Teramo. Ieri sera a Teramo è stata davvero la Festa della Musica. Giovani promesse e artisti locali, nazionali e internazionali hanno letteralmente invaso la città, portando la loro arte, la loro gioia ai teramani. Corso San Giorgio, i portici ACI, piazza Sant’Anna, piazza Martiri della Libertà, piazzetta del Sole, il Chiostro di Sant’Antonio e tante altre zone del centro cittadino hanno visto il susseguirsi di band e di concerti, dal rock al blues, dal jazz al soul. Tutti uniti per una vera e propria festa che porta con sé, un messaggio forte e chiaro, convinto e deciso: “NO” alla violenza sulle donne.
La Festa della Musica – Donne Summer, promossa e organizzata dall’Associazione Culturale Big Match infatti, ha voluto dedicare ad alcune grandi donne del passato, scomparse prematuramente, le varie location in cui si sono svolte le esibizioni. E allora Billie Holiday è rivissuta nel Chiostro di Sant’Antonio con il magnifico concerto di Fiammetta Ricci Quintet; Anna Marchesini nella centralissima piazza Martiri della Libertà con i Pepper& the Jellies nel pomeriggio e iTrioart&AwaLy, in serata; Frida Kahlo nella suggestiva piazza Sant’Anna con Lavinia Mancusi prima e l’Orchestra Popolare del Saltarello ft. Teresa De Siopoi; Mia Martini a Largo San Matteo con il concerto della giovanissima pianista Sara Merletti; Valeria Solesin e Fabrizia Di Lorenzo nella stupenda piazzetta del Sole con le band del MIT (Musica Inedita Teramana), gli Shijo X, Marianna D’Ama feat. Davide Grotta, i Rainska e tanti altri. E poi, Ilaria Alpi, Ester Pasqualoni, Emanuela Loi e Francesca Morvillo sono rivissute rappresentando idealmente tutte le donne senza volto e senza nome, dimenticate o non adeguatamente considerate dalla nostra cultura.
Il momento clou della serata è giunto intorno alle 22:00 quando sui palchi di piazza Sant’Anna e piazza Martiri della Libertà hanno fatto i loro ingressi i Trioart&AwaLy e l’Orchestra Popolare del Saltarello ft. Teresa De Sio.
Piazze piene, gente in festa, musica di altissimo livello e tanto divertimento per una serata che Teramo non dimenticherà facilmente.

Augusta. Entusiasmo a non finire, brio e crescente allegria è la magia del Circo Lidia Togni, che con le sue meravigliose attrazioni premiate al Festival Internazionale del Circo di Montecarlo, continua con successo il suo tour nel siracusano. Tappa ad Augusta dal 21 al 25 giugno sito in Corso Sicilia (Stadio), è pronto ad accogliervi con il suo maestoso e confortevole chapeau. In programma due spettacoli al giorno alle 18.30 e alle 21.15; lunedì 25 giugno unico spettacolo alle ore 18.30. Il circo Top Class, apre il suo spettacolo con la star della pista, Vinicio Togni Canestrelli, figlio di Lidia e direttore del complesso circense, universalmente riconosciuto come il più esperto e prestigioso addestratore a livello internazionale. Il direttore del complesso circense, vanta della straordinaria giostra equestre, premiata con il Clown d’Argento dalla Principessa Stephanie di Monaco, al Festival del Circo di Montecarlo e con la Medaglia commemorativa della Presidenza della Repubblica Italiana al Festival del Circo d’Italia, Città di Latina. Un’attrazione che mette in risalto la perfetta simbiosi tra uomo e cavallo, con la presenza di ben 30 esemplari di diverse razze: lipizzani austriaci, frisoni olandesi, crioli argentini, palomini lusitani e ponies dello Shetland. Vinicio Togni, sempre alla ricerca di novità, quest’anno presenta, con grande maestria, animali di bellezza unica come. i leoni bianchi, attrazione premiata al Festival del Circo di Montecarlo e al Festival del Circo d’Italia Città di Latina, dove ha ricevuto il premio del SIAC, il Sindacato degli Addestratori d’Europa. Domina ancora la pista, il direttore, affiancato dai figli Vinicio Junior Togni e Giorgia Togni, con il numero degli animali esotici: cammelli, dromedari, asinelli della Siria, lama, vatussi, lo yak, l’hungarian grey. Quello del Circo Lidia Togni è uno show di grandi esclusive, con l’adrenalinica attrazione delle moto nel globo d’acciaio, i motociclisti della troupe “Diavoli Latini” che sfrecciano e si incrociano ad altissima velocità in una piccola sfera d’acciaio; i “Bad Boy” acrobati spericolati alla ruota della morte al ritmo di melodie sudamericane; la troupe “Murcia” funamboli a grande altezza da cardiopalma; gli esilaranti clowns Lele’, Remachin, Viny, Pin Pin e Cornettin; il verticalista Christian Ferney con esibizioni di forza fisica ed abilità; la contorsionista Mayerly che grazie ad un’insolita flessibilità del corpo riesce ad eseguire pose uniche con grande forza ed eleganza; l’antipodista Jennifer Barlay-Brescianini, sinuosa artista che con la sua specialità, volteggiare con i piedi cilindri, palloni…affascina il pubblico. Uno spettacolo tutto da scoprire, che dona forti emozioni e tanto divertimento. Ad accompagnare gli spettatori, alla scoperta del mondo magico del circo, quello della pura tradizione di casa Togni, c’è il clown bianco Marcello, una figura di quelle immortalate dal grande regista Federico Fellini nei suoi celebri film. Uno show entusiasmante, coinvolgente e di estrema qualità che coniuga tradizione ed innovazione, garantito da Vinicio Togni. Per ulteriori informazioni è possibile consultare il sito www.circolidiatogni.net Oppure la pagina facebook Circo Lidia Togni.

Ad aprire la giornata, ci ha pensato l'IZS "G. Caporale" con un convegno dal titolo "La straordinaria intelligenza dei microbi: nuovi scenari nella microbiologia degli alimenti vegetali" che ha raccolto un grande successo tra il pubblico. Relatrice, la giovanissima dottoressa Daniela D'Angelantonio.
Subito dopo, è toccato ai Nina's Quartet allietare la serata ai presenti prima dello spettacolo di Radio Capital, "Parole Note".
Alle 21 infatti, Giancarlo Cattaneo e Maurizio Rossato sono saliti sul palco ed hanno stregato la piazza con il loro inconfondibile mix di musica, poesia e cinema.
La voce di Cattaneo ha raccontato e regalato emozioni mentre Rossato, con maestria, ha creato un flusso di musica elettronica che è riuscito a coinvolgere intensamente i tantissimi teramani presenti. La parte dello spettacolo che ha emozionato di più è stata l'ultima, quando si è parlato di famiglia e del rapporto viscerale tra genitori e figli.

Il clou della serata è arrivato alle 22:30 con i 3 X TE (Paolo Di Sabatino, Toni Fidanza e Arturo Valiante) e con la loro esibizione al centro di Piazza Sant'Anna.
Un palco, tre pianisti e un concerto dedicato alle donne:dopo l'esecuzione dell'Inno alla gioia infatti, non si poteva non iniziare con "Donne" di Zucchero. Poi, spazio ai brani inediti dei tre artisti, "Anche le stelle cadono" di Toni Fidanza, "Chiacchiere" di Arturo Valiante e "The Country Lane" di Paolo Di Sabatino.
La serata organizzata dall'associazione culturale Big Match è volata via poi, tra le note di un pezzo jazz e l'altro, per la gioia del numeroso pubblico accorso a Piazza Sant'Anna.

Pescara. Si è tenuto questa mattina, giovedì 24 maggio dalle ore 9:30 alle 13 presso la Sala Tinozzi della Provincia di Pescara il convegno “Il Cibo: Relazioni, Affetti…Personalità”. L’evento è stato ideato e organizzato dalla dott.ssa psicologa Tiziana Di Gregorio, con il patrocinio della Provincia di Pescara, dei Comuni di Alanno e Manoppello, del Lions Club Pescara Ennio Flaiano, dell’Usl Pescara, della Federconsumatori e dell’Ordine degli Psicologi d’Abruzzo. Punti essenziali dell’incontro, gli aspetti psicologici e psicoanalitici del rapporto tra la persona e il cibo e la normativa che concerne l’origine degli alimenti in etichetta.
«Si è parlato degli aspetti psicologici, relazionali, affettivi e/o psicopatologici del cibo che entra in una relazione e nelle relazioni», ha detto Fausto Agresta, psicologo, psicoterapeuta, presidente onorario CSPP. «A parte i casi gravi di anoressia e bulimia negli adolescenti, mi è stato chiesto il perché una persona o una famiglia tenda a mangiare troppo o rifiutare il cibo. La descrizione sintomatologica è semplice ma se non si ricorre a una terapia che ricerchi e sradichi il problema, esso non verrà risolto. Il corpo diventa un veicolo di ansie, un contenitore di aggressività e affetti. Secondo recenti studi, tra 10 anni il 50% della popolazione italiana potrebbe essere composta da persone che soffrono di bulimia. Per evitare tutto questo bisognerebbe fare interventi di prevenzione nelle scuole e nelle famiglie».
«Tema cardine del convegno è stato l’approccio a 360 gradi tra essere umano e cibo, analizzato nei suoi aspetti più profondi», commentaAlessandra Di Pietro, dirigente scolastico Istituto De Cecco Pescara. «Il cibo non ha solo una mera caratteristica nutrizionale, ha anche un significato simbolico, affettivo, relazionale e ha valore identitario. Esso infatti è contemporaneamente cultura, tradizione e innovazione. Il prodotto tipico raggruppa elementi materiali e tangibili, le cosiddette materie prime di una determinata aerea geografica, ma anche elementi intangibili che sono la cultura, il modo in cui un prodotto viene cucinato. Esso diventa l’espressione del territorio di un popolo. Come dicono i grandi chef, “quando un cuoco si mette ai fornelli non cucina semplicemente ma racconta una storia, una cultura, una tradizione, un passato che si reinventa e si rinnova con elementi di modernità”».
Oltre ad Agresta e alla Di Pietro sono intervenuti i seguenti relatori: Marilisa Amorosi, dirigente psichiatra Centro Salute Mentale Asl Pescara Nord; Marilisa Laudadio, farmacista, nutrizionista, esperta in fitoterapia e intolleranze alimentari Federconsumatori Abruzzo; Rita D’Arcangelo, psicologa e psicoterapeuta; Marzia D’Incecco, segretario comunale Bellante Scafa. L’evento è stato moderato dal giornalista Paolo Castignani.

Vittoria. Tour sensazionale del Circo Lidia Togni in Sicilia, sull’onda del successo lo show circense continua ad incantare il suo pubblico.

Il complesso circense con la sua città itinerante e le sue meravigliose attrazioni, premiate al Festival Internazionale del Circo di Montecarlo, dal 4 al 14 maggio a Comiso-Vittoria, sito in via Sciascia (ex discoteche La Notte).

In programma due spettacoli al giorno alle 18.00 e alle 21.15, la domenica ore 17.00 e secondo spettacolo alle 19.30; martedì 8 maggio e mercoledì 9 maggio chiusura, lunedì 14 maggio unico spettacolo ore 18.00.

Il circo top class, da il via allo spettacolo con la star della pista, Vinicio Togni Canestrelli, figlio di Lidia e direttore del complesso circense, universalmente riconosciuto come il più esperto e prestigioso addestratore a livello internazionale. Il direttore del complesso circense, vanta della straordinaria giostra equestre, premiata con il Clown d’Argento dalla Principessa Stephanie di Monaco, al Festival del Circo di Montecarlo e con la Medaglia commemorativa della Presidenza della Repubblica Italiana al Festival del Circo d’Italia, Città di Latina. Un’attrazione che mette in risalto la perfetta simbiosi tra uomo e cavallo, con la presenza di ben 30 esemplari di diverse razze: lipizzani austriaci, frisoni olandesi, crioli argentini, palomini lusitani e ponies dello Shetland. Vinicio Togni, sempre alla ricerca di novità, quest’anno presenta, con grande maestria, animali di bellezza unica come. i leoni bianchi, attrazione premiata al Festival del Circo di Montecarlo e al Festival del Circo d’Italia Città di Latina, dove ha ricevuto il premio del SIAC, il Sindacato degli Addestratori d’Europa.

Domina ancora la pista, il direttore, affiancato dai figli Vinicio Junior Togni e Giorgia Togni, con il numero degli animali esotici: cammelli, dromedari, asinelli della Siria, lama, vatussi, lo yak, l’hungarian grey. Quello del Circo Lidia Togni è uno show di grandi esclusive, con l’adrenalinica attrazione delle moto nel globo d’acciaio, i motociclisti della troupe “Diavoli Latini” che sfrecciano e si incrociano ad altissima velocità in una piccola sfera d’acciaio; i “Bad Boy” acrobati spericolati alla ruota della morte al ritmo di melodie sudamericane; la troupe “Murcia” funamboli a grande altezza da cardiopalma; gli esilaranti clowns Lele’, Remachin, Viny, Pin Pin e Cornettin; il verticalista Christian Ferney con esibizioni di forza fisica ed abilità; la contorsionista Mayerly che grazie ad un'insolita flessibilità del corpo riesce ad eseguire pose uniche con grande forza ed eleganza; l’antipodista Jennifer Barlay-Brescianini, sinuosa artista che con la sua specialità, volteggiare con i piedi cilindri, palloni… incanta il pubblico. Ad accompagnare gli spettatori, alla scoperta del mondo magico del circo, quello della pura tradizione di casa Togni, c’è il clown bianco Marcello, una figura di quelle immortalate dal grande regista Federico Fellini nei suoi celebri film. Uno show entusiasmante, coinvolgente e di estrema qualità che coniuga tradizione ed innovazione, garantito da Vinicio Togni. Per ulteriori informazioni è possibile consultare il sito www.circolidiatogni.net Oppure la pagina facebook Circo Lidia Togni.

Sulmona. 12.000 cittadini e 400 istituzioni ed organizzazioni da tutta Italia in corteo per dire No alla centrale, al gasdotto e ai progetti "fossili" e SÌ alle opere utili, da quelle necessarie all'abbandono degli idrocarburi al risanamento del territorio, dalla valorizzazione delle nostre bellezze alla prevenzione anti-sismica, a partire da scuole ed ospedali.

Una marea umana (stimati tenendo conto della lunghezza del corteo, della larghezza delle strade e dell'indice di occupazione del suolo), oltre ogni più rosea aspettativa, tantissimi cittadini e quasi 400 istituzioni ed organizzazioni (391 pr la precisione), chiamati a raccolta dal Coordinamento No Hub del Gas Abruzzo in una manifestazione che ha assunto una portata nazionale, hanno sfilato oggi in maniera festosa in un lungo corteo per le vie di Sulmona in Abruzzo per dire No alla Centrale di Compressione SNAM, al "Gasdotto dei Terremoti", il Sulmona - Foligno, e in generale alla trasformazione del Belpaese nell'Hub europeo del Gas, con decine di progetti di gasdotti, stoccaggi e pozzi di estrazione avviati in quasi tutte le regioni italiane.

Dalla diocesi con in testa il vescovo Fusco a oltre 60 comuni, con tanti sindaci con fascia tricolore e gonfalone, compresi sindaci umbri, marchigiani e NoTap pugliesi oltre a quelli abruzzesi, dai rappresentanti della Regione Abruzzo a quelli dei principali movimenti politici, dalle associazioni nazionali e locali a tutte le sigle sindacali, dai tantissimi operatori economici a quelli culturali, e soprattutto, da migliaia di semplici cittadini è salito un grande coro "Basta opere dannose e inutili imposte, stop ai progetti fossili, vogliamo efficienza, risparmio e rinnovabili e le buone opere, il risanamento e la valorizzazione del territorio, delle bellezze naturali e culturali, e la prevenzione sismica, a partire da scuole e ospedali".

È incredibile che il Governo, peraltro dimissionario e sconfitto, si muova con solerzia e zelo a favore di Snam pensando di imporre il "Gasdotto dei terremoti", che attraverserebbe ben tre crateri, L'Aquila, Amatrice e Norcia, nonché la Valle Peligna, una delle aree a maggior rischio sismico europeo. Snam sostiene che non ci sono rischi; peccato che dimentichi tutti gli incidenti che si susseguono in questi impianti, a partire dall'esplosione con 11 feriti avvenuta nel 2015 al gasdotto a Pineto. Si pensa all'enorme e costosissimo cantiere che attraverserebbe queste aree dimenticando tutto quello che vi è attorno!

Le emissioni in atmosfera della Centrale di Compressione di Case Pente a Sulmona (107,7 tonnellate/anno dichiarate da SNAM solo di dannosi ossidi di azoto con le polveri connesse, quasi 100 tonnellate/anno), inoltre, sono del tutto inaccettabili per l'impatto sulla salute in una valle chiusa e in una nazione che è in procedura d'infrazione proprio per la qualità dell'aria.

Un progetto che in realtà è solo un tassello della strategia unitaria di trasformare l'Italia in un polo logistico delle fossili per i prossimi decenni, nonostante i consumi italiani siano calati rispetto all'anno di picco del 2005 e la rete nazionale sia dunque sovradimensionata. L'interesse è costruire grandi opere, dai gasdotti come TAP e i 600 km della rete Adriatica, dagli stoccaggi a nuovi pozzi di estrazione in Adriatico e sulla terraferma, e, magari, fare import-export verso il Nord Europa. Progetti che in larga parte ricadono sulla bolletta degli italiani, con ulteriore beffa.

La tecnologia e l'urgenza dei drammatici cambiamenti climatici sta imponendo una transizione diretta e veloce verso risparmio, efficienza e rinnovabili. Anche dal punto di vista industriale sarebbe un errore madornale lanciare il paese sul binario dell'energia del passato.

La manifestazione di Sulmona e le mobilitazioni che seguiranno sono la prosecuzione delle lotte contro le trivelle partita dalla vittoriosa campagna contro la piattaforma Ombrina. L'abbandono delle fossili non si fa solo a chiacchiere per poi favorire tutti i giorni le lobby di petrolieri ed affini. Le singole persone possono fare tanto con scelte di ogni giorno ma è la politica che deve risolvere i problemi strutturali abbandonando i progetti errati contrari all'Accordo di Parigi e penalizzando in ogni modo le fossili. Servono scelte chiare nel nuovo Parlamento e dal prossimo governo. I cittadini lo chiedono a gran voce.

Ringraziamo tutti coloro, a partire dalle decine di attivisti del Coordinamento No Hub del Gas, che si sono impegnati strenuamente per il successo di questa bella manifestazione.

Pescara. Il Pescara torna al successo piegando 3-2 lo Spezia all'Adriatico grazie ad una tripletta di Mancuso. Vittoria di vitale importanza per il Delfino per respirare in classifica in vista del rush finale che vede ben quattro scontri salvezza.
Il Pescara passa in vantaggio al 13' con Mancuso che trasforma un rigore scaturito da un atterramento in area di Giani su Pettinari. Non passa molto tempo e lo stesso Mancuso bissa la marcatura con un diagonale. All'alba della seconda frazione l'attaccante del Delfino mette a segno la sua terza marcatura personale battendo l'estremo ospite. Sembra che i biancazzurri possano conquistare i tre punti con una certa tranquillità ma non è così perché subiscono i gol di De Francesco e Mulattieri che danno qualche patema nel finale agli adriatici, ma dopo un'occasione per parte las fida termina 3-2 per la squadra di Pillon.

 

Tabellino
PESCARA (4-3-3): Fiorillo; Balzano, Coda (dal 40′ st Fornasier), Perrotta, Fiamozzi; Machin, Brugman, Valzania, Mancuso (dal 41′ st Baez), Pettinari, Falco (dal 1′ st Capone). A disposizione: Baiocco, Yamga, Bunino, Cocco, Mazzotta, Gravillon, Carraro, Cappelluzzo, Coulibaly. Allenatore: Bepi Pillon
SPEZIA (4-3-1-2): Manfredini; De Col, Terzi, Giani, Lopez; Pessina, Maggiore (dal 1′ st Augello), Bolzoni (dal 1′ st Mulattieri); De Francesco; Forte (dal 13′ st Granoche), Marilungo. A disposizione: Di Gennaro, Ceccaroni, Juande, Palladino, Masi, Ammari. Allenatore: Fabio Gallo
Reti: al 13′ pt Mancuso (rigore), al 16′ pt Mancuso, all’8′ st Mancuso, al 22′ st De Francesco, al 28′ st Mulattieri
Ammonizioni: Coda, De Col, Fiorillo, Lopez
Recupero: 2 minuti nel primo tempo, 5 minuti nella ripresa

Pescara. Si appena conclusa con una straordinaria partecipazione la tappa della campagna nazionale itinerante#ReumaDays organizzata dalla Società Italiana di Reumatologia (SIR), con il patrocinio del Ministero della Salute e con la messa in campo delle strategie operative dell’Unità Complessa di Reumatologia della ASL di Pescara. L’iniziativa si è tenuta ieri e oggi a piazza Salotto a Pescara con l’intento di incrementare il livello di conoscenza e consapevolezza sulle malattie reumatologiche.
“Siamo davvero soddisfatti delle numerosissime persone che hanno affollato la tensostruttura di piazza della Rinascita in queste due importanti giornate–sottolinea il dott. Marco Gabini, direttore UOC Reumatologia ASL Pescara – la città ha mostrato un’ottima risposta nei confronti della campagna di sensibilizzazione; la partecipazione è stata notevole e l’interesse da parte dei pazienti davvero tangibile”.
Sono stati 200 gli screenig gratuiti di MOC e Capillaroscopia eseguiti nei due pomeriggi del 20 e 21 aprile. Tra gli interessanti argomenti trattati nelle tavole rotonde e nei dibattiti spicca quello della relazione tra malattie reumatiche e alimentazione che si è dibattuto nell’incontro di questa mattinaal quale ha partecipato anche una rappresentanza di Coldiretti Abruzzo. “L’utilizzo di un regime alimentare basato sulla dieta mediterranea e soprattutto sulla stagionalità dei prodotti – aggiunge il dott. Gabini – è importantissimo per i pazienti reumatologici”.
Le due giornate dedicate alla prevenzione delle malattie reumaticheorganizzate con la collaborazione della UOC Reumatologia di Pescara e l’Associazione Nazionale Malati Reumatici (ANMAR) Abruzzo hanno previso inoltre la presenza di uno “sportello tecnico” al quale i partecipanti si sono rivolti per informazioni e chiarimenti su qualsiasi procedura, trattamento o curiosità scientifica riguardante le patologie reumatiche e le terapie più moderne.

Chieti. L’Associazione Musicale Culturale “Coro Polifonico Santa Maria Arabona”, presieduta da Frank William Marinelli, ha organizzato lo spettacolo Teatrale “Le Metamorfosi” di Publio Ovidio NasoneGiovedì 12 Aprile 2018 ore 21 presso il Teatro Marrucino di Chieti, l’organizzazione è curata da Frank William Marinelli, Presidente dell’ Associazione Musicale Culturale “Coro Polifonico Santa Maria Arabona”; Regia di Leonardo Bianchi con gli attori Leonardo Bianchi, Ottavia Della Porta, Giusi Loschiavo e Francesco J. Provenzano l’adattamento è curato da Gian Giacomo Della Porta, vincitore del Premio Quasimodo 2017, la scenografia da LorenzaCasmiri e Simone Spadaccini,la grafica delle locandine da Alessandro Bianchi. Ad impreziosire la platea e l’ingresso alcuni dipinti sulle Metamorfosi di Ovidio dell’Artista Rita D’Emilio, socia dell’Associazione e famosa pittrice presente con le sue opere nei più importanti musei italiani tra cui il Museo Cerio di Capri, una sua opera si trova nel CanstMuseum di Basilea in Svizzera.
Dopo il Grande successo dello Spettacolo Teatrale “Il Canto di Natale” di Charles Dickens andato in scena al Teatro Marrucino il 23 Dicembre 2017 ore 18, ora sempre con la Regia di Leonardo Bianchi con il Gruppo “Elliot Teatrolo spettacolo teatrale “Le Metamorfosi” raccoglie successo e numerosi apprezzamenti. Il regista, gli attori e il Presidente Marinelli sono stati più volte applauditi a fine spettacolo.
Il Presidente Marinelli ha dichiarato:“Solo ora possiamo dire che ce l’abbiamo fatta grazie a questo gruppo di giovani attori professionisti e al nostro socio Leonardo Bianchi che ha sapientemente curato la regia dello spettacolo. Sono contento che oltre a Manoppello in particolare nei pressi dell’Abbazia di Santa Maria Arabona, ora anche a Chieti ci confermiamo in prima linea come Associazione Musicale Culturale.”

Licata. Lo show del Circo Lidia Togni continua a riscuotere successo nell’agrigentino con la sua città itinerante e le sue meravigliose attrazioni, premiate al Festival Internazionale del Circo di Montecarlo, tappa a Licata dal 12 al 16 aprile.

Il complesso circense si trova in corso Umberto Argentina, in programma due spettacoli al giorno alle 18.00 e alle 21.15, la domenica ore 17.00 e secondo spettacolo alle 19.30; lunedì 16 aprile unico spettacolo ore 18.00.

Star della pista, Vinicio Togni Canestrelli, figlio di Lidia e direttore del complesso circense, universalmente riconosciuto come il più esperto e prestigioso addestratore a livello internazionale. Il direttore del complesso circense, vanta della straordinaria giostra equestre, premiata con il Clown d’Argento dalla Principessa Stephanie di Monaco, al Festival del Circo di Montecarlo e con la Medaglia commemorativa della Presidenza della Repubblica Italiana al Festival del Circo d’Italia, Città di Latina. Un’attrazione che mette in risalto la perfetta simbiosi tra uomo e cavallo, con la presenza di ben 30 esemplari di diverse razze: lipizzani austriaci, frisoni olandesi, crioli argentini, palomini lusitani e ponies dello Shetland.

Vinicio Togni, sempre alla ricerca di novità, quest’anno presenta, con grande maestria, animali di bellezza unica come. i leoni bianchi, attrazione premiata al Festival del Circo di Montecarlo e al Festival del Circo d’Italia Città di Latina, dove ha ricevuto il premio del SIAC, il Sindacato degli Addestratori d’Europa.

Domina ancora la pista, il direttore con il numero degli animali esotici: cammelli, dromedari, asinelli della Siria, lama, vatussi, lo yak, l’hungarian grey.

Quello del Circo Lidia Togni è uno show di grandi esclusive, con l’adrenalinica attrazione delle moto nel globo d’acciaio, i motociclisti della troupe “Diavoli Latini” che sfrecciano e si incrociano ad altissima velocità in una piccola sfera d’acciaio; i “Bad Boy” acrobati spericolati alla ruota della morte al ritmo di melodie sudamericane; la troupe “Murcia” funamboli a grande altezza da cardiopalma; gli esilaranti clowns Lele’, Remachin, Viny, Pin Pin e Cornettin; il verticalista Christian Ferney con esibizioni di forza fisica ed abilità; la contorsionista Mayerly che grazie ad un'insolita flessibilità del corpo riesce ad eseguire pose uniche con grande forza ed eleganza; l’antipodista Jennifer Barlay-Brescianini, sinuosa artista che con la sua specialità, volteggiare con i piedi cilindri, palloni… incanta il pubblico.

Ad accompagnare gli spettatori, alla scoperta del mondo magico del circo, quello della pura tradizione di casa Togni, c’è il clown bianco Marcello, una figura di quelle immortalate dal grande regista Federico Fellini nei suoi celebri film.

Uno show entusiasmante, coinvolgente e di estrema qualità che coniuga tradizione ed innovazione, garantito da Vinicio Togni.

Per ulteriori informazioni è possibile consultare il sito www.circolidiatogni.it

Oppure la pagina facebook Circo Lidia Togni

Pagina 1 di 12

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione