L'Aquila. "In merito all’iniziativa sindacale della Cgil trasporti, cui è seguito più di un incontro nella giornata di oggi, ho ribadito quanto segue:
1) non vi è alcun rischio di licenziamento di personale a TUA, come ho dimostrato ampiamente nel corso di questi tre anni ogni volta che sono stati evocati pericoli del genere;
2) la separazione commerciale va avanti, perché proprio da una riorganizzazione del servizio commerciale garantiremo l’utenza – in particolare da L’Aquila a Roma – con nuove formule che non prevedono aumenti dei costi in capo ai viaggiatori;
3) seguiranno tavoli di confronto con i sindacati sull’organizzazione del lavoro di TUA in modo da rendere certe le informazioni sulle decisioni che assumeremo".
Lo afferma in una nota Camillo D’Alessandro, consigliere regionale delegato ai trasporti.

Roseto degli Abruzzi. Riunione questa mattina in Comune tra il sindaco e i responsabili di diverse associazioni di volontariato: Protezione civile, Carabinieri in congedo, Giacche verdi, Guardie ambientali, Nonni vigili. L’incontro è stato convocato dall’amministrazione comunale per esaminare la possibilità di una collaborazione con le associazioni per il controllo delle zone della città interessate da una forte presenza di giovani, in coincidenza con i fine settimana.

Tutte le associazioni partecipanti hanno assicurato la loro collaborazione al sindaco, dichiaratosi preoccupato del forte e diffuso consumo di bevande alcoliche e in alcuni casi dell’uso di droghe e per le conseguenze negative sulla salute dei giovani e sulla vivibilità della città.

“La richiesta di collaborazione è scaturita da numerose segnalazioni che ho ricevuto”, dice il sindaco Sabatino Di Girolamo, “sia da parte di cittadini che di genitori. Ringrazio le associazioni di volontariato per aver risposto, ancora una volta, all’appello del Comune. Ho illustrato ai responsabili le criticità che si sono verificate in alcune zone di Roseto, e l’utilità di un’opera di dissuasione, anche passiva, che la semplice presenza di uomini in divisa può produrre. Ho raccomandato, naturalmente, di agire sempre in stretto raccordo con il 112 e la stazione dei Carabinieri di Roseto, ogni volta che saranno rilevati comportamenti gravi o penalmente rilevanti. La presenza di volontari dovrà cioè avere uno scopo educativo e dissuasivo, senza mai sforare in compiti riservati alle forze dell’ordine. Dopo questa iniziativa, l’assessorato alle Politiche sociali porterà avanti, ora, un raccordo con le associazioni che combattono le dipendenze e con gli istituti scolastici superiori, per sensibilizzare i giovani sui danni derivanti dall’abuso di alcol e di stupefacenti. Il tavolo è riconvocato a gennaio per un controllo sui risultati e sull’andamento dell’iniziativa”.

Chieti. Il Gruppo Giovani Imprenditori ANCE Chieti, presieduto dal Presidente Paolo De Cesare, ha incontrato il 16 novembre u.s., presso gli uffici di L’Aquila, il Provveditore Interregionale alle OO.PP. per il Lazio, l’Abruzzo e la Sardegna Dott. Federico Vittorio Rapisarda al fine di conoscere obbiettivi, modalità e tempistiche in merito ai lavori di riqualificazione delle caserme Berardi e Bucciante ubicate nella città di Chieti, le cui procedure di affidamento sono gestite dal Provveditorato.

Hanno partecipato all’incontro oltre al Presidente Paolo De Cesare i Componenti del Consiglio Direttivo Francesco D’Angelo, Manuel Carlo Pantalone, Nicola Rapino, Federico De Cesare, Lorenzo Caccavale e Livio Di Bartolomeo.

Dopo aver ringraziato il Provveditore per la disponibilità mostrata, il Presidente Paolo De Cesare ha posto in evidenza il grave disagio che sta attraversando la città di Chieti che, oltre a subire gli effetti della crisi, gradualmente ma inesorabilmente vede svuotarsi di attività, istituzioni e uffici, con gravi e inevitabili ripercussioni sociali ed economiche.

Il Presidente Paolo De Cesare nel suo intervento ha evidenziato quindi la notevole rilevanza delle iniziative poste in essere dal Provveditorato, ritenendole strategicamente significative per l’avvio di un progetto di rilancio della città di Chieti a sostegno dell’intera economia locale e del settore delle costruzioni.

Il Provveditore Rapisarda, dopo aver dichiarato la sua piena disponibilità ad eventuali altri incontri, ha illustrato nel dettaglio modalità e tempistiche delle procedure in corso assicurando, nel rispetto delle leggi e delle norme in materia di appalti pubblici, la massima celerità per la conclusione dell’iter burocratico e l’apertura dei cantieri.

Roseto degli Abruzzi. Il sindaco di Roseto, ieri nella tarda mattinata, ha partecipato a un lungo incontro in Provincia, a Teramo, convocato dal presidente Renzo Di Sabatino.
L’incontro, a cui hanno partecipato anche alcuni dirigenti dell’Anas, è stato l’occasione per illustrare ai sindaci dei Comuni interessati il nuovo tracciato del quarto lotto della Teramo-mare, con sbocco sulla costa.
I tecnici Anas hanno illustrato due diverse ipotesi progettuali che sono state presentate ai primi cittadini, affinché essi possano fare osservazioni immediate nel caso si riscontrino criticità in relazione ai rispettivi territori.

“Sono molto soddisfatto della lunga riunione”, dice Sabatino Di Girolamo, “Abbiamo avuto una prima cognizione di quali sono le idee che l’Anas intende sviluppare per la parte conclusiva della Teramo-mare. Ci sono stati presentati due diversi percorsi sui quali riferiremo, naturalmente, ai nostri Comuni. Ringrazio il presidente Di Sabatino per aver promosso la riunione dopo solo una settimana da quella svoltasi in Regione, presentandoci già da adesso le ipotesi progettuali. Il completamento dell’importante asse viario non potrà che avere effetti positivi per tutta la costa teramana e, in particolare, per la città di Roseto, che si troverà meglio collegata a tutte le zona interne e alla costa tirrenica, con grande beneficio per una importante branca fondamentale dell’economia cittadina, e cioè per il turismo”.

San Giovanni Teatino. Metro Italia Cash and Carry rinnova la sua presenza sul territorio del comune di San Giovanni Teatino.
"Metro si rinnova e sarà ancora di più la Casa dell'Horeca (hostelleria, restaurant e cafè/catering) e di tutte le persone che vivono nell'area metropolitana e non solo. Un luogo dove non vediamo l'ora di ospitare tutti i nostri clienti". Così Debora Bartesaghi Communication e PR Manager di Metro che con lo Store Manager Alfonso Cirone ha incontrato oggi in Comune l'Amministrazione comunale di San Giovanni Teatino. Ad accoglierli gli Assessori Maria Rosaria Elia, Ezio Chiacchiaretta, Massimiliano Bronzino Cesario e il Consigliere comunale Roberto Ferraioli.
"Ora cambia la nostra strategia, - ha spiegato Cirone - il focus è il cliente Horeca ma siamo pronti ad accogliere anche i trader e i clienti possessori di partita IVA. Oggi sono rispettivamente 4 mila (horeca) e 11 mila (partita IVA). A San Giovanni Teatino ci troviamo benissimo, non solo logisticamente. Per questo l'azienda ha deciso di investire ulteriormente in questo territorio".
L'incontro è servito per conoscere la rinnovata realtà di Metro sul territorio e per ribadire l'attenzione che l'Amministrazione riserva alle imprese che vogliano insediarsi, investire e creare occupazione a San Giovanni Teatino.
"Siamo orgogliosi e grati a Metro che stia investendo nella nostra San Giovanni Teatino. E' stata tra prime ad insediarsi nella zona, nel 1997 - ha ricordato l'assessore Chiacchiaretta - ed oggi continua a crescere e rinnovarsi in quella che è diventato il nostro parco commerciale".
L'assessore all'urbanistica Chiacchiaretta ha colto l'occasione per ribadire gli importanti progetti di riqualificazione della zona commerciale, con nuovi marciapiedi, strade e illuminazione e la realizzazione di una rotonda al posto del semaforo proprio in prossimità di Metro. Interventi che saranno realizzabili grazie alle risorse messe a disposizione dalla Coop e dopo la rimodulazione dle progetto di parcheggio multipiano. "Lavoriamo ed investiamo - ha concluso Chiacchiaretta - per favorire chi porta economia e occupazione nel nostro territorio".

San Giovanni Teatino. Il Sindaco di San Giovanni Teatino, Luciano Marinucci, incontrerà l'Amministratore Delegato di METRO Italia Claude Serrailh mercoledì 15 novembre 2017. L'incontro è previsto per le 11.30 in Comune e precede la cerimonia di inaugurazione, la mattina di giovedì 16 novembre, del nuovo punto vendita METRO Italia Cash and Carry che diventerà "La Casa dell'Horeca". Si tratta di uno store innovativo che andrà a servire il settore ricettivo e della ristorazione dell'area metropolitana Chieti-Pescara e le zone limitrofe.
“In una Regione come l’Abruzzo, così ricca di tradizioni, soprattutto enogastronomiche, - dichiara Marinucci - il futuro non può che costruirsi sulle eccellenze dei prodotti: grazie a Metro, San Giovanni Teatino si presenta come un polo molto forte in tale contesto, capace di attirare persone, potenzialità e capacità da e per tutto il territorio”
La Casa dell'Horeca è un nuovo format dello store, pensato ed organizzato interamente sulle esigenze dei diversi professionisti della ristorazione e dell'accoglienza, con area dedicata ai differenti ambiti.
"Un aspetto importante del nuovo store riguarderà l'integrazione con il tessuto cittadino - fa sapere in un comunicato la responsabile della comunicazione e delle relazioni esterne di Metro - saranno infatti rese disponibili le eccellenze gastronomiche del territorio per valorizzare la qualità di prodotti locali e rispondere alle esigenze di assortimento della clientela. Come avvenuto in altri importanti centri urbani, in Italia e in Europa, anche a San Giovanni Teatino il modello della Casa dell'Horeca (Hotellerie-Restaurant-Café/Catering) sarà in grado di rappresentare un forte presidio di qualità e professionalità per il comparto produttivo imprenditoriale legato alle professionalità dell'accoglienza e della ristorazione".

nota METRO Italia, parte di METRO Group, uno dei maggiori gruppi distributivi internazionali, è oggi presente sul territorio nazionale con 49 punti vendita all'ingrosso in 16 regioni e un staff di circa 4.500 dipendenti. La formula distributiva del cash & carry consiste nella vendita all'ingrosso di prodotti alimentari e non alimentari. METRO è leader nel mondo dell'ingrosso alimentare.

Pescara. Ieri mattina il comitato pro filanda è stato ricevuto nuovamente in Comune per un incontro di lavoro su due ipotesi su cui hanno lavorato il vicesindaco Antonio Blasioli e l'assessore al Governo del Territorio Stefano Civitarese Matteucci.

“Abbiamo incontrato il Comitato per condividere la costruzione del progetto – così il vicesindaco Antonio Blasioli e l’assessore al Governo del Territorio Stefano Civitarese Matteucci - Sono state prospettate le due ipotesi e si è deciso di comune accordo di procedere ad incontrare le altre parti prima di individuare i percorsi amministrativi da porre in essere.
Filtra un certo ottimismo sulla possibilità di arrivare ad una soluzione che porti alla realizzazione di una struttura aperta alla cittadinanza dove coltivare la memoria della filanda e attività culturali di arricchimento per la città”.

Pescara. Nel pomeriggio di giovedì 9 novembre, il Presidente Antonio Di Marco ha ricevuto in Provincia la referente locale dell’ASSAI, Associazione Scuole Sicure Abruzzo Italia, la dott.ssa Claudia Lattocco. Scopo dell’incontro, verificare lo stato di sicurezza sismica e strutturale delle scuole superiori della provincia e verificare la possibilità di investimenti futuri. Erano presenti, oltre al Presidente, il dirigente dell’area viabilità ed edilizia oscolastica, Paolo D’Incecco, il responsabile del servizio, ing. Luciano Mancini, e l'Ing. Maurizio Vicaretti, già presidente dell’Ordine degli Ingegneri.
Proprio l’accordo stipulato al domani del terremoto dell’agosto 2016 con l’Ordine degli ingegneri di Pescara è stato il punto dal quale si è partiti per illustrare alla rappresentante dell’ASSAI le modalità di controllo effettuate e i le verifiche svolte. A questo proposito, la sig.ra Lattocco, che è una geologa, ha apprezzato la qualità dei sopralluoghi, effettuati rispettando tutti i criteri di legge.
“L'apertura della Provincia verso la nostra associazione – ha dichiarato la Lattocco – è stata massima. Ci sono stati consegnati incartamenti e relazioni nel nome della più assoluta trasparenza. Inoltre abbiamo valutato insieme l’idea di ampliare l’esperienza della collaborazione con l’Ordine degli ingegneri al resto della provincia, soprattutto nei centri minori e dell'interno”.
“Fare controlli sugli edifici con i massimi professionisti del settore - ha dichiarato Di Marco - quali gli ingegneri indicati dall’Ordine è stata una “buona pratica” che vogliamo indicare anche ai Comuni i cui edifici scolastici non ricadono nella competenza provinciale. Da qui è nata l’idea di organizzare un incontro-seminario rivolto agli Enti locali e ai dirigenti per valutare la stessa modalità di lavoro e altri seminari o riunioni tecnico/politiche per studiare una pianificazione almeno quinquennale di fondi. In questi tavoli, ovviamente, non faremo mancare la voce dell’ASSAI”.
Nel corso dell’incontro di ieri si è parlato, oltre che di sicurezza sismica, che nella provincia di Pescara ha riguardato fondamentalmente le scuole superiori di Penne, chiuse attualmente per inagibilità, ma anche di sicurezza in senso lato, collegata la funzionamento dell’impiantistica, all’assetto logistico e al funzionamento delle vie di fuga. Sono emerse alcune criticità derivanti dalla vetustà degli edifici e del patrimonio edilizio in genere, nonché dagli effetti di una insufficiente manutenzione ordinaria, dovuta alla cronica mancanza di fondi.
“La mancanza di fondi risulta essere una delle maggiori problematiche – ha ammesso il presidente Di Marco – ma stiamo lavorando alla redazione di un'anagrafe di tutti gli edifici di proprietà della Provincia per poter realizzare una sorta di elenco di criticità, sulla base della quale fare una richiesta mirata di fondi straordinari”.
“Il reperimento di una maggiore disponibilità di fondi è un tema da affrontare insieme all’associazione – ha dichiarato Claudia Lattocco - per il quale tornerà utile l’anagrafe degli edifici di proprietà provinciale da presentare alla Regione e al Ministero per attestare i bisogni delle scuole cui porre rimedio con nuovi interventi di manutenzione. In questa battaglia saremo vicini alla Provincia di Pescara”.

Pescara. L’associazione “Noi per la Famiglia” regione Abruzzo, con il patrocinio della Provincia di Pescara e della Commissione Pari Opportunità Regione Abruzzo e Provincia di Pescara, è lieta di invitare la città di Pescara all’evento che si terra SABATO 11 NOVEMBRE dalle ore 17 presso la “Sala Figlia di Iorio” al palazzo di Provincia a Pescara.
Economia, fisco, lavoro, welfare, responsabilità educativa, fede, difesa della vita, tutto gira intorno alla “prima cellula” oggi così duramente attaccata nella sua “centralità”, di questa nostra società del terzo millennio.
All’incontro interverranno GUERINO TESTA, ANTONIO DI MARCO, CLAUDIA DI PASQUALE, GEMMA ANDREINI, LUIGI MERCOGLIANO, MARIA ROSARIA AGRESTI, concluderà VIRGINIA CODA NUNZIANTE Presidente Nazionale della Marcia della Vita
Sono invitate tutte le FAMIGLE del territorio, a cui vogliamo dare spazio e voce per testimoniare concretamente la loro storia, la loro vita.
Saranno presenti anche gli amici del Comitato “Insieme per Jennifer”, la Famiglia di Jennifer a cui abbiamo dato e continueremo a dare il nostro sostegno per la “giusta battaglia” tramite la raccolta firme contro il rito abbreviato e i permessi premi, petizione che si potrà firmare durante l’evento.
Ricordiamo che l’associazione appena nata, qui in Abruzzo ha promosso la petizione allo stadio Adriatico di Pescara in occasione della partita PESCARA –CITTADELLLA grazie anche al sostegno e alla disponibilità della Pescara Calcio, del Presidente Sebastiani e di Mister Zeman. Prossimamente saremo presenti in altri stadi in tutta Italia. Le quasi 25 mila firme già raccolte hanno fatto sì, insieme al lavoro di altre associazioni, uomini e donne di buona volontà, nonché di alcuni parlamentari nazionali, di portare a fine novembre la proposta di legge in aula, di essere dibattuta e ci auguriamo anche votata. Noi sicuramente saremo lì.
La Famiglia è il pilastro fondante della nostra vita, e abbiamo l’onore e l’onère di rispettarla, sostenerla, promuoverla, tutelarla e incoraggiarla.

Treglio. E' fissato per domani, alle 16.30, nella sede della Regione Abruzzo, in viale Bovio a Pescara, un incontro tra il sindaco di Treglio, Massimiliano Berghella, e gli assessori Dino Pepe (Agricoltura), Mario Mazzocca (Ambiente) e Giovanni Lolli (Attività produttive) per discutere della questione del sansificio di Treglio e del problema dello stoccaggio delle sanse. Lunedì 6 novembre ai Sansifici Vecere Srl di Treglio (Ch) è stato notificato il parere negativo della Regione Abruzzo al rilascio dell'Autorizzazione unica ambientale (Aua) richiesta per proseguire l'attività per altri 15 anni. La Regione, competente per legge, ha bocciato la domanda per motivi igienico-sanitari e urbanistici. La decisione è scaturita a seguito della Conferenza dei servizi che si è tenuta nel luglio 2016 e il 30 gennaio scorso. Conferenza dei servizi in cui quasi tutti gli enti presenti - Comuni di Treglio e di Rocca San Giovanni, Sasi Spa, Arta Abruzzo, Asl Lanciano Vasto Chieti, Servizio di Gestione e qualità delle acque della Regione e il movimento Nuovo Senso civico – hanno espresso parere negativo al prosieguo dell'attività dell'impianto per il problema delle emissioni in aria, per questioni igienico –sanitarie e di rispetto ambientale e a tutela della salute pubblica, dato che la zona in cui insiste il sansificio è densamente popolata.
L'autorizzazione di Vecere ad esercitare l'attività era scaduta il 21 dicembre 2016; poi c'era stata una proroga di 90 giorni all'esercizio, scaduta a fine marzo 2017. La società, quindi, senza autorizzazioni, non avrebbe potuto riaprire. Invece, in barba alle norme, l'ha fatto, il 3 novembre scorso. Poi, però, è arrivato il diniego della Regione e lo stabilimento, classificato come insalubre, ha dovuto chiudere i cancelli. Non ha potuto, quindi, più ritirare sansa dalla imprese agricole e dai frantoiani, che sono scesi sul piede di guerra. “La riunione in Regione – spiega il sindaco Berghella – servirà a fare il punto della situazione. Nessuno vuole penalizzare l'agricoltura, ma le leggi vanno rispettate. Quindi la proposta che porterò al tavolo sarà quella di individuare, con urgenza, un'area di stoccaggio temporanea per il conferimento delle sanse, che successivamente dovranno essere spostate in un impianto autorizzato, in Abruzzo se esiste, o altrimenti fuori regione”.
“Mi chiedo – prosegue Berghella – come mai l'associazione Confrantoiani, che oggi sta facendo polemiche e minaccia sommosse, non si sia mai attivata su una questione così importante. Perché non è stata presente alla Conferenza dei servizi, in cui avrebbe potuto portare le istanze e le necessità delle aziende di settore? Perché, dato che il problema del sansificio è annoso, non si è mai fatta viva e non ha presentato proposte?”
“Quest'amministrazione – conclude Berghella – si muove nel rispetto e per il rispetto della legalità e quindi la soluzione paventata da alcuni politici regionali e da Confrantoiani di riaprire temporaneamente il sansificio non è plausibile e non è attuabile”.

Pagina 1 di 17

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione