Ortona. La festa della terza età organizzata dal Comune di Ortona quest’anno si apre con un omaggio agli anni sessanta. Una giovane coppia in vespa, infatti, caratterizza l’immagine del manifesto che presenta le iniziative per l’edizione 2018 di un appuntamento tradizionale di incontro e socialità.

Tre giorni 11, 12 e 13 dicembre di iniziative, incontri e attività che coinvolgeranno «il mondo degli anziani, valore aggiunto delle nostre comunità, che va rispettato e onorato anche con questi momenti di socializzazione. Anche quest’anno un momento particolarmente significativo di questa festa è la visita e il saluto agli anziani ricoverati in Ospedale e presso la residenza “V.Berardi”» come ha ricordato il sindaco Leo Castiglione.

Con l’edizione 2018 la festa raggiunge il traguardo delle dieci edizioni, segno evidente della positiva intuizione dell’amministrazione comunale del tempo che in questi anni è stata confermata, facendo di questo appuntamento un momento di identificazione della nostra comunità anche nel mondo digitale sotto il titolo “#festadellaterzaetà”.

«Il programma di quest’anno – sottolinea l’assessore al Sociale Roberta Daloiso – ricalca le iniziative tradizionali che vanno dall’incontro intergenerazionale tra nonni e nipoti con la partecipazione degli alunni delle scuole ortonesi, all’intrattenimento e alla musica, con l’aggiunta dell’esibizione delle Moody Sisters che presenteranno al Teatro Tosti un concerto al femminile ricordando le musiche e i testi delle canzoni degli anni ‘50 e ‘60. Inoltre sono previste le visite in Ospedale e presso la residenza anziani per finire con la tradizionale consegna delle pergamene alle coppie, 90 in totale, che festeggiano il 50° e 60° anniversario di matrimonio e la serata al Centro commerciale Ortona Center con cena, gruppo musicale, animazione e intrattenimento».

La giornata conclusiva di giovedì 13 dicembre prevede la Santa Messa in Cattedrale alle ore 18 e la serata finale con la cena presso il centro commerciale di Santa Liberata, a cui gli over 65 anni potranno partecipare, dietro distribuzione del biglietto dopo aver seguito uno dei due eventi dell’11 e 12 dicembre. Per agevolare la partecipazione agli appuntamenti finali di giovedì, l’amministrazione comunale ha previsto un trasporto con bus navetta da diversi punti del territorio comunale.

Ortona. È in fase di ultimazione il nutrito calendario di incontri sul territorio organizzato dall’amministrazione comunale in collaborazione con la società EcoLan, per far conoscere l’andamento del servizio di raccolta dei rifiuti urbani.

Insieme alla comunicazione sui modi e i tempi previsti nel calendario della raccolta settimanale dei rifiuti per il corretto conferimento “porta a porta”, è stato avviato un programma di controlli sul territorio da parte della Polizia municipale e della società EcoLan che si occupa della gestione della raccolta dei rifiuti urbani di Ortona. Fino ad oggi questi controlli hanno generato 27 multe elevate per abbandoni e conferimenti errati, «si tratta di una attività di controllo sul territorio dovuta – sottolinea l’assessore al decoro urbano Ilaria Ortolano – le multe comminate vanno da un minimo di 50 euro ad un massimo di 500 e in diversi casi riguardano alcuni condomini che continuavano a non rispettare le modalità della raccolta differenziata. I controlli sono effettuati anche con foto trappole che vengono spostate ogni 15 giorni in luoghi sensibili del territorio comunale per gli abbandoni dei rifiuti. Tutti questi controlli sono necessari per contrastare quei cittadini che continuano a non rispettare le regole dimostrando il proprio disinteresse per l’ambiente e il decoro urbano».

Per quanto riguarda la raccolta dei rifiuti ingombranti si ricorda che dopo la chiusura del centro di raccolta di Fonte Grande, a seguito di pronuncia del Tar, l’amministrazione comunale insieme alla società EcoLan, ha predisposto un’area apposita per la raccolta di questi rifiuti presso l’autoparco comunale di Villa Torre dove potranno essere conferiti rifiuti ingombranti quali frigoriferi, lavatrici, televisori, neon, piccoli elettrodomestici e anche modeste quantità, fino a 20 chili di vernici, adesivi, resine o rifiuti misti derivanti da attività di costruzione e demolizione. Il centro di Villa Torre è aperto nelle giornate di lunedì, mercoledì e venerdì dalle ore 14 alle 17.

«Negli incontri con i cittadini – sottolinea il sindaco Castiglione – il problema emerso è quello degli abbandoni dei rifiuti anche nel centro urbano e proprio per contrastare questo fenomeno, l’amministrazione ha intensificato i controlli sul territorio. Allo stesso tempo è importante seguire le indicazioni per il corretto conferimento dei rifiuti utilizzando gli appositi mastellini distribuiti dalla EcoLan, sia ai singoli gruppi familiari che ai condomini. In questo modo rispettiamo non solo l’ambiente ma anche il decoro e l’immagine della città».

Ortona. Tre weekend prima di Natale di shopping libero con parcheggi gratuiti in tutta la città. L’iniziativa fa parte del pacchetto delle attività natalizie messe in campo dall’amministrazione comunale e servirà a incentivare gli acquisti nelle attività commerciali ortonesi.

Nei giorni 7, 14, 15, 21, 22, 24 tutti i parcheggi blu della città saranno esentati dal pagamento della sosta, in linea con il messaggio lanciato per queste festività attraverso l’hastag #nataleconituoi che mira a favorire la scelta di comprare nei negozi del territorio cittadino.

«Un provvedimento che vuole rimarcare la nostra attenzione per le attività del territorio – commenta il sindaco Castiglione – offrendo la possibilità di utilizzare i parcheggi a pagamento liberamente nel periodo natalizio. Ma il messaggio è rivolto anche a rafforzare l’identità cittadina invitando a rimanere in città vivendo gli appuntamenti del cartellone delle feste».

Ortona. ACS Abruzzo e Molise aggiunge con grande orgoglio e soddisfazione un altro importante tassello al progetto culturale di cui è protagonista in Abruzzo come unico circuito multidisciplinare abruzzese e molisano riconosciuto dal MIBAC: la Stagione di Prosa del Teatro Tosti di Ortona.

La Compagnia dell’Alba, il comune di Ortona, in collaborazione con l’ACS Abruzzo e Molise, presentano la nuova stagione teatrale del Teatro Tosti. Prosa, musica, danza, musical, cabaret ed eventi speciali: tutto in un cartellone teatrale, curato dalla Compagnia dell’Alba, diretta da Gabriele de Guglielmo e Fabrizio Angelini, dove ACS Abruzzo e Molise prende in carico la programmazione della Prosa.

La stagione di Prosa si articola in sei spettacoli che vedranno protagonisti grandi interpreti del teatro italiano in opere che, seppur nella varietà delle proposte, seguono comunque il filo rosso della ricerca di testi importanti e drammaturgie che saranno sicuramente apprezzate dagli amanti del buon teatro.

Calcheranno il palcoscenico del Tosti attori del calibro di Daniele Pecci, Lello Arena, Carlo Buccirosso, Carlo Cecchi, Edoardo Siravo, produzioni importanti come il Teatro Stabile di Trieste, l’Arca Azzurra, Vesuvio Teatro, per una Stagione che punti sulla qualità e la godibilità delle proposte.

Zenone Benedetto Direttore Artistico ACS spiega: “E’ una stagione impegnativa, ricca dal punto di vista dei grandi nomi che saliranno sul palco, ma anche dei testi teatrali proposti tra cui spiccano alcuni grandi classici come Troiane di Seneca e l’Enrico IV di Pirandello, ma anche testi brillanti come Parenti Serpenti con un sorprendente Lello Arena o il Riccardo 3 nuovo e sorprendente, tutti generi apparentemente molto differenti ma uniti dalla grande qualità dei testi e la professionalità degli interpreti”.

Ortona. "Siamo molto soddisfatti per l'approvazione della mozione e adesso chiediamo che si faccia in fretta, per ripristinare le condizioni di sicurezza lungo le nostre strade, mettendo i nostri concittadini e tutti gli automobilisti al riparo da gravi pericoli". Così Angelo Di Nardo, capogruppo di Fratelli d'Italia, Lega e Lista Libertà e Bene Comune per Ortona, commenta l'approvazione all'unanimità della mozione presentata a suo nome nell'ultima seduta del Consiglio comunale.

La mozione impegna il sindaco e la giunta ad adoperarsi affinché la Provincia fornisca risposte e date certe, in merito al ripristino delle condizioni di sicurezza di due tratti stradali di sua competenza, che evidenziano da tempo condizioni precarie e stato di abbandono. "Parliamo innanzitutto della provinciale Chieti-Tollo, dove nel tratto Villa Grande-Morrecine la strada è franata, di fatto non c'è più e i rischi per gli automobilisti risultano particolarmente elevati - rimarca Di Nardo -. Lungo questa strada è prevista la circolazione a doppio senso, ma in realtà si viaggia ad una sola corsia per oltre 50 metri, con grave pericolo anche alla luce del transito di mezzi agricoli e di autotrasportatori che spesso non conoscono le nostre strade".

Il secondo tratto al centro della richiesta d'intervento è quello della strada provinciale San Tommaso, in direzione San Pietro. "Questa strada versa in condizioni di incuria e abbandono - sottolinea l'esponente del centrodestra ortonese -. La pericolosità è dovuta al passaggio di mezzi con carichi superiori a quelli per cui la strada è stata collaudata e alla scarsa manutenzione effettuata in questi anni, con un manto stradale pieno di crepe che si allargano ogni giorno di più e con parte della carreggiata ricoperta di terra ed erbacce".

Ortona. Si è parlato di Zes, zone economiche speciali, al primo di una serie di seminari su temi di interesse didattico, organizzati dall’Its Mo.St. di Ortona per i 20 studenti e i 4 uditori del primo corso. In qualità di relatore è intervenuto Maurizio Di Nicola, consigliere delegato ai Trasporti della Regione Abruzzo.

“Abbiamo scelto un tema che ben si sposa con la mission dell’Its Mo.St. – spiega Alfonso Di Fonzo, presidente della Fondazione – la nostra sede è a Ortona perché crediamo che la sua realtà portuale potrà dare impulso al settore e perché da questa città nasce la Via Verde, foriera di una serie di opportunità da cogliere dal punto di vista formativo in quanto a mobilità sostenibile”.

“Il porto di Ortona è una ricchezza per tutto l’Abruzzo – ha detto Di Nicola agli studenti presenti in aula – una cerniera tra nord e sud Italia dal punto di vista della logistica potenziale”. La sfida è riuscire a realizzare il corridoio Ovest-Est Europa attraverso il medio Adriatico, collegando Spagna, Portogallo e Francia del sud ai porti di Abruzzesi e croati, quindi, arrivare ai Balcani e ad attrarre il mercato Eurasia. “È un’opportunità che stiamo coltivando da anni come Regione Abruzzo, per l’integrazione delle infrastrutture logistiche regionali alle reti TenT, e le Zes – spiega il consigliere regionale delegato ai Trasporti – si sposano perfettamente come opportunità per il Mezzogiorno di regimi fiscali e di semplificazione amministrativa. I giovani – conclude Di Nicola - sono gli attori futuri di queste reti che oggi proviamo a mettere in piedi”.

È in questo contesto che l’Its Mo.St. si pone come interlocutore fondamentale per le nuove figure professionali. “Le Zes sono una grande opportunità non solo dal punto di vista industriale e produttivo ma anche dal punto di vista occupazionale - spiega Emanuela Di Luca, direttrice della scuola di specializzazione -. Alle istituzioni l’Its Mo.St. chiede di immaginare un piano di sviluppo strategico per la logistica a supporto e completamento del piano ZES che possa accogliere le nuove figure professionali che la scuola sta formando nella logistica portuale, nello specifico, e nella logistica di terra”. La proposta della Fondazione, quindi, “è quella di istituire uno strumento che sia in grado di riconoscere questi nuovi tecnici, capaci di gestire le nuove realtà logistiche portuali e non, nell’ambito delle aree industriali individuate nelle Zes”.

Il prossimo appuntamento con le attività seminariali è programmato per martedì 18 dicembre, con testimonial della distribuzione 4.0 di Leroy Merlin.

Ortona. A conclusione delle attività di sensibilizzazione promosse sul territorio in occasione della Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne indetta dall’Assemblea delle Nazioni Unite per il 25 novembre, l’Associazione di promozione sociale Donn.è presenta in collaborazione con la PiccolaBottegaTeatrale di Pescara lo spettacolo teatrale “La Casa di Bernalda Alba” con regia di Mario Massari e aiuto regia Sefora Marinucci, tratto dall’omonima opera di Garcia Lorca.

Un dramma rurale che, attraverso le dinamiche famigliari della vedova donna Bernalda e le sue figlie, conduce gli/le spettatori/trici in una profonda riflessione sui ruoli di genere e sui comportamenti ed emozioni che da essi derivano, andrà in scena domenica 2 dicembre alle ore 18:30 presso il teatro F.P. Tosti di Ortona.

“Abbiamo scelto di portare ad Ortona questa opera teatrale perché crediamo possa essere un forte momento di riflessione e sensibilizzazione sull’origine culturale del fenomeno della violenza di genere. La casa di Bernalda Alba rappresenta un ambiente domestico che imprigiona e nasconde piuttosto che essere un luogo di protezione e accoglienza, mostra i modelli e le tradizioni sociali e culturali che sono insiti in ciascuno/a di noi, portatori/trici quasi inconsapevoli, e che sono alla radice dell’oppressione e della violenza sulle donne” –spiega la presidente Donn.è

Lo spettacolo prevede un biglietto unico di 5euro ed il ricavato andrà a sostegno del Centro Antiviolenza Donn.è nel lavoro di costruzione del percorso di uscita dalla violenza delle donne.

E’ possibile acquistare i biglietti da martedì 27 novembre presso il botteghino del Teatro F.P. Tosti di Ortona il giovedì ore 10-13 e dal martedì al sabato ore 17-20 e/o tramite prevendita su www.ciaotickets.it

Un ringraziamento va agli sponsor che hanno reso possibile la realizzazione del progetto: Pasta all’Uovo Lu Sitacce di Anna Bellicano, Agenzia Marittima Fratino, Cecchino Abbigliamento, Agenzia Immobiliare di Nadia Di Sipio, Hotel Vistamonte srl, Agenzia Viaggi e Turismo Napoleone, Tigre Amico (via Giovanni XXIII), Papillon Calzature, Puro Veleno, e al Comune di Ortona per aver patrocinato l’evento.

Ortona. Dopo l’installazione dei nuovi impianti dedicati alle pubbliche affissioni da parte della società Andreani Tributi, prosegue la riorganizzazione e il riordino in materia di strutture idonee per la comunicazione, informazione e promozione dislocate sul territorio comunale. Infatti con la delibera numero 241 del 19 novembre la giunta ha approvato il rinnovo dell’accordo con la società PubliCittà, scaduto lo scordo giugno.

Il rinnovato accordo di collaborazione con la società per la fornitura, installazione, riordino e gestione sul territorio comunale di elementi di arredo urbano utili alla comunicazione, informazione e promozione prevede in cambio della gestione di queste strutture pubblicitarie la fornitura e l’installazione, a titolo gratuito, di 18 nuove pensiline da utilizzare per le fermate dell’autobus da individuare sul territorio comunale. Otto in più rispetto al precedente accordo sottoscritto dal Comune sempre con la società PubliCittà che dal 2009 gestisce ai fini del diritto di sfruttamento pubblicitario questi impianti, quali cartellonistica stradale, transenne pubblicitarie, segnaletica turistica, commerciale, industriale e artigianale, tabelle di servizio.

«Questo nuovo accordo – dichiara l’assessore al decoro urbano Ilaria Ortolano – completa la riorganizzazione delle strutture urbane dedicate alle affissioni sull’intero territorio comunale con un significativo miglioramento, sia nelle condizioni di esercizio dei servizi di comunicazione e informazione a servizio dei cittadini, che in termini di vantaggi per l’ente con 18 nuove pensiline per autobus da realizzare sul territorio comunale».

Inoltre la giunta comunale ha integrato il Piano generale degli impianti pubblicitari e delle pubbliche affissioni con l’integrazione dell’articolo 24 bis, relativo alla pubblicità temporanea in periodi particolare dell’anno. In particolare è previsto che nelle festività natalizie, dal 1 al 10 gennaio e nel periodo dei saldi, previsti dalla normativa regionale, sarà possibile per l’esercente commerciale esporre un cartello pubblicitario temporaneo bifacciale con dimensioni massime di 70 cm per un metro. Il cartello pubblicitario potrà essere posizionato lungo i marciapiedi o luoghi pubblici e comunque in modo da non costituire intralcio alla circolazione dei pedoni. L’autorizzazione per esporre il cartello pubblicitario temporaneo, verrà concessa dopo una specifica richiesta dal comando della Polizia municipale.

«Questa modifica e integrazione del piano – commenta il sindaco Castiglione – è stata prevista in considerazione delle diverse sollecitazioni giunte dai commercianti e soprattutto per aiutare la categoria in questo particolare periodo di stagnazione economica».

Ortona. "Abbandono, incuria ed elevata pericolosità delle strade provinciali che passano per Ortona". A lanciare l'allarme è il consigliere comunale Angelo Di Nardo, capogruppo in Comune di Fratelli d'Italia, Lega e Libertà e Bene Comune, che ha presentato una mozione sulle condizioni della strada provinciale San Tommaso e sulla provinciale verso Tollo.

"Ormai da molti anni - evidenzia Di Nardo - la strada provinciale San Tommaso, nel tratto che va dall'incrocio della ss 16, direzione San Pietro, fino ad arrivare a Villagrande, versa in gravi condizioni di abbandono e pericolosità dovuta al passaggio di mezzi con carichi superiori a quelli per cui la strada è stata collaudata e alla scarsa e blanda manutenzione fatta in questi anni. Il manto stradale è pieno di crepe che si allargano ogni giorno di più e la carreggiata è piena di terra ed erbacce, tanto che in alcuni tratti il guardrail non è più visibile".

"Sulla stessa strada - aggiunge il consigliere - a causa della frana, non arginata né con un muro in cemento armato né con gabbie di pietre, la viabilità si è spostata verso la cunetta, rendendo pericoloso il passaggio contemporaneo di due automobili. Si sono inoltre creati affossamenti del manto stradale a causa del passaggio di tir e mezzi pesanti. Anche la strada provinciale verso Tollo, nel tratto Villa Grande - Morrecine - evidenzia Di Nardo - versa in uno stato di pericolosità con la carreggiata ristretta in vari punti a causa di più frane".

"Si tratta di due strade ad elevato rischio frane perché le acque piovane non riescono a defluire, generando pericolose pozze d'acqua, che sembrano veri e propri laghi. La circolazione rappresenta dunque un costante pericolo per gli automobilisti".

Per questi motivi, nella mozione, si invitano la Giunta comunale ed il sindaco, Leo Castiglione, ad "attivarsi immediatamente affinché la Provincia di Chieti intervenga per sanare tale situazione e ad adottare misure idonee a ristabilire la viabilità e salvaguardare l'incolumità degli automobilisti". Si impegna, inoltre, la Giunta a "garantire la messa in sicurezza" delle due strade.

"Sembra che la priorità di questa amministrazione sia cambiare i nomi delle piazze - osserva Di Nardo - ma, in realtà, ad Ortona ci sono vere emergenze che rappresentano un grave pericolo per tutti coloro che, quotidianamente, per andare a lavoro o per motivazioni personali, percorrono quelle strade. E' da queste emergenze che, a nostro avviso, si dovrebbe partire", conclude il consigliere.

 

Ortona. Questa mattina in Comune a Ortona si è svolta la presentazione della convenzione per la gestione della mensa di solidarietà "Il ristoro degli angeli", in collaborazione con la Caritas Diocesana Arcidiocesi Lanciano-Ortona.
Presenti, insieme al sindaco di Ortona Leo Castiglione e all'assessore alle Politiche sociali Roberta Daloiso, anche il vescovo Emidio Cipollone. La nuova convenzione è stata firmata dall'amministrazione comunale con l'associazione "Joseph onlus" aderente alla Caritas.
“Questa convenzione mostra vicinanza, attenzione e solidarietà verso chi ha bisogno – ha affermato il sindaco di Ortona, Leo Castiglione - abbiamo migliorato sicuramente un servizio che da anni, grazie al lavoro de ‘Il ristoro degli angeli’, era proprio a sostegno di chi ha bisogno. Noi lo abbiamo ottimizzato con questa convenzione con la Caritas, l’associazione e ‘Il ristoro degli angeli’ affinchè ci sia un servizio anche di qualità, ma soprattutto che ridia dignità a queste persone. Un piatto caldo significa stare insieme, socializzare, lavorare tutti insieme affinchè queste persone possano essere reinserite a livello sociale nella comunità. Questo deve essere il nostro obiettivo e passa attraverso il coinvolgimento di tutta la comunità dal mondo imprenditoriale a quello del volontariato, delle associazioni e delle istituzioni, stiamo lavorando in questa direzione. C’è una povertà soprattutto educativa e poi c’è un effetto domino con la creazione di altre povertà, allora dobbiamo stare attenti e mettere in campo quegli strumenti che possano contrapporsi a questi nuovi tipi di povertà. Noi come comunità, come città stiamo investendo da anni sulle politiche sociali e sul disagio, ovviamente c’è tanto da fare, ma dev’essere un lavoro quotidiano fatto in sinergia con tutti i portatori di interessi e tutti gli attori principali di questo mondo, quindi dalle istituzioni alle associazioni di volontariato e anche alle istituzioni religiose”.
“L’obiettivo di questa convenzione non è solo quello di offrire un servizio di sostegno alimentare alle famiglie meno abbienti di questa citta - l'assessore alle Politiche sociali Roberta Daloiso – ma punta anche a monitorare tutta una serie di bisogni legati all’aspetto psicologico, sociale ed economico. Quindi si vuole concertare tutta una serie di interventi socio-assistenziali e abbiamo accolto la disponibilità dell’associazione per la gestione della mensa e continuerà a collaborare anche con ‘Il ristoro degli angeli’. Sono contentissima perché con questa modalità di gestione si garantisce un servizio di qualirà superiore rispetto a quello che c’era prima. Attualmente le famiglie che usufruiscono di questo servizio oscillano tra le 30 e le 35 compresi i nuclei famigliari che vengono assistiti direttamente a casa non avendo la possibilità di recarsi fisicamente alla mensa”.
“Noi come Chiesa stiamo cercando di camminare sempre insieme a tutti i suoi componenti e a quelli della società - ha sottolineato il vescovo dell'Arcidiocesi Lanciano-Ortona, Emidio Cipollone – anche all’istituzione comunale e a tutti coloro che da laici si muovono nel volontariato. Cìè la continuazione de ‘Il ristoro degli angeli’, manterrà il sup stesso nome e cercheremo di servire in locali migliori i poveri perché possano sentirsi davvero non soltanto sfamati, ma anche accolti e rispettati nella loro dignità. Povertà vecchie si aggiungono a poertà nuove e bisogna stare attenti a saperle riconoscere anche dietro alle forme apparenti della richiesta di un piatto di pasta o del pagamento di una bolletta o di una visita medica, potrebbero essere povertà più profonde che ineriscono la povertà della persona, noi dobbiamo essere bravi ad andare fino in fondo nel riconoscerle ed aiutare le persone nel risolvere quel problema che hanno e soprattutto a ridare loro la dignità”.
“Per noi penso che sia un momento bello - ha detto il presidente dell'associazione Joseph, Luigi Cuonzo – ci tengo a dire he l’associazione Joseph è un po’ il braccio operativo della Caritas Diocesana. Per chi ci ha messo cuore e impegno è bello vedere che sia stato apposto quest’altro tassello nel mosaico della solidarietà. Non è facile far dialogare Enti diversi come l’Arcidiocesi e la Caritas Diocesana per dialettica tanto quanto per gli obiettivi diversi. Però questo conferma che quando si pensa ad altro e non a noi stessi le cose si possono realizzare. La Caritas Diocesana è presente già nell’area dell’Arcidiocesi Lanciano-Ortona, facciamo già un’opera sul territorio, attraverso questi servizi concreti di aiuto alle persone veniamo a scoprire purtroppo delle povertà molto più difficili da arginare perché il piatto di pasta o il pacco viveri che noi cerchiamo di dare a chi è in difficoltà poi ci fanno scoprire altre problematiche. Quindi l’opera semplice della mensa della solidarietà serve anche a questo: con i volontari è semplice preparare un piatto di pasta, ma bisogna mangiare assieme a quella persona, ascoltarla, capire i vari problemi. Poi i furbetti sono da tutte le parti e questa cosa serve proprio a monitorare i bisogni che incontriamo. La povertà che spesso incontriamo non è sempre quella materiale, ma spesso va affrontata in un altro modo, quindi è bene in questo periodo saper usare bene le risorse. Se noi riusciamo a realizzare tutte queste cose è grazie ai fondi dell’8xmille, certamente in questo caso devo ringraziare il Comune che ha fatto bene la sua parte, un grazie mi sento di dire all’assessore Roberta Daloiso, a ‘Il ristoro degli angeli’ che da anni fa parecchio, volutamente abbiamo lasciato lo stesso nome non solo per un senso di continuità, ma anche per cutodire la storia e le sue radici”.
“Sono veramente contenta perché è un giorno di vittoria – ha commentato la presidente della mensa di solidarietà ‘Il ristoro degli angeli’, Emilia Tacconelli – è da tanto tempo che stiamo combattendo, abbiamo affrontato delle battaglie pesanti e devo riconoscere che c’è stata collaborazione, solidarietà con il vescovo, la Caritas, con l’istituzione della figura del sindaco e l’assessore Roberta Daloiso. Abbiamo lavorato veramente in sintonia, altrimenti questi risultati non si sarebbero ottenuti. Quella di oggi è una vittoria, però non abbiamo vinto noi ma hanno vinto i poveri perché il Signore non li abbandona mai. Se io e i volontari non avessimo creduto in questa attività, perché ci sono tante persone che hanno bisogno non solo del piatto di pasta, non saremmo potuti andare avanti perché abbiamo avuto anche dei contrasti. Quindi oggi è una vittoria dei poveri perché non sono stati abbandonati e questa convenzione ne è la testimonianza”.

Pagina 1 di 36

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Notizie Recenti

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione