L’Aquila. Protagonista del dodicesimo concerto della 43° stagione ISA è il duo pianistico Antonio Ballista-Bruno Canino. Come sempre l’appuntamento è al Ridotto del Teatro Comunale “V. Antonellini”, sabato 20 gennaio alle 18.
Definiti “sognatori con i piedi rivoluzionariamente piantati a terra”, i due pianisti festeggiano sessant’anni di amicizia e collaborazione musicale, una delle più longeve e ricche di successo. Amato e stimato da pubblico e colleghi, il duo Canino- Ballista è tra gli interpreti più significativi del nostro tempo.
Agli albori del fenomeno dei duo pianistici professionali stabili, il duo italiano per antonomasia era quello formato da Gino Gorini e Sergio Lorenzi, costituitosi nel 1944. Il duo Canino-Ballista, formatosi dieci anni più tardi, fu tra i primi - in un momento di fervore internazionale che offriva grandi possibilità di lavoro anche all’estero- a proporre trascrizioni sia a quattro mani che per due pianoforti.
Nel campo della “Neue Musik” la loro presenza è stata fondamentale per la diffusione di nuove opere e per la funzione catalizzatrice che ha esercitato sui compositori. Numerosi sono stati, infatti, gli artisti delle avanguardie musicali che ai due musicisti hanno dedicato anche loro composizioni. Tra queste spicca il Concerto di Berio eseguito in prima mondiale con la New York Philarmonic diretta da Boulez. L’incisione discografica di questo concerto con la London Symphony sotto la direzione dell’autore valse al duo un prestigioso Music Critic Award.
Diretti da Maestri del calibro di Abbado, Boulez, Brueggen, Muti, il duo Canino-Ballista si è esibito con orchestre come BBC, Filarmonica della Scala, London Symphony, Orchestre de Paris, New York Philarmonic.
Titolo del concerto in programma è Notre amitiè est invariable, titolo suggestivo dato al Rondò D 608 per pianoforte a quattro mani di Schubert, uscito sei anni dopo la morte dell’autore. Il pezzo comincia con un tema che melodicamente e ritmicamente ricorda la popolarissima danza polacca e prosegue con altri due temi che ugualmente alludono al melodramma.
L’Albero di Natale di F. Liszt è una raccolta di dodici pezzi che il compositore ungherese dedicò alla nipote e che si presentavano come "semplici richiami ed emozioni giovanili," senza particolari pretese virtuosistiche o sofisticate raffinatezze compositive. L’opera è dominata da momenti di innocente virtuosismo, parentesi di tenerezza e un doveroso omaggio all’Ungheria e alla Polonia.
L’Ouverture del Tannhauser di R. Wagner nella trascrizione per pianoforte a quattro mani di Hans von Bulow si struttura nella forma tipica di introduzione, corpo principale (basato sul baccanale de Monte di Venere), perorazione e coda (basate sul canto dei pellegrini che si recavano a Roma).
Il concerto prosegue con le Danze slave in versione per pianoforte a quattro mani di Dvořák- che mirano a rendere la musica popolare boema degna delle stagioni concertistiche internazionali- e si chiude con le Danze ungheresi di Brahms. Con queste, l’autore si fece conoscere anche a un pubblico che solitamente non andava ai concerti. L’alternanza di languore e di eccitazione e la piacevolezza melodica, tipiche della musica tzigana, fecero la fortuna delle Danze, specialmente della quinta e della sesta.


Biglietti 43° Stagione ISA
Intero Euro 10,00;
Ridotto Euro 8,00;
Giovani Euro 5,00

Info: www.sinfonicaabruzzese.it

Pescara. Nasce dall’incontro di due grandi protagonisti del jazz italiano il primo concerto del 2018 della rassegna “sabato in concerto jazz”, cartellone della Fondazione Pescarabruzzo, organizzato dall’associazione Archivi Sonori, con la direzione artistica di Maurizio Rolli.

 

Dopo una serie di concerti nella Provincia, si torna nel capoluogo adriatico. Sabato 20 gennaio a Pescara, alle ore 18 (Corso Umberto 83, Maison Des Arts, ingresso libero consentito dalle 17.30 fino ad esaurimento posti), ci sarà il live del duo Michele Di Toro (pianoforte) e Piero Delle Monache (sassofono).

 

Uno spazio fatto di emozioni, un concerto in anteprima per il pubblico pescarese. Alcuni punti fermi, tra questi, il brano scritto da Michele Di Toro “La favola continua” e quello composto da Piero Delle Monache “La risacca”, per il resto alcune canzoni indimenticabili della musica italiana e tanta improvvisazione fatta di ritmi incalzanti ed eleganti, che si alternano a momenti dove dominano melodia e dolcezza.

 

“E’ un piacere suonare con Piero – dice il pianista Michele Di Toro – siamo molto amici nella vita, mi piace il suo modo di trattare il suono, non si perde in virtuosismi fini a se stessi, esce dal cliché del classico sassofonista jazz. Sarà il concerto delle emozioni, quelle che cercheremo di regalare al pubblico e che siamo certi ci restituiranno”.

 

“Collaboriamo dalla fine del 2014 – aggiunge il sassofonista Piero Delle Monache – si tratta di un progetto musicale davvero valido, che vogliamo condividere con il pubblico, per questo diventerà anche un disco. L’intenzione è quella di registrare. Ogni concerto è diverso dagli altri, unico, anche questa volta sarà così”.

 

L’appuntamento è dunque fissato per sabato 20 gennaio a Pescara. Il duo Michele Di Toro – Piero Delle Monache è pronto a stupire.

Pescara. Venerdì 19 gennaio 2018, la Società del Teatro e della Musica “Luigi Barbara” ospita il concerto di uno dei talenti emergenti più interessanti nel panorama del pianoforte classico. Alexander Gadjiev, vincitore del Premio Hamamatsu International Piano Competition 2015, si esibirà in un recital che prevede musiche di Alban Berg (Sonata in Si minore op. 1), Frédéric Chopin (Preludio in Do Diesis minore op. 45; Barcarola in Fa Diesis maggiore op. 60), Johannes Brahms (Variazioni in La minore op. 35 su un tema di Paganini (Capriccio 24) Primo Libro), Petr Ilic Ciaikovskij (Variazioni op. 19 n. 6) e Sergei Prokofjev (Sonata n. 6 in La maggiore op. 82).

Il concerto si svolgerà al Teatro Massimo di Pescara, con inizio alle ore 21. Il biglietto di ingresso costa 20€ (ridotto a 15€ per i soci della Società del Teatro e della Musica "Luigi Barbara") e si può acquistare sui circuiti online e a Pescara, presso la sede di Via Liguria.

Il concerto è realizzato nell'ambito del Progetto Circolazione Musicale in Italia del CIDIM - Comitato Nazionale Italiano Musica.

Nato nel 1994 a Gorizia in una famiglia di musicisti, Alexander Gadjiev ha iniziato lo studio del pianoforte all’età di 5 anni con sua madre proseguendo successivamente gli studi con suo padre Siavush Gadjiev, noto didatta russo, concludendoli presso il Conservatorio B. Maderna di Cesena. Si è esibito per la prima volta in pubblico a soli 10 anni. Nel 2013 ha eseguito con grande successo alla Fenice di Venezia il Concerto op. 35 di Shostakovich per la prestigiosa bacchetta di Iurij Temirkanov. Di rilevante importanza il recital tenuto a Parigi nel 2012 presso il Centro Culturale Italiano nell’ambito della Rassegna musicale "Suona Italiano" e l’esibizione nello splendido Museo dell’Ara Pacis di Roma nel 2013. Affermatosi in diversi concorsi giovanili, nel giugno 2012 ha vinto la IX edizione del "Premio delle Arti" di Trieste, nel novembre 2014 la XXX edizione del prestigioso Premio Venezia, rassegna alla quale possono partecipare solo i diplomati eccellenti dei Conservatori italiani. Nel giugno 2014 ha raggiunto la fase semifinale del prestigioso "Gina Bachauer International Artists Piano Competition", tenutosi a Salt Lake City negli USA. Dopo alcuni mesi, a seguito di una selezione su 56 candidati operata da una giuria presieduta da Andrea Bonatta, ha partecipato assieme ad altri 5 pianisti provenienti da tutto il mondo, ad una master class con Arie Vardi presso la prestigiosa Eppan Piano Academy. Nel 2015 ha partecipato alla fase finale del Concorso Pianistico Internazionale Ferruccio Busoni e del Tchaikovsky di Mosca. Nel dicembre 2015 ha vinto il Primo Premio al Concorso Pianistico Internazionale Hamamatsu in Giappone, dove la Giuria, presieduta da Akiko Ebi e formata, tra gli altri, da Martha Argerich, lo ha decretato vincitore selezionandolo tra 449 musicisti partecipanti. A seguito di tale importante vittoria, è stato invitato a tenere due lunghe tournée nelle principali città e sale del Giappone, per la durata complessiva di oltre due mesi.

Venerdì 26 gennaio 2018, la Stagione dei Concerti della Società del Teatro e della Musica “Luigi Barbara” prosegue con il concerto del Kazakh Wind Quintet e con il pianista Fiorenzo Pascalucci come solista ospite.


Scheda del Concerto

Alexander Gadjiev, pianoforte

Alban Berg
Sonata in Si minore op. 1

Frédéric Chopin
Preludio in Do Diesis minore op. 45
Barcarola in Fa Diesis maggiore op. 60

Johannes Brahms
Variazioni in La minore op. 35 su un tema di Paganini (Capriccio 24) Primo Libro

Petr Ilic Ciaikovskij
Variazioni op. 19 n. 6

Sergei Prokofjev
Sonata n. 6 in La maggiore op. 82

Venerdì 19 gennaio 2018. ore 21

Teatro Massimo
Pescara. Via Caduta del Forte, 15

Biglietto di ingresso. 20€ (Soci STM Luigi Barbara: 15€)

Contatti

Società del Teatro e della Musica "Luigi Barbara". Pescara
Rapporti con i media. Fabio Ciminiera

Pescara. Nell'ambito delle manifestazioni organizzate per gli ottant'anni dalla morte di Gabriele D’Annunzio, lunedì 15 gennaio alle ore 17.30 riprendono al Mediamuseum di Pescara, organizzati dalla Fondazione Tiboni per la cultura e dal Centro Nazionale di Studi Dannunziani, con la collaborazione del Comune di Pescara e del Conservatorio Luisa D’Annunzio i Lunedì letterari con l’evento Van gli effluvi delle rose dai verzieri - Concerto di parole e musica.

Parole in poesia e prosa di Gabriele D'Annunzio, romanze di Francesco Paolo Tosti, immagini dei dipinti di Francesco Paolo Michetti. Quando dall'Abruzzo un'amicizia di tre artisti nuotava nel grande mare delle arti europee segnando un'epoca in modo indelebile.

Un percorso circolare dalla musica delle parole che dipinge il mare, l'aria, i profumi, alle parole che in musica trovano fragranze, evocazioni, aneliti.

Dalla forza della natura che rispecchia le passioni amorose, all'amore impossibile risucchiato nella natura.

Pagine note, ma soprattutto altre pigramente e colpevolmente trascurate da chi riduce D'Annunzio e Tosti a meri biglietti da visita per rievocazioni nostalgiche.

In proiezione, le immagini simboliste dell'Abruzzo magico di Michetti.

 

Con la partecipazione di:

- Giuliana Adezio, attrice

- Claudio D'Alessandro, tenore

- Alessandro Tenaglia, narratore e pianista

 

La serata sarà introdotta da Dante Marianacci, Presidente del Centro Nazionale Studi Dannunziani.

 

Ingresso libero

Chieti. I Les Sauvages saranno in concerto allo Stammtisch Tavern di Chieti Scalo il 13 (inizio concerto ore 22.00). Una serata nel segno della buona musica.

I Les Sauvages sono un gruppo storico di Chieti nato nel 1977. Agli esordi si distinsero in due edizioni del concorso “Centocittà” organizzato dalla RCA con due brani di propria produzione, “Gli occhi tuoi” e “Sensazioni”. Proprio con quest’ultimo brano nel 1979 ottennero un lusinghiero quarto posto nazionale in una rassegna musicale a Caorle (Ve) alla presenza di artisti affermati come Anna Oxa, Renato Zero e Lucio Dalla (tra l’altro il cantautore bolognese fece i complimenti nell’occasione per la loro performance).
Da ricordare i concerti al Teatro Supercinema di Chieti, una partecipazione presso il Teatro Marrucino con ospite Sandra Mondaini in occasione di un carnevale.
Per tre anni consecutivi sono stati anche ospiti del Blubar Festival a Francavilla al Mare che celebra i cosiddetti “Anni Ruggenti” invitando band locali e di fama internazionale.
Dalla loro anche alcune partecipazioni al Settembre Scalino a Chieti Scalo.

I Les Sauvages presentano così la serata:

“Siamo una multi cover: ci piace rappresentare i maggiori esponenti del rock internazionale, da Tina Turner a Joe Cocker, da Eric Clapton a Prince, James Brown, Toto ed anche una piccola parentesi italiana con la PFM”.

La formazione attuale dei Les Sauvages comprende: Elio “Barabba” Tacconelli (voce-batteria), Maria Domenica “Meca” Boccagna (voce), Piero Luzi (chitarra e voce), Marco Luzi (batteria), Alberto Liberi (chitarra), Angelo Bertuzzi (tastiere), Roberto Del Grosso (basso).

Les Sauvages live @ Stammtisch Tavern (Viale Unità d’Italia, 645 Chieti Scalo)
13 gennaio 2018
Info e prenotazioni: 0871. 577171 – 342.0704408 (anche whatsapp)

Chieti. Un inizio 2018 “più punk che mai” allo Stammtisch Tavern di Chieti Scalo: sul palco del noto locale di Chieti Scalo venerdì 12 gennaio arrivano i Dick 182 - Tribute Band Blink 182 (inizio concerto ore 22.00).

I Dick 182 sono nati ufficialmente all’inizio del 2017 con l’intento di creare una tribute ai celeberrimi Blink 182.
La Tribute Band pescarese ha cercato anche con il nome (“dick”) di far ritrovare quel clima punk californiano, spensierato e di svago, che ogni fan dei Blink cerca nelle loro canzoni.
A grandi linee i Dick 182 cercano di essere la fuga dalla monotonia dei gruppi che sono già ingessate ed affermate rockstar a soli 20 anni.

I Dick 182 presentano così la serata:

“Quale migliore occasione per “ubriacarsi” di sano punk rock? Noi Dick 182, sul tanto ambito palco dello Stammtisch Tavern di Chieti Scalo, renderemo omaggio ai Blink 182, una delle più grandi band nella scena pop-punk, apprezzati per le loro particolari e coinvolgenti melodie, oltre che per il loro umorismo. Nella scaletta saranno presenti tutti i loro grandi successi, dai primi a quelli più recenti. Non potete mancare, Vi aspettiamo!”

La line up dei Dick 182 - Tribute Band Blink 182 comprende: Cristian Colalongo (drums), Riccardo Melena (bass/vocals), Francesco Gentile (guitar/vocals).

“Dick 182 - Tribute Band Blink 182 live @ Stammtisch Tavern (Viale Unità d’Italia, 645 Chieti Scalo)
12 gennaio 2018
Info e prenotazioni: 0871. 577171 – 342.0704408 (anche whatsapp)

Villamagna. Nuovo appuntamento con la "Cena in compagnia..." di un artista della musica italiana alla Baracca, ristodancing sito in via Val di Foro a Villamagna.

Questa volta sarà ospite dello storico e noto locale Nicola Di Bari, cantautore noto per i successi "Chitarra suona più piano" e "La prima cosa bella". L'appuntamento è per venerdì 19 Gennaio, per prenotate il tavolo si possono contattare i numeri 349/7551062 e 0871/300337.

Chieti. Il 5 gennaio grande appuntamento per gli amanti della musica ed in particolare degli Anni’80: allo Stammtisch Tavern di Chieti Scalo si terrà la serata “A True Gold Night with Spandau Ballet” che segnerà il debutto dei The Spands, prima Tribute Band Abruzzese di uno dei gruppi simbolo di quella decade irripetibile.(Inizio ore 22.30).
Sarà l’occasione per riascoltare le canzoni più famose degli Spandau Ballet: la band inglese rivaleggiò con i Duran Duran nel cuore dei fans di tutto il mondo per poi sciogliersi e riformarsi nel 2009. Tanti i loro brani entrati nelle classifiche di tutto il mondo fra i quali ricordiamo True, Through The Barricades, I’ll fly for you, Only when you leave, Lifeline che verranno proposti dai The Spands pronti a far rivivere le atmosfere eleganti e raffinate della carriera lunga e fortunata di Tony Hadley e soci.

“Il nome The Spands è stata una scelta quasi ovvia visto che è il modo in cui i fans chiamavano il gruppo - spiega Daniele Vitali, frontman e voce dei The Spands - Noi siamo praticamente tutti cresciuti con la musica Anni ’80: gli Spandau Ballet, i Duran Duran (dei quali abbiamo anche un’altra tribute band, gli Around Duran), i Tears for Fears, i Talk Talk.
Quale migliore scelta se non gli Spandau Ballet per riportare dunque nei locali il genere New Romantic? Cercheremo di ricreare le stesse atmosfere e sonorità dell'epoca con qualche sorpresa a fine serata”.

La line up dei The Spands comprende: Daniele Vitali (voce), Flavio Sciarra (chitarre), Vincenzo Michini (basso), Fabio “Fly” Mosca (batteria) e Stefano Merlocchi (sax e cori).

“A True Gold Night with Spandau Ballet”: The Spands live @ Stammtisch Tavern (Viale Unità d’Italia, 645 Chieti Scalo)
5 gennaio 2018
Info e prenotazioni: 0871. 577171 – 342.0704408 (anche whatsapp)

Montesilvano. Con le “Note in festa” del Coro folkloristico Città di Montesilvano – Madonna del Carmelo, si avvia alla sua conclusione il cartellone delle manifestazioni organizzate dal Comune di Montesilvano. Giovedì 4 gennaio, alle 21, nella Sala Di Giacomo di Palazzo Baldoni, la formazione di musica popolare, diretta dal Maestro Gianfranco Onesti, allieterà il pubblico con un repertorio di brani della tradizione natalizia internazionale. Con Astro del Ciel, Noel, Bianco Natale, Ninna Nanna, Adeste Fideles, il coro trasporterà il pubblico tra Austria, Irlanda, Francia, Germania e Inghilterra, senza tralasciare il Belpaese.

Allo spettacolo parteciperà anche Camillo Chiarieri, storico e politologo, che offrirà uno spaccato storico del territorio, supportato da brani appositamente scelti ed eseguiti dal Coro. Ospite d’eccezione il maestro Leonardo Pierdomenico che si esibirà in un recital al pianoforte con brani di Chopin e Liszt. Vincitore del “Raymond E. Buck” Jury Discretionary Award al prestigioso concorso pianistico internazionale “Van Cliburn” 2017, Leonardo Pierdomenico è uno degli artisti più interessanti della sua generazione. Comincia a imporsi sul panorama internazionale arrivando semifinalista al prestigioso “Queen Elisabeth International Piano Competition” 2016, conquistando l’interesse e l’ammirazione soprattutto da parte di pubblico e critica. E’ inoltre il vincitore della 28esima edizione del “Premio Venezia” al teatro “La Fenice” a soli 18 anni, risultando il miglior pianista diplomato dei conservatori italiani e ricevendo nella stessa occasione la Medaglia di bronzo dal Presidente della Repubblica Italiana Giorgio Napolitano e la targa del Senato della Repubblica per meriti artistici. Si esibisce al fianco di orchestre del calibro della Fort Worth Symphony, dell’Orchestre”Royal De Chambre de Wallonie” e dell’Orchestra sinfonica del Teatro La Fenice e di direttori quali Nicholas Mcgegan, Paul Meyer e Diego Matheuz tra gli altri. «Il Coro folkloristico - dichiara l’assessore alle Manifestazioni Ottavio De Martinis – è ormai divenuto simbolo istituzionale del nostro territorio, punto di riferimento nel panorama culturale della nostra città. “Note in Festa” sarà uno spettacolo magico che trasporterà il pubblico in un viaggio tra la musica della tradizione abruzzese fino a quella estera».

Montesilvano. Gran finale per il The Christmas Village, il mega villaggio fumettato a tema natalizio, che ha animato il Pala Dean Martin dal 26 dicembre, organizzato dal Pescara Comix and Games in collaborazione con il Comune di Montesilvano. Domani a partire dalle 16 si comincia con il “The Christmas Magic Story” durante il quale verranno proiettate tantissime storie raccontante come sempre stile musical. A seguire si terrà la presentazione del libro "Sono io Pinocchio!" di Giovanni Brancaccio, un particolare sequel della celebre storia di Carlo Collodi. «Abbiamo invitato all’evento tutte le classi delle scuole elementari e medie per trascorrere insieme una giornata all'insegna dell'arte e del divertimento - ha dichiarato il consigliere Mauro Orsini -. Quale gesto simbolico, il Comune di Montesilvano nel porgere gli auguri di buone festività farà dono ad ogni classe di una copia del libro "Sono io Pinocchio!", un testo emozionante che racconta un nuovo capitolo, sotto forma di sequel, del celebre burattino nato dalla penna di Carlo Collodi che ad oggi è in assoluto il testo più letto e tradotto nel mondo (superiore alla Divina Commedia). Sono orgoglioso di consegnare una copia del libro alle scuole della mia città, poiché sono pagine che hanno un alto valore culturale, didattico e pedagogico a beneficio dei ragazzi che attraverso la fiaba di Pinocchio potranno apprendere i valori della vita e crescere nel rispetto di se stessi, del prossimo e dell’ambiente».

Il pomeriggio proseguirà con la gara Cosplay, che vedrà persone da tutta Italia interpretare personaggi di fumetti, film e cartoni. La gara sarà presentata da Pino Cuozzo, con una giuria d’eccezione composta da Liz Nemesi, Walter Bonifazi e Gianluca Di Virgilio, 3 cosplayer conosciuti in tutta Italia, che decreteranno i vincitori delle categorie “miglior cosplay femminile” e “miglior cosplay maschile”. Verranno conferiti anche due premi speciali, il “premio giuria” e il “premio Christmas Village”. A partire dalle 21, si terrà l’attesissimo concerto di Cristina D’Avena la regina dei cartoni animati, che verrà supportata dalla Bim Bum Bam Cartoon Band. La cantante che da sempre riempie i palazzetti di tutta Italia facendo cantare tutti, dopo il grandissimo successo ottenuto con l’uscita del suo ultimo cd “DUET – tutti cantano Cristina”, cd che l’ha portata in prima posizione in tutte le classifiche più importanti e che le ha regalato il Disco D’oro, sarà l’ospite d’onore che andrà a chiudere la 4 giorni di eventi al Pala Dean Martin.

«Siamo particolarmente contenti - dichiara l’assessore alle Manifestazioni Ottavio De Martinis - di ospitare Cristina D’Avena, un’artista che sa divertire più generazioni. Chiunque di noi è legato ad almeno una delle sue sigle. Sarà una giornata di successo che coronerà un evento che ci sta regalando tante soddisfazioni».

Pagina 1 di 15

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione