poter acquistare con una centinaia di euro una pompa per far ricircolare l'acqua, saremo noi stessi a farci carico di questa spesa per ripristinare la dignità e la sicurezza igienica di questo parco. In ogni caso attendiamo risposte dall'amministrazione comunale e confidiamo nella restaurazione della struttura al più presto".

Lanciano. «Non si configura alcuna interruzione di pubblico servizio nell’osservanza della Festa patronale da parte del personale addetto ai servizi nelle strutture sanitarie. Esattamente come accade in tutti i giorni festivi previsti nel calendario, che sia Natale o Ferragosto»: interviene il Direttore generale della Asl Lanciano Vasto Chieti, Pasquale Flacco, in merito a qualche protesta registrata a Lanciano circa la sospensione, nella giornata odierna, dichiarata Festa patronale, delle attività programmate.
«Ovviamente resta garantita, come sempre, l’urgenza - prosegue Flacco - assicurata dal Pronto Soccorso, dai reparti ospedalieri e dai servizi di diagnostica. Le altre attività, che erogano prestazioni programmate, come per esempio l’Oncologia, l’Odontoiatria, i Poliambulatori non hanno calendarizzato appuntamenti per questa giornata, pertanto non interrompono alcunché né ledono il diritto alla salute dei cittadini. Godere del riposo alla festa del patrono è un diritto del lavoratore previsto dal contratto e che non può essere censurato. All’ospedale di Lanciano i reparti sono attivi come sempre, così come i servizi di emergenza, e la tutela degli utenti è quella di sempre. Certo, se il giorno di chiusura non è stato in qualche servizio adeguatamente segnalato è stato commesso un errore, del quale l’Azienda si scusa preventivamente».

Lanciano. Giornata frenetica quella di oggi, venerdì 15 settembre a Lanciano, dove la troupe di Dodi Battaglia – che questa sera si esibirà in concerto in piazza Plebiscito – già da stamattina sta girando per cercare gli scorci più suggestivi da ‘immortalare’ per il dvd ufficiale del tour.

Lo storico chitarrista dei Pooh è infatti arrivato ieri sera in città, perché proprio a Lanciano ha deciso di girare le riprese per il cd e il dvd in distribuzione a fine ottobre.
“Ho già in mente un titolo provvisorio per questo live – ha annunciato Dodi Battaglia su Facebook - ’...E la storia continua’. Penso che il messaggio che vuole lanciare sia chiaro: concluso un capitolo della mia storia artistica, sono più che mai intenzionato ad andare avanti con la mia attività in ambito musicale. Ho progetti da sviluppare, chitarre da suonare”.
Lanciano, dunque, sarà la splendida cornice che racconterà la tournée estiva del cantante e chitarrista, che questa sera in piazza Plebiscito – in occasione della seconda serata delle Feste di Settembre 2017 – canterà i più grandi successi del Pooh ma non solo, e non mancheranno gradite sorprese. A conclusione del concerto, intorno a mezzanotte e mezza, i fuochi pirotecnici, che già nel corso della Nottata e giovedì sera hanno incantato il pubblico presente.

E sono stati davvero tantissimi gli spettatori delle prime due serate delle Feste di Settembre. Impressionante l’”ondata umana” che ha affollato corso Trento e Trieste la notte del 13, aspettando l’apertura con i fuochi d’artificio alle 4 del mattino: oltre ventimila persone hanno atteso i fuochi, l’accensione delle splendide Luminarie della ditta Paulicelli Gianfranco, l’esibizione della Banda Città di Fossacesia.

Presenze come non si vedevano da anni anche ieri sera, in occasione del concerto degli UT New Trolls, con la straordinaria partecipazione di Nico Di Palo.

E tantissima è l’attesa per il concerto di Dodi Battaglia di questa sera e l’attesissima esibizione di Alex Britti, per il gran finale delle Feste di Settembre, sabato 16 dalle 21.30 in piazza Plebiscito.

"Speciale" (il suo ultimo singolo) in scaletta con gli altri brani del nuovo #innomedellamore Vol.2. il #16Settembre a Lanciano.
Così il cantautore e chitarrista ha annunciato sulla sua pagina Facebook il concerto di Lanciano, tappa di un tour che sta portando Britti in giro per l’Italia. E anche domani, a conclusione del concerto, i fuochi pirotecnici finali di un’edizione delle Feste di Settembre che sta ricevendo grandi apprezzamenti, sia per la ‘caratura’ dei cantanti principali che per tutti gli altri eventi in cartellone.

Lanciano. Due carriere che hanno fatto la storia della musica jazz-fusion e che continuano a stupire sul palco, un progetto musicale affascinante che racchiude esperienze diverse, incontri, sperimentazioni prospettive.

Il Dean Brown/Dave Weckl project è pronto a partire con un prezioso compagno di viaggio, il bassista Maurizio Rolli che si unirà ai due artisti per un tour di live e clinic che toccherà Emilia Romagna, Puglia, Campania , Toscana, Piemonte.

Presente anche l’Abruzzo, con un clinic/concert a Lanciano, domenica 17 settembre (ore 17, Teatro Mazzini, Piazza del Plebiscito, costo del biglietto 45€ info e prenotazioni www.lacasadelbatterista.it)

“A Lanciano suoneremo brani originali scritti da Dean e contenuti nei suoi ultimi due cd e li spiegheremo formalmente e tecnicamente – dice Maurizio Rolli – è per me un onore suonare con due grandissimi artisti, la musica che compongono è di un livello tecnico decisamente superiore alla media, molto impegnativo studiarla, ma è semplicemente bellissima”.

Puoi dirci qualcosa in più su questi due grandi artisti “Le loro carriere parlano da sole, sono due mostri sacri, Dave Weckl è forse il batterista più famoso al mondo, da giovanissimo suonava con Robet Plant dei Led Zeppelin poi negli anni ’80 era già colonna portante della Chick Corea Eletric Band. Stesso discorso per Dean Brown, con lui riescono a suonare meglio tutti e tra questi ci sono, solo per citarne alcuni, Billy Cobham, Al Jarreau, Bill Evans. Sono molto emozionato, è la prima volta che suono con Dave Weckl ed era uno dei pochi, tra i più grandi, con cui non avevo mai suonato fino ad oggi. Non vedo l’ora”.
.

Per studenti, musicisti ed appassionati l’appuntamento è da segnare in agenda. Domenica 17 settembre al Teatro Mazzini di Lanciano i segreti per comporre la grande musica saranno svelati.

Di seguito l’intero calendario del tour:
15 settembre – Comacchio (Ferrara) – Clinic - Holiday Park Spiaggia (9-12) e Mare Portogaribaldi (15-18)
16 settembre Comacchio (Ferrara) – Clinic – Mare Portogaribaldi (9-12)
16 settembre Comacchio (Ferrara) – Concerto – Arena Palazzo Bellini, ore 21
17 settembre – Lanciano (Chieti) – Clinic/concert – Teatro Mazzini – Piazza del Plebiscito, ore 17
18 settembre – Taviano (Lecce) – Clinic/concert – Auditorium comunale “Aldo Tundo”, ore 19
19 settembre – Salerno – Clinic/concert -Jump Disco Club, ore 22
20 settembre – Grosseto – Clinic/concert – Dizzy Jazzy, ore 22.30
21 settembre – Torino – Concerto – Teatro Agnelli – ore 20

Lanciano. Questa è una storia felice, di quelle come non ce ne sono tante. E’ una storia di rinascita, ed è davvero come se la protagonista fosse nata due volte, perché chi sembra condannato a vita alla malattia mentale e campa con lo stigma cucito addosso più stretto di un vestito stretto, poi guadagna una seconda chance se capita nelle mani giuste.
Accade a una donna di Lanciano, che chiamiamo convenzionalmente Rita, oggi sessantenne, ricoverata per un tempo lunghissimo nell’ex struttura per malati psichici Villa Pini, che sembrava consegnata per il resto dei suoi giorni al ruolo della “pazza” per via di una patologia schizoide sicuramente importante. Dopo le note vicende che hanno portato alla chiusura di quelle “casette” e il conseguente trasferimento dei pazienti in altre strutture del Servizio pubblico, è stata presa in carico dal Dipartimento di salute mentale della Asl Lanciano Vasto Chieti, diretto da Massimo Di Giannantonio, che le ha costruito un percorso riabilitativo personalizzato.
La donna non ha avuto necessità di ricovero ospedaliero, ed è stata trattata presso il Centro diurno di via Milano, coordinato dallo psichiatra Danilo Montinaro, dove ha avuto la possibilità di recuperare una serie di abilità rimaste per anni inutilizzate. Il programma terapeutico-riabilitativo ha conseguito risultati assai brillanti, al punto che la paziente è stata dimessa per il completo raggiungimento degli obiettivi prefissati, e ha chiesto di rendersi utile nell’ambito delle attività del Centro diurno.
«Abbiamo assecondato il desiderio della nostra utente - chiarisce Montinaro - strutturando un progetto per “Facilitatore della salute mentale”, come previsto dal Piano sanitario nazionale. Si tratta di una persona che ha attraversato un disagio psichico ed è a buon punto nel percorso di cura e riappropriazione di un’identità di salute e consapevolezza. In tale ruolo, questa paziente ha la possibilità di trasformare il suo vissuto personale di malattia e guarigione in una risorsa nella relazione d’aiuto e accompagnamento degli utenti. Oltre a rappresentare un modello positivo, che dimostra come sia possibile guarire, diventa un punto di riferimento importante per gli utenti del Centro, con i quali riesce a stabilire un legame di fiducia assai utile nelle dinamiche quotidiane e nei momenti di crisi».
La donna, quindi, ora frequenta il Centro diurno ogni giorno per dare un aiuto agli altri, per coglierne le necessità e favorire l’autonomia di ognuno e l’integrazione nel gruppo. Accoglie, indirizza, conforta, dà una mano nelle attività “forte” dell’esperienza diretta che la avvicina ai pazienti senza mai giudicarli, accorciando la distanza tra loro e il resto del mondo. A coadiuvarla c’è l’équipe del Centro, composta da Maria Teresa Buontempo, Antonella Primiterra e Francesca Trivilini. E’ grazie a tutte loro se Rita ha avuto una seconda chance e da larva umana è tornata donna.

Pagina 1 di 18

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Notizie Recenti

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione