Pescara. La Polizia di Statoha tratto in arresto, nella giornata di ieri, EL KIRED Nourddine, 32enne palestinese, senza fissa dimora, già noto alle forze dell’ordine per precedenti in materia di stupefacenti e furto.L’operazione è stata effettuata dagli Agenti del Commissariato dei Pubblica Sicurezza di Atri (Te) e dal personale della Squadra Mobile di Pescara.

L’uomo, rintracciato nei pressi di un supermercato di Silvi Marina (TE), era ricercato per il tentato omicidio di un 40enne marocchino, B.H., che il 2 giugno scorso, in Marina di Città Sant’Angelo, era stato affrontato da EL KIRED il quale infrageva due bottiglie di vetro utilizzandole per colpire al petto il malcapitato, il quale, caduto a terra, veniva anche violentemente percosso con una pietra.

Sebbene gravemente ferito, il marocchino riusciva a chiedere aiuto.

Trasportato d’urgenza presso il nosocomio pescarese, veniva ricoverato in prognosi riservata e sottoposto ad immediato intervento chirurgico a causa delle ferite al polmone.

Le indagini immediatamente avviate dalla Polizia di Stato consentivano di far luce su movente e responsabile del cruento episodio.

EL KIRED si sarebbe infatti accanito su B.H. ritenendolo “colpevole” di aver dissuaso, allontanandolo, un minorenne che si era recato quello stesso 2 giugno, in via delle Tamerici (luogo dell’avvenuta aggressione), intenzionato ad acquistare stupefacente dal palestinese.

La perdita del potenziale cliente sarebbe quindi alla base della “vendetta” del palestinese.

In sede di denuncia i poliziotti ponevano in visione al ferito alcune fotografie, tra le quali riconosceva senza alcun dubbio quella di EL KIRED.

La Procura della Repubblica di Pescara (dr. Andrea Papalia), sulle base degli elementi probatori prospettati dagli investigatori, chiedeva ed otteneva dal G.I.P. (dr.Elio Bongrazio) un provvedimento cautelare di custodia in carcere, eseguito ieri dal Commissariato di Atri e dalla Squadra Mobile della Questura di Pescara.

Peraltro EL KIRED Nourddine lo scorso aprile era riuscito a sfuggire ai poliziotti della mobile che, sempre in via delle Tamerici di Marina di Città S.Angelo, lo avevano sorpreso con diverse dosi di hashish, già confezionate e pronte per la vendita al dettaglio.

In quell’occasione l’uomo aveva opposto resistenza ai poliziotti, con cui aveva ingaggiato una violentissima colluttazione, riuscendo alla fine a sottrarsi all’arresto dileguandosi nella vegetazione circostante.

Pescara. Il personale della Polizia di Stato,nella giornata odierna,nel corso di un’operazione di Polizia finalizzata alla prevenzione e repressione del traffico illecito di sostanze stupefacenti, ha proceduto all’arresto, nella flagranza del delitto di cui all’art 73 D.P.R. 309/90, di: FLORINDI Antonio, classe’95, residente a Montesilvano (PE). Il medesimo veniva sorpreso mentre cedeva sostanza stupefacente a persona minorenne. Nel corso dell’operazione venivano rinvenuti e sequestrati gr.21 circa di Hashish. Lo stesso veniva posto agli arresti domiciliari come disposto dall’A.G. Dopo le formalità di rito, e veniva accompagnato presso la propria abitazione.

L’arresto è stato eseguito da personale della locale Squadra Mobile.

Atessa. Si è spacciato per avvocato e ha prima truffato una anziana signora ad Archi (CH), la quale è caduta nel tranello e, disperata per la sorte del proprio figlio, ha consegnato allo sconosciuto malvivente tutto ciò che aveva in casa, ovvero circa 600 euro in contanti e i gioielli di famiglia. Visto il primo successo, l’uomo ha reiterato lo stesso raggiro in danno di un'altra anziana, questa volta a Tornareccio.
Questa volta, però, la vittima, insospettita, ha avvertito il figlio che credeva in caserma sottoposto a fermo il quale, a sua volta, compreso quanto stava accadendo, ha informato immediatamente carabinieri di Atessa, quelli veri, che hanno immediatamente predisposto una fitta rete di servizi per intercettare il malvivente.
Vistosi scoperto e notata una pattuglia dei carabinieri il malvivente si e’ dato ad una precipitosa e pericolosa fuga a bordo della sua autovettura nel centro del paese del miele, guidando spericolatamente tra le strette vie paesane e mettendo in serio pericolo i cittadini presenti che assistevano increduli alla scena da film.
Subito inseguito dai Carabinieri della Compagnia di Atessa, l’uomo non mostrava alcuna intenzione di fermarsi ed anzi accelerava l’andatura e teneva una guida fortemente pericolosa per i cittadini e per gli stessi militari dell’Arma che lo seguivano a breve distanza. Vista la necessità di interrompere la pericolosa situazione, uno dei militari ha esploso un colpo d’arma da fuoco verso le ruote del veicolo, costringendo il malvivente a fermarsi. L’uomo e’ stato così bloccato ed arrestato dai militari del nucleo operativo e radiomobile della compagnia atessana.
Con se aveva i soldi ed i gioielli poco prima sottratti all’anziana signora di Archi, che sono stati quindi recuperati e restituiti alla donna.
L’arrestato e’ stato identificato in
- MICALLO PASQUALE, di 42 anni, napoletano, gia’ noto alle FF.PP. per precedenti vicende della stessa indole, il quale e’ stato tradotto agli arresti domiciliari su disposizione della Procura frentana, in attesa del giudizio.
L’arresto di oggi mostra l’elevatissima attenzione rivolta dall’Arma dei >Carabinieri a tale odioso fenomeno criminale che colpisce, sempre piu’ spesso, persone anziane e sole.
Costituisce, inoltre e con soddisfazione, l’efficacia delle molte campagne di sensibilizzazione nei confronti degli anziani periodicamente svolte in tutti i comuni dai Comandanti delle Stazioni Carabinieri sul territorio.
L’immediata segnalazione della signora di Tornareccio e del proprio figlio, ha consentito un intervento tempestivo, tanto da sorprendere il malvivente con le mani nel sacco.

E’ importante, quindi, la collaborazione istituzionale tra le forze dell’ordine, gli organi di stampa e quanti hanno la possibilità di divulgare il messaggio che renda possibile alle persone sole, anziane, di informare, in ogni caso dubbio, al piu’ presto i Carabinieri o le altre forze di polizia, di quanto sta accadendo.
Solo in tal modo si potrà arginare il fenomeno delle truffe ad anziani.

Pescara. Personale della Polizia di Stato,nella giornata odierna, ha eseguito un ordine di esecuzione per l’espiazione presso il domicilio delle pene detentive emesso dal Magistrato di Sorveglianza di Pescara nei confronti di SPINELLI Giovina, nata ad Avezzano (AQ), classe’72; la stessa si è resa responsabile di una serie di furti a Pescara e provincia. La predetta deve scontare la pena residua di mesi 8 e 19 giorni di reclusione domiciliare. Dopo le formalità di rito, veniva accompagnata presso il proprio domicilio.

L’arresto è stato eseguito da personale della locale Squadra Mobile.

Pescara. Alle prime ore della mattina i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Pescara hanno tratto in arresto, in esecuzione a ordinanza di custodia cautelare emessa dal GIP del Tribunale di Pescara, dott. Luca SARANDREA, Yassine ASSIMI, 29enne marocchino senza fissa dimora, pluripregiudicato per reati contro la persona e il patrimonio.
Le indagini dei militari sono scattate quando un 50enne di origine pugliesi si è presentato in caserma per denunciare una rapina subita all’interno del parco d’Avalos da parte di un uomo di colore che, avvicinatosi con una scusa, subito dopo lo aggrediva colpendolo con calci e pugni per strappargli la catenina in oro che indossava.
I militari operanti, con l’aiuto della vittima, riuscivano ad indentificare senza ombra di dubbio il reo, già responsabile di altre aggressioni ai della stessa vittima, che già in passato aveva denunciato quanto accaduto.
La conoscenza dei due nasceva dal fatto che la vittima prestava attività di volontariato nell’associazione in cui lo straniero si presentava saltuariamente per avere assistenza. Successivi accertamenti permettevano ai Carabinieri di appurare che l’indagato era inoltre gravato dalla misura di prevenzione del divieto di rientro nel Comune di Pescara per tre anni.
L’arrestato è ristretto presso la casa circondariale di Pescara.

Pescara. Questa mattina la Polizia di Statoha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere a carico di Iole MARAFINI, classe 1981, nativa di San Benedetto del Tronto (AP), residente a Pescara, pluripregiudicata, tossicodipendente, per il reato di tentate lesioni gravissime. La misura è stata emessa dal GIP del Tribunale di Pescara, dr. Elio BONGRAZIO, su richiesta del P.M. d.ssa Barbara DEL BONO ed eseguita da personale della Squadra Mobile di Pescara.
L’arresto della donna è maturato nell’ambito di una precedente indagine in cui, lo scorso 2 maggio, erano stati eseguiti alcuni arresti che avevano consentito di debellare alcuni gruppi criminali - due di matrice albanese e tre di matrice rumena - dediti allo sfruttamento della prostituzione prevalentemente nell’area di Pescara Centro (zona stazione centrale e vie limitrofe), ma anche nella zona sud della città, per lo più nei dintorni della Pineta Dannunziana.
Nel corso di quelle indagini era emerso che la MARAFINI, affetta da HIV ed epatite “C”, era dedita all’esercizio del meretricio nell’area prossima alla stazione ferroviaria. Tale circostanza, d’intesa con l’autorità giudiziaria, era stata resa pubblica, pur con il riserbo sulle generalità della donna, in occasione della conferenza stampa con cui erano stati illustrati agli organi di informazione i risultati dell’operazione.
In effetti, nei giorni a seguire, a seguito della divulgazione della notizia, si presentava presso questi uffici un uomo che dichiarava di aver convissuto con la MARAFINI negli ultimi quattro mesi e di aver avuto con la stessa frequenti rapporti sessuali non protetti, non essendo stato mai informato del suo stato di salute.
Per tali ragioni, ritenendo concreto ed attuale il pericolo di recidiva, l’Autorità Giudiziaria ha ritenuto di emettere nei confronti della MARAFINI un adeguato provvedimento restrittivo.

Pescara. Nella giornata di ieri la Polizia di Stato,in esecuzione di un’ordinanza emessa dall’Ufficio di Sorveglianza di Pescara,ha arrestato: CIARELLI Angelo, classe ’67con decreto di cessazione dimisura alternativa, poiché deve espiare la pena residua di anni 5 mesi 7 e giorni 14 di reclusione, con sentenza definitiva della Procura Generale della Repubblica, presso la Corte di Appello di Perugia;SPINELLI Camillo, classe ‘75 con decreto di sospensione provvisoria di misura alternativa (affidamento ai servizi sociali), in attesa della sentenza del Giudice.
I provvedimenti sono stati eseguiti da personale della Squadra Mobileche accompagnava successivamente i due presso la locale Casa Circondariale.

Pescara. Questa mattina, la Polizia di Statoha sottoposto agli arresti domiciliari MANZO Serena - nataa Pescara nel 1998, senza fissa dimora, tossicodipendente, più volte indagata per furto e truffa - sulla base di una misura cautelare per il reato di rapina aggravata, emessa dal GIP del locale Tribunale, dr. Gianluca Sarandrea, su richiesta del P.M., d.ssa Barbara Del Bono, la misura è stata eseguita da personale dellaSezione Antirapina della Squadra Mobile di Pescara.
Nella serata del 29 maggio scorso, nei pressi della via Tiburtina, un 73enne di Pescara, aveva fattoaccoltola MANZO a bordo della propria autovettura,previa contrattazione di una prestazione sessuale. Dopo una prima fase in cui la donna aveva manifestato un atteggiamento cordiale, la ragazza aveva indotto l’uomo ad interrompere la marcia con la scusa di dover comprare le sigarette; quindi, minacciandolo verbalmente, gli aveva chiesto del denaro. Di fronte al suo rifiuto, aveva estratto dalla borsa una siringa puntandogliela alla gamba, sfilandogli poi dalla giacca il portafogli contenente documenti personali e la somma in contanti di 180 euro.
La giovane è stata identificata grazie all’esame delle immagini di alcune telecamere di videosorveglianza presenti in zona e grazie alle accurate descrizioni fornite dalla vittima della rapina.

Pescara. Ennesimo arresto per spaccio di stupefacenti operato ieri sera dai Carabinieri della Stazione di Pescara Scalo nel centro cittadino, cuore della movida pescarese. L’arrestato è JOROME OMORUYI, nigeriano, 39enne, pregiudicato che, notato dagli operanti mentre si aggirava tra i giovani avventori dei numerosi locali, è stato immediatamente sottoposto a perquisizione personale e trovato in possesso di 30 grammi di marijuana già suddivisa in dosi e pronta per essere spacciata. L’extracomunitario aveva anche la somma di circa 500 euro in contanti di piccolo taglio ritenuta provento dell’illecita attività di spaccio.
L’uomo è stato arrestato, ristretto in camera di sicurezza a disposizione dell’Autorità Giudiziaria per il rito direttissimo che si è svolto questa mattina.

Pescara. Nella giornata di ieri, alle ore 14.45 circa, la Polizia di Stato ha arrestato SPINELLI Camillo, pescarese, classe ’75, per evasione. Nella circostanza una pattuglia del Reparto Prevenzione Crimine Abruzzo decidevadi procede, in questa Piazza Pierangeli, al controllo di un’autovettura ospitante il solo conducente. Gli agenti invitavano l’individuo a fermarsi, ma questi, per tutta risposta accelerava repentinamente tentando di allontanarsi. Gli Agenti raggiungevano e bloccavano tempestivamente il medesimo e procedevano alla sua identificazione. Da un controllo in banca dati interforze, l’uomo risultava sottoposto al regime della detenzione domiciliare presso la propria abitazione con il permesso di uscire dalle ore 10.00 alle ore 12.00 tutti i giorni per le proprie esigenze. Lo SPINELLI veniva sorpreso alla guida di un’autovettura altresì senza la patente di guida perchè revocata e non appariva un giustificato motivo all’allontanamento da casa, ed al mancato rispettodegli orari imposti dall’A.G. Su disposizione del Pubblico Ministero di turno, l’arrestato veniva accompagnato presso la sua abitazione in attesa del rito per direttissima previsto in data odierna.

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione