San Salvo. Il Comune di San Salvo, nell’ambito delle numerose attività svolte nel campo delle Politiche sociali, pone particolare attenzione all’autismo e nello specifico al comportamento dei ragazzi nell’ambito scolastico.
“La nostra azione di formazione e informazione oltre che alle famiglie – spiega il sindaco Tiziana Magnacca – è rivolto al mondo della scuola e nello specifico al corpo docente attraverso degli incontri che aiutino a comprendere meglio le dinamiche di questa patologia in aumento nella fascia infantile e per favorire le relazioni sociali”.
L’incontro formativo riservato al corpo docente è in programma mercoledì 17 gennaio alle ore 16.30 presso il Park Hotel Gabri. Dopo i saluti del sindaco Tiziana Magnacca e dell’assessore alle Politiche sociali Oliviero Faienza ci sarà la relazione di Lucia Russi, neuropsichiatra infantile e psicoterapeuta Asl Foggia 1.

San Salvo. Si è conclusa con la consegna degli attestati ai partecipanti la prima edizione di “Presepi e Quartieri” organizzata dall’Assessorato alla Cultura del Comune di San Salvo “per valorizzare la Natività che rappresenta – come ha spiegato il sindaco Tiziana Magnacca, durante la cerimonia svoltasi domenica scorsa nella chiesa di San Giuseppe – il simbolo della cristianità oltre a favorire l’aggregazione sociale e il senso di appartenenza alla comunità”.
Hanno partecipato all’iniziativa diverse scuole della città, le associazioni e le famiglie dei quartieri di San Salvo. Tutti i lavori realizzati sono stati esaminati da una giuria tecnica composta da Claudio Gaspari, Paolo De Giosa ed Ettore Altieri.
L’assessore alla Cultura Maria Travaglini ha evidenziato la soddisfazione dell’Amministrazione comunale “per essere riusciti a coinvolgere semplici appassionati di arte presepiale” e tutto questo “rappresenta il segnale evidente di una comunità che unita vuole salvaguardare e proiettare nel futuro le proprie tradizioni e origini”.
Nel corso della cerimonia, presente il parroco don Raimondo Artese, il sindaco Magnacca ha ringraziato quanti hanno partecipato e in particolare i bambini che sono stati coinvolti nell’iniziativa con tanto entusiasmo realizzando presepi a loro modo originali quanto particolari.
“E’ stato importante il coinvolgimento dei piccoli nella vita sociale – ha infine concluso l’assessore Travaglini – perché già dalla loro giovane età vengono educati a essere partecipi nella comunità in maniera concreta e costruttiva”.

San Salvo. Tradizionale premiazione nel giorno dell’Epifania a San Salvo con la cerimonia conclusiva della quinta edizione Mostra-concorso di arte presepiale che si è svolta nel museo archeologico della Porta della Terra. I vincitori sono stati decretati dalla giura popolare con il voto espresso dai numerosi visitatori e da una giura tecnica composta da Claudio Gaspari, Antonino Vicoli e Paolo De Giosa.
Primo premio della giuria tecnica è stato assegnato a Giuseppe D’Addario, secondo posto a Eliseo Iovine e terzo ex aequo a Loredana Delle Donne e alla Matrix. Per la giuria popolare il primo posto è andato a Mario Comparelli.
A premiare gli artisti partecipanti il sindaco di San Salvo Tiziana Magnacca che ha evidenziato come la mostra-concorso “contribuisca a mantenere vivo il valore della Natalità e, attraverso l’arte, vogliono inviare messaggi di fiducia e di speranza agli uomini di oggi”.
L’assessore alla Cultura Maria Travaglini nel ringraziare i partecipanti ha ribadito il valore educativo dell’arte presepiale e dell’opportunità positiva che la mostra venga allestita nel museo archeologico che “diventa anche occasione di promozione di questo luogo di cultura”.
Un sentito ringraziamento del sindaco Magnacca a Michele Daniele e Alfonso Buccigrossi per la proposta e l’organizzazione di questo evento, giunto alla quinta edizione.
Per il sostegno all’iniziativa, si ringraziano gli sponsor Conad di Nicola e Giuseppe Raspa, Cartolibreria Fabrizio, Osteria delle Spezie, Lavanderia Bartolini, Osteria del Padre, Bar Roma, ditta Metallufficio, l’Euroortofrutticola, Fir Cb San Vitale e la Casine delle Rose.

San Salvo. Il Comune di San Salvo è pronto ad affrontare al meglio l’emergenza neve con la messa in sicurezza della viabilità stradale. L’assessorato alla Manutenzione ha provveduto a predisporre un articolato piano neve che è stato approvato dalla Giunta comunale.
Sono state istituite due sale operative, uno di coordinamento generale nel Comando della Polizia Locale e una di coordinamento mezzi presso il deposito comunale.
“L’esperienza negli anni passati – spiega il sindaco Tiziana Magnacca – ci ha consentito di adottare i giusti provvedimenti, che si caratterizzano in due ambiti di intervento come lo sgombero neve e gli interventi anti ghiaccio per la sicurezza stradale. Tutto questo per consentire la viabilità delle principali strade, a seguito di un monitoraggio effettuato dall’assessorato alla Manutenzione e su indicazione della Prefettura, per rispondere al meglio alla necessità di garantire le attività in città”.
Tutto le strade verranno pulite, San Salvo è stata divisa in tre aree con interventi progressivi. “Le strade di San Salvo sono state classificate – afferma l’assessore alla Manutenzione Giancarlo Lippis – come strade di grande percorrenza (colore rosa), strade di media percorrenza (colore verde) e strade di breve percorrenza (colore celste) come si può prendere visione dall’apposita cartina realizzata con il Comando della Polizia Locale”.
Come è facilmente comprensibile i colori indicano la graduatoria di priorità. Viene privilegiato l’accesso alle strutture sanitarie e mediche, alla sede comunale, che diventa sede di coordinamento, alle scuole, agli uffici postali, edifici di culto e cimitero, ai parcheggi e piazze e al centro storico.
Il piano neve prevede l’utilizzo della forza operativa del personale del Servizio Manutenzione, dei gruppi di Protezione civile (Valtrigno, Arcobaleno e Fir Cb San Vitale), della Croce Rossa e di ditte specializzate qualora ce ne fosse bisogno. Sono già stati stivati nei depositi comunali sessanta tonnellate di sale che verrà utilizzato sia sulle strade ed eventualmente a richiesta dei cittadini per uso privato.
Nelle strade di grande percorrenza (rosa) verranno utilizzati due autocarri con lama e un trattore con lama di grandi dimensioni e un autocarro spargisale; nelle strade di media percorrenza (verde) verranno utilizzati due bobcat, una terna, un trattore con lama e un trattore spargisale; nelle strade di breve percorrenza (celeste) una turbina per passaggio pedonale, una terna, tre bobcat e un trattore spargisale.
“E’ evidente che il nostro impegno debba avere anche la collaborazione dei cittadini – sottolinea in conclusione l’assessore Lippis – che a loro vola devono rimboccarsi le maniche collaborando nel mantenere puliti gli spazi prospicienti le loro abitazioni, oltre che considerare l’eventualità di servizi ridotti nella raccolta dei rifiuti”.
Per ogni comunicazione saranno operativi i seguenti numeri di emergenza: sala operativa di coordinamento generale (0873.54113) e coordinamento mezzi (0873.346023).

San Salvo. Hanno avuto inizio i lavori del secondo lotto della pista ciclabile che completerà la pista ciclabile che dalla Statale 16 Adriatica arriverà fino alla Rotonda degli Alpini su progetto dello studio associato Nicola Centofanti e Gabriele Bonifacio. Come è noto, lo scorso anno è già stato aperto all’utilizzo degli amanti della biciletta il primo tratto che collega dalla marina all’intersezione con la zona industriale. Ora con questo secondo intervento verrà completata l’intera opera.
“Il Comune di San Salvo – evidenzia il sindaco Tiziana Magnacca – con la realizzazione della pista ciclabile dalla marina alla rotonda degli Alpini entrerà a pieno titolo nella rete dei percorsi ciclo-pedonali regionali dopo aver completato, primo comune abruzzese, il tracciato del ‘Bike to coast’ ed è un ulteriore sprone all’uso della bicicletta tra i residenti, i turisti e chi si reca al lavoro nella zona industriale”.
Il sindaco evidenzia come con la pista ciclabile mare-città si prosegua “nell’opera di valorizzazione del territorio in una dinamica di implementare la nostra vocazione di turismo anche in una visione di mobilità sostenibile. Tutto questo ben si inserisce con le linee di sviluppo della ‘Via verde Costa dei Trabocchi’ che ha come obiettivo lo sviluppo del sistema di accoglienza per migliorare l’attrattività del territorio”.
“Il percorso del secondo lotto – conclude l’assessore ai Lavori Pubblici Maria Travaglini – ha una lunghezza di circa 1.500 metri con una pendenza media del 3 per cento. L’intera pista ciclabile “mare-città” sarà illuminato e valorizzato con il sistema di bike sharing”.

San Salvo. C’è tempo fino al 14 aprile per presentare la domanda per usufruire dei fondi per la fornitura gratuita o semigratuita dei libri di testo per l’anno scolastico 2017/2018 riservato agli studenti della scuola dell’obbligo e della scuola secondaria superiore per le famiglie residenti a San Salvo.

Ne dà notizia l’assessore alle Politiche sociali Oliviero Faienza precisando che possono presentare richiesta - su apposito modulo che si può ritirare presso le segreterie delle scuole e il Segretario sociale del Comune di San Salvo – coloro che non hanno un reddito ISEE, in corso di validità, superiore al limite massimo di € 15.493,71.

Alla domanda dovrà essere allegata la seguente documentazione: elenco dei libri acquistati per l’anno scolastico 2017/2018 corredato dal visto e dal timbro della cartoleria o cartolibreria dove si è effettuato l’acquisto o dalla ricevuta/scontrino fiscale; copia codice fiscale del richiedente; certificato ISEE in corso di validità.

San Salvo. “Il presepe vivente, organizzato e realizzato dai bambini dell’Istituto comprensivo 2, mi ha dato gioia, forti emozioni e soprattutto sentimenti di grande tenerezza per uno dei simboli più veri della Natività, che racchiude il senso pieno del Natale ed ospitato nel centro della nostra città”.
Lo ha dichiarato il sindaco Tiziana Magnacca nel commentare, a distanza di qualche giorno, la rappresentazione del presepe vivente "In notte placida", giunta alla sua quarta edizione, organizzato dall’Istituto Comprensivo 2 di San Salvo, con il patrocinio del Comune e la compartecipazione dell’Università delle Tre Età e della Pro Loco.
Migliaia di persone hanno seguito il percorso predisposto nel centro cittadino con i suoi angoli caratteristici, con il prezioso lavoro degli insegnanti e dei genitori dei bambini.
Numerose le stazioni allestite, tra cui la postazione delle lavandaie presso la Fontana Vecchia, la postazione degli scribi e del censimento, la corte di Erode, la sinagoga, la grotta della natività, le varie botteghe artigianali tra cui quella dello speziale, del mercante di tessuti e dei tintori, la bottega del maniscalco, quelle della frutta, della verdura e del pane, l’angolo delle massaie. Il presepe vivente ha avuto inizio con il corteo dei figuranti, partito dalla chiesa di San Nicola e dopo aver percorso corso Garibaldi, ha raggiunto il centro storico con la conclusione finale della processione degli Angeli portatori di Luce.
“Un ringraziamento particolare – ha concluso il sindaco Magnacca – ai genitori e a tutte le famiglie, agli insegnanti e alla coordinatrice Teresa Antonietta Teti per il lavoro svolto”.

San Salvo. Una risposta articolata e puntuale sulle condizioni dell’Ambulatorio vaccinale di San Salvo è stata inviata al Sindaco e al Comando Nas dalla responsabile del Servizio Igiene e Sanità pubblica della Asl Lanciano Vasto Chieti, Ada Mammarella.

Nella nota vengono richiamate le criticità rilevate dai Carabinieri a seguito del controllo effettuato, e per ciascuna forniti i dovuti chiarimenti:

Riguardo alla carenza dei requisiti strutturali evidenziati nella Sede erogativa di San Salvo, è stato precisato che nei mesi scorsi la Asl ha già trasmesso al Comune un Piano di Adeguamento con relativo Cronoprogramma. Altri interventi saranno eseguiti a breve per la sostituzione della rubinetteria e soluzioni per una maggiore fruibilità della segnaletica.

In riferimento, invece, alle carenze di tipo impiantistico, relativamente alle infiltrazioni di acqua dal soffitto nella stanza/magazzino attigua alla segreteria, nella nota viene ricordato come il terrazzo sia stato già oggetto di recente manutenzione e coibentazione, con sostituzione integrale qualche anno fa della guaina protettiva, che nella scorsa estate è stata comunque revisionata. Ad ogni modo, si interverrà per sanare il problema con interventi straordinari.

Quanto, poi,ai requisiti minimi tecnologici, Mammarella ha fatto rilevare come l’ambulatorio vaccinale sia dotato di un carrello per la gestione dell’emergenza con la dotazione farmacologica e strumentale, così come richiesto dal Manuale di Autorizzazione di cui alla Legge regionale 32/07; i militari del Nas ne hanno contestato la non conformità in quanto non chiuso, pertanto c’è l’impegno ad acquistarne uno che risponda a tali indicazioni. Si precisa, a ogni buon conto, che l’ambulatorio vaccinale può disporre di un carrello già attrezzato e munito di defibrillatore, condiviso con le attività ambulatoriali della Sede Erogativa di San Salvo.

Infine, per il frigorifero con avaria al tachigrafo ubicato all’interno dell’ambulatorio vaccinale, la criticità è stata superata mediante un intervento tecnico risolutivo. La funzione del tachigrafo è quella di registrare e tracciare i dati relativi all’escursione termica, pertanto il mancato funzionamento non compromette la conservazione dei vaccini poiché la temperatura è sempre visibile sul display. E’ stato comunque chiarito che nel frigorifero oggetto di contestazione venivano tenuti in modo temporaneo i vaccini da utilizzare durante la seduta, ricollocati, poi, a fine attività, nell’altro frigorifero, salvaguardando la catena del freddo con lettura digitale e visiva.

“In tutti gli ambulatori vaccinali – conclude Mammarella – nel rispetto di procedure codificate e linee guida, prima dell’inizio di ogni seduta vaccinale vengono verificati la corretta tenuta e conservazione dei vaccini e l’effettivo buon funzionamento dei frigoriferi. Tutto questo grazie a operatori esperti e validi professionisti che vi prestano la loro opera”.

San Salvo. Si è svolto ieri a Ortona il primo Driving Test gratuito rivolto ai giovani neopatentati che conseguono la patente con il metodo ACI READY2GO.

«Con il Metodo ACI» ha spiegato il direttore dell’Automobile Club Provinciale Roberto D’Antuono «si applica una tecnica formativa, certificata ISO 9001:2008, che integra la preparazione convenzionale con nuovi moduli didattici teorici e diverse prove pratiche. Senza appesantire il corso, gli allievi acquisiscono nuove competenze spesso tralasciate nella formazione automobilistica. Con “Ready2Go” prendere la patente significa soprattutto prepararsi con metodo, conoscere realmente i rischi della strada ed acquisire le corrette tecniche di guida».

Ieri mattina in Piazza Aldo Moro, gli allievi dell’Autoscuola 2000 di Tambelli hanno potuto testare, sotto la guida attenta di un istruttore qualificato del Centro di Guida Sicura ACI di Vallelunga (RM), il più all’avanguardia in Europa, situazioni tipo la frenata d’emergenza su fondo stradale con scarsa aderenza, la partenza da fermo su fondo bagnato, il repentino cambio di direzione, la sostituzione di una gomma, i principali controlli ed i piccoli interventi che ogni automobilista deve saper effettuare e che contribuiscono all’efficienza e sicurezza delle autovetture.

«Il principio ispiratore dell’Autoscuola è che esiste una profonda differenza tra guidare e guidare in modo sicuro. Infatti presso la nostra sede di Piazza Aldo Moro» hanno proseguito i titolari dell’Autoscuola Luigi e Antonella Tambelli «i ragazzi che devono conseguire la patente troveranno, oltre ai moduli teorici, supportati però da applicazioni multimediali innovative, anche una serie di filmati esplicativi ed un utilissimo simulatore di guida, capace di riprodurre virtualmente tutte le possibili condizioni di traffico in città. Ma soprattutto sono previste lezioni pratiche, tipo quella di ieri, che hanno l’obiettivo di verificare e sperimentare i concetti appresi nelle sessioni teoriche: in area riservata e chiusa al traffico, opportunamente allestita con le attrezzature mobili messe a disposizione da ACI».

Anzi, sempre grazie ad ACI, una selezione di ragazzi neopatentati Ready2Go si recherà il prossimo anno direttamente al Centro di Guida Sicura di Vallelunga (RM) per frequentare gratuitamente i corsi di guida sicura e diventare "Ambasciatori di Sicurezza Stradale" presso i loro coetanei.

«Le statistiche evidenziano, purtroppo tragicamente, che in Italia il 30% dei giovani che muoiono sulle strade hanno un'età compresa tra i 18 e 24 anni. Deve essere quindi un nostro preciso obiettivo sociale, un dovere civico, migliorare, e di molto, questi dati. Il metodo ACI-Ready2Go che favorisce lo sviluppo di una nuova generazione di automobilisti, maggiormente consapevoli ed attenti, vuole contribuire a consentire un’inversione di tendenza con la riduzione in percentuale del numero di vittime per incidenti stradali» è stata la conclusione dell’avv. Camillo Tatozzi, Presidente dell’ACI-Automobile Club Provinciale di Chieti.

San Salvo. “Una situazione che durava da decenni e che penalizzava non solo tutte le famiglie che avevano comprato e costruito in buona fede, del tutto ignare delle linee demaniali, e che pregiudicava anche la Città di San Salvo perché se non fosse intervenuto questo provvedimento avremmo avuto un grave pregiudizio del valore immobiliare della nostra città e per quanti avevano creduto e investito su San Salvo creando economia. Si è risolto un problema secondo giustizia ed equità una situazione che sinora nessuno aveva la volontà e l’interesse a risolvere ridisegnando la linea demaniale secondo i profili degli ingombri degli immobili”.
A dichiararlo nel corso della conferenza il sindaco di San Salvo Tiziana Magnacca alla presenza del sottosegretario alla Giustizia Federica Chiavaroli e degli amministratori di diversi amministratori condominiali di San Salvo Marina, per illustrare l’emendamento alla legge 4 dicembre 2017, n. 172, che all’articolo 17 quinquies, chiarisce la sorte di oltre mille immobili sul litorale facendo cadere le diffide e la messa in mora del Demanio regionale rispetto ai proprietari che in tutto o in parte avrebbero dovuto pagare canoni pregressi e quelli futuri per migliaia di euro.
Il sindaco ha spiegato come questo “sia il risultato del lungo lavoro portato avanti da questo Comune presso la Direzione generale del Demanio a Roma e di quello regionale, per il tramite del sottosegretario alla Giustizia Federica Chiavaroli. E’ un risultato insperato per la nostra Città, che ha permesso di risolvere la decennale questione degli immobili i quali insistevano sui terreni demaniali e in quanto tali nella impossibilità dei cittadini di disporne liberamente”.
In pratica è stata seguita, carte alla mano, la procedura che consentì nel 2004 di salvare il destino degli immobili a Campomarino ed avrà efficacia retroattiva per gli oneri richiesti dal Demanio con possibilità dei proprietari di poter avere piena disponibilità. “Non si tratta di una sanatoria – ha ribadito il sindaco Magnacca – ma solo il ripristino una misura di equità e di giustizia perché chi ha acquistato non si è approfittato di nulla, e lo dimostrano tutte le autorizzazioni che hanno ottenuto. Ciò che abbiamo fatto è stato solo in difesa degli interessi dei cittadini e della nostra Città”.
“Oggi è una bella giornata – ha detto il sottosegretario Chiavaroli – perché portiamo a San Salvo la soluzione di un problema annoso che riguarda più di mille abitazioni poste sul lungomare e che ricadevano in area demaniale e che rischiavano di pregiudicare la proprietà di persone che l’avevano acquistato in buona fede”. Ed ha aggiunto: “Abbiamo risolto, grazie a un percorso virtuoso, il problema grazie al lavoro approfondito dei tecnici del Comune di San Salvo e dell’Agenza del Demanio, grazie anche a un grande lavoro dell’Amministrazione, dimostrando che quando c’è buona volontà e capacità di studiare e di approfondire i problemi si rivolvono. E’ l’esempio di come si risolvono in concreto i problemi, perché con la burocrazia ci vuole pazienza e fermezza. Una bella pagina per questa Amministrazione comunale”.
Il presidente del Consiglio comunale, Eugenio Spadano, ha infine evidenziato a conclusione come questa “sia una vicenda che andava avanti da quarant’anni nota non solo agli amministratori locali, ai proprietari e ai parlamentari. In questi anni nessuno aveva affrontato il problema portandolo a soluzione. Dobbiamo riflettere anche su queste cose altrimenti questa soluzione appare scontata. E’ passato del tempo causato angosce e problemi a chi voleva vendere e a chi voleva acquistare. La soluzione è stata data con i termini fissati dalla legge, sancendo ora un principio che il demanio non è più proprietario di questi immobili. Il merito è di questa Amministrazione che è stata capace di farsi carico del problema trovando le persone giuste con le quali colloquiare. I dati sono questi e incontrovertibili”. Una stoccata finale verso chi “in una vicenda così particolare qualcuno ha tentato dire che fosse una sanatoria ed ha cercato di mettere in dubbio e di vanificare tutto il lavoro fatto. La politica è una cosa seria e non si può improvvisare non conoscendo fino in fondo il funzionamento delle Istituzioni senza sapere cosa si dice o si fa”.


LEGGE 4 dicembre 2017, n. 172
Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 16 ottobre 2017, n. 148, recante disposizioni urgenti in materia finanziaria e per esigenze indifferibili.
Art. 17 - quinquies . (Disposizioni in materia di enti locali). — 1. Al comma 2 -bis dell’articolo 6 del decreto legge 29 marzo 2004, n. 80, convertito, con modificazioni, dalla legge 28 maggio 2004, n. 140, dopo le parole: “Comune di Campomarino (Campobasso)” sono inserite le seguenti: “e del Comune di San Salvo (Chieti)”.

Pagina 1 di 10

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione